Con l'Italicum solo tre partiti alla Camera: fuori Ncd e Scelta Civica

Secondo una simulazione del voto i partiti minori non supererebbero lo sbarramento

A dirlo è un'elaborazione realizzata da YouTrend, che prende in esame la proposta di legge elettorale uscita dal confronto tra Matteo Renzi, Angelino Alfano e Silvio Berlusconi, il cosiddetto Italicum.

Se si applica il sistema illustrato dal segretario del Partito Democratico alla direzione Pd, dice YouTrend, nelle elezioni del 2013 nessun partito o coalizione avrebbe ottenuto il premio di maggioranza al primo turno, perché sotto il 35% dei voti.

Tralasciando le coalizioni, per i partiti si sarebbe prefigurato un ballottaggio tra Democratici e grillini. Il vincitore avrebbe ottenuto 334 seggi, il 53% di quelli disponibili. Il primo perdente ne avrebbe invece assicurati 136 o 137, il Pdl 115, Scelta Civica non più di 45, per un totale di 630 seggi, perché Renzi non ha parlato di seggi per le circoscrizioni estere.

Considerando invece le coalizioni come "liste uniche", nel 2013 si sarebbe andati a un testa a testa tra quella capitanata da Pierluigi Bersani e quelli di Silvio Berlusconi. Il primo, se vincitore al ballottaggio, avrebbe preso 334 seggi, il secondo 132. M5S e Scelta Civica avrebbero ottenuto 116 e 40 voti. Avesse prevalso Berlusconi (con 134 voti), i grillini avrebbero avuto 115 seggi, i montani 47.

Se si votasse oggi con l'Italicum, confermate le intenzioni di voto degli ultimi 15 giorni, si andrebbe comunque a un ballottaggio. Nessun partito arriverebbe infatti al 35%. Le soglie di sbarramento sarebbero superato soltanto da tre partiti: il Pd, sopra il 30% a 334 seggi, poi Forza Italia (150) e M5S (146). Se Forza Italia vincesse il ballottaggio, al Pd andrebbero 177 seggi, 119 ai grillini. Se Grillo arrivasse al testa a testa, invece, e vincesse, avrebbe 334 seggi, lasciando il PD a 175 e Forza Italia a 121.

Commenti
Ritratto di abraxasso

abraxasso

Lun, 20/01/2014 - 22:19

Se non si bloccano i passaggi dei parlamentari da un gruppo all'altro in corso di legislatura, se non si blocca la facoltà di creare partiti e partitini nuovi dopo i risultati delle elezioni, qualsiasi legge elettorale perde totalmente di efficacia. Verrà svuotata completamente: diventerà anch'essa un carapace vuoto, inutile, grottesco, sgangherato. Addio maggioranza scaturita dalle urne!!! E in Parlamento tutte le votazioni dovranno essere a voto palese. E i parlamentari? Tutti e sempre in aula, inchiodati ai loro posti a lavorare, inchiodati alle loro responsabilità e alla volontà sovrana espressa dai loro elettori. Ecchecca...!

Ritratto di wilegio

wilegio

Mar, 21/01/2014 - 00:39

A me sembra una gran porcata, peggio del "porcellum". Le preferenze, di fatto, non ci sono, il doppio turno è scontato, visto che nessuno arriverà mai al 35% dei voti, e i rossi vinceranno a mani basse, com'è sempre accaduto in caso di doppio turno. Mi chiedo come faccia Berlusconi ad accettare un simile massacro. Io, a questo punto, penso che voterò per M5S, perchè non sopporto i ricatti.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mar, 21/01/2014 - 00:49

Spariti i cespugli si potrebbe sperare di arrivare a governi che finalmente riescano a realizzare i propri programmi? SPERANZA O ILLUSIONE?

carlo5

Mar, 21/01/2014 - 01:53

Quello che non si capisce o non capisco o non dite e': i partitelli che sono in coalizione sia a destra che a sinistra andando al ballottaggio ci vanno a prescindere dalla loro percentuale di voto oppure sono fuori? Cioe' se non raggiungono singolarmente la soglia del 5% ma la raggiungono come coalizione che fanno? vanno in Parlamento? Se e' cosi' ci avete fregato per l'ennesima volta altro che svolta epocale.

Roberto Casnati

Mar, 21/01/2014 - 02:04

Qualsiasi legge elettorale che riduca alla metà gli attuali parlamentari e che non consenta a nessuno di ricattare i governi in carica con scissioni o "fuoruscite" è sicuramente buona. Basta con quella schiera d'imbecilli che conquistano una poltrona con un partito e poi si vendono al miglior offerente pur di mantenere la comoda poltrona!

