I No Tav ora minacciano gli operai

La Procura di Torino apre un fascicolo per le molotov di Chiomonte. Gabriele Salvatores farà un film sui ribelli della Val Susa: è polemica politica

Roma - C'è una presa a tenaglia sulla Tav in Val di Susa. Un attacco contro l'unica grande opera in costruzione in Italia che parte dai cantieri e arriva ai palazzi della politica. Che parte dalle molotov, passa per le minacce agli operai e finisce con le proposte di legge. Naturalmente firmate dal MoVimento Cinque stelle, che fiancheggia da sempre i No Tav.
C'è un clima cupo sulla Tav. Un clima che sa di angoscia e piombo. Un clima che chiama sangue. Dopo l'assalto della notte tra lunedì e martedì al cantiere di Chiomonte, con quindici molotov lanciate contro le forze dell'ordine con la probabile intenzione di uccidere (e infatti la Procura di Torino ha aperto un fascicolo contro ignoti che ipotizza tra gli altri reati anche il tentato omicidio), ieri è stata la volta delle minacce agli operai dei cantieri. Comparse in un post dall'oscuro linguaggio in stile brigatista pubblicato su uno dei blog in cui ribollono gli umori quasi mai signorili dei No Tav. Nel messaggio si accusano gli operai che lavorano al cantiere per una paga certamente non da Billionaire di aver compiuto «una scelta egoista» (quella di guadagnarsi il pane da portare in famiglia?) che li «mette fuori dalla comunità» e «li condanna a una difficile convivenza con il territorio». Ed è proprio questa frase, e l'uso un po' obliquo della parola «condanna», a preoccupare gli agenti della Digos che stanno indagando sul messaggio, i quali temono e anzi credono che vi si possa leggere il segnale dell'avvio di un nuovo livello di lotta, di stampo terroristico.

Protagonista di questo pauroso upgrade sarebbe secondo gli inquirenti una frangia oltranzista che ha deciso di agire senza coordinarsi con il movimento No Tav «ufficiale», quello composto dai comitati della Valle di Susa e ne potrebbe diventare una sorta di braccio armato. A fare propendere gli investigatori per questa tesi il fatto che l'assalto della scorsa notte, preparato con molta cura, mostrerebbe modalità differenti da quelle che, in passato, hanno contraddistinto le proteste dei No Tav. Prendersela con gli operai (che la consigliera regionale piemontese di Fratelli d'Italia Augusta Montaruli propone di fare cavalieri del lavoro) è roba da No Tav a cinque punte.

Cinque come le stelle del movimento di Grillo che prende le difese dei pasdaran della Val di Susa. «In Val Susa ci vado spesso e la violenza è da condannare sempre, ma che siamo al massimo della violenza, che la Val Susa è un teatro di guerra, beh, questo non si può dire», dice a Radio24 Laura Castelli, parlamentare del M5S e attivista No Tav. E proprio dai senatori grillini è arrivato ieri un disegno di legge per abrogare la legge 228 del settembre 2002 che ratifica l'accordo sulla Tav del gennaio 2001 tra Italia e Francia. Secondo i grillini l'articolo 1 del suddetto accordo prevede l'entrata in servizio della Tav «alla data di saturazione delle opere esistenti», che non si è verificata a causa della «debolezza della domanda sulla predetta linea e il continuo calo dei flussi passeggeri-merci».

Chi non si pone tante domande è il regista Gabriele Salvatores, andato in visita al presidio No Tav di Vaie con l'intenzione, secondo quanto riferisce lo stesso sito del movimento, di girare un film sulla lotta dei No Tav contro la Torino-Lione. «Credo che Salvatores avrebbe fatto meglio a recarsi a far visita all'operaio vittima di un vigliacco agguato solo qualche giorno fa», polemizza il senatore Pd Stefano Esposito.

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Gio, 16/05/2013 - 08:58

la tav si farà. he piaccia o meno, si farà. è un progetto europeo, l'italia ha accordi con altri paesi europei e non può tirarsi indietro per colpa di 4 imbecilli che giocano alla guerriglia e a fare comunicati in stile brigate rosse! grullini, lo stato non scherza, lasciate perdere :-)

Azzurro Azzurro

Gio, 16/05/2013 - 08:59

ma non potete manganellarli? un po' di manganello e questi non torneranno piu'

angelomaria

Gio, 16/05/2013 - 09:09

cosa volete che vi dica ora sono senatori roba italicabuongiorno e buontutto a voi csri lettori che anche oggi avrete lo schifo italico in prima pagina

Ritratto di sgt.slaughter

sgt.slaughter

Gio, 16/05/2013 - 09:19

Ma come questi mentecatti comunisti invece di difendere gli operai con famiglia gli tirano addosso le molotov? Basta questo per definirne le loro vere priorità, altro che occupazione e lavoro! Stessa storia all'ILVA di Taranto e per il ponte sullo stretto. Tutti simboli del capitalismo da abbattere a costo di lasciare senza lavoro migliaia di persone. Che dice la Camusso? Beh, tanto c'è mamma Stato con la cassa integrazione e con i soldi dell'INPS rubati per questi ammortizzatori sociali ai pensionati che hanno pagato regolarmente i loro contributi!

pieropomiga

Gio, 16/05/2013 - 09:42

magari spiegare a Esposito che Salvatores fa quel che gli pare?

