Gli ex tifosi di Stalin in trincea contro Putin

Ipocrisia e memoria corta: la sinistra che oggi accusa la Russia anti-democratica ieri sosteneva quella sovietica

Vladimir Putin parla della Crimea davanti alle Camere riunite

Leggiamo e strabuzziamo gli occhi. Gli Stati Uniti e l'Unione europea sostengono che il referendum svoltosi in Crimea, il cui esito ha decretato il passaggio di questo Paese dall'Ucraina alla Russia, sia illegittimo e pertanto vada annullato. In base a quali elementi si cerca d'invalidare un plebiscito? Si parla di brogli, ma ciò è assurdo visto che una schiacciante maggioranza degli abitanti ha votato in favore del proprio ritorno fra le braccia di Mosca.
Di solito si confondono le carte quando il risultato è incerto e bastano pochi suffragi a determinare la vittoria di una parte o dell'altra. Nel presente caso non c'erano dubbi sul trionfo dei filorussi. E allora dov'è il problema? Sta nel fatto che il rimescolamento degli assetti nazionali in quell'area non garba né a Washington né a Bruxelles, riluttanti a riconoscere a Vladimir Putin l'autorità di dirimere un contenzioso nel quale sono in ballo interessi importanti sia per la Crimea sia per la Russia. Tutto qua. Le questioni di cassetta, poi, non sono mai estranee alle guerre, fredde o calde non c'è differenza. Cosicché, quando fa comodo, i referendum sono la più alta espressione della democrazia, perché riflettono la volontà popolare in forma diretta; quando invece non fanno comodo, li si liquida quali esercizi di volgare populismo.

Il conformismo dominante, cifra sempre in voga, allorché si tratti di squalificare qualcuno (o qualcosa) e di emarginarlo nel disprezzo, taccia il reprobo di demagogia, e subito i signorini del politicamente corretto danno segni di ampio assenso. Fino a poco tempo fa, anche in casa nostra, come in tutto il mondo civile, l'autodeterminazione dei popoli era considerata un dogma imprescindibile. Adesso, dato che vi si è appellata la Crimea in accordo con Mosca, è una sorta di ciarpame da riporre nel dimenticatoio.

È talmente chiara la malafede di coloro che hanno sanzionato la Russia da non meritare alcuna chiosa. Quanto a Putin, può essere simpatico o no (è ininfluente), ma ha di sicuro più carisma di Barack Obama e di qualunque leaderino europeo. Il suo Paese, seppellito il comunismo poco più di vent'anni orsono, è riuscito rapidamente a recuperare il terreno perduto mentre inseguiva la chimera del collettivismo perfetto e, pur tra mille grane irrisolte, compresa l'ingiustizia sociale, ovvero una forte disparità fra ricchi troppo ricchi e poveri troppo poveri, è riuscito a diventare una potenza mondiale.

Ed è proprio questo a infastidire le nazioni a più lunga tradizione democratica. Esse non si capacitano che l'ex impero sovietico, crollato sotto il peso della miseria e di un sistema fallimentare, sia risorto grazie al turbocapitalismo, di cui il presidentissimo è la guida. Paradossalmente, in Italia, gli odiatori più feroci di Putin, manco a dirlo, sono gli stessi beoti che amavano Stalin e Breznev, a dimostrazione che peggio dei postcomunisti - coloro che hanno cercato di superare con successo l'inganno della dittatura del proletariato - ci sono soltanto gli ex comunisti, che non hanno perso né il pelo né il vizio.

P.S. La Russia, oltre a subire varie sanzioni che le sono state inflitte dai potenti della Terra, non avrà facoltà di partecipare all'imminente G8. Nonostante ciò, nelle piazze di Mosca non si segnalano scene di disperazione, tipo gente che si strappa i capelli. Diciamo che il sentimento dominante è l'indifferenza, con qualche punta d'ilarità.

Commenti

gioch

Mer, 19/03/2014 - 16:00

Per forza!Non ricevono più rubli e Putin è amico di Silvio.

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Mer, 19/03/2014 - 16:13

Che noia. Perchè imitare berlusconi anche nella noia pedissequa ripetitività di argomenti obsoleti e interessanti a pochi nostalgici?

Ritratto di tppgnn

tppgnn

Mer, 19/03/2014 - 16:22

Tutto quello che sta accadendo è a causa dell'America di Obama, vogliono che la Russia torni ad essere come quella di quel ladro ubriacone di Eltsin quando a Mosca imperversavano soldataglie criminali pagate dai mafiosi amici dei Clinton, controllata da oligarchi finanziati dalle banche americane. Rivogliono quella Russia depredata e in svendita finita con l'era di Putin. La sinitra americana insieme a questo obrobrio chiamato UE a braccetto con la grande finanza speculativa stanno o hanno destabilizzando in modo criminale tantissimi paesi compresi il nostro oltre a Turchia, Cipro, Siria, Egitto, Libia e infine L'ucrania, la regina di tutte le battaglie perchè si inizi a destabilizzare anche la Russia. l'Ucraina è un paese che ha iglobato terre russe come la Crimea che fino al 1956 era una provincia di Mosca. Passò all'Ucraina perché il dittatore ubriacone (Kruscev) aveva natali ucraini e con la caduta del regime sovietico l’Ucraina pretese di annettersi la Crimea nonostante il 70% della popolazione fosse russa e parlasse russo.

