Imu e agibilità politica, chi rischia è la sinistra

Sono Epifani e Letta che devono decidere cosa fare. Cioè se rompere il patto di alleanza-sudditanza con la magistratura o se comportarsi da killer su mandato di altri banditi

Piero Ostellino, ex direttore del Corriere della Sera, liberale di razza e gran conoscitore delle cose italiane, in un articolo pubblicato ieri dal Foglio di Giuliano Ferrara (che oggi vi riproponiamo), racconta con coraggio e lucidità quel «patto scellerato» tra magistrati, sinistra e giornali che per oltre vent'anni ha cercato di impedire l'affermazione di quel mondo liberale intercettato nelle urne da Silvio Berlusconi.

Penso che se un serio e schivo intellettuale, non certo a caccia di facile pubblicità, abbia sentito il dovere di uscire allo scoperto con tanta forza, vuole proprio dire che per le nostre libertà siamo a un passo dal punto di non ritorno. E il fatto che lo sfogo debba essere ospitato da un giornale diverso da quello per cui Ostellino lavora come opinionista, il Corriere della sera, significa che una libertà, quella di opinione, l'abbiamo già persa.

Non ho nessuna idea su cosa farà Silvio Berlusconi nelle prossime ore. Immagino che si muoverà per difendere come meglio riterrà le libertà sue e nostre, quelle di cui parla Ostellino. I falchi del Pdl hanno fatto capire che questa volta non si scherza col fuoco delle promesse generiche, le colombe stanno cercando di vedere se è possibile chiudere il cerchio.

Come andrà a finire lo sapremo nelle prossime ore, ma trovo che sia invece decisivo sapere al più presto che cosa farà la sinistra. Cioè capire se l'Italia può ancora ritenersi una Repubblica parlamentare o se quel «patto sciagurato» ci ha già proiettato in un regime giudiziario che ha come unico scopo fare fuori i nemici. Non è Berlusconi, ma sono Epifani e Letta che devono decidere cosa fare. Cioè se rompere quel patto di alleanza-sudditanza con la magistratura e decidere liberamente e serenamente in Parlamento il da farsi nel rispetto di tutti o se invece comportarsi da killer su mandato di altri banditi.

Devono decidere se rispettare i patti fatti col Pdl e con gli italiani di togliere l'Imu o ammettere che l'impegno preso all'insediamento del governo era solo uno stratagemma sulla pelle degli italiani per insediarsi a Palazzo Chigi. Sì, è vero. Sono ore decisive, ma per la sinistra, non per Silvio Berlusconi e il Pdl.

Commenti
Ritratto di Agrippina

Agrippina

Mer, 28/08/2013 - 10:27

in base all'art.66 della Costituzione,tocca al Senato decidere con voto.Proprio questo dimostra nei fatti che siamo una repubblica parlamentare dal momento che è il paramento a decidere sulla sorte dei suoi membri.Sostenere altri complicati e distorti ragionamenti che sfuggono a tale principio,significa esattamente l'opposto.

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 28/08/2013 - 11:49

Mi pare chiaro che il giudizio che deve essere dato dal Senato su Berlusconi è "POLITICO", non giudiziario, atteso che nel bel pese vige la ripartizione dei poteri PENSATA da Montesqieu ma POCO CONOSCIUTA non solo da un paio di donne politiche (quelle, che si sono scontravate in TV il giorno prima della definitiva condanna di Silvio), ma soprattutto dal SISTEMA costituzionale su cui è organizzato il Paese. Mi sembra ovvio che al Senato non è chiesto di “rispettare la sentenza”, come strepitano da sinistra, con l’occasionale accordo di M5S, ma di dare una valutazione POLITICA dei fatti. Quanto alla vicenda giuridica di Berlusconi in molti pensiamo che lo sgarro si sia verificato con l’assalto giudiziario al Cavaliere, i cui effetti ormai purtroppo paiono insanabili. La verità piena mai si conoscerà e bisogna solo lavorare per ricucire i danni provocati, naturalmente nell’INTERESSE DEL PAESE, non di Grillo ed Epifani.

