L'abolizione del reato clandestinità spacca la maggioranza

Sacconi (Ncd): "Niente mediazione, stralciare la norma". Zanda (Pd) insiste: "Testo va approvato in aula". Forza Italia e Lega dicono no

Il parlamento torna a discutere - e a dividersi - sul reato di immigrazione clandestina. Dopo l’altoltà del capogruppo del Nuovo centrodestra al Senato, Maurizio Sacconi ("esauriti i tentativi di mediazione sui modi con cui rendere più efficaci le espulsioni degli immigrati clandestini nell’ambito del disegno di legge delega sulle pene detentive"), il Pd replica con Luigi Zanda. Il presidente dei snatori democratici sottolinea che "il testo varato dalla commissione Giustizia, che prevede la depenalizzazione del reato di clandestinità, è buono e ora va approvato dall’Aula". E prosegue: "Il reato di immigrazione clandestina non ha prodotto alcun beneficio né al nostro Paese né agli immigrati. È quindi sufficiente garantire la sanzione amministrativa". Rincara la dose il piddì Giuseppe Lumia: "L’abolizione del reato di clandestinità - dice ai giornalisti fuori dalla commissione Giustizia del Senato - è una svolta e indietro non si torna: la norma è stata valutata e condivisa ampiamente in commissione, con l’ok del governo".

Maurizio Gasparri espone la linea di Forza Italia "No all’abolizione del reato di immigrazione clandestina. L’effetto annuncio di questa scelta - ribadisce il dice il vicepresidente del Senato - avrebbe effetti devastanti. L’Italia non è mai stata un paese razzista. Ha avuto modo di dimostrare in tantissime occasioni la sua grande generosità, ma non può più tollerare che sotto l’indifferenza dell’Europa le nostre coste siano invase di clandestini. Chi vuole cancellare questa norma deve piuttosto pretendere l’aiuto e il rispetto degli altri Stati europei. Aprire in maniera demagogica a chi non ha un posto di lavoro vuol dire aprire alla disperazione. Le politiche sull’immigrazione vanno affrontate cambiando completamente il punto di partenza".

Contraria anche la Lega. "Rubo le parole al professor Sartori - dice Matteo Salvini ad Agorà, su Raitre - e dico che sono delle idee demenziali perché aprirebbero le porte ad un'immigrazione incontrollata, alla disoccupazione e alla delinquenza. Contesto delle parole pericolose per gli italiani e per gli immigrati regolarmente qua presenti: cancellare il reato di immigrazione clandestina secondo me è una sciocchezza pericolosa anche se la proponesse una valchiria alta, bionda, con gli occhi azzurri che arriva dalla Finlandia". E rincara la dose la senatrice del Carroccio Patrizia Bisinella: "Ci metteremo sempre di traverso, saremo sempre contro a provvedimenti illegittimi che stravolgono lo stato di diritto. No, non siamo tutti uguali, c’è chi vive nella legalità e deve essere tutelato dallo Stato e chi vive nell’illegalità e deve essere condannato e punito dallo Stato come i delinquenti e i clandestini".

Sull'argoimento immigrazione e clandestinità interviene anche Roberto Casaleggio, guru del Movimento 5 Stelle: il referendum del M5S sull’abolizione del reato di clandestinità, sottolinea, "è stato un bell’esempio, secondo me, di esercizio di democrazia diretta".

Commenti

moshe

Mer, 15/01/2014 - 16:29

Solo un governo schifoso che va contro il suo popolo può proporre l'abolizione del reato di clandestinità. In Italia, essendo la nazione più generosa con i ladri ed avendo le leggi che difendono i delinquenti, abbiamo l'arrivo della delinquenza di tutto il mondo. Italiani, ragionateci un po' alle prossime elezioni!

pasinels

Mer, 15/01/2014 - 16:54

Con i problemi di disoccupaziopne che abbiamo, massacrati dalle tasse, con realtà economica disastrosa, questo governo si occupa dei "diritti" dei gay, dello "jus soli" e del reato di clandestinità. Allora : via libera a tutti gli africani, passaporto italiano a tutti i clandestini(oops!non si può dire) e pensione a tutti loro. Letta , sei peggio di Monti , il che è tutto dire.

Ritratto di Scassa

Scassa

Mer, 15/01/2014 - 16:57

scassa Mercoledì 15 gennaio 2014 Il reato di clandestinità non deve essere abolito ,bensì inasprito e l'invasione fermata perché in Italia siamo già in troppi nullafacenti e senza colpa alcuna e con un futuro nebuloso per colpa del mal governo e della falsa e pericolosa deriva avviata da dei falsi profeti venduti e servi degli stranieri ! Oltre confine hanno lucrato sulla nostra pelle ,quindi si mantengano loro la immigrazione ,anche perché ,dopo aver svenduto tutto allo speculatore straniero,non c'è più trippa per gatti !!!!!!!!Sassatelli .Silvana.

