La destra piace solo se fa la vera destra

Volevate una destra europea e siete stati subito accontentati. Il partito di Marine Le Pen trionfa nei sondaggi in Francia 

Volevate una destra europea e siete stati subito accontentati. Dico a voi stampa, partiti e poteri che avete invocato, per brindare alla fine del ventennio berlusconiano, una destra europea anche per il nostro Paese. E per servirvi, l'Europa vi ha subito mandato un cadeau, un assaggio e un prototipo. Il partito di destra che trionfa nei sondaggi in Francia come primo partito è il Front National di Marine Le Pen. Che sia di destra non potete dubitarne, è l'unico grande partito europeo che rivendichi quella matrice. E che sia una forza europea nemmeno, sia perché si richiama all'Europa come civiltà, come unione delle patrie e delle tradizioni; sia perché i temi che affronta sono esattamente i tre temi su cui si stanno concentrando le destre europee: la tutela della sovranità popolare dal dominio dell'Europa tecnocratica e finanziaria; il disagio degli europei per l'irresponsabile cedimento demagogico ai flussi migratori incontrollati; la difesa della famiglia e delle tradizioni civili e spirituali rispetto alla riduzione della famiglia a unione fra le altre, tra genitore uno e genitore due, più frattaglie che nell'antichità erano denominate figli. Sono questi i tre temi su cui si ritrova la destra europea, in tutti i versanti.

Prima di parlare - come fa il mediocrissimo Hollande - di deriva estremista, sarebbe il caso di chiedersi come mai decine di milioni di europei, non piccole minoranze agitate, si rivolgano a forze come il Front National. Non discuto se siano estremiste o moderate, mi fermo ai contenuti e alle motivazioni; e poco senso ha esorcizzare la Bestia, estrarre il cartellino rosso dell'estremismo o ripiegare sul cartellino giallo del populismo. Se un partito diventa il primo partito qualche spiegazione dovete pur darvela, senza ricorrere agli incantesimi di qualche mago, Silvian per esempio, o di qualche strega, Marine per esempio. Il discorso allora investe le due principali forze europee e il loro tradimento dei rispettivi elettorati. La forza socialista da una parte che ormai non si cura più del disagio popolare, delle famiglie che stentano a vivere al tempo della crisi, della giustizia sociale e dei proletari ma è interamente proiettata nel codice ideologico e penale del politically correct e si occupa solo di gay, immigrati, lessico e maggior pressione fiscale. Ma l'altro tradimento che colpisce più da vicino è quello dei popolari. Un tempo erano una forza vagamente d'ispirazione popolare, cristiana, europea. Adesso sono diventati una forza del tutto acquiescente sui temi prima indicati, totalmente prona alla Merkel e ai poteri tecno-finanziari degli eurocrati. C'è da rimpiangere pure l'epoca di Mitterrand e di Kohl. Se la destra europea assume quei connotati e sceglie quelle forze politiche è a causa di quel tradimento; la gente non si sente più difesa dai diktat europei, dagli strozzini del debito sovrano, ma anche dalle migrazioni incontrollate e dal totale sfascio delle strutture sociali primarie, come la famiglia. E allora non sentendosi rappresentata dai popolari e nemmeno dai socialisti, ricorre a una destra popolare e nazionale. In Francia la défaillance dei moderati non ha i tratti del partito popolare ma del gollismo di Sarkozy. Ma il percorso è lo stesso.

Questa è oggi la destra europea. Il populismo sorge quando le sovranità popolari non contano più; l'estremismo si affaccia quando nessuno dà risposte efficaci ai problemi reali della gente. Da noi quella destra deve ancora farsi largo perché l'antipolitica ne ha rubato il posto. Quell'antipolitica, che oggi grilleggia, rappresenta una deriva estremista, subculturale e fatuo-populista della sacrosanta protesta popolare. Proprio ieri mentre in Francia esplodevano questi sondaggi che proiettano sulle prossime elezioni europee un trionfo del Front National, in Italia alcuni spezzoni della destra venuta da An, più personalità significative del centrodestra, hanno dato vita a un'officina per rifondare una destra in Italia. E non è da sottovalutare su quei temi il ruolo della Lega. Resta l'incognita dell'approdo berlusconiano, che viene bombardato non solo dagli apparati mediatico-giudiziari e politici interni ma anche dai popolari europei. Ma se si vuol parlare di una destra veramente europea, davvero democratica, realmente all'altezza dei nostri tempi, non si può prescindere da quei tre temi popolari che prima indicavo e su cui insisto da qualche tempo. Poi, certo, si può auspicare una versione più seria e rigorosa, non estremista né populista, di quel diffuso sentimento e di quelle concrete istanze. So che per lorsignori la destra dev'essere quella specie di bromuro che serve a tener fermo il popolo dal versante moderato, mentre la sinistra lo tiene fermo dal versante progressista, così l'eurocrazia può tirarci tutti i denti e gli organi vitali che vuole. Ma la destra europea, democratica e popolare, come si è già visto alle elezioni, non va sui Monti, preferisce la Marine.

