Renzi non molla sul Senato: "Riforma o lascio il governo"

Il premier a Grasso: " È la seconda carica dello Stato, ma non è imparziale". Boschi: "Ecco come sarà il Senato delle Autonomie". Ma il ministro Giannini: "Ddl inconsueto"

Matteo Renzi non ha intenzione di cedere sul Senato. Al premier non interessano le rimostranze del presidente di Palazzo Madama Pietro Grasso che chiede di mantenere una seconda Camera di eletti, pur cambiandone la funzione.

"Su questa cosa non mollo di mezzo centimetro, andiamo diritto. Voglio che anche chi non ci crede ed è sfiduciato possa vedere che stavolta il risultato lo otteniamo", ha detto il premier a Rtl 102,5, minacciando le dimissioni in caso la riforma del Senato non vada avanti. In tal caso, spiega, "non ha senso che gente come me stia al governo: ci giochiamo la faccia e tutto il resto".

"Per ridurre i parlamentari, evitare il ping pong delle leggi, semplificare il quadro, facciamo del Senato, come in tanti Paesi, il luogo dove siedono, senza indennità, sindaci e presidenti di Regione", ribadisce Renzi, "Si tratta di vedere se questa volta si bluffa o si fa sul serio, perché si chiede ai senatori di superare il Senato. Non è mica facile, lo so. Ma è una questione di dignità". In particolare il presidente del Consiglio si rivolge ai senatori Pd: "Provo curiosità: voglio vedere se davvero non votano. I parlamentari del mio partito che non vogliono votare dovrebbero ricordare che quella proposta l’ho portata alle primarie ed è stata votata dai nostri elettori e due volte dalla direzione".

Già in un'intervista al Corriere della sera Renzi aveva ribadito la linea dura: "Il Senato non vota la fiducia. Non vota le leggi di bilancio. Non è eletto. E non ha indennità: i rappresentati delle Regioni e dei Comuni sono già pagati per le loro altre funzioni", ha spiegato. E sulle parole di Pietro Grasso ha commentato: "Sono molto colpito da questo atteggiamento del presidente. Io su questa riforma ho messo tutta la mia credibilità; se non va in porto, non posso che trarne le conseguenze. Mi colpisce che la seconda carica dello Stato, cui la Costituzione assegna un ruolo di terzietà, intervenga su un dibattito non con una riflessione politica e culturale, ma con una sorta di avvertimento: Occhio che non ci sono i numeri. Se Pera o Schifani avessero fatto così, oggi avremmo i girotondi della sinistra contro il ruolo non più imparziale del Senato".

Maria Elena Boschi, intervistata da la Stampa e l’Unità, ribadisce poi il suo no all’elezione diretta dei senatori: "È uno degli elementi che abbiamo sempre condiviso sia con gli alleati di governo che nel pacchetto di riforme con Forza Italia. Rispetto al testo del 12 marzo non ci sono rivoluzioni". In particolare, il ministro delle Riforme spiega come la riforma si basi su "superamento del bicameralismo perfetto, niente più voto di fiducia del Senato, che non voterà neanche il bilancio dello Stato. I membri non eletti e senza indennità". Il Senato delle Autonomie avrà invece "pari poteri alla Camera per le leggi costituzionali e di revisione costituzionale. E anche sull’elezione del Capo dello Stato, dei membri del Csm e della Consulta. Quindi rimangono le funzioni di garanzia". La nuova Camera, inoltre, sarà composta da "148 persone".

Nel dibattito si è inserito anche il ministro Stefania Giannini. "È un po’ inconsueto che sia il governo a presentare una proposta di legge su questo tema, serve che il Parlamento ne discuta per ritoccare e migliorare alcuni aspetti", ha dichiarato l'esponente di Scelta Civica in una intervista a Radio Futura, invitando il premier a non avere fretta ("Anche se non credo che il verbo aspettare appartenga al vocabolario del presidente del Consiglio").

