Grillo contro l'euro Il suo nuovo nemico adesso è Bruxelles

L'ex comico attacca la Germania, chiede un referendum sulla moneta e l'impeachment per Napolitano. La lotta alla casta? In secondo piano

È il terzo V-day e la domanda sorge impertinente: quale sarà il bersaglio adesso che Grillo e i suoi hanno passato il ponte levatoio? Sì, i 5 Stelle non sono più una forza extraparlamentare e i Di Battista e i Fico girano elegantemente incappottati, impacchettati come regali di Natale, per piazza della Vittoria. Il colpo d'occhio non promette sfracelli, l'annunciata quota centomila Grillo non la vede neanche col cannocchiale, ma il conducator non si scoraggia: «Ci sono tre metri liberi e i tg ci faranno subito un servizio». Poi si allarga con un paragone più azzardato di un ponte tibetano: «Qui prima di me è venuto Papa Ratzinger e ha fatto leggermente meno il pieno».
Sì, il pontefice è alla ruota di Beppe Grillo e Grillo alla testa di un movimento che ormai si confronta con l'Europa, perché l'Italia gli sta stretta. I cosacchi si sono abbeverati alle fontane di Montecitorio e di Palazzo Madama, ora il cortile di casa è l'Europa. Anzi la Ue. Intesa come il bivacco della casta al cubo. È lì che bisogna sparare, è in quella direzione che si deve puntare, è contro i suoi numeri che bisogna caricarsi di indignazione. È questo il senso di una giornata fredda e ventosa in cui i grillini vogliono andare «Oltre». Oltre la finanza, oltre i partiti, oltre le istituzioni malate, ma anche oltre i confini tricolori. Senza naturalmente perdere per strada i soliti bersagli: i partiti, le Regioni, Napolitano.
Però il comico ha deciso di tenere un eurocomizio e spinge i suoi fan contro Bruxelles. «Vogliamo fare un referendum per uscire dall'euro». L'euro, spiega alla platea valutata dagli stessi organizzatori in quarantamila persone, è il padre di tutti i guai. E poi c'è lei: «Io non voglio discutere con la Merkel - prosegue il leader pentastellato - io voglio parlare con quelli che hanno gli stessi nostri problemi: la Francia, la Grecia, il Portogallo, la Spagna. Dobbiamo creare un'alleanza mediterranea». E bloccare questa Europa a trazione tedesca: di più, secondo Grillo, la Germania è l'unico paese che si è avvantaggiato con l'euro. E invece l'Italia arretra: «Siamo in fondo a tutte le classifiche, particolarmente quelle dell'Ocse», che Grillo stropiccia in Ocsa. L'Italia sta diventando una gigantesca bancarella, buona per lo shopping delle multinazionali: «Ci comprano e ci svendono». Le piccole e medie imprese vanno a rotoli: «Produciamo il miglior olio del mondo e siamo i secondi importatori dell'olio di m.. del mondo. E pure questa piazza l'hanno affittata ad una multinazionale americana per cento anni. Per cento anni», ripete con tono rantoloso, carico di rabbia.
Sul maxischermo scorrono i nomi delle imprese che hanno cambiato padrone e parlano inglese, francese, russo. Un elenco impressionante. Grillo prova a scuotere la gabbia: «Basta con il pareggio di bilancio. Dobbiamo abolirlo».
Poi dopo aver difeso il made in Italy, si ricorda della casta romana e la mette alla berlina: «Noi abbiamo appena rinunciato a 42 milioni di finanziamento pubblico e questi si sono divisi 91 milioni. Siamo entrati nel Palazzo e abbiamo rotto la sacralità del Palazzo».
Ecco la lunga marcia grillina: entrare nel sancta sanctorum del privilegio, ma senza contaminarsi. Abitare nella reggia ma senza diventarne inquilini. Un equilibrio difficile anzi talvolta un esercizio di equilibrismo. Meglio puntare l'indice e accusare: «I partiti non ci sono più, dobbiamo solo dare loro l'estrema unzione. Presenteremo in parlamento l'impeachment contro Napolitano»; la voce si fa stridula mentre Grillo urla al capo dello Stato che ha tradito l'Italia. E per questo se ne deve andare «anche se si è raddoppiato». Un'arringa rassicura più di mille analisi. Le non molte bandiere sventolano, i giovani che indossano la maschera di Anonymous sorridono, qualcuno batte le mani. «Andiamo oltre», tuona ancora l'Irrefrenabile, ma è un oltre che si colora di obiettivi con pennacchio da sfregiare, di birilli da tirare giù, di potenti da mandare gambe all'aria. La lista si allunga dando nuovo carburante ai 5 Stelle. Ce n'è per la Corte dei conti che «ha scoperto dopo tanti anni che il finanziamento ai partiti è illegale», e pure per la Iuc, la nuova imposta sulla casa, definita sobriamente «un rutto da alcolizzato». Che vuoi farci, siamo circondati da pupazzi gonfiati e da tentativi di imitazione: «Papa Francesco mi ha copiato. Anche lui è grillino».
Il premier Enrico Letta, in serata, sembra voler rispondere al comico dalla Sinagoga di Roma: «Resisteremo sempre alle spinte della violenza, prima verbale e poi fisica, dell'intolleranza, della xenofobia e del razzismo che in Italia stanno crescendo in maniera preoccupante»

