Il Senato dà il via libera definitivo. Il dl Imu diventa legge

Nel testo passato a Montecitorio l'abolizione dell'anticipo di giugno

Con 175 voto a favore e 55 contrari, 17 gli astenuti, il decreto legge sull'Imu ha ottenuto questa mattina il via libera dal Senato. L'approvazione definitiva trasforma in legge il dl.

Nel testo votato dai senatori l'abolizione definitiva dell'anticipo di giugno per l'Imu sulla prima casa e lo stanziamento che coprirà il pagamento della Cig nel 2013, ma anche alcune misure a favore dei lavoratori esodati.

La legge allarga lo status di prima casa, estendendo l'esenzione alle case popolari, alle abitazioni delle cooperative edilizie a proprietà indivisa, ai terreni agricoli e i fabbricati rurali, all’invenduto delle imprese costruttrici. Esenti anche gli immobili destinati alla ricerca scientifica, posseduti da personale delle Forze armate, delle Forze di polizia, del Corpo nazionale dei vigili del fuoco. Nell’elenco pure gli immobili affidati in comodato d’uso come abitazione principale ai parenti di primo grado, genitori e figli.

La cedolare secca per redditi derivanti dall'affitto di immobli passerà, dall'anno d'imposta 2013, dal 19% al 15%. I mutui agevolati e garantiti dalla Cassa depositi e prestiti saranno destinati in via prioritaria alle prime case, ma potranno usufruirne anche tutti gli altri immobili. La priorità all’accesso dei mutui agevolati garantiti dalla Cdp è riconosciuta non solo per le giovani coppie e le famiglie numerose, ma anche per i "nuclei familiari di cui fa parte almeno un soggetto disabile".

Commenti
Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 24/10/2013 - 14:16

Balle. Pagheremo con gli interessi. Letta ci ha già confezionato il regalino. Basta avere pazienza ed arriverà immancabile. Grazie Letta. Ma grazie anche ad Alfano, il segretario che non molla, uno dei tanti errori di Berlusconi.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Gio, 24/10/2013 - 14:23

Meno male che c'era Alfano e Lupi che li tenevano un po' a freno 'sti napolitanisti, sennò chissà quante altre estorsioni...

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Gio, 24/10/2013 - 14:24

Meno male che c'era Alfano e Lupi che li tenevano un po' a freno 'sti napolitanisti, sennò chissà quante altre estorsioni...

Giacomo Regazzo

Gio, 24/10/2013 - 15:36

Ma non potevano farsi i fatti loro invece di far campagna elettorale sulla nostra pelle: pagavo una miseria di imu avendo 4 figli, e adesso la service tax mi spennerà. Politici italiani vi prego, smettete di fare, riposatevi, vi paghiamo lo stesso, ma almeno non fate danni