Commenti

MEFEL68

Gio, 10/10/2013 - 10:00

Giustissimo. Anche qui in Italia, la destra perde colpi quando, credendo di accattivarsi simpatie, cerca di scimmiottare la sinistra. Su quasi tutti i temi sul tappeto la destra non dice più la sua e, se ci prova, lo fa con "aperture". Questa sudditanza, questa mancanza di personalità è il vero difetto della destra. La sinistra, invece, quando vuol portare avanti una sua tesi(gay, matrimoni omosessuali, immigrazione, ecc.)non guarda in faccia nessuno; poco gli importa se una gran parte del Paese è contraria. Ecco, quando la destra saprà imporsi con le proprie idee, sicuramente riconquisterà la fiducia di tutti quelli che nei nostri valori credono e con i quali vorrebbero continuare a vivere.

Ritratto di Roberto53

Roberto53

Gio, 10/10/2013 - 16:02

Forza Marine...

pastello

Gio, 10/10/2013 - 16:03

Cara Marine sei rimasta la nostra unica speranza. Auguri

bruno.amoroso

Gio, 10/10/2013 - 16:06

ma i sondaggi sono gli stessi che davano il pdl vincente? state messi bene!

SquadracciaNera

Gio, 10/10/2013 - 16:08

Veneziani e MEFEL68 idoli indiscussi. Sono anni che dico le vostre stesse cose. Non se ne può più di sentire parlare di politically correct, di diktat europei. A me non convince però nemmeno "l'officina" degli ex AN, perché se dentro quel raggruppamento ci finisce gente come Alemanno (che a livello economico è più a sinistra di Fassina) non si va molto lontano. Anche Roberto Fiore, nonostante dica molte cose giuste e sappia parlare molto bene, batte troppo il chiodo sui temi religiosi, tanto che ogni tanto quelli di Forza Nuova sembrano i Templari e ieri erano da Cruciani e Parenzo a farsi sfottere, questo mi spiace. Ci vorrebbe una destra vera, laica (cristiana ma non cattolica), durissima in politica interna ed estera, economicamente iper liberale (zero regole, zero stato, zero sindacati).

pinux3

Gio, 10/10/2013 - 16:15

Però in Germania gli elettori di dx hanno votato in massa per la Merkel e quelli che piacciono a Veneziani non sono nemmeno riusciti a entrare in Parlamento...

Ritratto di trebisonda

trebisonda

Gio, 10/10/2013 - 16:24

La vittoria di Marine Le Pen sta a dimostrare che i francesi sono più in gamba di noi italiani perchè riescono dopo un errore a compattarsi ribellandosi alla egemonia di sinistra.Tutta l'Europa sta andando a destra e noi?

Ritratto di hernando45

hernando45

Gio, 10/10/2013 - 16:29

La prima volta che (per lavoro)sono stato a Parigi nel 69 (e da allora fino al 1999 hanno in cui sono andato in pensione ho praticamente quasi sempre lavorato con i Francesi) mi sono subito reso conto lavorando fianco a fianco con loro, che LORO (come popolo) sono più avanti di noi.La rivoluzione l'hanno fatta nel 1789, mentre NOI non l'abbiamo MAI fatta!!!Ed ora ancora una volta qualora ce ne fosse bisogno hanno una DESTRA VERA De GAULLIANA che è in vantaggio nel paese!!! Quando la capiremo anche Noi che il CATTOCOMUNISMO così come tutti gli ISMI con i quali ci stanno riempiendo la testa da anni portano solo al DISFATTISMO di un paese!!! Saludos

Ritratto di fritz1996

fritz1996

Gio, 10/10/2013 - 16:36

pinux3: i tedeschi sono l'unico popolo che da questa Europa ci ha guadagnato, lo credo che hanno votato Merkel in massa. Ma un italiano, per votare un partito di centro moderato che si rifà al PPE (e alla Merkel), deve proprio essere un venduto, un cretino o un masochista.

paomoto

Gio, 10/10/2013 - 16:40

Caro Amoroso direi che i sondaggi più ridicoli erano quelli che davano il Pd vincente. Bersani ancora piange...

paomoto

Gio, 10/10/2013 - 16:41

Magari in Italia....ce ne fossero!!

Ritratto di destito francesco

destito francesco

Gio, 10/10/2013 - 16:41

Ero in prima fila quando venne il padre di Marine le Pen,jean Marie,al cinema Adriano,sul palco il padre del Movimento Sociale italiano Giorgio Almirante.Ebbene il camerata francese si rivolgeva a noi giovani..il furturo di una nazione è nelle mani dei giovani..oggi vedo solo dei barbagianni sul trespolo..ultra ottantenni che non schiodano dalle loro remuneratissime poltrone.

vince50

Gio, 10/10/2013 - 16:52

Viva la francia e abbasso l'italia delle marionette.Abbiamo perso tutto dignità e onore,non meritiamo neppure di avere le lacrime per piangere anche se dubito che ne saremmo capaci.