Commenti

Lino.Lo.Giacco

Lun, 31/03/2014 - 11:01

bravo Renzi stai dimostrando di avere le palle non ho mai votato a sinistra ma se riesci a portare a termine con successo il tuo giusto e sacrosanto programma ti votero' a vita e a grasso che ha gia' rotto a sufficienza le ... dico si levi dalla faccia di cittadini valeva poco prima e vale niente adesso faccia risparmiare quei soldi spesi inutilmente per la sua carica ne abbiamo bisogno

Klotz1960

Lun, 31/03/2014 - 11:03

Perfetto, Renzi, perfetto. Hai anche inquadrato alla grande che losco figuro e' Grasso.

barretta gennaro

Lun, 31/03/2014 - 11:08

Renzi ha ragione : via il Senato . E' finita l'epoca dei parrucconi . Una soloa camera a legiferare. SE MAI NON SI INZIA MAI VEDREMO LA LUCE , LA LUCE DI GIOVANI E DISOCCUPATI E NON DELLA CASTA E DEI CORROTTI.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 31/03/2014 - 11:14

Fermo restando che al comune cittadino delle alchimie coprologiche di queste pseudoriforme costituzionali non potrebbe fregare di meno, siamo,poi, così sicuri che alla prova dei fatti queste mirabolanti pensate non faranno ritornare dalla porta le spese che erano uscite dalla finestra, magari maggiorate? La m.... , anche se rimescolata a dovere, tale rimane.

Ritratto di mina2612

mina2612

Lun, 31/03/2014 - 11:17

Un Premier, mai eletto dall'elettorato attivo del Paese e con un altro golpe voluto e appoggiato dal PdR, pretende di stravolgere la Costituzione (fino a ieri definita, proprio dalla sinistra, la più bella del mondo!), come farebbe un autentico dittatore... E da buon dittatore il suo refrain è: "io ci metto la faccia e se non riesco nei miei intenti, lascio tutto e torno a casa"!Ma perchè cinquantamilioni di persone devono sottostare a quell' ? C'è molto da rinnovare, ma la Costituzione non la si può modificare a seconda dei capricci dell'uno o dell'altro e in quattro e quattr'otto!

fcf

Lun, 31/03/2014 - 11:18

Bravo Renzi, hai confermato quello che era già chiaro cioè che Grasso non è super partes, ma uno spocchioso uomo di partito. L'abbiamo già visto come si è comportato con Berlusconi ! D'altronde un comunista viscerale non può essere super partes,bensì uno squallido conservatore come lo sono i comunisti.

marvit

Lun, 31/03/2014 - 11:19

Che dire?? Esistono ancora delle persone serie?? S'è così anche non votando PD: forza RENZI !!

Ritratto di michele lamacchia

michele lamacchia

Lun, 31/03/2014 - 11:19

Se prevarrà la (anomala) volontà politica di chi, invece, non dovrebbe averne ( o, almeno, non praticarla) e i relativi maneggi per mettere il freno al programma del Governo, vorrà dire che abbiamo un Governo paglietta e che la Costituzione, altro che rischio!, è già stata ampiamente stravolta da un Presidente del Senato il quale, per via del suo indebito ed ingerente attivarsi politico, andrebbe subito sfiduciato in quanto non imparziale. Il caso Fini dovrebbe allarmarci tutti: il pensare democratico, il pensare a norma di Costituzione, se sono autentici, devono precedere gli interessi personali per le poltrone. E se Renzi, anche realizzando tutto il resto del suo programma, non è capace di organizzare la resistenza mediante la sfiducia è soltanto una bolla di sapone o, peggio, colluso recitante. Questi sono tipi di pericoli con cui non si scherza e non si cazzeggia! Grasso, se vuole fare della politica ha il prioritario obbligo di dimettersi dalla carica di Presidente del Senato e soltanto poi faccia l ' opposizione. E se Renzi non ha gli attributi o se ha paura dei PM (che già lo stanno intimidendo - vedi caso proprio ora!- per via della ' appartamento) vuol dire che sta sotto schiaffo e che governa per conto terzi. Allora, a casa pure lui! Al Governo vada uno che non abbia motivi di subire pressioni giudiziarie da parte dei colleghi di questo strano Presidente del Senato ex PM!

