"Rinuncio al vitalizio", Gerry Scotti eroe del web

Il presentatore a Renzi: "Non voglio l'assegno da ex parlamentare, ma la legge me lo vieta"

Dei suoi 182 following, l'unico politico che segue su Twitter è Matteo Renzi. Con la politica Gerry Scotti ha chiuso da un pezzo. Non vuole più averne a che fare. «Ho già dato», dice. Per questo, forse, avrebbe fatto a meno di alzare tutto questo polverone, sul suo vitalizio da ex parlamentare. Anche perché ormai sono passati la bellezza di 27 anni. Ma Renzi, che non regge neanche il brodino, ha spifferato tutto a Porta a Porta: «Mi ha scritto Gerry Scotti dicendomi che vuole rinunciare al vitalizio, ma non può. È il segnale di una persona che si rende conto che è il momento di dare qualcosa in più».

Una frase che ha riaperto una voragine. Quella degli ex parlamentari che godono del vitalizio: 2.308 tra ex deputati e ex senatori (oltre 1.064 vitalizi di reversibilità, cioè versati agli eredi dei deputati defunti), con stipendi mensili che oscillano da 1.700 euro mensili fino a oltre 7mila netti. Chi vorrebbe, come Gerry, rinunciare a questo privilegio non può farlo: è un diritto acquisto che va riscosso per forza.

In verità Scotti aveva scritto un tweet privato al presidente del Consiglio, il quale gli ha risposto: «Troveremo il modo per accontentarti». «Grazie Matteo per aver reso pubblico il mio appello. In questo momento tutti devono dare una mano, piccola o grande che sia», la replica di Gerry che però precisa: «Rinuncio ad un vitalizio previsto solo al compimento dei 65 anni, quindi tra 8. A tutt'oggi non ho percepito nulla».

Virginio Scotti (detto Gerry), ad agosto compirà 58 anni. Il conduttore Mediaset più amato della tv italiana dopo Mike Bongiorno, venne eletto alla Camera alle Politiche del 1987, candidato nel collegio di Milano nelle file del partito socialista, guidato da Bettino Craxi. La sua carriera di deputato si concluse cinque anni dopo, nel 1992. Sui suoi manifesti elettorali compariva con un garofano bianco e lo slogan: «Forse un garofano starebbe bene anche a voi».

Parla molto raramente di quella esperienza e le poche volte che lo fa, non nasconde l'amarezza di non averla potuta svolgere al meglio: «Mi affidarono le questioni giovanili e presi la cosa talmente sul serio che cominciai a tempestare la Camera di proposte. Rimasero tutte inascoltate, lettera morta, così mi dimisi e tornai alla tv». Ecco perché oggi non ha voglia nemmeno di commentare il suo tweet a Renzi.

Il gesto strombazzato da Renzi ha fatto impazzire il popolo di Twitter: «Bravissimo Gerry, ha dato esempio di generosità e umanità!» (Liliana); «Zio Gerry sei una persona perbene che crede ancora alla sobrietà» (Diego); «Sarai l'unico a dare un grande contributo all'Italia» (Serafino).

«Grazie a tutti. È solo un piccolo gesto di fronte ai sacrifici di tanti», risponde il buon Gerry.

Come direbbe il barattolo della Nutella, vitalizio o non vitalizio, «per noi resti sempre Virginio».

Commenti
Ritratto di 02121940

02121940

Sab, 15/03/2014 - 09:17

2308 "mantenuti". Posso capire che il vitalizio sia percepito da ex sono parlamentari che hanno fatto una vita in parlamento e non hanno altre entrate. Vorrei sapere quale è il numero di parlamentari che percepiscono il vitalizio in arrotondamento di altre cospicue entrate, magari di altra pensione maturata addirittura quali dipendenti dello stato oppure di ricchi stipendi pagati da enti o società dello Stato. Leggo che la Casta protegge il vitalizio addirittura stabilendo il principio di irrifiutabilità dello stesso. La Casta regna ed il popolo bue soffre. Ed intento in alto pensano bene di comprarsi le auto blindate dato che sono consapevoli che ormai rischiano la disperazione di tre milioni di Italiani, che non hanno né "vitalizi" né altro, solo la fame. Purtroppo un incolpevole carabiniere ha già pagato per una situazione di sofferenza di chi lo “Stato” è il primo responsabile.

buri

Sab, 15/03/2014 - 09:21

bravo Gerry, una mosca bianca nel mucchio dei parassiti

pittariso

Sab, 15/03/2014 - 09:21

Il vitalizio deve essere abolito.Se così non fosse Scotti non deve rinunciarci perchè finirebbe nelle tasche dei soliti ladri e quindi non ci sarebbero gli effetti voluti:incassi il suo vitalizio e,in conformità con il lodevole intento,lo impieghi per aiutare persone bisognose:sono certo che lo farà.Un grazie a Scotti per il nobile gesto e per aver sollevato il problema anche se i bastardi non faranno niente,dovremmo essere noi a ribellarci.