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Gio, 16/05/2013 - 10:00

"La Procura di Torino apre un fascicolo". Sai che fatica. Tra poco quel fascicolo verrà, come al solito, richiuso con l'ennesimo nulla di fatto. I delinquenti No Tav sono anni che imperversano nelle loro violente manifestazioni. I più violenti di loro sono conosciuti da tutti. Basta vedere i filmati delle varie scorrerie compiute per individuarli. Sono le rattaglie dell'estrema sinistra e degli avamposti anarchici a cui si sono aggiunti le nuove marionette grilline. Solo la procura di Torino, nonostante se li ritrovi praticamente sotto casa a compiere continui attacchi terroristi e a lanciare bombe ancora non riesce ad individuarli! Provassero a chiedere aiuto all'F.B.I. oppure ai Marines, vista la loro conclamata incapacità!

plaunad

Gio, 16/05/2013 - 10:03

Com'é che ancora non ho visto i soliti patetici tentativi di giustificare le azioni criminali dei No-Tav di questi ultimi giorni? Avanti, che ho proprio voglia di farmi quattro risate.

Ritratto di Gian Lore

Gian Lore

Gio, 16/05/2013 - 10:14

Cari mafiosi dovete rassegnarvi, laTAV NON SI FARA' MAI. Non é assolutamente vero che é un progetto europeo, non ha senso una tratta ferroviaria su quella direzione, ci saranno nei prssimi anni altri progetti , ma su direzioni nord-sud, e questo si che ha senso. Però al momento poche cosche nafiose stanno infludnzando l'opinione pubblica, saranno solo soldi dei contribuenti regalati a delinquenti, questi sono i fatti.

Ritratto di .TuttiAKKASAtour

.TuttiAKKASAtour

Gio, 16/05/2013 - 10:17

Un indegno buco di 20 metri in un anno e mezzo con costi esorbitanti rispetto alla vicina Francia, questa è la tav all'italiana. La verità è che a loro non interessa fare il lavoro ma mangiare quanti più soldi possibile

smilla

Gio, 16/05/2013 - 10:23

Bisognerebbe spiegare a questa frangia oltranzista che non siamo in gran bretagna e che la tatcher ormai riposa in pace!! Ma forse anche questo sarebbe inutile visto che questi individui (se così si possono chiamare)probabilmente non sanno neanche contro o pro cosa stanno protestando (se così si possono chiamare azioni del genere)! Per queste persone il tav è solo una scusa per manifestare la loro violenza, la val susa è solo un contenitore dove esprimere la loro malattia mentale!!!

Ritratto di .TuttiAKKASAtour

.TuttiAKKASAtour

Gio, 16/05/2013 - 10:23

plaunad - i delinquenti non si giustificano ma si sbattono in galera

Ritratto di Baliano

Baliano

Gio, 16/05/2013 - 10:25

Peccato che la competenza territoriale, o forse chissà, non sia della procura milanese. Sai che fascicoloni, intercettazioni ti schiaffavano a sti' delinquenti, la Bocassini &Ko. Vi prego datela a questi PM la "competenza", altro che le manganellate della "Celere".

Azzurro Azzurro

Gio, 16/05/2013 - 10:27

ma i sindacati komunisti che fanno, tacciono come sempre? ma a che cavolo servono solo a magiare soldi? dovrebbero essere sciolti per legge

egi

Gio, 16/05/2013 - 10:39

Sarebbe ora di intervenire, molto duramente, purtroppo il 30% degli elettori non sapeva che li avrebbe portati a Roma.

