"Pm come una società segreta però la Corte mi darà ragione"

Berlusconi riunisce i vertici del Pdl e frena i falchi: "Sostegno al governo, non faremo sconti su Imu e Iva". A settembre torna Forza Italia, visita a sorpresa nella nuova sede

Berlusconi blinda Letta, tiene bassi i toni sul governo, rilancia Forza Italia e come segno di cambiamento va a visitare la nuova sede di piazza San Lorenzo in Lucina, dà benzina ai referendum dei radicali sulla giustizia, lamenta l'aggressione di una parte della magistratura e si commuove nel vedere il Pdl unito a testuggine in sua difesa. E c'è pure lo spazio per qualche risata quando l'ex ministro Gianfranco Rotondi inanella una serie di battute sui democristiani e ricorda che, nella storia, soltanto ex premier di sinistra non sono mai stati indagati dai pm.
È un ufficio di presidenza di conferma della linea della responsabilità, quello che va in scena alle 16. Il Cavaliere ripercorre le sue vicende giudiziarie e ringrazia tutti coloro che si sono espressi sulla questione relativa allo sprint della Corte di Cassazione: «Sono profondamente commosso dalla compattezza dei gruppi del Pdl. Non c'è alcuna divisione tra falchi e colombe. Al contrario, dalle riunioni dei gruppi di Camera e Senato è emerso che siamo tutti uniti. E Questo rafforza la mia voglia di combattere per il bene del Paese». Alfano ha appena ricordato che «quando colpiscono te è come se colpissero tutti noi». Il Cavaliere apprezza e ragiona a voce alta: «C'è chi non vuole il governo di pacificazione». Dalla riunione qualcuno dei presenti manda sms alle agenzie di stampa. Ne esce il seguente take: «L'accelerazione dei processi negli ultimi due mesi non può non essere legata al fatto che una parte della maggioranza non vuole un governo di pacificazione». Un colpo al governo, quindi. Tocca quindi smentire ufficialmente: «Mai dette né pensate quelle parole».
Anche perché il Cavaliere frena i suoi: «La situazione attuale è tale che porta al sostegno al governo. Quindi, se avessimo dichiarazioni negative sul governo, ce le dobbiamo tenere per noi». L'esecutivo deve andare avanti, anche se «Dobbiamo andare fino in fondo sul fronte dell'Imu e dell'Iva, temi per noi fondamentali. Non faremo sconti».
Tenere separate le vicende del governo con quelle giudiziarie. Certo, «una parte della magistratura è come una associazione segreta di cui non si conoscono gli aderenti», dice. E per questo lancia la «mobilitazione del partito a livello territoriale sui temi della giustizia, per spiegare ai cittadini cosa sta succedendo. Dobbiamo mettere su dei gazebo in tutto il paese per invitare la gente a firmare i referendum dei radicali sulla giustizia». Quesiti che riguardano la responsabilità civile dei magistrati, i magistrati fuori ruolo, la custodia cautelare e la separazione delle carriere. Più tardi, in merito alla sentenza di terzo grado sul procedimento Mediaset, a riunione terminata, dirà: «Io spero fino all'ultimo. La Cassazione non mi condannerà perché sono innocente. E i giudici di terzo grado leggeranno le carte».
Il Cavaliere, davanti ai suoi, rilancia pure Forza Italia che «emoziona di più del Popolo della libertà. Ci rifaremo all'appello del '94, a persone che non si erano mai occupate di politica perché sentissero il dovere di occuparsene». Quando? «L'annuncio sarà a settembre e poi la direzione nazionale del partito ratificherà la decisione». Quindi snocciola gli ultimi sondaggi: «Il Pdl è in vantaggio seppur di poco: 28,1% contro il 28% del Pd». E pure come coalizione: «Centrodestra al 35,9%, centrosinistra al 33,9%». Male Grillo perché «il Movimento 5 stelle sarebbe fermo al 15,9%».


di Francesco Cramer

Roma

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Ven, 12/07/2013 - 08:30

sostegno al quadrato a berlusconi! anche se venisse condannato, i comunisti non risolveranno mai i loro problemi :-) ma intanto condanneranno un innocente, poi finiranno per far esplodere il loro partito comunista mafioso, e a quel punto, non potranno essere più pericolosi, e la destra affonderà come un coltello nel burro, nel burro della giustizia... :-) comunisti: MAFIOSI! MAFIOSI! MAFIOSI! MAFIOSI!

