Forconi, scontri a Torino Ma i dimostranti «buoni» abbracciano gli agenti

Dal Piemonte alla Sicilia è blocco, violenti infiltrati guastano la protesta. Ma dove le piazze sono tranquille le forze dell'ordine tolgono i caschi

Diavoli. Con forconi d'ordinanza. Da usare metaforicamente (ma, forse, neanche troppo metaforicamente) per rispondere alle «angherie» delle istituzioni in Italia e in Europa, all'oppressione delle tasse, al disinteresse della politica nei confronti dei bisogni della gente comune. Stanti queste premesse, ieri il «movimento dei Forconi» ha scatenato la più furiosa delle proteste bloccando l'Italia con manifestazioni e presìdi un po' ovunque, dal Veneto alla Campania, dalla Lombardia a Palermo, dalle Marche alla Sardegna. Ma le forze dell'ordine per qualche minuto si tolgono i caschi, laddove i manifestanti sono studenti, imprenditori, gente comune, scatta anche l'abbraccio con gli agenti. E sui caschi è giallo. L'avranno fatto per solidarizzare con chi è in piazza? La notizia rimbalza subito in internet. Dopo qualche ora arriva la smentita, attraverso una nota della Questura di Torino: «I poliziotti impegnati nei servizi di ordine pubblico si sono tolti il casco perché erano venute meno le esigenze operative che ne avevano imposto l'utilizzo». Non è vero che gli agenti intendevano esprimere la loro condivisione della protesta. Eppure il segretario nazionale dell'Ugl Polizia di Stato, Valter Mazzetti, dopo aver fermamente condannato le violenze di Torino, si era affrettato ad aggiungere queste parole: «Condividiamo e plaudiamo al gesto di quei poliziotti che si sono tolti i caschi in segno di solidarietà con quella parte dei manifestanti che ha pacificamente mostrato il proprio disagio per la grave crisi che attraversa l'Italia». Conferma il gesto di solidarietà anche il Siulp: «Togliersi il casco in segno di manifesta solidarietà e totale condivisione delle ragioni a base della protesta è un atto che dimostra che la misura è colma».
Tornando alla cronaca dell'infuocata giornata, particolarmente dura è stata la situazione a Torino, dove si sono radunate oltre 2mila persone del «Coordinamento 9 Dicembre». Tra loro anche alcuni ultrà della tifoseria calcistica. Contro le forze di polizia, schierate in assetto antisommossa davanti al palazzo della Regione Piemonte, in piazza Castello, è stato lanciato di tutto: bottiglie vuote, sassi, mattoni, petardi e bombe-carta. La polizia ha risposto con gas lacrimogeni nel tentativo di disperdere la folla. Con tram fermi e negozi costretti a chiudere, i manifestanti hanno invaso i binari delle stazioni di Porta Nuova e Porta Susa, bloccando per circa un'ora anche il traffico ferroviario. Gli scontri sono avvenuti anche davanti alla sede di Equitalia, in via Arsenale, e davanti alla sede dell'Inps, in via XX Settembre mentre all'Ufficio delle Entrate, in corso Bolzano, una cinquantina di contestatori armati di pietre, hanno tentato di danneggiare le vetrate dell'ingresso. Bilancio: 14 feriti tra le forze dell'ordine e un arresto, un giovane di 19 anni con precedenti specifici.
Già nella notte, tra domenica e lunedì, è scattata, invece, la protesta in Veneto degli autotrasportatori nel segno di «L'Italia si ferma». A guidarla i «forconisti», e i «Liberi imprenditori federalisti» della Life, che hanno messo in atto 19 presìdi concentrati ai caselli autostradali. I manifestanti hanno messo di traverso i loro mezzi pesanti nei pressi degli accessi autostradali bloccando la circolazione. A Milano e in provincia, presìdi ad Arese, ai cancelli dell'ex Alfa Romeo, Rho e Pero, alla Fiera, e agli svincoli autostradali di Assago, Molino Dorino, Monza (sede di Equitalia e Palaiper). Manifestanti del movimento anche alle porte di Varese. Tensione anche a Roma, con i blitz del Movimento sociale per l'Europa alla Regione e 11 persone denunciate. E alta tensione in Liguria (anche a Genova i contestatori hanno invitato i carabinieri, in assetto antisommossa, a levarsi i caschi e i militari, dopo qualche minuto di perplessità, se li sono tolti). Circa un centinaio di manifestanti poco dopo le 14 ha occupato i binari della stazione di Genova Brignole, alla stazione di Imperia e tra Diano Marina e Arma di Taggia, con blocco della circolazione dei treni sulla Genova-Ventimiglia. Un corteo è sfilato nel centro città e si è fermato davanti alla sede dell'Agenzia delle Entrate, in via Fiume, dove sono state lanciate monete contro i vetri e sul portone è stato affisso un cartello: «Assassini».

