Marò, si muove l'Europa invece del governo Letta. "Alt alle intese con l'India"

Schiaffo al nostro esecutivo: il vicepresidente Ue Tajani chiederà di fermare i negoziati sul libero scambio con New Delhi

Il vice presidente della Commissione europea, Antonio Tajani, vuole bloccare l'accordo di libero scambio Ue-India per il caso marò. Si è dovuto svegliare un commissario di Bruxelles, seppure italiano, mentre ben due nostri governi non sono mai stati capaci di chiedere all'Europa un passo del genere. Da due anni abbiamo fatto solo melina giudiziaria. L'unico colpo di reni dello scorso marzo, con l'annuncio che i marò restavano in Italia, è stato incredibilmente ribaltato da Mario Monti che li ha rimandati a Delhi.

Dopo l'ultimo pasticcio sulla pena di morte sì o no, le «contromisure» annunciate dall'inviato speciale di Palazzo Chigi, Staffan De Mistura, riguardano come sempre ingarbugliati passi giudiziari, come il ricorso alla Corte suprema.
Per la prima volta Tajani, ma da Bruxelles, lancia una reazione forte: «L'Ue può firmare un accordo di libero scambio con un Paese che non rispetta i diritti umani?». Il vicepresidente e commissario all'Industria ha le idee chiare: «Non penso che si possa portare avanti un negoziato tra Ue e India su un accordo di libero scambio quando l'ipotesi di una condanna a morte viene presa in considerazione contro cittadini europei che combattono la pirateria marittima».
Massimiliano Latorre e Salvatore Girone non finiranno sul patibolo, ma solo discutere da parte indiana l'applicazione di una legge che prevede la pena capitale è un oltraggio per l'Italia, che si aggiunge a due anni di odissea giudiziaria.
Tajani ha annunciato che nei prossimi giorni invierà due lettere, una al presidente della Commissione europea Josè Manuel Barroso e l'altra all'Alto rappresentante Ue per la politica estera e la sicurezza, Catherine Ashton chiedendo l'intervento di Bruxelles. Il problema è che proprio la baronessa Ashton, sempre poco attiva per i marò, aveva caldeggiato l'accordo quando ricopriva il ruolo di commissario Ue per il commercio estero.
I negoziati fra Delhi e l'Europa sono iniziati nel 2007, ma vanno avanti a rilento. L'accordo ha un'importanza strategica: l'interscambio Ue-India è quasi triplicato dal 2003 al 2011 raggiungendo circa 80 miliardi di dollari. L'Italia aveva a disposizione un'arma di pressione formidabile, ma nei due anni del caso marò non ha mai pensato di usarla.

In questo momento le elezioni di primavera in India e per il Parlamento europeo hanno di fatto congelato la trattativa. Il momento buono per bloccare tutto sbattendo una volta tanto i pugni sul tavolo del caso marò.
L'Europa, fino ad oggi, ha avuto tutt'altre intenzioni. Non a caso il 29 ottobre è giunta a Delhi una delegazione di alto livello di sei europarlamentari, per incontrare il ministro indiano del Commercio proprio per cercare di sbloccare il negoziato. Della delegazione faceva parte Niccolò Rinaldi, eletto a Strasburgo con l'Italia dei Valori, che ha sempre sostenuto di essersi mobilitato per i marò «anche come relatore del Parlamento europeo per l'accordo di libero scambio con l'India».
In Italia fioccano le reazioni politiche. Domani alle 17, alla Galleria «Alberto Sordi» di Roma, Fratelli d'Italia ha indetto una mobilitazione pro marò. E Stefania Prestigiacomo di Forza Italia ha lanciato l'idea di una «manifestazione nazionale». Curioso l'annuncio della missione a Delhi del parlamentare Domenico Rossi, in nome del Gruppo per l'Italia, che è stato generale e vicecapo di Stato maggiore. «È un dovere per avere indossato per 44 anni la divisa - sottolinea Rossi - con la certezza che non si lascia indietro nessuno che appartenga alla famiglia militare.
È un dovere per testimoniare all'India che i nostri marò non saranno mai lasciati soli». Peccato che l' «eroico» Rossi, prima di aderire alla scissione dello scorso dicembre, sia stato eletto con Scelta civica di Monti, che ha sacrificato i due fucilieri di Marina rispedendoli a Delhi per paura degli indiani.
www.gliocchidellaguerra.it

Commenti

Mario-64

Dom, 12/01/2014 - 08:56

Dopo don Abbondio-Monti e il vuoto pneumatico del governo Letta finalmente qualcuno si muove.

Requiem sharmutta

Dom, 12/01/2014 - 08:59

Mi sembra troppo tardi!

elio2

Dom, 12/01/2014 - 09:11

Gli ultimi due governi si possono definire in ogni modo, escluso che siano stati governi al servizio degli interessi del Paese, composti da parassiti e nullafacenti di ogni ordine e grado, incapaci e falsi buoni a nulla, non eletti da nessuno, ma imposti dal peggior presidente della repubblica di tutti i tempi, che ha venduto il Paese alla finanza internazionale, con un vero e proprio colpo di stato, interessati solo di salvaguardare i loro privilegi e le loro poltrone e tassare anche l'aria che respiriamo.

