L'assessore nero che demolisce la Kyenge

Il nigeriano, leghista dal '93, contesta il ministro all'Integrazione: "Il suo ministero è inutile e lo ius soli è una follia"

Leghista e «négher». «Macché offesa, è la parola bergamasca per definire uno di colore, è un dialetto sacrosanto di un popolo, di cosa mi dovrei scandalizzare, non è vero che sono nero?» chiede ridendo Toni Iwobi, nigeriano di 58 anni, cittadino italiano da una trentina, leghista della prima ora dal '93. Il segretario Salvini ha proposto che il ministro Kyenge («la Lega è razzista, democrazia in pericolo») si confronti in un faccia a faccia con Iwabi, assessore a Spirano (Bergamo), non eletto per un soffio alle ultime regionali in Lombardia con 2mila preferenze. In effetti il «leghista-neghèr» («mi sono anche autodefinito “la pecora nera” della Lega» scherza) è lontano anni luce dalla retorica terzomondista.
Con una semplicità disarmante Iwobi ti spiega che «il ministero dell'Integrazione è una sciocchezza, non serve a niente se non a spendere soldi che si potrebbero usare per cose più serie, come il lavoro. Dovevano diminuirli i ministeri, non crearne di inutili come quello della Kyenge. Non ho nulla contro la persona, ma sono contro la sua idea politica. L'integrazione è un percorso individuale. Se io vengo a casa tua sono io che mi devo integrare, mica sei tu che lo devi fare, lo capisce anche un bambino. La cittadinanza è un diritto che si conquista con il lavoro, non è un regalo da fare a chiunque». Il percorso individuale di integrazione Iwobi lo conosce bene, senza un ministero che l'abbia promosso al posto suo. «Quando sono arrivato nel '77 di neri, specie da queste parti, ce n'erano pochissimi. È stata dura trovare spazio, rispettando il mondo che mi stava ospitando. Ho fatto fatica».
Il primo lavoro da stalliere in un maneggio, poi manovale in un cantiere. «Ho fatto carriera, guadagnavo un po' di più e lavoravo molto di più. Il manovale l'ho fatto per 11 anni». Quindi una nuova opportunità: spazzino all'Amsa di Milano. Nel frattempo sposa una bergamasca, diventa cittadino italiano e viene promosso tecnico informatico, settore in cui ha una laurea. Ora di tecnici informatici ne ha 13 sotto di sé, come dipendenti della sua azienda. Da modesto manovale immigrato a imprenditore italiano. Oltre che politico, da vent'anni consigliere comunale della Lega a Spirano, attualmente assessore ai Servizi sociali. «Mi sono fatto da solo, col sudore della fronte. L'integrazione è fatta di doveri, non solo di diritti. Il ministro Kyenge parla di ius soli? Una follia. Intanto un bambino italiano con due genitori stranieri sarebbe già un problema secondo me. Ma soprattutto ci sarebbe l'invasione di immigrate che verrebbero a partorire qui, solo per avere la cittadinanza automatica. Sarebbe un caos incontrollabile. E poi chi pagherebbe i servizi sociali per tutti questi nuovi concittadini, visto che non ci sono più soldi neppure per le famiglie italiane? Chi li manterrebbe, chi garantirebbe un futuro qui a tutti questi nuovi italiani? Qualcuno se l'è chiesto?».
Peggio ancora l'abolizione del reato di clandestinità: «Penso sia una delle più grandi idiozie che abbia mai fatto il governo italiano. Mi viene una profonda delusione. Sfido qualunque italiano a recarsi nel mio Paese d'origine senza il passaporto: viene rispedito indietro subito, ma subito! In un Paese del cosiddetto Terzo mondo!». Ma poco democratica gli sembra anche l'Italia, «dove non si può nemmeno criticare un ministro della Repubblica italiana (la Kyenge, ndr) che subito si viene demonizzati. Nessuno ce l'ha con la signora Kyenge, ma molti non sono d'accordo con le sue idee. Non si può dire? Allora questo non è un paese democratico». Iwobi da anni ha un'associazione che aiuta gli immigrati. «Prima cercavo di dare una mano agli immigrati qui a Bergamo. Ora la mia associazione “Pax Mondo” si occupa di formazione, collaboriamo con i governi africani. Abbiamo formato nove medici, 36 infermieri e due clinici in loco, tutti dal Ghana e dalla Sierra Leone, per poi permettergli di lavorare nei loro Paesi. E sono contenti. È stato possibile grazie all'aiuto della Regione Lombardia e dell'assessorato di Daniele Belotti (assessore della Lega al territorio, ndr), secondo il modello “aiutiamoli a casa loro”. Questo per chi dice “la Lega è razzista” senza informarsi». Parola di leghista-nègher.