Ritratto di nestore55

nestore55

Mer, 28/08/2013 - 16:21

Agrippina...Lei deve essere appena tornata dal paese dei balocchi...C'è chi sostiene che la marijuana non è nociva e chi dice che siamo in una Repubblica ( a differenza sua io adopera la maiuscola quando parlo della mia Patria!!)parlamentare...E' evidente che qualche cosa a entrambe non funziona, o ha smesso di funzionare da molto tempo...Si dia una guardatina dentro, ammesso che vi sia qualche cosa da guardare..E.A.

mezzagrogna69

Mer, 28/08/2013 - 16:31

scusate, ma se invece di evadere il fisco Silviuccio nazionale avesse pagato le tasse non sarebbe stato meglio? Quanti casini si sarebbero evitati? tra l'altro avrebbe pure dato il buon esempio...

gardadue

Mer, 28/08/2013 - 16:32

Smascherate LE IENE.!!SPIEGATE ALLA GENTE you tube guardatelo e capirete tutti di che pasta sono fatti i democraticifascisti ITALICI 1.288.262 visualizzazioni

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 28/08/2013 - 17:07

Insisto. Il vero problema è come evolverà la situazione politica dopo il voto in Senato su Berlusconi. A destra la Santanché e gli altri omologhi di turno devono capire - anche se per loro sembra essere difficile - che se al governo Letta sarà consentito di sopravvivere almeno fino all'autunno 2014, magari con il Cav in galera, il PDL avrà la possibilità di stravincere le prossime elezioni. Se invece a settembre i "duri" tipo Santanché faranno cadere il governo Letta, il Pdl è destinato a sprofondare nei consensi e con la caduta del partito spariranno molti dei "politici" incompetenti che albergano nelle sue fila. Non lo dice soltanto Ghisleri, basta sentire in giro cosa ne pensa la gente.

giovauriem

Mer, 28/08/2013 - 17:24

direttore sallusti,in più occasioni,lei ha scritto che la sinistra deve interrompere il patto scellerato con la magistratura militante di sinistra,lei è troppo navigato per credere che tra la magistratura rossa e gli schieramenti di sinistra,tutta piccola gente incapace, ci sia un patto alla pari,secondo mè le cose stanno diversamente, e cioè i magistrati tengono la sinistra sotto scacco,facendo sentire anche a loro il tintinnio delle manette(nei cassetti dei su detti magistrati ci saranno decine di faldoni che riguardano le malefatte della sinistra tutta)perciò in questa faccenda la sinistra"eletta"è legata alla magistratura con patto leonino obligatorio

tonipier

Mer, 28/08/2013 - 17:25

" NEMICI DELLA NAZIONE" Se tali rilievi tenesse in debito conto, il popolo italiano non potrebbe che impugnare la clava d'Ercole contro coloro che da decenni continuano a turlupinarlo, a circonvenirlo.

tiptap

Mer, 28/08/2013 - 17:35

Concordo su tutto. E' in corso l'aggressione piú grave del comunismo internazionale, che sta schiavizzando il mondo. Non c'è alcun progresso senza libertà, non c'è pace senza giustizia. E dico della giustizia vera, non quella falsa uguaglianza, ingiusta e mortificante, sbandierata dai comunisti ed imposta con la violenza. In Italia giustizia e libertà sono già in coma, come dimostra, per esempio, l'accanimento sfacciato contro Berlusconi, ma non solo. Cari amici, è ora di smetterla di preoccuparsi solo del proprio orticello o della punta delle proprie scarpe: è tempo di alzare la testa e difendere la verità, non il nostro eventuale piccolo momentaneo interesse. E di pregare, perché solo con l'aiuto di Dio ci possiamo salvare dall'abisso che incombe.

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Mer, 28/08/2013 - 17:53

L'ipocrisia sta nello scrivere "l'affermazione di quel mondo liberale intercettato nelle urne da Silvio Berlusconi." La concezione liberale ha come base una moralità talmente rigida da diventare vincolo non eudibile da chi la pratica. Non ci sarà pace se si continua a scrivere di teorie del tutto errate.

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Mer, 28/08/2013 - 17:57

@nestore55,lei se ne e' capace argomenti il contrario.Lo ribadisco,proprio perche' siamo una Repubblica Parlamentare,e' il Parlamento a giudicare la decadenza/permanenza dei propri membri,attraverso votazione della Camera d'appartenenza.Piu' semplice e chiaro di cosi'!

rbach

Mer, 28/08/2013 - 18:01

La decadenza da senatore non impedirà a Berlusconi di fare ancora il leader del centrodx e anche il presidente del consiglio in un futuro governo, visto che per fare il ministro, anche il primo ministro, non bisogna essere stati eletti. Quello che veramente si pretende quindi, in attesa di capire se si potrà evitare anche l'interdizione dai pubblici uffici e quindi la vera inagibilità politica, è che Berlusconi possa mantenere "l'immunità parlamentare". Visto che si pretende di essere diversi da tutti gli altri, si abbia almeno il coraggio di chiamare le cose con il loro vero nome.