Commenti

gioch

Mar, 10/12/2013 - 08:52

Dov'erano i "gerarchi " sindacali?A qualche convegno con Della Valle,Riccardi compagnia Builderberger? Camusso che sciopera quando al governo c'è la sinistra? Ma per favore!

angelovf

Mar, 10/12/2013 - 09:02

Potrebbero essere i dimostranti ad aggredire gli infiltrati, tra coltivatori si conoscono,e poi si vede l'atteggiamento dei rivoltosi, anche dal abbigliamento, qundi non trovassero scuse, la violenza non e perdonabile nemmeno dai poveri. I coltivatori non caschi o sono incappucciati.

mares57

Mar, 10/12/2013 - 09:17

Non avete capito o non volete capire. Sono con loro ed è inutile che fingiate che la protesta sia folkloristica solo perchè sindacati e politicizzati sono esclusi. Spero si vada avanti, certo che ci saranno infiltrati, così come malelingue sui giornali e in politica, ma le bandiere erano solo tricolori e i carabinieri come i poliziotti difendono l'Italia in primis, il tricolore. L'Italia s'è desta ed era ora. Speriamo che non si fermi e non si faccia più infinocchiare da chi finge di essere dalla loro parte e in realtà pensa ai cadreghini suoi.Siano in Parlamento che ai giornali.(Gli infiltrati sono stati fermati dal popolo in piazza e le notizie vanno date per intero).Ieri sera ho sentito giornalisti, che cercavano di sminuire la portata di tutto ciò perchè non sanno chiedere cose precise. Ridicolo.

linoalo1

Mar, 10/12/2013 - 09:42

Brutto segno,quando le Forze dell'Ordine si mescolano consenzienti con i dimostranti!Può voler dire in imminente Colpo di Stato!Io starei molto attento!Lino.

tetricus

Mar, 10/12/2013 - 09:47

Perché non riferire i fatti? O forse fa un po' paura? Poliziotti e carabinieri che si sono tolti il casco o hanno baciato i manifestanti lo hanno fatto per solidarietà con loro. Va da sé che se solidarizzi non esiste più pericolo. Perché drogare le notizie?

terzino

Mar, 10/12/2013 - 10:21

Movimento di gente comune lontana dalla politica, partiti e sindacati perchè costoro sono lontani dalla gente comune, dalle sue necessità e dal suo grido di dolore. Se i poliziotti si son tolti il caso è perchè in quei momenti la manifestazione era tranquilla, civile e d anche loro dovrebbero manifestare perchè va bene essere servitori dello Stato ma non schiavi. Perchè quando per 5 anni consecutivi ci si vede bloccato il rinnovo del contratto di lavoro in nome dell'austerità, in barba alla specificità per legge del contratto, perchè viene concesso loro solo 1/6 degli aumenti per avanzamento di grado, perchè tanti di quei diritti sono loro negati è evidente che vengano trattati alla stregua di servi ai quali viene dato solo l'osso dopo che i politicanti hanno mangiato la polpa. Possibile che nessuno se ne renda conto?

gneo58

Mar, 10/12/2013 - 10:28

per Mares57 - vero l'ho sentito anche io e non so con che coraggio certi giornalisti parlano - comunque se fossi un politico comincerei a farmela sotto, secondo me stiamo vedendo l'elastico tirato al massimo che sta per spezzarsi, o fanno veramente subito qualcosa o saranno c...i amari (purtroppo per tutti, anche per chi non ne puo' niente)

Zizzigo

Mar, 10/12/2013 - 10:30

Sarà opportuno ricordare che Gandhi è morto. Non ne abbiamo a disposizione un altro... e la testa dei nostri politici è talmente tosta che, purtroppo, non si riuscirà mai ad ottenere nulla con la filosofia della "non violenza". Se succederà qualche increscioso evento, sarà per colpa di una politica eccessivamente oppressiva!

