I giudici arrestano le tasse: "Il redditometro è nullo"

Il tribunale di Napoli cancella lo spionaggio fiscale voluto dal governo Monti: "Viola il diritto alla riservatezza"

Roma - Guai giudiziari per il nuovo redditometro, «annullato» da una sentenza del tribunale di Napoli depositata martedì scorso. Il decreto ministeriale del governo Monti che lo ha istituito a dicembre 2012, afferma il giudice Valentina Valletta, viola il diritto alla riservatezza del cittadino ed è «al di fuori della legalità costituzionale e comunitaria».
All'Agenzia delle Entrate si impone di non fare accertamenti sul ricorrente o di interromperli se già li ha iniziati, oltre a comunicargli se è in atto una raccolta dati nei suoi confronti. Un altolà totale.
Solo a fine agosto è stata annunciata la partenza del sistema antievasione con l'invio di 35mila lettere per cittadini «incongrui», ma l'Autorità sulla privacy non ha dato il via libera.
Ora arriva la mazzata giudiziaria, che conferma la prima bocciatura del redditometro: quella dell'ordinanza firmata a febbraio dal giudice Antonio Lepre, della sezione distaccata di Pozzuoli del tribunale partenopeo, che non a caso viene citata nella sentenza. Si trattava di un provvedimento d'urgenza, che tra due settimane dovrà essere confermato dal giudice di merito (e probabilmente lo sarà). Stavolta, si tratta di una causa ordinaria e si fa un altro passo avanti, aprendo la strada ad un mare di possibili ricorsi dei cittadini italiani.

A rivolgersi al tribunale è stato un impiegato del Comune di Pozzuoli, che non ha voglia di scoprire i finanzieri con il naso nei suoi risparmi e nei suoi cassetti. Un ricorso preventivo, perché Aniello Scognamiglio non ha subìto ancora alcun accertamento. Ma al suo fianco è sceso anche il Consiglio dell'Ordine degli avvocati di Napoli, per la prima volta in difesa non della categoria ma del cittadino qualunque.
La vittoria è stata piena. Per il giudice Valletta, il regolamento sul redditometro si basava su presupposti che non sono stati rispettati. Non è vero che l'Agenzia delle Entrate abbia «il potere di conoscere tutti i dati personali del contribuente e della sua famiglia». Non può violare articoli fondamentali della Costituzione come il 2 e il 13, né la Carta dei diritti fondamentali della Ue. Non può controllare le spese del contribuenti (dalle calze alla birra, dai detersivi alla benzina, dai libri ai taxi) e di altre persone della famiglia. Non può indagare nell'autonoma gestione del denaro, negli acquisti farmaceutici (riservatissimi), nelle spese per l'educazione, né curiosare nella vita sessuale o politica. Il redditometro, insomma, «viola i principi di eguaglianza, ragionevolezza e proporzionalità». Quindi, scrive la Valletta, «è non solo illegittimo, ma radicalmente nullo».

Si chiede l'avvocato Roberto Buonanno, che ha difeso Scognamiglio: «Siamo in uno Stato di diritto o in uno Stato di polizia? Perché la visibilità assoluta di ciò che un cittadino fa, guadagna e spende (giustificata dal semplicistico rilievo che chi “non ha commesso nulla di male, nulla avrebbe da nascondere”) non è il simbolo di una società aperta, liberale e democratica, ma delle peggiori forme di totalitarismo, di sistemi autoritari e polizieschi che cancellano la privacy. Il redditometro è un po' come le intercettazioni, ma lì almeno si parte da un sospetto. Qui neppure da quello».

Commenti
Ritratto di frank.

frank.

Ven, 27/09/2013 - 10:50

ogni tanto una buona notizia!

Klotz1960

Ven, 27/09/2013 - 10:53

E vai!!! A questo punto trasferiamo la funzione legislativa direttamente ad un nuovo sistema bicamerale: CSM in prima lettura e Corte di Cassazione a Sezioni Riunite in seconda lettura.

Ritratto di pisistrato

pisistrato

Ven, 27/09/2013 - 10:54

Bene, il redditometro è pura follia. Certo, il fatto che la sentenza venga dal tribunale partenopeo la dice comunque lunga....

Ritratto di .i.fals@ri..

.i.fals@ri..