Klotz1960

Dom, 12/01/2014 - 09:21

Monti dovrebbe vergognarsi e letteralmente non farsi piu' vedere per l'indegno gesto di rinviare i maro' in India.

Ritratto di filatelico

filatelico

Dom, 12/01/2014 - 09:22

BRAVO TAJANI. Gli altri protagonisti della vicenda: Monti, Letta, Napolitano, i ministri della Difesa e degli Esteri dei governi Monti e Letta, Staffan De Mistura BRILLANO per la loro inettitudine. SUBITO SANZIONI ECONOMICHE

Sauron51it

Dom, 12/01/2014 - 09:40

Calma: Tajani non è l'Europa.

a.zoin

Dom, 12/01/2014 - 09:57

Dovessere succedere qualcosa ai Marò e vista l`incapacità di questo governo,con la sua Diplomazzia. Oltre che ad essere dei ladri,I NOSTRI PARLAMENTARI,(CHE GOVERNANO) DIMOSTRANO DI NON AVERE ALCUN INTERESSE VERSO LA POPOLAZIONE E SOPRATUTTO VERSO I MILITARI CHE RAPRESENTANO ALL`ESTERO IL NOSTRO PAESE. Che la maledizione cada su coloro che li votano.

Nebbiafitta

Dom, 12/01/2014 - 10:00

La totale assenza del Governo su questa questione, è una cosa ripugnante per l'intera nazione italiana. Dovrebbe essere un argomento all'ordine del giorno, tutti i giorni fino a che i nostri Marò non siano stati portati in Italia sani e salvi. La latitanza del governo Monti prima e dell'attuale governo Letta, dimostrano il totale disinteresse delle istituzioni nei confronti di chi era stato comandato a difendere e rappresentare la patria. Questi soldati comandati in missione antipirateria non sono mercenari allo sbaraglio, ma prima di tutto sono cittadini italiani, e come tali dovrebbero essere difesi e tutelati dalle istituzioni. Se non il governo italiano, chi li dovrebbe difendere? E pensare che in Italia erano già ritornati.

Ritratto di abj14

abj14

Dom, 12/01/2014 - 10:13

Leggo: "Tajani ha annunciato che nei prossimi giorni invierà due lettere, una al presidente della Commissione europea Josè Manuel Barroso e l'altra all'Alto rappresentante Ue per la politica estera e la sicurezza, Catherine Ashton" - - - Il 13/03/12 Monti (il prof per antonomasia) disse "Sui marò l'UE si impegna 
per una soluzione positiva", al che la Catherine Margaret Ashton + Baronessa Ashton di Upholland + ALTO rappresentante per gli affari esteri dell'UE (chissà perché Alto, neanche ne esistesse anche un Basso; forse perché è il suo stipendio ad essere molto Alto) aveva commentato che "bisogna regolamentare il ricorso a guardie PRIVATE" (?!). È assodato che vi sia stata una debole e superficiale iniziativa da parte italiana nel sensibilizzare opportunamente l'UE sin dall'inizio e in tutto questo tempo, comunque, se ora si muove la Baronessa Ashton di Upholland, vista la sua particolare ignoranza del dossier in questione e preoccupante (in)esperienza in affari esteri, siamo in una botte di ferro (con i chiodi dentro). Era meglio, anzi meno peggio, se restava dov'era, lautamente remunerata, quando si occupava di commercio di banane.

MINO1957

Dom, 12/01/2014 - 10:15

Si dovrebbero vergognare questi governanti al loro posto tanta gente più umile si sarebbe chiusa in una fogna invece loro pensano solo ad ingannare il paese e sommergere i cittadini di tasse tasse e tasse senza mai pensare a diminuire il loro salari e lasciare laggiù soli quei due ragazzi.Non trovo aggettivi per descrivere il disgusto per la nostra e vergognosa classe politica,posso solo dire VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA,spero solo un giorno che la pagherete.

Ritratto di DR JEKILL

DR JEKILL

Dom, 12/01/2014 - 10:25

Cosi' si vorrebbe l'impunità per questi rambo da strapazzo ? Solo per i danni economici e di immagine i due pistoleros andrebbero condannati .

vince50_19

Dom, 12/01/2014 - 10:43

L'Italia in politica estera non ha mai avuto un gran peso (a parte, se non ricordo male, quando ministro degli esteri è stato un certo gobetto romano, molto apprezzato negli states e nei paesi arabi..), per cui non mi meraviglia che ci sia un intervento della Ue in tal senso. Un paese come l'India, in perenne conflitto con.. se stesso, in cui schiavismo e corruzione la fanno da padrona, potrebbe dare ascolto alla Ue. Forse..

angelomaria

Dom, 12/01/2014 - 10:45

che almeno aspettino che rientrino i nostri maro' poi che l'india e la loro arroganza quqndo hanno levilli di poverta' e incilvita' unici ha loro poi stacate la spina

Renee59

Dom, 12/01/2014 - 10:58

Penso che si dovrebbe chiedere aiuto alla Russia, perché questi se ne fregano di tutti, anche dell'Europa.