enrico09

Gio, 10/10/2013 - 16:55

hernando45, la destra gaullista francese é rappresentata al massimo dell'UMP, il partito di Sarkozy, non dal FN che é un partito molto più a destra...questo dovrebbe saperlo perché quando lei era in Francia Jean-Marie, il padre di Marine e capo del FN, era un esponenete di estrema destra... la Francia resta un paese molto più sociale dell'Italia, con stipendio minimo garantito, assegno di disoccupazione sostanzioso, immigrazione a livelli che l'Italia neanche immagina (in molti casi siamo alla terza generazione), copertura sanitaria comparabile, azioni che forse hanno fatto la forza di questo paese e messe in pratica senza che un partito comunista che sia uno abbia mai preso il potere dal dopoguerra ad oggi...

profpietromelis...

Gio, 10/10/2013 - 16:56

Ho letto qui che la destra deve essere liberale. Se si intende per liberale anche liberismo allora non si tratta di vera destra. La destra deve essere nazionale e sociale. Cioè socialnazionale. La destra deve conciliare il profitto con il sociale controllando l'economia con la politica. In questo modo non vi è bisogno nemmeno di sindacati, che presuppongono la solita opposizione tra interesse dell'azienda e interesse dei lavoratori. La vera destra, sociale, abolisce questa opposizione

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Gio, 10/10/2013 - 16:56

I comunisti delle periferie francesi hanno assaporato a sufficienza le gioie della multiculturalità...ed ora votano Marine. Non so se questa pseudodestra da operetta potrà in Italia attrarre un egual numero di consensi.

Ilgenerale

Gio, 10/10/2013 - 17:03

LA DESTRA ITALIANA RISORGERÀ QUANDO RICOMINCERÀ A DIRE: NOI SIAMO INTOLLERANTI, NOI NAZIONALISTI, NOI SIAMO PER SPAZZARE VIA QUESTA PARTITOCRAZIA E LE LORO VACUE PAROLE! RISORGEREMO QUANDO RICOMINCEREMO AD ESSERE CATTIVI RIMANENDO CON LA COSCIENZA PULITA! QUANDO RICOMINCEREMO A DIRE BASTA!!! Comunque i segnali che annunciano un nuovo inizio si cominciano a vedere, il Front National e' solo l'inizio. Sono anni che dico che le aberrazioni introdotte in Europa dalla forma mentis di sinistra (immigrazione, omosessualità in primis) avrebbero prodotto degli anticorpi! Sarà una reazione allergica che l 'Europa ricorderà per un bel pezzo !

glasnost

Gio, 10/10/2013 - 17:05

Non dimentichiamo le elezioni nella civilissima Norvegia. Quando il permissivismo ed il disordine vengono assunti a regola e la democrazia è sopraffatta dalle lobbies che governano anche la Magistratura (che invece dovrebbe garantire la Giustizia) la gente si stanca e reagisce come può. E ,per il momento, grazie a Dio, è col voto!

Ilgenerale

Gio, 10/10/2013 - 17:05

Bruno.amoroso, sicuramente non sono i sondaggi che davano Bersani vincente!! Hahahaha

ma.ven.

Gio, 10/10/2013 - 17:09

Veneziani, lei non ha capito niente. Non abbiamo necessità di una destra «non estremista né populista», ma di una destra più estremista, più populista e più sociale. E si illude se pensa che dagli zombie dell’ex AN possa venire qualcosa di buono. Sono quelli che hanno svenduto e tradito tutto quanto c’era da svendere e tradire. Sono i parlamentari che appena un anno fa, senza alcuna eccezione, hanno votato le leggi che ci hanno commissariati e inchiodati per sempre ai voleri dell’usurocrazia: Il MES, il Fiscal Compact, la costituzionalizzazione del pareggio in bilancio (se non sa di cosa si tratta, si informi). E che continuano a pontificare dall’alto della loro nullità, senza mostrare neppure un segno di ravvedimento. Come può credere che da essi possa nascere qualcosa di anche lontanamente paragonabile al Front National ed altri analoghi movimenti europei? Veda a rileggersi piuttosto le parole durissime che Jean Marie Le Pen ebbe per AN e il Fini del dopo Fiuggi.

Ritratto di stock47

stock47

Gio, 10/10/2013 - 17:09

Grande Marine Le Pen e grande il Front National!! Spero che vincano alle prossime elezioni e mandino a monte Euro e Unione Europea, il vero disastro in cui siamo finiti per colpa dei nostri politici, nessuno escluso! In Italia non abbiamo più politici di destra ma nani e ballerine. Colpa di quel traditore di Fini che ha tradito tutti ivalori della destra dopo avere ingannato i suoi elettori che non si sono resi conto per lungo tempo. Era da ben tre anni prima, che la cosa si rivelasse nella sua gravità, che andavo dicendo che Fini non era di destra. Era facile capirlo perchè non seguiva i valori di destra e addirittura li rinnegava! Adesso sono rimasti solo i scalda poltrone di destra, senza nessun programma autonomo e libero, solo che affermano di essere di destra. Mah!

