Il pm e l'imputata: Esposito jr "graziato" per la cena con Minetti

Nessuna punizione per il figlio del giudice che ha condannato il Cav. Archiviazione annunciata quando il processo Mediaset è finito al padre

Roma - Nessuna ombra doveva pesare sulla prevista e definitiva condanna di Silvio Berlusconi nel processo per i diritti tv Mediaset. Ma c'era la storia di quel giovane e intraprendente magistrato, Ferdinando Esposito, a creare qualche problema per la cena con l'imputata Nicole Minetti. Fastidioso avercela ancora tra i piedi mentre proprio il padre, Antonio, doveva presiedere la sezione feriale della Cassazione che avrebbe sferrato il colpo finale della vicenda giudiziaria iniziata dieci anni prima.

Così, molto tempestivamente, si è provveduto a chiudere la faccenda. L'8 luglio viene fissata l'udienza del Cavaliere davanti alla Suprema corte per il 30 del mese e subito dopo, l'11 luglio, si fa sapere che il rampante pm di Milano non rischia nessuna azione disciplinare per la sua solo «inopportuna» cena al ristorante «Il Bolognese» del capoluogo meneghino con l'ex consigliera regionale che, all'epoca, doveva essere ancora giudicata nel processo Ruby bis, con Lele Mora ed Emilio Fede. Il procuratore generale, Gianfranco Ciani, dirama la notizia che sono state archiviate le accuse nate dalla segnalazione fatta a maggio del 2012 dal capo della procura di Milano, Edmondo Bruti Liberati.
Quell'incontro, per il titolare dell'azione disciplinare, è stato solo «occasionale» e non riguardava un caso giudiziario di competenza di Esposito. Dunque, fin dal 30 gennaio si è chiusa la preistruttoria, dopo che nove mesi prima lo stesso Csm, nella prima commissione, aveva deciso di non aprire la pratica per un'eventuale incompatibilità in attesa, appunto, della decisione sul versante disciplinare del procuratore generale della Cassazione.

Il bel Ferdinando, alto, palestrato ed elegante, quello che va in giro in Porsche e si è fatto per un po' irretire dal fascino pericoloso della sexy Nicole, non può con le sue leggerezze mettere nei guai il padre Antonio, che finirà nelle pagine dei libri di storia per aver guidato il collegio che ha relegato fuori dal campo politico il leader del Pdl.
Viene da una famiglia napoletana di magistrati, il giovane Esposito, che ha anche uno zio ancor più importante del genitore e cioè quel Vitaliano fino a pochi mesi fa Procuratore generale della Cassazione, proprio al posto di Ciani che l'ha tirato fuori dai guai in un battibaleno, facendo attenzione a divulgare la notizia prima della data fatidica della sentenza Mediaset.

Si è parlato molto della cena di Ferdinando con la Minetti nell'elegante ristorante milanese, commentata a Palazzo de' Marescialli con frizzi e lazzi dei consiglieri, tipo: «Beato lui!». Ma non si è più saputo nulla circa l'altro esposto al Csm per un episodio nella palestra milanese «Downtown» di piazza Diaz che, sembra, frequentavano sia il pm che la bella consigliera. Raccontano che in un'occasione particolare il rampollo in toga, si sia fatto «riconoscere», per così dire. Mentre si concentrava sui bilancieri, per gonfiarsi i muscoli, qualcuno nello spogliatoio gli avrebbe sottratto il portafoglio dalla sacca sportiva. E lui, invece di andare in un posto di polizia e fare la denuncia come chiunque, con una telefonata la polizia l'avrebbe fatta accorrere in palestra per un'immediata e completa perquisizione. Il portafoglio, poi, sarebbe saltato fuori, ma questo sfoggio di autorità a qualcuno sarebbe apparso un vero e proprio abuso. Tale da giustificare un esposto al Csm. Che sicuramente sarà stato archiviato come l'altro, anche se per fatti più insignificanti ci sono magistrati che hanno passato qualche guaio. Qui, però, c'era di mezzo ben altro. Il processo del secolo, che non doveva essere «chiacchierato» neanche per la sventatezza - vogliamo chiamarla così? - di un giovane pm con un padre importante in un ruolo-chiave.