Commenti

Guido_

Mar, 28/01/2014 - 10:01

Se lo dice un leghista allora siamo a posto...

a.zoin

Mar, 28/01/2014 - 10:04

Se Iwabi, fosse stato nella DEMOCRAZIA-CRISTIANA, lo avrebbero nominato come minimo,SENATORE o CAPO DI STATO.

Beaufou

Mar, 28/01/2014 - 10:06

Forse Toni Iwobi aveva qualche titolo in più della Kyenge per fare il ministro dell'integrazione, ammesso che ce ne fosse davvero bisogno.

Albeola50

Mar, 28/01/2014 - 10:09

Sarebbe molto opportuno,che la signora Ministro,leggesse questo articolo,capirebbe tante cose che probabimente nessuno le ha mai spigato!!!

Ritratto di Soldato di Lucera

Soldato di Lucera

Mar, 28/01/2014 - 10:12

Aspetto ora il fiume delle cazzate delle zecche rosse...concordo pienamente, quella del razzismo è una gran balla! Sono apertamente di estrema destra e fra i miei amici, c'è Giuseppe della Costa d'Avorio, addetto ad un impianto chimico e stregone bantu che vive a Parona Lomellina e litiga continuamente con la moglie piemontese,( ciao Giuseppe ), sto anche benissimo con Cristian, nero come la pece, impiantista per una ditta bresciana, anche se capisco metà di quello che dice perché parla in dialetto stretto ( bresciano). Ma aspettiamo le cazzate di maggiulli con impazienza...

Ritratto di echowindy

echowindy

Mar, 28/01/2014 - 10:13

QUESTA DONNA E' DA GUARDARE CON INDULGENZA ESSENDO LEI STESSA UNA EX CLANDESTINA.

Giunone

Mar, 28/01/2014 - 10:14

Poco tempo prima che la Kyenge fosse tirata fuori dal capello magico del Cesare, la Merkel si lamentava con cattivo umore circa l'immigrazione che stava arrivando alla Germania. Coincidenza vuole che poco dopo in Italia si inventino questo surplus ministero che fa San Francesco a buoni, cattivi e termini medi che arrivano da ovunque. Non sono per niente una persona razzista ( ne di colore di pelle o di nazionalità) , mai stata, per carità! Ma questa poltrona semplicemente poteva essere risparmiata in ogni caso, per aiutare questa gente non c'era bisogno ne della donna della foto ne del suo Ministero. p.s. Credo che la Kyenge non fosse pronta per uscire di un minuto all'altro dal anonimato assoluto alla fama.

Ritratto di frank60

frank60

Mar, 28/01/2014 - 10:22

Giusto!!!Così si parla.

vince50

Mar, 28/01/2014 - 10:24

Direi che frase chiave è:Aiutiamoli a casa loro.Chiunque venga sdradicato dal proprio luogo di origine o debba abbandonarlo per necessità,non può non soffrire tentando disperatamente di adattarsi.Quindi aiutarli "a casa loro"ritengo sia la cosa migliore innanzitutto per loro stessi,tranne per chi ci specula oppure per chi è affetto dal morbo comunistoide estremamente dannoso per chi lo deve subire.