Damiano Guerra

Mar, 10/12/2013 - 10:33

Sappiamo tutti di che stampo è questa protesta nonostante si dichiari apolitica, si sa per esempio come a Verona Forza Nuova sia particolarmente attiva, mi pare ovvio che i poliziotti si levino il casco visto che hanno riconosciuto tra i manifestanti i loro camerati e quindi sanno che non sussiste alcun pericolo. D'altra parte quando si parla di no tav che protestano perchè temono per la salute loro e dei loro figli partono le manganellate, quando a protestare è la peggior feccia di estrema destra e leghista con il chiaro scopo di scardinare le istituzioni allora scatta la solidarietà dei manganellatori. A forza di gridare al colpo di stato vuoi vedere che qualcuno lo ha messo in pratica?

Ritratto di sgnorrossi

sgnorrossi

Mar, 10/12/2013 - 10:41

a me pare una potesta abba confusa come intenzini di gente abba disperata, ovviamente vanno rispettati e scoltati ma non facciamone i salvatori del paese..

buri

Mar, 10/12/2013 - 10:53

quel abbraccio dovrebbe fare riflettere i politici ed anche i commissari UE tipo Olli Rehn, e tutti i palasini del rigore akka tedesca, se le forze dell'ordine iniziano a solidarizzare con i manifestanti è la fine, ricordatevi come è iniziata la caduta di Allende in Cile, se non lo ricordate vi rinfresco la memoria, sciopero degli autotrasportatori e manifestazione delle massaie che sfilavano battendo i mestoli sulle pentole vuote, c'è un singolare parallelismo con i forconi, tutti hanno capito che il rigore ci porta alla morte, e lo sa anche la Merkel alla quale va bene perché vi luvra la Germania

DrDestino

Mar, 10/12/2013 - 11:11

Non sorprende, questi sono guidati da Forza Nuova e da sempre magistratura e forza pubblica sono di destra. Di certo non mi aspettavo carcere per i manifestanti come d'abitudine della magistratura , ne i pestaggi, le torture o le false prove cosi in auge tra la polizia. Una faccia una razza, tutti amici tra una pacca sulla spalla e la suoneria dell iphone con Giovinezza

Paolo avvocato ...

Mar, 10/12/2013 - 11:17

il giorno che i poliziotti sottopagati e infangati anche dai governi di cdx toglieranno davvero gli elmetti vi cagherete addosso tutti e forse apprezzerete di più il loro lavoro

yulbrynner

Mar, 10/12/2013 - 11:19

bello che ch ie' stipendiato dallo stato, forze dell'ordine e abbia meno problemi, capisca le esigenze di chi ha problemi chi ha perso il lavoro chi non ha lavoro

Fabioz

Mar, 10/12/2013 - 11:23

Risulta imbarazzante che manifestazioni di questo tipo vengono tenute "nascoste" dai media ! Anche altre testate giornalistiche danno risalto alla morte di Mandela o a Renzi superstar, ma questa è la miccia che si è accesa ! La gente comune è in piazza !! Non è una manifestazione gestita dai sindacati politici attenzione è una cosa profondamente diversa ! Mi sembra che i media abbiano addottato la stessa identica tecnica usata per i grillini, non curanza e completa indifferenza! che schifo

Ritratto di cldfdr

cldfdr

Mar, 10/12/2013 - 11:26

Adesso si capisce perchè siamo a rotoli I sig. questori giustificano la schifezza degli agenti collusi con I dimostranti: Speriamo che quanto successo riguardi solo la Polizia (già poco considerate dalla gente)e non abbia coinvolto uomini dell'Arma, se così fosse una bella legnata per la fiducia ed ammirazione dei cittadini per I Carabinieri!)