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Mer, 19/03/2014 - 16:25

Come al solito, l'apertura mentale e la lucida/logica capacità di Feltri di dire le cose "come stanno davvero", sono impareggiabili. In questo articolo è condensata tutta l'indecenza dei "diversamente non so più chi siamo e cosa vogliamo, ma continuiamo a far schifo" e dei padroni violenti dell'Occidente. L'intera storia ukraina è di una tale abbagliante evidenza che anche tutta la disinformazione nostrana e internazionale non riesce più a coercizzare le menti delle persone (ovviamente parlo di quelle che non hanno buttato il cervello all'ammasso rosso, per quelle non c'è niente da fare). Dice bene Feltri! Se avessimo avuto in Italia un esponente politico con 1/10 delle "palle" di Putin e noi avessimo 1/10 dell'orgoglio e della dignità nazionale dei Russi, buona parte della nostra attuale tragedia non esisterebbe e noi saremmo già fuori dall'Euro (o meglio, non ci saremmo mai entrati) e probabilmente anche fuori dalla UE (Unione di Estorsori). Mi permetta di fare un singolo esempio della disinformazione o dell'assoluto silenzio a cui ci assoggettano: la storia dei "cecchini" di piazza Majdan. Da tutte le fonti non USA-EU-soggiogate viene riportato (ma l'" ANSA" lo riporta) che: « ...Yakimenko (l'ex capo della sicurezza del governo di Yanushenko deposto da un colpo di stato) sostiene che quei cecchini furono individuati: sparavano dal palazzo della Filarmonica, erano una ventina, "bene armati, bene equipaggiati, con fucili di precisione dotati di cannocchiale". Gli uomini della sicurezza ucraina (quella del governo legittimo) erano nella piazza, mescolati alla folla e – dice Yakimenko – videro tutto e riferirono. Ma "non furono gli unici a vedere": anche i leader di alcuni gruppi estremisti videro che quei cecchini sparavano sulla folla, e si allarmarono al punto da contattare lo stesso Yakimenko, "chiedendogli di porre fine alla mattanza facendo intervenire la sue teste-di-cuoio, il famoso o famigerato Gruppo-Alfa". Yakimenko (come riferito anche da Giulietto Chiesa de "il Fatto Quotidiano"), parla dunque di una trattativa che si svolse tra lui e i rappresentanti di “Svoboda” e di “Settore Destro”. Forse – dice – lo fecero per "crearsi un alibi". O forse perché non erano loro, ma altri, ad avere organizzato la mostruosa operazione eversiva. E nel frattempo un gruppo di persone, tutte decisive nel controllo delle forze di sicurezza, visitavano l’ambasciata USA "tutti i santi giorni".» Sono gli uomini che oggi sono passati coi golpisti e incarnano il nuovo potere illegale-abusivo-violento di Kiev... ma perfettamente legittimato da USA e EU. Anche in questo caso, sono più portato a credere a questa versione dei fatti che a quelle dette, o meglio, non dette dai media occidentali. La prego Feltri, non smetta di essere "Feltri"... grazie!

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Mer, 19/03/2014 - 16:26

x gioch. GRANDE !!!

ferdinando55

Mer, 19/03/2014 - 16:29

Complimenti a Vittorio Feltri: ottimo articolo, come sempre del resto! Temo proprio che abbia ragione "gioch"....essere amico di Berlusconi e non inviare più rubli al P.C.I./PD rendono Putin un essere spregevole. In particolare, credo che l'amicizia con B. non giovi all'opinione che in Italia hanno di Putin i soliti "politicamente corretti". Ma si sa, se papa Francesco fosse amico di Silvio....diventerebbe oggetto di critiche da parte di Repubblica e sodali, comincerebbero a dire che fa del marketing gratuito, che le sue telefonate a comuni cittadini sono tutte montature preparate e preconfezionate, che ha manie di protagonismo ecc. ecc.

Ritratto di IoSperiamoCheMeLaCavo

IoSperiamoCheMe...

Mer, 19/03/2014 - 16:34

Caro Vittorio Feltri é chiaro il suo intento di difendere il referendum solo per sparare sulla croce rossa, gli ex-comunisti. Ma nella realtà dei fatti, il presidente Ucraino é scappato (e non si capisce perché, poteva restare e trattare, chissà chi l'ha consigliato da Mosca Putin!?!?!?! per avere un pretesto per invadere la Crimea e l'ucraina), chi é rimasto ha preso il potere temporaneamente e indetto nuove elezioni. Nel frattempo in Crimea arrivano i soldati russi con mimetiche anonime !?!?!?!?! per non dare nell'occhio e in crimea decidono autonomamente di indire un referendum per l'annessione alla Russia. È chiaro che si tratta solo di interessi economici/politici e Putin ha preso la palla al balzo per non perdere un'altro paese ex-comunista a favore dell EU, ciò non giustifica l'ingerenza militare di Putin. Allora lasciamo fare un referendum di indipendenza al trentino alto adige e diciamo all'Austria di entrare con i loro militari per riprendersela, che c'é di male avrebbero fatto un referendum democratico plebiscitario. Caro Feltri il suo articolo é una grandissima stonz...a

glasnost

Mer, 19/03/2014 - 16:35

Speriamo si faccia presto un referendum in Sardegna per annettersi alla Svizzera!!!!!! Lasciando in Italia extracomunitari, ex-comunisti e magistratura democratica.

Rossana Rossi

Mer, 19/03/2014 - 16:37

luigipiso sei il solito niente......hai proprio l'ossessione di Berlusconi lo vedi dappertutto anche dove non c'entra un tubo....ma possibile che devi propinarci i tuoi soliti pistolotti da mononeurone? Risparmiaci, se questi argomenti ti annoiano vai a leggere quella carta da cesso che è il tuo giornale e che non compra nessuno.........

Ritratto di ForzaSilvio1

ForzaSilvio1

Mer, 19/03/2014 - 16:48

Esimio Direttore, tanto è inutile che si sgoli: i bolscevichi russi non cambieranno mai. Sono i soliti volgabbana: appena cambia il vento, cambiano le loro ideologie. Li conosciamo bene ormai: prima hanno autorizzato l'invasione dell'Ungheria, ora si vogliono prendere la Crimea, poi.. chissà!? Per fortuna in Italia abbiamo un solido Baluardo contro le mire espansionistiche dei komunistelli come Putin: meno-male-che-Silvio-cè!!!!!!

Giacinto49

Mer, 19/03/2014 - 16:53

Piso,Piso, quel secondo "noia" doveva essere aggettivo (noiosa) non sostantivo. Alla faccia della presunta e più volte sbandierata superiorità culturale. Forse si tratta di licenza poetica? Buone cose.

