Disastro Monti: un milione di licenziati

Il presidente del Consiglio Mario Monti raccoglie i cocci del suo governo. I dati dell'ultimo trimestre sono da incubo

Roma - Non è più tempo di «agende», di promesse, di decreti «cresci-Italia» e di rivendicazione di avvenuti salvataggi. Il dato messo nero su bianco dal sistema delle comunicazioni obbligatorie del ministero del Lavoro mette a disposizione degli italiani l'ultima fotografia del 2012, il suggello finale sulla stagione dei Professori. Dopo la certificazione di un debito pubblico e di una pressione fiscale in costante salita, e un Pil in costante discesa, a chiudere il cerchio arriva ora il dato sulla disoccupazione. I numeri sono impressionanti. Nel 2012, i licenziamenti hanno avuto un vero e proprio boom, con oltre un milione di persone che hanno perso il lavoro. Per l'esattezza: 1.027.462, con un aumento del 13,9% rispetto al 2011. Quindi oltre 80.000 al mese, 2.700 al giorno.

Una sorta di buco nero, una voragine in cui sembra essere caduta la capacità produttiva del Paese ma alla cui formazione hanno contribuito le politiche di austerità del governo e la riforma Fornero che ha frenato la propensione ad assumere ma anche a utilizzare contratti flessibili e ha inciso su questo doloroso record. Questo combinato disposto ha trasformato il 2012 in un vero e proprio anno nero della disoccupazione, con un trend che è il peggiore tra i paesi europei. Una progressione continua che ha portato, nel giro di quattro anni, i licenziamenti a salire da 800mila a oltre 1 milione. E ha trasformato l'ultimo trimestre dello scorso anno nel periodo di gran lunga peggiore degli ultimi anni, con quasi 330mila licenziati.

Basta guardare il grafico a partire da gennaio per rendersi conto del costante peggioramento nell'arco del tempo. Se nel primo trimestre le fuoriuscite forzate erano state 225.689, nel secondo sono salite a 226.654, nel terzo a 245.860 fino alle 329.259, dell'ultimo in aumento del 15,1% sullo stesso periodo 2011. Di fronte a dati così eclatanti la politica si chiude nel silenzio. Fa eccezione Maurizio Sacconi che «sollecita una terapia d'urto» per rispondere a questa situazione di allarme. «I dati confermano il crescente rattrappimento del mercato del lavoro in Italia, determinato non solo dalla caduta dei consumi interni e dalla crisi di liquidità ma anche da regole troppo rigide e da un costo troppo elevato degli oneri fiscali e contributivi». Per questa ragione «tra le otto proposte annunciate da Berlusconi vi saranno misure urgenti per l'occupazione con riferimento alla detassazione dei primi contratti permanenti dei giovani e di una quota più ampia dei salari connessa a incrementi di produttività e con riferimento alla necessaria deregolazione della legge Fornero». Giancarlo Galan, a sua volta, definisce «sconcertante» il dato di un milione di licenziamenti nel 2012 con un aumento del 13% rispetto all'anno precedente. E fa notare un altro particolare non proprio confortante. Ovvero che «circa il 17% dei contratti di lavoro dell'ultimo trimestre sono relativi a rapporti da uno a tre giorni totali, mentre il 12%, 389.000 contratti, sono rapporti di un solo giorno. Un solo giorno di lavoro». «Di fronte a questo quadro ci domandiamo ancora cosa fare. Dobbiamo immediatamente dare vita a un governo. Siamo al collasso e non ci possiamo permettere ulteriori incertezze».

Commenti

gpl_srl@yahoo.it

Lun, 08/04/2013 - 09:32

Per il professore non conta se i licenziati siano uno due o tre milioni: tanto basterà alla fine aumentare la pressione fiscale per garantire entrate maggiori: lui di conti non ne sa nulla e di previsioni non ne fa! la Merkel gli ha detto di aumentare la pressione...e lui sia che abbia capito bene o sia che abbia capito male lo ha fatto a dovere! ora spera solo di ricevere l' ennesima medaglia e non importa se di bronzo o di merda secca, ò' importante è che la germania glie la possa attribuire in pompa magna in modo che tutti ne parlino: lui è riuscito a rovinare l' italia e è anche riuscito a creare un vero colabrodo in grado di fare acqua da tutte le parti: il buco reale non lo si conosce e solo un altro cretino come lui potrebbe insistere nella ricerca di un alleato tra le file dei grillini per promuovere leggi inadatte ed inefficaci in grado solo di distruggere ancor di più: io direi a Berlusconi di ritirarsi e di lasciarlo fare:quello di Bersani è un vero e proprio suicidio in cui sta coinvolgendo tutta l' italia

