Il Parlamento salva gli affitti d'oro

Abrogata la norma che annullava i contratti ultramilionari degli enti pubblici. E la Boldrini finge di tagliare le spese

Il leghista Gianluca Buonanno mostra un "forcone" di cartone in Aula

Roma - Affitti d'oro, arriva la porcata-bis del governo. Dopo il tentativo di disinnescare la norma risparmiosa fatta inserire dal M5S nel decreto salva-Roma per consentire alle amministrazioni pubbliche di recedere dai contratti d'affitto troppo onerosi per i propri palazzi con un emendamento del Pd su cui fortunatamente il governo è stato costretto alla retromarcia, ecco spuntare un altro emendamento in grado di svuotare gli effetti della norma calmieratrice. Scoperto con le dita nella marmellata, Palazzo Chigi come un bambino discolo balbetta: non lo faccio più. L'ingrato compito è toccato al ministro per i Rapporti con il Parlamento Dario Franceschini, che ieri prometteva di valutare gli effetti dell'emendamento salva-affitti, facendo intendere di essere disposto a porvi rimedio. Ma i tempi sono stretti e le buone intenzioni tutt'altro che facili. Staremo a vedere. Di sicuro si tratta dell'ennesima figuraccia del governo nella travagliata sessione di bilancio che chiude un anno già da dimenticare.
L'emendamento salva-affitti è il 254-ter della legge di Stabilità. Stabilisce che l'articolo 2-bis del decreto legge 15 ottobre 2013 n. 120 eccetera, che disciplina la possibilità per le amministrazioni pubbliche di disdire gli affitti entro il 31 dicembre 2014 in barba al contratto e senza pagare clausole di recesso e che solo per la Camera garantirebbe risparmi annui per 26 milioni, non si applichi per «immobili di proprietà dei fondi comuni di investimento immobiliare» nonché per «immobili di proprietà dei terzi aventi causa da detti fondi». In pratica, come spiega la deputata del M5S Laura Castelli «se i proprietari degli immobili hanno una assicurazione su quell'immobile lo Stato non può disdire il contratto. E guarda caso, sembra che la società Milano 90 che affitta i locali alla Camera dei deputati una assicurazione del genere ce l'ha». Il «codicillo» sospetto secondo i grillini sarebbe stato scritto sotto dettatura della Ragioneria dello Stato. Di certo una prima versione dell'emendamento, molto simile a quella poi licenziata, era stata presentata dalla deputata di Ncd Barbara Saltamartini. Per i grillini la road map per emendare le «porcate» in serie del governo è solo una: oggi la fiducia, poi il 27 dicembre il governo presenta nel «milleproroghe» la misura che blocca gli affitti d'oro e poi il voto sul salva Roma. «Se la norma non ci sarà, faremo ostruzionismo fino a far cadere il decreto», la minaccia.
I tagli alla Casta non piacciono proprio. Lo dimostra anche il fatto che nel bilancio 2014 di Montecitorio approvato nei giorni scorsi non c'è traccia della riduzione delle indennità parlamentari promessa dalla presidente dell'aula Laura Boldrini all'alba della legislatura, sotto il tiro dei forconi grillini appena entrati in Parlamento. L'unico blando provvedimento è la proroga per il prossimo anno e fino a tutto il 2016 delle cosiddette «misure di contenimento» dell'indennità parlamentare e dei rimborsi ai deputati, che sarebbero venute a scadenza nel 2015. Si tratta in realtà quasi di una presa in giro: il contenimento non consiste in una vera decurtazione delle indennità, ma nel non adeguamento dell'indennità parlamentare - come accade peraltro del 2007 - e nella conferma del taglio di 500 euro degli importi mensili della diaria e del rimborso delle spese per l'esercizio del mandato. In pratica viene semplicemente confermato lo sconticino già esistente. E pensare che i parlamentari italiani sono, in base al rapporto indennità-Pil pro capite, nettamente i più «ricchi» d'Europa, almeno secondo i calcoli di Csc. Nel 2012, infatti, lo stipendio da deputato in Italia era pari a 4,7 volte il Pil pro-capite, contro l'1,8 del Regno Unito.

Commenti
Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 23/12/2013 - 08:48

Ha ragione il parlamentare Buonanno: alla politica interessa solo la forchetta. Però solo nel M5S si sono tagliati i compensi!

Ritratto di giorgio.peire

giorgio.peire

Lun, 23/12/2013 - 09:12

Non ci sono più commenti per questa banda di malfattori

Duka

Lun, 23/12/2013 - 09:12

Noi siamo un popolo ricchissimo in grado non solo di mantenere a Euro 20.000/mese una banda molto nutrita di fannulloni e incapaci di alcunchè ma di mantenerli anche bene accomodati in tre palazzi di gran lusso che naturalmente paghiamo noi. Quando arriveranno i FORCONI veri a buttarli fuori dalle balle?????

gioch

Lun, 23/12/2013 - 09:41

Caro Papa Francesco,come fai a dialogare con questi sordi che,per tanto che dici e che fai,continuano a prenderci per il culo?Finite le parole inservibili,possiamo pensare di arrivare alle vie di fatto?Non perchè siamo violenti ma per AUTODIFESA.