Ritratto di IoSperiamoCheMeLaCavo

IoSperiamoCheMe...

Mer, 28/08/2013 - 18:07

Onestamente se la giunta e il senato votassero contro Berlusconi non vedo cosa avrebbero da perdere quelli del pd visto che chi vota da quella parte continuerebbe a votarli. Quindi cosa ci perderebbero? Inoltre con la cancellazione del imu per il 2013 (che sembra sia stata trovata la soluzione) se Berlusconi dovresse far cadere il governo come giustamente fa notare 02121940 chi rischia di perdere voti è il pdl stesso perchè sarebbe difficile far capire che il motivo che potrebbe portare l'Italia nel baratro sono i guai personali di Berlusconi. Non ci dimentichiamo che 38 milioni di Italiani alle ultime elezioni Berlusconi non se lo sono filati per niente nonostante lo specchietto per l'allodole come l'IMU. Penso che da questa situazione e facendo cadere il giverno Berlusconi e il Pdl hanno tanto da perdere.

Ritratto di mark 61

mark 61

Mer, 28/08/2013 - 18:08

Niente rimborso 2012 come promesso in campagna elettorale ritornerà nel 2014 sotto altro nome e non ci saranno sorprese come al solito sarà più cara è giusto un contemtino per il PDL nulla per il 2013 bisogna esser soddisfatti di questa bella trovata

rbach

Mer, 28/08/2013 - 18:10

Se mi tolgono l'IMU per sostituirla con una o più nuove imposte, e le imposte nuove sono sempre più alte delle vecchie, vengo a chiedere i soldi al direttore nosferatu principe delle tenebre.

csciara

Mer, 28/08/2013 - 18:11

E' dimostrata l'uguaglianza PDL=PD-L. Continuerò a votare M5S.

antisallusti

Mer, 28/08/2013 - 18:16

Sallusti, lei è veramente straordinario!!! Ma come, adesso a rischiare sarebbe la sinistra? E perché mai? Lasci perdere i pareri degli intellettuali, opinionisti e quant'altri, ma l'unico responsabile dello scempio italiano resta lui, Berlusconi! Se ne faccia una ragione. Sallusti, apra le orecchie e gli occhi che sono foderati col prosciutto. Il pregiudicato, corrotto e mascalzone che per vent'anni ha ingannato gli italiani per salvare sé stesso e i suoi beni, è solo Berlusconi! Il gioco di scaricare su altri le enormi responsabilità di questo individuo è, ormai, logoro finito e non regge più. La Cassazione ha emesso un verdetto su un delinquente incallito che abbiamo avuto la iattura di avere come presidente del Consiglio. Sarebbe bellissimo che tale individuo, anche per consegnarsi alla storia meno sciagurato di com'è, si renda conto che non c'è altra strada se non quella di rispettare la sentenza e DIMETTERSI. Smettendo finalmente di usare il Parlamento per i suoi scopi personali e restituendo al Paese quella dignità che da vent'anni non esiste più.

Tarantasio.1111

Mer, 28/08/2013 - 18:30

IMU va pagata, diversamente gli amici di sinistra non saprebbero come mantenere i loro fratelli che in questi giorni stanno sbarcando a frotte nel nostro paese. Czzo!

unosolo

Mer, 28/08/2013 - 18:37

praticamente la commissione deve salvare il Berlusconi , per il semplice fatto che non viene giudicato in quanto li agisce la giustizia , ma viene solo deciso se deve restare perche leader politico , quindi perche l'Epifani insiste in questione che lui non c'entra? . Perche egli crede di essere un leader , ma quando mai , è soltanto una pezza usata come tutti i predecessori sia nel sindacato che nel partito , praticamente no sfigato.

tonipier

Mer, 28/08/2013 - 18:59

" X GIOVAURIEM" Sono d'accordo con Lei su tutto, Le aggiungo, I più grandi ignoranti della società italiana militano nelle file Comunista,

giottin

Mer, 28/08/2013 - 19:21

Che il Cav negli ultimi 18 anni abbia subito un assalto giudiziario inverecondo è sotto gli occhi di tutti, ma qui siamo come quando processarono Gesù Cristo: Chi volete che venga liberato? La risposta fu barabba. Purtroppo per Silvio non ci sono altre vie, la decisione è stata presa nel '94: questo in qualunque maniera lo dobbiamo incastrare, ecco fatto. Ancora purtroppo solo post mortem verrà riabilitato, con tante scuse, ma sarà troppo tardi e soprattutto i suoi aguzzini saranno in pensione con stipendi favolosi e nulla avranno pagato!!!!!Bella roba, contenti kompagnoni maledetti???????