gigi0000

Ven, 12/07/2013 - 08:42

La persecuzione giudiziaria, voluta dai SINISTRI BUFFONI, è talmente evidente per tutti, anche per coloro con le fette di salame sugli occhi, che negarla è veramente un insulto all'intelligenza comune. La cassazione dovrebbe assolvere un imputato che non avrebbe mai dovuto essere nemmeno rinviato a giudizio, ma, se lo facesse, smentirebbe i magistrati di Milano, in maniera tanto clamorosa, da creare una delegittimazione di fatto degli stessi, nonché un probabile balzo del CDX in fatto di credibilità e nei consensi elettorali. Il verdetto della cassazione sarebbe comunque l'ultimo grado di giudizio per la pubblica accusa, ma non per il Cavaliere, che, se fosse condannato, potrebbe ancora presentare il ricorso straordinario al capo dello stato e quello alla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo. Non avvenga mai alcuna di queste ipotesi, perché l'eventuale ribaltamento del verdetto sarebbe devastante per l'Italia e per la sua credibilità internazionale. Tutto il mondo si renderebbe improvvisamente conto che la giustizia in Italia è amministrata come nei peggiori postriboli.

xgerico

Ven, 12/07/2013 - 08:49

-Due giorni fa preparava "l'aventino", ieri se"condannano" cade il governo, oggi:«La situazione attuale è tale che porta al sostegno al governo. Quindi, se avessimo dichiarazioni negative sul governo, ce le dobbiamo tenere per noi». L'esecutivo deve andare avanti, anche se «Dobbiamo andare fino in fondo sul fronte dell'Imu e dell'Iva, temi per noi fondamentali. Non faremo sconti»...................Non mi pare di aver preso tanto sole, in questi giorni, forse qualcun'altro?!

SB_forever

Ven, 12/07/2013 - 08:50

Ore, 8,16... i KAPO' stanno chiamando "i compagni" ad intervenire su questo articolo... attendo con ansia l'ondata "dei soliti noti": i sinistrorsi.

poitelodico

Ven, 12/07/2013 - 09:00

La Cassazione non assolverà Berlusconi, ma troverà il modo per annulare questo processo e ordinarne uno nuovo che finirà in prescrizione. Tutti felici e contenti: Berlusconi continuerà ad essere attivo in politica, il governo sarà salvo ma il PDL, in cambio della "vittoria" giudiziaria, sarà costretto a lasciare via libera al PD sull'IMU e IVA , i giudici potranno dire che sono riusciti in qualche modo a "condannare" Berlusconi. Vi stupirebbe se finisse così? Siamo in Italia, no?

Cristina Ulcigrai

Ven, 12/07/2013 - 09:05

FORZA SILVIO BERLUSCONI,FORZA POPOLO DELLA LIBERTA',FORZA ITALIA!Ciao Cristina.

BlackMen

Ven, 12/07/2013 - 09:51

Ma come...."blitz della cassazione", "sentenza già scritta" e mo invece "la corte gli darà ragione"??? Ma fate pace col cervello una volta per tutte!

tonipier

Ven, 12/07/2013 - 10:10

" EGREGIO BERLUSCONI" A noi poveri cittadini poco interessano le vostre dispute di distruzione...a noi cittadini interessa la GIUSTIZIA che sia riformata mandando a zappare chi non merita....le varie PROCURE conoscono a fondo chi sono questi lavativi che disonorano la TOGA distruggendo il cittadino con i loro rinvii, rinvii, rinvii.. tutto questo è vergognoso.

Ritratto di H2SO4

H2SO4

Ven, 12/07/2013 - 10:22

Questi mi sembrano FALCHI DA CORTILE.

maubol@libero.it

Ven, 12/07/2013 - 11:23

Silvio, il popolino è stanco di questa Casta, non hanno capito che la corda si sta rompendo. Credevano di continuare a fare il bello, il cattivo tempo, ma credo che non sarà così. I REFERENDUM stanno partendo, bisogna andare in massa a firmare!!!

gianfran41

Ven, 12/07/2013 - 11:23

Purtroppo il Cavaliere sotto molti aspetti lo vedo come un guascone ingenuo. Non credo che la Corte gli darà ragione perché la sua sentenza è già stata scritta vent'anni fa quando decise di "salire" in politica. Dispiace perché Berlusconi, nonostante tutto, sembra una persona generosa ed altruista.

