Per la Rai l'austerity non vale: 5 milioni per smistare la posta

I grandi risparmi annunciati restano lettera morta. Solo per le pulizie degli uffici in quattro città stanziati 35 milioni di euro in quattro anni

Un corpaccione nelle cui vene continua a scorrere un fiume di denaro statale. Con emorragie di spesa onnipresenti e conseguente dispersione di un'incredibile quantità di soldi pubblici. Benvenuti nel caleidoscopico mondo dei contratti di fornitura della Rai, l'azienda televisiva che sulla carta dovrebbe essere oggetto di una severa spending review. Sul punto, negli ultimi anni, gli annunci si sono sprecati, compresi quelli più recenti del presidente del Consiglio, Matteo Renzi. Il problema vero, nonostante le cure dimagranti intraprese, è che viale Mazzini continua a spendere e spandere, arrivando a toccare cifre che in un momento di vacche magre fanno riflettere.

Qualche giorno fa, tanto per dirne una, il gruppo guidato dal direttore generale Luigi Gubitosi ha messo sul piatto 5 milioni e 450mila euro per pagare «servizi di manovalanza, trasporto e trasloco» tra le sedi degli uffici aziendali situati a Roma. Se si vanno a leggere i documenti di gara e gli allegati, si scopre che fondamentalmente si tratterà di gestire lo smistamento di corrispondenza, giornali e plichi vari in quattro indirizzi. Per tutto questo, nei prossimi tre anni, si potrà arrivare a spendere la cifra di circa 10 miliardi delle vecchie lire. Ma le portate principali devono ancora arrivare. Non più di qualche mese fa i tecnici dell'ufficio appalti dell'azienda controllata dal ministero del Tesoro hanno predisposto i documenti di un bando quadriennale che vale la bellezza di 35 milioni e 648 mila euro. A cosa serviranno? Semplice, alla pulizia delle sedi di Roma, Milano, Napoli e Torino.

E in effetti quello delle sedi regionali è un calderone che brucia risorse a più non posso. Per la manutenzione edile degli uffici delle quattro città in questione, per esempio, un altro bando di gara della Rai prevede una spesa triennale di 9 milioni e 590 mila euro. Solo a Roma, per fare un esempio, il servizio dovrà coprire un elenco di 36 immobili. Tutti necessari? Per non parlare della manutenzione degli impianti di riscaldamento e condizionamento delle medesime sedi: in questo caso viene messo in preventivo un costo (anche qui triennale) di 12 milioni e 799 mila euro.

Fanno venire in mente un po' la Rai che fu, che però continua a spendere per la stessa ragione anche adesso. Parliamo dei gettoni d'oro da regalare a chi partecipa ai giochi a premi dell'azienda tv. Naturalmente questi gettoni vanno comprati, mettendo mano al portafoglio. Ebbene, non più di qualche mese fa viale Mazzini ha staccato un assegno della bellezza di 29 milioni e 100 mila euro per acquistare monete d'oro dal Poligrafico dello Stato. Il quale non è che abbia concesso un grande sconto, visto che la base di gara era fissata in 30 milioni. Poi c'è il capitolo degli spostamenti in macchina tra le sedi della capitale. Questione anche di rappresentanza, che in Rai è sempre molto sensibile. Al punto che un altro contratto in via di definizione, della durata di 24 mesi, chiede la fornitura in affitto di un numero imprecisato di berline «1600 cc di colore di rappresentanza con autista». Dai documenti si apprende solo che le vetture dovranno garantire fino a un massimo di 15 spostamenti giornalieri. Il tutto alla modica cifra di 2 milioni di euro. Curioso notare l'allegato in cui si impone agli autisti un obbligo di riservatezza «per quanto concerne le notizie di cui dovessero venire a conoscenza durante la prestazione del servizio».

Ancora, il motto recita che «l'appetito vien mangiando». Alla Rai lo sanno così bene da aver predisposto una gara biennale che si porterà via altri 2 milioni di euro «per la preparazione e consegna dei generi alimentari presso le sedi e i set di produzione di Roma». Anche qui, per non farsi mancare proprio niente, le carte spiegano che l'impresa aggiudicataria dovrà impegnarsi a fornire pure «diete a carattere religioso e diete vegetariane».

Tra le spese più consistenti, poi, ne spunta una che andrà a beneficiare RaiNews24, testata diretta da Monica Maggioni, giornalista apprezzata e stimata dal direttore generale Gubitosi. Qui in ballo c'è un nuovo «Sistema integrato per la produzione di RaiNews24». Costo dell'operazione: 10 milioni di euro, all'interno dei quali spunta pure un servizio da baby sitter. Ma a cosa serve, esattamente, tutta questa cifra? E qui viene il bello, perché dalla Rai si apprende che il capitolato tecnico, ovvero il documento di gara che fa capire esattamente in cosa consista il servizio, non è pubblicabile «per motivi di riservatezza». Dall'azienda fanno sapere che si tratta di una scelta dettata dalla volontà di non favorire i concorrenti e che i documenti si possono ritirare presso la sede della Rai da parte degli operatori interessati a concorrere per la commessa.