Commenti
Ritratto di Lorenzo1961

Lorenzo1961

Lun, 02/12/2013 - 08:32

Zurlo, la sola cosa in cui ha ragione il pagliaccio grillino e l'uscita dall'euro, dall'Europa che ci sta rovinando speriamo che non sia il solo soggetto a fare campagna elettorale in quella direzione altrimenti farà un bagno di voti nonostante la sua il mio volgarità,ignoranza e insipienza, attorniato da soggetti da danza del palo in taverna con lo spunto facile.

edo1969

Lun, 02/12/2013 - 08:39

Ennesimo articolo che parlando del M5S e di Grillo oscilla tra "puzza sotto il naso", scherno e "vediamo cosa fanno ora sti quattro esaltati". Sembrano quasi gli articoli di Repubblica quando parlavano di Forza Italia e di Berlusconi, ai bei tempi.

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Lun, 02/12/2013 - 08:46

ADESSO SI MUOVERA' LA MAGISTRATURA PER ELIMINARLO COME PER BERLUSCONI, POVERO GRILLO E FAMIGLIA SI STA METTENDO DA SOLO CONTRO IL MOSTRO CERCATE DI AIUTARLO INVECE DI RIDERE DEL SUO CORAGGIO

Ritratto di Vaffa..3

Vaffa..3

Lun, 02/12/2013 - 08:47

NO ALLA NEUROMAFIA NEUROMASSONICA, NO AL NEURO, NO ALLA CASTA dei politicanti ladri ed inetti che hanno svenduto depredato e distrutto l'italia...FORZA 5 STELLE, RIPRENDIAMOCI LA DIGNITA' E LA SOVRANITA'!!!

CALISESI MAURO

Lun, 02/12/2013 - 08:48

Penso che abbia detto cose sacrosante, il mio dubbio e' come le mettera' in pratica, e' la parte debole del movimento.... ma puo' sempre meglio meglio di questi che sono sulla cadrega adesso.Non ci vuole molto.

buri

Lun, 02/12/2013 - 09:15

non ho simpatie per il Gtillo politico, ma forse a Bruxelles e a Berlino faranno più effetti le sue parole che le richieste a allentare il rigore per favorire lo sviluppo avanzate, in modo educato, da Letta, tanto più che contro Grillo non potranno usare il sistema praticato per fare fuori Berlusconi

Ritratto di cangrande17

cangrande17

Lun, 02/12/2013 - 09:16

Chi cavalca la crociata anti-Euro vince le prossime elezioni. Spero lo faccia con chiarezza anche Forza Italia, altrimenti alle urne sarò in grossa difficoltà...

poitelodico

Lun, 02/12/2013 - 09:19

Come dargli torto? L'euro è un disastro e Napolitano uno dei peggiori presidenti della storia di questo paese. Grillo sarà anche un esaltato ma spesso ci infila!

Ritratto di apasque

apasque

Lun, 02/12/2013 - 09:23

Pur non condividendo Grillo, sono assolutamente contrario all'Euro ed ai ricatti politici e finanziari cui ci sottopone, che superano di gran lunga i benefici. Quindi, in questa battaglia, avanti Grillo. Butta giù l'euro e con lui Napolitano!

illogic

Lun, 02/12/2013 - 09:32

E c'ha ragione, quelle sono le cose fondamentali. La casta la combattiamo dopo!