berserker2

Gio, 10/10/2013 - 17:27

Ho conosciuto il padre Jean Marie tanti anni fa, all'epoca dell'Eurodestra (fu uno dei pochi errori di Almirante e uno dei tanti di Fino Fini che si apparentarono con l'altro partito francese Parti des Forces Nouvelle, mentre tutti i rautiani a dirgli: scegli il Front National che poi fece strike alle europee mentre il PdFN prese solo un deputato). La figlia Marine sembra combattiva come e più del padre. Rifiutare l'etichetta di estrema destra è una buona mossa, mentre accetta con fierezza la collocazione a Destra. Antieuropeista (intesa come fogna di burocrati e banchieri senza dignità), antieuro (che arricchisce solo la Germania), antiimmigrati (ma nel senso corretto del termine, ovvero si a limitata immigrazione vera, controllata, no a invasione di delinquenti che si fingono profughi), legata a valori tradizionali quali famiglia e lavoro e rispetto e religione. Il grande Alain Delon senza ipocrisia la vota (e di nascosto tanti altri personaggi famosi come attori, cantanti e sportivi francesi). Si vedrà alle europee quanto questi partiti, seri, di destra e pieni di dignità riusciranno a fare incetta di voti. In Italia purtroppo un soggetto simile non lo vedo. Debole è La Destra di Storace, improbonibile e impresentabile i vari alemanno, larussa e soprattutto la minipasionaria giorgia cocomeri e che senza dignità stanno cercando di tirare dentro anche i traditori ex FLi alla italo pompino. Ha detto bene l'articolista, la Destra vince quando fa la Destra. Questi sembra che se lo siano scordato e che adesso, falliti, per convenienza ritirano fuori. Cialtroni, lo dovevate fare quando stavate al governo, no adesso con percentuali da prefisso telefonico e che non contate più un cazzo. C'è poco tempo, aspettiamo sviluppi.

Mr Blonde

Gio, 10/10/2013 - 17:35

C'è un pò di confusione quando si parla di destra in italia, si chiama spesso semplicemente destra tutto ciò che non è sinistra. Il cav fin dagli albori ma soprattutto dopo la fusione con fini impropriamente è stato definito di destra; la componente di destra a cui molti commentatori si ispirano e se vogliamo quella più vicina a quella della le pen è quella sociale postmissina, non certo identificabile con il blocco exdemocristiano exsocialista ecc che ha costituito la parte predominante di forza italia prima e del pdl poi. La le pen non ha nulla a che vedere con un alfano ora come non l'aveva con un silvio ieri e neanche con un "imborghesito" fini dopo la svolta di fiuggi. Quella destra cui tanto agognate, antieuropeista antieuro antimmigrazione non sarà mai predominante in italia come non lo è mai stata. Il miracolo di berlusconi è stato proprio quello di far credere a quelli di destra veri che il pdl era di destra, ai cattolici che era cattolico, agli ex socialisti e liberali che era progressista e riformista.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 10/10/2013 - 17:37

per la Francia è tardi. Come per Olanda, Belgio, Svezia, Norvegia. Ormai sono imbastarditi da quella feccia mediorientale, araba, africana

Simostufo

Gio, 10/10/2013 - 17:38

@SquadracciaNera zero regole in economia, durissimi in politica interna ed estera e poi dice pure zero stato mi scusi ma questo e' una bel minestrone! ecco la mia idea: " liberale in economia, snellendo la burocrazia con il massimo impegno (incentivare chi deve aprire un'attivita'), DIMINUENDO notevolmente le TASSE sulle IMPRESE e sui lavoratori, INVESTENDO nei settori CHIAVE promuovendo il MADE IN ITALY. Spingere l'Europa a proteggersi dalla Cina con dazi salati sull'import cinese. I rappresentanti dei lavoratori DEVONO sedere nei CDA , senza nessuna tessera di partito e senza possibilita' di sciopero in quanto, gli aumenti contrattuali NON devono essere decisi come un braccio di ferro tra le parti ma regolati dallo STATO annualmente in base all'inflazione, inoltre, massima possibilita' di licenziare per inosservanza delle regole aziendali, massima severita' con i datori che lavoro che sfruttano i lavoratori; in alcuni settori diminuire lo stipendio fisso a fronte di un aumento considerevole dei premi di produzione per i lavoratori piu' bravi, puntando sulla meritocrazia; aumento delle pensioni minime, livellando quelle d'oro (la DOMANDA INTERNA la fanno i salari della classe media)." ecco , come vede questa e' una vera collaborazione tra classi, lei invece propone uno stato di dittatura iperliberista dove il pericolo rosso sarebbe sempre in agguato.

epc

Gio, 10/10/2013 - 17:41

Richiamando il titolo del pezzo (La Destra piace solo se fa la vera Destra), ricordo lì'esempio a mio parere lampante del sindaco di Milano Moratti. Votata da me e dalla grande maggioranza dei cittadini con l'illusione che facesse "cose di destra", o almeno continuasse tranquillamente la politica moderata di Albertini, si è invece messa subito a fare boiate pseudo-ecologiste tipo tutto un fiorire di piste ciclabili, biciclette comunali ed ECOPASS. Forse l'ha fatto per accattivaresi le simpatie di potenziali elettori di centro-sinistra? Non lo so, secondo me non ne ha guadagnato neanche uno. Sicuramente però ha perso le simpatie di molti elettori di centro-destra. Basta guardare i risultati delle elezioni successive: Pisapia mica ha avuto voti in più rispetto al precedente candidato del PD: è stata la Moratti che ne ha persi tanti!

