Letta: "In Cdm accordo per abolire il finanziamento pubblico ai partiti"

Il Consiglio dei Ministri trova l'accordo. Letta: "Ora la parola alla Ragioneria di Stato per le norme fiscali del ddl"

Nel Consiglio dei ministri di oggi un passo in avanti sulla strada dell'abolizione del finanziamento pubblico per i partiti. I ministri del governo Letta - ad annunciarlo lo stesso presidente del Consiglio - hanno "trovato l'accordo". Raggiunta un'intesa interna al governo, ora tocca alla Ragioneria di Stato, che dovrà "preparare le norme fiscali del disegno di legge".

"È stato un punto della campagna del Pdl e di Silvio Berlusconi", ricorda Daniele Capezzone, presidente della commissione Finanze della Camera e coordinatore dei dipartimenti Pdl, che indica come via da seguire il "modello americano: trasparenza sulle lobbies, e favor fiscale per le donazioni private". 

Soddisfatto anche il sindaco di Firenze, Matteo Renzi, che nota "una condivisione più ampia" di un problema al centro della sua campagna elettorale. Letta - aggiunge - "mi ha assicurato che su questi temi il governo procedirà spedito".

Commenti

Giorgio Rubiu

Ven, 24/05/2013 - 14:41

Stiamo a vedere quali saranno le nuove norme e quale sarà la misura delle restrizioni. In ogni caso, ci sta un bel "Finalmente!".

epesce098

Ven, 24/05/2013 - 15:10

Attenzione, è gente furba, escono dalla porta e rientrano dalla finestra

minestrone

Ven, 24/05/2013 - 15:14

cazzate

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Ven, 24/05/2013 - 15:16

adesso facciamo così: leviamo i finanziamenti ai partiti. bene. domani facciamo così: la società privata che in italia stampa denaro, l'unica accreditata a farlo è privata, farà una megacampagna porta a porta, in ogni piazza, tv, radio e giornale per il "partito nuovo coi soldi che nascerebbe". giusto così, solo i ricconi devono fare politica. o sono scemi i grillini e tutti infami quelli che vogliono 'sta cosa o sono corrotti o sono lì per far risparmiare qualcuno infatti, tolti i finanziamenti ai partiti anziché corrompere deputati e senatori potranno governare direttamente...come ora in effetti

Ritratto di ...TuttiACCASAtour..

...TuttiACCASAtour..

Ven, 24/05/2013 - 15:20

credibili come una banconota da tre euro, magari come già accaduto in passato gli cambiano semplicemente nome

Ritratto di marione1944

marione1944

Ven, 24/05/2013 - 15:21

Se fosse vero!

Lino1234

Ven, 24/05/2013 - 15:24

Era ora ! Procedere subito con il dimezzamento dei parlamentari, dei consiglieri regionali, provinciali, comunali ecc. ecc. ed il recupero dei quattrini per lo sviluppo saranno assicurati Saluti. Lino. W. Silvio

Ritratto di TizianoDaMilano

TizianoDaMilano

Ven, 24/05/2013 - 15:31

@mariosirio: Quindi in PD può stare tranquillo.. con le banche , le coop, e i tanti Penati che si ritrova non sono certo i soldi che mancano.

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Ven, 24/05/2013 - 15:38

Un DDL e non decreto legge. Non se ne farà nulla se uno un maquillage. Pacificazione per continuare a prenderci per i fondelli.

Ritratto di stenos

stenos

Ven, 24/05/2013 - 15:38

Staremo a vedere. Staremo a vedere cosa si inventano, aboliscono A e magari si inventano B. Voglio vedere il pd pieno di debiti come fara', a parte i giochetti stile mps. Oppure c'e' il metodo sicuro e garantito per bloccare tutto : far cadere il governo.