vittoriomazzucato

Lun, 31/03/2014 - 11:26

Sono Luca. Cosa aspetta Pietro Grasso a cavarsi quella maschera di imparzialità che ha voluto mettere da quando è diventato presidente del Senato: buffone. GRAZIE

tadda

Lun, 31/03/2014 - 11:34

bene . non ho mai votato a sinistra e mai lo faro' . non capisco cosa di sinistra possa appartenere a Renzi . ma sicuramente e' chiaro a tutti come i problemi di questo paese siano proprio quelli che Berlusconi va denunciando ( e subendo in prima persona ) da 20 anni . se verranno risolti da uno che si presenta da sinistra sara' comunque un bene per tutti . dopo di cio' ci potra' essere un'alternanza di politiche di destra o di sinistra che , come in tutti le democrazie avanzata , potranno differire in scelte di metodo ma non certo di risultato . in ultimo . .ma se Renzie si presentasse come leader di un centrodestra moderno si raggiungerebbe il 50 % ? e se le stesse cose le dicesse ( in parte ripetesse ) Berlusconi le piazze sarebbero altrettanto deserte ?

abocca55

Lun, 31/03/2014 - 11:50

Tutti noi di FI dobbiamo convincere il Cavaliere di non ostacolare il percorso delle riforme, a nessun costo. Sarebbe una tragedia che i votanti di FI non sapremmo giustificare. LE RIFORME PRIMA DI TUTTO, anche a costo di sacrificare qualcosa.

Mr Blonde

Lun, 31/03/2014 - 11:50

Memphis35 un pò di ottimismo su, almeno vediamo come va a finire

@ollel63

Lun, 31/03/2014 - 12:07

renzi NON è ELETTO, e grasso così così ma sempre senza elezioni. E napolitano!... un velo pietoso. TORNIAMO SUBITO ad ELEZIONI. Non possono puntare i piedi né renzi, né grasso, né altri né, tantomeno, il napolitano. ELEZIONI SUBITO, domani. Via tutti questi cialtroni.

GVO

Lun, 31/03/2014 - 12:13

Senatori tutti a casa e senza soldi...,costate solo e non servite a niente..!

linoalo1

Lun, 31/03/2014 - 12:14

Se fossimo in Inghilterra,si sarebbero già aperte le scommesse su chi vincerà!Personalmente,per Renzi la vedo brutta!Speriamo in Grasso!Così vediamo se Renzi è di parola!!Lino.

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 31/03/2014 - 12:24

Contrariamente a quanto pensa il magistrato passato alla politica ed incredibilmente assurto alla presidenza del Senato della Repubblica, il bicameralismo perfetto, che inquina irrimediabilmente il nostro ("nostro" si fa per dire, in realtà "loro") sistema parlamentare, trova applicazione solo nel bel paese, in Romania e pochi altri stati non ben identificati. Ciò risulta da uno studio fatto nel 2008 dalla Camera dei deputati, facilmente consultabile su internet, che ha accertato che il bicameralismo riguarda solo il 40 per cento degli stati, mentre il BICAMERALISMO PERFETTO inventato dai nostri costituenti è praticamente quasi una nostra esclusiva, a dimostrazione che la “patria del diritto” ne ha perso la chiave. Il tutto è consultabile su http://documenti.camera.it/leg16/dossier/testi/es0049.htm#_Toc205622611.

maubol@libero.it

Lun, 31/03/2014 - 12:27

E vai Renzi, se ascolti i burocrati non andiamo più a casa. Grasso? Può andare in pensione ha già una bella cifra mensile come ex magistrato.

agosvac

Lun, 31/03/2014 - 12:34

Il Presidente del Senato, certo grasso,ex magistrato, parla tanto di Costituzione riguardo la modifica del Senato, ma nessuno gli ha fatto notare che, secondo la Costituzione, la seconda carica istituzionale non può fare politica e pertanto non può neanche dare giudizi politici?????

Gianca59

Lun, 31/03/2014 - 12:38

Fa bene ad inchiodare il comunista Grasso: così vediamo chi è il conservatorismo che si oppone al cambiamento….

Ritratto di wilegio

wilegio

Lun, 31/03/2014 - 12:38

E' una minaccia o una promessa?