Ritratto di Montagner

Montagner

Mar, 10/12/2013 - 11:26

LA MUCCA 2 Tollerante, e sperando che la richiesta fosse provvisoria, eccezionale e breve per un certo periodo, la mucca riuscì a produrre i litri richiesti, poi . . . i capezzoli, oltre ad essere arrossati, si ammalarono, comparvero delle ragadi, e la produttrice a cottimo di latte si ritrovò con le mammelle malate: fu diagnosticata una bella “mastite”. La produzione di latte precipitò, a mala pena riusciva a farne 10 litri e, soprattutto, ogni qual volta il contadino veniva a mungerla era assalita da dolori lancinanti alle mammelle. Il piacere di un tempo si trasformò in sofferenza e in dolori insopportabili continui: inoltre ogni qual volta vedeva avvicinarsi il contadino era assalita dal panico e presa dall’angoscia, non riusciva a capacitarsi del perché egli fosse diventato scortese, pretenzioso e ad offenderla chiamandola “vacca”. Si accorse di essere in una via senza uscita, il contadino divenne sempre più violento: la bastonò pur di ottenere i litri di latte previsti! Seppe che alcune sue colleghe erano riuscite a scappare da questa situazione andandosene all’estero. Un giorno, non potendone più, aspettò l’arrivo del contadino e con un colpo singolo lo incornò.

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Mar, 10/12/2013 - 11:33

Questa, é la gente che protesta contro lo Status Quo delle riforme in Italia,perche se in un Paese non si fanno le riforme, questo Paese é condannato a morire!. Senza, le riforme che Avrebbero dovuto aiutare il nostro Paese l,italia morirá, é chi si é sempre schierato contro le riforme é stato il PDPCI!, Adesso i Komunisti Italiani dovranno fare i Conti con della gente che ha i coglioni pieni delle loro manovre tese a favorire i giudici e magistrati, invece di fare quelle riforme che dovevano aiutare il Paese!. Il, komunismo non ha mai portato lavoro é ricchezza, anzi nel nostro paese questa Idelogia ha costretto in un paio di anni gli Imprenditori ad andarsene portando con se 1,6 milioni di posti di lavoro oltre frontiera, io mi ricordo che tutti i komunistronzi che scrivono qui le loro minkiate erano felici se gli imprenditori andavano via dall,Italia!. Ora, questi idioti piangono lacrime di coccodrillo dicendo che la colpa di tutto cio é di Berlusconi. Ma, dove erano questi cretini quando i giudici davano Ragione alla Cgil- Fiom in ogni processo che questo sindacato faceva contro i datori di lavoro?, ma non erano i komunistronzi che si rallegravano che i lavoratori che facevano atti di sabotaggio, vincevano tutti i processi intentati contro di loro?!. Adesso, che la gente non ha piu un lavoro é un salario, Che la gente con i Forconi andassero alla cgil- fiom, é dai Camusso e Landini insieme ai Giudici é Magistrati a chiedere lavoro é salario!.

Ritratto di Montagner

Montagner

Mar, 10/12/2013 - 11:39

Mi sorprende la superficialità, spesso condita con arroganza, di alcuni commenti. La disperazione è una brutta bestia e quando qualcuno non ha più niente da perdere fa qualunque cosa. NON sottovalutate quello che accade perchè gli sconvolgimenti non accadono solo in quanto sono motivati dai cosiddetti alti pensieri, essi accadono proprio a fronte di problemi quotidiani.

Ritratto di Montagner

Montagner

Mar, 10/12/2013 - 11:56

LA MUCCA 1 C’era una volta una mucca, mangiava l’erba e faceva latte per il suo contadino, che si divertiva a toccargli le mammelle e a strizzargliele. Anche lei era felice, in cambio di latte mangiava, dormiva e . . . . gli palpeggiavano le tette. Ogni giorno dava 27/30 litri di latte, la vita era luminosa: lei era felice e il contadino pure. Poi . . . un giorno il contadino cominciò a pretendere che la produzione di latte passasse da 27/30 litri a 32/35 litri. La mucca, un po’ perplessa e con fatica, si diede da fare e rendendo felice il contadino iniziò a produrre 32/35 litri di latte il dì. Di converso la mucca iniziò a notare, come effetto collaterale di quella super produzione, che i capezzoli delle sue mammelle si erano arrossati e gli procuravano un dannato fastidio. Fece buon viso a cattivo gioco e sopportando quel malessere continuò a produrre 32/35 litri di latte al dì. Il contadino era felice, lei un po’ meno, ma tant’è. In seguito, su sollecitazione di un contadino tedesco, il suo la invitò, visto che era in grado di fornire tutto quel latte, a produrne di più, e in questo modo raggiunse la stratosferica cifra di 40 litri al dì.