Ven, 27/09/2013 - 10:55

IL REDDITOMETRO VOTATO DAL pd pdl...SUBITO LE DIMISSIONI DI BEFERA E PRIMA DI SUBITO L'ABOLIZIONE DI EQUITAGLIA

piero1952

Ven, 27/09/2013 - 11:00

ma guarda un po, è persino doloroso questo asordante silenzio della testata del pregiudicato su una trasmissione che, normalmente, riempie la prima pagina del giornalino, spesso come notizia di apertura... forse che quello che ha detto il comprato, e la povera difesa di Belpietro, non sono graditi ad Arcore ed allora scatta il "silenzio stampa"?

LAMBRO

Ven, 27/09/2013 - 11:00

REDDITOMETRO PER IL SUD?? SIETE MATTI!! VOLETE SAPERE TROPPE COSE!!

Joecasti

Ven, 27/09/2013 - 11:01

Finalmente una buona notizia, finalmente la magistratura fa quello che deve fare e tutela i diritti privati di noi cittadini e fa in modo che la politica non si azzardi a dichiararci tutti come potenziali evasori fiscali. Dopo Prism, NSA ecc. avevo perso la fiducia e la speranza nella forma attuale di democrazia, le nazioni occidentali si muovono sempre più verso una dittatura, dove ognuno di noi viene controllato e spiato anche dai poteri economici (telefonica è un esempio).

giocondo1

Ven, 27/09/2013 - 11:03

Dal prossimo mese il governo m5s distribuisce il reddito di cittadinanza esentasse. IL problema del redditometro è superato.

orso bruno

Ven, 27/09/2013 - 11:04

La crociata intrapresa dal singolo cittadino sta dando buoni frutti. Ma a questo punto sorge spontanea una domanda :ma tutte quelle sedicenti associazioni dei consumatori cosa ci stanno a fare?

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Ven, 27/09/2013 - 11:05

Sfido io, i magistrati spendono e spandono come faceva il rapinatore Vallanzasca.

Ritratto di MIKI59

MIKI59

Ven, 27/09/2013 - 11:05

Era lapalissiano! Ho già avuto modo di spiegare come si scovano gli evasori. E' dalle circoscrizioni che deve partire il controllo, non possiamo pretendere che sia "Roma" a scovarli.

unosolo

Ven, 27/09/2013 - 11:07

parliamoci chiaro , non serve il redditometro serve gente che lavora , cosa mi rappresenta che abbiamo migliaia di casali diventati ville super accessoriate ma non hanno fatto il cambio d'uso , abbiamo personale che deve controllare le costruzioni abusive , abbiamo le foto aeree per confrontare con la reale costruzione se o non è stata regolare , abbiamo decine e decine di forze dell'ordine che lavorano per il controllo della viabilità ma nessuno osa fare multe a chi non rispetta il codice della strada come il mancato rispetto dello stop , del telefonino in auto , insomma siamo tutti liberi di infrangere la legge e nessuno controlla eccetto quei poche che lo fanno veramente . Se ognuno facesse il proprio lavoro cui è chiamato ci sarebbe più lavoro e più soldi allo stato o ai comuni , province o regioni , ci sarebbero tantissimi servizi migliori e meno criminalità , abbiamo migliaia di auto rubate che girano liberamente anche senza assicurazione , abbiamo una persona con migliaia di auto intestate questo vuol dire che nessuno controlla il sovraccarico di possessori di proprietà e che addirittura sono nulla tenenti ma con ville abusive stabilimenti con migliaia di dipendenti , come è possibile mai un controllo ? per anni senza mai essere controllati mentre altri hanno controlli quasi ogni mese . se ognuno lavorasse sai quanti soldi ci sarebbero nelle casse dello stato .

evidio

Ven, 27/09/2013 - 11:09

Per come è stato concepito il redditometro è sbagliato e da eliminare. Speriamo tuttavia che da un lato si semplifichi il sistema fiscale, dall'altro si persegua con decisione e rapidità ogni atto di evasione o elusione, punendo penalmente e severamente chi fa il furbo.

Ritratto di fritz1996

fritz1996

Ven, 27/09/2013 - 11:12

C'è un giudice a Napoli... e non è Woodcock!

m.m.f

Ven, 27/09/2013 - 11:14

...questo dig.monti,e i suoi ministri denunciarli?non ci vuole poi chissà cosa,fossi un avvocato lo farei.

giocondo1

Ven, 27/09/2013 - 11:14

Problema superato e ribaltato. Con il reddito di cittadinanza sarà il governo a dover dimostrare dove prende i 600miliardi di euro da dare a 60 milioni di cittadini della repubblica. (almeno 800 € /mese/abit.)

