Quei magistrati-voyeur a caccia di scene spinte. Se queste son domande...

Durante il processo Ruby, i giudici hanno trasformato il tribunale in un postribolo: ecco gli interrogatori più scabrosi

Milano - In principio furono due foto, allegate agli atti dell'inchiesta. Un paio di manette piumate, e un giocattolo erotico. Un sex toy. Trovati nella casa di un'olgettina, e catalogati come fonti di prova. Gli stessi per i quali l'ex direttore Emilio Fede - al telefono con la ragazza che era stata perquisita dalla polizia giudiziaria - se ne uscì con un icastico «Madonna di Dio, roba da pazzi». Era solo l'inizio. L'inizio di una discesa in picchiata nell'infimo del voyerismo, una corsa a grandi falcate verso l'osceno, un tuffo nello sprofondo del vizio privato offerto alla morbosità pubblica. Era il tempo delle intercettazioni, parole e parole tutt'altro che costumate che fecero il giro del mondo, a partire da quella da cui tutto ebbe inizio. Bunga bunga. Sembrò il fondo del baratro. Poi venne il processo. E si continuò a scavare.

Perché il Rubygate è stato anche questo. Un'aula di tribunale riempita di racconti da postribolo, una ricerca spasmodica del dettaglio scabroso. E del resto, non poteva che andare così. C'era da dimostrare che villa San Martino era una specie di bordello, che le ospiti di Silvio Berlusconi erano prostitute, e che ad Arcore ci andavano per esercitare la «professione». E così, grottesche e inevitabili, si sono sentite le domande della pubblica accusa - i procuratori aggiunti Ilda Boccassini e Pietro Forno, e il pm Antonio Sangermano - sui toccamenti, gli spogliarelli, la carne scoperta, i seni e i glutei, l'abbigliamento intimo, le strusciate, le scene erotiche e i rapporti sessuali. A cui, il più delle volte, le ragazze hanno risposto con un «no». Nessun festino a luci rosse. Al massimo un po' di burlesque. Non l'avessero mai detto. «Sia gentile - è stato chiesto a una ragazza - descriva nel dettaglio l'abbigliamento burlesque per facilitarci la comprensione».

E insomma, sempre lì si va a parare. Domande tipo: «C'erano ragazze interamente spogliate?» (udienza del 24 maggio 2012). O ancora, «Si è mai intrattenuta in intimità con Berlusconi, intendendo rapporti sessuali?» (pm Sangermano, udienza dell'8 giugno 2012). Ma alle volte ci si mettono anche i giudici. Come quando - sempre a giugno - a testimoniare era stata chiamata Johanna Visan. «Accade qualche volta che la Minetti (Nicole Minetti, ex consigliere regionale lombardo, ndr) si sia spogliata. C'era la musica alta e qualcuna si sentiva di fare uno spettacolo». Il giudice Turri vuole i dettagli: «Cosa vuol dire che la Minetti si spogliava? Si toglieva la maglietta, la camicia, le mutande, il reggiseno?». «Le mutande no».

Messe una in fila all'altra, potrebbero riempire un romanzetto porno-soft. «Si è mai avvicinata all'onorevole Berlusconi toccando o facendosi toccare, segnatamente nelle parti intime, ovvero seno, vagina, fondoschiena?». «Che tipo di performance facevano le ragazze, si dimenavano tra loro?». «Durante gli spogliarelli come rimanevano le ragazze, nel senso quali e quanti indumenti toglievano?». «Ha visto dei palpeggiamenti? Ha assistito a interazioni connotate da contatti lascivi?». «Nel verbale dell'interrogatorio invece si parla di mani in mezzo alle gambe. Lei ha visto toccamenti di tale specie?». «Ricorda se le gemelle erano nude o vestite? Ah, erano seminude, descriva meglio». «Esclude che sia girata una statuetta (quella di Priapo, ndr) raffigurante un omino nudo con l'organo genitale sproporzionato rispetto alle dimensioni della statua?». Di fronte a un simile campionario, fa quasi tenerezza la domanda (processo Ruby-bis) sul bacio che la cubana Lisa Barizonte diede a Berlusconi. «Come fu?», chiede il giudice Anna Gatto. «Alla francese».

Commenti
Ritratto di Agrippina

Agrippina

Gio, 16/05/2013 - 08:50

ma in un inchiesta che riguarda la prostituzione cosa dovrebbero mostrare se non ciò che attiene alla nobile arte?Certo che ce la state mettendo proprio tutta e avete sicuramente ottenuto il risultato che cercavate,ormai i vostri fan's odiano la bocassini,adesso però conviene spostare il tiro sul collegio giudicante,perchè saranno loro a giudicare e decidere in merito,ormai la boccasini è fatta,c'è lo step successivo,forza.

xgerico

Gio, 16/05/2013 - 08:51

Che cosa gli dovevano domandare??? A quale messa va la sera!

Ritratto di Izdubarino

Izdubarino

Gio, 16/05/2013 - 08:56

Malati di mente.

Ritratto di salvato502000

salvato502000

Gio, 16/05/2013 - 08:56

io ripeto che la signora boccassini ha vinto l'appalto di rovinare il signor berlusconi.... se si dovessero dare 6 anni a tutti quelli che hanno le serate allegre l'italia, l'europa, il mondo sarebbe tutta una prigione, si certamente il signor berlusconi non e' un santo,, ma credo che si stia esagerando con le persecuzioni, ma poi mi domando .. un PM un giudice non dovrebbe essere imparziale??? bhoooo certamente la signora in questione e troppo in alto o troppo protetta per non esserlo resisti berlusconi.. tanto se non e' in questo processo, sara in qualche altro che ti troverai fregato... forse non l'ai capit... ce l'hanno con te,...

franco@Trier -DE

Gio, 16/05/2013 - 09:02

certo che rispondono che non è vero con tutti quei soldi che si sono beccate...auto nuove centinaia di migliaia di euro....

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Gio, 16/05/2013 - 09:12

Interessante sapere che la trama dei filmetti prurigginosi alla Giovannona coscialunga o La Pretora fosse oggetto di costosissimi e interminabili processi. A quando sulla forca Vitali e la Fennech?

bruna.amorosi

Gio, 16/05/2013 - 09:22

Ieri sera ho seguito TIRO AL BERSAGLIO di MENTANA e se fossi stata un giudice.quel processo lo avrei annullato seduta stante ..il perchè? ALLORA UNA TESTIMONE DICE SI DENUTAVANO TUTTE ED I SENI LI ACCAREZZAVA BERLUSCONI, UN ALTRA TESTIMONE DICE SI TOGLIEVANO LE VESTI E RESTAVANO CON IL SOLO INTIMO allora delle due chi è che mente .? poi la RUBY la BOCCASSINI DEVE PROVARLO E LEI LO DEVE PROVARE CHE SI DAVA ALL'ORCO CATTIVONE CIOè BERLUSCONI .e se RUBYdice che NON HA FATTO SESSO cara ROSSA o c'eri anche tu oppure provalo .i soldi non bastano non c'è liquido seminale sopra i soldi .

