Al governo e tutti indagati: rischiano 4 sottosegretari Pd

Dopo il caso Gentile le grane per Renzi non sono finite. Ora Grillo e Sel chiedono le dimissioni di Barracciu, Del Basso de Caro, De Filippo e Bubbico. E la Bindi chiede la testa di Lupi

Gli indagati del Pd che siedono al governo

È la banda dei quattro. Tutti indagati. Tutti del Pd. Tutti con la poltrona (governativa) che scotta. Sono Francesca Barracciu, accusata di peculato nell'ambito dell'inchiesta della Procura di Cagliari sull'utilizzo dei fondi destinati ai gruppi del consiglio regionale sardo, che a causa di questa vicenduola fu convinta a ritirarsi dalla corsa per la presidenza della Regione Sardegna da Renzi, che l'ha ricompensata con la poltrona di sottosegretario ai Beni culturali. Umberto Del Basso de Caro, da pochi giorni sottosegretario al ministero dei Trasporti e delle infrastrutture malgrado sulla sua testa penda un'indagine della procura di Napoli per i rimborsi non rendicontati del Consiglio regionale campano. Vito De Filippo, premiato con la poltrona di sottosegretario alla Salute malgrado sia anche lui coinvolto nel filone lucano di Rimborsopoli. E Filippo Bubbico, indagato per abuso d'ufficio ma riconfermato viceministro dell'Interno.
«Quattro indagati per me posson bastare...», canticchia Beppe Grillo, che chiede le dimissioni dei (poco) magnifici quattro sulla scia dell'addio di Antonio Gentile. Non Grillo ma una sua senatrice, Daniela Donno, aggiunge alla lista un quinto nome, quello del presidente della commissione Agricoltura del Senato Roberto Formigoni, che si dovrebbe dimettere come «atto dovuto per rispetto delle istituzioni dopo il rinvio a giudizio per associazione per delinquere e corruzione nel caso Maugeri». Ai 5 Stelle si unisce Claudio Fava, vicepresidente della Commissione nazionale antimafia in quota Sel, che (in prosa) chiede le dimissioni dei membri del governo: «Mi sembra grave la distrazione con cui Renzi ha messo in piedi questa squadra senza avvertire prima i margini di rischio forte che c'erano su alcuni. Non abbiamo votato la fiducia, ma abbiamo suggerito a Renzi di fare seguire i fatti agli annunci rumorosi che ha fatto. E un primo passo dovrebbe essere un cambio di passo dal punto di vista etico su un esecutivo».
Colpisce di più però che a unirsi al coro dei «dimissionisti» sia un'esponente del Pd, ancorché assai lontana dal nuovo premier, come Rosy Bindi, che della commissione antimafia è presidente. La Bindi chiede la testa del ministro per i Trasporti e le Infrastrutture Maurizio Lupi, che sarebbe indagato dalla Procura della Repubblica di Tempio per concorso in abuso in atti d'ufficio per il pasticcio di una nomina a commissario dell'Autorità portuale sarda, ma fa un discorso che si allarga a tutti gli esponenti di governo: «Faccio appello al senso di responsabilità sia dei partiti, sia delle forze politiche che delle persone interessate. Ho chiesto al mio partito di fare una riflessione seria su questo aspetto perché sono stati usati due pesi e due misure, perché per gli stessi reati alcune persone non sono state neppure candidate, mentre altre siedono al governo». E poi: «Uno degli obiettivi dichiarati dal presidente del Consiglio è quello di rivedere il finanziamento pubblico dei partiti, mi pare evidente che essere indagati per il cattivo uso di quei fondi in questo momento non è opportuno».
Naturalmente sull'argomento forte è il pressing dell'Ncd, il partito che ha sacrificato Gentile: «L'indagine per noi - spiega Renato Schifani - non è presunzione di colpevolezza. Perché di fronte agli altri indagati che sono nel governo non si è scatenato lo stesso fuoco mediatico? Abbiamo deciso di congelare quel sottosegretariato, abbiamo chiesto a Renzi di non sostituirlo. Quando la vicenda sarà chiarita, Gentile potrà svolgere il suo ruolo».

Commenti

jakc67

Mer, 05/03/2014 - 10:14

Beh, a me me pare na strunzata... speriamo che il parlamento abbia la forza e sopratutto il coraggio di opporsi a questa gigantesca farsa populisticogiudiziaria avente evidentemente l unico scopo di indebolire ulteriormente, se possibile, la posizione dei parlamentari, tutti, mettendola in completa balia della nostra purtroppo "fantastica" magistratura...

Gianca59

Mer, 05/03/2014 - 10:17

Io mi chiedo perché si scopra solo dopo che hanno qualche pendenza con la giustizia …..In fin dei conti sono in carica da 4-5 giorni e già sono un caso ?

electric

Mer, 05/03/2014 - 10:17

Più passa il tempo e più questo carrozzone messo in piedi da napolitano non convince.

buri

Mer, 05/03/2014 - 10:19

Tutto ciò a riprova della superiorità morale sella sinistra, almeno in fatto di numeri sono superiori

il gatto nero

Mer, 05/03/2014 - 10:20

Voglio prendere questo articolo e quelle 4 foto come simbolo ed esempio di ciò che è questa ipocrita sinistra italiana. Gentile, del NCD, non indagato ma chiacchierato, ha dovuto dare le dimissioni. Questi quattro furbi, solo perchè del PD, rimangono dove sono, SEPPUR UFFICIALMENTE INDAGATI. Sinistrioti : ipocriti e pagliacci.

Ritratto di dbell56

dbell56

Mer, 05/03/2014 - 10:26

Certo che adesso nasce un problema da giustificare all'opinione pubblica da parte del PD! Quali stronzate inventeranno ora a loro giustificazione? Staremo a vedere!

pollicino46

Mer, 05/03/2014 - 10:29

Ma va?!?!? Ed io che ero convinto che fossero solo quei brutti e corrotti del PDL ad essere indagati!!! Sinistroti lasciatevelo dire voi siete peggio per il semplice motivo che la magistratura, vostra alleata nasconde moltissimo e quindi quel che vien fuori è solo la punta dell'iceberg. A quelli del PDL invece i vostri Magistrati non lasciano scappare nulla, neanche il pelo nell'uovo. Farabutti!!!! Chissà mai che il vento cambi direzione prima o poi e allora vedremo mezza Italia in galera!!!

scipione

Mer, 05/03/2014 - 10:29

Renzi devi fare pulizia specie per i ministri.Il TRADITORE Schifani rivuole Gentile al governo?.Per favore nessuno dica che c'entra la mafia.

