Ideona Pd: stangare il ceto medio

Studio della fondazione di Visco: le misure targate sinistra sul cuneo fiscale penalizzano i redditi tra 28 e 35mila euro

Roma - Non c'è pace per il taglio del cuneo fiscale o meglio, per le misure fiscali pro lavoratori dipendenti sponsorizzate dal Partito democratico. Rinviato a data da definire il taglio del cuneo vero e proprio, delle proposte di bandiera Pd sul fisco (un po' come l'Imu per il Pdl) è rimasto solo un taglio alle detrazioni. Una prima versione, recepita dal governo nella legge di Stabilità, è stata impallinata. Dava ai lavoratori poco più di una mancia, insufficiente anche per un caffè al giorno. Al Senato gli sgravi sono stati concentrati sui redditi più bassi, in particolare su quelli fino a 18mila euro, ma il taglio rischia di trasformarsi nell'esatto opposto di quello che dovrebbe essere.
Se verrà approvato così come è uscito da Palazzo Madama, avrà un effetto regressivo nel senso che colpirà chi ha poco, in particolare la classe media, alleggerendo chi ha di più.
Verrebbe da pensare a una improvvisa conversione alla Reaganomics del governo Letta. Più probabile che si tratti di una svista. Un errore segnalato, con molta discrezione, dalla Fondazione Nens (Nuova economia nuova società) di Pier Luigi Bersani e di Vicenzo Visco, quindi un centro studi saldamente democratico e non sospetto di simpatie per Forza Italia.
Ruggero Paladini, economista che ha lavorato nel gabinetto di Visco, in un paper intitolato significativamente «Cuneo, detrazioni Irpef e scaglioni. Fino a che punto il Parlamento è consapevole di quello che fa?», ha calcolato le aliquote effettive, cioè quanto effettivamente verrebbe prelevato dal fisco su determinati livelli di reddito se la riforma passasse così come è adesso. E ha scoperto che ad essere penalizzati sono i redditi tra i 28mila e i 35mila euro.
In sintesi: fino a 8.164 non si paga. La fascia successiva, fino a 15mila euro, considerando anche le detrazioni, ha una aliquota effettiva del 27,5% e quella tra 15 e 28mila del 31,5%. Basta guadagnare un euro in più e l'Irpef comincia a pesare dieci punti in più. Il 42,5% per la precisione.
Ma non basta. I redditi superiori a quelli compresi tra 28 e 35mila euro, pagherebbero meno imposte. Fino a 55mila euro, il 41,34%. Da 55 fino a 75mila euro, ancora meno anche se di poco: il 41%. Solo per i redditi superiori, da 75mila euro in poi, viene ristabilito il principio della progressività, peraltro sancito dalla Costituzione, con una aliquota reale del 43%.
Una distorsione, difficile da sanare. «Correggere questo difetto, introducendo formalmente lo scaglione da 28.001 a 35.000 per tutti i contribuenti e abbassando l'aliquota a 37% - spiega Paladini - costa un miliardo».
Un'alternativa poco costosa ci sarebbe. Si potrebbe tornare e rafforzare gli assegni al nucleo familiare dell'Inps. La platea, spiega l'economista del Nens, sarebbe più ridotta sia della proposta originaria del governo, sia di quella Pd firmata dalla senatrice Rita Ghedini. Questa strada, spiega Paladini, probabilmente è stata scartata perché agire sugli assegni significa fare crescere la spesa pubblica. L'Unione europea non sarebbe d'accordo e poco importa che l'effetto per i conti pubblici sarebbe lo stesso.
La proposta Pd ha infine un altro «serio difetto». Quello di «escludere circa quattro milioni di lavoratrici e lavoratori parasubordinati o part time che già oggi sono ad imposta netta nulla». Parola di economista di una fondazione vicina al Pd.

Commenti
Ritratto di mr.cavalcavia

mr.cavalcavia

Lun, 02/12/2013 - 08:11

BESTIE! Sono solamente delle bestie! Non hanno fatto un taglio che sia uno e continuano a mungere. Cercano ed avranno la piazza.

cgf

Lun, 02/12/2013 - 08:18

certamente s'incassa moltissimo di più tassare 100 euro al ceto medio che 1 milione ai super ricconi, ma sono ancora convinti che a votarli siano gli operai? Ora chi li sostiene si accorgerà davvero che sono il partito delle tasse.

edo1969

Lun, 02/12/2013 - 08:19

I comunisti esistono esistono ah ah ah. Presideente. Solo che portano il kashmer.

