La farsa delle quote rosa manda al tappeto il Pd

Respinti con perdite tutti e tre gli emendamenti sulla presenza femminile in lista Boccia: "Mancano cento voti nostri". E le donne dem lasciano l'Aula per protesta

Roma - Respinte con perdite. La battaglia di genere per introdurre le quote rosa nella nuova legge elettorale finisce - nel segreto dell'urna - in una débâcle. E ora l'Italicum è a rischio: alle donne Pd furibonde che ieri sera hanno abbandonato l'aula per protesta e si sono riunite in assemblea si uniscono (trattenendo a stento il sorriso) tutti i nemici del patto Renzi-Berlusconi e tutti gli avversari del premier nelle sue stesse file. «Dopo questa botta - dice il bersaniano Nico Stumpo - rischiano di passare gli emendamenti che reintroducono le preferenze di genere». Una modifica che farebbe saltare l'accordo su cui si regge la riforma. Dalle file del Pd sono mancate molte decine di voti sulle quote rosa: tra i 40 calcolati da Emanuele Fiano e «il centinaio» evocato da Francesco Boccia. Rosy Bindi punta il dito contro Renzi: «Non può far finta di niente, sappia che è su cose come queste che finisce la legge elettorale. O siamo ancora ai 101?». Renzi avverte il pericolo, e interviene via Twitter: «Il Pd rispetta il voto del Parlamento sulla parità di genere, ma anche l'impegno della direzione Pd: nelle liste l'alternanza sarà assicurata». Ma il suo ex sfidante Gianni Cuperlo avvisa: «Adesso la legge elettorale è più fragile nel suo impianto, al Senato si dovranno discutere miglioramenti».
Con 335 no e 227 sì viene bocciato l'emendamento che avrebbe imposto l'alternanza uomo-donna nelle liste; con un margine ancora maggiore (344 no e 214 sì) quello che voleva la divisione fifty-fifty dei capolista tra maschi e femmine. E nel gran finale, con sorpresa di tutti, viene respinto anche l'emendamento-mediazione, quello che prevedeva un rapporto 60 a 40 per i capolista. Una Waterloo. Alla quale hanno contribuito anche molti parlamentari del Pd. Il bersaniano Dario Ginefra denuncia via Twitter: «Il voto di nostri numerosi colleghi è stato contrario ai principi di parità dello statuto Pd». Di certo, dietro la bandiera della parità di genere si era raccolto non solo il trasversale movimento delle parlamentari di tutti i gruppi, ma anche il variegato fronte di coloro che vedevano nelle quote rosa il grimaldello per scardinare il patto Renzi-Berlusconi sull'Italicum. Non a caso sono stati i bersaniani doc (Epifani, Stumpo, D'Attorre) ad intervenire in aula dicendo che, dopo la bocciatura della parità, la legge va «profondamente cambiata», e appellandosi ai grillini (che ieri hanno votato contro le quote, ma che ora annunciano il sì alle preferenze) per bloccare l'Italicum. Con una maggioranza opposta a quella costruita da Renzi sulle riforme.
Ieri mattina la situazione era ancora bloccata davanti al «no» di Forza Italia alle quote e all'indicazione netta arrivata da Matteo Renzi: nessuna modifica senza l'accordo dei contraenti del patto. Stallo in aula, sospensione della seduta, trattative ad oltranza. Al voto si è arrivati a tarda sera, dopo una lunghissima serie di dichiarazioni di voto accorate per perorare la causa delle quote. I grandi partiti avevano intanto raggiunto un'intesa metodologica: governo e gruppi parlamentari si sarebbero rimessi all'aula, senza prendere posizione pro o contro ma affidandosi alla «libertà di coscienza». Nel frattempo Fi ha fatto chiedere ad un congruo numero di suoi deputati lo scrutinio segreto. Con il retropensiero che, nel buio dell'urna, la carica trasversale dei maschi avrebbe difeso la poltrona. E così è andata. Oggi si va al voto finale.

Commenti
Ritratto di BIASINI

BIASINI

Mar, 11/03/2014 - 08:17

Si baloccano sulle quote rosa, sulla legge contro l'omofobia, sulle minchiate, mentre il paese va a puttane. Sfido io che Grillo vincerà. Gli regalano la vittoria su un piatto d'argento. Sono tanto idioti da non accorgersi di cosa sta di fatto succedendo. Un banda di incapaci e di idioti.