Annunci
Commenti

Gius1

Mar, 06/08/2013 - 08:53

Padre, figlio e zio , tutti alla csm ? ma allora la sinistra puo´dormire sonni tranquilli.E VAI !!!

pgbassan

Mar, 06/08/2013 - 08:55

Figlio di papà. E poi fra cani non ci si morde. E poi questa non è una supercasta, al di sopra non della legge ma anche di Dio? Anzi si proclamano poi atei ma si credono dio. Quanto si adoperano per abbattere il nemico e fra loro scatta sempre il soccorso rosso. Sono una minoranza, ma una minoranza che incide molto.

eureka

Mar, 06/08/2013 - 08:58

Con gli episodi rilevati su questo giudice ed i suoi famigliari come minimo dovrebbero annullare il processo perché anche il giudice non poteva non sapere ed era con molta evidenza di parte.

Tobi

Mar, 06/08/2013 - 09:03

mi sbaglio oppure nella stessa famiglia ci sono troppi magistrati? Si tratta di una famiglia di geni per esser riusciti tutti ad arrivare a ricoprire tali ruoli e tutti nello stesso gruppo familiare? Normalmente questi posti sono inaccessibili anche ai più preparati laureati in giurisprudenza.

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Mar, 06/08/2013 - 09:07

Magica magistratura italiota!! Non sceglie solo gli imputati, sceglie anche i giudici, quelli chiacchierati e debolucci. Peggio che nell'URSS, DDR, Cuba e NordCorea dove almeno di queste ipocrisie non c'è mai stato bisogno. Spalancate le porte delle carceri, mettete tutti in libertà e chiedete scusa!!

tonipier

Mar, 06/08/2013 - 09:10

" QUANTI SCHELETRI GIRONO NELLE VARIE CASE DI QUESTI NOBILI?"Come mai buona parte della carte stampata fa il tifo x la MAGISTRATURA?...Come mai buona parte della sinistra fa il tifo x la MAGISTRATURA?...come mai, come mai, come mai....Non dovrebbero essere questi nobili a favore del popolo... che vive quotidianamente nella paura di ricevere sopprusi continui...chi sono i veri marpioni che non vogliono fare la riforma sulla GIUSTIZIA?, perchè hanno paura? cosa nascondono realmente sotto il letto?.

Lofelo

Mar, 06/08/2013 - 09:25

Ma proverà un pizzico di disagio chi chiama ciò "fango" ?

levy

Mar, 06/08/2013 - 09:29

Troppi magistrati nella stessa familia, questo dimostra che i concorsi sono tutti truccati.

Accademico

Mar, 06/08/2013 - 09:32

C'è poco da fare: quando ci si chiama Esposito, le cose vanno proprio così.

Sinistra al caviale

Mar, 06/08/2013 - 09:33

Mi pare evidente che ora la mafia sono loro..è arrivato il momento di fare pulizia

Giacinto49

Mar, 06/08/2013 - 09:36

Per il trinariciuto distratto: Queste si che sono dinastie!!

volp

Mar, 06/08/2013 - 09:36

Sarebbero uscite tutte queste cose se la sentenza fosse stata favorevole a Berlusconi? Io dico di si per la notoria obiettività' dei giornalisti del Giornale

levy

Mar, 06/08/2013 - 09:37

Perché magistrati e giudici sono tutti meridionali? Un magistrato lombardo a Napoli o un veneto in Sicilia? La realtá é che il nord dell'Italia é stato conquistato, dominato, umiliato, saccheggiato dai soliti ignoti che si sa' benissimo chi sono. Al succedersi dei vari risultati elettorali, loro sono sempre rimasti lí, sono i cosidetti poteri forti. Per loro Berlusconi era un intruso, un imprevisto e per questo lo hanno fatto fuori. I magistrati sono solo degli esecutori obbedienti a loro e non alla legge.

enzo1944

Mar, 06/08/2013 - 09:38

............da buoni napoletani,hanno rovistato nel giro delle Caste romane(Enti Centrali e ministeri-vedi cossutta),della Banca d'Italia(vedi-napolitano) e della magistratura(vedi gli esposito)! ......tu aiuti me,che io aiuto te!.....tanto paga sempre pantalone!!

swiller

Mar, 06/08/2013 - 09:40

Tobi. E il classico clientelismo della sinistra i suoi protetti sono tutti in posti statali o quant'altro comunque posti dove si guadagna senza lavorare vedi magistratura ecc.... .

millycarlino

Mar, 06/08/2013 - 09:57

Chi ha il dovere di sorvegliare sulla imparzialità dei giudici se la dorme tranquillamente all'ombra della sua coscienza sporca. Milly Carlino

Ritratto di michageo

michageo

Mar, 06/08/2013 - 09:59

che simpatica famiglia....! o è una cupoletta?

canaletto

Mar, 06/08/2013 - 09:59

quanto marciume c'è nella giustizia italiana, quella rossa per intenderci, loro possono fare di tutto e di più e vengono sempre presciolti....