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Lun, 02/12/2013 - 08:21

ma come fate a votare questi incompetenti che vi tassano in nome dell'euro e si prendono stipendi assurdi, ma non vi vergognate di portali al Senato e Parlamento ? Speriamo comincino a licenziare nel pubblico in nome dell'Euro.

electric

Lun, 02/12/2013 - 08:22

Perché, il ceto basso e il ceto alto sarebbero esenti dalla stangata?

a.zoin

Lun, 02/12/2013 - 08:24

L`IDEA più grande ,ce l`ho io: DIMEZZARE DA SUBITO GLI STIPENDI DEI PARLAMENTARI E DEI DIRIGENTI DEGLI ENTI STATALI E PARASTATALI. DA SUBITO!!! SOPRO I 5.000.00 MENSILI NETTI, DIMEZZARE. Il settore libero è escluso,essi LAVORANO!!! E pagano le tasse.

Ritratto di gattofilippo

gattofilippo

Lun, 02/12/2013 - 08:26

Incopetenti !!!!!!!!! Disobbiedenza civile, non paghiamo l'IMU sulla prima casa. basta dare soldi a questi ladroni.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Lun, 02/12/2013 - 08:37

A voglia derattizzare i topi ritornano sempre.

Gianca59

Lun, 02/12/2013 - 08:55

Giusto, stangare il ceto medio così impara a pagare le tasse ! Che governo di poveracci…..

Duka

Lun, 02/12/2013 - 08:55

Toh guarda si riaffaccia un altro Kom delle mie ba... con tanto di mega-villa a picco sul mare e, magari, in zona abusiva. MA CHE BEL PAESE !!!

piantagrassa

Lun, 02/12/2013 - 09:00

C'è qualcuno che mi può spiegare perché la maggior parte dei politici ha una Fondazione? A cosa servono? Qual è lo scopo? Lo chiedo anche a lei Signorini se mi può dare una risposta. Grazie.

Felice48

Lun, 02/12/2013 - 09:07

Perfetto. Stiamo proprio rispettando i dettati del club bildelberg. Certi nostri politici ne sono i portabandiera. I grandi restano grandi, i piccoli saranno sempre più piccoli e il ceto medio destinato a scomparire.

SSIMPATICO52

Lun, 02/12/2013 - 09:10

GUARDA CHE E' IL....LETTA...ED IL SUO GOVERNO CHE SI FA' E SI FARA' ODIARE !!!! SE NELLA CAMPAGNA ELETTORALE E DOPO IL SUO INSEDIAMENTO, AVEVAN DICHIARATO CHE LA RIFORMA-MACELLO DELLE PENSIONI ANDAVA IMMEDIATAMENTE CAMBIATA PERCHE' INIQUA...E..CHE NON SI PUO' SPOSTARE A UN LAVORATORE LA PROPRIA PENSIONE DI BEN 6/7 ANNI SPECIALMENTE SE PUBBLICO DIPENDENTE !!!!! SIETE VOI...FALSI ED IPOCRITI CHE VI FATE ODIARE !!!! OCCHIO. CHE SE NON CAMBIERETE SUBITO STO' SCHFO DI RIFORMA PENSIONISTICA, VOTEREMO IN MASSA IL 5 STELLE CHE VI FARA' SCOMPARIRE POLITICAMENTE. OCCHIO !!!!! GRAZIE SE MI PIBBLICHERETE, ANCHE PERCHE' IN TANTISSIMO LA PENSANO COSI' .CIAO

Ritratto di safidy

safidy

Lun, 02/12/2013 - 09:13

Parlate dello stesso PD col quale governate allegramente?

patrenius

Lun, 02/12/2013 - 09:22

Ma cosa volete di più: Letta come Mosè ha ricevuto l'ispirazione direttamente da Dio!! Ha inventato il Tributo Uno e Trino: IUC uguale IMU + Tari + Tasi. Speriamo solo che Bergoglio non pretenda diritti d'autore. Per noi mortali resta solo: paga lo IUC e TASI. Se non fosse una tragedia questo governo sarebbe tutto da ridere.