Ritratto di Giuseppe.EFC

Giuseppe.EFC

Sab, 15/03/2014 - 09:49

"Per questo, forse, avrebbe fatto a meno di alzare tutto questo polverone, sul suo vitalizio da ex parlamentare". Perché? perché mette in cattiva luce i nostri eletti, che invece stanno zitti ed incassano? Il Giornale cita a piene mani esempi di sprechi e ruberie: su questo invece vedo una certa reticenza. Chi tra di noi lettori si prova a parlarne si becca l'epiteto di "grillino". Era ora che qualcuno ne parlasse e rendesse la cosa nuovamente di attualità. BRAVO GERRY, sei un grande uomo che ammiro e con questa tua uscita trovo nuovi motivi per farlo!

cicero08

Sab, 15/03/2014 - 10:04

Ah cosa sarebbe successo se B. avesse rinunciato alla buonauscita in seguito alla sua decadenza da senatore....

Ritratto di AlleXpert

AlleXpert

Sab, 15/03/2014 - 10:10

Bravo Jerry, bella pubblicità che non ti costa niente! Sei un furbetto in più nel registro italiano!

diegom13

Sab, 15/03/2014 - 10:45

Di nuovo: il vitalizio E' STATO ABOLITO da più di un anno. I parlamentari hanno ormai un normale regime contributivo. Ma i diritti acquisiti, quelli di chi è stato parlamentare prima della riforma, non si possono toccare. E comunque questa è materia parlamentare, il governo non può intervenire e Scotti, essendo stato deputato, non può ignorarlo. Mi dispiace, ma temo di dovermi allineare a quelli che sospettano la mossa pubblicitaria. Mi cospargerò il capo di cenere se il presentatore non sarà in lista alle europee o non otterrà un qualsivoglia ruolo politico a breve.

PP

Sab, 15/03/2014 - 10:59

....caro Gerry perchè solo oggi vuoi rinunciare al vitalizio? Vuoi forse rimborsare lo stato anche del vitalizio di cui hai goduto da 20 anni? se non sbaglio sei stato parlamentare negli anni 90. Se restituisci tutto allora ti crediamo altrimenti facevi meglio a tacere

Salvatore1950

Sab, 15/03/2014 - 11:13

se si traducesse in realta' sarebbe una buona cosa e meriterebbe rispetto...ma temo che sia la solita trovata per apparire in un periodo un po' cosi...percio' lo prendo con riserva

Ritratto di AlleXpert

AlleXpert

Sab, 15/03/2014 - 11:24

#diegom13, infatti il vitalizio e stato abolito:...con la norma "anti Fiorito" della "spending review" 2012! Caro Sig. Boschi, essere un eroe "del WEB" ci vuole ben´altro!!

cicero08

Sab, 15/03/2014 - 12:34

X PP: ma no voleva nvogliare anche Berlusconi a fare altrettanto....

Ritratto di 02121940

02121940

Sab, 15/03/2014 - 13:59

Ripeto e correggo un testo pessimo, che mi è sfuggito. Sarebbero quindi 2308 i "mantenuti" dal vitalizio. Posso capire che il vitalizio sia percepito da ex parlamentari che hanno passato una vita in parlamento e non hanno altre entrate. Al riguardo, però, vorrei sapere anche quale è il numero dei parlamentari che incamerano il vitalizio pur percependo altre e cospicue entrate, magari un’altra pensione maturata quali dipendenti dello Stato oppure ricchi stipendi pagati da enti o società dello Stato medesimo. Qui si legge che la Casta protegge il vitalizio, arrivando al punto di stabilire addirittura il principio di irrifiutabilità dello stesso. Intanto, però, possiamo constare che la Casta regna ed il popolo bue soffre. È recente la triste notizia che “in alto” hanno pensato bene di comprarsi qualche centinaio di auto blindate, evidentemente perché ormai sono consapevoli del rischio concreto di subire gli effetti della disperazione dei tre milioni di disgraziati Italiani, che non hanno né "vitalizi" né altro, ma solo la fame, tanto è vero che meno di un anno fa un carabiniere, in servizio davanti ad uno dei palazzi del potere, è stato il bersaglio e la vittima del folle e dissociato comportamento non di un delinquente abituale, ma di un povero disgraziato rimasto senza lavoro.

cicero08

Sab, 15/03/2014 - 14:31

X PP: ma no Gerry voleva solo provare a convincere anche Berlusconi a seguirlo su questa strada...

GiovanGianni

Sab, 15/03/2014 - 21:01

Caro Gerry: non rinunciare ! In Italia ci sono troppi poveri che avrebbero bisogno di aiuto con i tempi che corrono. Il governo non ci pensa nemmeno ai poveracci!!!!!!

francesco de gaetano

Lun, 17/03/2014 - 12:16

Caro Presidente del Consiglio, se un ex parlamentare di questa Repubblica ti scrive sostenendo di rifiutare al vitalizio, non puoi rispondere che non lo può per i diritti acquisiti.Allora, caro Presidente, ti dico che la rovina dell'Italia sono stati proprio i diritti acquisiti voluti dai sindacati e tu scientificamente accetti questo diritto per non avere problemi soprattutto con la Camusso.Ti consiglio di proporre un decreto legge per eliminare questa vergognosa spesa che lo Stato sopporta da oltre 50 anni. Che senso ha averti eletto a premier per rottamare e riformare quando poi al primo ostacolo sei in difficoltà? f.to francesco de gaetano