MEFEL68

Ven, 27/09/2013 - 11:22

Quello che è ingiusto è il carico dell'imposizione fiscale, non il redditometro. Il redditometro dovrebbe solo comparare il tenore di vita con i rediti dichiarati. Tutto qui. Se le due cose sono compatibili, è lecito spendere e spandere come meglio si crede. Chi vuole la la sua abolizione, lo fa solo perchè ha qualcosa da nascondere e noi, poveri contribuenti, non dovremmo essere contenti della sua abolizione perchè, l'evasione degli altri la paghiamo noi. Quello che è più necessario, quindi, è fare in modo che le tasse non spaventino perchè lo stato, fra tasse, imposte dirette e indirette, si porta via oltre il 60% dei guadagni di TUTTI. Lasciamo il redditometro e combattiamo sull'altro fronte, ma credo che a qualcuno ciò non faccia comodo.

Ritratto di lucianaza

lucianaza

Ven, 27/09/2013 - 11:27

chi di redditometro ferisce, di redditometro perisce

Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Ven, 27/09/2013 - 11:29

Questi giudici comunisti. Ma di Santoro oggi niente , povero Belpietro che figura , grande De Gregorio .

dukestir

Ven, 27/09/2013 - 11:31

VIVA I GIUDICI!

m.m.f

Ven, 27/09/2013 - 11:32

E adesso cosa si inventeranno per ESTORCERE CON LA FORZA E LA VIOLENZA i soldi spesso anche non dovuti?Come faranno,quale strumento ,quale legge o norma si inventeranno per RUBARE i soldi ai contribuenti ?Per RICATTARE i contribuenti?

Mefisto

Ven, 27/09/2013 - 11:32

beh... ogni tanto i giudici ne fanno una giusta...

m.m.f

Ven, 27/09/2013 - 11:33

MOLTO PROBABILMENTE HANNO FATTO IL REDDITOMETRO A QUALCHE D'UNO AL QUALE NON DOVEVANO...........O NON AVREBBERO DOVUTO.....................

Pedrino

Ven, 27/09/2013 - 11:33

Questi giudici comunisti..!!!!

a.zoin

Ven, 27/09/2013 - 11:35

E, tutto questo che il signor Monti ,ha rovinato nel BELPAESE, gli ha fatto guadagnare Il SENATORIATO A VITA !!! La conclusione che si trae, (visti i fatti), è che la delinquenza, nel Bel paese, VIENE PREMIATA e chi LAVORA E PAGA LE TASSE, VIENE PUNITO. Altro INTERROGATIVO, ( DOVE FINISCE IL DANARO DELLE TASSE CHE ROMA-LADRONA IMMAGAZZINA NELLA CAPITALE??? E, PERCHÈ,SENATORI,MINISTRI E PARLAMENTARI ARRICCHISCONO, MENTRE LA POPOLAZIONE DEVE FARE SACRIFICI IMMENSI PER TIRARE FINE MESE??? Per ultimo, PERCHÈ, molti IMPRENDITORI E OPERAI, VANNO ALL`ESTERO PER CERCARE PIÙ STABILITÀ??? MENTRE I PARLAMENTARI CI DANNO DA INTENDERE CHE L`ECONOMIA ITALIANA STÀ ANDANDO BENE E NEL FRATTEMPO SVENDONO LE PIÙ IMPORTANTI MULTINAZIONALI A PAESI STRANIERI??? COSA DOBBIAMO CREDERE DI QUESTI CIARLATTANI???????????

il gotico

Ven, 27/09/2013 - 11:39

Senza dover sindacare se il redditometro sia uno strumento corretto o meno, forse in questo modo la finanza scopre più evasori e questo lo desideriamo tutti, il problema che viene messo in luce, è che quell'inetto di monti ha realizzato un sistema di controllo che viola la privacy e le normative vigenti, è l'ennesima dimostrazione che siano stati governati, seppur per poco tempo, da un incapace, bravo solo a tassare la gente e fare gli interessi altrui, germania in primis... piuttosto che perdere tempo con omofobia e altre piccanti leggi, non sarebbe il caso di richiedere la restituzione dei soldi che ha preso e cacciarlo dalla carica di senatore a vita ? Inutile e incapace, mandatelo all'estero, possibilmente al di là dell'oceano.