Ritratto di Marco Tullio C.

Marco Tullio C.

Lun, 02/12/2013 - 09:24

La risposta obbligata è una sola, ridurre le attività. Chiunque veda i propri guadagni superare il limite dei 28000 euro sappia che da quel momento rischia di diventare un nababbo, si faccia un esame di coscienza e dica: ha senso uscire dalla massa dei tutelati e dei protetti, assumere un' altra persona e darle lavoro, col rischio di alimentare in costui la cupidigia se non lo spirito di emulazione, col rischio che un domani voglia farsi una sua impresa? Posso io minare una società egualitaria, che giustamente combatte chi vuole distinguersi e in nome di una malintesa meritocrazia elevare il proprio tenore di vita? Dare lavoro ad altri? Dipende. Se prendi un lavativo niente da dire, ma se per caso o errore assumi uno bravo, che ti fa guadagnare qualche migliaia di euro in più rischi di uscire dalla "fascia protetta". Hai un locale da cento metri quadri? Riducili a cinquanta. Hai quattro dipendenti? Due sono già troppi. Bevi vino che costa più di 4 euro? Stacca l'etichetta prima di portare il vetro alla raccolta differenziata, e bruciala; qualcuno potrebbe filmarti e fare rapporto sul tuo consumo di beni di lusso. Tua moglie vuole i profumi di Dior? Dal profumiere, finchè non chiude, o dal pusher di fiducia si troveranno sempre, ma meglio travasarli in una boccetta vuota di deodorante, possibilmente con etichetta Coop. Si può sopravvivere, basta qualche piccolo adeguamento.

corvomichele

Lun, 02/12/2013 - 09:31

Ieri, quando parlavano di tassare i ricchi con la patrimoniale avete gridato allo scempio! Dunque, se non volete tassare nemmeno il ceto medio, chi volete tassare?? I poveri??

Ritratto di fabiobonari

fabiobonari

Lun, 02/12/2013 - 09:37

Ma perché non seguire i suggerimenti che, tramite Grillo, ci arrivano dal Sud America? Il presidente dell'Ecuador, Correa, disconosce il debito pubblico; in modo ancor più geniale, la Colombia tasserà la cocaina, per regalargli un miliardo di dollari. Se noi imponessimo una tassa sull'evasione, e imponessimo la fattura sul pizzo, saneremmo in un attimo la situazione economica.

gneo58

Lun, 02/12/2013 - 09:38

resta nascosto ma secondo me nel frattempo sono aumentate anche le ruberie - stanno cercando di arraffare piu' che possono prima di tirare giu' la saracinesca e scappare

Ritratto di mark 61

mark 61

Lun, 02/12/2013 - 09:42

e certo x i ricchi si deve stangare ancora pensionati lavoratori e fasce basse guai a chiedere a chi più dare tranquillamente SEMPRE DALLA PARTE GIUSTA

scipione

Lun, 02/12/2013 - 09:43

Stangare il CETO MEDIO.Giusto quello che rappresenta la platea degli elettori del centrodestra.Alla facciaccia di Alfano, Lupi e compagnia del nuovo centro destra,SENTINELLE (DORMIENTI) DELLE TASSE.

Ritratto di onollov35

onollov35

Lun, 02/12/2013 - 09:53

Voi due cervelloni perché non pensate di penalizzare i vostri stipendi e pensioni? Perché non si fa una legge per togliere immediatamente a tutti il vitalizio, la riduzione dei Parlamentari e Senatori al 50%, la riduzione dei Commessi di Camera e Senato e il loro stipendio? Cosa aspettate, una rivoluzione di popolo? Attenzione che tutto può succedere.

Ritratto di Soccorsi

Soccorsi

Lun, 02/12/2013 - 10:03

Molti dei nostri economisti politici hanno dimostrato di non essere altro che degli incompetenti esattori fiscali.

