La maledizione della Camera incombe già sulla Boldrini

Dalla Pivetti a Fini è stato un crescendo: chi siede su quella poltrona finisce col lasciare la politica o col perdere pure il partito. E lei si smarca: "Rappresento tutti, non solo Sel"

Roma - L'importante è che ora non venga in mente alla cara presidente Laura Boldrini di riaprire l'ingresso posteriore di Montecitorio. Quello di piazza del Parlamento, che secondo uno dei segreti meglio custoditi del Palazzo rimane sbarrato per il «fattore S». «S» come superstizione, dato che tutte le volte che si tentò di render merito all'opera di ampliamento dell'architetto Basile, rendendo agibile l'ampio portale, ne derivarono guai grossi per la Capitale e l'Italia intera. Un'inondazione del Tevere, l'epidemia di spagnola, l'inizio della prima guerra mondiale.
Vox populi e, appunto, bieche superstizioni. Ma quella della maledizione di Montecitorio, che talora si abbatte sulle ambizioni politiche del presidente e talaltra investe anche il partito che lo designa, è diventata una delle poche certezze di questa agonizzante seconda Repubblica. Avendo colpito, nelle ultime due decadi, una serie impressionante di personaggi annientandone velleità e seguaci. Si cominciò con la giovane Irene Pivetti, condannata alle comparsate in tivù dopo averla salutata come speranza leghista e, se vogliamo, del nuovo corso post-Tangentopoli. Si proseguì con Luciano Violante che, da riferimento delle toghe rosse e quindi ribaltatosi in uomo della pacificazione nazionale, è finito nell'irrilevanza dei saggi di Napolitano (con recenti, forse ancora sventabili, mire ministeriali).

L'apice della maledizione s'è abbattuta però, in rossiniano crescendo, sulla coppia Casini-Fini: assurti al soglio per evidenziarne la difformità dal verbo berlusconiano, non solo si sono bruciati le penne, ma hanno anche trascinato nella caduta i loro partiti personali. Avranno contato senz'altro errori politici, ma è un dato di fatto che la funzione non ha sviluppato l'organo. Medesima sorte ha arriso (si fa per dire) al presidente d'intermezzo, Fausto Bertinotti, che pretese di dirigere l'orchestra dell'Unione prodiana dallo studio della Camera. Perdendo, nell'ufficio, tanto l'azione (governativa) quanto la rifondazione (comunista).

E dire che quello scranno era stato, dalla nascita della Repubblica, fucina di assunzioni assai più elevate. Dal Monte Citorio al Colle del Quirinale il passo è stato spesso obbligato. Da Gronchi a Leone, da Pertini a Scalfaro, per finire a re Giorgio Napolitano, la presidenza della Camera - più di quella del Senato - ha rappresentato la «riserva dello Stato» per antonomasia. Sarà perché la riserva s'è esaurita, sarà perché la seconda Repubblica non è la prima, il ruolo di chi siede a Montecitorio è svaporato fino a diventare pressoché superfluo. Prova ne sia l'arrivo di una giornalista affiliata all'Onu, e lontana dalla politique politicienne.

È una fortuna, in fondo, che il rapporto che lega la Boldrini a Vendola sia fortuito e liquido come il partito di Sinistra e libertà, in procinto di rimescolarsi con le frazioni che scaturiranno dalla diaspora del Pd. Complice il governo delle larghe intese. Ed è un bene che Sel stia all'opposizione, evitando alla Boldrini di fare - com'è stato per Casini, Fini e Bertinotti - la presidente di lotta e di governo. Così la Boldrini ha già preso le distanze: «Io rappresento tutta la Camera, non Sel», s'è affrettata a dichiarare. L'accordo che l'ha proiettata al vertice essendo già defunto. Quando si dice la prudenza, toccando ferro.

Commenti
Ritratto di predicatore1711

predicatore1711

Ven, 26/04/2013 - 09:01

E la Boldrini che canta Bella ciao, fa molto terza carica dello stato ...

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 26/04/2013 - 09:16

Non ho alcuna sensazione che Boldrini mi rappresenti. Per esempio non condivido la sua interpretazione secondo cui i "mali" dell'Italia repubblicana dipenderebbero dal fascismo. A mio avviso il fascismo è finito nel 1943-45 mentre il comunismo filosovietico, il più forte dell'Europa Occidentale nel dopo guerra, ha spaccato radicalmente il Paese fino al 1989, con effetti che ancora si risentono. Per tacere del terrorismo rosso, riuscito addirittura a sovrastare quello della follia neofascista. E mi fermo qui, per ora.