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Mer, 05/03/2014 - 10:30

Ma non erano il ''nuovo''??? Alla faccia.....! Ebbbbravo Renzi !

vince50

Mer, 05/03/2014 - 10:30

Diciamolo pure fuori dai denti,per essere in politica bisogna essere NECESSARIAMENTE E MALEDETTAMENTE SPORCHI.Nella malaugurata ipotesi che una persona onesta sbarcasse in politica,verrebbe inevitabilmente fatto fuori,per la semplice ragione che:Sporca è la politica e sporchi bisogna essere per professarla.

Ritratto di salvo38

salvo38

Mer, 05/03/2014 - 10:31

si ma questi sono pd, e quindi non si possono dimettere,, ma che scherziano!

Libertà75

Mer, 05/03/2014 - 10:39

A parte che indagato non vuol dire imputato e quindi il fare un passo indietro nella prima fase è intellettualmente stupido, illogico e assurdo. La magistratura indaga come giusto che sia, avvisa come giusto che sia e solo se riscontra qualcosa procede a giudizio (l'indagato passa a imputato). Solo a processo c'è qualcuno che dubita della trasparenza del soggetto, non in fase di indagine, la quale avviene, in molti casi, d'ufficio su segnalazione. Nella logica giustizialista a basso costo promossa dal PD si dovrebbero dimettere tutti e 5 (4PD + Lupi), l'unico che potrebbe seguire un discorso diverso sarebbe Formigoni il quale presiede una commissione (ossia dei lavori interni al Parlamento) e non detiene competenze verso la cittadinanza (ministro o sottosegretario).

giovanni PERINCIOLO

Mer, 05/03/2014 - 10:40

Ma no, ci sarà sicuramente qualche errore, i disonesti esistono solo a destra... oppure si tratta di qualche magistrato che presto dovrà essere richiamato all'ordine....

scipione

Mer, 05/03/2014 - 10:41

Renzi fai pulizia ,a partire dai ministri.

MEFEL68

Mer, 05/03/2014 - 10:43

Siamo già 4 a 1 e ancora non si vedono commenti degli infiltrati trinariciuti che sbandierano l'onestà e la superiorità della sinistra-. Luigipisolo, il giusto, ecc. se ci siete battete un colpo.

Ritratto di ilmax

ilmax

Mer, 05/03/2014 - 10:47

ma sono del PD quindi senza dubbio non succederà nulla, certo è che vanno contro la loro "moralità" tanto sbandierata! e sappiamo che ormai gli hanno ammaestrati bene i loro elettori, saranno difesi a prescindere, gli indagati del PD non hanno nulla a che vedere con quelli di cdx.

Rossana Rossi

Mer, 05/03/2014 - 10:51

Tranquilli, sono a marca pd quindi sono solo 'ragazzacci'.......

Albeola50

Mer, 05/03/2014 - 10:51

Poteva il Presidente del consiglio:non sapere? O solo il Presidente Berlusconi "non poteva non sapere"?A voi la risposta!!!

Ritratto di GABRIELE FOGLIETTA

GABRIELE FOGLIETTA

Mer, 05/03/2014 - 10:54

Ancora debbo decifrare la morale del PD: nei confronti di qualcuno inseguito da una accusa mediatica, suffragata e sostenuta solo da chiacchere e pettegolezzi, viene contrapposta una montagna di richieste di dimissioni. Nei confronti di quattro perseguiti ed indagati, dalla magistratura, non dalla stampa, per reati infamanti: perché riguardano dell'abuso di soldi nostri, non si apre bocca. C'è logica in tutto questo? La Bindi richiede le dimissioni del ministro Lupi. Nei confronti di quelli dalla sua parte, i quattro sottosegretari, cosa cambia? Scatta automatico il soccorso rosso?

soldellavvenire

Mer, 05/03/2014 - 10:54

poveri pistola, neanche condannati in primo grado e si dovrebbero dimettere... di questo passo saranno i magistrati a decidere chi sta in parlamento

glasnost

Mer, 05/03/2014 - 10:55

A me non piace questo ennesimo governo, non democratico, voluto dal solito di Napolitano. Mi corre però l'obbligo di dire che se un magistrato qualsiasi decide di indagare qualcuno, questo si deve dimettere. A questo punto, se un magistrato ha in antipatia il sig. Renzi, e decide di indagare Renzi questo si dovrebbe dimettere, perché non piace al magistrato? Ma siamo diventati matti???????

KARLO-VE

Mer, 05/03/2014 - 10:58

Renzie non vuole essere di meno del suo amichetto silvio che di candidati indagati se ne intente olrte ad essere il capofila

restinga84

Mer, 05/03/2014 - 11:00

E` mai possibile che, in Italia, con circa 60 milioni di abitanti,si vanno a pescare 4 individui, tutti indagati, per eleggerli a sottosegretari? Queste persone sono, di gia`, allenati a disbricarsi in situazioni come: PECULATO,REMBORSI NON RENDICONTATI,(

Ritratto di SCACIOSO

SCACIOSO

Mer, 05/03/2014 - 11:01

Sveglia...la macchina della ingiustizia e' gia' in moto, saranno innocenti. Non vedo dove possa essere il problema.Gnoranti voi della leggio non ci capiate un peno!

82masso

Mer, 05/03/2014 - 11:04

Libertà75... Nei paesi dove vige la democrazia un parlamentare, politico o comunque uomo pubblico al solo sapere di essere indagato si dimette dalla carica che ricopre; è solo "cosa" italiana quella del rimanere attaccato alla poltrona sfidando ogni tipologia di buon gusto che il suo status richiederebbe, ma pultroppo in questo paese c'è un'arma in più "il giudice cattivo" che al sol pronunciarlo dà il diritto dovere all'imputato di infischiarsene del buon costume e dell'etichetta dandogli diritto di perpetrare quella cultura del sospetto che stà rovinando l'Italia e che legittima i mascalzoni (veri!) di ricoprire cariche anche talvolta importanti. Quindi lor Signori qui sopra dovrebbero essere cacciati già in questa mattinata.

cast49

Mer, 05/03/2014 - 11:04

ma non sono tutti onesti i komunisti di merda?