Hook61

Lun, 31/03/2014 - 12:40

sentito lo sproloquio di Grasso. non sa usare tempi e modi dei verbi e spesso non sa mettere insieme soggetto predicato e complemento. In pratica la seconda carica dello stato italiano ha un italiano approssimativo. Altro non dico.

tartavit

Lun, 31/03/2014 - 12:40

Renzi non mollare! Adesso entra a gamba tesa anche il Presidente del Senato per bloccare tutto, spalleggiato da chi non ha nessuna intenzione di mollare l'osso. Evidentemente questo Signore si è dimenticato che alla presidenza del senato ce lo ha messo il PD. Che dire. E' da non credere. Ma poi l'avvertimento, la preoccupazione che è in gioco la democrazia nel nostro paese per fare una riforma che è in vigore in tutti gli altri paesi, è veramente ridicolo ed indica solo che chi così ragiona del nostro paese se ne impipa. Renzi non mollare! Vai avanti, non farti ingabbiare da questi vecchi marpioni.

AndreaT50

Lun, 31/03/2014 - 13:01

Renzi ha ragione da vendere.

Klotz1960

Lun, 31/03/2014 - 13:05

"E' la seconda carica dello Stato ma non e' imparziale". Ed e' un giudice!!!Grazie, Renzi, per aver inquadrato questo figuro.

Ritratto di ohm

ohm

Lun, 31/03/2014 - 13:06

Ciao!

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 31/03/2014 - 13:07

Stanno facendo del tutto per friggere Renzi. La qual cosa non mi meraviglia né mi sconcerta, dato che il furbetto mi sembra sempre meno credibile, però non per suo difetto, ma per i giochetti che i suoi "compagni" stanno orchestrando da mesi per farlo fuori. Renzi da fastidio perché non offre al "sistema" adeguate garanzie di poter continuare a campare tranquillo a spese del popolo bue.

nonna.mi

Lun, 31/03/2014 - 13:10

E' quasi assurdo che io che non sono e non sarò mai di Sinistra,speri molto in Renzi e mi auguro di cuore che prestissimo Grasso esca dal suo scranno per sparire dalla scena politica italiana: è un'indecenza che il Magistrato,mancato in questi giorni, sia anche Lui diventato Senatore, dopo Mani Pulite: possibile che non siano mai sazi delle loro già cospicue entrate finanziarie? Dai,Matteo Renzi,non lasciarti intimorire dalla "usurpata" terza carica dello Stato Italiano! Myriam

Marzia Italiana

Lun, 31/03/2014 - 13:12

"Qualsiasi cosa, qualsiasi funzione, purche' non perda la mia carica!" E'arrivato fin qui, non si sa per quale spinta, e adesso perderebbe il suo trono?! E' intollerabile! Non ho mai avuto stima per quest'altro magistrato rosso gia' da prima che ottenesse questa alta carica di stato. Un altro che non ha carisma e non sa parlare; se non fosse stato per una grazia ricevuta, non si sarebbe mai trovato su 'si alto scranno!

unosolo

Lun, 31/03/2014 - 13:18

Si è auto invitato nella 1/2 ora per farci capire come e chi rappresenta e tutela , peccato poteva risparmiare a farsi capire , ameno io ho capito che rappresenta quel ceto che ha voluto ad ogni costo l'esclusione sistematica dal parlamento e dai pubblici uffici un personaggio che voleva primo la riforma della giustizia e secondo la separazione della carriera dei togati oltre la responsabilità civile , quindi ieri si è confermato di essere stato messo in quello scanno per agire da magistrato , si è evidenziato nel cambiare a suo piacimento il responso della commissione , quindi inutile spendere parole per una persona che non è in quel posto per lavorare per il bene di tutta la nazione bensì per una sola parte .

Marzia Italiana

Lun, 31/03/2014 - 13:26

Comunque,Renzi, penso che questo taglio del Senato, non sia abbastanza. Perche' tenerci i senatori a vita, di cui non ce ne facciamo un fico secco?! Oltre ad abolire la carica, bisogna eliminare anche gli attuali senatori a vita, basterebbe convertirla in una semplice onorificenza, un titoload honorem di cui fregiarsi senza pecunia. Renzi, o la va o la spacca! non facciamo cose a meta', se si devono tagliare 'ste spese assurde, tagliamole tutte, no? E stiamo attenti a non metterci dentro al senato altre centinaia di persone con diaria,che si arrogheranno questi come "diritti acquisiti" e di cui non ci potremo piu' sbarazzare. Cerchiamo di non togliere uno per metterene un altro, per piacere!