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Gio, 16/05/2013 - 09:33

che cretini.... un sex-toy, un paio di manettine, e per loro diventano prove del collegamento tra berlusconi e la prostituzione delle ragazze. ridicoli... totalmente ridicoli :-) come dire, che a casa mia ci sono bicchieri usati per bere dalle ragazze che si prostituiscono a mia insaputa.... ma vi rendete conto del ridicolo? :-) cretini, cretini sinistronzi, siete proprio cretini!

Azzurro Azzurro

Gio, 16/05/2013 - 09:40

ma andate a prendere i mafiosi invece dei baci alla francese pirloni

Azzurro Azzurro

Gio, 16/05/2013 - 09:41

mortimermouse Caro amico sarebbe da ridere se non fosse da piangere, con 6 milioni di cause arretrate. Io questi qua li licenzierei in tronco e vorrei vedere chi li assume

Ritratto di mina2612

mina2612

Gio, 16/05/2013 - 09:49

@Agrippina. D'accordo, in un processo di sesso 'certe' domande sono di rigore.. ma non crede che a questo punto il processo si sarebbe dovuto svolgere a porte chiuse e non in mondovisione? E se da questi interrogatori piccanti non sono emersi quei fatti che la PM avrebbe tanto voluto far risalte malgrado la sua dovizia di particolari, perchè ha richiesto la condanna?

Francesco1977

Gio, 16/05/2013 - 09:49

@Agrippina. Vedi, il problema è che andare con le prostitute non è reato. Invitare delle ragazze a casa propria e pagarle per la loro compagnia non è reato. Fino a che Berlusconi non ha modificato la legge sulla prostituzione non era reato neanche il rapporto sessuale a pagamento di un maggiorenne con una ragazza di 17 anni. Se quindi le ragazze maggiorenni, ancorché prostitute, non commettevano nessun reato, le domande suddette non avevano alcun senso. Erano solo un'invasione della sfera privata di un cittadino. E il fatto che fosse presidente del consiglio non cambia assolutamente nulla. Questo processo è una farsa, non c'è uno straccio di prova, il reato di concussione non esiste, perché non esistono le vittime del reato ed è solo funzionale alla richiesta della pena accessoria dell'interdizione perpetua dai pubblici uffici. La Boccassini dovrebbe pagare per tutto il denaro ed il tempo che ha sprecato, pur essendo pagata dai contribuenti. Chissà perché proprio nella procura di Milano a fronte di 1500 denunce per violenza domestica, 1000 vengono direttamente archiviate! E non lo ha scritto solo il giornale ieri, l'ha scritto anche il Fatto Quotidiano, che non è che sia proprio un giornale vicino al Presidente Berlusconi.

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Gio, 16/05/2013 - 09:51

Mortimer infatti son proprio stupidi questi pm che trovano bonifici,bustarelle,intercettazioni e anche qualche divertente oggetto di piacere che come noto serve per le pulizie di casa....che stupidi,dovevano cercare i rosari..

Angela P.

Gio, 16/05/2013 - 10:14

Ripeto quello che ho detto su un'altra pagina: cari sinistri tutti, invece di godere guardando dal buco della serratura di casa Berlusconi, fate più sesso. Sarete felici e farete felici le compagne o compagni che dir si voglia. Meglio se fatto alla vecchia maniera.

bruna.amorosi

Gio, 16/05/2013 - 10:25

ma tu guarda ha fatto sesso con una minorenne che dice DI NON AVERLO FATTO allora ? le prove ci vogliono ed i soldi finchè non avranno il liquido seminale sopra non è una prova . poi quelle statuine ,roba da ridere se vai nelle bancarelle che vendono suvenir ne trovi quante ne vuoi ,,poi trovate nelle mani di quelle che la magistrata dice essere prostitute sai che novità .

motofrera

Gio, 16/05/2013 - 10:27

sembra che questi inquirenti, più che alla ricerca della verità siano morbosamente alla ricerca di di atteggiamenti da imitare.

MEFEL68

Gio, 16/05/2013 - 10:28

Tutte quelle domande sui "toccamenti e strusciatine" fra una portata e l'altra, cosa c'entrano con il processo? Le altre invitate, infatti, erano tutte più che maggiorenni. "Si attenga ai fatti", come dicono i giudici a chi divaga nell'esporre. L'unica minore è Ruby e solo su di lei dovrebbero convergere le domande. Ruby però nega e questo pone fine ai giochi. Tornando alle cene eleganti, voglio segnalare che sulla via Ostiense (strada che da Roma porta ad Ostia) c'è un grande cartellone (6 x 3) che pubblicizza un locale che propone Striptease, Lap dance e organizza FESTE PRIVATE segue indirizzo e n. tel. Questo dimostra che fare certe cose in casa non è reato. Tutt'al più è peccato. Ma di questo se ne occupa il prete e non il magistrato.

Klark

Gio, 16/05/2013 - 10:36

Cari videoguidati pidiellini. Gli italiani vogliono sapere perché Silvio ha versato 4,5 milioni di euro sui conti di un'adolescente di nome Ruby Rubacuori. Solo la verità processuale di un organo dello stato potrà stabilire se si è trattato di induzione alla prostituzione.

xgerico

Gio, 16/05/2013 - 10:41

@Francesco1977 - Cosa centra la violenza domestica con il processo in corso, questo lo sa solo lei. Poi dal quel che scrive per lei Ghedini e Longo suo due Avvocati "emeriti imbecilli"?!

egi

Gio, 16/05/2013 - 10:43

Verrà il momento anche per voi.

Wolf

Gio, 16/05/2013 - 10:43

Nessun reato....al massimo cattivo gusto.

nino47

Gio, 16/05/2013 - 10:43

@agrippina: Carissima, questa non è una "inchiesta", forse non ha capito che è un processo. A cosa ancora, invece, non l'ho capito io....e forse neanche lei!!!Se fossi in Berlusconi mi dichiarerei gay!mi piacerebbe sentire la Boccassini che fà domande sui glutei di emilio fede o lele mora.......

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Gio, 16/05/2013 - 10:45

Francesco e Mina,inutile ricordarvi che le prove portate dall'accusa saranno valutste dai Giudici,e' vostra opinione che siano insufficienti,ma la vostra come di chiunque altro non basta e non e' quella che conta,anche perche' voi in assenza di una confessione o della flagranza di reato vi accontentate della versione di tutto comodo dei due protagonisti,i quali hanno ottimi motivi per scagionarsi a vicenda,come si puo' facilmente comprendere spetta a chi di dovere stabilire la verita' processuale e pazienza se qualcuno rimarra' deluso,che sia un colpevolista o un innocentista.

MEFEL68

Gio, 16/05/2013 - 10:45

Alcuni mesi fa, un notissimo quotidiano romano riportava la notizia di un signore di circa 40-45 anni che ha avuto rapporti sessuali con una ragazza-ina di 14 anni che era la fidanzatina del figlio. I rapporti, in questo caso vere nefandezze, avvenivano quando, vista l'ora un po' tarda, questo signore, da buon padre di famiglia, riaccompagnava a casa la quattordicenne. Ebbene, quel signore è stato ASSOLTO con la motivazione che la ragazza era consenziente perchè dotata di una sessualità fervida. Pensate se quel padre fosse stato...