Renee59

Dom, 12/01/2014 - 11:28

Sono convinto che se BERLUSCONI chiama PUTIN sul caso Marò, la faccenda si risolverebbe in breve tempo, altro che Europa.

orso bruno

Dom, 12/01/2014 - 11:28

Io suggerirei a quel povero mentecatto che si firma dott.Jekill (più correttamente Jekyll) di non esagerare con certi intrugli che gli fanno dire tante cavolate, oltre che non saper scrivere correttamente il proprio nome !

Ritratto di Y93

Y93

Dom, 12/01/2014 - 11:31

GOVERNO ITALIANO INCOPETENTE E INCAPACE .......UNA GRANDE VERGOGNA PER L'ITALIA.......MANDATELI VIA.... DIAMO ALL'INDIA 50 magistrati più 50 POLITICI PER OGNI MARO CHE CI RICONSEGNANO VIVO...

clamajo

Dom, 12/01/2014 - 11:31

@DR Jekill...immagino che il DR Hyde che alberga in te la pensi in modo diametralmente opposto...

Ritratto di Y93

Y93

Dom, 12/01/2014 - 11:33

GOVERNO INCAPACE .......VERGOGNATEVI....

Ritratto di stock47

stock47

Dom, 12/01/2014 - 11:34

"Marò, si muove l'Europa"? Tajani sarebbe l'Europa? E' vero che fa parte del meccanismo europeo ma è solo una rotella indipendente a cui non corrisponde il meccanismo. Per di più è italiano, motivo per credere che sia solo un caso di partigianeria, autonoma rispetto a tutta l'Europa. Diverso se fosse stato un membro di un altra nazione a fare tale rumore, comunque glie ne va reso merito. Tuttavia leggo che per spedire due lettere ci metterà una settimana, la cosa non fa ben pensare. Ritengo che le chiacchiere con nazioni come l'India stiano a zero, occorrono dei fatti concreti e pesanti per farli incominciare a riflettere. Sul solito cretino del blog che rema contro sul caso dei due marò, occorre dire che quando vede soldati è indubbio che sia come un toro cornuto che vede la maletta rossa del torero. Non gli interessano ragioni e fatti, la sua testa cornuta vede solo rosso. La mia opinione sui due marò è che sono innocenti di tutto quello di cui li accusano, sono stati arrestati con un inganno non degno di rapporti tra nazioni, detenuti per un caso avvenuto su territorio italiano e in acque internazionali e di cui non sono nemmeno responsabili. L'unico loro errore è di fare parte di una naizone diretta da governanti incapaci e non rispettosi della dignità del loro stesso Paese e dei loro fedelissimi soldati che in fatto di dignità e di amore di Patria superano, in un loro solo mignolo, tutte le istituzioni nazionali messe assieme. Con i loro comandanti dell'esercito senza alcuna dignità per la loro stessa divisa e per i loro stessi uomini, a cui hano insegnato l'amor Patrio da cui loro rifuggono imbelli e senza coraggio e dignità. Una nazione che si sente infangata nella sua storia e nella sua dignità e rispetto da tutti costoro, incapaci di fare sentire le proprie ragioni davanti ad una nazione di semi selvaggi che ignorano del tutto la civiltà.

Rossil

Dom, 12/01/2014 - 11:36

La cosa che mi lascia più perplesso e che ho appena finito di controllare su BBC e CNN e di questa notizia il mondo non ne sà nulla.... che sia solo pubblicità Italiota? saluti

Ritratto di OraBasta

OraBasta

Dom, 12/01/2014 - 11:47

Che figura di ..... Mister Palle d'acciaio!!!! Per averle d'acciaio, è come minimo necessario AVERLE! Si spera che ai nostri Marò, che svolgevano mansioni di difesa di una nave, NON succeda nulla.......

Ritratto di Scassa

Scassa

Dom, 12/01/2014 - 11:50

scassa Domenica 12 gennaio 2014 Carissimo Sallusti lei ,che è un giornalista serio e diretto ,questa volta ha controllato male e ha falsato la verità . Non è intervenuta l'Europa a difesa dei nostri Maro' ,di cui altamente se ne infischia da sempre ,bensì il parlamentare europeo Tajani del PDL ,,visto i tempi precipitare ,e e e l'ignavia dei due governi della vergogna succedutisi . Tajani INOLTRERÀ ' richiesta formale di intervento europeo a difesa del principio di legalità negata ai nostri fucilieri di marina,e sa cosa otterrà ? Niente ! Cosa si può chiedere ad un mastodontico e stracostoso apparato burocratico inteso solo ad arricchire sempre i soliti noti ,che dell'Italia se ne frega ,specie guardando quanto se ne fregano le marce istituzioni ,sempre di quel paese ! Sono convinta che Europa e Italia ,potendoci guadagnare ,venderebbero i due Maro' a fettine senza batter ciglio ,alla faccia della Sovranità e del diritto Internazionale ! E allora come titolerebbe dott.Sallusti ? Smacco dell'Europa o vergogna del PDL ,o direbbe chiaramente : istituzioni italiane di MERDA ? Silvana Sassatelli

Ritratto di OraBasta

OraBasta

Dom, 12/01/2014 - 11:52

DR JEKILL Dom, 12/01/2014 - 10:25 sei un poveraccio !!! Non sai nemmeno cosa sia successo e ti permetti di definire due militari che hanno fatto il loro dovere "rambo da strapazzo" e "pistoleros" ? VERGOGNATI e vai a scrivere sui tuoi giornali di partito!