g-perri

Ven, 12/07/2013 - 11:49

Mi spiace per Silvio Berlusconi (che resterà sempre un gigante rispetto alla pochezza che rappresentano i suoi detrattori), ma credo che il suo destino (parlamentare) sia già segnato. Infatti egli è il nemico n. 1 per tutti coloro che il Italia difendono poteri che non avrebbero ragione di esistere, in quanto poteri autoreferenziali ed impropriamente esercitati, a volte, anche contro le stesse leggi. Sono troppi anni che in certi ambienti si è aperta la caccia nei suoi confronti, quindi oggi, arrivati ad un passo dall'obbiettivo perseguito da molti (ed anche con mezzi non leciti) penso che non si lasceranno sfuggire l'occasione che gli si è presentata. Pertanto il 30 luglio i suoi nemici ed avversari coglieranno il primo frutto della persecuzione iniziata da tempo nei suoi confronti e portata avanti con dispendio di mezzi e mezzucci (spesso contrari alla legge). Molti esulteranno e penseranno di avere vinto. La verità è che una volta abbattuto giudiziariamente Silvio Berlusconi, il potere autoreferenziale impropriamente esercitato in magistratura, prenderà il sopravvento in Italia su tutto e su tutti, quindi la casta per eccellenza si rafforzerà ulteriormente, e, senza mai rispondere dei propri errori a nessuno ed in nessuna sede seriamente costituita per fare ciò, continuerà ad arrogarsi il diritto di dire l'ultima parola su tutto e su tutti (a discapito del popolo, ossia a discapito degli unici soggetti legittimamente autorizzati a dire l'ultima parola in una democrazia compiuta). Da tutto ciò (che è estremamente nefasto e negativo per il funzionamento della democrazia) nascerà comunque una cosa positiva, una cosa imprevista e non voluta dai nemici di Silvio Berlusconi, che loro stessi avranno involontariamente alimentato con il loro operato, una cosa che potrebbe addirittura crescere talmente tanto da arrivare a produrre proprio quell'effetto che i nemici di Silvio Berlusconi stanno facendo di tutto per evitare. Infatti un Silvio Berlusconi condannato ingiustamente, oltre a ciò che già rappresenta, diventerebbe anche il simbolo del popolo che subisce sempre ingiustizie. Basta solo questo per dare un'idea di ciò che potrebbe accadere in Italia, se il 30 luglio, coloro che hanno in mano il suo destino si limitassero, ingiustamente, a confermare ciò che fino ad adesso è stato ingiustamente ottenuto in altre sedi, al solo scopo di non perdere quell'occasione ghiotta, da troppo tempo aspettata e perseguita. In tale evenienza gli italiani avrebbero ben poco da esultare, anzi, sarebbe quello il momento di rimboccarsi seriamente le maniche per cambiare ciò che Silvio Berlusconi voleva cambiare e che molti non vogliono che cambi in Italia.-

Ritratto di mr.cavalcavia

mr.cavalcavia

Ven, 12/07/2013 - 11:58

Essere "falchi" significa FARE LA GUERRA. Dai preamboli sembra non si voglia andare oltre le scaramucce da cortile. La guerra è guerra. Qualcuno vuole combatterla sul serio?

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Ven, 12/07/2013 - 12:03

G-PERRI tra il sacrificare il paese e sacrificare silvio, io direi silvio, e non perchè è sotto processo, ma perchè silvio si sacrifica per portare avanti una battaglia contro i poteri forti in italia, che sono: magistratura, corte costituzionale, il partito comunista mafioso, i poteri del presidente dello stato (che è anche presidente del CSM e capo supremo delle Forze Armate), la stampa di sinistra e in genere i mass-media. questi lottano per la restaurazione del paese, anche se a parole dicono il contrario (ed infatti NON abbiamo MAI visto prove di quelle promesse di cambiamento). costoro tendono a portare il paese verso una dittatura! ecco perchè silvio si aggrappa al suo posto! perchè vuole essere quello che lotta, e non quello che soccombe, perchè soccombere significa consegnare l'italia ad un lungo periodo di sciagure, di dittature, di poteri polizieschi e di polizia tributaria. alla fine non si vivrebbe più democraticamente, e ci farebbero venire la voglia di suicidarci...

Ritratto di H2SO4

H2SO4

Ven, 12/07/2013 - 12:10

Ripeto, sono FALCHI DA CORTILE che starnazzano molto e hanno il coraggio di una gallina.