Roberto Casnati

Gio, 16/05/2013 - 10:46

Questi "magistrati" siano inviati in cura da uno psichiatra ma di quelli bravi però!

mar75

Gio, 16/05/2013 - 10:48

@MEFEL68: apra lei un locale di striptease e assuma ragazze minorenni, magari offra anche un servizio a domicilio con ragazze minorenni, poi vedrà se è reato o meno.... Ignorate ancora che il problema è il fatto che Ruby era minorenne in quel periodo e non il fatto che abbia organizzato un certo tipo di feste a casa sua.

Ritratto di komkill

komkill

Gio, 16/05/2013 - 10:53

Personalmente non mi scandalizza che gli investigatori facciano queste domande, ammesso che ci sia una motivazione derivante da una violazione della legge. Il vero problema nasce quando gli stessi investigatori, non contenti delle risposte, ripetono le stesse domande all'infinito ignorando quello che non conferma le loro tesi e raccogliendo pochi miseri indizi per costruire castelli di sabbia che presentano come prove granitiche. E nel fare questo tralasciano di occuparsi di altri ben più gravi delitti che non vedono Berlusconi come imputato. Ma tanto si sa, in Italia va così.

Ritratto di genovasempre

genovasempre

Gio, 16/05/2013 - 10:54

è UN PROCESSOo o sono scene del prossimo film di di tinto brass?

andreaugucc

Gio, 16/05/2013 - 10:58

@Agrippina in realtà nn è un'inchiesta sulla prostituzione ma sulla concussione! !!! ! Berlusconi è ascritto di aver fatto pressione sulla Prcura di Milano, ma entrambi i poliziotti della procura hanno detto che non ci sono state pressioni na solo domande da parte di Berlusconi su cm si stava procedendo cn Ruby perché pensava che fosse in qualche modo imparentata cn l'ex presidente egiziano Mubarak! !! Poi il processo educativo contro Ruby e la teste principale ha negato di avere avuto alcun tipo di rapporti sessuali con l'ex presidente del consiglio! !!!!

ABU NAWAS

Gio, 16/05/2013 - 10:58

ROB DE MATT!!!!!!!!!!!!!!!!!! QUANTO ODI TOGATO!! QUANTI SOLDI SPRECATI!!! QUANTA GENTE INTIMIDITA E VILIPESA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! A QUANDO LA TANTO ATTESA RIFORMA DELLA MAGISTRATURA, CON LA SEPARAZIONE DELLE CARRIERE, LA DIPENDENZA DEI PM DAL MINISTERO, LA RESPONSABILITA' CIVILE DEI GIUDICI, ECC. ECC. ECC. ECC.!!!! SARA' SEMPRE TROPPO TARDI!!!!

Ritratto di pravda99

pravda99

Gio, 16/05/2013 - 11:03

Non mi avventuro in cosiderazioni sulla legalita' o meno di certe pratiche, con persone maggiorenni o meno, perche' non sono nella professione legale, etc. PERO'...come si fa a non condannare moralmente e politicamente un leader di un Paese importante, specialmente dati i pessimi risultata della sua gestione? Sfido CHIUNQUE a dichiarare QUI e ORA che se le stesse attivita' "legali" fossero state praticate da Obama, o Merkel, o Cameron, o chiunque altro, sareste stati cosi' tolleranti.

Ritratto di genovasempre

genovasempre

Gio, 16/05/2013 - 11:07

Ventanni di processi indagini dispendio di forze di poliziadi lavoro delle procure di somme immani che fanno tremare il pil e il problema è sapere se il bacio alla francese è con la lingua dentro la bocca o se sfiora l' altra lingua.Questo paese è diventato un paese di folli

Ritratto di Il corvo

Il corvo

Gio, 16/05/2013 - 11:15

Ogni processo ha il suo oggetto. Probabilmente nel procedimento per corruzione di De Gregorio le domande verteranno su altri argomenti.

Francesco1977

Gio, 16/05/2013 - 11:22

@xgerico. Si presume che il reato di sfruttamento prostituzione minorile vada perseguito, oltre che per condannare chi lo compie, anche per tutelare quella che dovrebbe essere la vittima del reato medesimo, cioè la minore, o il minore. Si tratta quindi per lo più di reati che vengono commessi contro ragazzine minorenni. Cioè l'ennesima violenza sulle donne. Il parallelo che ho fatto è dovuto proprio a questa discrepanza: la Boccassini tutta intenta a dimostrare che ruby è stata oggetto di sfruttamento della prostituzione,che è una violenza perpetrata su una ragazzina, quando invece alla procura di milano non gliene frega nienta di 1000 donne su 1500 che subiscono altre violenze, tra le quali si annoverano anche stupri, costrizioni di qualsiasi genere, percosse e quant'altro.

gpl_srl@yahoo.it

Gio, 16/05/2013 - 11:27

ma il profilattico da lingua veniva messo regolarmente o no??? ecco una domanda importantissima che i giudici non facevano perché nessuno era in grado di rispondere; ed il gelato alla "fraaagola??" domanda più che mai giustificata solo che spesso queste ragazze arabe non capivano o facevano finta di non capire la domanda e non sempre i giudici erano in grado di fornire spiegazioni.... . Oggi per assistere a film pornografici non ci rimane quindi che andare in pretura

roliboni258

Gio, 16/05/2013 - 11:30

sono invidiosi perche' non sono stati invitati a casa di berlusca

Ritratto di filippo agostani

filippo agostani

Gio, 16/05/2013 - 11:31

E' una cosa indecente sentire i magistrati approfondire questi temi in un processo, invece averli fatti veramente sono solo "cene eleganti". ma vi rendete conto che a difendere l'indifendibile risultate solo ridicoli?

bruna.amorosi

Gio, 16/05/2013 - 11:34

PRAVDA99 perchè CLINTON che HA FATTO??se non lo ricorda lei lo ricordo io SI è FATTO SUONARE IL PIFFERO STOO IL TAVOLO DI LAVORO CHE QUARDA UN PO' ST' alla casa bianca . POI e stato rieletto x 2 volte sbaglio????????. POI NOI UN PRECENTE LO ABBIAMO AVUTO SI CHIAMAVA ..TOGLIATTI .SOLO CHE I MIDIA ALLA SIGNORA ERANO DEL LORO PARTITO QUELL'EPITETO NON LO AVREBBERO DATO MAI . censore mandalo x favore può servire a far tornare la memoria .