SANFILIPPO DIEGO

Dom, 12/01/2014 - 11:53

OGNI TANTO QUALCHE POLITICO ITALIANO ALL'ESTERO SI TROVA CON I COGLIONI ED E' PER QUESTO I POLITICI ITALIANI VOGLIONO VALORIZZARE I GAY. CHE CAZZO TENIAMO A FARE I NOSTRI MILITARI ALL'ESTERO FORSE PER FARE DA COSCINETTO AGLI ESPORTATORI DI DEMOCRAZIA AMERICANA. RITIRIAMO IMMEDIATAMENTE LE NOSTRE RAPPRESENTANTE MILITARI SPARSE NEL MONDO E CHE I NOSTRI DUE MILITARI IN INDIA RIENTRINO D'URGENZA IN ITALIA E CON LE MEDAGLIE D'ORO SUL PETTO. POLITICI INCAPACI, SCOGLIONATI, SENZA DIGNITA' E RISPETTO PER IL LORO PAESE. GRAZIE TAJANI E BAFF... TUTTI GLI ALTRI.

Ritratto di OraBasta

OraBasta

Dom, 12/01/2014 - 11:54

Bravo Renee59, forse davvero l'unico che nel mondo, anche più del presidente usa, che può fare qualche cosa di incisivo. Altro che i NOSTRI..... !

Ritratto di Baliano

Baliano

Dom, 12/01/2014 - 11:55

--- Vedo che siamo "sordi", ma censuratela, pure questa ( diversamente chiedo venia )) --- Se sono Inkzzto c'è una precisa, ottima ragione. Nessuno, men che meno questi scellerati ai vertici, si può impunemente permettere di umiliarmi come Italiano che ogni tanto va all'estero, ma che ancora ama questo Paese. Nessuno se lo può permettere, men che meno questi "signori", Letta, Napolitano, la Bonino e il resto della sinistra "congregazione". Non hanno un minimo di Dignità, Orgoglio Nazionale, di pretendere assoluto Rispetto dagli Indiani ( trattano i Marò quasi fossero "tordi da richiamo" Elettorale, prigionieri dentro la loro gabbietta ), quello stesso rispetto che gli Indiani pretendono, assolutamente, per i propri cittadini nei guai all'estero. Quasi fossero, questi ai Vertici della nostra Nazione, dei Traditori. Infingardi e Traditori, questa è la fama che si sta guadagnando questo Governo fuori dai nostri Confini. Almeno di Berlusconi, tutto dicevano, tranne che tacciarlo di fellonia, di Traditore dell'Italia. - Se ne vadano, quanto prima, sono ormai la vergogna dell'Italia in ogni Paese del Mondo, anche quello più "incivile".

Ritratto di OPERAZIONE CICERO

OPERAZIONE CICERO

Dom, 12/01/2014 - 11:57

Il commento del solito minorato in servizio permanente effettivo non poteva mancare. Tuttavia, a questo cojones da strapazzo, la natura ha già provveduto a condannarlo. Per sempre.

Sabino GALLO

Dom, 12/01/2014 - 12:13

La storia triste di questi due nostri marinai, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, non può che essere definita incredibile!! Gli indiani li avevano rimandati in Italia "temporaneamente", probabilmente con la speranza di un loro "non ritorno in India". Una soluzione "machiavellica" per liberarsi del problema e poter trasferire la colpa al Governo italiano ed acquietare le reazioni interne dell'India. Ci sarebbero state, certamente, delle reazioni diplomatiche, certamente delle minacce di vario tipo. Ma quanto tempo sarebbe durato tutto questo? E, d'altra parte, sia l'Italia che l'Europa(sic) avevano eccellenti argomentazioni giuridiche per giustificare la decisione di non rimandare in India i due poveri fucilieri che erano su quella nave per difenderla da pirati, non certo per uccidere senza scopo due pescatori che, comunque, si erano avvicinati alla nave!!. Né bisogna dimenticare l'inganno iniziale per arrestare i due nostri poveri connazionali! Incredibilmente, il nostro Governo in carica, con una decisione ritenuta forse di grande "lealismo"(sic), li rispedì in India. 3 domande da porre ai nostri governanti : 1) Gli USA, la G.B., la Francia, la Germania,la Cina, il Giappone, la Russia o...le "Maldive", ecc. avrebbero mai presa una tale decisione, sapendo di essere anche dalla parte della ragione?; 2) E se Latorre e Girone fossero stati "figli" di nostri uomini al Governo, la decisione sarebbe stata la stessa? 3) Ed ora, se i due nostri marinai saranno condannati (non a morte, si spera!), ma ad una pena di 30 anni di carcere "indiano", quale sarà la giustificazione dei responsabili del Governo italiano? il lealismo internazionale? Oppure il timore di rappresaglie nei confronti del nostro Ambasciatore in India? E l'Ambasciatore indiano in Italia? Ecc. ecc. Questa sembra proprio una "figuraccia" italiana!! Ma essa è, soprattutto, una situazione drammatica per Latorre e Girone, per le loro famiglie, un dolore per tutti gli italiani che si sentono tali e ,forse, per tutti gli europei che ancora credono in una Europa Comune, nostra Patria comune. Scoraggiante, incredibile! Ed i nostri governanti ricordano il trattamento subito da altri "Paesi", quando l'Italia chiedeva l'estradizione di "un nostro connazionale" omicida e condannato in Italia, con prove certe?

