Decadenza, stasera si vota la relazione del pdl Augello

In Giunta per le elezioni è scontro sulle modalità procedurali. Il Pd fa il furbo, Malan lascia i lavoro. Poi la tensione rientra. Augello: "Stasera ci saranno tre voti"

La politica è sospesa. Gli occhi sono puntati sulla Giunta per le elezioni che questa sera voterà la relazione del relatore pdl Andrea Augello. "È come stare al tavolo con chi quando mangi ti avvelena il pasto". La dichiarazione di Maria Elisabetta Casellati, membro del Pdl in Giunta, illustra molto bene l’aria che si respira a Palazzo Madama. "Quello del Pd - continua la senatrice - un atteggiamento pregiudiziale che non fa bene". Tanto che i lavori di questa mattina sono partiti con uno scontro sulle modalità procedurali. "È solamente un voto interlocutorio - ha avvertito il presidente del Senato Pietro Grasso - non è certamente decisivo".

Partono in salita e coi toni infuocati i lavori che questa sera porteranno al voto che dovrà decidere se bocciare o approvare la relazione di Augello che chiede di convalidare l’elezione a senatore di Silvio Berlusconi. Il Pdl sostiene che debbano esserci tre distinte votazioni, non così i membri del Partito democratico e il presidente della giunta Dario Stefano (Sel) che sostengono il voto unico. Come si vede dalle primissime schermaglie, l'atteggiamento sfrontato della sinistra punta alla rottura. Infastidito dagli strappi del Pd, il Pdl Lucio Malan ha lasciato la riunione prima del termine ricordando che si era deciso di "votare separatamente" sulle questioni sollevate (ricorso alla consulta, istanza a Lussemburgo e natura giurisdizionale della Giunta). "Oggi è stato detto che ci sarà un voto solo in aperta violazione alla parola data - osserva con i giornalisti - sono andato via anticipatamente perchè ho avuto fastidio fisico a stare con persone che hanno dato la loro parola, faccia a faccia, a diversi di noi. La formulazione con cui si stabiliva di procedere al voto aveva una formulazione ambigua ed io ho chiesto assicurazioni. Mi è stato anche detto: 'se vuoi si vota anche sul colore dei tuoi capelli'". E ancora: "l’obiettivo è uno solo eliminare dalla vita politica un uomo che ha sempre battuto la sinistra. Non si vota su questioni giuridiche". A stretto giro di posta è arrivata anche la replica del democratico Giorgio Pagliari per il quale il Pdl cerca di "buttarla in politica". "Non c’è una parola che corrisponda alla realtà dei fatti", ha commentato riferendosi al collega del Pdl. E ha aggiunto: "È una posizione strumentale, si cerca un ostacolo al voto attraverso argomenti pretestuosi. Ma affrontando il confronto con pazienza, come abbiamo sempre fatto, arriveremo stasera al voto che ha un significato: in questo Paese la legge è uguale per tutti". Secondo il senatore piddì, insomma, la replica di Augello "non ha attenuato le argomentazioni per cui ci sono tutte le condizioni per andare a votare. La legge sull’incandidabilità è applicabile".

Lo scontro è rientrato solo quando Stefano ha confermato che stasera ci potrebbero essere tre voti. Se verrà fatta una richiesta condivisa, il presidente della giunta non avrà difficoltà a sottoporre al voto le singole questioni. L'esito, però, non è destinato a cambiare. "Purtroppo non gliene importerà niente a nessuno delle questioni poste nella relazione", ha commentato Augello a margine dei lavori. "Importerà soprattutto il clima generale in cui si è svolta questa battaglia - ha continuato - che si concluderà con un voto che boccerà il relatore, fatto infausto per il Paese ma fausto per la qualità di vita del relatore".

Commenti

@ollel63

Mer, 18/09/2013 - 11:16

le teste rosse sinistrate, ancorché prive di fischietto, borraccia e panino sputacchiato, capocchie di pietra, picchiano e picchiano contro un muro d'altissimo spessore. Poveri illusi!