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Gio, 16/05/2013 - 11:39

La pretesa di condannare senza prove confiugura un regime di assolutismo giudiziario. Mmm... Brutto affare.

minimo

Gio, 16/05/2013 - 11:40

Signori, la procura accusa Berlusconi di presunta prostituzione minorile, non chiama a testimoniare la vittima(Ruby), ma si avvale di una testimone di accusa che durante la testimonianza viene a galla che lei aveva denunciato, dopo anni di prostituzione(lei era minorenne) un anziano che la remunerava con regali per lei e per la mamma. Ragionate un pochino sul paradosso. Questa si era scandalizzata, capite scandalizzata di cene burlesque, ma non si era scandalizzata ad avere rapporti in minore età. Le cene burlesque le aveva frequentate in maggiore atà. Povera magistratura inquirente che deve porre delle domande così "pruriginose" per dimostrare il nulla. E poi, ma le prove non devono essere presentate prima delle udienze? O forse si è porcedute al tentativo di "produrle" in udienza???Le agrippine, i gerici e tanti altri, se ne facciano una ragione. Processo politico.

andrea da grosseto

Gio, 16/05/2013 - 11:40

Pravda99 non sarebbero mai nemmeno venute fuori queste pratiche (quali poi, è sesso, se non ti piace affari tuoi) se fossero state fatte da chi hai ricordato. Sicuramente nessuno avrebbe fatto un processo per delle feste, con sesso o meno. Pessimi risultati? Confronta pure i dati del governo di destra con tutti gli altri, prima e dopo. A partire dalla disoccupazione che era sotto l'8%. Come è ora?

gpl_srl@yahoo.it

Gio, 16/05/2013 - 11:41

questi non sono magistrati ma persone senza pudore alla ricerca di emozioni erotiche: mentre facevano queste domande, con le mani cosa facevano???

buri

Gio, 16/05/2013 - 11:43

Ma è un tribunale o una succursale di Youporn? almeno avessero avuto la decenza di condurre l'interrogatorio a porta chiuse, ma in quel tale caso la signora Agrippina non avrebbe acuto la possibilità di sfogare il suo livore nei confronti dell'odiato Berlusconi, quasi mi viene il dubbio che sotto il nisckname si Agrippina si nasconde Ilda la rossa

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Gio, 16/05/2013 - 11:45

Si fa, ma non si dice. Se ci sono delle prove vengano esibite. Altrimenti si metta fine a questo scandalo, dieci ore di gossip, che danneggia l'Italia tutta intera, a cominciare dalla credibilità della Magistratura seria. Davvero può bastare così.

DADDY

Gio, 16/05/2013 - 11:52

Vergogna procura di Milano. Vergogna, vergogna.

cesaresg

Gio, 16/05/2013 - 11:57

Io dico solo che su un punto la Boccassini ha ragione da vendere di condannare Berlusconi non a sei anni ma a 60 anni. Ora ve lo dico qual'è il punto: la Boccassini non è MAI STATA INVITATA ALLE CENE DA BERLUSCONI. Ecco il motivo dell'odio contro Berlusconi e la condanna.Signor Presidente Berlusconi la prossima volta la inviti e vedrà che sarà tutto coccole.

MEFEL68

Gio, 16/05/2013 - 11:57

@@ mar75 -Lei, nella sua esposizione ha trascurato alcune cose. 1) perchè tutte quelle domande sul tono delle serate arcoriane a prescindere da Ruby; 2) Perchè non sta sotto processo l'agenzia, o chi per lei, per la quale Ruby lavorava. E' impensabile che senza un'organizzazione alle spalle una che si vuole prostituire possa arrivare a capi di governo, o industriali. Senza un'organizzazione non riesce a stare neanche sul marciapiede; 3) Perchè non stanno sotto processo anche gli altri clienti. Non credo che Arcore sia stato il suo primo "incarico"; 4) nessuno è stato presente alla copula (non è l'anagramma di cupola) e i due gaglioffi negano. Quindi, non c'è la certezza della colpa e al magistrato non resta che raccogliere le sue scartoffie e tacere; 5) mi piacerebbe che lei commentase l'altro mio post che tratta di quella sentenza che riguada quel 40enne.

africano

Gio, 16/05/2013 - 12:00

La cosa che fa sorridere è che alle cene di B queste cose non sono successe. Ma se uno si reca in una qualsiasi cena universitaria, o peggio in una cena gay, tutte queste cose le vede davvero. Ma allora è politically correct. Che porcheria ragazzi, che infamie contro Silvio

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Gio, 16/05/2013 - 12:03

i sinistronzi sono duri a morire :-) continuano a credere alle cazzate che i giornalacci comunisti raccontano. continuano a credere a quei scribacchini comunisti che, per un tozzo di pane, sono stati capaci di raccontare quello che voleva la gente: per l'appunto, in carcere berlusconi, anche senza prove! processo a berlusconi anche senza prove! fuori dal governo berlusconi anche se non ha fatto niente! poveri cretini... e quando dico poveri cretini, intendo proprio quei sinistronzi che qui commentano in modo schifoso!

Ritratto di Blent

Blent

Gio, 16/05/2013 - 12:03

ci sarebbe da ridere se non fosse che stanno sperperando soldi pubblici per nulla.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Gio, 16/05/2013 - 12:04

FILIPPO AGOSTANI sarà lei ridicolo! anzi, è lei l'indifendibile :-) noi difendiamo berlusconi e ce ne vantiamo! lei piuttosto, può andare su l'unità a criticare. se ci riesce :-))

killkoms

Gio, 16/05/2013 - 12:08

@agrippina,i magistrati sono il"clero"della repubblica!e come il clero,si ritengono i figli prediletti del Signore,e quando parlano dei loro peccati,usano il termine"atti inopportuni",mentre con quelli degli altri vogliono i particolari!questo è un processo inutile!

xgerico

Gio, 16/05/2013 - 12:10

@Francesco1977 . Ma perchè alla procura di Milano ci lavora solo la Boccassini?!

Azzurro Azzurro

Gio, 16/05/2013 - 12:21

pravda99 Ma cosa c'entra la condanna morale e politica con la condanna penale? Se e' da condannare politicamente o moralmente, lo decideranno i 10 milioni di elettori che l'han votato no? Qui si parla di processi inventati. Oh ma voi komunisti siete anche bacchettoni vedo. Avete proprio tutte le sfighe ahahahahah

Azzurro Azzurro

Gio, 16/05/2013 - 12:22

ma ve le immaginate le domande pruriginose rivolte con insistenza? Ma qui sembra un film di Lino Banfi!

Azzurro Azzurro

Gio, 16/05/2013 - 12:25

pravda99 Cavolo ma gente come te mi fa fare delle gran risate. Ma davvero non sai che Clinton ha avuto rapporti orali per un bel pezzo con una stagista? No dai non ci credoooooooooo

il corsaro nero

Gio, 16/05/2013 - 12:32

per agrippina ore 10,58- il problema è proprio questo! che non ci sono prove!

Ritratto di perigo

perigo

Gio, 16/05/2013 - 12:46

La magistratura in Italia è assurta a livelli inimmaginabili di "intangibilità" grazie all' "okkupazione" dei gangli del potere che l'ex PCI ha pianificato e portato a termine a seguito del dissolvimento della DC ma soprattutto con l'orrorifica operazione "mani pulite" nei primi anni '90. Nel corso degli ultimi decenni essere magistrati o pm vuol dire ultraterreno, supremo, sublime, divino. Impossibile che uno Stato la cui sovranità è secondo l'Atto Costitutivo, nelle mani del Popolo, possa essere governato senza alcuna investitura democratica da una casta irascibile e pericolosa di semplici impiegati statali trasformati (da chi ben sappiamo) nel braccio armato del cattocomunismo militante.

gigo52

Gio, 16/05/2013 - 12:47

Klark caro, cara? non è importante! io sono italiano non voto pdl e del fatto che berlusconi possa aver pagato una qualsiasi cifra a chiunque non me ne può fregare di meno, quindi parla a nome tuo e non ti ergere a portavoce degli italiani!!!!