Ritratto di Mike0

Mike0

Lun, 31/03/2014 - 13:34

Sarebbe meglio che al Senato ci fossero i soli rappresentanti delle regioni, eletti dal popolo, tipo il governatore e il vice; totale una quarantina di persone al massimo. Invece per le Province si dovrebbero tenere delle riunioni con cadenza mensile dei sindaci, al posto degli attuali assessori regionali, invece di abolirle. Così si avrebbe un coordinamento provinciale a costo zero con gente eletta dal popolo. Abolirei invece le Prefetture che non ci rappresentano perché non elette dal popolo; le loro mansioni le darei alle Province. Gente come Grasso va mandata in pensione, curandoci che non accumuli più pensioni (magistrato + senatore + chissà cos'altro!).

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Lun, 31/03/2014 - 13:45

In Italia é mancata la rivoluzione francese ... Speriamo nel default di questo Paese retto dalla dittatura della bassezza ... É l´unico modo per rivoltare lo status quo indecente e aprire un futuro oppresso dalla ferocia, dalla ignoranza, dalla ottusitá al potere.

squalotigre

Lun, 31/03/2014 - 13:50

michele lamacchia- Al Governo non può andare alcuno che non abbia motivo di subire pressioni giudiziarie. Ci andasse pure San Giuseppe i nostri beneamati giudici, se trovassero che qualche provvedimento non risponde alle loro idee politiche e di casta, non avrebbero alcuna diffico9ltà ad imputargli uno qualsiasi dei reati previsti dal nostro Codice. C'è l'obbligatorietà dell'azione penale, non lo sa? E grazie al cosiddetto "atto dovuto" che ci vuole a sputtanare chiunque, a farlo apparire delinquente sui giornali e nelle articolesse di coloro che sono la voce delle procure? Il riferimento a Travaglio è voluto. L'appartamento di Firenze è solo il primo avvertimento e Grasso ha sicuramente molti amici nei Tribunali. A fare dimettere Renzi non è che ci voglia poi molto;sono riusciti a fare dimettere anche Silvio che aveva e probabilmente ha ancora il consenso di parecchi milioni di italiani, figuriamoci se non si può mettere in moto un procedimento analogo per una persona che non è mai stato eletto in Parlamento e che ha dalla sua solamente una vittoria alle primarie del suo partito. Primarie che non sono previste da alcun ordinamento statuale e che si sono svolte senza alcuna garanzia di veridicità per quanto riguarda i risultati.

Ritratto di AlleXpert

AlleXpert

Lun, 31/03/2014 - 13:53

Toni, Tuoni e minacce alla fine resterà tutto com'è LO STATUS QUO!! La costituzione? Ma se tutti questi presenti politici e Presidenti sono incostituzionale non facciamo finta che lo abbiamo dimenticato! Miopia e lungimiranza Equivalente Zero è una malattia patologica dei politici ovvero cialtroni!! Buon di!

Marzia Italiana

Lun, 31/03/2014 - 13:58

mina2612 - Renzi, perlomeno, e' stato votato dalla stragrande maggioranza segretario del partito, che era il partito di maggioranza, quindi, in un certo senso e' legittimo. Certamente e' molto piu' legittimo di tutti quegli altri bellimbusti che affollano le due camere, compreso Grasso. E andiamo piano a parlare di dittatore, non cerchi di far venire il panico del despota, perche' siamo caduti dalla parte opposta. Oggi non si riesce a combinare niente proprio per questa ossessione di democrazia, in questo modo ognuno si sente in diritto di vociferare e mettere il bastone fra le ruote per cui non si fa mai niente. E' questo che vuole lei, mantenere lo status quo? Sara' forse uno di quelli che ci marcia in questo marasma?

Ritratto di Kasparov77

Kasparov77

Lun, 31/03/2014 - 14:02

Sembra che Renzi abbia i suoi peggiori nemici nel PD e questo è grave. Anche molti elettori di destra che conosco lo ammirano e sarebbero pronti a votarlo se mantiene tutte le promesse. Isolarlo dopo le primarie stravinte avrebbe poi il sapore di un tradimento dell’apparato nei confronti dell’elettorato. Comunque forza Renzi. Deve andare avanti con le riforme e alle prossime politiche le liste le compilerà lui... Se manterrà una condotta veramente riformista sarà premiato dall’elettorato.