Ritratto di sydneysider

sydneysider

Mar, 21/01/2014 - 06:34

speriamo

a.zoin

Mar, 21/01/2014 - 07:36

Meno partiti ci sono, più scorrevole è la politica e meno spese coinvolgono lo stato.

a.zoin

Mar, 21/01/2014 - 07:40

Frà tutti questi personaggi nella fotografia,QUANTI SONO QUELLI CHE VERAMENTE FANNO GLI INTERESSI PER IL PAESE E PER LA POPOLAZIONE ??????????????????

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 21/01/2014 - 08:48

Questa è l'apoteosi del sistema "partitico",dove le decisioni,sono,continueranno ad essere prese nelle "segreterie",condizionate dalle varie lobbies,a prescindere da obbiettive necessità "trasversali",su tanti temi,laddove i DEPUTATI(non parliamo più di Senatori),nominati dalla "segreteria",non saranno altro che numeri,per il "tabellone"(tanto varrebbe ad averne solo una cinquantina...).Altro che andare verso un Sistema "diverso"!.Tutto l'apparato pubblico(al momento comodamente irremovibile),con GIUSTIZIA in primis,dovrebbe essere "intonato ed affine",con il "Paese Reale",cosa che oggi,è COMPLETAMENTE e pericolosamente SGANCIATO. In pratica,qualsiasi evoluzione politica,economica,morale,etc.,anche se scaturita da una precisa volontà popolare,DI FATTO,non ha effetto,perchè tutto il resto del sistema(irremovibile attualmente),rema contro! Come eleggere un Sindaco,con idee completamente diverse dal precedente,tenendo sotto, TUTTO L'APPARATO precedente! Questo è un altro dramma tutto Italiano! I sistemi giudiziario, amministrativo, scolastico,polizia,difesa,etc.,sono completamente sganciati,dalla "affinità" della Popolazione,che si evolve nel tempo,creando un pauroso sbilanciamento. Tutto questo,con la scusa di rispettare una vetusta Costituzione,nata vecchia e contorta in partenza!!!! Quante cose da cambiare in Italia.......!!!!!! Il popolo dovrebbe essere sovrano,esprimendo con il solo strumento possibile(la "Democrazia delle Affinità"),la SUA componente elettiva,VERA RAPPRESENTANZA,DI TUTTE LE ESIGENZE ED ASPETTATIVE,ancora una volta viene preso per il naso,con il "lecca lecca" della fasulla "stabilità"PARTITICA .Secondo il principio della "Democrazia delle Affinità",il programma viene dal basso,dalle affinità che questo sistema,autogenera..,come pure i rappresentanti VERI.

Ritratto di renzusconi..

renzusconi..

Mar, 21/01/2014 - 08:49

errore, con il renzusconi di partito ne resta solo uno, il partito unico della casta

Ritratto di hellmanta

hellmanta

Mar, 21/01/2014 - 09:38

La mia proposta di legge elettorale è ancora più semplice: Abolizione di entrambe le camere, un solo parlamentare con potere assoluto, vince chi prende più voti. Gli altri fuori. E se al primo turno non vince Forza Italia, si rivota (ad oltranza, ovviamente). Semplice, no?

gigi0000

Mar, 21/01/2014 - 09:53

Ben venga l'eliminazione dei partitini, utili soltanto per i propri accoliti. Ben venga qualunque governo in grado di governare senza il ricatto dei transfughi, laddove si provvedesse con una norma ad hoc. Ben venga l'alternanza. Ma soprattutto ben venga la democrazia, che significa l'accettazione delle decisioni della maggioranza da parte della minoranza, mediante fattiva collaborazione. Il ché escluderebbe addirittura la necessità di partiti diversi. Ben venga inoltre la vera democrazia, governo del popolo, con facoltà di controllo e possibilità di delegittimazione del governo inetto ed incapace, attraverso elezioni confermative di breve termine, perché 5 anni di gente sbagliata sono la distruzione di un paese. Siamo ancora ben lontani da questa utopia.

Silvano Poma

Mar, 21/01/2014 - 10:29

Il sistema proposto mi sembra piuttosto complesso e presenta criticità non so se compatibili con la sentenza della Corte Costituzionale (premi di maggioranza). Avrebbe il pregio di eliminare piccoli partiti, tuttavia eliminerebbe anche formazioni politiche significative di alcune zone, es. Lega, cosa che non sembra giusta perchè si finirebbe ad avere in Parlamento partiti regionali piccolissimi (es. Valle d'Aosta) e fuori partiti con milioni di voti. La cosa potrebbe essere corretta almeno in uno dei rami del Parlamento considerandolo la somma dei risultati delle singole Regioni.

vince50

Mar, 21/01/2014 - 10:36

Soltanto tre partiti alla camera?nonostante tutto non abbiamo ancora capito un c***o.Dimentichiamo(perchè assuefatti)l'opportunismo italico,a male estremi e all'occorrenza per di campare a sbafo ci si adatta alle cose più ignobili.Se mai vi fossero soltanto tre partiti,sarebbero comunque e in ogni caso composti dalla stessa quantità di farabutti parassiti.Quello che più mi rattrista è che c'è ancora chi crede ai politicanti,di conseguenza per l'italia non c'è e non ci sarà ne scampo ne soluzione.