Pazz84

Gio, 16/05/2013 - 12:53

Ma quesa qui dopo aver percepito 4 milioni ancora parla?!? Perchè non la smette di prendere per i fondelli la gente dicendo una marea di stupidagini... Lo capirebbe anche un fesso che è stata pagata per tenere la bocca chiusa. E poi, guarda caso, quando è stata chiamata a testimoniare al processo s'è fatta un bel viaggetto in sudamerica. E si lamenta pure che non l'hanno voluta sentire?

Angelo48

Gio, 16/05/2013 - 12:54

Spero di esser fortunato quest'oggi nella pubblicazione di questo commento. Serve un chiarimento definitivo a quei lettori e lettrici che non hanno ben chiaro il quadro processuale in atto; o meglio,fingono di non saperlo!PRIMO PUNTO: l'aspetto etico della vicenda va disgiunto da quello giudiziario ed i signori di cui sopra li mescolano impropriamente. PUNTO SECONDO: il processo ha come "cardini" di imputazione 2 reati; CONCUSSIONE E PROSTITUZIONE MINORILE. Tralasciando gli aspetti giuridici del primo reato, chiariamo gli aspetti del secondo. I magistrati DEBBONO PER LEGGE, dimostrare che Silvio ha avuto rapporti sessuali con la minorenne Ruby. In caso contrario, l'ipotesi di reato cade nel vuoto. Quindi amici lettori e lettrici iscritti al fan's' club degli antiSilvio, nulla c'entra appurare se l'ex premier godeva delle lascività e dei toccamenti delle altre ragazze presenti ad Arcore, in quanto esse erano tutte MAGGIORENNI! Quantunque fosse dimostrabile che in quelle feste c'era un clima da "luci rosse", non significa in termini "PROBATORI", che di conseguenza ci sia stato per forza l'atto sessuale tra Silvio e Ruby. Strane poi le osservazioni portate da qualche persona presente nei commenti sull'articolo: da un lato ci ricorda che le prove dell'accusa saranno valutate dai giudici e che quindi a nulla vale che gli innocentisti e i colpevolisti si azzuffino tra loro; dall'altro valuta - giudizialmente - che le domande poste in aula di cui all'articolo della Alfieri, rappresentano la normalità trattandosi di un processo basato sulla prostituzione. Valutazione sommaria, generica errata e fuorviante perche'- come già spiegato sopra - il processo e' basato sulla prostituzione minorile in quanto la maggiorenne che pratica tale attività in luogo privato o nel chiuso di una casa, non e' perseguibile per Legge. Spero di aver dato un contributo di chiarezza, anche se per i colpevolisti, il mio parere non fa sicuramente testo. Già, perche' per loro le Leggi si leggono e si interpetrano non sapendo che i Tribunali di ogni ordine e grado, non son chiamati a determinare quali colpe politiche e/o morali abbia un cittadino, ma solo se questi ha commesso un reato previsto e di conseguenza punito dal codice.

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Gio, 16/05/2013 - 12:58

Corsaro e chi lo ha stabilito che non ci sono prove tu forse?

MEFEL68

Gio, 16/05/2013 - 13:04

@@ Pravda69 - Se Berlusconi avesse fatto a Palazzo Chigi quello che ha fatto Clinton alla Casa Bianca...non oso pensarlo. Eppure, anche se tutto il mondo si è divertito a raccontare barzellette sull'argomento, gli Usa non hanno perso credibilità, tantomeno lo stesso Clinton. Trovo strano che gli "aperti" partiti di sinistra si siano scoperti bacchettoni e pretini solo ora e non ai tempi di Marrazzo e...troppi ce ne sono stati.

Amelia Tersigni

Gio, 16/05/2013 - 13:05

Brava bruna.amorosi ad aver ricordato a Pravda99 Bill Clinton e Togliatti. E' proprio vero quando la scatola cranica è piena di ideologia, non c'è posto nemmeno per la più piccola idea "sensata". Eppure ci voleva poco a ricordarsi di Clinton e Togliatti per i quali non ci scandalizziamo. Il "privato" dei politici, i qualsiasi parte siano, non è "affar nostro".

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Gio, 16/05/2013 - 13:07

Clinton??ma perche' parlate a sproposito?Clinton rischiava l' impeachement per aver mentito sotto giuramento,ma non si decise di arrivare a quel punto perche' confesso' e chiese scusa ed il procuratore rimase beffato.

Klark

Gio, 16/05/2013 - 13:20

gigo52 infatti io parlo di quegli italiani di cui lei, singolo individuo, non fa parte e non rappresenta.

Ritratto di ASPIDE 007

ASPIDE 007

Gio, 16/05/2013 - 13:24

...Ho la sensazione che tra le parti in causa vi siano persone che potrebbero essere affette da patologie maniacali per cui sarebbe auspicabile la consulenza di psicologi, psichiatri, sociologi o quant'altro. La materia del contendere, potrebbe essere quella di tentare di stabilire, nel caso specifico, chi delle parti in causa, ha arrecato o sta arrecando maggior danno alla società.

Ritratto di ferdnando55

ferdnando55

Gio, 16/05/2013 - 13:30

e un "se questa è una giornalista" non ce lo vogliamo mettere?

il corsaro nero

Gio, 16/05/2013 - 13:33

per agrippina ore 12.58 "Non c'è una prova che i quattrini versati nel corso di questi due anni da Silvio Berlusconi alle ragazze che frequentavano le serate di Arcore avessero come obiettivo convincerle a dichiarare il falso quando sono state interrogate dalla Procura di Milano nell'ambito dell'inchiesta Ruby." È questa la conclusione cui i pubblici ministeri milanesi che indagano sul Cavaliere e che hanno chiesto la sua condanna a sei anni di carcere sono arrivati al termine del processo, e che hanno messo per iscritto nella memoria consegnata lunedì scorso al tribunale e alle difese. A buon intenditor....!!!!

scipione

Gio, 16/05/2013 - 13:42

E' gente FRUSTRATA SESSUALMENTE.