Ritratto di corvo rosso

corvo rosso

Dom, 12/01/2014 - 12:19

Caro DR Jekil Secondo la legge italiana, lo Stato richiedente l’estradizione deve assumere l’obbligo di non sottoporre l’estradato a restrizione della libertà personale per un fatto anteriore e diverso a quello per il quale è stata concessa l’estradizione. In ogni caso, è fatto divieto di concedere l’estradizione: - per reati politici, - per motivi di razza, religione o nazionalità, - e per reati puniti all’estero con la pena di morte. I danni economici e d'immagine cerchi di non procuraseli da solo mediante le idiozie che scrive,se dovessi trovarmi in una trincea con uno come lei, la prima cosa che farei per il bene del Paese ed il mio, sarebbe quella di metterla in "condizioni di non nuocere" Questo paese ,non consegna il peggior delinquente ad un Paese con la pena di morte, ma lo fa con i suoi soldati. Questo è violare la legge ed anche tradimento, alla faccia dei governanti italioti a del dr. Jekil.

Ritratto di EdyLampadina

EdyLampadina

Dom, 12/01/2014 - 12:29

Che figure di MERDA!!!!!!!

agosvac

Dom, 12/01/2014 - 12:39

Non c'è solo l'arma "economica" dell'UE, c'è altro che il nostro governo, se fosse un "vero" governo, potrebbe fare da subito: dire all'India " o ci rimandate IMMEDIATAMENTE i nostri marò oppure noi vi rimandiamo TUTTI gli indiani che attualmente sono in Italia, sia quelli regolari sia quelli, e sono di più, irregolari!!!

mutuo

Dom, 12/01/2014 - 12:40

L'unico fatto positivo è che finalmente si ricomincia a parlare dei Marò. Ogni commento sull'inettitudine dei nostri governanti è superflua. Bene l'intervento in ambito Europeo anche se tardivo. Quello che più sconcerta è il silenzio assordante, delle associazioni combattentistiche. Gli Alpini, i Marinai d'Italia, i Bersaglieri in congedo, i carabinieri in congedo ecc. ecc. hanno la capacità esclusiva di organizzare scampagnate con magnata conclusiva, mentre nessuna capacità di gridare nelle piazze d'Italia che è ora scossa di riportare a casa i due marinai.Vergogna assoluta per i responsabili di tali associazioni

bernaisi

Dom, 12/01/2014 - 12:47

Dobbiamo come al solito ringraziare lo squallido servo portaborse di Monti che ha eseguito gli ordini che gli hanno dato i suoi padroni dei poteri forti internazionali di ridicolizzare l'Italia

scipione

Dom, 12/01/2014 - 13:03

Il governo Letta - TRADITORE NON HA PROPRIO UN MINIMO DI VERGOGNA.Dopo questa altra figura di merda internazionale che rende l'Italia lo zimbello del mondo....NON SI D I M E T T EEEEE.Povera Italia.

Raoul Pontalti

Dom, 12/01/2014 - 13:10

"bisogna regolamentare il ricorso a guardie PRIVATE" disse l'oca e aveva doppiamente ragione. E aveva ragione anche quando confuse i marò per guardie private, posto che mettere cani da guardia pubblici su navi private è una scemenza tutta italiana che all'estero non pareva concepibile. Ma anche oggettivamente l'oca europea aveva ragione: l'Italia era priva della regolamentazione in materia che fu introdotta dopo oltre un anno dal misfatto degli sparacchiatori a vanvera e resa operativa (sulla carta...) con la firma di Pansa sulla circolare del dipartimento di pubblica sicurezza del ministero dell'interno 19 ottobre 2013 attuativa del decreto del ministero dell’interno n.266 del 28 dicembre 2012 (Regolamento recante l’impiego di guardie giurate a bordo delle navi mercantili battenti bandiera italiana, che transitano in acque internazionali a rischio pirateria) la cui entrata in vigore avvenne però solo il 13 aprile 2013. Mancano ora solo i regolamenti di servizio che dovranno emanare i questori di competenza delle ditte dei mercenari e poi anche l'Italia avrà finalmente i suoi PCASP (Privately Contracted Armed Security Personel) liberi di far danni solcando i mari. Faranno comunque meno danni dei marò perché per loro è previsto l'uso delle armi solo per legittima difesa e su navi dotate di sistemi di difesa passivi dalla pirateria conformi alle best practices dell'IMO (la Enrica Lexie?...) e in ogni caso se finissero nei guai non sarebbe un problema delle nostre autorità. Non potranno fare gli sceriffi del mare e bloccare imbarcazioni straniere e intimidirle o addirittura sforacchiarle, ma attendere l'attacco e poi difendersi usando le armi solo come extrema ratio, Dovranno inoltre essere in contatto permanente con la loro centrale operativa e naturalmente raccogliere tutte le evidenze dei fatti (filmiche, fotografiche, audio, etc), ossia fare tutto ciò che non hanno fatto i marò. E invero il caso Enrica Lexie è stato di ammaestramento per tutti: India, Paesi Bassi e Germania, che volevano imitare Francia e Italia con i cani in divisa di proprietà pubblica sulle navi private, vi hanno rinunciato e nei regolamenti per in materia sono stati introdotti paletti ben chiari, privilegiando la difesa passiva della nave. Insomma anche le oche ci azzeccano...