LAMBRO

Lun, 23/12/2013 - 09:45

SPENDING REVIEU? MA CHE E'? IL SOLITO SLOGAN ..... E GLI ITALIANI PAGANO!

gioch

Lun, 23/12/2013 - 09:47

Ma i vari sigg.Sentinelli d'Italia devono continuare a incassare pensioni da 91.000 euro al mese mentre si espropriano le pensioni più basse?E' più etico ribellarsi con forconi ed altro o fottere il prossimo? Il Papa rosso quirinalizio che dice?

vince50

Lun, 23/12/2013 - 10:16

Soluzione? rivoluzione a 360°,forze dell'ordine in collaborazione con il popolo oppresso per distruggere con le buone o meglio ancora con le cattive chi ci sta distruggendo.

Ritratto di indi

indi

Lun, 23/12/2013 - 10:17

Il classico stile PD, roboanti annunci, proclami campagne moralizzatrici della politica, il tutto spalleggiato da giornali come il Corriere della sera, Repubbloca (delle banane) e dai salotti bene dei ricconi sinistri per opportunismo. Per imbesuire le già di suo, beote folle votanti di emigrati e dei parassiti del welfare. Questo non è un governo ma un assembramento di pagliacci mal'asortito sostenuto da una maggioranza di saltimbanchi. In poche parole un CIRCO! Con tutto il rispetto per i veri circhi.

Holmert

Lun, 23/12/2013 - 10:43

Più che un forcone, quello inalberato dal leghista Buonanno, mi sembra un forchettone, che meglio si confà all'accolita casta presente in parlamento. Dei veri e propri forchettoni , classico epiteto che i compagni comunisti, riservavano ai DC. Ora , mutatis mutandis, dalla parte dei forchettoni ci sono loro. Corsi e ricorsi storici.

Sapere Aude

Lun, 23/12/2013 - 10:51

Alla redazione del Giornale da fastidio chi pensa con la propria testa. E loro decidono che le notizie scomode (fatti pubblici agli atti) non vanno pubblicate. Se questa protesta vedrà mai la luce, i lettori sappiano che la censura esiste, non perché la notizia contiene ingiurie, ma perché un parlamentare onesto si alza in un consesso europeo e dice la verità. Questo per il Giornale non si deve fare, e sul perché dovrebbe essere il Direttore a raccontarlo. Lo farà?

NON RASSEGNATO

Lun, 23/12/2013 - 11:24

Avete mai provato a togliere un osso a un cane?

Duka

Lun, 23/12/2013 - 11:54

Letta si preoccupi di queste schifezze invece di sproloquiare a ruota libera ogni giorno. Se vuole fare una scelta intelligente nella vita VADA A CASA!!!!!!

Ritratto di ..gli.Abusivi...

..gli.Abusivi...

Lun, 23/12/2013 - 12:01

qualcuno provveda aggiornare il capitolo "Banditismo nell'età moderna" su wikipedia...grazie

Ritratto di Willy Wonker

Willy Wonker

Lun, 23/12/2013 - 12:04

Tra non molto la fessta sarà finita anche per loro!! Quando non c'e n'è più, dove vanno a raschiare??

moshe

Lun, 23/12/2013 - 13:15

Schifosi parassiti.

moshe

Lun, 23/12/2013 - 13:16

Porcherie kattokomuniste con l'appoggio del venduto alfano.

gioch

Lun, 23/12/2013 - 13:41

Ma poi,perchè perdere tempo a discutere il decreto "salva Roma" quando basterebbe una "marcia"?

canaletto

Lun, 23/12/2013 - 14:16

MA LA CORTE DEI CONTI COSA FA????? NON CONTROLLA LE SPESE PAZZE??? BISOGNA RISPARMIARE E OGNI GIORNI VIENE FUORI UNA NUOVA SPESA FUTILE E NOI SIAMO SEMPRE PIU MISCI E TARTASSATI

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Lun, 23/12/2013 - 14:56

Quei palazzi sarebbero da nazionalizzare tutti. Altro che patrimoniale da cento miliardi, alla faccia di Dracula il vamprodi. In quanto al resto affrettiamoci a mandare Berlusconi al Quirinale, infatti quando comandava lui la crisi non c'era.

fabiou

Lun, 23/12/2013 - 18:52

con che faccia tosta ci chiedono l IMU?? cosa aspettano dei giudici a indagarli per crimini contro l'umanità per tutta la volontaria disperazione e suicidi che stanno creando in italia????

Tommaso Berretta

Lun, 23/12/2013 - 20:52

Debbo dire che il comportamento dei rappresentanti grillini mi sembra, senza ombra di dubbio, il più coerente ed il più coraggioso, assieme a quello della Lega. Vorrei vedere più coraggio anche in Forza Italia che già ha commesso errori tattici di una certa gravità, come quello di ignorare il nuovo movimento dei Forconi che appare meritevole di ogni attenzione. Penoso appare l'intervento della Presidente Boldrini che, anzicchè chiedere scusa al popolo italiano per le azioni da definire solo poco edificanti -mi limito enormemente- (leggi viaggio per il funerale di Mandela) in compagnia .... con aereo istituzionale, pensa bene di redarguire l'on. Bonanno e altri rappresentanti dell'opposizione che rivolgono la loro attenzione, stigmatizzandola, a comportamenti cialtroneschi di rappresentanti dei cittadini che siedono tra i banchi della maggioranza!! Andate via, via!!!

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mar, 24/12/2013 - 00:25

Come al solito i trinariciuti che frequentano queste pagine se ne stanno zitti zitti. Le porcherie dei loro capi non si commentano. L'ordine cui devono obbedire i compagni è: GUARDARE DA UN'ALTRA PARTE E INSULTARE BERLUSCONI.