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Lun, 02/12/2013 - 09:42

Ha ragione Sallusti quando dice (oggi sul Giornale) che nostri punti di contatto con Grillo ci sono, e sono pesanti: uscita dall'euro, lotta all'Europa tedesca, Pd nemico comune, leadership carismatica. Un'alleanza FI-M5S , almeno elettorale, arriva al 60%-70% dell'elettorato. Grillo ieri ha "aperto" all'accordo elencando in punti comuni con puntiglio, e Silvio, con la geniale creazione della nuovissima FI può rispondere. I sinistri sono FINITI!

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Lun, 02/12/2013 - 10:20

Sulla politica di contrapposizione all'ue ed all'euro e' il piu' credibile in assoluto,gli altri hanno fatto tante chiacchiere ed al momento opportuno hanno scodinzolato davanti alla bce.

Pat2008

Lun, 02/12/2013 - 10:28

Grillo ha fiuto e capisce dove tira il vento. O forse saranno i suoi esperti di marketing a dirglielo. Sta di fatto che ora ha capito che per intercettare il voto di protesta degli italiani (l'unico cui può aspirare, data la totale inconsistenza delle sue farneticanti proposte politiche), deve sparare sull'Europa e contro la casta. E chi potrebbe mai dargli torto? La totalità degli Italiani ha compreso che l'euro è non solo un imbroglio ma una schiavitù, e che questa classe politica infame e cialtrona ci sta portando alla rovina. Così, cavalcando il malcontento, Grillo spera che molti gonzi continuino a votarlo, dimenticando il degradante spettacolo d'abissale ignoranza e stupidità che i suoi "parlamentari" hanno dato in questi mesi. Non so se il gioco gli riuscirà, ma in parte penso di sì, purtroppo, perché la gente è arrivata veramente alla frutta e voterà alla maniera del "muoia Sansone con tutti i Filistei". E, se così sarà, ne vedremo delle belle: la dittatura dei comici e dei microcefali teleconnessi. Comunque non tutto il male viene per nuocere: forse questo darà una svegliata agli altri partiti, i quali capiranno che, se vogliono vincere le elezioni e conservare la poltrona (unica cosa per loro di vitale importanza nella drammatica situazione del Paese) dovranno anch'essi smettere di essere "europeisti" e proni ai comandi della Merkel, e cominciare a inseguire Grillo. Sai che risate.

giovanni PERINCIOLO

Lun, 02/12/2013 - 10:35

Una sola proposta é accettabile : l'impeachment contro Napolitano.

Ritratto di pisistrato

pisistrato

Lun, 02/12/2013 - 10:37

@perSilvio46 - M5S+FI al 60-70% ? Vedi che alla fine quelle percentuali le prenderà Renzi. Primo perché è la reincarnazione del Berlusca. Secondo perché come i Greci hanno dimostrato, nessuno è così sciocco da cambiare alla fine dei conti gli Euro che ha in tasca con Dinari Tunisini o altre "valute" similari; un partito o coalizione anti euro potrà forse affermarsi alle elezioni Europee dove si esprime un'opinione ma prenderà una batosta a quelle politiche dove conta la "panza".

Ritratto di Scassa

Scassa

Lun, 02/12/2013 - 10:56

scassa Lunedì 2 dicembre Ma pezzo di somaro penta stellato ,se ti fa tanto schifo l'euro ,cosa ti spinge a mandare i tuoi antennati in lizza per le europee ? Cosa aspiri a diventare il giullare capo alla corte diBruxellle ,guarda che la concorrenza e' forte e ci sono molti più comici di te e delle tue illetterate controfigure ! Torna a fare il comico che è molto meglio per tutti ,in primis per gli ultimi stracci di dignità del Paese!!!!!!!!!!!!!

idleproc

Lun, 02/12/2013 - 11:01

pisistrato. State dicendo fesserie sul piano economico finanziario e lo sapete perfettamente, siete voi he non sopravviverete come casta ad una strategia folle e sbagliata che si è svenduta la sovranità sul sistema economico finanziario e ha demolito il nostro sistema produttivo e sta demolendo la democrazia in Italia. Siete oltre l'ammazza-caffè, e lo sapete.

Ritratto di gattofilippo

gattofilippo

Lun, 02/12/2013 - 11:05

Gira, gira voterò M5S. Fatto fuori il Berlusca è l'unico che parla dell'europa e della germania trattandole come meritano. Fuori dall'euro o moriremo tedeschi.

info@licht-ital...