Ritratto di miladicodro

miladicodro

Gio, 16/05/2013 - 10:46

Ho passato una vita nei cantieri di mezzo mondo,ma uno schifo così non si può tollerare ,e con questa crisi che ammazza le imprese e crea disperazione a migliaia di famiglie la sola cosa che rimane da fare sono le grandi opere e non solo la TAV,ma i rigassificatori,gli inceneritori,le centrali nucleari,estrarre il petrolio al largo di Rimini,in Basilicata,ridare lavoro alle aziende produttrici dei materiali di consumo e difendere gli operai. Dove sono i sindacati tanto solerti di bloccare un paese per uno starnuto di Berlusconi,dove sono gli smacchiatori di giaguari intenti solo a non mollare le poltrone,dove sono i magistrati oltre che sotto le lenzuola. Una minaccia così a gente che lavora richiede immediatamente una ferma risposta. Non basta cancellare i siti noiosi alla boldrini o alla camerunense,vanno setacciati i siti dei sobillatori alle azioni contro chi lavora. Chiudiamo anche questo cantiere,poi andiamo tutti a casa di vendola e di grillo a mangiare, forza governo di pastafrolla,lascia perdere il fioretto e prendi la clava.

makeng

Gio, 16/05/2013 - 10:47

vorrei che qualche pirla NOTAV mi rispondesse: 1) La montagna è sacra e quindi non và scavata? Allora anche le fondamenta della vostra casa non dovevano essere fatte visto che di scavi si tratta. Andiamo a vivere nelle capanne? Oppure costruiamo case senza fondamenta così crollano e ci ammazziamo tutti? 2) 15 anni fa il sole che "ride", diceva slogan del tipo : DALLA GOMMA ALLA ROTAIA! E adesso cosa è cambiato? Dobbiamo morire tutti sulle strade? Oppure tornare al calesse ( no! c'è il maltrattamento del cavallo!) o alla bici? 3) l'amianto NON E' velenoso! Da centinaia d'anni si scavano le gallerie e per rendere inoffensivo l'amiano basta....bagnarlo! Perchè non raccontate la verità? In sostanza, cari NOTAV, noi siamo I "NOAINOTAV" . E ce la metteremo tutta per sputta..re i vostri argomenti fondati su idologie spicce e ignoranti. La TAV si farà , perchè la maggioranza la vuole !! CApittto?

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Gio, 16/05/2013 - 10:53

Arrestate i violenti prima che le cose degenerino

Ritratto di Cinghiale

Cinghiale

Gio, 16/05/2013 - 11:15

La sinistra onniscente e ottusa si schiera sempre dalla parte dei NO TAV, e appoggia le loro "manifestazioni di dissenso". Allo stesso modo si erge a "baluardo" degli operai contro i "padroni schiavisti" che tutto prendono e niente danno, come se il salario fosse trattenuto e destinato ad essere intascato in data da decidere. Adesso che i NO TAV minacciano gli operai da che parte sta la sinistra che tutto difende e appoggia?

Azzurro Azzurro

Gio, 16/05/2013 - 11:20

x miladicodro Hai totalmente ragione, sti delinquenti perche' son 10 anni che delinquono? Perche' non sono ai lavori forzati?

blues188

Gio, 16/05/2013 - 11:20

Salvatore non sa più cosa fare per non dover usare pala e piccone.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Gio, 16/05/2013 - 11:22

i soliti cretini sinistronzi ora su questa storia non hanno voglia di commentare... ma chissà come mai... :-))

guidode.zolt

Gio, 16/05/2013 - 11:31

pieropomiga - ...vedo che lei punta dritto al nocciolo del problema...!

cris_72

Gio, 16/05/2013 - 12:23

In questa storia ci sono troppi interessi tra politica e imprenditoria. Del resto se Letta (attuale presidente del consiglio) è colui che ha chiuso l'ultimo assemblea dei soci della CMC ..... come fa a decidere se è un opera da fare o meno?

MEFEL68

Gio, 16/05/2013 - 12:28

L'unico modo per far ricredere i NO TAV è quello di disertare la Val Susa e a mettere in ginocchio la sua economia turistica. Sono gli stessi NO TAV che affermano che il sottosuolo della montagna (stranamente solo la parte italiana) è pregno di amianto e uranio. E noi dovremmo andare in un albergo della Val Susa e magari farci la doccia con quell'accqua che viene da quel sottosuolo? Mi dispiace per i valligiani che ragionano.

cris_72

Gio, 16/05/2013 - 13:16

Pirla no tav a rapporto….. (grazie cmq…) 1) La montagna è sacra e quindi non và scavata? La invito ad andare alla Maddalena a contare quante case vede su quella montagna non sulle altre. Su quella….. 2) E’ cambiato che se serve è giusto lo slogan, ma per un qualcosa di cui ancora nessuno è riuscito a fare una analisi costi/benefici decenti…… 3) Vero il bagnarlo ma quindi secondo Lei dall’area di scavo alla stazione di smaltimento (distante km) cosa facciamo mettiamo gente con le gomme che bagnano? Come si risolve questo? Comunque le sue domande le rispetto ma i no hanno ben altre argomentazioni. Poi chiaro che è sbagliato insultare un operaio o addirittura mandargli gente a tirare molotov. Credo che su questo siamo tutti d’accordo. In ultimo credo che gli argomenti tecnici per fare una strada o ferrovia li debbono dare i proponenti. In questo caso io mi ricordo solo slogan….e Letta alla CMC……ecco questo è il vero motivo…..