Atlantico

Mer, 05/03/2014 - 11:05

Sono davvero felice di dare atto alla redazione del Giornale ed al suo direttore Sallusti di aver finalmente sviluppato una giusta sensibilità alle questioni della legalità. Chissà che col tempo non possiate fare lo stesso, non solo per gli indagati che, in quanto tali, non sono NEMMENO rinviati a giudizio ( figurarsi se sono colpevoli anche solo in primo grado ), ma persino per i condannati in modo DEFINITIVO. Primo invio h. 11,04

cast49

Mer, 05/03/2014 - 11:11

Libertà75, purtroppo i sinistri considerano gli altri colpevoli da subito, mentre loro si ritengono innocenti da subito...

albertzanna

Mer, 05/03/2014 - 11:14

La famosa punta dell'iceberg. Io credo che nel PD non sia tanto la difficoltà a farli condannare, ora, o pretendere le rassegnino le loro dimissioni, quanto trovare un politico del PD che non sia indagabile, cioè che sia veramente pulito. E' un assioma, per i politici PD: io sono superiormente morale a prescindere, quindi ciò che faccio, per quanto sporco sia, è fatto in nome e per il bene del popolo. Il famoso principio di Lenin: tutti i mezzi sono leciti, per la conquista del potere. Oppure la famosa frase di Churchill: i comunisti sono come Cristoforo Colombo..partono ma non sanno dove vanno.. se arrivano non sanno dove sono..., ma il tutto sempre con i soldi e sulla pelle degli altri.. Albertzanna

ilfatto

Mer, 05/03/2014 - 11:17

@salvo38....tanto per essere chiari quelli del PD, se vengono mandati sotto processo si dimettono e aspettano che la magistratura faccia il proprio lavoro! ma vedo che lei è alquanto disinformato o forse dotato di memoria molto a BREVE! se ne è capace mi dica il NOME DI uno del PD che stante sotto processo ha mantenuto i suoi INCARICHI, prego l'aspetto...cmq parlando del caso specifico si può sempre fare, in attesa di un rinvio a giudizio o meno che i 4 vanno in una sorta di "aspettativa", si nominano dei supplenti e poi se rinviati a giudizio si dimettono se prosciolti o archiviati riprendono il loro posto...tanto per evitare polemiche e fare chiarezza...

cicciosenzaluce

Mer, 05/03/2014 - 11:23

qui,tra i fans del pregiudicati,chissà quanti indagati ci sono.

ilfatto

Mer, 05/03/2014 - 11:25

@albertzanna...anche lei così sicuro di se rivolgo la stessa domanda...mi dica il NOME DI uno del PD che stante sotto processo ha mantenuto i suoi INCARICHI, prego l'aspetto...

Emiliotoscana

Mer, 05/03/2014 - 11:29

Certo quei magistrati hanno sofferto molto per indagarli. Ma come è possibile che dei comunisti abbiano fatto qualcosa di illecito. Non vanno espulsi,perchè arriverà il soccorso ROSSO e andrà tutto nel dimenticatoio. Lasciateli lavorare questi sottosegretari e vedrete che daranno una mano al nostro paese,ad uscire dalla crisi.Io avrei proposto come sottosegretari anche Penati,Bassolino,Gabbietta quello che portava il miliardo alle botteghe SCURE,come respondabile servizi segreti.

Ritratto di ilmax

ilmax

Mer, 05/03/2014 - 11:31

@soldellavvenire caro soldellimbrunire, lo spot "fuori gli indagati dal parlamento" e un vostro copyright che è durato 20anni, ed è così, i magistrati decidono chi sta in parlamento, ha aperto un'occhio dal sonno profondo, ma stia sereno lo richiuderà molto presto e tornerà a dormire con i tappi alle orecchie e la molletta al naso!

Ritratto di dbell56

dbell56

Mer, 05/03/2014 - 11:41

Libertà75, i tuoi distinguo sono pericolosissimi e sanno di Mein Kampf di Hitler! Per te, alla francese, vale il motto: legalitè, fraternitè e 'ngul' a tè (ai destronzi!). Voi sinistrati sinistronzi vi credete, come al solito e sbagliando, bianchi che più bianchi non si può e puliti non al 100% ma al 1000%! Siete solo dei ridicoli ed ora tu ce ne dai una prova incontrovertibile. Adesso che avete tolto di mezzo il Berlusca col sistema dei processi creati ad hoc, volete tacitarvi l'anima abbracciando la fede garantista mentre fino all'altro ieri eravate giustizialisti e basta! Siete ridicoli e basta!

hectorre

Mer, 05/03/2014 - 11:42

facciamo comporre il governo direttamente ai magistrati....già è poco democratico quello che ci hanno imposto,andare oltre sarebbe una forzatura inaccettabile...........al voto subito dopo l'approvazione dell'italicum,è giunto il momento di ripristinare la democrazia e la sovranità popolare....non siamo a cuba!!!....capito sinistrati del piffero!

21v3

Mer, 05/03/2014 - 11:42

4 indagati? Renzi stesso è stato condannato in primo grado! Il 5 agosto 2011 è stato condannato in primo grado, insieme ad altre venti persone, dalla Corte dei conti della Toscana per danno erariale al pagamento di una somma totale di 50 000 euro, di cui 14 000 a carico di Renzi, gli altri a venti persone fra colleghi di giunta e funzionari.