Ritratto di _alb_

_alb_

Mer, 19/03/2014 - 17:01

Grande Feltri. D'accordo al 100%

eloi

Mer, 19/03/2014 - 17:03

Mi sembra normali che coloro che odiano Berlusconi non vedano di buon occhio il "suo amico" Putin. Cosi come odiano gli ebrei quando si difendono dai "loro amici" dell'O.L.P. mentre li ricordano onorandoli quando furono vittime del nazzismo.

mailord

Mer, 19/03/2014 - 17:04

Piccolo9 particolare che a voi del giornale sfugge sempre (non per niente volete candidare in pregiudicato), PUTIN E' UN CRIMINALE CONCLAMATO. Vi dice niente il nome Politoskaya? e quella ex spia uccisa con il polonio? no dico ma delle stragi in Cecenia vi siete dimenticati? chissenefotte del carisma, anche totò riina ne aveva.

Ritratto di greysmouth

greysmouth

Mer, 19/03/2014 - 17:05

A Putin non fa un baffo di nessuno. L'ha dichiarato pubblicamente. Esiste un'intervista rilasciata da Luttwak alla RSI (Svizzera Italiana), senza peli sulla lingua, a proposito della nullità dell'Occidente.

canaletto

Mer, 19/03/2014 - 17:07

E' stato fatto un referendum plebiscitario per l'annessione della Crimea alla Russia e il popolo ha detto si. Adesso i benpensanti europei che tantino prediliggono la legalità ma attuano di fatto l'illegalità completa (vedasi gli italiani che ultimamente hanno fatto cose dell'altro mondo) condannano il referendum e la Russia poichè secondo loro è illegale. Prima di criticare gli altri, guardini a se stessi. Per Berlusconi hanno fatto e continuno a fare firme false, condanne farlocche e illegali, ma tutto va bene, siete una massa di svergognati farabutti e masclazoni legati alle vostre maledette sedie, ma prima o poi la pagherete. No russia al G7 e G(????? ma chi se ne frega!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Putin vai avanti da solo tanto sei circondato, come Berlusconi, da serpi velenose, cattive, malvagie, false ecc ecc.

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Mer, 19/03/2014 - 17:11

x luigipiso 16:13 - Sta parlando dei "suoi" argomenti, vero? Non si butti così a terra, un "luigipiso" al giorno leva i comunisti di torno... continui così, la prego; altrimenti come faremmo, senze la plurime e quotidiane visite allo zoo rosso, a capire e ricordarci che i rossi nostrani sono l'anello di congiunzione tra l'uomo e.... scelga lei, basta che abbiano la coda, una scatola cranica piccola e siano sempre urlanti in modo incomprensibile e facilmente ammaestrabili. :-) PS: Cara Rossana Rossi, non si arrabbi! Non è colpa loro se si sono fermati nella scala evolutiva. Come dice il proverbio di dantesca origine: "Non ti curar di lor, ma guarda e.... vedi di non pestarli, che poi ti porti dietro la puzza"! :-D

vince50_19

Mer, 19/03/2014 - 17:15

Rossana Rossi - Non si dia pena: povero il pisolino partigiano rivoluzionario ingroiano sempre in presa altro non sa fare, gli si deve essere incantata la puntina del disco. Anzi l'ha proprio rotta..

Roberto Monaco

Mer, 19/03/2014 - 17:25

Caro Feltri, quelli che osannavano Stalin, sono in gran parte morti, o sono moooolto avanti con gli anni. Capisco che la professione obblighi a scrivere, però, dai, parliamo di cose un pò più pertinenti al fatto che siamo nel 2014 e non negli anni della crisi dei missili a Cuba. Non siamo tutti dei babbioni come i settantenni che scrivono comenti qua sopra

Libertà75

Mer, 19/03/2014 - 17:30

@iosperiamoche, pure il suo intervento è qualitativamente inferiore alla media, sicuramente inferiore all'articolo. La Crimea è un Repubblica, infatti per questo ha potuto indire un referendum. L'Alto Adige è una Provincia, quindi non può indirlo in autonomia senza il consenso di Roma. Sono 2 casi giuridici diametralmente opposti. E' come se l'Italia decidesse di uscire dall'euro, mica devono essere quelli di bruxelles a darti il permesso. Faccia paragoni giusti per cortesia perché così lei si da torto a prescindere e squalifica interamente il suo ragionamento. Non che fosse giusto per carità perché parte da assunti privi di logica. Secondo lei a Mosca faceva più comodo che Yanukovich fuggisse o rimanesse in carica? Se rimaneva incarica poteva chiedere supporto all'esercito russo il quale avrebbe calmato in 48 ore tutti i dimostranti e trasformato l'Ukraina intera in protettorato per almeno 24 mesi (il tempo di svolgere 2 elezioni, una per la costituzione e una per il successivo Parlamento). Quindi il suo servilismo mentale al potente di turno è penoso all'inverosimile. Buonaserata.

Ritratto di pravda99

pravda99

Mer, 19/03/2014 - 17:33

Che patetica e bassa generalizzazione Feltri. Neanche uno studente di media inferiore avrebbe scritto una cosa talmente generica e inconclusiva. O dice tutto, bello e brutto, e dimostra di conoscere la materia "Russia", o risulta un catalogo di luoghi comuni, di sentito dire, di cliche' logori. Ci sono aspetti della politica di Putin che sono decisamente da condannare (ma non la Crimea secondo me). E poi faccia dei nomi: CHI esattamente in Italia sono gli "odiatori" di Putin, che amavano Stalin? Certo non Renzi, che si e' allineato pedissequamente alle posizioni dominanti dei G7, ma che sicuramente non era stalinista...E allora chi? E per finire, quello che lei scrive e' di fatto il pensiero attribuibile a Berlusconi? Perche' sin dal primo momento egli ha taciuto sugli eventi in Ucraina. E allora uno si chiede: Gli e' stato forse chiesto da Putin stesso di tacere sull'argomento, per evitare, sostenendo Putin, di aggravare la posizione internazionale del leader russo?