Ritratto di Geppa

Geppa

Ven, 27/09/2013 - 11:42

Giudici comunisti politicizzati ahhh! cattivi!!! ahh!! ah no...ooops

coccolino

Ven, 27/09/2013 - 11:44

...TALVOLTA I GIUDICI SI SFORZANO DI VOLER DIMOSTRARE CHE IN ITALIA C'E' STATO DI DIRITTO E NON DI POLIZIA...

guidode.zolt

Ven, 27/09/2013 - 11:45

Vogliono fare i ladri ma non riescono nemmeno a farlo con la dovuta competenza, violando la Costituzione ...!

Boxster65

Ven, 27/09/2013 - 11:47

Che strano chi non paga le tasse ha tutte le coperture.... viola la privacy!!!.... D'altronde è meglio continuare a prenderli dai soliti le tasse (dipendenti e pensionati) perchè rompere le scatole a chi non le ha mai pagate e non ha voglia di pagarle??

cgf

Ven, 27/09/2013 - 11:47

Innanzi tutto lede la libertà di certi ligi funzionari dello Stato ad avere altri lavoretti, consulenze, etc etc... poi, certo certo, in nome del popolo italiano è sacrosanto blabla. imho che non è certo quello il modo per scovare gli evasori, invece di criminalizzare chi spende, si eviti di avere tasse alte alla fonte, così si aumentano i consumi dove andrebbe concentrata l'imposizione e chi più consuma, più paga, come è più giusto che sia. In pratica se uno/a vuole un'auto da 100mila euro pagherà in valore assoluto 10 volte più tasse di chi compra un'auto da 10mila, basta applicare una tassa in percentuale per l'immatricolazione. Ovvio che i prezzi non sono quelli dichiarati e/o 'spuntati in trattativa' (sai che 'caroselli'!!) ma i prezzi di listino. Alla fine tutti felici e contenti, l'Erario incassa certamente di più e chi compra il Ferrari non è più un delinquente. Negli USA se giri in Ferrari ti fanno i complimenti, due volte!! primo per il Ferrari, secondo perché contribuisci.

Ritratto di Orientale

Orientale

Ven, 27/09/2013 - 11:47

Tutti comunisti i giudici, meglio non fidarsi.

schiacciarayban

Ven, 27/09/2013 - 11:49

Che il redditometro fosse una palese violazioe della libertà era chiaro, ma la domanda è: quanti soldi hanno buttato via per studiare questa troiata? E chi paga? Nessuno, come al solito, anzi quelli dell'agenzia delle entrate continueranno a darsi i loro stipendi milionari, Befera in testa.

furetto78

Ven, 27/09/2013 - 11:51

Ci aspettiamo fatti concreti e non pettegolezzi. Queste 'porcherie' varate da Monti sono state votate da quale maggioranza? Il Pdl dov'era? Votava tutto per quale motivo? Sono 2 anni che sostenete governi fantoccio. Prima Monti ora Letta. Dateci un taglio o il prossimo voto ve lo sognate

rokko

Ven, 27/09/2013 - 11:52

.i.fals@ri..: scusi, ma che c'entra Befera ? Lui è un funzionario dello Stato, e fa quello che la politica gli dice di fare. Le dimissioni dovrebbero darle i politici che si sono inventati il redditometro, a cominciare da Tremonti e per finire a Monti.

Boxster65

Ven, 27/09/2013 - 11:57

A pensar male spesso ci si prende (come diceva qualcuno) però il fatto che preventivamente ci si sia messo un dipendente comunale di Pozzuoli a chiedere di dichiarare illegittimo il redditometro mi fa sospettare non poco. Diciamocelo fuori dai denti, non è che un dipendente pubblico navighi nell'oro.... ma se costui non vuole che nessuno della GdF metta il naso negli affari suoi non è che costui ha un buon motivo per chiederlo?? Non è che magari è uno di quelli che intascano bustarelle per concedere che ne so permessi di costruire o altro??.....

rokko

Ven, 27/09/2013 - 11:57

schiacciarayban, per lei stessa replica che a .i.fals@ri..; cosa c'entra Befera ? E' un funzionario dello Stato e deve fare quello che gli dice la politica; se la politica gli dice: "metti su un sistema che scova le spese dei cittadini, non preoccuparti per la privacy che ci pensiamo noi a renderlo legale" lui lo deve fare, punto. Le responsabilità sono a monte, nella classe politica del cavolo che abbiamo, incapace di fare qualcosa che non sia nel loro sporco interesse.