Ritratto di Y93

Y93

Ven, 24/05/2013 - 15:53

FINALMENTE ...ERA ORA .....

benny.manocchia

Ven, 24/05/2013 - 15:55

Sembra un po' macchinoso:io ricevo una somma ogni anno da una istituzione.A un certo punto mi comunicano che non mi daranno piu' soldi.Che cosa c'entra la ragioneria statale,il fisco..Non ricevo piu' soldi e basta.Troppo semplice per la burocrazia italiana? Un italiano in USA

Ritratto di tomari

tomari

Ven, 24/05/2013 - 15:55

Finalmente LUIGIPISO ha fatto un commento condivisibile...

Dario40

Ven, 24/05/2013 - 16:01

speriamo che non ci siano i soliti poltronisti a mandare tutto all'aria.Adesso vedremo anche se i grillini mantengono le loro promesse !

angelomaria

Ven, 24/05/2013 - 16:04

mai che si parli degli stipendi dei magistrati!!!GRRRRRR!!

Ilgenerale

Ven, 24/05/2013 - 16:06

Io sono molto contento ma chissà se i sinistroidi hanno capito cosa significa abolire il finanziamento pubblico ai partiti?! ....chissà se hanno capito a cosa porterà ?! ...io comunque sono contento!

nonnoaldo

Ven, 24/05/2013 - 16:06

Prima di gioire aspettiamo di leggere la legge che sarà approvata dalle camere, dopo gli emendamenti che cadranno a pioggia. Una sola cosa è certa, il PD, dopo i miliardi MPS, non ha più bisogno dei milioni di rimborsi.

vacabundo

Ven, 24/05/2013 - 16:08

Non ci credo.Qualcosa stanno escogitando.Questi politici non sanno che pesci prendere ed alla fine ci metteranno altre tasse, come già l'IVA.E Berlusconi predica di votare il PDL per pagare meno tasse.Mai sentito bugiardi come questi.Credono di avere a che fare con della gente che non capisce niente.Se tutti la pensassero come me, già tutti questi sarebbero non solo a casa ma anche senza pensione,se non dopo aver raggiunto l'età pensionabile e su questo già la maggior parte ci arriva,ma anche aver raggiunto gli anni di contributi come loro stessi hanno legiferato per il loro popolo.Ed anche con una pensione normale come un operaio.State attenti, politici, non si sà mai cosa potrebbe succedere da un momento all'altro.Siate seri.

xgerico

Ven, 24/05/2013 - 16:17

In Cdm accordo per abolire il finanziamento pubblico ai partiti"...........SIIIIIIIIII evvai! Da domani si chiamerà Finanziamento privato......Governativo!

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Ven, 24/05/2013 - 16:18

Bravo Luigipiso,finalmente concordiamo!

vacabundo

Ven, 24/05/2013 - 16:25

Comunque questo Letta, non ispira nessuna fiducia.Il suo governo ogni giorno ha meno consensi,piace sempre di meno.Già da due mesi questo governo non ha fatto niente, solo parlare, prospettive future però l'unica cosa certa è l'aumento dell'IVA.L'IMU è stato solamente posticipato ed anche se non si pagasse per la prima casa sarebbe irrilevante come gettito.Se non mettono la patrimoniale, mai e poi mai, avremo una giustizia fiscale equa.Ognuno, secondo quello che guadagna, deve pagare in modo adeguado.E sembrerebbe bene che chi è ricco,paghi qualcosa di più di un semplice operaio che per fortuna possiede ancora la sua casetta ed il proprio lavoro dal quale sostiene la sua famiglia.In tutte maniere, mai crederò che questo governo Letta, faccia qualcosa di buono, secondo come stà l'Italia è difficile che possano risollevarla .E' molto difficile,al meno che non ci chiedano ulteriori sacrifici, cosa che ritengo più facile.Letta, poverino non ha la forza ,dipende troppo da altri,non è libero nelle scelte.Ha troppi vincoli con i soci del pd e del pdl.Sicuramente alla fine, si dimetterà per mancanza di intese e poi se ne andrà a piangere con il pd no sicuramente ma con Berlusconi, si certamente.Comunque un posto accanto a suo zio sempre l'avrà.Un piatto di minestra non si nega a nessuno,specialmente in famiglia.