Salvatore1950

Mar, 11/03/2014 - 08:26

non e'passato l'emendamento sulle quote rosa? oh mio Dio..e adesso come faremo? che grande tragedia per l'Italia? ma chi l"ha detto che essere donna significhi essere necessariamente anche intelligenti..capaci..competenti? ma siamo seri e pensiamo ai veri problemi che affliggono l'Italia...

gioch

Mar, 11/03/2014 - 08:45

Solo commenti educati ed in linea?

Klotz1960

Mar, 11/03/2014 - 08:45

Che peccato!! Erano cosi' carine vestite di bianco!!

michele lascaro

Mar, 11/03/2014 - 08:49

Decisione della Camera da accettare senza piagnistei e manifestazioni isteriche. Insisto nel dire che i meriti si acquistano sul campo, che le donne che meritano più degli uomini sono moltissime e, solo per questo, dev'essere dato loro il giustissimo riconoscimento e avanzamento di carriera nel campo del lavoro. Ricordarsi che abbiamo avuto madri e abbiamo sorelle e figlie, cui dev'essere riconosciuta la giusta competenza. Tutto il resto è solo una eterna e stupida chiacchiera, che non giova alle donne (non al sesso femminile, Boldrini!).

Ritratto di mark 61

mark 61

Mar, 11/03/2014 - 08:50

Dopo questi scherzetti, spero che le deputate affossino questa legge elettorale, che non la votino compatte, e vediamo dove vanno i 101 con i loro sodali

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 11/03/2014 - 08:56

Una farsa. Siamo al livello dei personaggi della Grande Bellezza, privi di qualsiasi senso morale e aggrappati solo alle "cose" materiali. Diciamo con maggiore ponderatezza UNA BUFFONATA. Per conto mio chi ha perso di credibilità sono proprio le donne.

Salvatore1950

Mar, 11/03/2014 - 08:57

questa la dice lunga sulla serieta' dei sinistri : a parole sono tutti a favore poi nel segreto vengono fuori franchi tiratori...

berserker2

Mar, 11/03/2014 - 08:57

Guardate l'espressione e le facce delle tre nullafacenti del centro-destra. Si fanno i gestini, si ammiccano. Coi vestitini bianchi come da regolamento sinistrato. In quel momento ancora pensavano di vincere. Di vivere il "grande momento storico"! Poi hanno preso la tranvata che hanno preso e adesso se li fanno si i gestini, gli ammiccamenti, ma con gli occhi gonfi non è che ci vedono bene. Se queste sono le deputate del centro-destra, allora abbiamo sbagliato. VOGLIO le preferenze.....NON VOGLIO più votare per imposizione 'ste qui! Berlusconi le metta pure in lista, ma noi non le votiamo più! Andassero a pietire un posticino, un seggio al PD o a SEL. Lì stanno bene. Già il voto mio se lo sognano, ma se per avventura ci avessi potuto pensare, è grazie a ste tre e alle loro ridicole posizioni che proprio non lo vedranno mai! Ma pensa te che oltre alla Santanchè e alla Gelmini, le più serie sono state le deputate 5stelle!

linoalo1

Mar, 11/03/2014 - 09:02

Alla fine,la Ragione ha vinto!Lino.

papik40

Mar, 11/03/2014 - 09:03

La legge sulle quote rosa e' una stupidita' megagalattica. Perche' limitare ad una qualsiasi percentuale la loro partecipazione? Se sono veramente capaci voglio che il paese sia gestito dal 100% di donne ma che non siano, per fare degli esempi, sul livello di Kyenge, Boldrini, Fornero, Minetti etc etc

wrights

Mar, 11/03/2014 - 09:13

Chiacchere, lotta di potere tra i sessi, a seguire legge elettorale, avente come unico scopo quello di mantenersi le poltrone, allungando, stirando, contorcendo e ampliando, ogni voto a loro favore. E' proprio quello che ci serviva.

Ritratto di francefin

francefin

Mar, 11/03/2014 - 09:21

se io fossi donna, capace, e preparata, mi sentirei offesa, acc, mi confondo a scrivere al femminile, insomma offeso/a, se alcune mie "cogenere", fossero lì solo per il fatto di avercela uguale a me. E' molto meglio avere avversari, o compagni intelligenti e preparati, il parlamento non è un salone di bellezza, o una sala di parrucchiere con buona pace dei sinistroidi. per tutto il resto ripeto..povera italia poveri noi!