BeppeZak

Mar, 28/01/2014 - 10:35

condivisibile dalla prima all'ultima parola. queste sono le persone che vogliamo

gigi0000

Mar, 28/01/2014 - 10:36

Mi occupo di Africa e conosco gli africani, quindi posso affermare con certezza che quelli buoni, quelli onesti, quelli volenterosi la pensano esattamente come Toni Iwobi. Quelli che pretendono senza dare, quelli che protestano per ottenere indebiti vantaggi, quelli che non accettano le nostre regole sono generalmente i delinquenti, fuggiti dai loro Paesi per non essere puniti giustamente. Ben siano italiani i primi, dopo aver seguito il percorso necessario, altrettanto bene siano IMMEDIATAMENTE allontanati i secondi. Lo ius soli, come suddetto, sarebbe solo un mezzo iniquo per ottenere vantaggi non dovuti, a danno degli italiani.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 28/01/2014 - 10:37

Questa figura deve la sua ascesa al governo anche all'acquiescenza, a suo tempo, del PDL. Si provveda per il futuro, ammesso che di futuro ne rimanga per questa sedicente destra. Altro che piangere sul latte versato.

Ritratto di Giuseppe.EFC

Giuseppe.EFC

Mar, 28/01/2014 - 10:51

Di tanto in tanto, una buona notizia ci vuole. Fine anni '80: sul bus che mi riporta a casa un signore di colore, anziano; e 3 raggazzi, alticci (o forse ubriachi) che lo prendono in giro. Lui risponde guardandoli con solenne dignità: "Io sono italiano. Come voi. Più di voi". In un attimo capii: somalo o eritreo, comunque un coloniale rientrato quando eravamo in guerra e che ha acquisito la cittadinanza. Un italiano nero. Che parlava italiano meglio dei teppisti che scocciavano. Perché questo articolo mi riempie di soddisfazione? Mica per la Kyenge, ma chissenefrega; e nemmeno per l'apparente contraddizione di un nero leghista: queste cose le lascio alla stampa di sinistra, incapace di liberarsi dai propri pregiudizi. Mi rallegra un italiano di colore: nero. Così come mi rallegra il mio amico cinese, cioé figlio di cinesi, che parla torinese (ed io non sono capace); come il ragazzo marocchino che ho conosciuto a Napoli, e parlava napoletano. Siamo destinati a diventare una società multicolore: e devo dire che la cosa non mi dispiace. L'arcobaleno è il mio colore preferito

michele lascaro

Mar, 28/01/2014 - 11:12

Ma Letta avrebbe o no il coraggio di sostituire la Kyenge con Iwobi? Ma non sarebbe meglio dare l'incarico a un italiano, visto che siamo in Italia?

maurizio50

Mar, 28/01/2014 - 11:29

Il sig.Toni Iwobi ha capito cosa significa essere cittadino italiano, dove ai pochi diritti che ne conseguono, si sommano una sequela di doveri. La sig. Kyenge, viceversa,è solo un paravento che serve al partito dei cialtroni per giustificare la folle corsa da essi voluta all'immigrazione selvaggia.

glasnost

Mar, 28/01/2014 - 11:37

Mi chiedo quale possa essere il parere dell'europa sullo ius soli e sull'abolizione del reato di clandestinità. Quando questi poveretti senza lavoro, grazie a schengen, potrebbero andarsene in giro per tutti gli stati europei. Chissà?

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mar, 28/01/2014 - 11:44

Non è questione di colore ma di testa.Ma i kompagni non se ne vogliono accorgere.

NON RASSEGNATO

Mar, 28/01/2014 - 11:48

Ulteriore dimostrazione che viene a lavorare è ben accetto, chi viene a farsi mantenere, ad accampare diritti e non doveri, a chiedere di essere rispettato senza rispettare, a derubarci contando sul buonismo e falso razzismo va rispedito SUBITO a casa sua