Bisogna allora andare a leggere il disciplinare di gara per capire che RaiNews24 ha bisogno delle seguenti forniture: sistema di produzione main e business continuity; materiale e apparati broadcast; lavori di realizzazione impianto audio/video/dati; lavori di realizzazione impianti elettrici; design, configurazione, servizi supporto verifica alla conformità e collaudo dei lavori; babysitting e assistenza alla messa in onda; manutenzione e supporto per 3 anni; servizi di migrazione contenuti; formazione. Per tutto questo la Rai ha fissato un importo massimo complessivo dell'appalto di 10.008.163 euro. All'interno del quale, quindi, proprio non si poteva rinunciare a un servizio di baby sitter.

E così, mentre impazza il dibattito sui tagli da imporre a viale Mazzini, mamma Rai continua ad allattare una spesa pubblica che più famelica non si può.

Commenti

rigadritto

Ven, 16/05/2014 - 08:36

In confronto a 1,69 milioni di "servizi di caffetteria" nel 2013 al Senato si può persino dire che non sono granché.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Ven, 16/05/2014 - 08:36

la rai è un carrozzone della sinistra! sinistri, siete veramente patetici, giustificate solo quello che vi fa comodo, mentre se sbagliate, non giustificate, vi chiudete nel silenzio, come è successo a napolitano dopo le rivelazioni del complotto contro berlusconi! ridicoli! stupidi come ersola e luigitipiscio !!!!

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Ven, 16/05/2014 - 08:43

Fino a quando la rai esiste per gli amici dei politicanti, non ci sarà soluzione e per amici non intendo un solo colore politico.

ferna

Ven, 16/05/2014 - 08:48

cosa dire dei compensi milionari ai vari conduttori tipo Clerici (la cuoca), Conti (l'africano), Fazio (il fazioso), ed altri personaggi tutti tanto cari proprio a quelli che non pagano il canone Rai....oltre al resto..

Ritratto di Izdubarino

Izdubarino

Ven, 16/05/2014 - 08:50

Pagare il canone è una vera gioia.

Ritratto di frank60

frank60

Ven, 16/05/2014 - 08:52

Ma fatemi il piacere!!

angelomaria

Ven, 16/05/2014 - 09:01

hanno la chiave della cassa e provate a torglierla!!!buongiorno e buontutto a voi cari lettori

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Ven, 16/05/2014 - 09:06

La RAI va chiusa e messa in vendita. Tutti i parassiti che vi sguazzano dovranno andare finalmente a lavorare!

Ritratto di WjnnEx

WjnnEx

Ven, 16/05/2014 - 09:16

Non preoccupatevi, tempo 2 mesi e vi dovrete rimangiare, come sempre d'altronde, quanto velenosamente scritto in data odierna. Grazie per la pubblicazione e buona giornata.

minestrone

Ven, 16/05/2014 - 09:19

***** la venderemo

bruna.amorosi

Ven, 16/05/2014 - 09:26

ma dai non è così poi tanto male . in fondo da quelle parti pagano anche una sboccacciata come la LITIZZETTO che volete di più

Ritratto di ersola

ersola

Ven, 16/05/2014 - 09:35

i commenti della tuttologa mortimermouse sono sempre sorprendenti e mai monotematici

Ritratto di ersola

ersola

Ven, 16/05/2014 - 09:38

io mi chiedo come la rai,i cui vertici sono stati per anni nominati da berlusconi, si possa definire di sinistra.

minestrone

Ven, 16/05/2014 - 09:39

venderemo il carrozzone dei politicanti falliti!

gneo58

Ven, 16/05/2014 - 09:39

continuo a ripeterlo - la rai deve chiudere !

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Ven, 16/05/2014 - 09:40

per questo ed altro siete un popolo bue di menefreghisti e babbei, peggio per voi che non vi ribellate mai evidentemente da tutto questo schifo ci guadagnate anche voi tutti.

linoalo1

Ven, 16/05/2014 - 09:43

Tanto,mica pagano loro!!E,i tanti ed inutili giornalisti sparsi per il mondo?Paga sempre Totò?Lino.