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 10/10/2013 - 17:42

Destra sociale, nazionale, custode della identità culturale, razziale del popolo. Non c'è alternativa. E lo Stato torni a essere guida politica, economica ed etica.

nudo

Gio, 10/10/2013 - 17:46

Per adesso a destra vedo solo il rompiballe dell'annuncio di SKY...cielo plumbeo milanese

guidode.zolt

Gio, 10/10/2013 - 17:47

..se in Italia, alla dirigenza della Destra Nazionale, avessimo avuto un personaggio più simile ad Almirante, le cose si sarebbero evolute in modo molto differente. Quello che abbiamo avuto in questi ultimi vent'anni era un personaggio da "farsa" ...

gigetto50

Gio, 10/10/2013 - 17:47

........dai...PDL (lealisti, falchi, colombe), Forza Italia, Fratelli d'Italia..etc....per favore non autodistruggetevi...ci serve una bella destra... Per adesso mi sento orfano...

gigetto50

Gio, 10/10/2013 - 17:47

........dai...PDL (lealisti, falchi, colombe), Forza Italia, Fratelli d'Italia..etc....per favore non autodistruggetevi...ci serve una bella destra... Per adesso mi sento orfano...

pinux3

Gio, 10/10/2013 - 17:52

@trebisonda...Di quale "vittoria" parli? Ti informo che in Francia c'è il doppio turno con ballottaggio, e l'altra volta Le Pen (padre) al ballottaggio è stato battuto pesantemente...

Ritratto di hernando45

hernando45

Gio, 10/10/2013 - 17:58

CARO ENRICO. Si nota che Lei NON È ABBASTANZA VECCHIO, per aver potuto conoscere De Gaulle. Quello che Lei scrive su questo PERSONAGGIO non corrispone alla realtà che i Francesi con i quali ho lavorato per piu di 20 anni mi hanno spesso raccontato. De Gaulle era piu a destra di Le Pen, ma ai suoi tempi essere troppo di destra in Francia (ricorda il 68?)non si poteva e quindi De Gaulle si LIMITAVA. Saludos

baio57

Gio, 10/10/2013 - 17:59

Ovunque le destre in Europa guadagnano consensi in maniera esponenziale come in Francia ,Austria,Grecia ,Spagna,Finlandia ,Svezia,Portogallo ,la stessa Germania e la Gb. Tutti vecchi rimbambiti plagiati dalle Tv del Berlusca ,vero teste di quiz sinistri-ote .... o c'è qualcosa d'altro ? Si attendono illuminate disamine dagli appartenenti all'....intellighenzia(!?) (p.s.) Bruno Amoroso.... Fonte Repubblica ,sondaggio IFOP per il Nouvel Observator ,non di certo quello che dava il sinistrato Gargamella vincente per cappotto . Siete capaci di perdere anche nelle Primarie . Perdenti per natura ,è la storia che lo dice ,fatevene una ragione !!!

Paolo Perticaroli

Gio, 10/10/2013 - 18:08

Welcome back, Charlemagne.

Ritratto di Scassa

Scassa

Gio, 10/10/2013 - 18:22

scassa Giovedì 10 ottobre Grande grande grande Veneziani ,Lei è' un giornalista con i fiocchi !!!!!!!!!!! Il motto della gente di destra e' sempre stato e sempre sarà rappresentato nelle tre grandi parole " DIO PATRIA FAMIGLIA . Ormai sono spernacchiati dai progressisti alla deriva ,ma debbono ritornare in auge ,se vogliamo un futuro per almeno i nostri nipoti !

pinux3

Gio, 10/10/2013 - 18:24

@baio57...Abbiamo visto come "vince" Silvio vostro..."Voto la fiducia al governo Letta" dopo aver fatto il gradasso "a Letta dò i 7 giorni e poi si vota e vinciamo"...(con ennesima figura di m....) Ahahahahah....

Ritratto di marforio

marforio

Gio, 10/10/2013 - 18:30

Marina mi piaci come Donna e come politica.Ma tuo padre e migliore.

yulbrynner

Gio, 10/10/2013 - 18:32

se a guidare la destra ci fosse una persona irreprensibile forse anche chi non e' di destra la voterebbe ma in italia non e' questo il caso ci sono buzzurri in ogni dove una volta la politica aveva un suo perche i suoi valori e ideali oggi e' x tutti quanti o quasi un discorso di propri interessi

Mr Blonde

Gio, 10/10/2013 - 18:34

scusate ma secondo voi berlusconi è di destra? o almeno è di quella destra tipo le pen di cui si esaltano le gesta in quest'articolo? o ancora che ha fatto / proposto così di destra in questi 20 anni?