Ritratto di leopardi50

leopardi50

Mer, 18/09/2013 - 11:34

Possibile che non bastano nemmeno le parole pronunciate dall'ex guardasiggilli, che ha ben specificato la ratio del suo provvedimento, per far capire quale deve essere l'esito del voto di questa sera ed il successivo a palazzo madama?

ccappai

Mer, 18/09/2013 - 11:57

Per @ollel63... noi teste rosse sinistrate ci auguriamo, per il bene di questo Paese, almeno due cose: La prima è che la legge sia rispettata. La seconda è che la Destra italiana faccia finalmente la Destra e si risvegli da questo letargo che dura ormai da troppi anni. Non chiediamo molto... un sussulto di orgoglio che la risvegli al suo ruolo storico in Italia e non la rileghi, come è adesso, a burattino di Berlusconi o peggio, a schiava dei vizi e dei peccati economici, etico/morali e politici di Berlusconi.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mer, 18/09/2013 - 12:02

La servitù della glega fu abolita nel 1769 con la Déclaration des droits de l'homme et du citoyen. Anche nel '48 la dichiarazione dei diritti dell'uomo permetteva all'individio di emigrare, fare fortuna, tornare nel proprio Paese e dire a tutti che all'estero le tasse sono più basse. Ma i magistrati comunisti si sono inventati la "Frode fiscale" macchiandosi di un delitto contro l'umanità.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mer, 18/09/2013 - 12:05

Scherzare coi diritti dell'uomo sanciti dalla Rivoluzione Francese, come fanno certi magistrati ignoranti, mi sembra un po' come mettere il collo sotto la ghigliottina, perché se non è oggi sarà domani che si innesca un'altra Rivoluzione.

ccappai

Mer, 18/09/2013 - 12:56

@Gianfranco Robe... lei stupisce sempre per la follia delle sue esternazioni/farneticazioni. Questa volta, più di altre... mi chiedo se lei ci fa o ci è. Fa una (teoricamente) dotta dissertazione sulla rivoluzione francese per arrivare a cosa? Ad affermare che la frode fiscale è un invenzione dei magistrati comunisti che la userebbero contro l'umanità? Spero sia consapevole (in cuor suo) di dire delle idiozie colossali!!!

unosolo

Mer, 18/09/2013 - 12:57

sono partiti per la caduta , non hanno il potere della ragione essi rispondono ai padroni come i cagnolini , schierati e con odio ultra ventennale.

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Mer, 18/09/2013 - 13:48

La politica è sospesa? Perchè, vi risulta sia partita?

salvatore randieri

Mer, 18/09/2013 - 13:50

vorrei dire a questi accattoni del PD: attenti a quello che fate. Agite con onestà politica, morale e intellettuale. Il POPOLO saprà giudicarvi e, all' occorrenza, anche punirvi. Fate in modo che la gente comune non si senta soffocata dai vostri interessi politici che un giorno potrebbero calpestare anche la dignità di ognuno di noi. Non fate combutta con una magistratura malata, soggettiva, priva di ogni senso della legge equa, sciacalli all' inseguimento di una preda che non sono mai riusciti a prendere seguendo la normale regola della vita, gente abietta e priva di scrupoli che sta tentando di buttare nel baratro la vita degli Italiani. Fate in modo di essere meno gentaglia di quello che sembrate. Credetemi, la benedizione di Epifani vale come uno sputo alla luna. vi ricadrà in testa. NON PROVOCATE IL POPOLO. NE ABBIAMO LE SCATOLE PIENE DI VOI E DELLE VOSTRE MALSANE AZIONI. ATTENTI A NON FARE ARRIVARE IL PEGGIO!!!!! NAPOLITANO E TU? SEI ALL' ESTERO PERENNEMENTE?