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 08/04/2013 - 09:53

mario monti prima o poi dovrà rassegnare le dimissioni da senatore e ritornare a fare il professorucolo di merda che era prima! se si dimettesse da senatore in queste settimane, non interverrà nessuno a costringerlo. se invece aspetterà che qualcuno lo costringa, avrà anche altri problemi, come lo sputtanamento pubblico. a lui la scelta :-)

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Lun, 08/04/2013 - 09:53

Forse non sarà cattivo ma INCAPACE sicuramente.

Ritratto di Papapeppe

Papapeppe

Lun, 08/04/2013 - 09:54

Mario Monti, Alberto Stasi, Sara Tommasi...certo che dalla Bocconi a tutti i livelli esce solo la crem de la crem....

Dario40

Lun, 08/04/2013 - 09:54

bisognerebbe incominciare a toglierli la carica di senatore a vita, visto che invece di "illustrare il Paese" l'ha massacrato di tasse e affondato la sua Economia !

giovanni PERINCIOLO

Lun, 08/04/2013 - 09:57

Congratulazioni al bel trio di beccamorti! A quando il funerale di stato con tutti gli onori per la defunta Italia??

linoalo1

Lun, 08/04/2013 - 10:03

Non è certo Monti da biasimare,ma bensì,chi lo ha messo lì!Forse,come qualcuno proclama,Napolitano è il salvatore della Patria?O,forse,non è lui che ha contribuito al raggiungimento di questo stato delle cose?Continuiamo a lodare un vecchio con le idee fossilizzate!Lasciamolo fare!Allora si che risolveremo tutti i nostri problemi!!Lino.

Ritratto di apasque

apasque

Lun, 08/04/2013 - 10:04

E' tragico vedere e sentire Monti quando espone i suoi successi; i suoi "non potevamo fare altrimenti"; "abbiamo ereditato situazioni impossibili"; ora "gli italiani dovranno cambiare abitudini". Monti, come si dice a Milano è "una mezza calzetta", ovvero un meschinello. Solo uno così ha potuto accettare tanti diktat (ma che dico tanti ordini operativi) da nullità come Merkel, Schultz, Napolitano e cosi via: tutta gente avvezza all'intrigo, ed alle astuzie alla napoletana, che non alla guida politica!). Il problema é che non sono neppure giapponesi: con un bel karakiri ci libererebbero, con un minimo di dignità

gigi0000

Lun, 08/04/2013 - 10:04

UN MILIONE DI STATALI IN MENO. Se fosse stata attuata una seria politica di riforme strutturali e di risparmio, se proprio avessimo dovuto pagare il prezzo di un milione di licenziamenti, avremmo almeno potuto scegliere quali fare. Il licenziamento "strutturale e ragionato" di un milione di statali ed analoghi occupanti poltrone inutili avrebbe permesso il risparmio di 40 miliardi di stipendi ed una cifra probabilmente doppia per il funzionamento dell'apparato da costoro occupato. Il risparmio totale avrebbe potuto essere di circa 120 miliardi, da rimborsare immediatamente alle imprese creditrici, che avrebbero potuto sopravvivere ed anzi svilupparsi creando nuova economia e posti di lavoro. La riforma sarebbe inoltre stata strutturale, con risparmio annuo di un centinaio di miliardi, a riduzione del del deficit e debito pubblico. Credo che i cialtroni non abbiano voluto, né vorranno provvedere in tal senso per non rischiare di perdere qualche milione di voti della sinistra. Gli statali fannulloni? Nel mio comune, di 3400 abitanti vi sono una trentina di dipendenti comunali, dieci volte di più di quelli di quarant'anni fa, con la differenza che allora l'amministrazione funzionava, oggi no.

