I dubbi di Alfano sui toni duri: io diversamente berlusconiano

RomaTelefono rovente, quello di Alfano. Ieri, il giorno dopo l'annuncio delle dimissioni, Angelino viene preso d'assalto da pezzi di partito. Sono quelli che ce l'hanno con i falchi; quelli che definiscono Verdini, Santanchè, Capezzone e Ghedini «il poker della guerra»; il quartetto reo di aver spinto Berlusconi allo strappo definitivo. Uno dei primi a telefonare al segretario del Pdl è Gaetano Quagliariello che, assieme agli altri ministri, sabato notte, s'era attovagliato con Alfano attorno al dilemma: «E adesso? Che fare?». Una notte di pensieri, di dilemmi, di dubbi amletici: restare in Forza Italia? In mattinata Quagliariello telefona ad Alfano. Lo avvisa di ciò che sta per dire a Piacenza: «Il centrodestra non è quello che s'è espresso ieri». E ancora: «Non so se ci sarà una scissione». Eccolo il nodo: fronda in vista, sì o no? Tutti a cercare Alfano per capire se all'orizzonte potrà esserci lo strappo. E lui, tempestato di chiamate, a un certo punto stacca il telefono: irraggiungibile.
Qualcuno lo tira per la giacca: gli chiedono di mettersi alla guida di una «cosa moderata» e di abbandonare i falchi «che fanno solo male al presidente»; di fare da «calamita» per quelli che non si riconoscono in una Forza Italia a trazione falchista. Chi lo sente lo definisce «tranquillo e sereno» ma il dissidio interno di Angelino è fortissimo. Alle sue orecchie già ronzano le accuse di tradimento e di complicità con il nemico; mentre i suoi tifosi, Maurizio Lupi in testa, gli chiedono un gesto forte. Proprio Lupi lo sprona: «Angelino, mettiti in gioco per questa buona e giusta battaglia». Battaglia tutta interna. Alfano non può rimanere in silenzio anche se qualcuno legge già una sua uscita nelle parole dell'altro ministro vicinissimo ad Alfano, Bea Lorenzin. «Non giustifico né condivido la linea di chi lo consiglia in queste ore. E non farò parte di questa Forza Italia», azzarda la ministra.
Nel partito in tanti leggono il pensiero di Angelino. Che a questo punto deve intervenire. Così, il segretario del Pdl detta una nota in cui riconferma la fedeltà a suo padre politico ma minaccia una sorta di fronda interna: «La mia lealtà al presidente Berlusconi è longeva e a prova di bomba - giura - Oggi la lealtà mi impone di dire che non possono prevalere posizioni estremistiche estranee alla nostra storia, ai nostri valori e al comune sentire del nostro popolo». Quindi, ecco l'avvertimento: «Se prevarranno quegli intendimenti, il sogno di una nuova Forza Italia non si avvererà. So bene che quelle posizioni sono interpretate da nuovi berlusconiani ma, se sono quelli i nuovi berlusconiani, io sarò diversamente berlusconiano».
È una guerra intestina che durante il giorno si combatte a suon di agenzie di stampa e che a tratti raggiunge livelli di guardia. Ma al di là degli schieramenti e delle divisioni ornitologiche, è lo stesso Berlusconi che predica - anzi pretende - unità. «Non dobbiamo né possiamo dividerci» è il messaggio che rivolge a tutti. Si cerca la sintesi, evocata da Osvaldo Napoli: «Sono convinto che alla fine potremmo continuare a essere berlusconiani senza bisogno di sentirci diversamente berlusconiani». La febbre scissionista cala con le ore. Lorenzin frena: «Combatto dentro Forza Italia. Non ho lasciato il partito». Idem Quagliariello: «Per essere diversamente berlusconiani bisogna dividersi». E la divisione ancora non c'è. Ma l'assemblea dei gruppi del Pdl di oggi si preannuncia pirotecnica.

Commenti

canaletto

Lun, 30/09/2013 - 08:39

ALFANO DELUSIONE COMPLETA. STA SEGUENDO LA STRADA DI FINI, CIOE' AUTO ELIMINARSI E SARIRE DALLA POLITICA. LO RITENEVO UNA PERSONA SERIA E SI E' DIMOSTRATO UN TRADITORE COME QUALCUN ALTRO E STA FACENDO IL GIOCO DEL PD. SE NE VADA VIA PRIMA CHE COMBINI ALTRI DANNI. O SI E' TUTTI UNITI E D'ACCORDO, ALTRIMENTI FUORI, MA FAR FINTA DI ESSERE D'ACCORDO POI ESTERNARE PUBBLICAMENTE DUBBI ECC. NON E' BELLO E CORRETTO.

Ritratto di Japiro

Japiro

Lun, 30/09/2013 - 08:42

Alfano, Lorenzin, Lupi, Quagliariello (in ordine rigorosamente alfabetico) sono dei TRADITORI e basta senza Berlusconi non sarebbero nessuno e torneranno ad essere quelle nullità che erano... Ma quali colombe, in guerra bisogna essere spietati e questa è una guerra contro la sinistra che vuole imporci a forza il suo pensiero distorto del mondo.... Combattete senza aver paura e se non ne siete capaci allora andatevene affanculo!!! Forza Italia e W l'Italia

@ollel63

Lun, 30/09/2013 - 10:37

Alfano, stai in guardia! Guardati allo specchio e parlati, non hai nemmeno le capacità dialettiche, oltre che politiche, di fini e casini: faresti una peggior fine. STAI CALMO.

ORLANDO MELIS

Lun, 30/09/2013 - 11:51

L'ora dei baciapile e sagrestani è finita! In questo momento se si vuol fare veramente il bene comune occorre prendere atto che non è più possibile andare avanti con i soli sermoni. Occorre, se necessario, tirar su un bel nodoso bastone di quercia (legno resistente) ed usarlo con passione!!!!