BlackMen

Ven, 12/07/2013 - 12:14

gianfran41: ma perchè tutti continuate con questa cantilena che i processi sono cominciati quando Berlusconi è sceso in politica ignorando che il primo procedimento risale addirittura al 1979? Me lo spiegherebbe per favore? Grazie

Klotz1960

Ven, 12/07/2013 - 12:46

Il 30 luglio la Cassazione molto probabilmente condannera' SB, portando a compimento un progetto avviato nel 1994 e perpetrato attraverso la sistematica violazione dela Costituzione e dei codici penali, oltre che i doveri di imparzalita' e correttezza, da parte di giudici disonesi e politicizzati. Si sarebbe dovuto agire prima e molto piu' fermamente, ad esempio denunciando in massa i giudici che si permisero di scioperare contro leggi che li riguardavano, invece di comportarsi come gli "utili idioti" della tradizione comunista. Questa nutrita minoranza di giudici ed i settori politici e mediatici che la sostengono - Repubblica in primis - mirano direttamente al potere politico, e si fermera' solo se costretta da azioni ferme e radicali che sono fino ad ogi mancate. Uno scontro di dimensioni drammatiche all'interno dell'intera societa' italiana e' quasi inevitabile. Va poi tenuto conto che il progetto dellì'eliminazione di SB e del centro destra ha da qualche anno l'aperto sostegno di diversi poteri forti internazionali, a cominciare da Bruxelles e dalla Merkel. Non si tratta piu', da almeno 4-5 anni, solo di una questione interna italiana. L'Italia deve tacere ed obbedire a Bruxelles ed alla Merkel, fine dl discorso.

Ritratto di martinitt

martinitt

Ven, 12/07/2013 - 12:46

A secondo dell'ideologia politica dei Giudici, Berlusconi sarà condannato o assolto. Se sono tutti uguali, come dicono, lasciamo la scelta all'imputato. Ma questo non lo faranno mai.

franco@Trier -DE

Ven, 12/07/2013 - 12:58

ma se è innocente perchè non si fa processare subito?

Rooster69

Ven, 12/07/2013 - 13:08

Qua si fà un problema di prescrizione senza neanche considerare se è colpevole o innocente. Non sono solo i giudici a interpretare la giustizia ma anche voi. Incredibile. Più vi leggo più capisco che questo paese non cambierà mai.

tiptap

Ven, 12/07/2013 - 13:24

Il comunismo imploderà perché il diavolo fa le pentole, ma non i coperchi e soprattutto inganna per primi i suoi seguaci...

giottin

Ven, 12/07/2013 - 14:04

@blakmen. Non so se posso, sì posso. Guardi che gianfan41 non ha fatto alcun riferimento a quello che invece lei chiede spiegzioni!!!!!!!!

Ritratto di kinowa

kinowa

Ven, 12/07/2013 - 14:08

Caro Silvio, mi dispiace ma commetti due errori; il primo nel ritenere solo una parte di magistrati contro, perche, gli altri pur sapendo fanno finta di nulla, quindi parimenti colpevoli. La seconda è di credere nella sentenza.Purtroppo è da venti anni che la sentenza è scritta, devono solo preparare le motivazioni.Le tue colpe? Avere impedito l'avanzata della gioiosa macchina da guerra di Occhetto. La condanna vera cui ambiscono è la tua ineligibilità, al carcere non ci pensani nemmeno, a parte lo sciroccato di di pietro. Un consiglio da amico? Vai via dall'Italia chiudi tutte le tue imprese e manda l'Italia a fare in c... ce lo meritiamo.

BlackMen

Ven, 12/07/2013 - 14:30

giottin: sarebbe stato meglio se non avesse potuto. cito testualmente da gianfr41"...la sua sentenza è già stata scritta vent'anni fa quando decise di "salire" in politica"...lei come interpreta dunque questa frase?

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Ven, 12/07/2013 - 14:45

mortimer che vitaccia che fai e sorridi un po'....

Dema

Ven, 12/07/2013 - 15:09

Che cosa ha dato l 'Europa all' Italia ormai c' e ' da cominciare a pensarci ,questo paese oggi viene massacrato dai mercati internazionali non si può continuare così , vogliono la nostra testa il paese e ' allo stremo bisogna uscire dall' euro , il problema e' la Germania 2166 miliardi di euro questo non lo dice nessuno ma chiunque volesse controllare basta che digiti debito pubblico tedesco e troverà questo dato sorprendente di un paese che viene stranamente considerato il più solido d'Europa

killkoms

Ven, 12/07/2013 - 15:12

@blackman,in Italia causa leggi(ma delle stesse le libere interpretazioni delle medesime)ogni imprenditore prima o poi ha a che fare con la legge!piano,uno dei più grandi architetti mondiali viventi,vive e lavora in francia,e riscuote successo in tutto il mondo"le poche volte cje ha progettato qualcosa in Italia,ci sono stati quasi sempre polemiche e strascichi giuziari!