maxaureli

Mer, 19/03/2014 - 17:36

gioch e luigipiso... Grandi!!! Apprezzo i vostri commenti... e i vostri commenti (bla bla bla) andrebbero scritti sulla carta igienica dopo aver strofinato le natiche sporche di escrementi umani... LOL LOL bravi... ha h ah hah ahahaha ha

Benny Mammocchia

Mer, 19/03/2014 - 17:37

Feltri, a lei piace credere di essere uno spirito libero che dice quello che pensa, ma questo articolo dimostra esattamente il contrario. Ovvero che lei e' li' con uno scopo ben preciso anche se mai apertamente dichiarato: quello di difendere sempre e comunque il suo padrone. Le dico anche perche'. Quello che dice di Putin e della situazione russa non sta ne' in piedi ne' in terra. Innanzitutto basta con la dietrologia. E' un atteggiamento dei meschini e degli sconfitti. Sempre a cercare 'la vera motivazione' dietro alle dichiarazioni ufficiali. Fa ridere quando dice che gli USA o gli altri stati europei sarebbero gelosi di quello che Putin e' riuscito a raggiungere. Si vede che lei conosce poco il mondo al di fuori dei confini nazionali. Si figuri se i potenti del mondo sono gelosi di uno stato dove la liberta' non sanno nemmeno cos'e', di uno stato dove se ti provi a dissentire col padrone ti fanno a pezzi. Questa se la poteva risparmiare perche' e' una tesi che fa veramente ridere. Molto piu' semplicemente Putin e' un dittatore dei nostri tempi, uno che non si e' fatto scrupoli a eliminare il nemico per ottenere i propri obiettivi e quelli dei suoi amici. Putin e' un personaggio losco che ha tradotto i metodi imparati al KGB in azione politica. Capisco che certi dinosauri arenati alle nostalgie fasciste possano provare ammirazione per un simile figuro, ma le persone libere e moderne aborrono questo tipo di personaggi. Poi per quanto riguarda la situazione in Crimea dimostra di non sapere niente di diritto internazionale. Secondo lei quindi uno stato si puo' intromettere in un altro stato sovrano e determinarne le politiche? Come la vedrebbe lei se ad esempio gli austriaci scendessero in Trentino e organizzassero un referendum, contro la volonta' dello stato italiano, e magari la maggioranza di quella popolazione dicesse che si vuole riunire all'Austria? Smetta di manipolare le idee per provare la sua tesi. Un referendum non e' uno strumento democratico in assoluto, ma solo quando viene usato nel giusto contesto. Ma poi cosa c'entra l'autodeterminazione dei popoli? Andrebbe azionato il cervello prima di azionare la penna. O per lo meno un giornalista si dovrebbe informare prima di dire le cose. Se lei capisse l'inglese e avesse seguito il dibattito alle Nazioni Unite saprebbe che nessuno ha fatto riferimento ai brogli come vero motivo del contendere o come fattore significativo in questa vicenda. La cosa e' del tutto irrilevante. Il punto sta tutto nell'intromissione di uno stato in un altro stato sovrano. Capisco che lei voglia difendere Putin perche' era l'unico amico internazionale di Berlusconi, ma qui l'unico conformista e' lei che invece di avere uno sguardo lucido sul significato dell'aggressione russa nei confronti di uno stato sovrano, preferisce conformarsi al volere del padrone. Mi creda potra' farla franca di fronte agli occhi di qualche berlusconiano accecato che e' pronto ad accettare qualunque cosa purche' sia in favore del suo padrone, ma di fronte a chi e' intelligente e distaccato fa una figura imbarazzante. L'altra balla storica che dice e' che la Russia e' diventata una potenza mondiale grazie a Putin. Beh, la Russia e' una potenza mondiale dalla meta' del secolo scorso per il semplice motivo che si e' dotata di armi nucleari e Putin non c'entra proprio nulla in tutto questo. L'indifferenza e l'ilarita' che lei menziona alla fine dell'articolo mi sa che sono molto piu' appropriati e veritieri se adoperati per commentare il suo articolo e il suo atteggiamento servile nei confronti del padrone. Guardi io non la considero nemmeno stupido. Solo che l'intelligenza non e' un'arma suficiente per avere un peso nel mondo. Ci vogliono anche il coraggio di dire quello che si pensa anche quando e' scomodo per la nostra posizione. E quando dico scomodo intendo scomodo nel vero senso della parola, non le false critiche che fate al vostro capo di tanto in tanto giusto per far vedere che siete uomini liberi. Critiche del tipo "quel matto di Berlusconi..." che altro non sono che gli ennesimi malcelati elogi. Dia retta, la smetta di scrivere questi articoli spazzatura e metta su un po' di spina dorsale per dire le cose come stanno perche' al momento fa ridere chiunque abbia cervello.

Libertà75

Mer, 19/03/2014 - 17:48

@iosperiamoche, pure il suo intervento è qualitativamente inferiore alla media, sicuramente inferiore all'articolo. La Crimea è un Repubblica, infatti per questo ha potuto indire un referendum. L'Alto Adige è una Provincia, quindi non può indirlo in autonomia senza il consenso di Roma. Sono 2 casi giuridici diametralmente opposti. E' come se l'Italia decidesse di uscire dall'euro, mica devono essere quelli di bruxelles a darti il permesso. Faccia paragoni giusti per cortesia perché così lei si da torto a prescindere e squalifica interamente il suo ragionamento. Non che fosse giusto per carità perché parte da assunti privi di logica. Secondo lei a Mosca faceva più comodo che Yanukovich fuggisse o rimanesse in carica? Se rimaneva incarica poteva chiedere supporto all'esercito russo il quale avrebbe calmato in 48 ore tutti i dimostranti e trasformato l'Ukraina intera in protettorato per almeno 24 mesi (il tempo di svolgere 2 elezioni, una per la costituzione e una per il successivo Parlamento). Quindi il suo servilismo mentale al potente di turno è penoso all'inverosimile. Buonaserata.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mer, 19/03/2014 - 18:01

Costui è l'unico statista in Europa

Ritratto di wilegio

wilegio

Mer, 19/03/2014 - 18:05

Il silenzio del nostro (poco)amato presidente è assordante! Come mai stavolta non plaude ai carri armati sovietici che invadono un altro Paese? Fra l'altro, nel '56 nessuno chiese ai poveri Ungheresi se fossero d'accordo, mentre stavolta direi che i Cri... come si dice "abitanti della Crimea"?... sono completamente d'accordo nel farsi invadere! E allora, se fosse coerente, il vecchio comunista dovrebbe fare a Putin una standing ovation... e invece niente! Evidentemente la coerenza delle idee non trova posto al Quirinale.