Ritratto di semovente

semovente

Mer, 15/01/2014 - 17:00

Il suicidio individuale è un fatto strettamente personale. Il suicidio di una nazione è un fatto veramente demenziale. Poniamo il quesito alla nazione intera con un bel referendum (senza i soliti imbrogli all'italiana) e sia quel che sia.

Ritratto di MARINA58

MARINA58

Mer, 15/01/2014 - 17:10

E'da quel dì, che ci siamo...SUICIDATI!! GRAZIE!!

ctnonno

Mer, 15/01/2014 - 17:12

Non scherziamo..... Tira tira la corda si rompe!!!! Gli svizzeri vogliono buttar i nostri e noi ci tiriamo in casa tutti gli altri..... Ma per favore, già accogliamo quelli che arrivano di "nascosto" curandoli sfamandoli e pagandoli meglio della maggior parte nostri pensionati.... Che paese di m.....!!!!

berserker2

Mer, 15/01/2014 - 17:21

Zanda e tutti gli altri buffoni sinistrati, drogati e nullafacenti, godono nel mentire, nel dire cazzate! A parte il fatto che nonostante la legge, nessuno è mai stato perseguito per questo reato, perchè in Italia si sa, la legge non viene applicata come in tutti gli altri paesi normali e civili. No, in Italia la legge si "interpreta". E i Tribunali invece di applicare la legge, fanno politica. "È quindi sufficiente garantire la sanzione amministrativa".... Cialtroni, ci sono milioni di clandestini e di irregolari inseguiti per tutta Italia da cartelle esattoriali che mai hanno pagato, che mai pagheranno. Contributi unificati (ovvero la tassa che si paga per fare un ricorso) che vili e indecorosi cancellieri di tribunale, non esigono dal clandestino al momento del ricorso, su una vaga promessa di "pagherò dopo...." e non paga un cazzo di nessuno. Danno erariale di milioni di euro, bellamente eluso dalla cialtroneria di impiegatucci miserabili, cui il buon andamento della Giustizia nulla importa, badando solo allo stipendietto e a ingraziarsi avvocati dei centri sociali/onlus. Perchè far rispettare le norme di legge costa fatica! E i nostri politici, il governo, invece di varare una legge che elimini questo schifo, sta a pensà ai cazzi dei clandestini ed a come meglio aiutarli a prenderci per il culo! Alfano, invece di chiedere perdono a lampedusa, fai cadere questo governo anticostituzionale ed elezioni SUBITO e forse se mostri dignità ti salvi pure col tuo partitino.

berserker2

Mer, 15/01/2014 - 17:37

Il Trattato di Dublino prevede che si debba fare carico del clandestino giunto in Europa, il paese che ha raggiunto per primo. Va da se che l'Italia è meta privilegiata di clandestini che arrivano dall'africa e dal medio oriente se non altro per la vicinanza. Ora è di fanciullesca evidenza che l'Italia NON AVREBBE MAI DOVUTO sottoscrivere e ratificare un trattato che ci da la zappa sui piedi! Ma si sa, i nostri politici nullafacenti, senza chiedere il parere al popolo italiano, così come prevede una democrazia, hanno firmato anche per nostro conto, tutto e di più. L'inconcepibile però, è che ci teniamo pure gli illegali che ci arrivano da Grecia, Malta, Spagna, Austria, Bulgaria, Francia, paesi in cui sono arrivati per primi, respinti dalle leggi di quei paesi e che l'Italietta da 4 soldi invece accoglie su presupposti "umanitari" non riconosciti e/o recepiti dagli altri paesi europei, i quali valutano esclusivamente se cè fondatezza nella richiesta di asilo a seguito di una persecuzione o un pericolo vero e reale! Questo è quanto. I sinistrati in malafede non ci crederanno e obietteranno le loro solite cazzate, ma occorre al più presto uscire da questa Europa di burocrati falsi ed ipocriti che con i nostri politici indecorosi ci vanno a nozze.

Ritratto di woman

woman

Mer, 15/01/2014 - 17:45

Questa mattina a Radio 24 Il Sole ventiquattrore ho sentito Livia Turco sostenere che il reato di clandestinità deve essere abolito, perché questa legge si è dimostrata inefficace. Avrei voluto chiederle PERCHE' si è dimostrata inefficace: chi è che non l'ha fatta rispettare? Ma soprattutto avrei voluto farle osservare che allora, visto che i furti aumentano, nonostante siano considerati un reato, aboliamo anche il reato di furto, e così via vaneggiando. Avrei anche voluto chiederle se lei lascia aperta la porta di casa sua e lascia che entri chi vuole.