precisino54

Gio, 16/05/2013 - 14:45

Chi è delle mie parti, conosce bene un bar molto caratteristico, per la particolare tipologia di alcuni prodotti venduti, per la particolarità architettoniche del medesimo, per la caratteristica dell'arredo. Il bar in questione è in quel di Castelmola, ridente frazione arroccata sopra Taormina, ha la caratteristica di svilupparsi su quattro piani raccordati tra loro da scalette ripidissime, tipo imbarcazione, è arredato con tutta una serie di carretti siciliani, oggettistica in pietra lavica, foto, oggetti in ceramica calatina e di Motta Camastra, ma il tutto fa da contorno, quasi da banale sfondo ad una collezione-esposizione di "ittifalli". Altro che statuette di Priapo, notoriamente dio della fertilità e non dell'osceno. Trattasi di una quantità forse ignota agli stessi proprietari, ma assolutamente variegata per forme dimensioni materiali e posture di ittifalli di varie provenienze. Ad onor del vero chi conosce quella bottega la indica non con il nome dei titolari, ma ammiccando sull'arredo. Ai procuratori di Milano chiedo: è una forma artistica, magari kitsch o volgarità? Agli stessi, e a quanti si dicono scandalizzati da quanto viene presunto avvenisse tra le mura di una abitazione privata chiedo: è pornografia oscena o libera espressione artistica? Sicuramente l'arredo è per lo meno originale ed in un qualche modo d'effetto, ma escludo che tra gli avventori ci sia mai stato alcuno travolto dal turbine della passione o dalla libido! Non voglio neanche qui sottolineare che non è l'abbigliamento delle signore-ragazzi il problema, né quanto c'è intorno ma gli atteggiamenti per cui può essere più lasciva e ammiccante una perfettamente vestita. A proposito nulla da dire su certi abiti portati sulle passerelle? Ahimè chi ha la mia età ricorda bene le campagne moralizzatrici del pretore Salmeri, ma pensava proprio di non doversi ancora sentire certe argomentazioni! Ho il sospetto che ci si dimentichi che si trattasse di abitazione privata, che i presenti fossero maggiorenni o supposti tali e di certo non coartati nella volontà. Dobbiamo per caso ricordare la freddura di quella vecchietta che sbirciava, salendo sull'armadio, nell'appartamento vicino per dirsi scandalizzata del fatto che l'inquilino se ne stesse nudo? Come ho avuto modo di affermare ieri, di osceno e da censurare nella vicenda c'è l'atteggiamento della procura per: le considerazioni fatte durante la requisitoria dalla Bocca, gli errori inescusabili sulla geografia, le affermazioni razziste e per il preconcetto esternato!

Francesco1977

Gio, 16/05/2013 - 14:50

@xgerico. Grazie della domanda. No, non ci lavora solo la Boccassini, ci lavorano tanti altri, che sottostanno alle direttive del procuratore Edmondo Bruti Liberati per lo smaltimento del lavoro e delle denunce. E queste direttive comportano che 1000 denunce vengano archiviate, evidentemente perché tali reati in quel di milano si ritiene che siano di poco conto. Ma a questo punto sorge una domanda: perchè un magistrato antimafia, e non è che in Italia mafia non ce ne sia più, ripeto, perchè un magistrato del pool antimafia come la Boc-casini si dedica ad un processo che non è di sua competenza? Ancora, visto che milano non riesce a soddisfare l'esigenza di giustizia di tutti, perchè si accolla processi non sono di sua competenza territoriale? Del resto il presunto reato di prostituzione è avvenuto ad Arcore e la presunta concussione a Sesto San Giovanni, entrambi di competenza territoriale del tribunale di Monza. Sa darmi qualche delucidazione?

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Gio, 16/05/2013 - 14:55

Angelo lei mi trova d'accordo sulla differenza di giudizio tra aspetto politico e quello processuale,in altri post ho sottolineato questa differenza ed in particolare mi son permessa di esprimere la mia opinione piu' sul piano politico che su quello processuale che e' materia che spetta al tribunale.Sulla questione della scelta da parte della procura di non contestare il reato di corruzzionr in atti giudiziari mi son limitata a prendere atto della correttezza da parte dei pm di non procedere sia in mancanza di prove certe da dimostrare,sia perche' come spiegato nell'articolo cio' avrebbe cambiato l'impostazione dell'accusa.Resto sempre del parere che i reati contestati debbono essere dimostrati con prove certe in tribunale e valutati dai giudici,al contrario degli iscritti al silvio fan's club(vedo che mi ha ironicamente soffiato la battuta...)che hanno gia` la sentenza pronta,alla faccia del garantismo.

Ritratto di Leo Vadala

Leo Vadala

Gio, 16/05/2013 - 14:59

Per Bruna.amorosi: Si', lei sbaglia. Clinton non e' stato rieletto 2 volte DOPO essersi fatto "suonare il piffero sotto il tavolo di lavoro". La suonata del piffero e' avvenuta alla fine del suo secondo mandato. Se la "pifferata" fosse avvenuta prima del o durante il primo mandato, le garantisco che Clinton non sarebbe stato rieletto nemmeno se fosse stato sponsorizzato da Gesu' Cristo in persona. Se Clinton - che, nonostante tutto, penso sia stato un ottimo presidente - avesse avuto la decenza di dimettersi subito dopo lo scandalo, non c'e' alcun dubbio che il suo vice, Al Gore, sarebbe stato eletto presidente. Ma lo scandalo che Clinton ha creato e' costato l'elezione alla Casa Bianca di Al Gore a favore di un onesto ma insulso George Bush.

Angelo48

Gio, 16/05/2013 - 15:03

mar75: egregio, prima di risponderle le riporto quel che ha scritto. Lei scrive ad altro lettore: " ..apra lei un locale di striptease e assuma ragazze minorenni, magari offra anche un servizio a domicilio con ragazze minorenni, poi vedrà se è reato o meno.... Ignorate ancora che il problema è il fatto che Ruby era minorenne in quel periodo e non il fatto che abbia organizzato un certo tipo di feste a casa sua. Certo che so (sappiamo) che aprire un locale ed assumere minorenni affinche' si spoglino e "trastullino" le serate degli ospiti, e' un reato; ma rimane il fatto che ad Arcore esclusa Ruby, erano tutte ragazze maggiorenni. Ecco perche' bisogna DIMOSTRARE che Silvio nell'occasione, si "trastullava" con essa. Ho detto DIMOSTRARE e non IPOTIZZARE sia chiaro. Quindi, non ignoro(ignoriamo) che Ruby fosse minorenne; e' lei che ignora cosa prevede il codice nella fattispecie, ed e' Ilda la rossa a parlare solo delle serate ad Arcore e a trascurare di dimostrare che nel corso di quelle serate si sia verificato l'amplesso tra l'ex premier e la Ruby. Si rilegga bene gli atti dell'inchiesta e l'arringa di Ilda prima di criticare il prossimo!

Angelo48

Gio, 16/05/2013 - 15:19

Agrippina: signora, ha proprio ragione lei! Quando leggo i suoi commenti non riesco proprio a capirli...vero??? Lei quindi separa l'aspetto etico da quello giudiziario?? Ah si..?? Ed allora, perche' ha scritto che le domande rivolte alle ragazze su come si svestivano, su come toccavano gli ospiti le ritiene giuste perche' trattasi di un processo contro la prostituzione? Nel precedente mio commento ho spiegato a lei e ad altri lettori, dove stia l'errore che commettete sul piano giudiziario. Perche' ritengo - da iscritto al fan's' club pro Silvio - che la sentenza e' già scritta? Glie l'ho spiegato in altri commenti a lei inviati e di cui non ho avuto riscontro da parte sua. Glie lo ridico. Perche' CODICE di Proc. Penale alla mano, Milano non e' la sede giusta per dibattere. Infatti, il reato di prostituzione si sarebbe consumato nella villa di Arcore e quel luogo e' sotto la competenza territoriale della procura di Monza. Il reato di concussione poi, si sarebbe consumato in quel di Sesto S. Giovanni (residenza dalla quale il capo gabinetto della Questura avrebbe ricevuto la telefonata di Silvio ed impartito successivamente ai suoi sottoposti le dovute direttive)che e' anch'esso sotto la competenza territoriale di Monza. Perche' dunque by-passare le LEGGI e farlo a Milano? Per darlo in mano alla Boccassini che - tra l'altro - e' titolare e coordinatrice in quella procura, del pool antimafia? E che c'entra dunque lei con le indagini e con l'arringa visto che l'inchiesta non ha nulla di riconducibile alla mafia? Le basta oppure devo spiegarle tante altre anomalie processuali che sono alla base del mio scetticismo verso una sentenza da vera giustizia?? Mi stia bene!