precisino54

Gio, 16/05/2013 - 14:47

Immagino che la Boldrini abbia espresso pronta solidarietà ai lavoratori. È sempre la stessa questione, in Italia non vige la regola della libertà di sciopero, viene imposto, e chi si astiene viene additato come crumiro, ovvero essere asociale da condannare e non solo.

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Gio, 16/05/2013 - 15:45

Non c'è evidentemente la volontà di risolvere una volta per tutte questa indecenza italiana e, in aggiunta, c'è l'interesse di impresentabili fazioni/partiti politici di mantenere alta questa tensione sociale. La lunghissima storia di questo sconcio indica che non è un fatto sporadico o una protesta "una tantum". Siamo di fronte a un disegno, a un piano, nel quale si inseriscono ambienti dell'eversione e del terrorismo che oltretutto vengono coperti, giustificati e assistiti da incoscienti rappresentanti politici. Violazioni continue del Codice Penale sono evidenti e ben note a tutti. Occorre che trovare almeno 1 magistrato che non sia impegnato a dar la caccia a Berlusconi e che faccia semplicemente il magistrato "super partes" senza essere ROSSO (come, purtroppo, sono quasi tutti questi "pubblici ufficiali") che dichiari pubblicamente che chiunque attenti (o vi partecipi anche passivamente con la semplice presenza) ancora alla TAV, ai suoi lavoratori, alle proprietà delle aziende appaltatrici, alle Forze di Polizia lì operanti, incorrerà nelle sanzioni previste dai seguenti Articoli: 110.
Pena per coloro che concorrono nel reato - 113.
Cooperazione nel delitto colposo - 115.
Accordo per commettere un reato. Istigazione - 131.
Reato complesso. Procedibilità di ufficio - 203.
Pericolosità sociale - 233.
Divieto di soggiorno in uno o più comuni o in una o più province - 270.
Associazioni sovversive - 270bis.
Associazioni con finalità di terrorismo anche internazionale o di eversione dell'ordine democratico - 270ter.
Assistenza agli associati - 270quater.
Arruolamento con finalità di terrorismo anche internazionale - 270quinquies.
Addestramento ad attività con finalità di terrorismo anche internazionale - 270sexies.
Condotte con finalità di terrorismo - 280.
Attentato per finalità terroristiche o di eversione - 280bis.
Atto di terrorismo con ordigni micidiali o esplosivi - 306.
Banda armata: formazione e partecipazione - 307.
Assistenza ai partecipi di cospirazione o di banda armata - 336.
Violenza o minaccia a un pubblico ufficiale - 337.
Resistenza a un pubblico ufficiale - 341bis.
Oltraggio a pubblico ufficiale - 378.
Favoreggiamento personale - 392.
Esercizio arbitrario delle proprie ragioni con violenza sulle cose - 393.
Esercizio arbitrario delle proprie ragioni con violenza alle persone - 414.
Istigazione a delinquere - 416.
Associazione per delinquere - 419.
Devastazione e saccheggio - 420.
Attentato a impianti di pubblica utilità - 421.
Pubblica intimidazione - 423.
Incendio - 424.
Danneggiamento seguito da incendio - 435.
Fabbricazione o detenzione di materie esplodenti - 581.
Percosse - 582.
Lesione personale - 586.
Morte o lesioni come conseguenza di altro delitto - 590.
Lesioni personali colpose - 594.
Ingiuria - 595.
Diffamazione - 612bis.
Atti persecutori - 635.
Danneggiamento - 650.
Inosservanza dei provvedimenti dell'autorità - 652.
Rifiuto di prestare la propria opera in occasione di un tumulto - 655.
Radunata sediziosa - 703.
Accensioni ed esplosioni pericolose. Fatto questo, al momento debito, si farà intervenire un adeguato numero di unità militari che assieme alle forze di polizia siano in grado di accerchiare e "sigillare" l'area interessata dai disordini. Chiunque verrà trovato partecipare a queste azioni criminali, verrà identificato, denunciato, eventualmente arrestato e processato per direttissima; stessa sorte verrà seguita da "capipolo", responsabili di media o esponenti politici che verranno provati essere sobillatori-istigatori-complici degli autori degli atti criminosi lì compiuti. FINE DELLA NO-TAV EVERSIVA!