Rody

Mar, 28/01/2014 - 11:52

Non ha importanza quale sia il simbolo su cui porrò la mia croce alle prossime votazioni (per precisione non certo la lega). Ma su quanto ha scritto questo assessore CITTADINO ITALIANO sarei pronto a mettere 1000 croci. Ma è mai possibile che per questioni ideologiche o per pregiudizi provenienti da secoli di ignoranza ed odio non sia possibile che quelli che hanno in mano il ns futuro (cosidetti politici) non siano capaci di usare in maniera corretta quell'organo (cervello) che li distingue dagli animali ? E poi ci stupiamo che siano dei delinquenti che mandano teste di maiale.......quando chi ci dovrebbe guidare (destra, sinistra, centro etc) si comporta da "delinquente politico" (spero che si dia il giustgo significato a questo aggettivo) e per pura soddisfazione di "essere contro" insiste su posizioni LOGICHE ed ECONOMICAMENTE E SOCIALMENTE utili. Piccolo riferimento al sarcasmo del commento di Guido.....ma se LEI fosse comunista ed un fascista dicesse che...."per guidare una automobile bisogna avere la patente".....Lei sarebbe d'accordo o no ! Quindi non interessa chi esprime un pensiero ma se questo pensiero è o meno giusto ( o meglio LOGICO).Grazie!

linoalo1

Mar, 28/01/2014 - 11:54

Povera Nera!E' dura di comprendonio!Malgrado tutto,non si dimette!Certo,perchè il miraggio della Pensione,è più forte di una qualsiasi affermazione contro di lei!Lino.

antonio54

Mar, 28/01/2014 - 12:01

Questi sì che è un discorso intelligente. Complimenti al leghista negro...

Miraldo

Mar, 28/01/2014 - 12:07

UN grande plauso al signor Toni Iwobi, cosi si dovrebbero comportare tutti gli stranieri che vengono in Italia, questo articolo merita la prima pagina.

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Mar, 28/01/2014 - 12:18

alla boldrini verra' un attacco isterico.

Ritratto di Montagner

Montagner

Mar, 28/01/2014 - 12:22

Una piccola precisazione. Se i nostri cari compagni avessero un po’ di memoria, ricorderebbero, senza ipocrisie, che il vecchio PCI per decenni ha predicato CONTRO l’emigrazione dei “meridionali” in Padania. L’argomentazione non faceva una grinza: “bisogna evitare di sradicare dalle proprie culture la gente, si deve sviluppare il sud”. Questo si diceva . . . poi, improvvisamente, tutto è cambiato: nel nome di una globalizzazione (voluta dalla finanza massonica) e del consumismo tanto combattuto; questi “figuri”, che di comunisti non avevano più nulla, hanno incominciato a predicare tutt’altro e soprattutto a fare gli interessi di qualcuno che nulla a che fare con la “sinistra”. Sono gli stessi, in compenso, che si lamentano del fatto che molti giovani se ne devono andare all’estero per trovare e costruirsi il loro futuro. Come comportamento schizofrenico: niente male.

Ritratto di PELOBICI

PELOBICI

Mar, 28/01/2014 - 12:28

La ministra se fosse stata intelligente non sarebbe del PD

Mobius

Mar, 28/01/2014 - 12:30

Siamo alle solite: deve essere uno straniero a spiegarci quali sono i nostri diritti. Perchè noi, è storia vecchia, da soli con la testa non ci arriviamo.

paolonardi

Mar, 28/01/2014 - 12:35

Le parole di Iwobi so o di una linearita' e di in saggezza disarmante; comprensibili anche per un bambino di 10 anni. purtroppo ci spno degli italiani con un bassissimo Q.I. e che governano e che non capiscono una cosa cosi' evidente. poveri noi se non riusciremo a liberarcene.

jacopo82

Mar, 28/01/2014 - 12:36

L'abolizione del reato di clandestinità, ovviamente, non impedisce le espulsioni. Il signore non sa di cosa parla, da bravo leghista.

Ritratto di Montagner

Montagner

Mar, 28/01/2014 - 12:52

Visto che spesso si parla a vanvera, vero caro Jacopo82, è bene precisare che con l'abolizione del reato di clandestinità "il migrante" (?????) è espulso solo se, commettendo un reato penale, è condannato (per gli ignoranti: in via definitiva. Le informazioni vanno date in modo corretto quando si vuole correggere l'idea altrui.