volp

Mer, 28/08/2013 - 19:34

Apprendiamo con gioia che Sallusti ha finalmente capito che l'Italia e' una Repubblica parlamentare e che pertanto il consenso popolare trova limiti quando si è' condannati con sentenza definitiva. Leggiamo con stupore che Violante viene definito giurista...chissà' fino a quando, insomma nulla di nuovo sotto il sole: un servo che legittimamente serve, a pagamento, il padrone ma il giornalismo e' altro.

giottin

Mer, 28/08/2013 - 19:37

Che il Cav. abbia subito da parte dei dipendenti statali troppo pagati e mai paganti, un attacco inverecondo da 18 anni è sotto gli occhi di tutti. Purtroppo siammo ritornati ai tempi del processo a Gesù Cristo: chi volete che venga liberato? La risposta della folla (komunista) fu Barabba. La decisione di farlo fuori con ogni mezzo è stata presa già nel '94, dava fastidio alla sinistra, checché se ne dica! E, di riffa o di raffa ci sono riusciti, non c'è più niente da fare, l'importatnte è che adesso non nuocia più e purtroppo solo post mortem verrà riabilitato, ma sarà troppo tardi i suoi aguzzini saranno tutti in pensione con stipendi favolosi e nulla avranno pagato mentre noi come "stato" saremo falliti ed i poveri kompagni (poveri nel vero senso del termine) saranno però soddisfatti. Bella roba!

giottin

Mer, 28/08/2013 - 19:49

Che il Cav. negli ultimi 18 anni abbia subìto da parte degli impiegati statali troppo pagati e mai paganti, un attacco inverecondo è sotto gli occhi di tutti. Per la serie a volte ritornano, siamo tornati ai tempi del processo a Gesù Cristo: chi volete che venga liberato? E la folla (oggi i deputati komunisti) gridò Barabba (ovvero i "giudici"). Purtroppo la fine di Berlusconi è stata decisa già nel lontano '94, in qualunque modo dovevano farlo fuori, dava noia ai kompagni. E di riffa o di raffa ci sono riusciti, oggi siamo al punto di non ritorno. Solo post mortem verrà riabilitato, forse con tante scuse, ma sarà troppo tardi, i suoi aguzzini più giovani saranno tutti in pensione con stipendi favolosi e nulla avranno pagato delle loro malefatte, però i kompagni saranno contenti, poveri (nel vero senso del termine) ma contenti. Bella roba, non c'è che dire!!!!

Gioa

Mer, 28/08/2013 - 19:53

ART 66 DELLA COSTITUZIONE FINALMENTE E' ORA CHE LA SINISTRA PAGHI...PER TANTI ANNI A NOI CHE NON SIAMO DI SINISTRA NON CI HAMMO PERMESSO LOR SIGNORINI DI PENSARE, DI PARLARE, DI FARE IL GIUSTO...LA GIUSTIZIA E' DI SINISTRA, I GIUSTICI E I MAGISTRATI LA MAGGIOR PARTE SONO DI SINISTRA....ORA EPIFANI CHE FINO AD OGGI TI SEI PRESO I SOLI DEGLI ISCRITTI E VIA E VIA.....BASTA VOI COMUNISTI AVETE STUFATO TUTTE LE ISTITUZIONI SONO SEMPRE STATE IN VOSTRO POSSESO...DA QUI SI SPIEGA UNA CRISI CHE DA ANNI....PROVARE APRIPPINA PER CREDERE...LE ISTITUZIONI DI SINISTRA HANNO FATTO SOLO I LORO INTERESSI....PER CHI HA PAGATO IN PRIMA PERSONA TI SA RACCONTARE...SICCOME L'ARTOLO 66 E' UNA LEGGE PER TUTTI CHE ALLORA IL SENATO DECIDA DI MANDARE A CASA EPIFANI E ISUOI AMICI...ALTRO CHE BERLUSCONI, TUTTE LE VOLTE LUI E I SUOI HANNO PROVATO IN SENATO E ALLA CAMERA A DIRE SOLO "BUONGIORNO" I COMUNISTI DOVEVANO PER FORZA DIRE BUONASERA ANCHE IN PIENO GIORNO......SPRITO DI CONTRADDIZIONE INNATO E CATTIVERIA....