bezzecca

Dom, 12/01/2014 - 13:13

Se l' Europa non fara' nulla , come è probabile , lo sberlone se lo prendera' qualcuno ' altro , da aggiungere ai gia' tanti presi

brunicione

Dom, 12/01/2014 - 13:21

Se i marò fossero ricchi e dessero una bella tangente ai politici di turno, sarebbero già a casa da mò......

moshe

Dom, 12/01/2014 - 13:26

I due governi di re giorgio, nei confronti dei poveri marò e nei confronti di tutto il popolo italiano si sono dimostrati non solo delle nullità, ma anche la causa dello sfascio in atto del nostro paese. Governi che hanno umiliato e massacrato la forza lavoratrice italiana ed osannato tutto quanto di negativo, dalla politica ladra ed incapace all'abbandono dell'Italia nelle mani degli extracomunitari.

mutuo

Dom, 12/01/2014 - 13:53

Deplorevole l'atteggiamento pilatesco delle Associazioni Combattentistiche e d'Arma. Cosa stanno aspettando a far sentire forte la loro voce ed a mobilitare i propri soci in sostegno dei Marò . Forse queste associazioni servono solo per le gite fuori porta e le abbuffate? Via immediatamente tutte le truppe schierate fuori dai confini nazionali. Se i governi avessero adottato questa strategia all'inizio della vicenda, i due Marò sarebbero rientrati a casa immediatamente e l'Italia non avrebbe fatto la figura dei beduini.

Magicoilgiornale

Dom, 12/01/2014 - 14:06

Era ora, difendiamo i loro diritti!

vaigfrido

Dom, 12/01/2014 - 14:07

E' ammirevole la dignità che questi due degni rappresentanti degli italiani dimostrano in questa sutuazione. A differenza di governanti e politici che la dignità e l'orgoglio nazionale non sanno nemmeno dove sia di casa . Ma l'attuale ministro degli esteri dovrebbe trasferirsi pianta stabile in India . Tanto qui che ci sta a fare ? Buona solo a ricevere la moglie del kazaco che guarda casa sta per essere estradato ...........

john damony

Dom, 12/01/2014 - 14:08

Dr Jekill, prima di commentare le consiglierei di cambiare il nick name perché in Jekill è presente la parola "uccidere" Il danno d'immagine è tutto dell'India che anche in questa vicenda ha espresso il peggio di come si viva in un paese sottosviluppato che assolve stupratori, discrimina le donne, non tollera i credenti di fede cristiana, sfrutta i minori per fabbricare prodotti che vengono regolarmente importati nell'UE, e nel caso dei NOSTRI militari ha ingannato le autorità e tutto il popolo italiano Per quanto riguarda il danno economico beh, non possiamo che augurarci che mai l'UE deliberi una legge sul libero scambio con questa gente o ne risentirebbe come al solito il made in Italy, se lo firmino lady Ashton e i suoi compaesani un accordo bilaterale visto che gli inglesi sono stati gli unici a venir via dall'India con le tasche belle piene A proposito ma Sonia Gandhi che fine ha fatto ?

Nadia Vouch

Dom, 12/01/2014 - 14:49

Io dico solo : guardate i volti dei Nostri marò. Guardateli. Vi sembrano volti di persone serene, aldisopra delle chiacchere? No! Non lo sono, non possono esserlo. Troppo si è e si sta giocando sulla vita di due persone le quali responsabilità non solo non sono state chiarite, ma persino sembrano costruite. Come italiana, mai mi perdonerei finché avrò fiato, se qualcosa di definitivo dovesse accadere a questi due uomini, a questi due Italiani. Invece di tenerli in Italia, come consigliato da persona di grande cultura quale era il responsabile al tempo, li abbiamo lasciati là, in India. Ne vediamo i risultati. Qui, più che esibire un fiocchetto colorato a memoria, altro che facciamo? No! Mai potrei perdonarmi come italiana di aver lasciato a se stessi due rappresentanti dell'Italia!

precisino54

Dom, 12/01/2014 - 14:57

X DR JEKILL, 10:25; non so come finirà, anche se mi auguro che i nostri compatrioti ritornino al più presto all’affetto dei loro cari, ma di certo sarebbe utile una volta per tutte censurare affermazioni così gravi e non supportate dalla conoscenza dei fatti! Solo chi non conosce la vicenda e i pochi dati certi, oltre ad essere svisceratamente anti italiano, può dire simili stronzate. Con sincerità le dico non piangerò: la sua dipartita, meno letame c’è in giro meglio staremo tutti! Anche in assenza di dati, la sola logica fa capire l'impossibilità di quanto sostenuto dalle "autorità" locali.