moshe

Mar, 28/01/2014 - 12:56

kyenge, la più grande porcata del pd

Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Mar, 28/01/2014 - 13:06

Questi sono gli immigrati di cui l'Italia ha bisogno; intelligenti, lavoratori, rispettosi delle Leggi, leali e riconoscenti verso il Paese che li accoglie e in cambio hanno rispetto e grandi opportunità. Tutto il resto è feccia che altro non fa che attirare su di sé solo odio. Immigrati pensateci!!!

meverix

Mar, 28/01/2014 - 13:15

L'assessore leghista dice: se io vengo a casa tua sono io che mi devo integrare, mica tu che mi ospiti, lo capirebbe anche un bambino. Ecco, un bambino è intelligente e queste cose le capisce, un sinistronzo no perchè non ha l'intelligenza che può avere un bambino.

dondomenico

Mar, 28/01/2014 - 13:29

Forse sarò monotono ma, ogni volta che vedo un articolo che riguarda la ministra Kyenge, manderò questo commento:- “Giuro di essere fedele alla Repubblica, di osservarne lealmente la Costituzione e le leggi e di esercitare le mie funzioni nell'interesse esclusivo della nazione”. Questo è il giuramento fatto dalla ministra davanti al presidente della repubblica. Ma nella sua prima conferenza stampa a Palazzo Chigi venerdì 3 maggio ha detto che “non potrei essere interamente italiana”, ciò che è incompatibile con il giuramento di esercitare le sue funzioni nell'interesse “esclusivo” della nazione. Queste le sue testuali parole: “Sono italo-congolese e, tengo a sottolinearlo, sono italo-congolese perché appartengo a due culture, a due paesi che sono dentro di me e non potrei essere interamente italiana, non potrei essere interamente congolese, ciò giustifica anche la mia doppia identità, ciò giustifica ciò che io mi porto dietro. Questa è la prima cosa con cui io vorrei essere definita”. Non vi sembra che ci sia qualche incoerenza con il giuramento fatto? Può una persona che non si sente ITALIANA fare il ministro della Repubblica Italiana? Che valore ha il suo giuramento? E' come si io, ipotizzando di essere ateo, giuro sulla Bibbia, che valore ha il mio giuramento? Può, questa signora, assolvere al ruolo di ministro della Repubblica?

Ritratto di navigatore

navigatore

Mar, 28/01/2014 - 13:45

alla cortese att.ne del Sig. JACOPO82, che l'abolizione del reato di clandestinità, permette ancola l'espulsione , credo che tu abbia una visione irreale sulla giustizia e realiva applicazione delle regole, dopo essre stao identificato lo straniero entrato per cazzi suoi in Italia, gli vine rilasciato un pezzo di carta , con l'ordine di usacire dallo stato, lui, semplicemente lo mette in tasca ed al primo cestino lo butta, e se nè fotte di leie e di tutti.....una volta identificato, dovrebbe essere accompagnato alla frontiera o caricato su un volo del suo paese ed espulso come fanno qui in BRASILE.... ma per la giustizia piolita mafiosa, dei compagni, questo è troppo impegnativo e secondo alcuni si lede la vita privata dell' individuo...magari potrebbe esser quello che al giono dopo , violenta sua moglie o figlia o sorella, se va bene..o le ripulisce l'appartamento..auguri

petra

Mar, 28/01/2014 - 13:51

#Menphis La destra in Italia non esiste.

agosvac

Mar, 28/01/2014 - 13:52

Lo ius soli senza il reato di clandestinità non è solo una follia è semplicemente delinguenziale!!! Non per niente proprio nei pochissimi paesi in cui vige lo ius soli il reato di clandestinità è un reato gravissimo.

pinux3

Mar, 28/01/2014 - 14:02

Allora convenite che chi dà della "scimmia" a un nero (come ha fatto qualche "dirigente" leghista) è un cretino, giusto?

il corsaro nero

Mar, 28/01/2014 - 14:08

ma dove è finito il popolo di sinistra? perchè non c'è nessun commento dei vari sinistrati che scrivono su questo giornale? Ehi, se ci siete battete un colpo!!! Forse lo choc è stato troppo grande! Aho, Aripijateve!!!

jeanlage

Mar, 28/01/2014 - 14:31

Sarà razzista anche lui.