Ritratto di maurocnd

maurocnd

Mer, 28/08/2013 - 22:18

Epifani??? Che persona inutile.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 29/08/2013 - 00:40

La pochezza intellettuale di certi personaggi del PD è uscita fuori tutta quanta con la vicenda giudiziaria di Berlusconi. HANNO PALESATO OLTRE OGNI DUBBIO LA TOTALE ASSENZA DI RISPETTO PER IL SISTEMA DEMOCRATICO DEL NOSTRO PAESE. Si sono affidati ai deliri golpisti di magistrati infedeli CHE HANNO TRADITO LA COSTITUZIONE E LA FIDUCIA DEI CITTADINI. FUORI LA POLITICA DALLA GIUSTIZIA.

gigo52

Gio, 29/08/2013 - 07:34

antisallustri(un nome una garanzia) il tuo scritto trasuda solo l' odio che ti annebbia la mente!!!!

Zizzigo

Gio, 29/08/2013 - 12:25

C'è chi crede ancora di vivere in un Paese governato dal popolo... com'è facile prendere in giro gli ingenui...

gedeone@libero.it

Gio, 29/08/2013 - 17:24

"""Comportarsi da killer su mandato di altri banditi""". Perfetto Direttore, li ha fotografati nella loro essenza!

tonipier

Gio, 29/08/2013 - 19:01

" IL DISTASTRO ITALIANO" Le nazioni che nella presente epoca continuano a precipitare in modo più rovinoso lungo la china della decadenza storica sono quelle nelle quali, attraverso la riesumazione della ideologia comunista, per demagogismo populista, è stata assecondata la espansione del sottoproletariato e della sua forza bruta, nelle quali è stato recepito o diffuso il falso mito delle masse destinate al ruolo di protagoniste del divenie politico-sociale.

moichiodi

Ven, 30/08/2013 - 15:15

sallusti, sono due mesi che il pd letta e napolitano devono risolvere il problema. dai continua ancora per altri mesi.....dai. ma perchè non lo risolve il pdl chiedendo a berlusconi di farsi da parte, o lo stesso berlusconi facendo il gesto più serio della sua vita da zuzzurellone, dimettendosi da una carica politica che non ha mai vestito nella sua essenza, ma ha utilizzato per le sue burlette. altrove per una tesina copiata ci si dimette e per un reato confermato in cassazione, spetta agli altri risolvere? ma dai, un poco di dignità e serietà! ma lo so che sono parole al vento. domani ancora un alltro "fondo" in cui ci si spiega che il pd ha un problema: berlusconi è stato condannato!

moichiodi

Ven, 30/08/2013 - 15:34

l'agibilità politica altrimenti si ferirebbe la democrazia? detto da chi chi è l'oligarca del pdl. ma poi la democrazia vuole che se uno è votato, anche se commette reati, deve stare in parlamento? questo modo di ragionare è uno spregio alla democrazia. se io vengo eletto perchè ad esempio ho molto denaro, o sono molto influente economicamente o per mafiosità, se vengo eletto sono comunque degno di stare in parlamento anche se ho commesso o commetto reati, altrimenti si offendono i miei picciotti? per me è molto pericoloso ragionare così, proprio per la DEMOCRAZIA!

benny.manocchia

Ven, 30/08/2013 - 16:15

Caro Direttore,teoria ("guardo","osservo" per i greci) nel linguaggio comune yb;idea nata in base ad una qualche upotesi, congfettura,speculazione o supposizione anche astratte rispetto alla realta'. La magistratura (si fa per dire) italiana sembra abbia usato la teoria del non poteva non sapere (la piu' grossa corbelleria che si possa applicare al giudizio dei magistrati). Negli Stati Uniti la Corte Suprema prima di avallare una condanna richiede montagne di prove.Soltanto dopo avere mostrato le prove e menzionato i nomi la condanna Mediaset ha validita'. Una grossa fetta del popolo italiano e' prontaletteralmente alle armi perche' non permetteranno che comunisti e magistrati comunisti prendano in mano le redini della nazione. A proposito di teorie:io potrei dire che Napolitano e' un imbroglione.E' una mia teoria.Pero' poi devo mostrare le prove altrimenti finisco gambe all aria. Un italiano in uSA