Ritratto di toro seduto

toro seduto

Mer, 19/03/2014 - 18:31

Stalin è morto nel 1953 ed il muro di Berlino è caduto nel 1989.....se vogliamo dirla tutta Direttore, le uniche persone che lo nominano negli anni siete voi...si sforzi siamo nel 2014 focalizzi la sua attenzione su quello che sta succedendo ora......oppure possiamo continuare a prenderci per il sedere. S non era amico di Silvio questo ex kgb avrebbe scritto un'altro articolo, ma la conosciamo mascherina...non è mica Montanelli

Ritratto di marforio

marforio

Mer, 19/03/2014 - 18:33

Da dire caro Feltri a Putin queste formiche non fanno ne caldo ne freddo.Piu che comunisti direi opportunisti che si vendono o diciamolo si prostituiscono.A loro va bene il Kosovo, ma non Portorico ne la Crimea.Ma andassero a vangare che e' meglio.

pasquale.lamontagna

Mer, 19/03/2014 - 18:41

Quanto mi piace la "verità"!! Bravo Feltri.

Ritratto di volpedeldeserto

volpedeldeserto

Mer, 19/03/2014 - 18:45

IO SONO CON PUTIN. Ridicole le prese di posizione dell' URCE (Unione delle Repubbliche Comuniste Europee), mi raccomando il 25 maggio votate ancora per l'URCE

guardiano

Mer, 19/03/2014 - 18:54

Feltri ha perfettamente ragione questi sfigati nipotini di stalin ora odiano suo figlio putin perchè è amico di berlusconi,poveretti hanno la faccia da cu..o e non se ne accorgono.

andrimail

Mer, 19/03/2014 - 18:55

,.si, incredibile come la storia si rivolti nella tomba, gli ex comunisti di oggi, contro la madre russia, un tempo avrebbero salutato l'annessione della crimea sotto il muro comunista, come un inno di liberta',..ma siccome i comunisti hanno sempre torto ex o post che siano, oggi siamo noi ad esultare tutti uniti dalla parte del piu' grande Presidente che c'e' oggi in circolazione.: VLADIMIR PUTIN, ...ci vogliono 10 Obama per farne uno,..

Silviovimangiatutti

Mer, 19/03/2014 - 19:08

Che tristezza constatare che neppure Renzi conosce il significato della Real-politik: l'irresponsabile idealismo della sinistra italiana, dei burocrati di Bruxelles e perfino di Obama ci prospettano un futuro di guai per il gusto di fare la voce forte con Putin. Peccato che loro siano più forti dell'Occidente: loro sono abituati ad una vita di stenti, noi senza il loro gas e senza le esportazioni verso il loro paese siamo condannati a subire un ulteriore rallentamento della nostra economia con buona pace dei ns. giovani che cercano lavoro. La stupidità dell'internazionale di sinistra colpisce ancora !

rapido

Mer, 19/03/2014 - 19:15

Vorrei ricordare al Signor Feltri , che non sono solo i comunisti ad aver voltato gabbana , ma il signor Putin stesso era colonnello del KGB mano armata del comunismo più odiato, ed ora si erge a difensore della libertà.

Felice48

Mer, 19/03/2014 - 19:20

Ho un'idea molto balzana, direi surreale e molto fantasiosa. I tedeschi non sono mai stanchi di tentare di dominare il mondo (anche la Francia). O con le cattive o con subdole buone maniere tentano sempre. Così tralasciando l'ultima guerra dove hanno avuto una mazzata tremenda ora i krauti ne stanno facendo una economica. Piano piano con lo specchietto per le allodole dell'euro stanno coinvolgendo anche i paesi dell'est che prima erano sotto l'egemonia dell'URSUS. Lo stesso stavano facendo con la Crimea. E qui hanno trovato l'osso duro Putin e con lui il popolo sovrano di questo paese. La merkel ci rimane male anzi malissimo. Gli usa avvezzi a non farsi mai i fatti loro (per interesse altrettanto economici ) cercano di lenire la loro mancata impresa nel modo più bambinesco. Sai quanto se ne fotte Putin delle loro sanzioni del minga. Lui ha moltissime altre risorse tra le quali il GAS. E di quel gas noi ne abbiamo bisogno.