Angel59

Mar, 06/08/2013 - 10:11

Povera Italia..quanta brutta gente sta in giro!!

mar75

Mar, 06/08/2013 - 10:11

Ma vi siete accorti che questo giudice era solo il presidente della sezione che ha giudicato il vostro idolo? C'erano altri quattro giudici che hanno portato alla sentenza che conosciamo. Eliminando il giudizio di questo giudice, rimane quello degli altri quattro, risultato....colpevole. Continuate ad arrampicarvi sugli specchi.... Vi consiglio caldamente di moderare le parole e di fare molta attenzione ai termini che usate, rischiate di passare dei grossi guai. Voi non conoscete le ragioni della sentenza ma solo quello che questo giornale vi vuole far conoscere.

xgerico

Mar, 06/08/2013 - 10:12

Ma siiiii annulliamo il Processo a B. per inadempienza!

kayak65

Mar, 06/08/2013 - 10:22

sveglia compagni! vi si stanno mangiando e prendendo in giro anche voi! o non e' ancora abbastanza?

sorciverdi

Mar, 06/08/2013 - 10:37

Ma guarda caso... E' proprio vero che ormai siamo alla mercé di una tirannia di sinistra a suo tempo progettata da Togliatti per servire Stalin ed ora, invece, al servizio di chi a Stalin causerebbe conati di vomito. Peccato che quei grandi "democratici" che sventolano le bandiere di sinistra queste cose non le vedano e non se le vogliano neppure sentir dire. Non sarà che a loro sta bene così? Perche, nel caso, si potrebbe pensare che sono complici del "braccio armato" (di codici e tomi, naturalmente) della sinistra.

Lofelo

Mar, 06/08/2013 - 10:39

Volp: per fortuna le cose sono andate così, e il pentolone della cricca si sta scoperchiando (anche se mi sembra che altri giornali, quelli obiettivi, siano lì a fare peso sul coperchio)

makeng

Mar, 06/08/2013 - 10:57

che bella lezione di coerenza sinistronzi! Evvoi credete che questa sentenza emessa da gente come questo delinquente togato basti a fermare silvio?? Queste porcate freneranno voi e tutto il sistema di cui voi fate parte , che quello si ha rubato miliardi di euro impunemente!

maniumane

Mar, 06/08/2013 - 11:01

@volp : che stupida affermazione la tua ... preferivi che queste cose rimanessero nell'ombra? Che ragione c'è c'è di criticare il modo in cui sono venute fuori ... ti costa troppa fatica e dolore fisico cambiare un attimino la visione di come in realtà va il mondo? Il mondo è un'altra cosa e se Berlusconi fosse colpevole di qualcosa sarebbe una gocciolina nel mare del vero marciume che ci circonda ... ma voi stolti vi fate indirizzate come dei fessi sul capro espiatorio di nome Berlusocni

Pinozzo

Mar, 06/08/2013 - 11:03

Uah uah siete fantastici. Cosa c'entra se il figlio del giudice va a cena con un'indagata di tutt'altro processo lo sapete solo voi. Potreste proporre l'annullamento della sentenza sul vostro padrone, prima pero' distribuite un po' di cuffie in giro che questo stridere di unghie contro gli specchi infastidisce un po'.

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Mar, 06/08/2013 - 11:04

@volp, la sua e' una bella domanda. allora gliene faccio una io: sarebbe successo tutto questo se Berlusconi non fosse entrato in politica e avesse preso la tessera dei D.S. e sostenuto la candidatura a premier di Occhetto?

buri

Mar, 06/08/2013 - 11:05

ecco un esempio lampante dell'imparzialità del CSM, il PM a pranzo con l'imputata, giovane e carina, merita comprensione. tanto più che è figlio di cotanto padre

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 06/08/2013 - 11:15

poverini.. padre e figli attaccati, e interviene proprio la magistratura. ma per difenderli. mica per metterli in galera!!!! che razza di delinquenti....