Lun, 02/12/2013 - 11:08

Mi sto chiedendo chi sono gli elettori di questo pifferaio di Hameln. Che siano proprio tutti dei cretini , idioti o invidiosi cronici ? Penso proprio di no. Vedendo tutte le porcherie dei classici politici italiani é facile votare un movimento di protesta e di ribellione. Peró non si intravedono le sagome di una struttura politica. Una volta al potere cosa faranno ? Questo non lo dicono, perche ovviamente non lo sanno molto bene. Non sanno infatti come reagira il loro fondoschiena al calore delle poltrone. Alcune buone ideee comunque le hanno : far sparire giornali come Repubblica e Corriere della Sera. La loro posizione nei confronti della Germania e simile a quella di Berlusconi. Il Cavaliere avrá certo colto questi frangenti e spero li vorrá utilizzare negli interessi di Forza Italia. Non certo una alleanza, ancora impossibile,ma una collaborazione "di volta in volta".

mikimik

Lun, 02/12/2013 - 11:10

Penso che Grillo su alcuni contenuti abbia ragione. Ma mi chiedo se l'uscita dall'euro non comporti un grave danno, sopratutto a chi ha risparmiato un gruzzoletto per la 'bisogna'!?. Consiglio a Grillo di verificare quanti €uri arrivano dall'Europa e come sono utilizzati da Tutte le Regioni, anche quelle di sinistra.

futuro libero

Lun, 02/12/2013 - 11:11

L'errore di grillo sarà tenere la casta bloccata così com'è,del resto uno che mira a far parte della casta non può certo attaccarla troppo,che volete certi privilegi fanno comodo a tutti,anche ai grillini.Però riguardo all'euro e napolitano grillo ha ragione e condivido quanto dichiarato.Presto la magistratura correrà in soccorso di napolitano,attenti grillo e grillini.

Giampaolo Ferrari

Lun, 02/12/2013 - 11:13

al punto che siamo arrivati ci possiamo aspettare che il popolo sovrano dia il voto a questi ex disperati senza ne arte ne parte. Dopo questo voto resta la rivolta.

Ritratto di pisistrato

pisistrato

Lun, 02/12/2013 - 11:39

@idleproc - io casta ? Ma se sono un imprenditore !! Vedi che è giusto avercela e combattere la casta che c'è in Italia ma i problemi dell'Italia non si risolvono distribuendo carta straccia al posto dell'Euro ma con tagli alla spesa statale e pensionistica, detassazione dell'attività d'impresa, deregolamentazione del mercato del lavoro, liberalizzazioni di tutte le attività economiche, tutte operazioni queste assolutamente invise all'elettorato di sinistra di M5S: non è un caso che Grillo non assuma posizioni su riforme di questo tipo ma si limiti a prendersela con l'Euro.

futuro libero

Lun, 02/12/2013 - 11:43

pisistrato,ma se renzi è il berlusconi di sx come fanno i sx a votarlo dopo tutto l'odio partito per Berlusconi e la sua politica?Se nasce il renzismo la sx è completamente KO

ilfatto

Lun, 02/12/2013 - 12:14

@Lorenzo1961...va bene usciamo dall'euro ma da LEI e da quelli che la pensano come lei pretendo che venga messo per iscritto che, fatto il cambio, ogni LIRA in più che pagherò sul mutuo a tasso variabile, per la prima casa, dove vivono i miei figli, lo pagate VOI! IO che ho 50 anni mi ricordo ancora i tempi della lira con tassi di interesse anche al 20% e inflazione a 2 cifre! le va BENE? ma come dicevo lo voglio messo nero su bianco! del resto NON siete voi che dite che NON saranno ripercussioni? quindi si tratterebbe solo di un pro-forma..daccordo?

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Lun, 02/12/2013 - 12:15

Come al solito,tante idee/iniziative "trasversali",ovviamente ci sono,ma con l'attuale SISTEMA POLITICO,sono ingestibili,per cui con l'attuale SISTEMA POLITICO(che naturalmente nessuno pensa di cambiare),non si va da nessuna parte!Un commento sul "pareggio di bilancio":il "pareggio di bilancio",va tenuto,dentro o fuori dall'Europa,a prescindere,in ogni caso,riducendo la montagna di privilegi,tagliando sulla montagna di "imboscati",di sperperi, nella PA,di "spese di "accoglienza",etc.etc.Anche Grillo, vuole allargare le maglie del "debito pubblico",PER NON CAMBIARE NIENTE(di quello che conta,che fa la differenza)...e si va verso la bancarotta....Occorre cominciare a scardinare qualche cosa di "inviolabile",ridistribuendo la torta fra "il diritto a non perdere quello che si ha,di cui si è goduto",ed il "diritto ad avere quello che non si ha,di cui non si è mai goduto".

