Delirio a Cinque Stelle: "Prendi meglio la mira"

Subito dopo l'attentato parole violente in rete. Poi la condanna del leader

Per quanto affidate alla caducità della rete, certe parole sono così violente da togliere il fiato. Il sangue dei carabinieri non è ancora stato lavato dai sanpietrini di piazza Colonna che sul blog di Beppe Grillo iniziano già a comparire i primi, lividi commenti: «Se devi uccidere qualcuno e vai a Montecitorio, vacci con le idee chiare». Simpatizzanti del guru pentastellato, tutelati da nickname fantasiosi e infuocati dall'odio contro la casta, battono caratteri di fuoco per assolvere Luigi Preiti e invitare il prossimo aggressore a prendere meglio la mira.
Le responsabilità degli odiatori di professione sono sotto gli occhi di tutti: dagli insulti in rete alla caccia al politico «traditore» in piazza, fino agli attacchi populisti per una manciata di voti. In mattinata, mentre Preiti scarica contro i carabinieri il caricatore di una calibro 22, sul blog di Grillo campeggia un post contro il governo. Già il titolo è evocativo: «Il club dei mostri». Tra i commentatori che inveiscono contro l'esecutivo, c'è anche chi esalta il gesto dell'attentatore. Commenti agghiaccianti che inneggiano al tiro al politico. «Se la prendono sempre con le persone sbagliate, i passanti e le forze dell'ordine – scrive un commentatore – ma dico io se devi uccidere qualcuno e vai a Montecitorio, vacci con le idee chiare». Non è l'unico: c'è chi accusa il ministro dell'Interno Angelino Alfano di «essere il vero criminale», chi grida al complotto e chi alza addirittura il tiro. «Se uno prima di suicidarsi decide di liberarci di qualche parlamentare va benissimo, ma rispettiamo i bersagli, i carabinieri hanno poche colpe». E ancora: «Un appello a tutti i carabinieri e alle scorte: spostatevi dalle traiettorie, non siete voi i cattivi», «Chi pensa che sia stato un grillino a sparare è un perfetto idiota. Se avesse sparato contro un politico potrei avere qualche sospetto, ma a due carabinieri...», «Un'altra bella occasione regalataci da un disperato che voleva suicidarsi portandosi all'inferno qualche politico e che mi va a combinare: spara a due carabinieri». E non va certo meglio su Twitter dove c'è chi arriva a scrivere: «Spari ad altezza uomo. Certo non volevano colpire Brunetta».
Il tenore dei commenti cambia non appena interviene Grillo che, pur non essendo stato chiamato in causa, si affretta a postare un comunicato che prende le distanze dalla sparatoria: «Ci discostiamo da questa onda che spero finisca lì, il nostro movimento non è violento». I lettori si accodano e si prodigano nell'esprimere solidarietà ai carabinieri feriti. Una solidarietà imbarazzante che stride con l'odio intriso in tutte le altre pagine del blog.

Commenti

gesmund@

Lun, 29/04/2013 - 09:52

Mi pare che abbia dimostrato un'ottima mira, invece. Non si impara a sparare da un giorno all'altro.

Ritratto di gabriellatrasmondi

gabriellatrasmondi

Lun, 29/04/2013 - 09:55

.. per l'ennesimo grillo parlante che sistematicamente bacchetta i pinocchietti enotri non dando prova però di concretezza, ma solo di facile comicità. Ma alcuni plotoni dell'esercito di soldatini di piombo, obbedienti e irrigiditi sull'"Attenti", stufi di gag da avanspettacolo e slogan, cominciano a disertare : si chiedono se i NIET tassativi contribuiscano davvero al bene del paese e hanno poca voglia di continuare a ridere, ad ascoltare anatemi, scomuniche, condanne e demonizzazione degli avversari. Vedremo se il tempo, il senso critico ed il libero arbitrio avranno la meglio su queste truppe e se riusciranno a liberarsi di un imbarazzante, autoritario ed interessato (clicca, clicca) capocomico che le riduce all'inazione e al silenzio. Grillo, Casaleggio e il cognato.... autista titolare di 13 società in Costarica, nonchè ospite nelle patrie galere per droga, e riconoscibili tutti dalla improbabile chioma bianca e fluente. Ma di che stiamo parlando se non di tre pagliacci che non fanno altro che aggredire senza costruire nulla

ambidestro

Lun, 29/04/2013 - 09:56

Se la polizia postale invece di prodigarsi per i falsi nudi della Boldrini si attivasse contro chi incita alla violenza renderebbe un servizio più utile.

gpl_srl@yahoo.it

Lun, 29/04/2013 - 11:09

i blog dei grillini dovrebbero essere tutti controllati ed i PM invece di bloccare la loro attività solo contro Berlusconi, dovrebbero cercare di colpire chi incita alla lotta armata

cyberdog

Lun, 29/04/2013 - 11:51

Strano questo tipo di commenti li ho letti anche su questo giornale e da come parlano non sembrano proprio grillini ne di sinistra.chi ha scritto questo articolo e' un ipocrita cacciatore di allochi.qualcuno mi risponda vorrei leggere commenti in merito

benny.manocchia

Lun, 29/04/2013 - 12:38

Ma questi lupi dei miei c... non capiscono che l'incitamento agli spari potrebbe metterli nel mirino di chi,come loro,hanno le tasche piene di questi idioti? O forse si sentono immortali? Un italiano in USA

nino47

Lun, 29/04/2013 - 18:13

@cyberdog: pienamente daccordo con lei!...ma l'animo del giornalista è gemello di quello del politico:quando si tratta di gettar fango sull'avversario, non c'è da perdere occasione...e se l'occasione manca, bisogna crearla!