Ritratto di dardo_01

dardo_01

Mar, 06/08/2013 - 11:23

Bisognerebbe che il Giornale spiegasse che la corruzione non è solo "pagare" qualcuno con denaro per ottenere favori, ma qualcosa di più sottile!

carpa1

Mar, 06/08/2013 - 11:36

Certo che con una dinastia così fortunata (tutti assunti per concorsi non truccati, vero ???) possiamo stare tranquilli: uno di dx non vincerà mai in un processo, nemmeno se si tratta solo di qualche mela rubata per fame. Possiamo pensare almeno che questo si ripeta per altre dinastie? Basterebbe controllare l'elenco degli appartenenti a questa casta. Anche nelle aziende private succede che, in considerazione della moralità e dei meriti di un genitore anche il figlio venga preferito ad altra persona, ma in tal caso siamo nel privato e non nel pubblico dove le assunzioni devono (o meglio, dovrebbero visto che non lo fanno) seguire altre procedure.

ZIPPITA

Mar, 06/08/2013 - 11:38

E non e' finita qui ...ne verranno fuori altre ma sarà messo tutto a tacere dalla mafia togata.

Ritratto di Markos

Markos

Mar, 06/08/2013 - 11:46

marco piccardi - SE BERLUSCONI A SUO TEMPO SI BUTTAVA A SINISTRA OGGI SAREBBE LA TESSERA NUMERO 1 DEL PCI-DS-PDS-PD-CGL .

giovanni PERINCIOLO

Mar, 06/08/2013 - 11:49

Perché stupirci??? é lo stesso sistema che vuole che i "baroni" universitari possano impunemente circondarsi di parenti, mogli, amici e amici degli amici! Tutti "luminari"! e poi, io do ,una cosa a tè, tu dai una cosa a mè..... Cosi van le cose nel bel paese, tutti lo sanno, nessuno pone rimedio....

gustavo

Mar, 06/08/2013 - 11:53

Non c'è niente da fare. Ormai siamo in mano a questi signori magistrati. Chiunque di noi, preso di mira, non avrebbe difesa. Anche il più onesto di questo mondo, basta la testimonianza di un pentito, ricordate Tortora? e tu finisci in prigione per sempre. La democrazia nel nostro paese è una chimera ed io ho paura.Quello che mi fa ribrezzo è che la sinistra è loro complice.

Maura S.

Mar, 06/08/2013 - 12:00

Ma cambiamo questa magistratura , mandiamo a casa tutti i giudici che sono iscritti a qualche partito. Se hanno il coraggio di giudicare nel nome del POPOLO ITALIANO, dovrebbere essere al di fuori della politica. Qui ci vorrebbe veramente una rivoluzione!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Mar, 06/08/2013 - 12:13

@Markos, ah ah, concordo.

@ollel63

Mar, 06/08/2013 - 12:19

E questi fatti non rendono nulle le sentenze e i processi contro Berlusconi?! O meglio non sono prove d'accusa per questi magistrati, tali da essere radiati, processati e incarcerati per attentato alla democrazia, alla costituzione, alla libertà, ai diritti civili? E pure per sovversione e turbamento dell' ordine pubblico e della vita dei cittadini? Sveglia popolo di centrodestra: qui non fanno nulla i legali di Berlusconi né i suoi parlamentari. Son forse dei Giuda?

eureka

Mar, 06/08/2013 - 12:21

Se ha fatto fare una perquisizione solo grazie al suo titolo credo proprio sia un abuso di potere ed andrebbe richiamato pubblicamente. Poi se ha cenato o si è deliziato della compagnia della Minetti non ci vedo nulla di male, essere liberi vuol dire poter mangiare ed accompagnarsi con chi ci piace a prescindere. Resta il fatto che la sentenza di Berlusconi andrebbe annullata perché il giudice non poteva essere al di sopra delle parti sia per quanto scritto da Lorenzetti, sia per le frequentazioni del figlio sempre magistrato penalizzate da toghe altolocate.

peuceta

Mar, 06/08/2013 - 12:23

E poi c'è ancora chi sostiene che il concorso in magistratura, insieme a pochi altri che guarda caso danno accesso ad altre caste impenetrabili (vedi notai, consiglieri di prefettura, consiglieri parlamentari, consiglieri d'ambasciata, ecc.), siano "concorsi seri" in cui nessuno, nemmeno volendo, potrebbe essere raccomandato. Spendono decine di milioni per sbuffare fumo negli occhi di poveri illusi che credono ancora a queste frottole per bandire prove preselettive "anonime", solo superate le quali si ha accesso alle prove scritte, "anonime" anche queste; e solo in seguito si sostiene la "prova orale", che fanno passare per iperselettiva anch'essa........il tutto per far fuori tutti tranne coloro per i quali vale il detto sempre più imperante in tutte le aule di giustizia: la Legge vale per tutti...ma per alcuni vale di più che altri". Fuori dai piedi BUFFONI!!! Il rispetto si deve meritare, non è un "omaggio" che si può tributare solo per l'appartenenza ad una casta!