BeppeZak

Mer, 18/09/2013 - 18:29

Ccappai veramente il lavaggio del cervello lo hanno fatto a voi nonostante i leader di sinistra non si siano mai evidenziati come acume, sono riusciti a inculcare nel loro popolo sentimenti di odio verso l'avversario politico e, non riuscendo a batterlo hanno dato mandato alla magistratura che ha lavorato per 20 anni solo allo scopo di eliminarlo. Per ora forse ci sono riusciti ma non penso sia lo stesso in futuro perché al suo rientro i mediocri politici di sinistra se li metterà' in tasca.

piertrim

Mer, 18/09/2013 - 18:48

@Randieri: a parte le offese che non apprezzo, condivido il suo post. Ma è una tirata abbastanza inutile è come il cane che abbaia alla luna e pensa che lo possa capire.

jeanlage

Mer, 18/09/2013 - 19:50

Dopo il discorso di Berlusconi, visto che egli non ha tolto la spina al governi, la sinistra si troverà davanti un PDL/FI che insisterà sui temi di destra. Se non li zaccetteranno, si assumeranno loro la responsabilità di far cadere Letta. Come tutte le sue vittorie, si tratterà di una vittoria di Pippo (nessuno di loro può essere paragonato ad un re come Pirro, ma al massimo al madestro amico di Topolino; spero che Pippo non mi citi per calunnia)

giovannibid

Mer, 18/09/2013 - 21:25

Il Presidente Berlusconi, questa sera, ha già dimostrato che non è la melma politico-giudiziaria che decide chi è un LEADER ma il POPOLO SOVRANO VIVA LA LIBERTA'

lupo solitario24

Mer, 18/09/2013 - 21:30

conosco molto bene le vicissitudini giudiziarie dell'est europa comunista ora post-comunista (tolgo la polonia, i paesi baltici parzialmente la rep. ceca e la slovacchia , ed ultimamente l'ungheria ) , bene , mi sembra che l'italia sia diventata l'unica dei paesi occidentali con un sistema giudiziario molto simile a questi stati, dove le sinistre post -comuniste sanno di avere comunque sempre un appoggio nella magistratura politicizzata. vi potrei elencare molti esempi, con nomi e cognomi a voi totalmente ignoti, "eliminati" dalla giustizia soltanto perché avevano qualche possibilità di limitare la sinistra "mafiosa" post-comunista al potere.

vale.1958

Mer, 18/09/2013 - 21:30

PER CCAPPAI...ma lei ha capito cosa e' la sinistra italiana le coop..la magistratura ecc.ecc. O e' talmente IDIOTA che non lo ha capito!!!!! Probabilmente lei crede alla befana a babbo natale e capuccetto rosso tanto le hanno occupato il cervello fin dalle scuole le informazioi delle lobby di sinistra in italia!! Si rilassi nonpensi a oi di destra si acontenti di essere un utile idiota che vota sinistra!!!!

Cogitoergosum

Mer, 18/09/2013 - 21:50

Ci aspettano mesi interessanti. Berlusconi in 20 anni non ha consentito alla sinistra di prendere il potere in Italia ma la sinistra ha impedito che l'Italia venisse 'berlusconizzata'. Sostanzialmente si sono neutralizzati a vicenda. Con l'uscita di scena del cavaliere, come cambieranno i rapporti di forza? Marina non la voterà nessuno, non ha un viso e dei modi di fare ammalianti. Cosa diventerebbe Renzi se godesse di un largo consenso elettorale? Riuscirebbe a gestire la sua popolarità senza cadere nella spirale dell'autoreferenzialita'?

Ritratto di Carlo_Rovelli

Carlo_Rovelli

Mer, 18/09/2013 - 22:25

Spero proprio che si decida per la decadenza, cosa c'entra la retroattività dell'applicazione della Legge Severino, quello che conta è che il parlamentare (Preg Berlusconi) è stato condannato in via definitiva dopo l'entrata in vigore della legge. Il resto sono cavilli legali, è chiaro che un condannato non può restare in Parlamento.

@ollel63

Mer, 18/09/2013 - 23:47

ccappai, dal letargo svegliati tu. Non parlare di legge uguale per tutti. Quel principio è vero in assoluto, ma solo se sono rispettati i diritti e se la LEGGE non sia piegata artificiosamente per scopi immondi da trib-anali indegni con magis-trote sinis-trate combattenti. SVEGLIATI e usa i tuoi occhi e la tua testa, se c'è.