Ritratto di ASPIDE 007

ASPIDE 007

Dom, 12/01/2014 - 15:03

...Signor Klemens von Metternich una domanda! Cosa rappresenta oggi l'Europa nel mondo? L'Europa è oggi una semplice espressione geografica. Ed io aggiungo: L'Europa è la "discarica" del mondo, dove ogni Paese, comunitario e non, può immettere, senza alcun controllo, la peggior "risma" dei propri cittadini.

Ritratto di dbell56

dbell56

Dom, 12/01/2014 - 15:03

Gli israeliani come gli americani già sarebbero andati a prendere i loro soldati sequestrati in quelle condizioni! Anche a costo di incidenti diplomatici. Sai che paura!!

clamajo

Dom, 12/01/2014 - 15:20

@DR JEKILL...immagino che il DR HIDE che alberga in te la pensi in modo diametralmente opposto...

palllino.

Dom, 12/01/2014 - 15:22

Questa vcenda non fa altro che confermare l'assoluta incapacita di gestire un caso diplomatico internazionale non da parte dell'Iitalia ma da parte di questa sinistra o dei governi tecnici a stampo sinistroide. Non a caso l intervento e' stato di Tajani,noto esponenente della sinistra democratica al governo nel nostro paese!!!!!!! Se ci fosse stata una giornalista di rifondazione al posto dei maro avrebbero fatto a botte per salvarla!!!

Ritratto di stenos

stenos

Dom, 12/01/2014 - 16:04

Era ora che facessero qualcosa contro questi cavernicoli barbari con la bomba atomica.

Ritratto di ludaucr

ludaucr

Dom, 12/01/2014 - 16:24

DR KEKILL

Ritratto di Stella Pileci

Stella Pileci

Dom, 12/01/2014 - 16:25

Il vero problema non si chiama Bonino con la sua incapacità di risolvere la vicenda Marò. Il vero problema è questo governo e di chi lo ha imposto all'Italia. Il vero problema sono gli interessi economici che relazionano molti "imprenditori di tendenza" che hanno delocalizzato in India . Stella Pileci (resp. comunicazione Fronte Nazionale )

Raoul Pontalti

Dom, 12/01/2014 - 16:37

corvo rosso erri non sapendo di errare: Tu Ti riferisci all'estradizione, istituto estraneo alla vicenda perché infatti l'estradizione non fu mai richiesta, essendo i due rambo de noantri già stati assicurati alla giustizia indiana e in Italia si trovavano in licenza dopo aver liberamente sottoscritto l'impegno di ritornare in India e l'impegno fu liberamente onorato dopo che il Governo aveva rimosso l'improvvido divieto di rientro in India. Ti faccio notare altresì che l'estradizione è disposta dal ministro competente previo parere favorevole della corte d'appello ma l'art 701 cpp stabilisce che non si fa luogo al giudizio della corte d'appello se l'imputato o il condannato vuole recarsi spontaneamente nel paese che ha richiesto l'estradizione. In ogni caso i marò hanno affermato di volere spontaneamente ritornare in India e quindi quanto Tu affermi sono...fanfaluche.

Ritratto di Y93

Y93

Dom, 12/01/2014 - 19:23

ritiriamo le nostre oltre 400 aziende che lavorano in india ..così i cinesi saranno contenti e i ragazzi del San Marto potranno tornare a casa !!! questa è le verità le altre sono tutte balle...

Ritratto di Y93

Y93

Dom, 12/01/2014 - 19:23

ritiriamo le nostre oltre 400 aziende che lavorano in india ..così i cinesi saranno contenti e i ragazzi del San Marto potranno tornare a casa !!! questa è le verità le altre sono tutte balle...

Ritratto di abj14

abj14

Dom, 12/01/2014 - 19:44

DR JEKILL 12/01 10:25 : Si spari (almeno un hand-job). (3° invio)

Ritratto di laisa1942

laisa1942

Dom, 12/01/2014 - 20:00

che schifo di potici , che vergogna di essere italiani ( minuscolo!), bonino, letta e TUTTI quelli che in passato hanno affidato a quel cretino di de mistura il destino dei nostri militari! Erano in Italia e LI ABBIAMO RIMANDATI IN INDIA ! VERGOGNA, VERGOGNA, VERGOGNA !!

Ritratto di laisa1942

laisa1942

Dom, 12/01/2014 - 20:06

Dr Jekill altre persone intelligenti e decenti ti hanno gia' risposto, io ti voglio dire solo una cosa : il tuo odio e la tua imbecillita' ti facciano patire quello che i nostri Maro' e le loro Famiglie stanno patendo da due anni. FAI SCHIFO !!

mk1

Dom, 12/01/2014 - 21:40

Quello che meraviglia è la ancora integra lealtà delle FFAA a un paese che si comporta come si è comportato il nostro

a.loggiani@yahoo.it

Dom, 12/01/2014 - 22:08

Paese di senza palle, politici alla deriva..., anzichè "salvare" i nostri marò, li hanno consegnati agli indiani, cosi come Giuda tradì nostro signore. Loro pensano solo a rompere i coglion..... a Berlusconi, non sanno fare altro, sono diventati anche i giullari degli indiani ruota di scorta dell'umanità che venerano le vacch, violentano ragazzine di 12 anni.., ma per piacere.

