I grillini mettono sotto processo Grillo

Parlamentari grillini costretti al silenzio. Ma qualcuno infrange il diktat: "Abbiamo perso 3 milioni di voti". I malumori crescono di ora in ora. Grillo preferisce disertare il confronto l'assemblea coi suoi parlamentari. E qualcuno chiede la sua testa

Slitta alla prossima settimana l'assemblea dei grillini dopo la débâcle delle europee. Una vera e propria resa dei conti da cui, però, si terrà ben alla larga Beppe Grillo. Il sindaco di Parma Federico Pizzarotti rompe il tabù interno e chiede un passo indietro del leader. Lo fa senza toni ultimativi, in una intervista al Fatto quotidiano, ma il senso della sua posizione è chiaro: "L’intento di Grillo era sempre stato quello di accompagnarci fino a un certo punto e poi lasciare la gestione diretta in mano agli attivisti. L’ho gia detto: non sono io a dover dire quando". La temperatura è altissima.

Dicendosi sfiancato dal tour de force per la campagna elettorale, Grillo diserterà l'incontro coi parlamentari proprio quando il barcone stellato sta andando avanti senza timoniere. Si è, infatti, limitato a far sentire il proprio appoggio con qualche telefonata agli eletti a lui più vicini. Parole di circostanza per rincuorarli dopo il tonfo elettorale. "Questi ragazzi restituiscono gran parte dello stipendio - è sbottato ieri alla Casaleggio associati - e la gente continua a votare il vecchio, i tromboni, chi ruba". L’assemblea avrebbe dovuto tenersi in questi giorni o così speravano in molti. "Ma a mio avviso - spiega il capogruppo alla Camera Giuseppe Brescia all’Adnkronos - era giusto prendersi il tempo necessario a far decantare, elaborare, evitare reazioni di pancia. Ora sentirò il capogruppo al Senato, Maurizio Buccarella, e stabiliremo il giorno. Ma non capisco tutta questa apprensione sulla nostra congiunta, sarà una riunione come tante altre". Ma, a testare gli umori, l’assemblea si preannuncia piuttosto calda: i cosiddetti "talebani" da una parte, i dissidenti dall’altra. Tutti pronti a togliersi qualche sassolino dalla scarpa. Il malcontento aleggia anche tra diversi parlamentari considerati, finora, "allineati", pronti ora a prender la distanze dai miliatanti "più grillini di Grillo".

In parlamento vige la consegna del silenzio. Ai pentastellati è stato, infatti, consigliato di non parlare con la stampa. "Prima dobbiamo raccogliere le idee", rispondono in coro l’ex capogruppo Alessio Villarosa e Angelo Tofalo ai cronisti. Ma qualcuno, off the record, si lascia andare alle confidenze. Ed è tutto un "io lo avevo detto", "era prevedibile" e così via. Sotto accusa i toni della campagna elettorale. In molti sembrano rinfacciare a Grillo di aver "pigiato" troppo sull’acceleratore. "La prova è sotto gli occhi di tutti - dice un deputato - abbiamo perso quasi 3 milioni di voti". Sul fronte dei dissidenti, poi, le rimostranze raddoppiano. "Siamo stati messi sotto accusa - osserva un parlamentare - perché abbiamo criticato apertamente alcune uscite di Grillo, vedi la cazzata di Auschwitz, le sparate su Pizzarotti o il tribunale pubblico per i giornalisti. Avevamo ragione noi, abbiamo spaventato l’elettorato". E ora chiedono che si cambi musica. Grillo, appunto. Voleva istituire i tribunali per far fuori giornalisti, politici e imprenditori. Adesso è lui a fine sotto processo. "Qui c’è da rivedere tutto - incalza un deputato - perché non siamo più alla mera filosofia, gli errori ora sono tangibili e hanno un peso: 3 milioni di voti in meno. E qualcuno dovrà risponderne".

Ai vertici del M5S è rimproverato il cerchio magico che si è formato attorno a Grillo. Si tratta, racconta di "yes-man e fedeli servitori che vanno in tv e sul palco con Grillo" e raccontare "quel che vogliono, buttando fango su tutti gli altri". Anche il divieto di stringere alleanze con altre forze politiche ha creato non pochi maldipancia. Tanto che i dissidenti non hanno mai interrotto i contatti e guardano con interesse al gruppo che gli ex grillini stanno costituendo a Palazzo Madama. Difficile (se non impossibile) che lo stesso alla Camera dove mancano i numeri. Muove emorragie in casa Cinqie Stelle, tuttavia, non sono affatto escluse.

Commenti

Guido_

Mar, 27/05/2014 - 19:45

Se Grillo deve lasciare perchè è andato sotto di 19 punti, cosa deve fare Berlusconi che è andato sotto di 24?