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Mer, 05/03/2014 - 11:44

Sapete cosa vi dico; questa caccia alle streghe si era vista solo con il Presidente Berlusconi. Alle ultime elezioni, pur essendo amico di alcuni Parlamentari, ha evitato di metterli in lista e questo non è stato fatto RILEVARE SE NON PER DERIDERLO ANCORA. E' NATO UN GOVERNO MA HA PORTATO CON SE MOLTI DIFETTI; SOPRATTUTTO SEMBRANO TUTTI PROTETTI DA una longa mano. SHALOM

Ritratto di ilmax

ilmax

Mer, 05/03/2014 - 11:47

Sono tutti del centrosinistra i 33 consiglieri regionali della Sardegna della passata legislatura, alcuni ancora in carica perché rieletti, raggiunti tra ieri e oggi da altrettanti avvisi di garanzia, con contestuale notifica degli inviti a comparire in Procura, nell'ambito dell'inchiesta-bis sul presunto uso illecito dei fondi destinati ai gruppi. Per gli ex Margherita risultano indagati: Antonio Biancu, Giuseppe Luigi Cucca (attuale senatore Pd), Giuseppe Cuccu, Marco Espa, Giovanni Giagu, Gavino Manca, Marco Meloni (deputato Pd eletto in Liguria), Franco Sabatini, Simonetta Sanna, Mariuccia Cocco, Francesco Sanna (deputato Pd) e Giommaria Uggias (europarlamentare Idv). Dell'allora gruppo Ds, le informazioni di garanzia sono arrivate a Francesca Barracciu (candidata governatrice, europarlamentare e vicesegretaria regionale del Pd), Alberto Sanna, Antonio Calledda, Angela Corrias, Franco Sanna, Vincenzo Floris, Silvio Lai (senatore, segretario regionale del Pd), Salvatore Mattana, Gian Battista Orrù, Nazzareno Pacifico, Giuseppe Pirisi, Siro Marrocu, Giacomo Spissu (ex presidente del Consiglio regionale) e Renato Cugini. Indagati anche gli ex consiglieri di Progetto Sardegna Mario Bruno (attuale vicepresidente del Consiglio regionale), Elia Corda, Alessandro Frau, Gian Luigi Gessa, Stefano Pinna, Chicco Porcu. A questi si aggiunge l'allora esponente dell'Udeur, Carmelo Cachia. Le notifiche delle convocazioni da parte del pubblico ministero Marco Cocco, in diversi casi, sono arrivate agli avvocati d'ufficio: nessuno, infatti, avrebbe ancora nominato legali di fiducia. Fonte: unionesarda.it

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mer, 05/03/2014 - 11:47

Il fatto mi dica uno del PD che indagato se n'è uscito dalla politica.Il trota quando fu scoperto non si fermò a prendere gli assegni mensili ma se ne uscì fuori dalla politica.

maurizio50

Mer, 05/03/2014 - 11:48

Il nuovo governo del chiacchierone toscano: mi ricorda quel bellissimo film di quarant'anni fa intitolato" Sfida all'O.K. Corral"

Ritratto di dbell56

dbell56

Mer, 05/03/2014 - 11:48

ilfatto, e Penati dove lo metti? Ha sfruttato l'ignoranza dell'opinione pubblica, prendendola in giro, e facendo comunque scattare la prescrizione del suo reato non andando semplicemente ad udienza come avrebbe dovuto fare se voleva veramente rinunciare, esternandolo al giudice, alla prescrizione per andare a processo. Certo che ve le studiate bene le cose! Siete solo ipocriti e basta e dei cazzari senza limiti alla decenza!

Atlantico

Mer, 05/03/2014 - 11:55

Qualcosa non torna. Qui dovrebbe essere pieno di 'liberali' e 'garantisti'. E invece vedo che qui si parla di 'comunisti colpevoli': ma, ragazzi, ricordate che voi siete garantisti per definizione ! Lo siete per i CONDANNATI DEFINITIVI, dunque come potreste non esserlo per chi è solo INDAGATO, nemmeno RINVIATO, ancor meno CONDANNATO in primo grado ? No, qualcosa non mi torna ... :-) Primo invio h. 11:55

Ritratto di dbell56

dbell56

Mer, 05/03/2014 - 12:02

ilfatto, hai ragione. Non vi è nessuno del PD che stante il fatto di essere indagato, non si sia dimesso. E' vero questo ma solo per un motivo di una banalità assoluta, tanto che mi chiedo se ci sei o ci fai. E' vero, dicevo, per il motivo che il soccorso rosso parte evidentemente solo se l'indagato si dimette dalle cariche ricoperte. Ciò per evitare ulteriori danni diretti al partito. Tutto qui. Voi compagni siete molto organizzati a riguardo. Va a fare quindi il moralista a Cuba se ti riesce e non prendere gli italiani "non PD" per gente con la sveglia al collo e l'anello al naso!

scott

Mer, 05/03/2014 - 12:02

Vediamo se questa volta FI mostra le palle e li fa cacciare a calci nel sedere.

Il giusto

Mer, 05/03/2014 - 12:05

Ma i silvioti non sono garantisti?Lo siete addirittura con un pregiudicato con condanna definitiva di 4 anni e un'altra condanna di 7 anni in primo grado!Poi non lamentatevi se vi sfottono tutti,da destra a sinistra

Libertà75

Mer, 05/03/2014 - 12:12

@ilfatto, ce ne sono tra quelli del PD che hanno mantenuto l'incarico, le cito l'ultimo più famoso quale Vendola? Certo che lei a fatti è proprio distante dalla realtà. @82masso, io per principio sono un garantista, penso che una persona sia innocente fino a prova contraria, se uno a terzo grado è dichiarato colpevole è colpevole, al limite è ingiustamente colpevole, ma pur sempre colpevole. Tra il resto considero inopportuno, stupido e moralmente indegno dimettersi solo perché indagati. Il processo morale o di trasparenza assoluta è legittimo farlo partendo dal concetto di "imputato". Solo lì possiamo aprire un dibattito. Per chi come lei e come negli altri Paesi (cosa di cui sinceramente me ne infischio, perché io a contrario di lei sono libero di pensare con la mia testa e non con quella degli stranieri) si paragona l'indagato all'imputato si scade nell'inquisizione. Non è un caso che in Italia si abusi del termine inquisito, dove l'onere della prova spetta alla difesa e non all'accusa. Sinceramente io sogno uno Stato di Diritto, non uno Stato in cui vige il sospetto, l'accusa e l'inquisizione. Se io oggi vado in tribunale e la denuncio di qualsiasi cosa, lei cosa fa? si licenzia dal lavoro che fa per difendersi? Questo è il Paese che ha dato i natali a Cesare Beccaria, autore sconosciuto ai nobili pensatori di sinistra che soggiaciono la loro razio al pensiero straniero.