KALOSITALY@GMAIL.COM

Mar, 11/03/2014 - 09:28

Illegittime le "quote rosa" in materia elettorale CORTE COSTITUZIONALE - sentenza 12 settembre 1995 (già circa vent'anni addietro il Giudice delle leggi affermava che sono costituzionalmente illegittime le norme elettorali "che impongono nella presentazione delle candidature alle cariche pubbliche elettive qualsiasi forma di quote in ragione del sesso dei candidati" e dichiarava illegittimo l’art. 5 della legge n. 81/1993, nella parte in cui prevedeva, per le elezioni nei Comuni con meno di 15 mila abitanti, che: "Nelle liste dei candidati nessuno dei due sessi può essere di norma rappresentato in misura superiore a due terzi"). TRATTO DA LEXITALIA.IT

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 11/03/2014 - 09:48

@berserker2 OK, concordo in pieno sulle sue affermazioni. Quanto al prossimo voto non ho pregiudiziali, ma certo che non vorrei che di nuovo servisse per eleggere personaggi come la Polverini, reduce da una disastrosa gestione del potere nel Lazio. Credo che senza possibilità di esprimere la preferenza per il meno peggio me ne resterò a casa.

Ritratto di martello carlo

martello carlo

Mar, 11/03/2014 - 10:10

Vogliamo dire alle SIGNORE ed in genere ai vetero comunisti, che la parità di genere è ANTICOSTITUZIONALE in quanto PALESEMENTE DISCRIMINANTE? Il PD sulla parità di sesso è d'accordo, nonostante questo e nonostante il malcontento che potrebbe ingenerare in VENDOLA, CROCETTA e accoliti? Bene lo inserisca nel PROPRIO statuto e ci vada alle elezioni, ma la finiscano i bersaniani, i giovani turchi, le compagne in biancorosso di rompere e cercare pretesti per affossare l' italicum che non vogliono, non perché sia fatto male, ma perché c' entra BERLUSCONI: è il solito modo di agire che ha affossato il Paese: " MUOIA SANSONE CON TUTTI I FILISTEI ". Spero che la tragicommedia finisca e si concluda come in " LISISTRATA " con un semplice sciopero del sesso ARISTOFANEO delle onorevoli suffragette d' antan biancovestite. A QUANDO INVECE UNA SERIA DICUSSIONE SULLA RIAPERTURA DELLE CASE CHIUSE?

Ritratto di VT52na

VT52na

Mar, 11/03/2014 - 10:19

... ma «quante perdite» (ma non fraintendete) ...

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 11/03/2014 - 10:34

Ora , finalmente, disponiamo di una spiegazione alla nascita delle dittature.

Giorgio5819

Mar, 11/03/2014 - 10:38

Dopo tutto questo sbattimento sulle inutilità qualcuno ancora voterà questa sinistra...è questo il vero problema dell'Italia

gianrico45

Mar, 11/03/2014 - 10:43

E' stato solo un trucco partorito dall'alto e dall'area SEL per poi spianare la strada alle quote immigrati e gay,purtroppo l'istintività delle donne le ha fatte abboccare in tante.

Agostinob

Mar, 11/03/2014 - 10:49

Trovo, nella mia vita lavorativa, donne intelligenti e uomini idioti ma anche viceversa. Pensare che, nel privato, un'azienda assuma in modo pari uomini e donne perché così vuole la moda è tanto stupido quanto assurdo. Si assumono persone che valgono; che sanno fare quello per cui andranno pagate. E le donne non si rendono conto di quanto sia stupida e contro loro stesse una insistenza per ottenere una parità a tutti i costi. Di fatto, volerla per legge, significa che senza, non potrebbero mai essere alla pari con gli uomini e quindi la cercano per obbligo. Come dire che per dimostrare la loro capacità deve essere data, per legge, una "preferenza" a loro. Quindi, sono esse stesse che così facendo si sentono inferiori all'uomo a tal punto da volere questo. In altri termini (farò incavolare qualche donna) vogliono essere alla pari ma non per capacità provata quanto per un obbligo. Ossia, pretendono un vantaggio in quanto donne. C'è in tutto questo ragionamento una incongruenza: "voglio essere pari a te ma contemporaneamente mi devi trattare meglio perché sono donna". In realtà la vera parità sta nel saper lavorare e dimostrare d'essere pari. E se si è pari, nessuno nega loro la possibilità di avanzamento. Vi sono donne splendide e capaci che da questa quota rosa ne uscirebbero sminuite. Ma le donne sono così: brave ma a volte anche irrazionali. Cordialità

cesaresg

Mar, 11/03/2014 - 11:06

Se fossi una donna mi offenderei pensando che per andare sul cadreghino del Parlamento o in altri cadreghini ci vuole una legge che contempli le "quote rosa". Qui non si tratta di animali che devono essere difesi per possibilità di estinzione, essere eletta come senatrice o deputata, deve essere fatto per le capacità, intelligenza che vengano riconosciute dagli elettori, e non per una legge stupida e incostituzionale. Le donne che pretendono di essere elette solo per merito di una legge stupida sono anch'esse stupide.