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 26/04/2013 - 09:18

Non ho alcuna sensazione che Boldrini mi rappresenti, come Lei pretenderebbe di fare. Per esempio non condivido la sua interpretazione secondo cui i "mali" dell'Italia repubblicana dipenderebbero dal fascismo. A mio avviso il fascismo è finito nel 1943-45 mentre il comunismo filosovietico, il più forte dell'Europa Occidentale nel dopo guerra, ha spaccato radicalmente il Paese fino al 1989, con effetti che ancora si risentono. Per tacere del terrorismo rosso, riuscito addirittura a sovrastare quello della follia neofascista. E mi fermo qui, per ora.

LAMBRO

Ven, 26/04/2013 - 09:52

Brava!!Le donne capiscono sempre prima degli altri! E fortunatamente questa DONNA oltre che bella è pure intelligente. Io non voterò mai per Nicolina ma per una donna con questi principi potrei pensarci. Comunque Brava!!!

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Ven, 26/04/2013 - 09:54

Questa gallina non rappresenta proprio nessuno, tranne il ciarpame comunista ancora in circolazione.

egi

Ven, 26/04/2013 - 10:02

Senza dignità, presuntuosa con la puzza sotto il naso come tutti i milionari di sinistra, ditegli che l'intelligenza e la dignità non si comprano nei salotti borghesi

mar75

Ven, 26/04/2013 - 10:09

Ma i presidenti di Camera e Senato non devono essere super partes? Perché cercate di manipolare la realtà? «Io rappresento tutta la Camera, non Sel» Se avesse detto che lei rappresenta solo SEL, come l'avreste presa?

Holmert

Ven, 26/04/2013 - 10:14

SEL rappresenta solo il 3% dell'elettorato italiano. Mi chiedo se con il 3% si possa occupare la poltrona di presidente della camera,una vera anomalia di questo sistema ormai superato,antico e rancido,come la ricorrenza della liberazione.Fu abolita la festa della vittoria del 4 novembre,trasformata in festa delle forze armate,mentre una guerra persa si celebra come la vittoria delle forze partigiane a babbo morto. Penso che sia giunta l'ora di abolire anche questa e farla finira con questa liturgia. La storia non si ripete mai e Mussolini con il suo fascismo è morto da tempo. E qualcuno rammenti che i liberatori ed i vincitori di quella guerra furono gli alleati:americani,inglesi,francesi,marocchi,neozelandesi,polacchi,brasiliani,canadesi etc.

marvit

Ven, 26/04/2013 - 10:27

Giuro che se vinco al superenalotto divento subito comunista

tai pan

Ven, 26/04/2013 - 11:02

A mio modo di vedere risulta un pò "disdicevole" verificare che in Italia la terza carica dello stato, che DOVREBBE essere super partes dovendo rappresentare tutti gli italiani,è coperta da una donna che, oltre a provenire da una forza politica estremista che raccoglie solo il 3% dei consensi elettorali,appartiene alla folta schiera dei comunisti radical-chic che si "occupano" dei più deboli dall'alto dei loro lauti compensi e che il suo primo atto ufficiale è stato, in un'Italia in cui gli italiani si suicidano per mancanza di lavoro,incontrare i rom e i sinti esortandoli ad "essere orgogliosi della loro cultura e della loro tradizione"!!?!Qualcuno sa dirmi quanti rom o sinti si sono suicidati perchè non avevano più soldi per vivere dignitosamente e onestamente???Ah già, dimenticavo che il core business di questa "gente",ovvero furti-rapine-borseggi etc, non conosce crisi...E concludo ricordando anche che la signora boldrini(minuscola voluta)per occuparsi della "cultura" e delle "tradizioni" rom e sinti riceve uno stipendio, a parte tutti gli altri numerosi privilegi di facente parte della casta,pagato da noi italiani che fatichiamo ad arrivare a fine mese!Questa è l'Italia del terzo millennio...meditiamo gente, meditiamo!

pitagora

Ven, 26/04/2013 - 11:06

le donne capiscono prima degli altri, anche prima dei comunisiti, è per questo che ci sono le quote rosa: viva Margaret Tatcher Pitagora

Ritratto di TizianoDaMilano

TizianoDaMilano

Ven, 26/04/2013 - 11:08

@marvit: Buona questa! Bravissimo! :)

gneo58

Ven, 26/04/2013 - 11:12

ma cosa vi aspettate da una che dice che i ROM dono una risorsa? cordialita'

swiller

Ven, 26/04/2013 - 11:15

Mandatela in africa e il posto adatto a lei.