vince50_19

Mer, 05/03/2014 - 12:16

L’art. 27 della costituzione parla chiaro: nessuno è colpevole fino a sentenza passata in giudicato. Se c’è chi vuole dimettersi per ragioni di opportunità è un conto, tuttavia il fatto avvenuto qualche giorno fa per un sottosegretario di Ncd è emblematico. Avanti di questo passo, se certa magistratura volesse cambiare le carte governative in tavola, lo potrebbe fare senza alcun problema usando l’avviso di garanzia (che non è una condanna, sia chiaro). Percorrere i tre gradi di giudizio poi – vista la proverbiale lentezza delle nostre regole giudiziarie (tranne in alcuni casi particolari, naturalmente) - e risultare innocenti, questo evento avrebbe comunque compromesso la vita politica degli imputati. Non mi pare che le cose stiano andando nel verso democraticamente più corretto, qualche rimedio va trovato per non rendere la vita di un governo non solo difficile ma invivibile. (invio ore 12:15)

Libertà75

Mer, 05/03/2014 - 12:16

@dbel56, lei sarà comunista che si garantisce il diritto di giudicare per preconcetti, esattamente come i nazisti. Si legga i miei commenti sul caso Berlusconi (il quale secondo me aveva sufficienti motivi per non essere dichiarato decaduto dal Senato, visto che intanto aveva deciso di procedere a ricorso presso Strasburgo), io sono garantista a prescindere e non faccio come lei il facile giustizialismo di vendetta.

ilfatto

Mer, 05/03/2014 - 12:18

@gianniverde..penati, del turco, bassolino, marrazzo (che addirittura era parte lesa!)...continuo?

soldellavvenire

Mer, 05/03/2014 - 12:19

ilmax - ma cosa ha capito? io sono per "fuori i CONDANNATI dal parlamento": peraltro i parlamentari, così come i manager pubblici, andrebbero INDAGATI per legge dal momento dell'insediamento

giovauriem

Mer, 05/03/2014 - 12:22

in politica il più pulito non si lava dalla nascita,però per questi 4 (di sinistra)sono croste benedette

gian paolo cardelli

Mer, 05/03/2014 - 12:25

Il giusto, ma voi servi della gleba non siete per il principio "chi è indagato deve dimettersi"? non stiamo difendendo o condannando quei quattro, ma stiamo dicendo che voi seguaci "di sinistra" siete la feccia di questo Paese!

paco51

Mer, 05/03/2014 - 12:27

anche io chiedo la testa di Lupi come la Bindi. Almeno ci evita di sentore le sciocchezze che racconta. ma la destra non puzzava? come fanno i soviet a stare al governo con NCD, forza Civati!!!

Triatec

Mer, 05/03/2014 - 12:30

Indagati, ma senz'altro saranno prosciolti IL FATTO NON SUSSISTE, e non bisogna essere veggenti per arrivare a certe considerazioni.

ilfatto

Mer, 05/03/2014 - 12:34

@Libertà75...da quando in qua Vendola è iscritto al PD? a me risulta che SEL si trovi all'opposizione...ma cosa scrive?

ilfatto

Mer, 05/03/2014 - 12:36

@dbell56....penati si è DIMESSO subito da ogni INCARICO...ma perché parla per il solito gusto di dare fiato alla bocca senza sapere di cosa sta parlando?

Ritratto di ilmax

ilmax

Mer, 05/03/2014 - 12:38

@soldellavvenire - Firenze, il 5 agosto 2011 è stato condannato Matteo Renzi dalla Corte dei Conti (sezione giurisdizionale della Toscana) per danno erariale. Con questo non mi rimangio nulla, ci sono 3 gradi di giudizio! ma secondo la vostra "morale", il PDC attuale si deve dimettere!

LAMBRO

Mer, 05/03/2014 - 12:42

DI COSA VI STUPITE? A DIMETTERSI DEVONO ESSERE SOLO GLI ALTRI .... LORO SONO SEMPRE SANTIFICATI!! LA DITTATURA CHE CI RIFILANO LA MERITIAMO TUTTA!!

Atlantico

Mer, 05/03/2014 - 12:44

dbell56, sei di un'ipocrisia infinita. Se quelli di sinistra si dimettono lo fanno solo per 'comodità'. Dunque, quelli di destra che non si dimettono ma, anzi, si ricandidano sarebbero nel giusto ?

ilfatto

Mer, 05/03/2014 - 12:54

@ilmax...guardi che è un reato amministrativo e NON penale...ma che scrive? e poi per quanto riguarda la notizia delle sardegna è del 1 ottobre 2013 e la barracu ha rinunciato a presentarsi come candidata...si aggiorni e studi! mo basta con le ca...te no?...ps(ho capito che pensa di essere furbo e intelligente ma mi creda...sinceramente parlando si sbaglia e anche di grosso...)

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Mer, 05/03/2014 - 13:03

Un record Fonsie Renzi lo ha già ottenuto. Nessun governo precedente ha mai avuto un numero così elevato di indagati. Se il rinnovamento è questo,è meglio che sia fermato subito perchè, con il passare del tempo, non vorrei che Palazzo Chigi si trasformasse in una nuova e più confortevole "casa circondariale" vista la penuria di edifici carcerari!!!

cicciosenzaluce

Mer, 05/03/2014 - 13:03

Che lezzo puzzolente,puzzate più di una carogna,voi emanate solo miasmi maleodoranti.