Ritratto di apasque

apasque

Lun, 08/04/2013 - 10:08

E chi glielo dice ai nipoti di Monti perché il nonno é senatore a vita? Lo sapranno? Ne saranno orgogliosi? E quando sapranno che il nonno è senatore a vita perché é massone e perchè un altro massone, Napolitano, l'ha pagato 24.000 euro al mese per fargli fare quello che vuole lui? E che......

franco@Trier -DE

Lun, 08/04/2013 - 10:09

In questo caso c'è da dire fesso chi gli ha dato il voto io per primo però è stato un voto inutile senza fare danni.GPL ma la Merkel gli avrà detto di aumentare la pressione fiscale ma non sui poveri ma su chi ha i soldi come fanno qui, lui non potendo farlo visto che siete per il 75% evasori lo ha fatto con i pesciolini nella rete,ovvero i poveri lavoratori pensionati e quasi quasi con i disoccupati.Comunque lui con i suoi oltre 30.000 euro al mese non si preoccupa più del tanto.A proposito quando è la ricorrenza funebre la data di morte del vostro nonnino Togliatti?

Rossana Rossi

Lun, 08/04/2013 - 10:15

Ma non doveva essere il salvatore della Patria? Via subito, a casa, altro che senatore a vita, per cosa per prendersi un lauto stipendio dopo averci rovinato? Mah!....

edoardo55

Lun, 08/04/2013 - 10:16

Non dimentichiamo Draghi, che ha ricattato l'Italia :"O fai il pareggio di bilancio anticipato(con tutti i problemi che ha comportato) o non ti comperiamo i Btp!!!!! Ecco perchè sarà indispensabie (quando saremo usciti dall'euro) che il debito pubblico sia un fatto italiano interno (come i giapponesi) con tassi stabiliti dal Tesoro e non soggetto a speculazioni e ricatti esterni

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 08/04/2013 - 10:17

Monti è solo un parolaio vissuto all’ombra della politica ed ormai in servizio permanente grazie al Colle. Ma non è lui l’unico responsabile del disastro dei conti dello Stato, che sta all'origine del disastro economico inarrestabile. Ci siamo dimenticati la crisi del 1992 e le pezze fiscali applicate da Amato? Vogliamo ignorare che Prodi ci ha portato trionfante nell'euro con un debito pubblico superiore al 100% del reddito nazionale contro il 60% previsto nella UE? Non sappiamo che la casta dei politici, solo gli eletti, è di quasi 150mila persone? Non sappiamo che oltre un milione di persone vivono nella o grazie alla politica? Sono indifferibili ulteriori “sacrifici”, ma questi devono cominciare con la radicale diminuzione del costo della politica, il più alto del mondo, una sorta di “rapina di Stato”, ma nel farlo deve essere seguito un metodo diverso da quello adottato dal p/te Camera, che a quanto si legge avrebbe subito sistemato a Montecitorio 4 amici suoi.

@ollel63

Lun, 08/04/2013 - 10:19

Non potrà tornare più alla 'bocconi', sarà cacciato a pedate nel cu. Che figura di merla! Anche questa università di scienze economiche ne esce ridimensionata, nella merla anch'essa, insomma.

enzo1944

Lun, 08/04/2013 - 10:21

monti è solo un grande somaro,arrogante e presuntuoso,al servizio dei Poteri Forti!....Banche private USA,CEE e Tedesche e potentati economici e finanziari!....è sui loro libri paga da sempre!...Massone,bugiardo ed impostore più di giuda!!Sparisci dall'Italia,buffone di senatore a vita!!

procto

Lun, 08/04/2013 - 10:22

Aumento del 13,9%! Dannato Monti! nel 2011, grazie all'ottimo lavoro del governo in carica, erano state licenziate solo 900,000 persone! Ma spiegatemi una cosa: quale partito di cialtroni ha avuto il coraggio di votare il governo Monti?

antonioamelio

Lun, 08/04/2013 - 10:23

Dal giorno stesso che si è fatto mettere li dal capo dello stato ho nutrito enormi perplessità sul suo modo di operare. Per non parlare della buffonata chiamata decreto salva italia.