Mr Blonde

Ven, 27/09/2013 - 12:00

creato da tremonti e perfezionato da monti; ovviamente le menti semplici danno la colpa ai komunisti; si può discutere e giustamente sulla forma ma lo strumento è molto più adatto a cogliere la realtà reddituale che non gli studi di settore. Non capisco la linea editoriale però: chi ha magari diversi appartamenti, viaggia compra auto ecc ecc e dichiara diciamo 20000euro, lo lasciamo perdere? non è il caso di concentrarci su queste persone piuttosto che correre dietro a scontrini da 10€ spremendo sempre i soliti?

gneo58

Ven, 27/09/2013 - 12:01

si vede che toccava troppo da vicino loro ed i loro amici......

roberto1942

Ven, 27/09/2013 - 12:03

beh i giudici di Napoli hanno valutato bene! D'altra parte a Napoli, lo sanno tutti, non c'è bisogno di fare controlli perché tutti pagano correttamente le tasse e di capitali illeciti (intendo di tipo camorristico) non si trova traccia. E non la si troverà.

odifrep

Ven, 27/09/2013 - 12:04

Non per contraddire l'avvocato, ma per ribadire che noi cittadini, ci troviamo in una Stato di Polizia (e lui lo sa benissimo), siamo "sospettati" non solo dalla magistratura sulle intercettazioni telefoniche, ma anche per il fisco, quali "presunti" evasori. In merito alla privacy, il giudice Valletta, dovrebbe saper che se l'Agenzia delle Entrate, avesse l'elenco nominativo di tutti i contribuenti (compreso quelle suo) eccezione alcuna, l'Ufficio non violerebbe alcun articolo fondamentale della Costituzione, né la carta dei diritti fondamentali della Ue. Siamo tutti uguali, ma solo davanti a Dio.

schiacciarayban

Ven, 27/09/2013 - 12:11

@rokko- Come cose c'entra Befera, non è mica un qualsiasi impiegato statale, dovrebbe avere una certa voce in capitolo, mi risulta che sia il capo dell'agenzia delle entrate, vabbè che per gli statali lavarsene le mani è lo sport nazionale... E se non ha alcun potere decisionale e resposabilià, allora il suo stipendio milionario a cosa serve?

ilfatto

Ven, 27/09/2013 - 12:13

i 300 miliardi evasi ringraziano.. come la rigiri chi paga siamo sempre noi

Amon

Ven, 27/09/2013 - 12:14

curioso da altre parti i titoli dei giornali recitano piu o meno questa frase ""I dubbi di B: “Non è che abbiamo fatto una cazzata con queste dimissioni di massa?”"" contrordine bananas le dimissioni (farsa sia nei modi che nel moduli) non si fanno piu !

Beaufou

Ven, 27/09/2013 - 12:14

Questo è un esempio eclatante di come funziona la P.A.: mesi a preparare uno strumento, a definire i minimi dettagli e le più improbabili combinazioni, e poi si scopre che questo strumento è degno solo di uno stato totalitario perché non rispettoso dei più elementari diritti dell'individuo. Ma un consulente legale e costituzionale non c'è, in Agenzia delle Entrate? E se c'è, cosa fa? E il responsabile della stesura di uno strumento simile, si è posto questo problema, o era solo interessato al modo migliore per controllare i contribuenti, senza verificare la legittimità di quanto proponeva? O pensava che non fosse compito suo, verificare che lo strumento potesse funzionare? Chi ha scritto, controllato e approvato questo strumento dovrebbe essere perseguito per danno erariale. Sono queste situazioni che impediscono all'Italia di essere un paese normale, non l'evasione dell'idraulico che non rilascia una fattura (senza per questo dire che fa bene, intendiamoci). Se uno dei settori più delicati della P.A. funziona così, figuriamoci quelli meno critici.

treumann

Ven, 27/09/2013 - 12:18

questa notizia mi fa sinceramente un gran piacere; anzitutto, è una sconfitta, anche se postuma, per il sciagurato governo del professore e dei suoi sodali e poi era soltanto uno strumento di dittatura finanziaria sui più deboli e completamente inefficace.