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Gio, 16/05/2013 - 18:42

Angelo io separo l'aspetto politico da quello giudiziario,non etico.L'aspetto giudiziario e' un conto ed in merito alla sua domanda presumo che le domande "pruriginose" servivano a rappresentare lo scenario ed il contesto nel quale la minorenne era introdotta,credo sia una scelta dell'accusa per dettagliare e dimostrare la consapevolezza del contesto.Sul piano politico invece ho sottolineato in altri post slegati dal contesto processuale,l'incapacita' del premier di tutelare la sya im.agine di mettere a rischio la sua figura,e gli interessi nazionali data la potenziale ricattabilita' del presidente.Gia'on passato era stato registrato da certa gente,o fotografate le sue abitazioni senza alcun controllo da parte dei suoi ospiti.Ma prendo atto che a oltre 7milioni di cittadini sta bene uguale.Circa la competenza territoriale ricordo che la obiezione fu sollevata dalla difesa,ma non ricordo il motivo per cui fu respinta,magari me lo spiega lei,come vede non devo far per forza la bastian contraria.3invio

Ritratto di genovasempre

genovasempre

Gio, 16/05/2013 - 18:43

Strano che a tutt' oggi nessun regista ci abbia fatto un film.Non so bene il titolo, ma proverei con 2L'introvabile priapo" oppure"indGINIsui toccamenti di un cittadino aldisopra di ogni sospetto" alla ricerca del vibratore scomparso"

onurb

Gio, 16/05/2013 - 18:51

Lo sfruttamento della prostituzione è reato. Mi sono sempre chiesto perché i PM non incriminano quanti traggono guadagno dalla commercializzazione della pornografia sotto ogni forma. Visto che il dizionario definisce la prostituzione come il commercio di prestazioni sessuali, mi pare naturale inserire tra le persone che esercitano tale attività anche le cosiddette pornostar e i cosiddetti pornoattori: cos'altro fanno se non offrire prestazioni sessuali in cambio di denaro?. Di conseguenza tutti coloro che lavorano e traggono guadagni nella lavorazione e produzione di film per il piacere dei guardoni dovrebbero essere considerati sfruttatori della prostituzione e incriminati come tali. Per sapere chi incriminare i PM dovrebbero semplicemente frequentare le sale cinematografiche a luci rosse e prendere nota del regista, del produttore, degli addetti alle riprese, ecc. Se il mio ragionamento è errato, allora anche Silvio Berlusconi, dando per assodato ciò che afferma la Boccassini, che è tutto da dimostrare può cavarsela dicendo che girava film porno. O no?

Angelo48

Gio, 16/05/2013 - 19:14

Agrippina: eccomi a lei sistema permettendo. Dunque e sempre "codice di p.p." alla mano (non idee mie quindi), la competenza territoriale e' quella dove il reato si materializza o si compie. Glie l'ho spiegato in termini a lei più comprensibili. Ma essendo la nostra magistratura (o almeno parte di essa)molto fantasiosa, i giudici della IV° sezione penale del capoluogo lombardo, hanno infatti rigettato le eccezioni sollevate dai legali dal premier in merito alla competenza funzionale e territoriale.Quindi, dopo avere ricordato le modalità dei fatti contestati al premier riguardo al reato di concussione aggravato dal fatto di avere agito "per coprire la prostituzione della minore e salvaguardare la propria immagine", i giudici hanno sottolineato come l'utilità raggiunta con la condotta concussiva è stata quella di essere riuscito "a fare rilasciare, la notte tra il 27 e il 28 maggio 2010, la minore Karima al consigliere regionale Nicol Minetti". Per questo la competenza territoriale al giudizio si radica a Milano. Poco importa se il reato di prostituzione minorile sarebbe stato commesso ad Arcore sotto la giurisdizione monzese. La seconda contestazione, infatti, relativa appunto alla presunta prostituzione di Karima, viene "attratta" dal reato più grave, cioè la concussione i cui "benefici" si sono concretizzati a Milano. Capito gentile signora? Le faccio 1 esempio:se io rubo 10 milioni per lei a Napoli per portarglieli a Milano, la sede competente e' quella milanese perche' e' li che lei prende i soldi(i benefici) da me rubati! PAZZESCO!!Ancora. Secondo i giudici quindi, il reato di concussione sarebbe di gran lunga prorompente rispetto alla prostituzione minorile. Di ciò se ne e' convinta anche la Ilda che ha riservato nella sua lunga arringa durata 6 ore e 12 minuti, ben 5 ore e 40 minuti al reato di prostituzione minorile. Alla faccia della coerenza!L'altro aspetto che lei evidenzia(quello etico/politico)mi trova d'accordo. Però oggi stiamo disquisendo sulle procedure processuali che - le ripeto - mi portano ad ipotizzare una condanna certa data la..fantasia di certi giudici!

Angelo48

Gio, 16/05/2013 - 19:15

il corsaro nero: caro amico, prendendo spunto dal suo dotto riferimento, vorrei aggiungere qualcos'altro. Se i magistrati avessero anche decisamente puntato sulla versione cara ai molti lettori iscritti al fan's club antiSilvio, sarebbero stati costretti (codice alla mano)ad ipotizzare anche il reato di "corruzione in atti giudiziari" laddove anche il TESTIMONE può essere soggetto attivo datosi che nel caso di accordo in esecuzione previo compenso, può rendere falsa testimonianza per favorire e/o sfavorire l'imputato di turno. Furbescamente i PM non si sono spinti fin quì per non finire facilmente KO giudizialmente. Ma cosa vuole che sappiano i lettori e le lettrici iscritti a quel club del codice e delle Leggi: a loro interessa solo che quel tipo di imputato finisca in galera e non nuocia più politicamente. salutoni. Me lo passate per favore? Grazie . 4° INVIO