ilretico

Ven, 26/04/2013 - 11:29

Rappresenta tutti meno uno, il sottoscritto

michele lascaro

Ven, 26/04/2013 - 11:36

La figura di questa signora è stata esageratamente enfatizzata. Era solo una portavoce dell'ONU, cioè una impiegata che, essendo portavoce, parlava a nome di un altro. Dire portavoce è nobilitare il termine megafono, che fa pensare a una specie di tromba con estensione vocale per mezzo di artifici tecnici. Nulla di più nel suo curriculum, non essendo politica. Siccome stiamo in Italia, è stata prelevata dal barese e messa in lista, poi, per i giochi elettivi è stata promossa. Non sono meriti, questi.

hectorre

Ven, 26/04/2013 - 11:38

fino a ieri con sel e oggi è la pres. di tutti...no grazie,non mi rappresenta e assieme a me il 97% degli italiani......una pec entuale un tantino imbarazzante per ricoprire quell'incarico.

Ritratto di cleopatria

cleopatria

Ven, 26/04/2013 - 11:47

@ 02121940. Continuo io. Basta un nome per ricordare come il rosso/vergogna sia tutt'ora in auge: Corea. Però, attento a non divulgare. Le notizie interessanti, per certi incirconcisi di testa,sono altre. Noi siamo solo assimilabili alla spam. Alla Boldrini suggerirei di mantenere un profilo basso; in caso di caduta ci si fa meno male!!

Ritratto di abj14

abj14

Ven, 26/04/2013 - 11:50

swiller 26/04 11:15 scrive : "Mandatela in africa …" - - - Non sono d'accordo. Io vivo in Africa e abbiamo già abbastanza problemi molto più seri di tale Boldrini. Dirottatela magari su New York, Strasburgo, Bruxelles o, meglio ancora, in Papuasia.

Ritratto di alejob

alejob

Ven, 26/04/2013 - 11:53

sarò un poco ottoso, ma quando ho sentito il discorso che ha fatto il 25 APRILE, MI SONO CADUTE LE BRACCIA E NON SOLO. Qualcuno la reputa intelligente, ma un simile parafrasario ripetitivo come quello sentito, non lo avrei aspettato nemmeno da uno "Studente" di terza media.

Maurice64

Ven, 26/04/2013 - 11:56

.....si sbaglia, on. Boldrini a me sicuramente non mi rappresesenta !!!!!!!

qualunquista?

Ven, 26/04/2013 - 11:59

Il titolo dell'articolo è errato, non è la maledizione della prsidenza ad incombere sui politici, è la malediazione della presidenza affidata a siffatti politicanti che ricade sull'intera cittadinanza italiana. Una curiosità, la Pivetti ha diritto all'auto blu anche per andare a partecipare ai talk show?

Ritratto di Ezechiele lupo

Ezechiele lupo

Ven, 26/04/2013 - 12:00

Cara Signora, Lei rappresenta il comunismo becero che detesto e non osi dire che rappresenta anche me.

elio2

Ven, 26/04/2013 - 12:05

Sicuramente una seguace di sel non potrà mai e poi mai rappresentarmi, quella può solo rappresentare i comunisti.

Riccardo10

Ven, 26/04/2013 - 12:06

Non c'è niente di misterioso ....soltanto che il presidente della Camera vale quanto il due di picche quando briscola è cuori...la Boldrini poi..non ha ne titoli ne capacità per ricoprire quel ruolo...per rappresentare un'istituzione non basta essere estremisti di sinistra con la verità in tasca

Riccardo10

Ven, 26/04/2013 - 12:07

Se facciamo caso ai prsidenti della Camera Dalla Pivetti in poi..vediamo che siamo davcanti ad un ruolo che può benissimo essere soppresso con tanto di risparmio economico

Riccardo10

Ven, 26/04/2013 - 12:09

Sul fatto che rappresenta tutti beh pensi a rappresentare se stessa che già mi sembra una cosa ardua...a rappresentare gli altri...lasci perdere vah...

Riccardo10

Ven, 26/04/2013 - 12:11

mar 75 ricomincia da capo mi sembri un attimo confuso...senza offesa..

MARCO 34

Ven, 26/04/2013 - 12:12

Molto interessante questo excursus sulle vicende dei vari Presidenti della Camera succedutisi dalla nascita della Repubblica. Devo fare una osservazione sull'uso del termine "decade" invece di "decennio". Infatti secondo il vocabolario il primo significa "intervallo di tempo di dieci giorni" e non dieci anni come ritengo che l'articolista intendesse.