yulbrynner

Mar, 10/12/2013 - 12:14

X ESPOSITO LAGENTE CHE PROTESTA non ha etichettatura politica c'e di tutto e di piu' da chi della politica non gliene puo fregare di meno e non la segue e non s'interessa e probabilmente manco va a votare da persone di estrema destra estrema sinistra si proprio quelli la' i comunisti ...orm,ai in Italia 4 gatti ma x chi c'ha ilchiodo fisso come te nevede decine di milioni ENRICO BERLINGUER era un comunista criticabilissimo x la sua fede politica ma un uomo di grande integrita morale come tra l'altro SANDRO PERTINI , non i politicanti tutti da strapazzo che abbiamo oggi ,quell ierano uomini con valori e ideali oggi conta solo la poltrona del popolo gli frega nulla a nessuno o quasi.

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Mar, 10/12/2013 - 13:54

Questa, é la gente che protesta contro lo Status Quo delle riforme in Italia,perche se in un Paese non si fanno le riforme, questo Paese é condannato a morire!. Senza, le riforme che Avrebbero dovuto aiutare il nostro Paese l,italia morirá, é chi si é sempre schierato contro le riforme é stato il PDPCI!, Adesso i Komunisti Italiani dovranno fare i Conti con della gente che ha i coglioni pieni delle loro manovre tese a favorire i giudici e magistrati, invece di fare quelle riforme che dovevano aiutare il Paese!. Il, komunismo non ha mai portato lavoro é ricchezza, anzi nel nostro paese questa Idelogia ha costretto in un paio di anni gli Imprenditori ad andarsene portando con se 1,6 milioni di posti di lavoro oltre frontiera, io mi ricordo che tutti i komunistronzi che scrivono qui le loro minkiate erano felici se gli imprenditori andavano via dall,Italia!. Ora, questi idioti piangono lacrime di coccodrillo dicendo che la colpa di tutto cio é di Berlusconi. Ma, dove erano questi cretini quando i giudici davano Ragione alla Cgil- Fiom in ogni processo che questo sindacato faceva contro i datori di lavoro?, ma non erano i komunistronzi che si rallegravano che i lavoratori che facevano atti di sabotaggio, vincevano tutti i processi intentati contro di loro?!. Adesso, che la gente non ha piu un lavoro é un salario, Che la gente con i Forconi andassero alla cgil- fiom, é dai Camusso e Landini insieme ai Giudici é Magistrati a chiedere lavoro é salario!.

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Mar, 10/12/2013 - 14:17

#yulbrynner.Se questa gente se ne frega della politica allora questo é un male per loro, perche questa gente dovrebbe sapere perche in italia da 50 anni non si fanno quelle riforme che porterebbero l,Italia ad essere un Paese economicamente forte é solido!. Questo stato di cose io l,avevo previsto gia 4 anni fá, quando in Italia si é fatto il Referendum contro l,energia atomica, vedi che a me personalmente me ne frega di Berlusconi o di Bersani é anche di Napolitano, ma quando un Partito come il PDPCI fá bocciare ogni riforma di chicchessia solo perche sono i suoi rivali politici a volerle fare, allora questo Partito ha perso ogni diritto di parlare per conto del Popolo!. In ogni Paese serio quando c,é una crisi cosi spaventosa da minacciare il bene dei cittadini, non si puo é non si devono frenare quelle riforme necessarie al Popolo é al paese, ma anzi l,opposizione é il governo devono fare fronte comune per prendere di petto la crisi, senza andare in Giro per il Mondo é infangare il proprio Premier,é Inventare processi per far male al proprio Paese!. In italia tutti lo sanno che i processi contro Berlusconi sono processi politici, é il PDPCI é il mandante di Giudici é Magistrati che vogliono solo mantenere i propri privilegi evitando la riforma della Giustizia!. il PDPCI ha il 90% DI COLPA DI QUESTO STATO DI COSE! É SE LA GENTE CON I FORCONI NON LO SÁ; ALLORA FAREBBBE BENE AD INFORMARSI!.