Rickyprince

Mer, 05/03/2014 - 13:23

Cari amici che sostenete il cdx, mi spiace ma state sbagliando. State ragionando esattamente come i sinistri, ma così rischiate di essere peggio perché li volete imitare. Noi dobbiamo essere garantisti fino in fondo. Indagato non vuol dire colpevole, con questa magistratura, poi (e noi lo sappiamo bene). Io ho sempre trovato pazzesco ed assurdo il fatto che il PD processi un semplice indagato tra le sue fila, quasi avesse un "tribunale interno" di sovietica memoria, e lo costringa a dimissioni, rinunce alle candidature, passi indietro eccetera. Vi faccio solo un esempio: la Barracu, se non fosse stata costretta a ritirarsi, avrebbe vinto le elezioni in Sardegna, probabilmente. Mettiamo che venga assolta, non importa in quale grado di giudizio o se neppure ci andrà, a giudizio: chi le darà l'onore perso, l'opportunità scippata, la carriera distrutta? Vittima due volte, in quel caso: di un magistrato che, evidentemente, l'ha indagata senza prove, e di un partito che crede più al giudice che al suo iscritto che urla la propria innocenza. Pensiamoci: fatte le debite proporzioni, può capitare a ciascuno di noi. Quindi, cari amici: lasciamo queste 4 persone lì dove sono, e anche tutti gli altri. Se poi saranno colpevoli, vedremo, ma se non lo sono potremo andare in giro a testa alta dicendo "noi siamo garantisti anche con gli avversari". Non è più bello così?

ilfatto

Mer, 05/03/2014 - 13:28

@gian paolo cardelli...anche a lei così sicuro di se rivolgo la stessa domanda...mi dica il NOME DI uno del PD che stante sotto processo ha mantenuto i suoi INCARICHI, prego l'aspetto...ps(quando parla di servi e feccia sarebbe il caso che usi uno specchio e si rivolga a se stesso..poi se ne è capace si risponda)

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mer, 05/03/2014 - 13:55

Il fatto magari gli incarichi no ma gli stipendi si si!!!!!

Ritratto di marforio

marforio

Mer, 05/03/2014 - 14:08

Se tanto mi datanto, in Italia l único che ha rischiato e di brutto e Berlusconi.Dopo perdite di tempo saranno tutti assolti come penati Prodi e baffettino.

ilfatto

Mer, 05/03/2014 - 14:16

@gianniverde...EHHH no..dimissioni a casa sua cosa significa? vabbè che è in padania ma anche lì la lingua ufficiale è l'italiano e se uno si dimette cessano gli incarichi e gli stipendi..a meno che non si tratti di vitalizi

Ritratto di dbell56

dbell56

Mer, 05/03/2014 - 14:24

ilfatto se qui c'è qualcuno che apre bocca e tira fiato questo sei tu. L'ho scritto prima. Penati s'è subito dimesso (mica all'istante, però!) perchè per poter usufruire di SOCCORSO ROSSO doveva dimettersi subito, onde evitare di portare ulteriore nocumento al partito. Però tra il dire ed il fare di Penati c'è di mezzo il mare. Infatti diceva di voler rinunciare alla prescrizione per andare a processo. Col caxxo che si è comportato con coerenza questo bravo amministratore tutto casa, bottega e sezione di partito! Qualche solerte avvocato dello stesso partito, imbeccato da qualche uccellino presente il procura, gli avrà dato come consiglio, quello di non presentarsi alla prima udienza, perchè così facendo sarebbe scattata la prescrizione del reato di cui doveva rispondere. Ammazza che mandrakata!! Se questo significa essere rosso, il più pulito c'ha la rogna! Guarda la cosa pure in relazione al caso MPS. Tutto messo a tacere e salvataggio fatto a carico do pantalone.

Ritratto di dbell56

dbell56

Mer, 05/03/2014 - 14:30

Atlantico, quelli di centrodestra indagati fanno resistenza perchè per loro non esiste un'organizzazione ben oliata come a sx, il cd. Soccorso Rosso! C'era Gladio prima ma sappiamo tutti come sia andata a finire.

ilfatto

Mer, 05/03/2014 - 14:49

@dbell56....ahaha basta questo per confermare quanto detto..."Penati s'è subito dimesso (mica all'istante, però!)" subito ma non all'istante ahahaha grazie per la risata! ps(la rinuncia alla prescrizione la richiesta ma non l'hanno accettata, cmq penati oramai è bruciato, giustamente per me, ho sentito le interviste all'imprenditore che lo accusava e mi sembrava molto credibile con situazioni molto circostanziate..cmq che glielo dico a fare? tanto non capisce che per ME i ladri devono andare in GALERA!)

albertzanna

Mer, 05/03/2014 - 14:50

SCRIVE ILFATTO - ilfatto Mer, 05/03/2014 - 11:25 albertzanna...anche lei così sicuro di se rivolgo la stessa domanda...mi dica il NOME DI uno del PD che stante sotto processo ha mantenuto i suoi INCARICHI, prego l'aspetto - Ma mi consenta, sig. ilfatto - quando mai gli esponenti del PD vanno sotto processo, o vengono citati per comparire in aula?? I pochi che ci sono finiti erano talmente colpevoli che neppure il SOCCORSO ROSSO DELLA MAGISTRATURA poteva intervenire, ma in tutti gli altri casi, veda per esempio in caso Penati (all'epoca braccio destro di Bersani), fra dimenticanze, non interrogatori, lapsus nelle indagini, prescrizioni ed altri ammennicoli vari, non hanno avuto problemi a rimanere attivi nelle loro posizioni politiche picine/piddine. E' questo che fa la differenza fra indagati di sinistra ed indagati del resto dei partiti, come il suo omonimo Travagliato sa benissimo. Quindi la smetta con le sue argomentazioni da buffone e taccia. AZ

ilfatto

Mer, 05/03/2014 - 14:52

@dbell56...e MPS mi scusi ma la sua ignoranza NON ha confini, su mps le indagini stanno andando avanti e anche spedite con persone già arrestate e con indagini ancora in corso da parte della finanza e della magistratura..le ripeto, visto che sono cose che NON conosce perché continua ad aprire la bocca solo per dargli fiato? che gusto prova a fare la figura dell'ignoratore?

gian paolo cardelli

Mer, 05/03/2014 - 14:53

Ilfatto: questi quattro...

restinga84

Mer, 05/03/2014 - 14:54

Liberta`75 05/03/2014-1039. A tutto quanto,da Lei espresso nel Suo spot,mi trova concorde, ad eccezione di; se la magistratura procedendo nell`inchiesta scopre che vi sia del dolo,quindi,da indagati si diviene imputati.Il governo si viene a trovare, con elementi imputati,tra i suoi componenti.Secondo il mio parere,il governo non dovrebbe conferire cariche istituzionali ad elementi,anche se,solamente indagati.Non le pare sia doveroso da parte del governo?Tra i politici nostrani, di qualsiasi credo politico,vi e`una moltitudine di indagati per motivi vari, ma spicca sempre,in modo particolare il motivo di peculato.Il dio danaro e`sempre una forza d`attrazione a cui e`molto,molto difficile,non essere attratti,se non si ha una buona solidissima educazione di base. Ricorda il caso eclatante del segretario della margherita,i cui componenti sono sempre o alla camera o al senato a scaldare la loro poltrona,vedere,tra gli altri,la camoleonica e emblematica Bindi che nessuno riesca a farle comprendere che e`ora di andare a godersi la luculliana pensione tanto faticosamente guadagnata e, lasciare la poltrona libera affinche`, un nuovo eletto, possa scaldarla,in sua vece, per il bene della Patria. Buona giornata.