Ritratto di il...politicante.

il...politicante.

Lun, 31/03/2014 - 14:02

il nominato renzie ed i suoi compari abusivi non sono la soluzione del problema bensì sono IL problema... la prima e più importante riforma e rottamare la casta, le altre riforme seguiranno come per magia

MEFEL68

Lun, 31/03/2014 - 14:02

Se Renzi non riuscirà nel suo intento, sarà chiaro a tutti perchè anche Berlusconi, che doveva difendersi da più numerosi e feroci pescicani, non ha portato in porto le sue promesse. Ultimo, stiano attenti coloro che invocano le riforme per poi affossarle, non è che agli italiani non piace questo tipo di Senato; agli italiani non piace proprio il Senato. Qualunque sia il suo nome o la sua composizione.

frabelli1

Lun, 31/03/2014 - 14:10

Finalmente una presa di posizione sensata per abbattere questo muro che impedisce qualsiasi manovra politica e non

Ritratto di geode

geode

Lun, 31/03/2014 - 14:23

"VOLLI E SEMPRE VOLLI, FORTISSIMAMENTE VOLLI"; ma non legato per studiare, bensì per comandare poichè si sa che il comandare è meglio del f......, in special modo quando si è strapagati.

Ritratto di ohm

ohm

Lun, 31/03/2014 - 14:23

Benedette persone, come potete pensare io, appartenente ad una certa istituzione, posso darmi la zappa sui piedi da solo ? Ma voi credet veramente che un sindaco o un consigliere , a parità di stipendio attuale ,possa anche svolgee mansioni di senatore ? ma voi credete veramente di riuscire a rivoluzionare la costituzione? Forse si riuscirà ma ne deve passare acqua sotto i ponti ( diciamo, se tutto va bene, fra duecento anni ?)

Ritratto di marcopedroni

marcopedroni

Lun, 31/03/2014 - 14:55

Matteo Renzi vuole riformare profondamente. Molti anziani senatori stanno tentando di mettersi di traverso ad una riforma che, se andrà a buon fine, è destinata a segnare un epoca. L'eliminazione del senato elettivo e legiferante. Renzi, benché non eletto, sta riscuotendo un consenso molto ampio e trasversale perché, con maggiore determinazione e appoggio rispetto ai suoi ultimi predecessori vuole riformare, tra le altre cose, la pubblica amministrazione ad una maggiore efficienza e ad una maggiore coscienza civica. Gli anziani del parlamento argomentano, l'eliminazione del senato legiferante, come a rischio democrazia. Ogni riforma porta con se dei rischi ma è anche vero che, se dobbiamo riformare il paese, sono solo due, le vie percorribili: o il coraggio della violenza di un popolo esasperato o il coraggio di riforme radicali, costituzionali. Voglio sperare che gli anziani senatori ritirino le loro argomentazioni, facciano un passo indietro votino a favore. Ci lascino correre il rischio di questa importante riforma, sulla quale Renzi è disposto a giocarsi faccia e poltrona.

Roberto Casnati

Lun, 31/03/2014 - 15:02

La solita melina dei coglioni di stato! Si cerca di far finire tutto a tarallucci e vino! Non c'è fretta? Ma quanto dovremo ancora aspettare! Son passati 50 (cinquanta) anni da quando s'è cominciato a parlare di riforme! E quest'imbecilli dicono che non c'è fretta? Tutti a casa ed elezioni subito! Oppure scendere tutti in piazza!

francesconeglia

Lun, 31/03/2014 - 15:02

La seconda carica dello Stato è un peso morto, ma lui, ridicolo parvenu, vuole provare a spiccare il volo dal sommo della cima dove è stato posto, convinto di avere le ali di un'aquila che quando precipiterà a terra s'accorgerà d'essere quelle di un tacchino. Il Premier Matteo Renzi ha ragione da vendere a volersi disfare di queste 316 zavorre+ilseguito, perchè con i chiari di luna in corso è un lusso troppo superfluo mantenerle.