Ritratto di Carlo_Rovelli

Carlo_Rovelli

Ven, 24/05/2013 - 16:28

Fosse vero .... cambieranno semplicemente le regole di finanziamento pubblico. Prima erano veri e propri finanziamenti, dopo il referendum divennero "rimborsi elettorali", adesso diventeranno "aiuti" o "contributi".

paci.augusto

Ven, 24/05/2013 - 16:33

Era ora!! Eliminata questa vergogna, passiamo ad eliminare anche il vergognoso finanziamento ai giornali, a dimezzare l'eccessivo numero dei parlamentari, ridurne lo scandaloso compenso, eliminare le inutili province e tagliare l'insopportabile enorme spesa del carrozzone pubblico!! Con un pò di buona volontà, si possono trovare le coperture per tanti finanziamenti più opportuni e più produttivi!

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Ven, 24/05/2013 - 16:35

il PDL aveva fin da subito chiesto questa legge! al contrario dei sinistronzi ed i grulli che invece continuano a litigarsi tra di loro sugli scontrini e diarie, a fregarsi i soldi per pagarsi i falsi testimoni ai centinaia di processi!!!!

linoalo1

Ven, 24/05/2013 - 16:35

Come dire,un colpo al cerchio ed uno alla botte!Lino.

tiptap

Ven, 24/05/2013 - 16:37

Sembra troppo facile... Facciamo la prova del nove: abolire il finanziamento pubblico ai partiti deve significare un bel risparmio per lo stato, ovvero molte decine di miliardi, se non ricordo male, oserei dire piú di un centinaio. Ma se fosse cosí non ci sarebbero piú problemi per far sparire l'IMU, tornare all'IVA al 20%, mandare in pensione quelli che sono stati fot... pardon, condannati a lavorare fino alla tomba dal duo Monti-Fornero (o dovrei dire dal trio Napolitano-Monti-Fornero), ecc. ... Se fosse cosí, almeno in parte, purché sostanziale, allora tanto di cappello. Però... potrebbe accadere che l'abolizione del finanziamento pubblico significhi soltanto che sarà sostituito da altre, diversamente regolamentate, ma analogamente costose, prebende... Come già accadde in passato... Oppure significhi che gli eventuali risparmi saranno spesi in modo funzionale alle varie e vaste clientele dei partiti, tipo, che so, coop, consulenti, mantenimento di clandestini, rom e quant'altro, personale di supporto alla politica, dall'ambito parlamentare al comunale, e cosí via, e cosí via e cosí via... Vedremo...

brunicione

Ven, 24/05/2013 - 16:49

Proposta: Pagare i politici solamente con i soldi risparmiati dall'abolizione del finanziamento ai partiti. No risparmio....no stipendio.

brunicione

Ven, 24/05/2013 - 17:01

Deve essere solo il primo passo, da subito si dimezzano tutti gli stipendi dei politici, poi si dimezza il numero dei parlamentari, e si vendono all'asta tutte le auto blu. Al presidente della Repubblica,.....stesso stipendio di OBAMA.....

Ritratto di gino5730

gino5730

Ven, 24/05/2013 - 17:02

La mia quasi certezza è che il "finanziamento pubblico ai partiti"cambi solo nome.Magari lo chiameranno "giovanni " o "filippo" ma i soldi dalle nostre tasche continueranno a rubarceli.Volete fare un partito ? E allora spendete i vostri soldi,non i nostri.E' come - volete la bicicletta ?- Allora pedalate.