Ritratto di WjnnEx

WjnnEx

Ven, 16/05/2014 - 09:45

Sulla Rai il premier ribadisce l’intenzione di tagliare 150 milioni . «Costi quel che costi io ho intenzione di togliere la Rai ai partiti. Se siamo rottamatori vuol dire che lo siamo non per finta». E aggiunge: «Io non ho mai parlato con i vertici Rai e trovo folle che ora si pensi che la Rai sia nelle mani del Pd. La Rai non è né dei sindacalisti né dei candidati dei partiti che mettono bocca sui nomi anche delle ultime nomine».

Ritratto di spartaaaa

spartaaaa

Ven, 16/05/2014 - 09:50

mamma Carrozzone rai, di tutto di più

magnum357

Ven, 16/05/2014 - 10:05

Una azienda privata gestita come la Rai avrebbe già chiuso trent'anni fa, via tutti i dirigenti, via tutti i contratti plurimilionari e tutti a dieta forzata. Con il digitale terrestre si sono moltiplicati i canali ed anche le poltrone per gli amici degli amici.

Ritratto di Roberto53

Roberto53

Ven, 16/05/2014 - 10:08

Abolite il canone Rai e i contributi all'editoria, per fare fallire tre quarti della sinistra e relativi, finora inestinguibili, annessi e connessi.

james baker

Ven, 16/05/2014 - 10:10

Dovere d'informazione : Matteo Salvini ha risposto alla domanda che ieri ho fatto a Silvio Berlusconi su questo blog. E' meglio che Silvio speghi bene a tutti noi che gli abbiamo creduto per 20 anni cosa é accaduto veramente con Monti, con Letta ed adesso con Renzi. Era notorio che Il Popolo della Libertà era scomodo a molti. La denuncia degli americani é un fatto gravissimo che non puo' lasciare stascichi od ombre di nessun genere. Ho detto e ripeto su questo blog che il comportamento di Alfano puo' essere superato chiamando immediatamente al suo posto chi ne capisce qualcosa. Se non viene fatto, significa che ci troviamo davanti a delle questioni oscure. Adesso siamo stanchi di questioni oscure di qualsiasi genere. -james baker-.

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Ven, 16/05/2014 - 10:11

RENZI DOVREBBE FARE PIAZZA PULITA IN RAI, ENTE MANGIA SOLDI PER ANTONOMASIA. PERCHE' NESSUNO LANCIA LA PROPOSTA DI ABOLIRE IL CANONE, COSI' ALMENO NON SPERPERANO PIU' IL DENARO PUBBLICO.

Emiliotoscana

Ven, 16/05/2014 - 10:22

Io sono 10 anni che non pago il canone,seguendo le informazioni del giornale,ed oltretutto raramente guardo i canali rai. Finchè avranno i soldi del canone butteranno i milioni,basta chiudergli il rubinetto. CON RACCOMANDATA RR E UN VAGLIA DI POCO PIU' EURO 5, non butteranno via i vostri soldi.

Emiliotoscana

Ven, 16/05/2014 - 10:23

Io sono 10 anni che non pago il canone,seguendo le informazioni del giornale,ed oltretutto raramente guardo i canali rai. Finchè avranno i soldi del canone butteranno i milioni,basta chiudergli il rubinetto. CON RACCOMANDATA RR E UN VAGLIA DI POCO PIU' EURO 5, non butteranno via i vostri soldi.

amedeov

Ven, 16/05/2014 - 10:23

E poi ci si lamenta che i cittadini evadono il canone rai

Il giusto

Ven, 16/05/2014 - 10:28

Certo se al governo ci fosse ancora il pregiudicato e direttori di rete come minzolini,allora sarebbero soldi ben spesi...

enrico09

Ven, 16/05/2014 - 10:29

ersola non disturbi mortimermouse, vive nel suo mondo dove B. é bello e tutto il resto é sinistra, anche se in realtà chi ha inc.. B. fino a oggi sono sempre stati i suoi alleati di destra, in Italia e in Europa

maubol@libero.it

Ven, 16/05/2014 - 10:51

Privatizzate il carrozzone...

GimmeSong

Ven, 16/05/2014 - 11:02

pagare il canone a questi è come pagare tangenti per alimentare l'ingordigia, Forza Robin Hood

Holmert

Ven, 16/05/2014 - 11:16

La RAI è peggio di Alitalia. Si tiene in piedi grazie alla tassa di possesso del televisore, una tassa onirica nel momento in cui uno può scegliere di pagare la TV che più gli aggrada, tra le tante private, che tra l'altro offrono servizi anche gratis. I politi sin dal suo apparire, ci hanno ficcato tutti i loro lacché e caudatari, assicurandogli anche stipendi e benefit da nababbi. Potenza della informazione. La RAI si è inflazionata di direttori ,di vice direttori, di capiredattori in sede centrale ed in periferia, nelle sedi regionali. Venire assunti in RAI è come vincere all'enalotto. Non solo lo stipendio, ma corroborato dai tanti ammennicoli che lo rimpinzano, come trasferte, festivi ,straordinari e buoni pasto. Insomma un bel mestiere. Pensate che i direttori ed i vice hanno anche macchina con tanto di autista. Chi come loro? Forse un cardiochirurgo del San Camillo, che di fatto salva vite umane e se sbaglia va sotto processo? Dio li fece uguali, la politica facendo miracoli li rese diversi. Altro che moltiplicazione dei pani e dei pesci.