Ritratto di Senior

Senior

Lun, 31/03/2014 - 15:04

I politici hanno spolpato l'Italia a proprio vantaggio senza pudore. Nonostante questo si oppongono alle riforme che darebbero fiato ad una sia pur minima ripresa. Un accostamento giusto, a mio parere, è di quando, una torma di iene sta azzannando la preda ferita che tenta di sottrarsi alla sua fine. VERGOGNATEVI. senior

Cinghiale

Lun, 31/03/2014 - 15:06

Carissima Stefania Giannini non bisogna avere fretta? Forse le è sfuggito che siamo nella merd@. Dovete avere fretta.

BENNY1936

Lun, 31/03/2014 - 15:07

Se Renzi trova tutte queste resistenze (anche da parte di chi per la carica che riveste3 dovrebbe stare zittissimo) vuol dire che ha centrato uno dei problemi. Finalmente -- forse -- sarà la volta buona per ritornare una Nazione NORMALE. Forza Matteo Renzi

Ritratto di kinowa

kinowa

Lun, 31/03/2014 - 15:51

Caro Matteo,se chiedi agli Italiani, vorrebbero l'eliminazione TOTALE ripeto TOTALE del senato e tutti quelli che lì "lavorano" a casa a fare altro, la tua soluzione è molto parziale, sempre se te lo fanno fare. Giacchè ci sei cerca anche di dimezzare i deputati e stavolta, se sceltri dal popolo devono avere il vincolo di mandato, cioe abolire l'rt.65 della costituzione. Grasso si goda la sua immeritata superpensione da magistrato e vada al laghetto coi nipoti.

Americo

Lun, 31/03/2014 - 16:12

Forza Renzi!!! Il nostro senato é una imitazione del senato dei pari di Francia, vedi Luigi Filippo, che a sua volta fu una imitazione della camera dei Lord che nella inimitabile tecnica inglese sta ancora li ma senza incombenze dopo la rivolta del Reform Bill del 1831. Il proposito di questi senati nostrani nati sotto regimi regi era di frenare gli estremismi di un parlamento eletto con suffragio universale. Bella roba in una repubblica, dove si eleggono due corpi legislativi che hanno praticamente le stesse incombenze e che perció si ostacolano a vicenda. Per informazione bisogna segnalare che il senato americano nacque e visse fino al 13mo emendamento per proteggere l'indipendenza legislatva delle tredici colonie, ciascuna colla sua costituzione, dalle ingerenze del nuovo creato stato federale. Naturalmente molte di queste motivazioni furono eliminate dopo la guerra civile, ma ció che rimane, e che vediamo quotidianamente, é quella sorda possibile opposizione delle due camere quando vi sono in maggioranza partiti differenti.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 31/03/2014 - 16:14

presto vi ricorderete, cari sinistronzi, di quanto sia stata stronza la sinistra, attraverso l'atteggiamento ipocrita di grasso!!

Ritratto di michele lamacchia

michele lamacchia

Lun, 31/03/2014 - 16:35

SQUALOTIGRE. E si che lo so, assieme a tante altre cose che non c' è libertà di dire. Eppure il pericolo più grande non è quello della costrizione a dimettersi, ma che a Peter Pan lo facciano diventare il loro fantoccio esecutivo.

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Lun, 31/03/2014 - 16:48

A,Pietro Grasso non interessa niente se il Senato verrá abolito oppure no, quello che interessa a lui é che i suoi kompagnoski siano pagati e mantenuti dal Popolo, é che nei altri paesi i Senatori Hanno solo un ruolo secondario in confronto al Parlamento questo per Grasso non conta niente, é anche se lui come II carica dello Stato non deve fare politica, questo a Grasso non interessa un cazzo é lui vá tranquillamente alle TV come se niente fosse!. Per, Pietro Grasso é i Senatori conta solo sfuttare la gente e lo Stato fino in fondo,é questi sono i Magistrati e Giudici italiani parassiti cronici sempre attenti a proteggere i loro privilegi che vengono pagati con il sudore é sangue della Gente!, É Matteo Renzi deve andare fino in fondo per far fare le riforme utili al Paese e al nostro Popolo, é un tipo come Pietro Grasso deve sparire al piú presto dalla scena politica Italiana!, é il miglior sistema per tacciare questi ex Magistrati é la riforma della Giustizia!.