Danny46

Mer, 05/03/2014 - 14:58

cosa ti succede "cicciosenzaluce"......?????.......oggi sei a corto di argomenti...........come mai.....???????....forse è perche l'argomento riguarda i ladroni del tuo partito..???????.........hahahahahaha....... tu più che CICCIOSENZALUCE mi sembri CICCIOPRIVOPRIVODITUTTO...............hahhahahaha.......

linoalo1

Mer, 05/03/2014 - 14:59

Come andrà a finire?Come sempre!Scommettiamo?Lino.

Atlantico

Mer, 05/03/2014 - 15:12

Certo, dbell, c'è Soccorso Rosso. Voi vivete ancora nel secolo scorso, siete polverosi. Nella scatola cranica.

ilfatto

Mer, 05/03/2014 - 15:15

@albertzanna...Il buffone è lei che muove accuse e poi NON sa rispondere se non con la trita e ritrita propaganda senza il benché minimo straccio di prova..e ilpeggio è che nemmeno è capace di vergognarsene!

ilfatto

Mer, 05/03/2014 - 15:17

@gian paolo cardelli...conte tacchia questi quattro NON sono stati ancora rinviati a giudizio...ps(troppo facile con lei e gli altri vi manca proprio l'abc..del resto se l'aveste avuto NON avreste votato così..)

Danny46

Mer, 05/03/2014 - 15:28

x ilfatto.....scusi se mi intrometto.........riguardo alla questione MPS........e' vero le indagini vanno avanti..ma non per il verso giusto..........perche non si indaga in tutto il PARTITO DEMOCRATICO che c'e' dentro fino al collo....???????......... forse perche hanno il timore di trovare cose losche tipo quelle che hanno fatto sparire nelle famose inchieste dell'altrettanto tangentopoli ai tempi di Di Pietro.??????........

Ritratto di ilmax

ilmax

Mer, 05/03/2014 - 15:30

Penati si è DIMESSO subito da ogni INCARICO... 20 LUGLIO 2011 - Ex Falck, Filippo Penati indagato per corruzione e concussione - 12 SETTEMNRE 2011 - Suona la prima campanella per i consiglieri del Pirellone e Filippo Penati non manca all'appello. L'ex vicepresidente del Consiglio regionale, che lo scorso 28 luglio aveva rassegnato le dimissioni perché indagato nell’inchiesta per presunte tangenti per le ex aree Falck, ha però decisdo di conservare la carica di consigliere - "Continuero' i lavori da consigliere fiducioso che la giustizia fara' il suo corso e la verita' verra' a galla", - 10 APRILE 2012 Stefano Boeri, assessore alla Cultura, moda e design del Comune di Milano, commenta su Facebook “I suoi colleghi indagati – prosegue Boeri sul social network –, a partire da Filippo Penati e da Davide Boni (richiesta di archiviazione), ci riflettano bene; le DIMISSIONI da consigliere non sono un atto dovuto, ma certo sarebbero un gesto nobile e sicuramente apprezzato dagli elettori lombardi. Mi sbaglio?” - 19 Aprile 2012 Ora Bersani si defila:"Penati? Non so nulla" Bersani allontana le polemiche: "Non è più iscritto al Pd". Ma Penati resta ancora nel Consiglio regionale lombardo dove (ovviamente) VOTA allineato ai compagni del Pd - 14 Ottobre 2012 L'ex presidente della Provincia di Milano replica a Pisapia dalle pagine di Repubblica: "Se dovessi essere mandato a processo, mi dimitterò" risponde cosi' al sindaco di Milano Pisapia, che ieri, in un'intervista sullo stesso quotidiano, AVEVA INVITATO PENATI A DIMETTERSI dicendo che "il suo caso imbarazza tutto il centrosinistra". PENATI: "Ho lasciato tutti gli INCARICHI NEL PARTITO, sono stato cancellato dall'anagrafe del Pd, li ho tolti dall'imbarazzo", afferma Penati. "In 28 MESI di indagini non è saltato fuori un solo conto corrente estero intestato a me o ai miei familiari, non ho usato soldi pubblici ne' per comprare Suv ne' per pagare vacanze nei resort" - 16 Ottobre 2012 - Enrico Letta: "Penso che Penati non debba far PASSARE un altro MINUTO PRIMA DI DIMETTERSI. Sta facendo un danno al partito e a Bersani. E’ un danno tremendo e non e’ giusto. Siamo in grado di governare bene la Lombardia”: lo dice il vicesegretario del Pd Enrico Letta ospite di Lilli Gruber a Otto e Mezzo su La7. vedo che, come lei, non sappiate ancora se si è dimesso o no!- 3 OTTOBRE 2013 sponsorizzato dal compagno Gad Lerner Filippo Penati diventa uno scrittore di libri gialli (non il suo, scritto in una estate grazie alla rottura di un tubo in casa, recluso n casa per il periodo di riparazione) Ecco il passaggio tratto dall’intervista di Affaritaliani: “ Una copia del suo libro la manderà a Bersani? Certo. Ma non solo”. 26 OTTOBRE 2012 "Da oggi ho scritto parola fine al mio impegno politico, torno a essere un comune cittadino". Lo ha detto il consigliere regionale del Gruppo misto Filippo Penati, che era stato eletto nel Pd, dopo avere rassegnato le dimissioni insieme con altri componenti dell'aula consiliare. Penati tornerà a fare l'insegnante di educazione tecnica nelle scuole medie, come aveva annunciato nei giorni scorsi. Lo scioglimento del consiglio regionale lombardo segna l'ultima apparizione dell'ex presidente della Provincia di Milano, sotto accusa per le tangenti a Sesto. 8 Gennaio 2013 Grazie alla nuova legge anti-corruzione gli esponenti della Ccc emiliana e l'ex braccio destro di Bersani godranno della prescrizione. La nuova legge “anticorruzione” approvata dal governo Monti azzoppa il processo Penati. Grazie alla riforma del reato di concussione - 27 FEBBRAIO 2014: la sesta sezione penale della Cassazione non può far altro che stabilire che il ricorso è inammissibile e dichiarare l’estinzione del reato. Penati è prescritto: a sua insaputa.