Ritratto di Dobermann

Dobermann

Mer, 19/03/2014 - 19:24

Caro direttore, io le voglio bene e sono un suo accanito lettore, per questo mi prendo la briga di dirle che lei continua a porre domande retoriche, già contenenti le risposte. Iniziamo col dire che i bolscevichi furono mandati al potere dai signori di Wall Street e da quelli della City di Londra: non è più un segreto che Lenin fu finanziato da lorsignori per assolvere compiti ben precisi, per esempio contenere e deviare le masse dal vero socialismo e incanalare la rabbia e togliere dalle mani zariste i punti strategici delle materie prime: le mire zariste verso il Golfo Persico erano troppo palesi! Non solo, molti fanno finta di nulla ma l'Unione Sovietica, in periodi di difficoltà, fu prontamente soccorsa dai signori dell' 'aquila atlantica'. Indovinate perchè? E che dire del fatto che Mao, nel 1972 se non erro, fu costretto ad accordi con gli USA per l'aquisto di aerei da guerra statunitensi? Eppure Mao era un comunistone! Quindi, signori e caro direttore: il bolscevismo, e il comunismo come l'abbiamo conosciuto, non è stato altro che l'altra faccia della medaglia. Vedi caso, l'Unione Sovietica cadde improvvisamente, cioè nel momento in cui a lorsignori non portava più utilità. Ecco perchè i nostri 'comunisti', che come ha sempre sostenuto lei, caro direttore, sono rimasti tali anche se hanno cambiato l'insegna alla bottega, si schierano contro Putin, perchè, sostanzialmente, per loro il passo è stato facilissimo in quanto il bolscevismo è la maschera del capitalismo FINANZIARIO che oggi strozza i popoli. Sottolineo FINANZIARIO, perchè il capitalismo non è assolutamente il male, anzi, bisogna ricondurlo alla sua vera essenza. Putin, un uomo che può piacere o meno (io, per esempio, lo apprezzo per le politiche 'katechontiche' contro il degrado morale, etico e culturale in difesa della cristianità) assume il ruolo, palese, di vero leader con caratteristiche 'priapesche'. Obama, invece, rappresenta la nullità dell'uomo di oggi, fighetto, ignorante, asservito, pavido, buonista e chierichetto: lui tiene insieme Renzi, Veltroni e Fazio! Il tipico idiota americano, tutto ciambelle, hot dog, pace amore e fantasia! Putin è consapevole di quello che l'aspetta: una guerra economica e politica spietata. Ora i cani della finanza saranno sciolti per fare il lavoro sporco. Ma egli non può più indietreggiare, alla luce anche che il popolo russo è tutto con lui. Mi preoccupa più l'Europa, perchè chi sta al centro è quello che prende le mazzate! E considerando i leaders che abbiamo, non credo che saremo in grado di uscirne indenni. Pensi, caro direttore, a Hollande, un puttaniere idiota (altro che Miterrand, lui si che faceva le 'porcate' ma senza darlo a vedere) che non è né carne e né pesce! Infatti, piccolo Napoleone, già grida contro la Russia per fare il 'micio' col colosso atlantico. E questa è la sinistra europea, cari amici: chiacchiere e miserie.

fabio55

Mer, 19/03/2014 - 19:45

ti dovresti vergognare omofobo di putin hai permesso che facessero del male a tanti gay russi ma non l avrai vinta il peggio per te sta per iniziare

Ritratto di dalton.russel

dalton.russel

Mer, 19/03/2014 - 19:49

benny mannocchia, ma Lei che ha fatto un pistolotto a Feltri, ha almeno capito il paralello? lei quanti anni ha per parlare di dietrologia? cos'è le rode il culo avere un pdr che plaudiva ai carri armati sovietici e oggi parla di democrazia? vi autoassolvete come sempre? che cazzo ne sa lei della democrazia, quando si permette di scrivere una manicata di stronzate tralatro offensive nei confronti di un grande giornalista. Poteva solo dissentire senza offendere. Lei pensa di essere intelligente? quanto è il suo Q.I. saprebbe dirmelo? o forse è pari alla temperatura di Bolzano quando il freddo è molto pungente? E adesso mi dica che non è comunista, che è un liberale, e bla bla bla. Sa cosa diceva Flaiano di quelli come Lei: sono affascinato dall'altrui stupidità ma preferisco la mia. E lei non è Ennio Flaiano. Dalton Russell

Ritratto di pravda99

pravda99

Mer, 19/03/2014 - 20:07

Benny Mammocchia - Lei e' PAZZO. Ma chi vuole che capisca qui questo contenuto cosi' logico? Qui ci sono i Mortimermouse, i RaddrizzoLeBanane, i pasquale.esposito, senza contare il suo quasi-omonimo, che rigurgitano quotidianamente fiele e francesismi. Ci sono i gian paolo cardelli, gli albertzanna, i CADAQUES, le rossane rossi, mastini senza scrupoli e senza museruola, che azzannano indefessi chiunque vada appena fuori dal seminato. E poi come osa umiliare Feltri dandogli dell'approssimativo e del servile, quando i suddetti tanto adorano le sue generalizzazioni e semplificazioni, le sue menzogne e le non-bugie fuorvianti, le leccate ardite e le risalite nei mutandoni di Berlusconi. Ma soprattutto: Ha dimenticato di firmarsi "Un Italiamo in USA"

pittariso

Mer, 19/03/2014 - 20:09

Feltri,al posto del carrista.

Ritratto di Zio Gianni

Zio Gianni

Mer, 19/03/2014 - 20:14

***Unico o quasi. Come sempre Vittorio Feltri esprime pareri con nella Logica della Realtà che detta la Fisica/Matematica quindi, quella giusta e non ipocrita come fanno il 99% dei "LEKKINI LENTIKKIARI" quali sono la stragrande maggioranza dei pseudo giornalisti schiavi e sottomessi dai poteri forti. La miseria intellettiva dei TRINARICIUTI idioti che odiano anche sé stessi emerge giorno per giorno sempre di più. Bravo Vittorio!*

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Mer, 19/03/2014 - 20:18

E ha dimenticato, signor Feltri, di aggiungere che se gli argomenti fanno male alla sinistra vengono derubricati subito come noiosi! Ci ha fatto caso? Il centrodestra sarà forse popolato da "bananas", come dice la sinistra, ma la sinistra è sicuramente piena zeppa di "banalones".

gguazzaroni

Mer, 19/03/2014 - 20:19

E bravo Feltri, anche lei pronto a salire sul carro del dittatore!!

Ritratto di Scassa

Scassa

Mer, 19/03/2014 - 20:30

scassa Mercoledì 19 marzo ore 20.15 Sublime la dialettica del signor Feltri ,grazie . Io ,modestamente ,riporto qui di seguito ciò che diceva mio Nonno Ettore,buonanima ,a proposito delle levate di ingegno degli affabiulatori della sinistra : " non è vero che tutti gli ignoranti stanno nel PCI e affini,ma è pur vero che la sinistra e' piena di ignoranti !!!" Silvana Sassatelli.