piertrim

Ven, 16/05/2014 - 11:19

La SX, giustamente sta cercando il modo di ridurre tasse e spese. Peccato non parli mai di togliere o quantomeno ridurre il canone RAI, né di far pagare alle COOP le stesse tasse che pagano gli altri del settore. Che motivi inconfessabili ci saranno se Greganti gira ancora tra Coop e Parlamento? Basta è ora di finirla con questi magna magna, vadano a lavorare come tutti.

giovanni PERINCIOLO

Ven, 16/05/2014 - 11:52

Letti i commenti degli amici trinariciuti potremmo tranquillamente qualificarli come "facce come il culo" se non temessimo di offendere i culi!

swiller

Ven, 16/05/2014 - 11:59

Politici pubblici amministratori statali un'esercito di parassiti.

silvano45

Ven, 16/05/2014 - 12:03

sono tutti al servizio del partito dire servi è brutto ma la veriyà sono tutti direttori sono in larga parte inutili vedi dipendenti delle reti europee sono tutti superpagati e gli appalti bisognerebbe conoscere i nomi a cui appartengono le ditte appaltatrici ricordiamo che la suocera di fini .......................

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Ven, 16/05/2014 - 12:19

ENRICO09 lei cosi facendo dimostra di essere più cretino di ersola :-) lui poveraccio, almeno l'attenuante della malattia mentale... ma lei??? sta messo male, veramente :-) difende un cretino come ersola e per di piu difende un sistema mafioso che la sinistra ha messo in piedi con l'unico scopo di far fuori berlusconi! :-)

corio lano

Ven, 16/05/2014 - 12:26

A fronte di retribuzioni miliondiarie, un giornalista laureato con tanto di abilitazione professionale (concorso) e venti anni di carriera, noto al pubblico (perché conduce un telegiornale, fa servizi e "speciali" importanti, lavora nove ore al giorno e non prende ferie) riceve duemila-duemila duecento euro mensili, comprese ndennità e senza nessun rimborso di spese di vestiario, abbigliamento etc. I loro capi introitano dieci-quindici volte tanto, e così gli "esterni", spesso incapaci ma piazzati dai politicanti o dai capi, a loro volta politicizzati. Basterebbe adeguare i compensi degli esterni per risparmiare cifre da capogiro e perequare le retribuzioni degli interni per ottenere migliore qualità. Non parliamo poi dei programmi di intrattenimento: decine di personaggi inutili compaiono sullo schermo al solo scopo di introitare una fetta della torta; torta che paghiamo noi, oltretutto.

magnum357

Ven, 16/05/2014 - 13:11

In Rai c'è bisogno di una enorme cura dimagrante, un po' come quella fatta dalla culona Merkel, per intenderci. Niente alibi per giustificare la monnezza nel bilancio Rai. Diminuendo le spese e razionalizzando gli immobili, si potrà diminuire pure il canone.

funzionario

Dom, 18/05/2014 - 01:06

babysitting e assistenza alla messa in onda.... Totò avrebbe detto "si informi!" prima di scrivere servizio di baby sitteraggio...Si parla di costruzione e ammodernamento regie televisive con nuovi sistemi di produzione main e business ,per i quali viene fornita assistenza e garanzia . La "baby sitter" non è una signora con le tette, ma l'assistenza ai nostri tecnici dai primi "vagiti" della regia...

funzionario

Dom, 18/05/2014 - 01:22

Il servizio di babysitting non è una signora con le tette, ma l'assistenza e i corsi che le ditte fornitrici fanno al personale Rai per imparare ad utilizzare i nuovi apparati e sistemi di trasmissione. Si parla di ammodernamento di Regie tv in quel capitolato... Si informi!(Totò)

funzionario

Dom, 18/05/2014 - 20:02

Sansonetti si è informato...? Quando si ricevono e di danno certe informazioni bisognerebbe essere più precisi, così ha fatto solo un lavoro sporco che il "popolo" apprezza perché"bla bla" contro la Rai. Purtroppo per lei, anche noi abbiamo i mezzi per sapere chi pubblica e controbattere, e le assicuro, ora siamo molto agguerriti.