cameo44

Mar, 11/03/2014 - 11:19

Questa storia del genere ha stufato un pò è una leggenda metropolitana che le donne siano più capace degli uomini prova ne è la Ex ministra Fornero ha solo prodotto guai leggasi esodati e non ha creato un solo posto di lavoro ma non è la sola possiamo parlare della Bindi della Melandri non dimendichiamo la Russo Iervolino e tante altre ancora ca pitanate dall'attuale Presidente della Camera Boldrini persona incapa ce ma solo presuntusa essere donna non è certamente sinonimo di capace o inteligente l'inteligenza e la capacità non appartiene al sesso di incapci e sprovveduti ce ne sono in abbondanza sia di donne che di uo mini quindi le liste si devono fare di persone capace e preparate a prescindere dal sesso e in uno stato libero e democratico non può es sere una legge a stabilire per chi votare ma devono essere i cittadi ni liberi di scegliere a prescindere dal sesso queste pretese e pro teste sono eccessive e fuori luogo visto che tante donne rivestono incarichi importanti abbiamo prefetti questore magistrati dirigenti nella publica amministrazione e anche nelle imprese le donne valide vanno avanti a prescindere dalle leggi quidni finiamola con questa solfa e farsa all'italiana pensiamo a veri problemi se vogliamo parla re di diritti diamo un lavoro ai capifamiglia a prescindere dal sesso mentre abbiamo famiglie di quattro persone con quattro stipendi e fa miglie di seipersoned senza alcuna entrata distribuiamo meglio le poche risorse ed opportunità è tutta una lamentela per le poche donne occupate ma aprendo le varie rete televisive si vedono solo donne co me nei supermertcati e non solo

pollicino46

Mar, 11/03/2014 - 11:27

Invece di occuparsi del paese ci si occupa delle quote rosa!! Non male come inizio in politica delle donne. Poi il resto verrà in sequito quando all'entrata in parlamento le deputate sfileranno sulla passerella come ad una sfilata di moda. Poveri noi come siamo finiti in basso!!

Ritratto di kinowa

kinowa

Mar, 11/03/2014 - 11:49

Ci mancavano le quote rosa ora chiamate di genere. E che vor dì avrebbe detto un noto comico, genere maschile e femminile? ed allora, i gialli, i caucasici, i negri, gli islamici, i gay, i trans operati e quelli no, gli omofobici, gli omosessuali, le lesbiche e per finire i castani, i biondi, i rossi, quelli tinti ecc, di questo passo di genere in genere si arrivera ad aver in parlamento per legge uno di tutti alla faccia della meritocrazia. In democrazia non vanno messi vincoli o preferenze, si parte tutti alla pari e chi piu ha voti governa. Ripensandoci i maschi sono svantaggiati del numeri esiguo rispetto alle donne, per cui se le donne votassero le donne, in parlamento andrebbero pochi maschi. Meditate.

Ritratto di EstiqaatsiX

EstiqaatsiX

Mar, 11/03/2014 - 12:09

Dum Romae consulitur, Saguntum expugnatur

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Mar, 11/03/2014 - 13:44

La legge attuale non fa distinzione di sesso. Questo vuol dire che potrebbero essere elette anche tutte donne (quindi non solo il cinquanta per cento) e nessuno avrebbe niente da ridire. E' proprio vero: le donne hanno delle ragioni che la ragione non conosce!!!

fisis

Mar, 11/03/2014 - 13:56

Per analogia, mettiamo le quote rosa anche sull'esercizio della professione medica? Ma chi si farebbe operarare da un chirurgo donna ma incompetente, solo per rispettare il diktat delle quote rosa?

Giorgio1952

Mar, 11/03/2014 - 19:56

berserker2 le tre nulla facenti chi ce le ha messe? La parità di genere chi non l'ha voluta nonostante il suo amore per le donne, che ha chiesto il voto segreto per far cadere l'emendamento? Mi pare che lei almeno abbia aperto gli occhi e non voti più questo insulto alla intelligenza degli italiani, sei milioni dei quali lo hanno capito alle ultime politiche.