Cosean

Mar, 06/08/2013 - 12:51

@ marco piccardi Stai sostenendo che i reati dipendono dalla parte Politica? O "Vuoi" che i reati dipendano dal colore Politico? A pensarci bene è una scappatoia che ha un colpevole per cercare di dimostrarsi innocente! Una delle tante!

Ritratto di ASPIDE 007

ASPIDE 007

Mar, 06/08/2013 - 13:12

...Gent.ma Signora Anna Maria! Ognuno ha il padre che merita! Non è certo colpa di Ferdinando se Berlusconi non ha un padre presidente di sezione della corte di cassazione! E poi, i giovani danarosi, alla faccia di chi in questo Paese non piange perché non ha gli occhi, possono andare a spasso con la macchina che più gli piace, a cena dove gli pare e a letto la donna più sex che trovano. E poi dulcis in fundo, chi se ne frega dell'art. 3 di una legge che non cito.

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Mar, 06/08/2013 - 13:24

Ogni cosa è buona per annullare il processo e nessuno scrive di annullare berlusconi per salvare l'Italia. La maggioranza degli italiani (oltre 40 milioni) è con Totti che disse "Sshhhhhh, 4 e a casa". Nessuno potrà mai annullare questi 40 milioni di italiani

precisino54

Mar, 06/08/2013 - 13:41

È cosa nota che i figli cerchino di imitare i genitori, spesso solo nelle movenze nei toni nelle fattezze fisiche in generale; ma non di rado cercano di seguire la strada tracciata nel mondo del lavoro e delle professioni. Accade nel commercio, nell'editoria, nella impresa in genere e la cosa ovviamente non desta scandalo, in quanto in quei casi una scarsa capacità va a discapito delle stesso soggetto. Abbiamo poi professionisti figli di professionisti ed in questo caso è la capacità, il saper fare che dà il benestare. Quanti notai, avvocati, medici ecce, figli di ... ma in questi casi è la professionalità a fare da spartiacque. Ma nel caso di magistrati parenti di magistrati, viste le difficoltà dei concorsi un certo qual alone di dubbio sulla competenza è legittimo. Ovvio un leoncino ruggirà da grande, ovvero come si suol dire: figlia di gatta topi piglia se non ne piglia non è sua figlia! Ma anche il più banale: talis pater talis filius. Ma proprio a nessuno viene qualche sospetto su certi concorsi in magistratura specie avendo modo di vedere strafalcioni a tutti i livelli? Ovvio non sto dicendo che non sia possibile il continuare su una via tracciata, anzi è quasi naturale, ma non sempre e per tutto: delle volte le capacità sono fondamentali, anche se bisogna ammettere che delle volte i figli superano i padri, ma vero anche l'inverso. Per quanto riguarda l'arroganza di certi comportamenti è inutile ribadire, abbiano vari esempi di togati e familiari di togati salvati dalla provvidenziale telefonata senza che ciò abbia comportato giudizi per concussione!

Perlina

Mar, 06/08/2013 - 14:03

si stanno tarpando le ali da soli. l'ho sempre detto. "giorno verrà". Comunque, non dispiacerebbe sentire una parolina in merito dal presidente della magistratura.

Ritratto di stufo

stufo

Mar, 06/08/2013 - 14:29

Ma che i meridionali c'è l' abbiano con i polentoni ? O no ?

lamwolf

Mar, 06/08/2013 - 14:29

Quando la casta è CASTA, tutti dentro nello stesso organismo tra i padreterni della giustizia. A chi il dovere di vagliare le posizioni? i concorsi? la loro regolarità?

BTrac

Mar, 06/08/2013 - 14:41

Molto interessante

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Mar, 06/08/2013 - 14:49

@Cosean, la mia opinione e' che in Italia si definisce reato una azione illegale commessa da esponenti di un'area politica non appartenente alla sinistra.

ilbarzo

Mar, 06/08/2013 - 16:56

Tale padre,tale figlio.Cosa dobbiamo aspettarci da questi giudici faziosi?L'unica speranza e' quella di non trovarci ad essere giudicati da questi delinquesti farabutti .Possibile che lo Stato non riesca a togliere questo sudiciume dalla aule giudiziarie.Oppure deve smuoversi il popolo.

michetta

Mar, 06/08/2013 - 17:15

Ammazza, ammazza, so' tutti della stessa razza. !!!!!!!!!