Ritratto di rosario.francalanza

rosario.francalanza

Gio, 10/10/2013 - 18:35

La Sinistra propugna tesi come la lotta all'omofobia (ma sotto sotto è ben più che omofoba!), i matrimoni gay (ma, tra di loro, sono etero che più etero non si può), l'immigrazione (ovviamente incontrollata, ma è furbissima nel non dirlo). Come dice MEFEL68 la Sinistra va avanti a spada tratta senza porsi nessun problema! Perchè le suddette lotte non impegnano la vita alla radice, ma piuttosto la lingua, intesa come parte anatomica! La Destra deve mettere in conto delle lotte che siano alternative a quelle della sinistra; ma qui sta il "busillis": devono essere lotte altrettanto "parolaie", altrettanto "radical chic" e decorative di ogni discorso, come matrimonigayimmigrazioneantiomofobiaantifascismocostituzionelegalità, oppure devono essere veramente "categoriche e impegnative per tutti" (ops!) e costringerci perciò ad accordare la nostra vita su valori che potrebbero costringerci a veri sacrifici? Insomma il bivio è questo: o si riesce ad essere "alternativi" oppure siamo costretti ad essere "esemplari"!

Ritratto di Reinhard

Reinhard

Gio, 10/10/2013 - 18:38

Pensate che fesseria ha fatto Fini quando ha lasciato Berlusconi per leccare il fondoschiena a Bersani, Casini e Monti... Ti credo che non l'ha votato nessuno... Avesse fatto e detto quello che dice la Le Pen, l'avrei capito, ma allearsi con i partiti più filoeuropeisti che ci sono in Italia (dopo il PD) è stata una mossa suicida. Sperando in una Marina anti UE ed €, W Marine.

ilbarzo

Gio, 10/10/2013 - 18:39

x bruno amoroso.Puoi ben dirlo che siamo messi bene,poiche' e' cosi che siamo messi:"PROPRIO BENE".Inutile che critici e tu ci faccia sopra della satira,a non ce ne sbatte i c......i.Stai pur certo che dopo la Francia,sara'la volta dell'Italia ad andare a destra.Possibile che ancora esista qualche comunista,dopo tutto quello che vi proprina Letta e Saccomanni.Se non avrai l'aumento delle tasse lo devi solo a Berlusconi e al centrodestra,quello che tu critichi,ma sicuramente approvi.

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Gio, 10/10/2013 - 18:41

Stia attento Veneziani, i sondaggi saranno pure veritieri ma i francesi han sempre avuto bisogno di apparire intelligenti. Ed una ragione ci sarà. Infine, le teorie di Marina sono accattivanti, comprensibili come i suoi tre punti, caro Veneziani, ma il motore tira da un'altra parte: finanza, tecnocrazia, tecnologia, mercato ed energia. E Marina qui non ha da dire un granchè. Eppoi oggi la discriminante democratica (scusate la parola) è il rapporto tra lo Stato ed il cittadino. E la destra e la sinistra (a parte i tre punti di Veneziani) sono fratelli gemelli: Stato, tasse, manette. Ormai lo stato è autocrate e fa a meno del consenso, se ne ha bisogno lo compra o lo evita. Se i francesi saranno capaci anche soltanto di mettere in discussione la UE e l'euro sarà un grande successo per tutti noi. Ma non sperateci un granché.

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Gio, 10/10/2013 - 18:50

Roba da sganasciarsi dalle risate. "Prima di parlare, come il mediocrissimo Hollande" In Italia abbiamo la destra di berlusconi e si definisce mediocrissimo Hollande. Non ce la faccio più dalle risate...aiutatemi...chiamate l'ambulanza

micdipi

Gio, 10/10/2013 - 18:52

E l'Italia sta a guardare. Il CATTOCOMUNISMO ci ha anestesizzato. Siamo privi di un vero leader di destra, con i valori non negoziabili condivisi dal popolo, come sta accadendo in Francia.

micdipi

Gio, 10/10/2013 - 18:53

E l'Italia sta a guardare. Il CATTOCOMUNISMO ci ha anestesizzato. Siamo privi di un vero leader di destra, con i valori non negoziabili condivisi dal popolo, come sta accadendo in Francia.

Ritratto di Ivano Colzani

Ivano Colzani

Gio, 10/10/2013 - 19:09

Anche da noi ci sarebbe da presentare l'omonima alle prossim elezioni europee: caratteristiche di destra ce le ha; è insieme allo stesso uomo da oltre 10 anni e ha avuto due bambini senza bisogno di provette o di scambisti vari; governa con successo, nei limiti del possibile (comunque per i Kompagni si potrebbero anadare a vedere i conti di RCS cme benchmark..) un'azienda di notevoli dimensioni, quindi dal versante di chi il denaro e la ricchezza la crea e non la distrugge, non si è mai inginocchiata alla Magistratura lottizzata, e sui temi etici potrebbe anche lei sostenere il "Barillapensiero" senza tema di smentite. Dovrà provarci per forza perchè senza lo scudo da senatore suo padre rischierà grosso (Alba Dorata non insegna nulla?). Deve solo avere il coraggio di saltare l'ostacolo che poi tutto andrà in discesa.