Angelo48

Gio, 16/05/2013 - 19:17

Agrippina: eccomi a lei sistema permettendo. Dunque e sempre "codice di p.p." alla mano (non idee mie quindi), la competenza territoriale e' quella dove il reato si materializza o si compie. Glie l'ho spiegato in termini a lei più comprensibili. Ma essendo la nostra magistratura (o almeno parte di essa)molto fantasiosa, i giudici della IV° sezione penale del capoluogo lombardo, hanno infatti rigettato le eccezioni sollevate dai legali dal premier in merito alla competenza funzionale e territoriale.Quindi, dopo avere ricordato le modalità dei fatti contestati al premier riguardo al reato di concussione aggravato dal fatto di avere agito "per coprire la prostituzione della minore e salvaguardare la propria immagine", i giudici hanno sottolineato come l'utilità raggiunta con la condotta concussiva è stata quella di essere riuscito "a fare rilasciare, la notte tra il 27 e il 28 maggio 2010, la minore Karima al consigliere regionale Nicol Minetti". Per questo la competenza territoriale al giudizio si radica a Milano. Poco importa se il reato di prostituzione minorile sarebbe stato commesso ad Arcore sotto la giurisdizione monzese. La seconda contestazione, infatti, relativa appunto alla presunta prostituzione di Karima, viene "attratta" dal reato più grave, cioè la concussione i cui "benefici" si sono concretizzati a Milano. Capito gentile signora? Le faccio 1 esempio:se io rubo 10 milioni per lei a Napoli per portarglieli a Milano, la sede competente e' quella milanese perche' e' li che lei prende i soldi(i benefici) da me rubati! PAZZESCO!!Ancora. Secondo i giudici quindi, il reato di concussione sarebbe di gran lunga prorompente rispetto alla prostituzione minorile. Di ciò se ne e' convinta anche la Ilda che ha riservato nella sua lunga arringa durata 6 ore e 12 minuti, ben 5 ore e 40 minuti al reato di prostituzione minorile. Alla faccia della coerenza!L'altro aspetto che lei evidenzia(quello etico/politico)mi trova d'accordo. Però oggi stiamo disquisendo sulle procedure processuali che - le ripeto - mi portano ad ipotizzare una condanna certa data la..fantasia di certi giudici! 19.14

Angelo48

Gio, 16/05/2013 - 20:01

Agrippina: eccomi a lei sistema permettendo. Dunque e sempre "codice di p.p." alla mano (non idee mie quindi), la competenza territoriale e' quella dove il reato si materializza o si compie. Glie l'ho spiegato in termini a lei più comprensibili. Ma essendo la nostra magistratura (o almeno parte di essa)molto fantasiosa, i giudici della IV° sezione penale del capoluogo lombardo, hanno infatti rigettato le eccezioni sollevate dai legali dal premier in merito alla competenza funzionale e territoriale.Quindi, dopo avere ricordato le modalità dei fatti contestati al premier riguardo al reato di concussione aggravato dal fatto di avere agito "per coprire la prostituzione della minore e salvaguardare la propria immagine", i giudici hanno sottolineato come l'utilità raggiunta con la condotta concussiva è stata quella di essere riuscito "a fare rilasciare, la notte tra il 27 e il 28 maggio 2010, la minore Karima al consigliere regionale Nicol Minetti". Per questo la competenza territoriale al giudizio si radica a Milano. Poco importa se il reato di prostituzione minorile sarebbe stato commesso ad Arcore sotto la giurisdizione monzese. La seconda contestazione, infatti, relativa appunto alla presunta prostituzione di Karima, viene "attratta" dal reato più grave, cioè la concussione i cui "benefici" si sono concretizzati a Milano. Capito gentile signora? Le faccio 1 esempio:se io rubo 10 milioni per lei a Napoli per portarglieli a Milano, la sede competente e' quella milanese perche' e' li che lei prende i soldi(i benefici) da me rubati! PAZZESCO!!Ancora. Secondo i giudici quindi, il reato di concussione sarebbe di gran lunga prorompente rispetto alla prostituzione minorile. Di ciò se ne e' convinta anche la Ilda che ha riservato nella sua lunga arringa durata 6 ore e 12 minuti, ben 5 ore e 40 minuti al reato di prostituzione minorile. Alla faccia della coerenza!L'altro aspetto che lei evidenzia(quello etico/politico)mi trova d'accordo. Però oggi stiamo disquisendo sulle procedure processuali che - le ripeto - mi portano ad ipotizzare una condanna certa data la..fantasia di certi giudici! 19.14

Angelo48

Gio, 16/05/2013 - 20:03

il corsaro nero: caro amico, prendendo spunto dal suo dotto riferimento, vorrei aggiungere qualcos'altro. Se i magistrati avessero anche decisamente puntato sulla versione cara ai molti lettori iscritti al fan's club antiSilvio, sarebbero stati costretti (codice alla mano)ad ipotizzare anche il reato di "corruzione in atti giudiziari" laddove anche il TESTIMONE può essere soggetto attivo datosi che nel caso di accordo in esecuzione previo compenso, può rendere falsa testimonianza per favorire e/o sfavorire l'imputato di turno. Furbescamente i PM non si sono spinti fin quì per non finire facilmente KO giudizialmente. Ma cosa vuole che sappiano i lettori e le lettrici iscritti a quel club del codice e delle Leggi: a loro interessa solo che quel tipo di imputato finisca in galera e non nuocia più politicamente. salutoni.

Angelo48

Gio, 16/05/2013 - 20:03

il corsaro nero: caro amico, prendendo spunto dal suo dotto riferimento, vorrei aggiungere qualcos'altro. Se i magistrati avessero anche decisamente puntato sulla versione cara ai molti lettori iscritti al fan's club antiSilvio, sarebbero stati costretti (codice alla mano)ad ipotizzare anche il reato di "corruzione in atti giudiziari" laddove anche il TESTIMONE può essere soggetto attivo datosi che nel caso di accordo in esecuzione previo compenso, può rendere falsa testimonianza per favorire e/o sfavorire l'imputato di turno. Furbescamente i PM non si sono spinti fin quì per non finire facilmente KO giudizialmente. Ma cosa vuole che sappiano i lettori e le lettrici iscritti a quel club del codice e delle Leggi: a loro interessa solo che quel tipo di imputato finisca in galera e non nuocia più politicamente. salutoni.

Angelo48

Gio, 16/05/2013 - 20:04

il corsaro nero: caro amico, prendendo spunto dal suo dotto riferimento, vorrei aggiungere qualcos'altro. Se i magistrati avessero anche decisamente puntato sulla versione cara ai molti lettori iscritti al fan's club antiSilvio, sarebbero stati costretti (codice alla mano)ad ipotizzare anche il reato di "corruzione in atti giudiziari" laddove anche il TESTIMONE può essere soggetto attivo datosi che nel caso di accordo in esecuzione previo compenso, può rendere falsa testimonianza per favorire e/o sfavorire l'imputato di turno. Furbescamente i PM non si sono spinti fin quì per non finire facilmente KO giudizialmente. Ma cosa vuole che sappiano i lettori e le lettrici iscritti a quel club del codice e delle Leggi: a loro interessa solo che quel tipo di imputato finisca in galera e non nuocia più politicamente. salutoni.

Ritratto di genovasempre

genovasempre

Ven, 17/05/2013 - 01:43

Ruby dopo tutte le dichiarazioni che ha fatto con coraggio e onesta',è una delle donne piu dignitose che ci siano in italia.Da parte mia che ho seguito come è stata azzannata allo scopo di veder trascinato nel baratro berlusconi,devo dire chela stimo moltissimo