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Mar, 06/08/2013 - 17:17

@Cosean, il pm che aveva aperto una inchiesta su vendola, Digeronimo, e' stata trasferita d'ufficio.

carpa1

Mar, 06/08/2013 - 17:58

@piccardi @cosean E il magistrato, amica della sorella, che l'ha assolto? Non mi dire: l'hanno già promossa. Ma è solo una casualità.

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Mar, 06/08/2013 - 18:08

In risposta a un commento. Se ricordo bene il ministro della pubblica istruzione Gelmini, dunque con governo Berlusconi, qualche anno fa tentava di mettere a tacere i cosiddetti "baroni" dell'università con una riforma di quest'ultima. Ricordate cosa successe? Dei sedicenti studenti universitari e non fecero le barricate e ci fu persino qualcuno che salì sui tetti di Roma, a cui si aggiunse poi spettacolarmente la compagnia solidaristica di Bersani. Era evidente che questi signori che scioperavano volevano lo "status quo". E oggi si permettono pure di lamentarsi della cosa, cioè che ci sono "baroni" nell'università con moglie, figli, nipoti, pronipoti ed anche amici degli amici. Questo è quanto. Intelligenti pauca.

cast49

Mar, 06/08/2013 - 18:32

schifosi napoletani del cazzo!!!

Ritratto di alenovelli

alenovelli

Mar, 06/08/2013 - 19:52

Ma allora non e' solo Vendola che va a cena coi magistrati puah puah puah...capirai se la Minetta non gliela fatta annusare un po' all'Esposito puah puah puah naturalmente senza secondi fini puah puah puah

Ritratto di alenovelli

alenovelli

Mar, 06/08/2013 - 19:53

Ma allora non e' solo Vendola che va a cena coi magistrati puah puah puah...capirai se la Minetta non gliela ha fatta annusare un po' all'Esposito puah puah puah naturalmente senza secondi fini puah puah puah

Ritratto di alenovelli

alenovelli

Mar, 06/08/2013 - 20:06

Ha semplicemente detto una cosa lapalissiana nel mondo dei normodotati. Cioe’ un manager non si sognerebbe mai di evadere le tasse infrangendo la legge senza il consenso del beneficiario di tale evasione. Per due motivi: 1) il manager non e’ il beneficiario e quindi non ha nessun vantaggio diretto 2) se il manager infrange la legge senza il consenso del beneficiato e poi viene beccato, ne risponde il manager personalmente. Mi pare molto semplice da afferrare a meno che siate proprio degli ebetini pidiellini.

tanax

Mar, 06/08/2013 - 20:31

Cara anna maria greco. Quanto scrive può essere interessante. Ma sicuramente converrà che nel caso di una assoluzione dell'ex cav. tale notizia sarebbe stata miele per il palato dei giornali di sx. Ora lei cerca (ingenuamente) di sortire un qualche effetto sui lettori de "il Giornale" ma un lettore avveduto potrebbe consigliarle di ritirare una tale notizia,che al massimo dimostra che la magistratura è sottoposta alla legge, e non alle sensualità di famiglia!!! Piuttosto io mi chiedo(senza fare sconti a nessuno): come mai il figlio di un magistrato fa il magistrato? e guardacaso anche lo zio fa il magistrato? insomma come per i notai. Se voleva far riflettere i suoi lettori poteva scrivere su questo arcano! oops dimenticavo che sta cosa quà è egalitarmente bipartisan (in senso moolto lato) e riguarda molte categorie.... giornalisti compresi.

roliboni258

Mar, 06/08/2013 - 20:36

nel meridione sono tutti magistrati padre figlio zio nonno,come mai questa storia,mai sentito un magistrato veronese padovano,sono piu' intelligenti o c'e' sotto qualcosa di losco

Ritratto di limick

limick

Mer, 07/08/2013 - 06:52

Tobi Mar, 06/08/2013 - 09:03 Gia'! Se senti la registrazione ti fa accapponare la pelle pensare che uno che si esprime come uno del mercato del pesce di Napoli debba decidere della liberta' dei cittadini italiani, NON OSO PENSARE AL FIGLIO!!! Avranno ragione loro perché ovunque vai nel settore giustizia e posti pubblici in genere mi sento uno straniero a casa mia....