Ritratto di Jaspar44

Jaspar44

Mar, 28/01/2014 - 14:50

... e la Kienge INUTILE! ... e qui mi fermo ....

giovanni PERINCIOLO

Mar, 28/01/2014 - 14:53

Il discorso non fa una piega e si riconduce semplicemente al sano buon senso di tutti coloro che non sono inquinati da ideologie bacate. Quanto al razzismo é evidente a tutti coloro che non chiudono volontariamente gli occhi che chi lo é in questa storia é solamente Letta. Il perché della mia affermazione é semplice : Letta ha nominato ministro la signora Kyenge solo ed esclusivamente perché é negra, non perché é brava o si é distinta in qualcosa o puo' vantare meriti speciali. No! molto più prosaicamente una negra faceva comodo alla facciata di "buonista democratico" e antirazzista del signor letta! Null'altro, e la signora Kyenge se avesse un minimo di amor proprio dovrebbe lei prenderne atto e dare lei le dimissioni per evitare di essere oggetto di una porcata veramente razzista!

Ritratto di serramana1964

serramana1964

Mar, 28/01/2014 - 14:54

....sono a chiedermi dove stanno i SINISTRATI....non commentano l'articolo?....forse perché si esce dal solito schema....

Libertà75

Mar, 28/01/2014 - 14:56

Un uomo così lo voterei sia fosse nella Lega che in M5S, più persone intelligenti servono alla politica a prescindere dagli schieramenti.

angelomaria

Mar, 28/01/2014 - 15:04

benfatto alla signora che ha pagato per entrare in politica e imagistrati ZITTI???

berserker2

Mar, 28/01/2014 - 15:05

Bravo Iwobi......aiutiamoli a casa loro! Quindi tornerai al più presto in nigeria, passando prima per il congo per lasciarci la Kashettun......

Antonio43

Mar, 28/01/2014 - 15:08

Agosvac, pur trovandomi molte volte d'accordo su quanto lei scrive, ricorre spesso la parola "delinguente". Scusi se mi permetto, ma ce la vuol mettere o no la "q" al posto di quella g? Cordialmente. Pinux e se si dà della scimmia ad un bianco? Fa qualche differenza? E comunque la signora non è all'altezza del compito.

Bebele50

Mar, 28/01/2014 - 15:14

Dalla Bignardi ho seguito l'intervista al segretario della lega Salvini che era ben disposto a parlare con le figlie della Kyenge mentre loro non si sono rese disponibili a fare altrettanto. Chi è risultato più razzista?

Ritratto di ohm

ohm

Mar, 28/01/2014 - 15:14

ministra, cosa ha da dire in merito ? Aspettiamo con ansia la sua replica...forza!

Cinghiale

Mar, 28/01/2014 - 15:19

Come ho sempre sostenuto è più facile attaccare la Kyenge sui contenuti balordi delle sue idee, che trovare modi nuovi per offenderla e l'assessore Iwobi ne è la prova concreta. O è razzista anche lui? Compagni fatevi sentire o avete nulla da dire?

antiom

Mar, 28/01/2014 - 15:24

I "signori" Guido_ e Jacopo, e qualcun altro di uguale riferimento, che non ho avuto la pazienza di leggere: sono giovani e/o invasati di sinistra, che come tali si possono collocare tra gli ignoranti, cretini e ipocriti di cui si compone maggiormente il loro partito. L'articolo del quale stiamo discutendo, che solo sul Giornale si ha il piacere di leggere: andrebbe messo nelle bacheche di uffici pubblici e scuole di tutta Italia!

Ritratto di marforio

marforio

Mar, 28/01/2014 - 15:34

Cosa si fa per dare ministeri inutili e costosi ai compagnucci che fedeli al motto il partito e mio e me lo gestisco io, stanno rovinando l Italia.E quanti cretini diplomati in collettivita anni 70 ora sfasciano edemoliscono la nazione culla della civilta mondiale.E noi coglioni ci facciamo comandare da questo partito di zecche come se fossero maggioranza.

maxaureli

Mar, 28/01/2014 - 15:36

Bravo Toni Iwobi!!!!