Ritratto di ludaucr

ludaucr

Lun, 13/01/2014 - 08:46

Considerato che a Voi piace tanto la partecipazione di certi spregevoli individui antiitaliani, di cui c'è da vergognarsi per la loro volgarità e l'offesa per tutti coloro che sentono un briciolo di sano Patriottismo, VI PREGO, ANCORA UNA VOLTA, DI CANCELLARE I MIEI DATI DALLE VOSTRE LISTE. Vi piacciono tanto i varii Pontalti, Cartastraccio, o igienica, più adatto, i varii DR JEKILL e compagnia nauseante ??? TENETEVELI ! Io, con questo lordume, non voglio starci. Peccato, perchè ho iniziato a leggere il Giornale fin dal 1° Nr. I miei commenti e quelli di tanti altri che la pensano come me, vengono raramente pubblicati e, per me diventa quasi festa! Di quegli altri, ne vedo anche 2/3 di fila e....Kilometrici. Forse Vi fanno comodo, non lo so. C'è uno in particolare che da tranquillamente del Tu a Dr. Feltri e pare che sia intimo, ma che spara cazzate, contumelie, offese e volgarità contro tutto e tutti. ADDIO !!

Ritratto di corvo rosso

corvo rosso

Lun, 13/01/2014 - 11:03

@Raoul Pontalti Consegnare un terrorista Palestinese all'Arabia dove c'è la pena di morte o consegnare due militari Italiani all'India dove c'è la pena di morte è la stessa cosa. Contano i principi non le apposite leggine.I marò non sono tornati spontaneamente ma sotto la pressione del ministro Italiano, a sua volta pressato da poteri economici, l'ha affermato ieri ed è una cosa da ergastolo a mio parere. Poi, se uno vuole buttarsi dal balcone, bisona aiutarlo a non farlo e non spingerlo giù! Vedo che la mentalità del "tipo magistrato cavilloso e capzioso" è sempre presente in molte persone a prescindere dalla ragione. Saluti

Ritratto di Y93

Y93

Mer, 15/01/2014 - 09:13

x DR JEKILL vedi un pò di svegliarti...in questi momenti il rintronamento non è ammesso....a meno che tu non sia un nazicomunista....

trishadria

Gio, 13/02/2014 - 17:01

Quello che è davvero sconcertante - e ripugnante - è che sulla pelle di questi due poveri fucilieri si è giocata la solita disputa guelfi-ghibellini, l’eterno e patetico scontro destra-sinistra. In Italia la gente esprime raramente convincimenti personali, riferisce le opinioni del proprio partito di appartenenza, non legge le notizie alla ricerca della verità ma solo di una conferma al proprio indottrinamento. Esistono poi delle regole tacite che permettono di identificarsi in una corrente politica o in una ideologia. Alcuni comportamenti ed esternazioni sono infatti “di sinistra” altre sono “di destra”. Chi si definisce di sinistra è solitamente tenuto a manifestare il proprio disprezzo per le forze dell’ordine, l’esercito, le forze armate e a ritenere colpevole chiunque indossi una di quelle uniformi, a prescindere. In questo caso, a peggiorare le cose, è accaduto che i primi a perorare la causa dei due marò sono stati i rappresentanti della destra, consapevoli che il loro elettorato se lo aspettava. A questo punto, i rappresentanti della sinistra non potevano avallare la tesi innocentista dei loro avversari, temendo di perdere consensi presso il proprio elettorato. I giornalisti di sinistra, come Giuliana Sgrena, si sono quindi schierati dalla parte dei “poveri pescatori indiani” trucidati dai nostri arroganti sotto-ufficiali di marina, perché hanno ritenuto che è quello che ci si aspetta da un giornale di sinistra. A nulla è valso elencare fatti, snocciolare prove che dimostrano che i due marò NON POSSONO AVER commesso il fatto perché orario e luogo non combaciano, molti sono addirittura arrivati a dire che la stampa che li difende è “di regime” e camuffa la verità. Forse se i primi non avessero assunto una posizione così netta ci sarebbe stato uno spiraglio per consentire una visione più obiettiva dei fatti anche da parte della sinistra. Invece questa contrapposizione ha reso poco incisivo qualsiasi intervento teso a far luce sulla vicenda e a riportare in patria i nostri soldati. Solo ora che l’Italia, insieme ai due fucilieri, è stata accusata di terrorismo si sono resi tutti conto che è l’intero paese ad essere chiamato in causa e che l’India sta cercando subdolamente di colpirci per motivi politici interni (Sonia Ghandi). Dopo un anno al governo la Bonino sembra aver finalmente compreso ciò che stava accadendo. Speriamo non sia troppo tardi.