Luigi Farinelli

Gio, 10/10/2013 - 19:18

Articolo esemplare, soprattutto nella parte riassuntiva seguente: "...La forza socialista da una parte che ormai non si cura più del disagio popolare, delle famiglie che stentano a vivere al tempo della crisi, della giustizia sociale e dei proletari ma è interamente proiettata nel codice ideologico e penale del politically correct e si occupa solo di gay, immigrati, lessico e maggior pressione fiscale. Ma l'altro tradimento che colpisce più da vicino è quello dei popolari. Un tempo erano una forza vagamente d'ispirazione popolare, cristiana, europea. Adesso sono diventati una forza del tutto acquiescente sui temi prima indicati, totalmente prona alla Merkel e ai poteri tecno-finanziari degli eurocrati." Fa piacere sapere che un movimento d'opinione coeso e agguerrito comincia finalmente a reagire allo sfascio etico, morale, economico, politico e sociale creato a tavolino dalla massoneria internazionale di cui Hollande e tutti i suoi ministri sono degni rappresentanti. Era massone pure Sarkosy e lo sono tutti i socialistoidi, gli ex marxisti (la Rivoluzione russa fu finanziata da massoni sionisti tipo Rothschild e Rockefeller e gli stessi "filantropi" sono rimasti a costruire sulle stesse basi nichiliste il nuovo ordine mondiale mercantilista), gli ultralaicisti da parte loro chiamati a distruggere la famiglia tradizionale e liberalizzare l'aborto e le unioni sterili. Tutti proiettati a creare l' "uomo nuovo" massonico e la globalizzazione totale. E' nel campo della massoneria che occorre ricercare il tentativo secolare di disgregazione degli Stati Nazionali attraverso crisi economiche inventate appositamente e attraverso la corruzione torale della società, dai giovani alle donne fino alla devirilizzazione psicologica maschile e all'abbattimento del principio di autorità (ritenuto "patriarcale") per proporre sistemi geopolitici sempre più ampi, già programmati, alla faccia della democrazia, per avere una guida elitaria di banchieri, finanzieri e "filantropi" autoelettisi guida dei popoli, trasformati in schiavi della produzione e del consumo attraverso il lavaggio del cervello che attualmente i media di regime si incaricano di attuare con metodi scientifici e le scuole di Stato inculcando a forza di medicine di "politicamente corretto" laicista i nostri ragazzi fin dalle primarie.

antonio54

Gio, 10/10/2013 - 19:24

Avessimo noi in Italia gente di questo spessore. Quelli che da noi vogliono far vedere di essere di destra camuffandosi nel PDL, sono tutti ex Democristiani e Socialisti: pensa a che livelli siamo ridotti. Se in Italia avessimo al potere la vera DESTRA, di delinquenti e cialtroni in giro se ne vedrebbero veramente pochi, non parliamo poi di clandestini. Speriamo che il cambiamento in Europa inizi dalla Francia, e si estenda a tutto il continente. Auguri Marine...

Ritratto di Maurizio Da Lio

Maurizio Da Lio

Gio, 10/10/2013 - 19:50

Hurra!!! Marine!!! Speriamo che questo vento arrivi anche in Italia con Marina Berlusconi!!!! Viva la famiglia!!!! Viva la sovranità nazionale!!! e viva la individuale capacità di gestione monetaria (abbasso la UE)!!!!

Gaeta Agostino

Gio, 10/10/2013 - 19:51

Caro Marcello hai perfettamente ragione. I nostri rappresentati di partiti,di destra e di sinistra, non rappresentano più il sentimento della maggioranza della gente,hanno tradito i loro rispettivi valori di riferimento.Per quanto si sente per le strade e dappertutto, la gente, quella che soffre, che non arriva a fine mese,non ne può più della massa di ladri e incompetenti che ci governano e che siedono in parlamento e in senato. Si aspettano delle forze che con chiarezza dicano quello che vogliono fare e lo mantengano, che siano schiettamente di destra o di sinistra, si pretende una classe politica con le PALLE che sappia far valere le proprie ragioni senza calarsi i pantaloni ogni qualvolta i massoni euroburocrati europei ci impongono la loro volontà.Se dovesse nascere una reale destra (di valori e intenti che hai menzionato)molta gente ti assicuro la voterà, io per primo.