disaccordo

Mar, 21/01/2014 - 10:37

@hellmanta occhio che ti arriverà una mail per farti coordinatore unico di fi

michetta

Mar, 21/01/2014 - 10:46

Come dice quella canzone, RICOMINCIAMO! L'accordo raggiunto tra gli uomini del buon senso, Renzi e Berlusconi, e' encomiabile. Le lamentele di taluni,in questo ed altri forum,comprensibili, ma fino ad un certo numero. Ho sempre detto che senza una guerra che cancelli il 50% degli esistenti attuali e la riscrittura della Sacra Carta Costituzionale, da parte dei rimanenti, non se ne usciva. Oggi, posso rimuovere alcune di queste considerazioni alla luce di quanto stabilito dall'accordo dei due di cui sopra. Si puo' fare benissimo quanto stabilito e ripeto, pur considerando tutto quello che si ritiene dover contestare,oggi come oggi, e' la migliore cosa, senza scendere nella guerra civile. Dopo il secondo turno, un gruppo politico governera' per cinque anni e lo fara' con quanti parlamentari verranno scelti da quel partito diretto da un Capo scelto dagli elettori. Ho detto Capo, quindi Lui, scegliera' gli altri,che dovranno ubbidire. Sissignori, proprio come quando facevamo la naja e gli ordini, non ci piacevano!Altrimenti, passeremo la vita a cercare fra tutti quelli che ogni giorno riempiranno le piazze, sopra di una sedia a promettere che "lui" fara' questo o "cancellera'" quest'altro, tornando ancora una volta a quando si votava come faceva Toto'. Lo ricordiamo tutti, il famoso "Vota Antonio!!!!". Auguri Italia.

Ritratto di Gigliese

Gigliese

Mar, 21/01/2014 - 11:04

@ michetta - Concordo - ma dovrebbero VIETARE anche di fare il "salto della quaglia" per interessi propri. SALUTI

Ritratto di deep purple

deep purple

Mar, 21/01/2014 - 12:20

Se davvero passa la legge elettorale prevista dall'accordo (ma purtroppo sono molto pessimista), ho già deciso cosa farò quando si andrà a votare. Se c'è Renzi vs Silvio Berlusconi, voto Berlusconi, se c'e Renzi vs Marina Berlusconi, voto Renzi.

AG485151

Mar, 21/01/2014 - 12:22

ABRAXASSO ESATTO . BISOGNA ANCHE CAMBIARE IL REGOLAMENTO DELLE CAMERE . NON SI FANNO NUOVI PARTITI DOPO LE ELEZIONI E NON SI FA IL GRUPPO MISTO . ALTRIMENTI SIAMO DACCAPO . INVITO TUTTI A SCRIVERE QUESTA COSA NELLA CASELLA DEI PARLAMENTARI : PARLAMENTO.IT .

michetta

Mar, 21/01/2014 - 12:37

x Gigliese - Mi piace assai il suo logo, a testimoniare una appartenenza sentimentale nei confronti della Marina Militare e la richiesta di provvedere alla liberazione dei nostri Sottufficiali del Btg.San Marco. Complimenti. Non l'ho scritto, ma mi si conceda di aver usato il.....sottinteso, per i passaggi traditori durante la Legislatura! Grazie e cordialita'. Auguri Italia.

michetta

Mar, 21/01/2014 - 12:37

x Gigliese - Mi piace assai il suo logo, a testimoniare una appartenenza sentimentale nei confronti della Marina Militare e la richiesta di provvedere alla liberazione dei nostri Sottufficiali del Btg.San Marco. Complimenti. Non l'ho scritto, ma mi si conceda di aver usato il.....sottinteso, per i passaggi traditori durante la Legislatura! Grazie e cordialita'. Auguri Italia.

Ritratto di stock47

stock47

Mar, 21/01/2014 - 12:46

Più ci penso e meno mi piace questa scelta di far entrare in Parlamento solo i partiti in base a precise percentuali minime. In Parlamento DEVE poterci entrare QUALSIASI cittadino ANCHE DA SOLO! Il Parlamento è formato da singoli Rappresentanti degli elettori, PRIMA DI TUTTO E SOPRA TUTTO! I partiti, di qualsiasi numero siano composti, hanno il diritto di sopravvivere, così come i singoli parlamentari! Adesso basta d'uscire fuori dalle regole costituzionali! Non si può permettere ai partiti maggiori di fare il bello e il cattivo tempo, modificando illegalmente leggi costituzionali e in violazione perfino di una recente decisione della Consulta!

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mar, 21/01/2014 - 23:57

# hellmanta 09:38 Forse non se ne è accorto ma guardi che Fini è ormai fuori gioco, come il suo amico Grillo.