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Mer, 19/03/2014 - 20:33

Roberto Monaco, tra quelli che osannavano Stalin c'è ancora anche il nostro Presidente della Repubblica e, se stiamo al suo giudizio, gli dobbiamo dare del babbione, perché ha più di settant'anni. Comunque, complimenti per il suo stupido razzismo! E poi, mi dica: tratta così anche tutti coloro che parlano ancora di resistenza? Sono tutti babbioni? Diventano argomenti noiosi e obsoleti solo perché sono vecchi, oppure quando lo decidete voi razzisti?

moshe

Mer, 19/03/2014 - 20:39

Gli ex tifosi di Stalin in trincea contro Putin ..... ..... ..... chissà se tra gli ex tifosi di Stalin in trincea contro Putin ci sarà anche re giorgio!? speriamo che non smentisca il suo entusiasmo per l'invasione dei carri russi in Ungheria!!! ..... e ce lo siamo DOVUTI prendere come ... presidente !

soldellavvenire

Mer, 19/03/2014 - 21:02

come cambiano i tempi, eh feltri? silvio é amicone dei comunisti mentre ostenta anticomunismo a palate mentre come amicone di bush ostentava piena sintonia intanto gli affari li faceva con l'altro... i comunisti all'italiana che sono SEMPRE stati antiamericani lo avevano giá capito che in russia nulla é cambiato, ma hanno rifiutato questo despota che nulla invidia a stalin, beria, ecc, poi, hai confuso chi sosteneva chi, ma questo é tipico di chi vede la storia da un lato solo

Ritratto di abj14

Anonimo (non verificato)

Roberto Casnati

Mer, 19/03/2014 - 21:08

Lo ho già scritto e lo riscrivo: voglio qui ricordare che il "nostro" Togliatti veniva chiamato da Stalin "il migliore" e che Napolitano era il braccio destro e anche sinistro di Togliatti, beninteso dopo essere stato fascista!

Anonimo (non verificato)

Ritratto di wilegio

wilegio

Mer, 19/03/2014 - 22:27

Mi piacerebbe sapere se il vecchio comunista del colle è ancora d'accordo con il suo grande amico sovietico, oppure se ha improvvisamente cambiato idea.

manente

Mer, 19/03/2014 - 22:31

Dove non c’è onore, non c’è vergogna. Il comunismo bolsceviko si impose al prezzo di un mare di sangue di innocenti. Così come nell’Ucraina di oggi, i capi della cosiddetta “rivoluzione bolscevika” erano al 95% ebrei askenaziti, ovvero “non russi” che non ebbero alcun problema a sterminare l’intera famiglia imperiale ed a massacrare milioni di contadini che rifiutavano una rivoluzione che sentivano come aliena. I registi occulti della “rivoluzione ucraina” di oggi, portano gli stessi cognomi dei registi occulti della “rivoluzione russa” di allora, sono i padroni della finanza di usura globale cosmopolita ed apolide ed ora come allora, mirano solo ad impadronirsi delle immense ricchezze della Russia a danno dei popoli. Su tali presupposti, è evidente la ragione per la quale una quasi invincibile inclinazione al male ispira la condotta del “comunista” sia vecchio che nuovo. Vale per costoro quanto si legge in Ovidio: "Nihil nisi turpe iuvat", ovvero: Niente che non sia turpe giova!

roby55

Mer, 19/03/2014 - 23:52

@Benny Mammocchia: anche il suo commento è pieno di pregiudizi nei confronti dei giornalisti de il Giornale. Tutta roba vecchia tipo: difendere il suo padrone. Detto senza rancore. P.S. se desidera che qualcuno si prenda la briga di leggere i suoi commenti, le consiglio umilmente di scriverli un po' più corti. Si può dissentire dall'articolo lungo di Feltri, ma è leggero e si beve come un bicchier d'acqua. Il suo commento, oltre ad essere lungo, richiedere un'aspirina per il mal di testa dopo averlo letto.

fabiou

Gio, 20/03/2014 - 00:10

iosperiamoche forse non ha fatto la 5 elementare senno saprebbe che l alto adige ce lo siamo presi coem risarcimento danni di guerra dall'austria e perciò un risarcimento danni segue principi ovviamente diversi dall'autodeterminazione dei popoli.

maurizio@rbbox.de

Gio, 20/03/2014 - 00:24

Interessante il commento del Benny Mammocchia! La cosa piú interessante del commento é "le persone libere e moderne aborrono questo tipo di personaggi". Ora poichè in Italia quelle medesime persone che dicono di aborrire Putin sono esattamente l'opposto di "libere e moderne" é chiaro che Feltri ci ha preso... Infatti l'articolo di Feltri non ha per tema la difesa aprioristica di Putin, che si difende bene da solo per altro, quanto piuttosto il tema é il paradosso per cui quelli che oggi criticano l'ex-KGB Putin, ieri avrebbero fatto carte false e steso il tappeto rosso al KGB Putin. Altro che "libere e moderne". Ah Mammocchia, ma per favore! Le persone "moderne" (per come Lei intende la modernitá) possono aborrire Putin. Quelle libere magari anche no. Se ne faccia una ragione Benniy Mammocchia! Che poi, pare che uno debba stare per forza "con o contro" Putin, il classico pensiero manicheo. A me personalmente Putin sta pure sulle scatole, i suoi metodi da KGB pure ecc ecc. Ma sta tenendo insieme la Russia e questo é un merito innegabile. Ecco su Putin ho idee contrastanti. Su quelli come Lei invece, su quelli "moderni" come Lei, ho idee alquanto chiare: mi state sulle balle.