Giorgio5819

Ven, 27/09/2013 - 12:20

Sanzioni pesanti e subito per monti e i suoi genietti !!!

Ritratto di Kayleigh

Kayleigh

Ven, 27/09/2013 - 12:21

Ottima decisione per come il redditometro è stato concepito. I più contenti saranno i pluri evasori del nord. Ovvio.

Ritratto di marforio

marforio

Ven, 27/09/2013 - 12:23

Troppo tardi.I bovini sono scappati.

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Ven, 27/09/2013 - 12:27

SFIDUCIARE APERTAMENTE IL GOVERNO LETTA. Chi é che umilia l´Italia sono i parassiti come lui, gli imboscati negli apparati burocratici dello stato mafioso, i vigliacchi che per continuare a pappare e a godere della piú totale irresponsabilitá sopra la pelle del Paese e dei Lavoratori non hanno altro a disposizione che i lugubri mezzi della menzogna e della violenza. Si abbatta in Italia il Muro dello stato mafioso piú schifoso.

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Ven, 27/09/2013 - 12:27

SFIDUCIARE APERTAMENTE IL GOVERNO LETTA. Chi é che umilia l´Italia sono i parassiti come lui, gli imboscati negli apparati burocratici dello stato mafioso, i vigliacchi che per continuare a pappare e a godere della piú totale irresponsabilitá sopra la pelle del Paese e dei Lavoratori non hanno altro a disposizione che i lugubri mezzi della menzogna e della violenza. Si abbatta in Italia il Muro dello stato mafioso piú schifoso.

Fab73

Ven, 27/09/2013 - 12:28

@Pasquale Esposito: A Pasquà, dev'essere un bel po' che manche dal paese. Scusa la franchezza: Ma di che cazzo di Italia stai parlando!!??!! Non sarà che ti informi leggendo Il Giornale e guardando il TG4? Guarda che il tuo idolo è sempre stato organico al sistema marcio che ha mandato in malora il paese (te lo ricordi Craxi?). Se non vivi qui lascia perdere, che parli di cose di cui non sai nulla...

Rossana Rossi

Ven, 27/09/2013 - 12:29

I tecnici.......puah!

rocco antonio artuso

Ven, 27/09/2013 - 12:32

Dei Giudici a Berlino sono sempre bene accetti

Massimo Bocci

Ven, 27/09/2013 - 12:33

Certo bisogna vivere in un paese di PULCINELLA, a regime comunista come questo per vedere le comiche finali, dei giudici che che hanno spiato un liberale anche dentro al CESSO, vigilano sulla riservatezza???? Dei loro conti!!!! Tante le volte ci fosse in giudice non regime a Berlino.

Silver54

Ven, 27/09/2013 - 12:34

E che diamine! Volevate sapere di che vivono al sud?

colapesce

Ven, 27/09/2013 - 12:36

se tutti piu o meno evadiamo o rubiamo e abbiamo qualcosa da nascondere che senso ha il redditometro o altri strumenti di controllo ..............io intanto sono perfetto .........scherzo

Ritratto di venividi

venividi

Ven, 27/09/2013 - 12:48

Ah ecco, vogliono rendersi simpatici ma non ci caschiamo, hanno aspettato mesi. Chi vogliono prendere in giro ? Comunque ha ragione Klotz 90.

Zizzigo

Ven, 27/09/2013 - 12:52

Se ce ne fosse bisogno, finalmente questi Giudici riscatterebbero la Magistratura...

odifrep

Ven, 27/09/2013 - 12:55

Fab73 (12:28) - non dice però, @ pasquale.esposito, quale giornale deve leggere e se vede RAI3, in Germania, per una informazione Komunista. La presunzione e la supponenza komunista è al vertice dell'indice di ignoranza.

carvan1234

Ven, 27/09/2013 - 13:06

Un impiegato comunale di Pozzuoli...e ti credo che non vuole che si vada a dare uno sguardo ai suoi conti, sai le mazzette che puo' aver ricevuto !

Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Ven, 27/09/2013 - 13:39

E cosa ci si poteva aspettare da quel grande luminare di Mario Monti e company?!?!