BlackMen

Ven, 12/07/2013 - 15:18

Agrippina: mortimer non è una persona che esprime contenuti ma un aizzatore del blog. Infatti utilizza solo 3/4 parole al massimo: mafia (e mafiosi), comunisti, magistrati...mischiate di volta in volta in ordine sparso :-)

BlackMen

Ven, 12/07/2013 - 15:24

killkoms: se in italia non sappiamo fare una cosa entro i termini di legge non è certo colpa dei magistrati. Che poi ci sistema di leggi eccessivamente cavilloso e di difficile interpretazione che finisce per vessare l'imprenditore è sacrosanto le devo dar ragione. Ma anche in questo caso la colpa non può ricadere sul potere giudiziario che è obbligato a far rispettare le leggi vigenti bensì su quello legislativo che nulla fa per migliorare le cose. Infine il suo discorso per quanto in parte condivisibile come le dicevo, non può essere applicato alle circostanze in oggetto. Qui non si parla di cavilli ma di intere reti di società fittizie costituite all'estero per accumulare fondi neri...mi pare un pò più grave...

killkoms

Ven, 12/07/2013 - 20:18

@blackman,ha mai sentito questa frase"Per i nemici le leggi si applicano,per gli amici si interpretano"?la pronunciò il celebre giovanni giolitti,primo ministro un secolo fà!quindi,non è/era un problema solo di berlusconi!il corpo giudicante nostrano ha le sue colpe,poichè desidera solo lo status quo per primeggiare sulle altre istituzioni!esso dirà sempre no,non solo alla responsabilità civile,ma anche ad una cosa come la separazione delle carriere tra giudicanti ed inquirenti,prevista nella maggior parte dei paesi civili!mai e poi mai essi accetteranno qualcosa di simile al"monkey proov"americano!ovvero leggi così semplici che le capirebbe pure un imbecille!la magistratura gioca molto,troppo,sull'interpretazione delle leggi!e quando vogliono le leggi se le fanno con le sentenze definitive!basti pensare al caso englaro!la magistratura preferisce lo sfascio giudiziario alla riforma della giustizia!in questi giorni la procura partenopea prepara l'ennesimo assalto giudiziario al cav.,causa il sospetto"acquisto" del panzone,già italicovaloroso!si insinua che con quell'acquisto,si fece cadere il 2°governo prodi,ma chi ricorda bene gli avvenimenti,sà che non è così!il governo prodi crollò quande la sua risicata mggioranza fù messa in crisi dalla defezione di mastella,che ra guardasigilli!perchè mastella(persona che non stimo affatto)fece cadere il gopverno prodi?per la campagna giudiziaria scatenata contro la consorte,impegnata allora nella politica locale campana!e perchè tale accanimento?mastella voleva il processo civile veloce e una scuola per i magistrati:argomenti invisi ai togati!

killkoms

Sab, 13/07/2013 - 12:09

@blackman,perso il conto degli invii!le cronache giudiziarie civili e penali sono piene e di ritardi abissali,e di sentenze da formula 1!basti pensare che i giudici,quando debbono tutelare la loro persona contro terzi(in genere giornalisti)optano quasi sempre per il civile,poichè così facendo la causa viene trattata nella località di servizio,e le relative cause NON sono decennali come le altre!qualche anno fa,la parlamentare napoli,finiana,segnalò il pericolo della scarcerazione per decorrenza dei termini,di un malavitoso calabro.ebbene,la procura interessata replicò quasi con stizza,come se giudicasse la cosa un'invasione d campo!non mi risulta che sia stato così col corsera!la verità è che silvio ha"sfidato"l'ordine giudiziario,mettendo in forte dubbio la"santità"di mani pulite,e si è beccato tutto il possibile e l'immaginabile dai medesimi! recentemente,pecorella,ex avvocato del cav.,ha ricordato una frase ndi piero calamandrei,uomo di sinistra,avvocato ed insigne giurista che scrisse pure un libro in difesa dei giudici.òa frase è più o meno così"i magistrati sono come i maiali!se ne colpisci uno,ti vengono addosso tutti"!l'accumulare capitali all'estero,oltre al costituire società fittizie,è un antico vizio italico,aggravato dalla nostra forte fiscalità,ma sembra che solo per alcuni è un peccato mortale!ricorda la famosa faccenda sul tesoro degli agnelli nall'esteromsollevata da una figlia dell'avvocato?come è finita?