Ritratto di pravda99

pravda99

Mar, 27/05/2014 - 19:46

M5S senza Grillo e` come Forza Italia senza Berlusconi. E l'Italia senza questi guitti tragici, sarebbe come un Paese Normale.

Ritratto di andrea626390

andrea626390

Mar, 27/05/2014 - 19:53

I grillini hanno perso 3 milioni di voti e Grillo dovrebbe lasciare. E Berlusconi che ne ha perso altrettanti 3 milioni (a sommarsi ai 6 milioni persi nel 2013) che dovrebbe fare??????

Charles buk

Mar, 27/05/2014 - 20:35

Grillo merita di lasciare il movimento. Ricordate la figura barbina con renzi nelle consultazioni? Lì m5s ha perso le elezioni ed ha perso la grandissima opportunità di cambiare le cose.

giumaz

Mar, 27/05/2014 - 20:39

A proposito di ebeti ed ebetini: Grillo da (o dava) dell'ebetino a Renzi, ma sicuramente aveva presente la faccia del sindaco di Parma.

ortensia

Mar, 27/05/2014 - 20:40

Se con lui hanno avuto un 22%, senza di lui fanno la fine di quello sgonfione di alfano.

att

Mar, 27/05/2014 - 20:42

che c'entra berlusconi?????... la zappata sui piedi grillo se la tirata da solo e i voti gli ha fregati renzi, quindi, spiegatemi: cosa c'entra berlusconi?????.... se la condizione per liberarsi di grillo è far sparire berlusconi sono il primo a sottoscrivere!

Ritratto di bergat

bergat

Mar, 27/05/2014 - 20:49

A mio avviso la colpa non è di Grillo ma dei suoi depudati e senatori. Dovevano fare la rivoluzione e invece si sono seduti sugli scanni a fare opposizione. Ho sentito pochi vaffa dai suoi uomini verso l'ostacolo maggiore che è la costituzione....

Ritratto di CIOMPI

CIOMPI

Mar, 27/05/2014 - 20:54

L'insetto farebbe bene a volar via.

AlbertMissinger

Mar, 27/05/2014 - 20:58

Un saggio adagio dice: gli amici si criticano in privato e si lodano in pubblico. Mr. Pizzarotti non è un amico né di Beppe Grillo né del Movimento 5 Stelle....ma solo un Sindaco pro tempore di Parma senza tatto e magari male accompagnato e consigliato.

Aristofane etneo

Mar, 27/05/2014 - 21:45

No, non no! Beppe non ha perso per ciò che ha detto, anche se sapeva un po' di stantio. Beppe ha perso per i paraculi che si è portato dietro e grazie all'art.67 della Costituzione hanno fatto fessi gli elettori che li hanno votati (grazie a Beppe), si sono tenuti i soldi e sono passati ad altri partiti; il M5S ha perso perché non hanno inciso per nulla dando solo l'impressione di fare i pierini della classe con la maestra cattiva (tale Boldrin Presidente della Camera pur con lo zero per cento dei voti raccattati dal suo partito); il M5S ha perso perché Casaleggio non si capisce ancora chi cacchio sia e cosa ci stia a fare, però si permette di dare buca a convegni di imprenditori e di artigiani molto vicini al M5S, per disperazione. Menar vanto e dell'amicizia con Dario FO o col petulante Presidente dell'ADUSBEF è stato, per l'elettore della classe media, più deleterio che la battuta sul cagnetto Dudù del quale sapeste quanto frega a chi non ha lavoro o è oppresso da questi stramaledetti e strapagati burocrati che hanno occupato le Istituzioni e che hanno permesso rapine quali il MPS o gli sprechi non più sostenibili dal Popolo italiano.

ilbarzo

Mar, 27/05/2014 - 22:32

Grillo messo alla gogna dai parlamentari del movimento , non e' proprio da digerire.Il movimento e' stato da lui creato e solo lui puo' fare e disfare a suo piacimento,come normalmente fa ogni leader.

Ritratto di Balamata

Balamata

Mar, 27/05/2014 - 22:39

X pravda: Sbatti sempre li eh? Ma non lo capisci o fai finta di non capire che Berlusconi e grillo non sono i problemi dell'Italia? Finiscila per favore, non ne posso più' di leggere i tuoi commenti

Ritratto di Balamata

Balamata

Mar, 27/05/2014 - 22:41

Dimenticavo... Ha vinto Renzi.ok.... E' il nuovo, promette tanto, diamogli fiducia, poi il tempo dirà' se era meglio Silvio, o no

pathos

Mar, 27/05/2014 - 22:43

grillo terrà ancora perchè il malcontento è tutt'ora pervaso nelle classi disperate. Quindi i processi sono illogici casomai sarebbero gli stessi grillini a doversi processare per mancanza di carisma. pescare nel comune succede proprio questo e cioè avere tante siure cesire a parlare di politica.

ilbarzo

Mar, 27/05/2014 - 22:46

Non voglio credere che Grillo sia arrivato al capolinea,anche se nella foto sopra riportata, lo vedo assai pensieroso,

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mar, 27/05/2014 - 23:53

A onor del vero andrebbero processati tutti i grillini per l'insulsa imbecillità che diffondono nel paese. SIAMO STUFI DI SENTIRE INSULTI E PROTESTE DA OSTERIA NEL PARLAMENTO.