Ritratto di spectrum

spectrum

Ven, 27/09/2013 - 13:55

non e' altro che una conferma, che in italia si punta il dito su berlusconi grande "pregiudicato", mentre anche il 99% degli italiani non sono puliti. Come e' anche vero che il 99% degli italiani che conosco non sono puliti. Chi guadagna 30 e dichiara 12, chi non fa ricevute, chi fa montagne di malattia e assenteismo, chi ruba al lavoro, chi affitta in nero/comodato, chi ruba rimborsi, chi deduce spese non congrue, chi supera in fila al negozio, chi passa a destra in autostrada, chi sgambetta il collega per far carriera, etc etc. Compresi i giudici con doppi lavori, neanche loro sono esentati. E allora "STOP" al redditometro. Si capisce perche.

ciannosecco

Ven, 27/09/2013 - 14:02

"ilfatto"Lei sa come si è fatto a stimare la cifra di 300 miliardi di evasione?E' un dato che ha verificato lei o lo ha appreso da altre fonti?Saluti.

ex d.c.

Ven, 27/09/2013 - 14:16

Il redditometro, anche se con altro nome, è in vigore ormai da anni e, indipendentemente da chi ha avuto questa geniale idea, è stato tollerato da tutti i governi senza rendersi conto di quanto danno economico ha provocato. Sono milioni gli italiani che pur avendo disponibilità scelgono di non spendere e di non investire in italia per non essere sottoposti all'assurdo ed umiliante controllo fiscale sul personale. Nessun altro paese democratico ha mai adottato qualcosa di simile

Ritratto di scriba

scriba

Ven, 27/09/2013 - 14:22

E IL SUPERVISOR DEL COLLE DOV'ERA? Questa è una notizia che se letta e diffusa con superficialità, metodo caro alla sinistra, porta a rafforzare la delegittimazione delle tesi asserite dal Presidente Silvio Berlusconi su quella parte di magistratura che agli occhi del mondo intero risulta politicizzata. Tale notizia invece rappresenta la dimostrazione del vuoto politico che sta uccidendo l' Italia perchè una legge così liberticida e incostituzionale doveva essere respinta da un Parlamento degno di tale nome e da chi è posto a presidio della costituzionalità delle leggi. Il vuoto è drammatico e (in questo caso opportunamente) è toccato alla magistratura svolgere un ruolo improprio per salvare l' Italia dalla prepotenza fiscale.

liibalaaba

Ven, 27/09/2013 - 14:43

Bravi i giudici di Napoli! Ora devono cancellare la tracciabilità dei movimenti di denaro! E' mai possibile che io non posso avere più di mille Euro in tasca? Ma davvero vogliamo trasformnare il nostro paese in uno stato di polizia tributaria? Se ho l'avventura di una vincita,non appena la verso sul c/c devono venirlo a sapere tutti?E fosse solo i direttori della banca.....passi pure!Ma il fatto che chi oltre loro lo verrebbe a sapere? E con quali conseguenze? No,questi provvedimenti violano apertamente la privacy,vanno aboliti, tutti! Tanto, in caso io fossi un criminale,la giustizia può sempre far richiesta di visionare i miei conti correnti e mettermi sotto controllo! Allora,perchè ricorrere a sistemi da regime totalitario? Per il gusto di rompere i coglioni alla gente?

cgf

Ven, 27/09/2013 - 14:55

@rokko il reddittometro è farina del trio Prodi/Visco/Bersani!! lei ha memoria corta oppure non è stato attento quando fu dato il mandato per redigerlo. CMQ abbiamo già visto con quali risultati considerato che per il redditometro così come è anche i minori in età scolastica dovrebbero giustificare di NON avere reddito, e non è certo quello scolare di cui si chiede conto. Altra 'anomalia', hanno sempre detto che si basavano su dati statistici UFFICIALI, per l'ISTAT ci sono qualche milionata di famiglie in meno, come lo spiega Befera? Licenziamo tutti quelli dell'ISTAT ed istituiamo la polizia tributaria sulla riga della Stasi? perché no, Befera a capo! Con le figuracce maturate, le milioni di ore che fa perdere alle aziende, le quali sono sempre più spesso in balia dell'umore del funzionario di turno, vada vada anche in commissione ed otterà ragione, ma poi la cartella arriva lo stesso perché 'a discrezione' del funzionario è 'verosimile' che lei abbia realmente evaso, no prove, sensazioni. Personalmente non ho nulla contro il redditometro, anzi sare molto felice che la platea dei supercontollati raddoppi e poi vorrò sentire quanto saranno felici questi che devono spiegare perché hanno fatto un bancomat di 900 euro e difendersi dall'accusa di aver fatto imbiacare casa in nero senza che vi siano tracce di vernice e pittore.

bruno49

Ven, 27/09/2013 - 15:09

Adesso i magistrati vi vanno bene, eh? Brutti evasori che non siete altro.