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Mar, 28/01/2014 - 15:41

Io, che sono un emigrante Italiano in Germania devo riconoscere che Toni Iwobi mi é uguale nel pensiero e opinione, io non posso andare in un altro Paese e pretendere che il Paese che mi dá prima ospitalitá e poi sicurezza deve fare quello che voglio io! PERCHE SE IO PRETENDEREI LO STESSO IN GERMANIA A ME MI AVREBBERO PRESO A CALCI IN CULO FINO ALLA FRONTIERA ITALIANA!;Io mi sono fatto una posizione in Germania rompendomi il culo per 44 anni sulle catene della Ford é non cucendomi la bocca perche i Tedeschi non mi mettevano il tappeto rosso dove io camminavo, É se tu vuoi che gli altri ti rispettano, allora prima tu devi portare rispetto verso gli altri specialmente quando tu sei uno straniero in terra altrui, a me nessuno mi ha mai regalato niente é quello che io ho raggiunto me lo sono guadagnato con il sudore sulla fronte come Toni Iwobi1,e questa e la strada da seguire se tu ti vuoi creare un futuro per te é la tua Famiglia!; Congratulazioni a Toni Iwobi! per il suo buonsenso di riconoscere la realtá!.

Rossana Rossi

Mar, 28/01/2014 - 15:46

Quanto afferma questo signore è l'esatta fotografia di ciò che dovrebbe essere la GIUSTA immigrazione nel nostro paese e il sacrosanto aiuto ai LORO paesi.......altro che non-clandestinità e ius-soli solo per rubacchiare voti.........

Ritratto di marforio

marforio

Mar, 28/01/2014 - 15:48

xantiom-Ha nominato due inutili compagni, parlano per partito preso e fino ad ora isolati nei commenti , gli altri staranno tutti a criticare i l berlusca su qualche articolo magari su libero.Da aggiungere giovani o anziani loro cominciano a sinistrare in famiglia ,essere fuori della logica lo hannno nel dna.

Ritratto di Mariador

Mariador

Mar, 28/01/2014 - 15:51

Bravo Toni Iwobi, non importa di che colore tu sia, non importa di che partito tu sia, quello che conta è che sei di BUON SENSO e costruttivo. Altrettanto non si può dire del partito (PD) che ha voluto la signora Cécile Kyenge Kashetu a capo dell'inutile ministero per l'integrazione. E' evidentissimo lo scopo provocatorio che ha così facile presa nella coscienza di molti.

Ritratto di Mariador

Mariador

Mar, 28/01/2014 - 15:56

Toni Iwobi, un dubbio: sarai mica razzista..............?

Ritratto di scappato

scappato

Mar, 28/01/2014 - 15:57

Da emigrato mi trovo d'accordo: anch'io la prima cosa che ho fatto e' stata quella di integrarmi al mio nuovo Paese, non di cercare i cambiarlo. Ora da cittadino posso contribuire a migliorarlo.

igiulp

Mar, 28/01/2014 - 16:15

Grazie Iwobi, le tue parole riscattano (anche se non c'era bisogno) la vera Lega e la fanno apparire per quella che effettivamente è. Gli antileghisti di professione sono stati serviti.

timoty martin

Mar, 28/01/2014 - 16:29

Ripetiamolo ripetiamolo e ripetiamolo ancora che la kyenge non serve a niente, forse un giorno la rimanderanno in Congo

mbotawy'

Mar, 28/01/2014 - 16:39

Ma perche' occupare spazio in questo importate giornale con effimere notizie su una nera ex-badante,che fino ad oggi nulla ha fatto e molto speso,nonche' emettendo,per conto del PD-Voti, ridicole dichiarazioni e progetti infantili,che nemmeno nel suo Congo sarebbero prese in considerazione.Rimandatela,lei e famiglia alla sua terra ricca di jungle e animali tipici.

hectorre

Mar, 28/01/2014 - 16:50

quando si ragiona il colore della pelle è l'ultimo dei problemi............quando subentrano la demagogia,l'ipocrisia e l'incapacità ci troviamo ministri come la kyenge..........sappiamo il gioco meschino del pd,mettere una donna di colore e indignarsi ad ogni critica,vergognatevi!!!......grazie sig. Iwobi, quello che tantissimi italiani pensano e che non dicono per paura di essere tacciati di razzismo...grazie ancora.