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Mer, 28/05/2014 - 00:11

Grillo a non ha detto parolacce e il suo popolo, che è moderno e che lo segue solo per sentirgli dire almeno "cacca", è rimasto scioccato e lo ha abbandonato. Non si può spiegare diversamente una sconfitta del genere!

Alessio2012

Mer, 28/05/2014 - 00:41

Grillo è solo un complice del PD. Serve solo a togliere voti al centrodestra... Quando lo capiranno, sarà troppo tardi.

Ritratto di marione1944

marione1944

Mer, 28/05/2014 - 01:03

andrea626390,pravda99,Guido_: ma perchè per una volta solamente non scrivete qualche cosa relativo all'articolo? non ci riuscite proprio vero? avete un prurito e non potete grattarvi e allora bestemmiate. Pur di tirare in ballo Berlusconi anche quando non serve siete capaci di tutto da buoni compagnuzzi. Ma andate in mona che è meglio.

scipione

Mer, 28/05/2014 - 01:38

andrea6263,ma Berlusconi non ha mai detto " STRAVINCIAMO NOI E SE PERDO VADO VIA ". CAPITO LA DIFFERENZA FRA IL COMICO E LA PERSONA SERIA ?

scipione

Mer, 28/05/2014 - 01:39

peppe1944,fratello,hai dato la buona notte a 5 stelle al tuo capo ?

Roberto Benso

Mer, 28/05/2014 - 01:46

Ma guarda. Vogliono accantonare Grillo. Così, alle prossime elezioni, se ne tornano tutti a casa.

vacabundo

Mer, 28/05/2014 - 06:52

Grillo non ha perso niente,anzi.Chi dovrebbe fare autocritica dovrebbero essere quei grillini che con il loro comportamento ridicolo da traditori e da sputaioli nel piatto dove mangiano.Ricordatevi, senza Grillo, il movimento non sarebbe nato e voi ancora sareste degli sconosciuti,poco illustri e molto anonimi.Grillini, non dico che dovete solamente ubbidire,Grillo non lo permette questo, però se Grillo vi dà un suggerimento è che voi ancora siete incapaci quindi cercate di studiare e soprattutto cercate di portare il movimento alla giusta dimensione che merita.Il movimento non ha perso niente, tanto è vero che è il secondo partito.Questa è perdita?Siete voi che dobete fare si che arrivi per primo.FORZA GRILLO E GRILLINI.SIATE ANCHE PIù SERI E NON CADETE NELLE TRAPPOLE INDEGNE CHE VI TENDONO.

Romolo48

Mer, 28/05/2014 - 07:27

@ Guido_ … intanto pensa ai guai di casa tua e non di quella di altri. Poi, se proprio vogliamo, è una questione di coerenza; Berlusconi ha sempre detto "Io ci sono, non lascio", Grillo di pare abba più volte ripetuto "Se perdiamo le europee mi ritiro". Come la mettiamo?

tangocav

Mer, 28/05/2014 - 07:48

Adesso però non esageriamo. In fondo i cinquestelle hanno avuto gli stessi voti di Berlusconi ed Alfano messi insieme...

linoalo1

Mer, 28/05/2014 - 08:05

Alfano ha attaccato la sua malattia anche ai Grillini?Lino.

stef1953

Mer, 28/05/2014 - 08:15

ma non sarà che Grillo ha perso solo quei voti che alle elezioni precedenti aveva ricevuto 'per sbaglio' da italiani scontenti e vogliosi di lanciare un messaggio minaccioso ai loro partiti?? Se fosse così sta rientrando nei ranghi ... forse perderà ancora, se continua così

Alessio2012

Mer, 28/05/2014 - 11:02

Per me Grillo ha già preso tanto, anzi tantissimo... se consideriamo che è solo una "spalla" del PD. Il PD sapeva già che gli italiani non avrebbero votato il PD al 51%, così ha costruito un "partito di protesta", dove si sarebbero riversati gli italiani schifati dalla "normale" politica. Invece il M5S aiuta sicuramente il PD ad avere una maggioranza, perché sicuramente voterà le leggi che vuole il PD, in quanto insieme superano il 60% dei votanti...