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Lun, 02/12/2013 - 12:21

Si potrebbe anche supporre che grillo e il suo profeta(accusato oggi,quest'ultimo,anche da un rappresentante M5s di essere un lobbista e massone)vogliano semplicemente continuare nel loro disegno(ispirato da chi?)di convogliare nel loro movimento la rabbia popolare per poterla controllare,quando poi nella prassi politica non faranno niente di ciò di cui vanno cianciando, per incapacità e per ostacoli oggettivi o,cosa probabile,per assenza di volontà,com'è stato ampiamente dimostrato.Insomma,sembra fantapolitica,ma grillo potrebbe essere parte di un disegno di quei poteri forti, che hanno voluto l'UE per i loro interessi e che mai permetteranno che l'Italia se ne allontani,e che usano il comico come carta moschicida ( le mosche sarebbero gli elettori).

ilfatto

Lun, 02/12/2013 - 12:24

a tutti quelli che straparlano di stampare moneta così "ad minchiam" ricordo che NOI importiamo tutte e dicasi TUTTE le materie prime e queste vengono vendute nelle valute forti, euro, dollaro, CHF..possiamo stampare tutte le lire che vogliamo poi il problema sarà...chi se le piglia? ma possibile che nessuno si ricorda come era la situazione nel nostro negli anni 70 e 80 prima che aderissimo allo SME (serpente monetario europeo)? possibile che nessuno pensa alle conseguenze sui mutui a tasso variabile, sui prestiti, sui costi delle materie prime? ma avete già dimenticato perché fu introdotta la scala mobile (cancellata poi perché, come tutte le cose fatte nel nostro paese, era diventato un serpente che si mordeva la coda!)..è facile parlare, urlare, dichiarare, "usciamo dall'euro!!" ma pensiamo anche alle conseguenze pratiche!

Ritratto di pisistrato

pisistrato

Lun, 02/12/2013 - 12:26

@futuro libero - Renzi non mi sembra affatto di sinistra ma di centro e poi dipende da cosa intendi per sinistra. Se intendi il "popolo" di sinistra, quello in genere è diligente e segue chi viene indicato dal partito indipendentemente dal resto: sono stati capaci di votare pure quella ciofeca di Bersani che faceva ridere solo a sentirlo parlare. Se intendi gli ideali di sinistra, quelli indipendentemente da Renzi sono finiti ugualmente perché non ci sono più soldi da spendere.

Ritratto di pisistrato

pisistrato

Lun, 02/12/2013 - 12:29

@ilfatto - io mi terrei l'Euro.... in Italia i contratti con gli italiani si fanno sempre con inchiostro "simpatico". Berlusca docet !!

ilfatto

Lun, 02/12/2013 - 12:39

@pisistrato....ahh anche io, ma sento che tira una brutta aria e la memoria dei connazionali è alquanto corta anzi praticamente assente...

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Lun, 02/12/2013 - 13:33

@ ilfatto e Pisistrato- Un consiglio: andate su Google,digitate 'Alberto Bagnai' e informatevi.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Lun, 02/12/2013 - 14:11