Ritratto di komkill

komkill

Lun, 02/12/2013 - 10:16

Per i kompagni non esiste vero o falso, giusto o sbagliato, facile o difficile. Esiste soltanto quello che fa bene alla loro causa: raggiungere il potere. Per questo sono disposti a tutto e non c'è da stupirsi che vogliano stangare il ceto medio produttivo che paga le tasse, molto meglio favorire i finti poveri che non le pagano e quindi li votano. Sulla patrimoniale, va ricordato che tutti, anche Renzi, pensano che la proprietà sia un furto, ed agiscono di conseguenza per riequilibrare la situazione. Resta da spiegare perché non tocchino i veri ricchi. Ad esempio, perché non fare un'imu progressiva sulle seconde case? Chi ha una seconda casa paga 1, chi ne ha due paga per due moltiplicato per 1.2, chi ne ha tre paga per tre moltiplicato per 1.5, e così via? Perché non far pagare l'imu alle fondazioni? E sugli immobili ad uso industriale? E sui terreni di proprietà FIAT, per esempio? Perché esentare i veri ricchi dal pagamento delle imposte (tranne Berlusconi che le ha sempre pagate)?

Libertà75

Lun, 02/12/2013 - 10:29

la sinistra ama tanto i poveri che cerca di crearne sempre più

Ritratto di fabiobonari

fabiobonari

Lun, 02/12/2013 - 10:31

onollov35, il dimezzamento era già stato fatto, e fu annullato da un referendum confermativo. Il popolo non vuole cambiamenti: si bea e accontenta della libertà di protestare.

Ritratto di Gigliese

Gigliese

Lun, 02/12/2013 - 10:33

MA LORO PERSEVERANO A MANTENERSI I PRIVILEGI E BENEFIT FREGANDOSENE DEGLI ITALIANI E DEI DISOCCUPATI - L A D R O N I

cast49

Lun, 02/12/2013 - 10:39

campa ancora? ecco il tassatore folle...

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 02/12/2013 - 10:48

ecco le idee di una casta di delinquenti: la sinistra! WELCOME :-)

Ritratto di Roberto53

Roberto53

Lun, 02/12/2013 - 10:55

Di stangare sindacati e sindacalisti di professione non se ne parla mai, vero signori sinistrati?

Triatec

Lun, 02/12/2013 - 11:01

corvomichele @ mark 61 @ Anziché tassare ricchi, ceto medio o poveri, ci sarebbe una soluzione molto più semplice: Sfoltire in maniera decisa tutti i costi della politica, finanziamento pubblico ai partiti, eliminare provincie e regioni che sono solo enti dedicati al ladrocinio, ridurre di almeno il 50% i compensi dei politici e il costo del Quirinale, standardizzazione dei costi nella sanità e in tutti gli enti pubblici ecc.. ecc.. Sto sbagliando? Forse si, mi sto illudendo!!

mikimik

Lun, 02/12/2013 - 11:03

A questo punto devo cominciare veramente a preoccuparmi. Come dipendente EE.LL. (cat. D/5 econ.)arrivo a prendere circa 1600 euro, e sono fortunato rispetto a chi non vede una lira. Ho quasi 35 anni di contributi e di questo passo oltre a pagare più tasse, chissà che fine farò quando arrivarà il momento di andare in pensione (se ci arriverò - grazie alla Fornero - e a tutti i danni che ci ha procurato: non è facile assorbire un colpo così tremendo, dopo che da quando ho cominiciato a lavorare avranno fatto non so quante riforme. E grazie anche a quel cervellone di Lamberto Dini, chè lo vorrei vedere come campano gli italiani! A questi aggiungiamo Renzi, il quale una volta l'ho sentito dichiarare che dato che la vita degli italkiani si è allungata, questi potrebbero lavorare fino a 70 anni. POVERI A NOI in che mani siamo andati a finire! Diceva bene Gaber "ma cos'è la destra, cos'e la sinistra". Uomini si nasce, diceva (ora non ricordo). E uomini in questa nazioncella credo che ne siano rimasti ben pochi. Fate tutti un passo indietro e cominciate VOI a rinunciare a qualcosa, perchè di sperpero di denaro pubblico cìè nè ABBASTANZA. E mi rivolgo sempre ai moralizzatori, cioè quelli della mia età, nati negli anni dai 50 ai 60, che volevano cambiare il mondo, costruirne uno migliore, più giusto, più equo, e dai quali sono rimasto disgustato. Egregio Direttore, La prego, mi aiuti a fare in modo che i commenti siano più costruttivi.