billibix

Lun, 08/04/2013 - 10:24

Perchè era necessaria la certificazione di un dicastero per comprendere il problema? Continuano a parlare di evasione...ma di pressione fiscale al 52% (reale oltre il 65%)come mai non se ne parla già più e dopo solo due giorni? L'evasione in Italia dovrebbe essere un dovere di ogni cittadino per proteggersi dal fisco vorace e non il contrario. Dove la pressione fiscale è corretta l'evasione non esiste o comunque non è necessaria per vivere. E non praticata come "sport nazionale" (USA ad esempio). La nota "curva di Leffer" economista americano che suggerì al presidente US la soluzione unica per incrementare il gettito fiscale con la riduzione delle imposte è ancora oggi un valido e fulgido esempio di economia virtuosa. Infatti all'aumentare delle imposte (e in Italia è quello che è capitato negli "ultimi" 60 anni), cala il gettito fiscale e aumenta in modo esponenziale l'evasione fiscale. Purtroppo una classe politica, sia vecchia che nuovo, destra, sinistra, gialla, rossa, verde, blu...miope e dedicata unicamente al mantenimento dei propri benefici e della poltrona, difficilmente potrà risolvere il problema. Utilizzano la leva fiscale con la banale scusa che le tasse devono essere aumentate a causa dell'evasione fiscale. Svegliatevi...finchè siete in tempo...non è così! Qualunque azienda e lo Stato è una azienda se il bilancio è passivo...taglia le spese! Lo Stato Italiano non taglia le spese, aumenta le tasse impoverendo i cittadini che in qualche devono e hanno l'obbligo di difendersi. L'unica difesa è fuggire dall'aguzzino vessatore e ogni modo è lecito.

max.cerri.79

Lun, 08/04/2013 - 10:34

Ma come, non aveva dato credibilità al paese con l'appoggio di TUTTA la classe "politica" ?

rokko

Lun, 08/04/2013 - 10:37

Ma se il trend negativo è iniziato quattro anni fa, ,come scrivetevoi stessi. nell' articolo, allora Monti al più può essere considerato un corresponsabile. Ve lo volete mettere in testa che tutti questi dati negativi dipendono dal fatto che siamo in recessione, che è iniziata sei mesi prima che si insediasse Monti? Al massimo Monti può essere accusato di non essere riuscito d invertire una tendenza peraltro molto difficile

Gio1602

Lun, 08/04/2013 - 10:43

il salvatore della Patria Napolitano non ne ha fatta una giusta, ha dato nomine di senatori tipo Monti in più, 10 saggi in più, disoccupazione in più, fallimenti in più, suicidi in più, tutto sulla pelle e sui costi del Popolo ed ora come senatori a vita ce li manteniamo a peso d'oro - grazie Napolitano/Monti per la vostra tragica incapacità

portobello46

Lun, 08/04/2013 - 10:45

Volendo continuare con l'osservazione di gigi0000 che nel suo coune di 2400 anime vi sono 40 dipendenti publici: nel comune di ussita MC 400 anime vi sono 40 impiegati, unico vantaggio che gli uffici sono sempre vuoti. Povera la ns. ITALIA....

rosso52

Lun, 08/04/2013 - 10:49

Il disastro più grave è quello degli esodati: quella def....te della fornero (volutamente minuscolo) non si è resa conto di avere distrutto la vita e le prospettive di centinaia di migliaia di italiani, togliendo loro diritti già acquisiti, sulla base dei quali moltissimi avevano programmato il proprio futuro.Il futuro per moltissimi non esiste più.

maubol@libero.it

Lun, 08/04/2013 - 10:53

Aspettiamo la sua replica: dirà che è colpa del precedente governo, e delle sinistre che si sono opposte a tutto!

Ritratto di Goldglimmer

Goldglimmer

Lun, 08/04/2013 - 10:56

Berlusconi ci ha regalato un milione di posti di lavoro ora Monti li ha persi.....vuol dire che siamo ritornati alla pari.

portobello46

Lun, 08/04/2013 - 11:02

Per rispondere a ROKKO: mia madre 92enne per eventuali errori di qualsiasi genere mi dice sempre: Morte non venga che scusa non manca.Chi vuol capire, capisca.Monti e napolitano meritano la corte marziale per codardia ed altro tradimento nei confronti della nostra Amata Patria.

Ric60

Lun, 08/04/2013 - 11:04

ci sono cose che non capisco...Monti è ancora lì perche ce lo hanno messo PD e PDL....ce lo siamo dimenticato o facciamo finta di nulla?

pinux3

Lun, 08/04/2013 - 11:08

@linoalo1...lo sai che Silvietto vostro ci metterebbe la firma per vedere ancora Napolitano al Colle? Così, detto a titolo informativo...