Ho trovato questo scritto che qui riporto,senza la pretesa di affermare che il suo contenuto risponda tutto a verità.Chi ha pazienza potrà prenderne visione. "Il MoVimento 5 stelle è una creatura della Casaleggio Associati; questa è un'azienda di consulenza strategica di Rete per le aziende e che realizza Rapporti sull’economia digitale nazionale. Tra i suoi clienti più famosi ci sono Antonio Di Pietro e Beppe Grillo, e sua caratteristica prevalente è che definisce non tanto la forma di quello che i suoi clienti devono comunicare nella Rete e non, ma quanto il contenuto di quello che bisogna trasmettere agli utenti. Il suo legame con la massoneria internazionale è presto detto, questa azienda fa capo alla Enamics, una società statunitense fondata nel 1999, leader del Business Technology Management (BTM). Questa, a sua volta, è il consulente di potentissime multinazionali (si legge enti paramassonici) come: Pepsico, Northrop Grumman, Dipartimento del Tesoro USA, BNP Paribas, American Financial Group, e la banca d’affari JP Morgan, che rientra nell’impero dei Rockefeller, famosi per la loro palese adesione ai vertici della massoneria mondiale. A livello nazionale il legame tra il movimento e la massoneria sembra essere ancora meno evidente (caratteristica della massoneria è operare nell’ombra, mediante enti sociali molto grandi rapportati gli uni agli altri con infinite serie di scatole cinesi), però sintomatici sono il sostegno da parte di alcuni media, in particolare Il Fatto Quotidiano, LA 7 e molte trasmissioni di Rai Tre. Se poi si analizza la storia di alcuni dei cinque membri che compongono la suddetta azienda, il legame si palesa con estrema franchezza. In altre parole, il movimento gode di una particolare protezione giudiziaria e di una visibilità mediatica molto sospetta, e che sinceramente non ci sarebbe se non ci fosse di fatto la volontà della massoneria nazionale. Infine, il legame è sottolineato anche dai simboli. La maggior parte della gente non conferisce elevata importanza ai simboli, ma i massoni sono a dir poco maniacali nell’assegnare, marcare le proprie creature e le proprie azioni, proprio perché non possono mai mostrarsi direttamente come gli autentici autori di ciò che di disumano avviene nella società. Il marchio conferito al movimento in questione gira tutto intorno al numero 5. Questo in ambito esoterico significa passaggio, movimento (appunto), elevazione ad uno stadio superiore (cioè alla disumanità assoluta). E nella simbologia del movimento è rimarcato più volte, perché cinque sono le stelle, le stelle sono a cinque punte (storico, tradizionale simbolo per antonomasia della massoneria) e cinque è il numero romano “ V “ messo in evidenza nella parola “MoVimento”; inoltre, l’espressione “Mo-V” è un altro tipico modo di firmarsi della massoneria."

ilfatto

Lun, 02/12/2013 - 14:17

@Euterpe...come dicevo...basta che lei mi mette nero su bianco...poi per me possiamo tornare anche al baiocco...

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Lun, 02/12/2013 - 15:16

@ ilfatto- Il suo post non mi giunge chiaro.Che cosa dovrei mettere'nero su bianco'?

ilfatto

Lun, 02/12/2013 - 16:20

@Euterpe...mi scusi ma non era rivolto a lei..ma a perSilvio46 che straparlava riguardo all'uscita dall'euro..

Simostufo

Lun, 02/12/2013 - 17:07

@pisistrato caro pisistrato, i tagli alla spesa statale vanno fatti ma vanno tagliate le spese IMPRODUTTIVE (F35, missioni "umanitarie" inutili in Afghanistan, pensioni da 200mila euro, spese del parlamento insostenibili, finanziamento pubblico ai partiti, cassa integrazione da ELIMINARE); le pensioni vanno TAGLIATE a chi guadagna 60-70mila euro all'anno non al ceto medio (che e' quello che crea DOMANDA e che SPENDE) la totale deregolamentazione del mercato del lavoro e la flessibilita' ESASPERATA non hanno MAI portato la PIENA OCCUPAZIONE cosi' come la troppa rigidita'...questi sono FATTI OGGETTIVI! Esitono Paesi in Europa dove i risultati di queste politiche sono stati FALLIMENTARI!! la tua Gran Bretagna nel momento in cui la "lady di ferro" ha deciso di privatizzare i trasporti i servizi per i cittadini sono peggiorati sempre di piu'(basti guardare i dati relativi agli incidenti e alle inefficienze dalle rete post privatizzazioni e se vuoi ti porto dati TANGIBILI), come mai la TUBE di Londra rimane la piu' efficiente rete di trasporti su ferro in UK ed e' l'unica ad essere sfuggita alle privatizzazioni selvagge?! ENERGIA, SANITA', TRASPORTI, PENSIONI devono RIMANERE PUBBLICHE (se poi qualcuno vuole farsi la sua assicurazione privata fa benissimo, se vuole farsi curare in un ospedale privato e' libero di farlo...QUESTA E' LIBERTA'!!) per quanto riguarda l'Europa e l'Euro ti faccio notare che dal 1989 al 2000 la bilancia dei pagamenti correnti della Germania era in rosso per 126 miliardi mentre dal 2001 al 2012 è balzata in positivo a quota 1.791 miliardi MAGIA!!! periodo pre-euro o sbaglio? e allora ogni tanto al posto di buttare LETAME sul nostro Paese come fai di solito prenditela magari anche con i CRUCCHI FALSARI di Maastricht. Saluti