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Ven, 24/05/2013 - 17:03

Come al solito, quando i politici devono legiferare per qualcosa che li riguarda direttamente, tentennano. Devono vedere prima se c'è un'intesa tra di loro. Se c'è, devono poi incontrarsi ancora e ancora, chissà per quante altre volte. Poi "tocca alla Ragioneria di Stato" e chissà a quanti altri ancora! E allungano il brodo all'infinito. Solo, quando devono tassare noi tutti cittadini italiani, lo si fa in quattro e quattr'otto. Solo quando devono scaricare ogni pena tassativa sui loro elettori e sulle fasce più deboli della società, sono pronti e immediatamente, senza porre altro tempo, a legiferare. In questo caso è l'Europa che lo vuole, come sostiene ancora e sempre il "beneamato" Monti.

milo del monte

Ven, 24/05/2013 - 17:17

la mai domanda e' stupida, perche' il pdl non ha rinunciato ai soldi in questa legislatura coem ha fatto il m5s?

giovanni PERINCIOLO

Ven, 24/05/2013 - 17:20

Scommettiamo che faranno rientrare dalla finestra quello che uscirà dalla porta?? Vi ricorda nulla la soluzione data al referendum sulla responsabilità civile dei magistrati??

eugenio.n

Ven, 24/05/2013 - 17:41

La notizia è positiva.Vedremo ora se verrà attuata.L'esperienza insegna che abbiamo a che fare con gente inaffidabile.E non solo a sinistra.

Gianca59

Ven, 24/05/2013 - 18:11

L' intesa, non la legge per abolirli approvata e in attesa di attuazione ..... Voglio proprio vedere come va a finire .....

Duka

Ven, 24/05/2013 - 18:26

Nei fatti l'errore. NON si tratta di abolire perché lo ha già fatto il popolo sovrano tramite un referendum. Si tratta di recuperare i molti soldi intascati INDEBITAMENTE dai partiti dalla data del referendum in avanti. CHI NON VUOLE ESSERE CLASSIFICATO PAGLIACCIO QUESTO DEVE FARE.

VYGA54

Ven, 24/05/2013 - 19:22

Maestri nel gioco delle tre carte!! Avevamo già deciso per l'abolizione del finanziamento con un referendum puntualmente disatteso e "trasformato" in rimborsi elettorali e poi evolutosi in una tantum ad elettore. La stessa Corte dei Conti certificò che ormai si trattava di "...un finanziamento occulto.." . Quindi di cosa parliamo??? Il nostro parere vale quanto il due a briscola!

Roberto Casnati

Ven, 24/05/2013 - 20:53

A quando la riduzione del numero di parlamentari? A quando la riduzione degli emolumenti ai parlamentari? A quando una vera riduzione delle auto di stato per i deputati ed i senatori che, invece di diminuire, sono aumentate? A quando l'abolizione delle province? A quando la riforma della magistartura cominciando con l'eliminazione dell'automatismo delle carriere? A quando la responsabilità civile dei magistrati? A quando la rivalutazione delle pensioni secondo l'inflazione ufficiale? A quando la costruzione di nuove carceri (si potrebbero utilizzare edifici militari dismessi, e sono tantissimi)? A quando la licenziabilità di dipendenti dello stato assolutamente improduttivi o, addirittura, dannosi? A quando il licenziamento della gran parte delle oltre 10.000 (dicimila) guardie forestali calabresi? A quando il commissariamento delle regioni con i bilanci in disordine? Sin qui la montagna ha solo (forse) generato un topolino!

Ritratto di simpatizzante

simpatizzante

Sab, 25/05/2013 - 16:56

Sempre scettici, disfattisti e sopratutto negligenti. Volenti o nolenti in questa specie di democrazia i politici Italiani debbono passare attraverso le Urne ma se quando ci sono le elezioni i Cittadini per negligente opportunismo non si avvalgono della facoltà del voto perché poi si lamentano. "Demenziali"

benny.manocchia

Sab, 25/05/2013 - 17:21

C'e' la sensazione che molti lettori non hanno fiducia nella decisione di smetterla di dare soldi ai partiti.Non si puo' dare loro torto.Sono abituati alle gestioni economiche del passamano,ossia dalla destra alla sinistra e il denaro resta sempre li', Bisognera' copntrollare attentamente (molto attentamente) gli acconti finanziari dei partiti per vedere che cosa succede.Sembra l'unica soluzione. Un italiano in USA

Ritratto di bracco

bracco

Sab, 25/05/2013 - 17:23

Se andrà in porto, quanta gente dovrà mandare in cassa integrazione il PD ???