La sconfitta dei pm che cercavano l'orco per forza

Assolte anche in Appello le maestre processate per abusi sui bambini, ma l'ostinazione dell'accusa ha rovinato la vita a decine di persone

Che il fatto non sussistesse - come ha sentenziato il Tribunale di primo grado e confermato la Corte d'appello - saltava agli occhi alla sola lettura delle cronache giornalistiche. E che i capi d'accusa si sbriciolassero fino a ridursi in polvere ad ogni tornata del dibattimento in aula ne devono aver avuto cognizione anche i magistrati che presero in carico le sedicenti orge pedofile di Rignano. Eppure, dopo la sentenza assolutoria del maggio 2012 ricorsero in appello, coinvolgendo decine di famiglie e di minori oltre che, ovviamente, gli imputati. Per non dire del costo per il contribuente, dettaglio che nelle aule di Tribunale è l'ultima cosa alla quale si pensa (meno che mai alle spese che devono sostenere le parti. Due degli imputati hanno perfino dovuto rinunciare alle copie degli atti, ovvero alla materia prima della difesa. Gliele mettevano a disposizione per la cifra di 13mila euri).
Violenza sessuale di gruppo, maltrattamenti, corruzione di minore, sequestro di persona, sottrazione di persona incapace, turpiloquio (anche turpiloquio! E Grillo? All'ergastolo?), atti osceni in luogo pubblico... questa la gragnuola d'accuse riversate su tre maestre d'asilo della scuola Rovere di Rignano Flaminio, una bidella e un autore televisivo imputati di cose ignobili ai danni di ventuno bambini. E tutti, in associazione per delinquere, dentro, in carcere. Sulla base di relazioni di consulenti, assistenti sociali e psicologi che interpretavano o meglio decrittavano reticenze, disegni, affabulazioni, gestualità e mimica delle piccole e presunte vittime nel presupposto che gli adulti mentissero comunque e che comunque i bimbi fossero senz'altro sinceri, estranei alla mimesi, alle soggezioni, alla libera, fantasiosa e infantile interpretazione della realtà.
Siccome la ricerca della verità è compito del magistrato, che se ne fa garante, si possono nutrire perplessità sul metodo e sulle sue conseguenze - cinque adulti, brave persone, subito ridotti a «mostri» - ma non sarebbe appropriato spingersi oltre. Condotta che torna però difficile da mantenere quando l'accusa, eppur di fronte a una sentenza assolutoria piena e di esemplare eloquenza - «il fatto non sussiste» -, ricorre in appello. Delegittimando, indirettamente accusandola di incompetenza, di imperizia, la Corte di Tivoli. E trascinando per altri due anni un processo - e la gogna dei «mostri» e il disagio delle famiglie e delle stesse presunte vittime - che ne era durato già cinque. Per ottenere, com'era prevedibile, com'era scritto nelle carte e nelle cose, il medesimo risultato: «Il fatto non sussiste». La tenacia è virtù encomiabile, ma non sempre apprezzabile. E la riforma che preclude l'appello al pubblico ministero, fermo restando il diritto al ricorso dell'imputato, sempre più impellente.

Commenti
Ritratto di mariosirio

mariosirio

Sab, 17/05/2014 - 17:19

Ho assistito al processo di una tizia tutta pesta con gli occhi gonfi e neri perché due tizi l'hanno denunciata x avergli fatto male alle mani. Non è uno scherzo, ci sono molti delinquenti a far quel lavoro li

Ritratto di xulxul

xulxul

Sab, 17/05/2014 - 18:14

Non esiste più il reato di calunnia? Stesso clichè di Modena: accuse infamanti palesemente false e nessuno degli "specialisti" che paghi per gli irreparabili danni procurati. A Modena c'è scappato anche il morto e nessuno che ne abbia risposto in tribunale.

Ritratto di tomari

tomari

Sab, 17/05/2014 - 18:15

Come al solito. Loro, i magistrati, si sentono superiori al popolino, infallibili le loro parole sono il verbo. Enzo Tortora docet!

Raoul Pontalti

Sab, 17/05/2014 - 18:24

Per quanto io condivida (e condivisi sin dall'inizio della vicenda) le opinioni innocentiste e di conseguenza ritenga le sentenze ineccepibili non mi associo agli alti lai dell'articolista in merito ai ricorsi, poiché esistono anche i diritti delle persone offese o danneggiate dal reato le quali legittimamente possono attendersi che si arrivi all'ultimo grado di giudizio mediante impugnazione da parte del PG e altresì il diritto-dovere del PG di impugnare una sentenza che ritiene non emessa in conformità al diritto. Se il PG ritiene che la sentenza sia viziata da contraddizione, violazione di legge, di norme processuali etc, faccia pure il suo ricorso, fermo restando che nel merito non si può più entrare e non possono più addursi nuovi argomenti o prove.

rorey36

Sab, 17/05/2014 - 18:34

E adesso aspettiamo che qualcuno ricorra in Cassazione, che troverà qualche inghippo per rinviare tutto in corte d'appello. Così andiamo avanti per altri tre o quattro anni.

rossini

Sab, 17/05/2014 - 18:45

Ecco perché ci vuole la responsabilità civile diretta dei Magistrati. Tutti pagano per i loro errori. Solo i Magistrati possono distruggere la vita della gente senza pagare mai, anzi facendo carriera.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Dom, 18/05/2014 - 01:55

Non si capisce se certi PM svolgono il loro incarico di funzionari della giustizia o se invece scambiano i processi per delle sceneggiate in cui LORO VOGLIONO A TUTTI I COSTI APPARIRE COME PRIMEDONNE DEPOSITARIE DI OGNI VERITÀ. Ma cosa insegnano a giurisprudenza? E soprattutto viene analizzata la personalità di magistrati che avranno il delicato incarico di decidere dell'esistenza delle persone?

comase

Dom, 18/05/2014 - 08:29

basterebbe far pagare loro tutte le spese processuali e metterli alla gogna con nomi e cognomi per gli anni che è durato il loro personalissimo processo.