maurizio50

Mer, 15/01/2014 - 17:45

I cialtroni di sinistra portano l'Italia alla catastrofe : abolizione del reato di clandestinità;introduzione dello ius soli, assistenza a tutti i balordi della terra che vengono qui a delinquere perchè tanto nessuno gli fa niente! Queste sono le idee criminali di una sinistra cialtrona che mira ad estinguere la nazione italiana e a creare una moltitudine informe di razze , lingue e religioni che vada poi a votare per i Compagni!!! E' il momento di ribellarsi, sia ai dettami della CGIL che alle prediche dei Preti!! Siamo stufi di pagar tasse per mantenere tutti i derelitti del mondo che qui da noi grazie agli idioti deficienti del PD han trovato il Paese di Bengodi. I partiti che tutelano gli Italiani devono impegnarsi a promuovere referendum popolari di abrogazione di tutte le leggi, votate dalla Sinistra e dai suoi tirapiedi(Alfano e soci) con cui si vuole disintegrare la nazione italiana e consentire a tutti gli sbandati del mondo di venire a far da padroni in casa nostra!!!!!!!!!!!!!!!

Ritratto di d-m-p

d-m-p

Mer, 15/01/2014 - 18:01

Ora ci mancava anche questo Casaleggio insieme a Zanda (da dove viene questo) qual'è il guadagno per questa gente ? Certo far sì che questa gente entri in massa nel paese togliendo quel po' che abbiamo per dividerlo tra di loro ,mi sembra che queste mer.. vogliono portarci alla rivoluzione , civile o incivile ,poi , aranno cazzi loro , se ci portano al punto di non ritorno ,poi che si fa ???????????????????????

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Mer, 15/01/2014 - 18:10

abolire il reato di clandestinità significa che tutti possono venire in Italia senza documenti ne permessi?SIETE DEI GENI, mi raccomando votateli ancora vi troverete con il culo per terra.

Bellator

Mer, 15/01/2014 - 18:36

Questi deficienti che vogliono abolire il reato di clandestinità,insieme a Zanda..bianca,dovrebbero essere messi alla gogna per queste vergognose proposte,oltre a condannarli per Sabotaggio all'Erario,per i milioni che lo stato spende per mantenere tutti i cladestini che sono in galera o a piede libero.Ma questi sinistronzi !!una volta aperti i cancelli dell'Italia,a queste orde di barbari !!,penseranno loro alle spese di mantenimento??,ad ospitarli a casa loro ??..Questi mezze calzette di parlamentari,con i loro alti stipendi,invece di pensare come aiutare, con sussidi le famiglie Italiane che sono in miseria,sono entusiasti di accogliere altri derelitti, clandestini,che non sono una ricchezza per l'Italia,ma una disgrazia per gli Italiani.Solo gli Italiani possono decidere, considerate le nostre precarie condizioni economiche,di farne entrare altri o respingere tutti i clandestini che arrivano;questo non lo decide la Congolese o quei quattro stronzi che si arrogano di poter decidere autonomamente, fregandosene dei 60 milioni di Italiani.Per quanto riguarda la Spesa Pubblica,l'Evasione Fiscale,cominciamo a risparmiare milioni di Euro,esortando Palle d'Acciao,a fare un Decreto Speciale di Espulsione di tutti i Detenuti stranieri che sono nelle carceri Italiane e quelli in attesa di giudizio,tutti i cladestini,senza lavoro e senza fissa dimora,cosi daremo una pulizia all'Italia ed avremo un risparmio di danaro Pubblico,da devolvere alle famiglie italiane cadute in povertà.

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Mer, 15/01/2014 - 18:46

MI SEMBRA UN FALSO PROBLEMA! Che lascino pure il reato di "clandestinità" per i veri clandestini. Ma siccome la stragrande maggioranza di quelli che in Italia arrivano (massimamente per mare) NON SONO CLANDESTINI (verificare su qualsiasi dizionario della lingua italiana la parola "clandestino") perché mai devono essere perseguito per un reato che non corrisponde affatto a quello che hanno commesso?

Ritratto di bracco

bracco

Mer, 15/01/2014 - 18:55

Solo uno schifo di cialtroni che siedono al governo pensano con un colpo di mano di poter farci accettare tutta i clandestini provenienti da tutte le parti del mondo. Questo governo da voltastomaco capace solo di riempire di tasse i suoi cittadini, si propone di prendersi cura anche di tanta feccia proveniente dall'emisfero sud del mondo....banda di buffoni e cialtroni che non riescono prendersi cura dei due marò che in uno stato canaglia stanno rischiando la pena di morte. Dovesse passare la pagheranno alle prossime votazioni...

petra

Ven, 17/01/2014 - 14:32

Ci mancava solo questa. Il reato di clandestinità esiste in tutta Europa. Perchè da noi dovrebbe essere diverso? Propio qui dove sbarcano tutti! E' una pazzia. L'Italia alla mercè degli stranieri. Poveri i nostri eroi morti per la Patria. Siamo governati da dei mentecatti.