gpl_srl@yahoo.it

Lun, 08/04/2013 - 11:13

ma lui continua a sorridere felice: ubbidienza pronta cieca ed assoluta è la sintesi del suo operato nei confronti della dolce volontà dalla sua datrice di lavoro: la signora Merkel: d è talmente vero che la germania si appresta ora a concedergli una seconda medaglia per l' abnegazione dimostrata e per la collaborazione da lui offerta ai programmi della signora Merkel: mors tua vita mea: per questa ragione tutto va avanti esattamente come prima: Napolitano sta facendo il possibile per ritardare qualsiasi soluzione positiva e lui, il grande, grandissimo Monti, sta facendo anche l' impossibile per prendere decisioni sempre più negative in funzione di una Italia che comunque vada, sia definitivamente fuori mercato nei confronti della germania. Monti in questa arte di incapacità pronta cieca ed assoluta si sta dimostrando un vero maestro cosi come tutti i suoi sostenitori

Massimo Bocci

Lun, 08/04/2013 - 11:14

Scusate ma che minchia c'entra lo zerbino (di mele di ferro), lui come ci ripete spesso e' stato chiamato dal vetero comunista più pagato al mondo (240 milioni) per il golpe spread, si quello fatto dai Crucchi a unisono con i comunisti-Catto, si qullo quando il GARGAMELLA spallava come come da prassi contro l'unico vero Italiano liberale e libertario che faceva e' ha sempre fatto fatto gli noteresti degli Italiani, come diceva il compagno di merende coop " si deve dimettere poi tutti ricchi" il pagliaccio, e ora che diligente come si conviene a un servo di regime (collaborazionista Crucco) ha portato fino in fondo l'affosamento dell'Italiani lo si riproverà di cosa di non averci portati tutti alla FAME, guardate che c'è pienamente riuscito gli unici che magnano sono quelli del regime COSTITUZIONALE....I LADRI!!!!

rokko

Lun, 08/04/2013 - 11:16

portobello46 se legge quello che c'è scritto nell' articolo tra le righe, non può che trovarsi d'accordocon me. Lo sarebbe anche sua mamma, che mi sembra sveglia nonostante i 92.

Ritratto di PaoloDeG

PaoloDeG

Lun, 08/04/2013 - 11:35

In realtà la crisi é causata dal dissanguamento del paese! Da sempre e negli ultimi decenni ancor più ed oggi ancora, molti italiani i soldi guadagnati in Italia li portano all'estero! Inoltre gli immigrati, il crimine organizzato degli immigrati, il terrorismo islamico e le sue reti di crimine organizzato, le mafie, eccetera, hanno anche portato soldi all'estero! In tutto circa mille miliardi di Euro! La corruzione ha permesso e permette il radicamento del male! Bisogna ricuperare almeno la metà di questi soldi e neutralizzare l'asse del male, che tiene schiava la nazione intera! C'é da ricostruire e risanare l'Italia intera per salvaguardare la salute del popolo e per attirare più turismo! Bisogna anche stoppare al 100% l'immigrazione, l'Italia non é il paese della cuccagna! O Patria mia che di catene hai carche ambe le braccia! Se io fossi il Capo dello Stato, Pro Patria Semper!

rokko

Lun, 08/04/2013 - 12:39

PaolodeG, concordo con lei solo nella primissima frase. Il dissanguamento è avvenuto ad opera di uno Stato vorace ed affamato di soldi , nondi certo ad opera di qualcuno che spende all' estero i propri quattrini