bruna.amorosi

Mer, 05/03/2014 - 15:40

Ma dai i kompagni scherzano .così come scherzano i kompagni quando fanno le primarie .Ecco leggete il fatto quotidiano e saprete la notizia che nessun altro girnale vi darà neanche REPUBBLICA così seria come giornale dunque a MODENA i kompagni e li c'e una denuncia hanno rimborsato i soldi e pagato pranzo a u stranieri . visto l'onestà dei bravi kompagni ? adesso mi piacerebbe che qualche magistrato integgerrimo magari Esposito faccia una bella intervista ,così sapremo come la pensa .

ilfatto

Mer, 05/03/2014 - 15:55

@Danny46..e lei che ne sa che c'è dentro il PD? ha fatto lei stesso le indagini? sa qualcosa che la GDF non sa? ma lei sa come funziona e chi elegge la fondazione MPS e poi come questa elegge i vertici della banca?

vince50_19

Mer, 05/03/2014 - 15:56

L’art. 27 della costituzione parla chiaro: nessuno è colpevole fino a sentenza passata in giudicato. Se c’è chi vuole dimettersi per ragioni di opportunità è un conto, tuttavia il fatto avvenuto qualche giorno fa per un sottosegretario di Ncd è emblematico. Avanti di questo passo, se certa magistratura volesse cambiare le carte governative in tavola, lo potrebbe fare senza alcun problema usando l’avviso di garanzia (che non è una condanna, sia chiaro). Percorrere i tre gradi di giudizio poi – vista la proverbiale lentezza delle nostre regole giudiziarie (tranne in alcuni casi particolari, naturalmente) - e risultare innocenti, questo evento avrebbe comunque compromesso la vita politica degli imputati. Non mi pare che le cose stiano andando nel verso democraticamente più corretto, qualche rimedio va trovato per non rendere la vita di un governo non solo difficile ma invivibile. (invio ore 12:15 andato buca - secondo invio alle ore 15:56 Che sia la volta buona?)

MEFEL68

Mer, 05/03/2014 - 16:21

@@@ Karlo-VE -il desiderio di trarre in ballo Berlusconi anche quando non c'entra, non ti fa rendere conto di ciò che dici.Credendo di essere arguto e caustico affermi che Renzi non vuole essere da meno del suo amichetto Silvio. Può darsi, ma resta il fatto che per procurarsi i candidati indagati ha dovuto pescare a piene mani nel PD. Ripeto la domanda: ti rendi conto di ciò che dici?

lamwolf

Mer, 05/03/2014 - 16:21

Ma ci rendiamo conto che classe politica abbiamo??? guidati da indagati con decine di consigli e giunte provinciali, regionali e in Parlamento con esponenti indagati!!!! E poi ci dclassano al pari di Slovenia e Crozia!!! io ci sono stato tre anni per un breve periodo ma non meritiamo per colpa di alcuni farabutti certi paragoni.

Ritratto di dbell56

dbell56

Mer, 05/03/2014 - 16:21

ilfatto, io sarò ignorantissimo ma solo tu qui in Italia pensi che la magistratura a Siena stia facendo tutto il suo dovere. Si sta facendo tutto di nascosto, con la scusa delle indagini in corso, per cercare di fare quadrare il cerchio nel senso di far uscire elegantemente dalla storiaccia il tuo amato PD. Dico, solo tu ci credi (sic!) e fai bene perchè quando tutto sarà finito, vedrai che soltanto tre o quattro personaggi, come capri espiatori, pagheranno per lo scandalo mentre il tuo amato partito potrà continuare ad insultare gli italiani per bene con la solita storiella dell'immacolata purezza degli ideali con tutte le baggianate annesse e connesse!

Libertà75

Mer, 05/03/2014 - 17:00

@ilfatto, mi racconti allora di Prodi indagato per abuso d'ufficio e che varò la riforma in materia 13mesi dopo l'insediamento come Primo ministro. Riforma grazie alla quale fu archiviata la sua posizione. Vediamo: o lei è in difetto morale o non ha abbastanza cultura sul centrosinistra. Perfavore non dica che Prodi era dell'Ulivo e non del PD perché decade in una puerilità logica abissale.

albertzanna

Gio, 06/03/2014 - 09:08

PER IL FATTO - le argomentazioni di gente come lei, per le quali basta che uno di sinistra affermi "io non o fatto nulla e penserà la Magistratura a chiarire tutto" sono già dimostrative di come andranno le cose. Ormai la magistratura rossa italiana ci ha fatto capire, con tante sentenze, come fa ad emetterle: i giudici si fanno una partita a bruscola con gli imputati, durante la partita si bevono una buona bottiglia, mangiano dolcetti, poi parte l'ammonimento "compagni, non fatelo più, altrimenti la prossima volta potremmo anche decidere di farvi pagare una multa da 100 €, per stavolta archiviamo il tutto oppure aspetteremo che sopraggiunga la prescrizione. Portate il nostri saluti al segretario del partito". Come ben ricorda Libertà75, Prodi entrò dal giudice già con il fazzoletto in mano, intriso di lacrime, e ne uscì con l'assicurazione che avrebbe potuto continuare a fare i cazzi suoi, con i soldi degli italiani, e nessuno lo avrebbe più disturbato, e fu così. Ribadisco il mio giudizio su di lei, lei è un buffone, e ci aggiungo che è anche penoso e infantile nelle sue argomentazioni a difesa d'ufficio dei sinistri inquisibili, che sono molto più numerosi di quanto noi comuni mortali possiamo sapere.