NON RASSEGNATO

Gio, 10/10/2013 - 19:56

Grandi, ma il guaio è che rom e clandestini li manderanno in Italia

Ritratto di Maurizio Da Lio

Maurizio Da Lio

Gio, 10/10/2013 - 19:57

@ berserker2. Ben detto!!!

giolio

Gio, 10/10/2013 - 20:10

il problema é che quando la destra fá la destra le sinistre incominciano a spaccare tutto attivano i centri sociali i sindacati incominciano a perseguitare tutti quelli che che non vogliono pensare come loro

FRANCO1

Gio, 10/10/2013 - 20:27

in Italia non esiste una destra perchè non ci sono persone che possano rappresentarla.

roby55

Gio, 10/10/2013 - 20:42

Un articolo di una attualissima e santissima verità. Forza Marine!

odifrep

Gio, 10/10/2013 - 21:08

simostufo (17:38) - egregio signore, il suo pensiero (e quello di milioni di elettori della dx) rimane solo un'utopia velleitaria. Potrebbe 'si' vederla realizzata, ma solo quando tutte le Nazioni Europee, per molto meno di una legislatura, votassero I COMUNISTI, al governo. Abbiamo constatato che, con le loro disfatte politiche, la destra, acquista molto più valore di quanto ne attribuisce la cabina elettorale. Quante volte abbiamo auspicato che al governo vi fossero I COMUNISTI, solo perché venisse castigata quella gente che, inconsapevolmente, aveva dato loro la fiducia. Infatti, le battaglie pro gay che tante nazioni a guida di sinistra hanno combattuto e 'vinte' come se fossero state di necessità impellente, senza curarsi del malcontento che come ho accennato, precedentemente, è tutta acqua che torna al nostro mulino. A mio avviso, oggi, il popolo italiano potrebbe chiedere una sola cosa ad un futuro governo di DESTRA : il "rispetto" verso la persona. L'unica merce che, pur non reperibile al mercato, costa poco e vale molto. Cordialità.

Ritratto di stenos

stenos

Gio, 10/10/2013 - 21:24

Forza Marine, demolisci il bidone europa. In italia purtroppo la destra è stata totalmente distrutta, tra quell'infame di fini e dal cav, con quel cesso di pdl, infarcito di democristiani e socialisti, che come nel loro stile adesso lo stanno fottendo. Non basta essere contro i comunisti per essere di destra. In questo bidone di nazione serve tanta destra. Dura.

Ritratto di moshe

moshe

Gio, 10/10/2013 - 22:13

La destra piace solo se fa la vera destra ..... ..... ..... è quello che i sazi debosciati della destra italiana non hanno ancora capito. Lo capiranno dopo la loro sparizione da scena politica.

Ritratto di enkidu

enkidu

Gio, 10/10/2013 - 22:27

Stimato veneziani, tutto giusto. Guardi il trattamento che la sinistra sta riservando al ministro socialista dell'interno Valls. Questi si è accorto che i rom rappresentano un problema non per l'estetica degli Champs Elysées ma per la gente che lavora e prende la metro, per i turisti, per i proprietari degli appartamenti vicini ai campi. Tutta gente che lavora, ha problemi etc. Quando lo ha detto chiaramente si sono rivoltati contro di lui a suon di "patto repubblicano" tradito, razzista, nuovo Sarkozy, e via discorrendo. La sinistra ha perso il contatto con i problemi della gente comune perché troppo frequentata da soloni che sentenziano di diritti senza sapere di cosa stiano parlando. Comunque non c'è da dubitare: entro tre mesi parte la crociata della magistratura francese (prima in sordina su qualche fatto marginale e poi in crescendo). Accetto scommesse.

fisis

Gio, 10/10/2013 - 22:37

L'ascesa di partiti come quello di Marine Le Pen in Francia, o partiti simili in Austria o Norvegia, rappresentano una flebile speranza per il futuro dell'Europa. Certamente, una vittoria di Marine Le Pen alle prossime elezioni sarebbe un formidabile colpo al cuore per questa Unione europea di stampo sovietico, che sta distruggendo il nostro continente. In Italia, viceversa, la situazione è veramente buia. Abbiamo una destra ormai disfatta, un popolo anestetizzato dalla sinistra ex comunista e cattocomunista, rimbambito dal grillismo, una strisciante dittatura giudiziaria. Eppure, anche noi avremmo una Marina...

francoberto

Gio, 10/10/2013 - 23:04

Al solito...tanto incapaci da dover gioire per le capacità degli altri...Comunque AUGURI MARINE!

paolonardi

Ven, 11/10/2013 - 01:38

Purtroppo da noi i comunisti sono stati e sono più bravi: hanno con lungimiranza occupato scientificamente, con metodo, tutti i gangli del potere. Dalla scuola, alla magistratura, ai mezzi di comunicazione, alle industrie, alle banche, agli uffici tecnici di ministeri, regioni e comuni, alla sanità. Tutto questo con il silenzioso assenso dei governi D.C. che insieme all'alleato socialista cercavano, e i rossi lo facevano credere, di occupare i posti da cui ricavare più tangenti. grazie ai vari Andreotti, Fanfani, Donat Cattin, Prodi e compagnia.

Ritratto di bobirons

bobirons

Ven, 11/10/2013 - 08:00

@ berserker2 - 110, lode ed abbraccio accademico !