Ritratto di giorgio.peire

giorgio.peire

Lun, 02/12/2013 - 11:24

Muoiono tante brave persone, madri e padri di famiglia, ma questo tizio non muore mai.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 02/12/2013 - 11:41

mikmik, uno che avrebbe voluto un mondo meno malmesso di oggi, sai chi lo voleva? berlusconi. e adesso gli hanno incaprettato proprio per questo motivo. ora gli altri hanno paura e nessuno avrà il coraggio di affrontare lo stesso calvario di berlusconi. quel che accadde 50 anni fa, oggi non si può nè paragonare nè criticare. è stata una epoca, un altro mondo, un altro pezzo di storia che appartiene al passato con tutti i suoi limiti. sarebbe come se oggi dovessimo rimpiangere i tempi dell'impero romano... piuttosto, dobbiamo vedere se il paese sarà in mano al comunismo, ed allora saranno guai per davvero: altro che pensione!

Rossana Rossi

Lun, 02/12/2013 - 11:54

Ancora campa questo qui? Ma mandatelo a zappare.......

abocca55

Lun, 02/12/2013 - 12:18

Il ceto medio è l'ago della bilancia dei governi. Ora sono i pensionati ad essere massacrati, ma c'è poco da scegliere. Pensionati e lavoratori scorticati a sangue anche dai sindacati, non sono mai stati così male dopo la caduta del Duce.

abocca55

Lun, 02/12/2013 - 12:25

Ma perché vogliono il senato delle regioni? a che serve? ed i consigli di quartiere, ed il quirinale? quanto ci costano? Ci portano alla fame ma non vogliono tagliare. Purtroppo avevamo dato fiducia a grillo, che si è poi manifestato un brutale rivoluzionario anarchico dei centri sociali. Strillone senza una visione politica se non l'odio in abbondanza per tutti, forse anche per sè stesso. La taverna è la sua desolante e triste controparte femminile.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Lun, 02/12/2013 - 12:35

Gira e rigira,la coperta è corta!I veri TAGLI,nessuno li vuole fare,allora,per mantenere il CALDERONE delle "spese"(fossero solo "spese"....),così come è,cincischiano,con il bilancino,un pò qua un pò là,cercando di colpire,chi può fargli meno danno...Pensate di andare a votare,con questo SISTEMA POLITICO?Pensate che le COSE,miglioreranno?Illusi!

abocca55

Lun, 02/12/2013 - 12:40

Se nei prossimi giorni dovesse esserci un referendum per modificare la costituzione, il 70% di quelli che adesso stanno scrivendo commenti critici verso i politici, non andrebbe a votare. E allora, se manca la partecipazione del popolino, le speranze di un futuro migliore sono veramente scarse, e questo le confessioni politico/religiose lo sanno: il pecorume massivo è, e rimarra sempre in stato sonnambulico, come le pecore guidate dai cani pastore delle caste.

odifrep

Lun, 02/12/2013 - 13:06

Napolitano, proprio questo "cervellone" ti mancava al governo rosso. Come hai potuto dimenticarti di lui!!! Ricordati dei tempi passati, quando chiese al Comandante Generale della Guardia di Finanza, Roberto SPECIALE, di far trasferire degli Ufficiali del Corpo, perchè stavano indagando sulle rogne del tuo Partito : Unipol, Coop.......??????????????

Triatec

Lun, 02/12/2013 - 16:33

abocca55 @ Dovesse esserci un referendum per modificare la costituzione, non mi preoccupa la mancata partecipazione del "popolino", mi preoccupa sapere che, quale che sia il risultato, i politici troveranno il modo di disattendere il volere del popolo. E' sempre stato così, dalle trattenute sulle buste paga a favore dei sindacati all'abolizione del finanziamento pubblico ai partiti ecc.. ecc. Forse il "popolino" si è stancato di farsi prendere per i fondelli e perdere tempo con COSTOSI referendum

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 02/12/2013 - 17:50

Più che un' "ideona" è una tradizione consolidata. In compenso vanno d'accordo con le banche.