Ritratto di pravda99

pravda99

Lun, 31/03/2014 - 16:57

Renzi, la seconda che hai detto.

michele lascaro

Lun, 31/03/2014 - 17:09

Mi auguro che Renzi non si faccia infinocchiare da sprovveduti della politica, come Pietro Democrazia ("...chi vuole abolire il Senato è contro la democrazia"... -Sì, è vero, è contro le chiappe di Pietro Democrazia- la parte per il tutto). Mi vien da ridere a pensare che un tale, solo perché ha fatto, o fa, parte della Casta, accetti l'imbeccata del vetero, vetero comunista in atto di obsolescenza! Non c'è limite all' outing!

aitanhouse

Lun, 31/03/2014 - 17:18

per chi lascia tanti commenti pro renzi: avete capito che quella del presidente del senato è solo un'eco di tante voci di cento e più voci che si nascondono abilmente ? avete capito che ci sono altri poteri ed altri personaggi che non vogliono modificare una sola virgola? ma vi pare che un personaggio così equilibrato ed attento , passato per anni nelle procure più difficili ed impiegato in incarichi di grande impatto giudiziario, abbia potuto pronunciare una critica così articolata senza l'appoggio silenzioso di personalità molto alte? riflettete gente, riflettete.....in questo paese nulla accade per caso.......

Efesto

Lun, 31/03/2014 - 17:28

Attenzione Grasso appartiene sempre a quel potere che teme una politica forte e decisa. Non a caso vuole il bicameralismo che è condizione ideale per una magistratura che interpreta sempre di più un ruolo di Santa Inquisizione. Una politica autorevole potrebbe accorgersi dello squilibrio ed affibbiare ai magistrati la responsabilità delle loro azione come peraltro attiene a qualsiasi altra professione. Un governo forte potrebbe farli scendere da quel sentiero di paradiso in cui si riconoscono (solo loro) di camminare. Il sopravvento della magistratura iniziò per opera di quel magistrato (Gaetano Azzariti) che negli anni 50 lavorò per sottoporre la costituzionalità delle leggi alla rispettiva Corte (ricordo che Azzariti fu anche il presidente del Tribunale della Razza nel 1938), e proseguì con la riforma del codice di procedura penale alla fine degli anni 80, esplodendo con "mani pulite" e saggiando l'operatività del potere nella Regione Abruzzo arrestando tutta, o quasi, la giunta regionale, il presidente, incriminando e processando la quasi totalità delle funzioni pubbliche. Renzi, devi resistere e dare alla politica il suo vero ruolo che non è e non deve essere subalterno a nessuno. "L'uomo è un animale politico" (Aristotele).

roliboni258

Lun, 31/03/2014 - 17:59

povero Renzi i peggiori nemici sono i suoi compagni sinistronzi

Ritratto di WjnnEx

WjnnEx

Lun, 31/03/2014 - 18:06

@ollel63 dica la verità, Lei lavora per una tipografia che stampa manifesti elettorali, o le schede....

Ritratto di WjnnEx

WjnnEx

Lun, 31/03/2014 - 18:47

RENZI: OK UNANIME DEL CDM È GRANDISSIMA SVOLTA «Il governo ha approvato all'unanimità il ddl costituzionale». Così il premier Matteo Renzi in conferenza stampa dopo il cdm. «È una grandissima svolta per la politica e le istituzioni», aggiunge.

Ritratto di WjnnEx

WjnnEx

Lun, 31/03/2014 - 18:52

RENZI: OK UNANIME DEL CDM È GRANDISSIMA SVOLTA «Il governo ha approvato all'unanimità il ddl costituzionale». Così il premier Matteo Renzi in conferenza stampa dopo il cdm. «È una grandissima svolta per la politica e le istituzioni», aggiunge.

ilbarzo

Lun, 31/03/2014 - 19:04

Allora caro Renzi preparati a lasciare il governo,perche' non riuscirai a fare la riforma del Senato.Il presidente Grasso non te lo permettera',poiche' solo da poco tempo siede su quella poltrona a lui tanto preziosa.Lo avete eletto?Ora succhiatevelo!

Ritratto di mario.leone

mario.leone

Lun, 31/03/2014 - 19:07

Ma Grasso e la Giannini vivono forse in un altro mondo?