Ritratto di capcap

capcap

Ven, 27/09/2013 - 15:51

Solo chi è colpevole cerca di rimanere sommerso! In America c'erano i cacciatori di taglie; in Italia ci dovrebbero essere i cacciatori di evasori, affiancati alle GdF: Di giudici ne rimarrebbero ben pochi e forse..............

Ritratto di nuvmar

nuvmar

Ven, 27/09/2013 - 16:08

Pisistrato, mi ricorda un periodo oscuro dell'antica Grecia, benché fosse uno dei meno peggio. Certo l'allusione alla corte Partenopea le rende la pariglia con quell'omonimo. E' come cogliere l'occasione per ammiccare, ma, e se tutte le procure si dessero una mano contro certi "vessatori" del popolo, lei compreso?

Ritratto di nuvmar

nuvmar

Ven, 27/09/2013 - 16:08

Pisistrato, mi ricorda un periodo oscuro dell'antica Grecia, benché fosse uno dei meno peggio. Certo l'allusione alla corte Partenopea le rende la pariglia con quell'omonimo. E' come cogliere l'occasione per ammiccare, ma, e se tutte le procure si dessero una mano contro certi "vessatori" del popolo, lei compreso?

cgf

Ven, 27/09/2013 - 17:03

@bruno49 e per tanti altri... come vorrei che invece passasse per davvero!!! così lei e tanti altri vi renderete conto che forse forse chi si lamentava non aveva tutti i torti. Ladro è anche quel dipendente chi si fa gli affari suoi e non importa nulla, anzi... spesso sperano che le aziende chiudano. Niente paura, sono oramai cinque anni che continuano a chiudere, nel resto dell'Europa c'è l'inversione di tendenza, in Italia stanno facendo il salasso agli anemici, presto anche lei.... non si preocupi... sarà così!

bruno49

Ven, 27/09/2013 - 17:15

cgf: il salasso lo fate a me che pago le tasse voi brutti evasori che non siete altro

Marcventur

Ven, 27/09/2013 - 17:16

Questa sentenza si aggiunge ad un'altra analoga del tribunale di Pozzuoli (Giudice Antonio Lepre) che stabiliscono assieme che in Italia siamo, oramai, in uno Stato di polizia, reclamato e messo in atto da quei bei signori della sinistra camuffandolo con la comoda motivazione del "contrasto all'evasione fiscale". Così per contrastare quattro furbetti si mette alla gogna l'intero paese alla faccia della libertà di ognuno di noi. Sentite un po' cosa scrive il suddetto giudice: " ... il redditometro determina la soppressione definitiva del diritto del contribuente e della sua famiglia ad avere una vita privata, a poter gestire il proprio denaro, a essere quindi libero nelle proprie determinazioni senza dover essere sottoposto a invadenza del potere esecutivo". Grazie dunque ai vari Epifani, Dalema, Fassino, a tutti i post-comunisti che sono riusciti dove nemmeno Togliatti riuscì. Meno male che ogni tanto spunta fuori un Magistrato NON-allineato agli ordini di squadra.

bruno49

Ven, 27/09/2013 - 17:29

Guardate che il redditometro, così come è attualmente strutturato, è stato istituito da Tremonti

m.m.f

Ven, 27/09/2013 - 17:32

solo il fatto sia stato partorito qui è il presupposto che sia illegale,inutile,anticostituzionale. come il limite dei 1000 euro,unico paese in europa,il limite dei 3600 oltre i quali bisogna identificare la persona che spende come fosse un delinquente. povero paesello di contadini.......

m.m.f

Ven, 27/09/2013 - 17:34

e tanto per cambiare il redditometro andava a prendere SOLO COLORO I QUALI LE TASSE LE PAGANO!!!!!!!!!!!!