EmanueleS

Lun, 08/04/2013 - 12:39

Risposta al commento di rokko, Lun, 08/04/2013 - 10:37. Si, Lei ha ragione. Il governo Monti, però, ha agito con metodologie sbagliate. Avrebbe dovuto tagliare le spese pubbliche inutili, soprattutto stipendi e pensioni d'oro di persone che hanno avuto, nel passato, ruoli dirigenziali e che ora non fanno più nulla di tutto ciò e prendono oltre 30.000 € mensili per mera "rappresentanza". Un esempio su tutti è AMATO, che immagino sarà stato abbastanza lungimirante da aver messo da parte un buon gruzzoletto negli anni lavorativi. Io direi di abbassargli la pensione ad un massimo di 5.000 € lordi mensili, egli ne capisce di economia, saprà sicuramente farseli bastare. Non gli bastano? Con la sua vasta esperienza lavorativa sarà sicuramente un ottimo manager e consulente in campo privato, saprà come guadagnar di più. BASTA CON I PRIVILEGI VITA NATURAL DURANTE, QUESTI POTRANNO ESSERE UOMINI BRAVI NEL LAVORO, MA NON SONO PADRETERNI! La carriera è una parabola nell'andamento, non una funzione esponenziale! Abolire le cariche pubbliche inutili ed abolire gli enti inutili. Inoltre bruciare soldi pubblici per pagare spalatori di neve in Agosto in Sicilia è una cosa utile? Pagare i vitalizi ai politici, dopo che sono usciti dal parlamento, è utile? Che si prendano una pensione da massimo 5.000 € lordi mensili e stop, per il resto vadano a lavorare o mettano da parte i soldi come fanno tutti! E potrei fare altri mille esempi. Bisognerebbe decidere cosa è utile e cosa non lo è e tagliare di conseguenza. E, invece, il maestro Monti che ti ha fatto? Ha alzato la pressione fiscale sui privati (in periodo di crisi) a livelli insopportabili ed ha dato carta bianca per decreto alle azioni di Equitalia (quasi pieni poteri) per combattere l'evasione fiscale, con metodi brutali (l'onere della discolpa a carico dell'accusato e pignoramenti vari), cogliendo nel mucchio magari anche chi era in regola, ma che viene considerato colpevole per i loro astrusi parametri (vedi Studi di Settore): devono raccogliere più soldi possibili, ed in ogni modo. Quando basterebbe far scaricare buona parte delle spese sostenute dalle tasse mediante presentazione degli scontrini fiscali, perché tutti paghino le tasse. Ma non vogliono, non riuscirebbero più a raccogliere tutti i miliardi di tasse che raccolgono ed a mantenere in piedi un apparato burocratico tanto elefantiaco quanto inutile. Inoltre ha fatto una riforma del lavoro che fa defecare abbondantemente, e qui mi fermo perché potrei scadere nello scurrile. E' ravvisabile una malafede irrazionale nelle scelte del governo di M.M., che ha fatto tutto l'opposto di quello che andava fatto, al di là delle certe responsabilità dei governi precedenti: lui ha dato il calcio che ha precipitato l'Italia dall'orlo del baratro sul fondo. Ha fatto lo scemo apposta per creare confusione ed agire indisturbato. Inoltre ci ha anche preso per i fondelli creando un sito dove raccogliere opinioni della popolazione sulle proposte da inserire in una "spending review". Sono tutte tecniche di manipolazione mediatica e, mentre noi siamo qui a discutere e ad insultarci a vicenda, loro ce lo mettono in quel posto e realizzano il loro piano. E milioni di persone, probabilmente, moriranno nei prossimi anni per inedia e per mancanza della possibilità di sostentarsi (in assenza di lavoro), se non diamo una decisa sterzata alla situazione. Che Dio li stramaledica... ma non è sufficiente, dobbiamo agire. E non è facile decidere cosa fare in situazioni come queste, forse bisogna protestare violentemente per far sì che le cose cambino, e che gli uomini al potere facciano le cose giuste. Non dico altro.

Baloo

Lun, 08/04/2013 - 12:50

Un governo di servi dela Germania che vuole annientare l'INDUSTRIA MANIFATTURIERA ITALIANA: ITALIA LIBERA!!!

gpl_srl@yahoo.it

Lun, 08/04/2013 - 14:35

quando un governo non è nemmeno in grado di identificare l' ammontare dei propri debiti non si può parlare solo di ridicolo ma di sfacelo: ecco dove siamo arrivati con Monti che non ha nemmeno la più pallida idea del come affrontare una situazione che anche un imbecille come me saprebbe affrontare

Lino1234

Lun, 08/04/2013 - 15:25

#Pinus3. Lei si che è un bel ..... VOLPINO. Saluti. Lino

mbotawy'

Lun, 08/04/2013 - 15:45

Tipica piaga del nostro paese e'la "dabbenaggine italiana". Ora che i nodi vengono al pettine, ci si accorge dolorosamente,chi e' e cosa ha fatto questo "tecnico della Bocconi",questo Deus est maquina. Ha servito la U.E. e disservito l'Italia. Per questo ingovernabile paese ci vuole un esperto conduttore di mentalita' e di saper fare "all'italiana",no un timorato servitore dei transalpini.

procto

Lun, 08/04/2013 - 16:10

mbotawy' "Deus est maquina"??? Capisco la sua diffidenza verso chi ha frequentato al Bocconi, ma se non si ha familiarità col latino, meglio evitarne l'utilizzo.

Ritratto di lohengrin08

lohengrin08

Lun, 08/04/2013 - 19:53

Il disastro Monti, è figlio del disastro Prodi.La sciagurata mentalità europeista del finto pacioccone, è stata ampliata dal bocconiano, ovvero una jella tira l'altra.