anchesetuttinoino

Mar, 28/01/2014 - 16:50

una piccola precisazione.... l'espulsione immediata(con accompagnamento alla frontiera) deve essere convalidata dal giudice di pace...... o forse nessuno lo sapeva? si deduce pertanto che chi decide sul da farsi ė sempre un giudicante

hectorre

Mar, 28/01/2014 - 16:57

Sarebbe molto interessante un faccia a faccia Iwobi-kyenge.........

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 28/01/2014 - 17:01

Bravo "négher"!

eglanthyne

Mar, 28/01/2014 - 17:06

Sora ministra, ha letto l'intervista del leghista?

hectorre

Mar, 28/01/2014 - 17:07

corsaro nero,il cervello dei sinistrati si accende con la parola d'ordine..."berlusconi".....se nell'articolo non c'è,il loro cervello non si attiva e non sanno cosa scrivere.............possono eventualmente dire "è un leghista!!"....ma non vanno oltre....

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mar, 28/01/2014 - 17:07

Nella Repubblica Italiana il ruolo della Kyenge rientra tra le pratiche del "dividi et impera", per il battibecco dei partiti, ridotti al ruolo dei capponi di Renzo Tramaglino dall'avvocato Azzeccagarbugli che sta alla Presidenza della Repubblica (mentre le sue creature "grufolano" in Bankitalia).

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 28/01/2014 - 17:19

Il problema è che a spanne l'80% degli Italiani,in "pectore" è d'accordo con quello che dice Iwobi,ma quando va a votare,si dimentica,e contraddice se stesso,facendosi del male,un male boia!!

Ritratto di ASPIDE 007

ASPIDE 007

Mar, 28/01/2014 - 17:50

...Ascolto da qualche tempo con attenzione le interviste del segretario della Lega Salvini e rilevo che, i suoi, sono discorsi da italiano, condivisibili, che desidererei fossero in tanti a portarli avanti. Salvini non teme di essere guardato con antipatia allorquando esprime le sue idee politiche che ritiene utili per il Paese e condivisibili dai cittadini. Il mondo politico, purtroppo, è pieno di ipocriti, in privato esprimono ciò che pensano veramente ma che sono diversi da quelli di convenienza che fanno in pubblico; Se l'ipocrisia fosse una malattia mortale, dovremmo andare alle urne tutti i giorni. Avanti Salvini e Iwobi. Non sono simpatizzante della lega.

Ritratto di semovente

semovente

Mar, 28/01/2014 - 18:12

Kyenge, piglia, pesa, incarta e porta a casa.

hector51

Mar, 28/01/2014 - 18:13

GRANDE Toni Iwobi. E' di gente come te che il nostro paese ha bisogno, una logica semplice e piena di buon senso che molti si ostinano a non condividere (per quale motivo??). Perché siamo così stupidi? Che futuro lasceremo ai nostri figli? Dovranno essere loro ad adeguarsi alle culture di chi arriva nel NOSTRO Paese senza il rispetto delle regole e senza il rispetto della gente che ci vive?

hector51

Mar, 28/01/2014 - 18:13

GRANDE Toni Iwobi. E' di gente come te che il nostro paese ha bisogno, una logica semplice e piena di buon senso che molti si ostinano a non condividere (per quale motivo??). Perché siamo così stupidi? Che futuro lasceremo ai nostri figli? Dovranno essere loro ad adeguarsi alle culture di chi arriva nel NOSTRO Paese senza il rispetto delle regole e senza il rispetto della gente che ci vive?

Ritratto di marione1944

marione1944

Mar, 28/01/2014 - 18:29

Grande Toni Iwobi, non sono leghista ma ti voterei.

Mobius

Mar, 28/01/2014 - 21:23

Che delusione... mi aspettavo un diluvio di pungenti commenti sinistri, invece nulla. Comincio a sospettare, compagni, che voi non capite niente di politica semplicemente perchè non capite niente della vita.