linus2305

Gio, 20/03/2014 - 07:26

Direttore, sono italiano e vivo in Russia oramai da molti anni. Devo molto a questo paese del quale sto anche per diventare cittadino. Sono Italiano non sono europeo. Tanto per intenderci. Non leggevo il Giornale da molto tempo e devo dire che se ho voluto trovare un organo di informazione italiano dove potere leggere di Ucraina e di Crimea in modo professionale (molto bravo il vostro inviato sul campo) ecco l ho potuto fare nelle vostre colonne. Quello che abbiamo sentito pochi giorni fa da Putin è a mio avviso un grandissimo discorso che riassume in se analisi storica, un grande talento nel leggere la situazione politica, ed un mix fra diplomazia e sentire della nazione. Già...Qui da noi l essere Russia vuol dire non poco... Ovviamente il tutto è stato bollato dai politici (chiamiamoli così) statunitensi e dai tecnocrati europei come un esercizio di populismo... Il Presidente Putin lo ha detto a chiare lettere...C'è una parte del mondo che pensa di avere l'esclusiva di termini quali Giustizia,Libertà e Democrazia...A seconda dei casi...Ovviamente...Il famoso doppio standard...Faceva comodo macellare l Ex Jugoslavia e allora il referendum dei kossovari è diventato sacro...Così come ci volevano la Nato gli Europei e gli Americani per bombardare (con giusta causa ovviamente) una capitale Europea come Belgrado. Quello che sta succedendo nella Repubblica di Maidan (mi scuserà se non la chiamo Ucraina) ha del fantascientifico...Paramilitari organizzano un campo di battaglia in una piazza degno delle migliori lezioni di LCB che ci insegnavano alla Scuola Ufficiali di Cesano...Un presidente (per l amor di dio corrotto ) eletto democraticamente viene sollevato (non da un popolo ma da gente appartenente a clan diversi dal suo che ora siedono vicino alla Merkel e compagni...) e come prima decisione ecco l abolizione della lingua russa... Tanto per cominciare... Ma la vera faccia di Maidan è quella che si è vista due giorni fa quando il direttore della Tv di stato, è stato picchiato nel suo ufficio da membri dell estrema destra nazista, per avere osato mandare in diretta la cerimonia tenutasi al Cremlino a Mosca...Non ho trovato ad ora un solo giornale italiano (compreso il suo) che abbia dato risalto a questa notizia.Eppure per me è di fondamentale importanza per capire chi siede a Kiev adesso. Ho cercato di pubblicare il link sul blog della Repubblica e del Corsera ma sono stato censurato. Mi permetto di linkarlo nella sue pagine...la fonte non è qualunque...Si tratta di Euronews...http://it.euronews.com/2014/03/19/ucraina-assalto-alla-tv-direttore-umiliato-per-aver-trasmesso-discorso-di-putin/ La sua analisi sulla Crimea è talmente lucida che non penso ci siano altre cose da dire, fatto salvo che se i tecnocrati della UE e gli americani continueranno a soffiare sul fuoco questa volta rischiano davvero un incendio di dimensioni epocali...Qui non siamo in kossovo, o in libia o in Iraq..Questa è una grande nazione ed è capitato nei secoli che molti sono arrivati per poi essere rispediti a Parigi o Berlino...Il nostro ministro degli esteri all'epoca della crisi in Siria disse che europei ed americani si muovevano sullo scacchiere medio orientale come delle scimmie con delle bombe a mano disinnescate...Ecco che dopo pochi mesi si ripetono...Ma in piena Europa (geografica). Chiudo Caro Direttore con una riflessione. La UE rappresenta a mio modesto modo di vedere le cose, una metastasi che si sta allargando sempre di più, in mano a tecnocrati e banchieri. Una vera elite, una vera oligarchia (a proposito) che lavora per fare tacere i popoli,per uniformarli e togliere loro la propria autoidentità. Ecco perché hanno paura dei referendum...Ed ecco perché spero che qualcuno davvero nel prossimo futuro abbia la forza di portare avanti questo obiettivo: chiedere al popolo sovrano se voglia davvero restare in questa EU...Non sarei così sicuro del risultato finale. Intanto quando guardo il mio passaporto e vedo la scritta Unione Europea provo una profonda tristezza. I miei migliori saluti da Mosca.

linus2305

Gio, 20/03/2014 - 12:58

x Benny Mammocchia...Guardi...il suo intervento non meriterebbe nemmeno di essere commentato...Ma...Vorrei fra l altro sapere se qui da noi, nel vecchio impero del male russo, lei ci ha mai messo piede...o se si...magari per un selfie,si dice così no?, in piazza rossa e magari uno spuntino al mc donalds più vicino...Prima di parlare bisogna informarsi e per informarsi davvero bisogna viverci nei posti, a contatto con la gente...Nel suo delirio pro europeo e pro americano si dimentica molte cose: questa nazione ha giocato un ruolo decisivo nella sconfitta dei nazisti ed ha patito milioni di morti mai nominati...Dimentica le oligarchie europee che non sono meno potenti di quelle russe e che adesso giocano a destabilizzare non tanto l ucraina bensì la Russia...un gioco demenziale per chi ha vissuto come me l epoca di Eltsin quando l uranio e i missili giravano per la russia come bottiglie d acqua minerale...Questa nazione caro Mammocchia non è per tutti...Lei la governerebbe con un Renzi? Un Napolitano? Un Grillo...Un estensione tre volte quella degli stati uniti un insieme di etnie sempre da bilanciare...Putin è un uomo duro, la Russia richiede uomini duri e poteri forti...Noi lo sappiamo...Tutti lo sanno...Ma non per questo viviamo all inferno...Prenda un aeroplano siamo solo a tre ore dall Italia e venga a vederci non siamo scimmie allo zoo...Siamo imprenditori, managers spesso in fuga dall Europa dove le nostre capacità non venivano riconosciute ed erano sotto pagate e qui contribuiamo con le nostre vite a rifondare una nazione. E siamo sulla buona strada. Io e milioni di persone sotto l Aquila a due teste viviamo bene . Io non sopravvivo. Lei invece nella splendida ed aurea europa come sta? Vive ? O sopravvive. I miei migliori auguri. E quando accende il gas stasera si ricordi di noi. Andrea

Benny Mammocchia

Gio, 20/03/2014 - 13:39

Caro Dalton, sono nato in America da madre italiana e padre inglese. Sono sempre stato un repubblicano. Mi sono laureato a Harvard dove ho fatto anche un MBA e ottenuto un distinction. Addesso a lavoro a New York come Managing Director in una multinazionale americana. Insomma di democrazia ne so abbastanza, mentre di comunismo so poco. Anche se ho vissuto 3 anni in Russia dove ho lavorato e le posso garantire che c'e' 10 volte piu' corruzione che in Italia, che purtroppo e' un paese gia' molto corrotto. Non ricordo una sola volta dove, al momento di concludere un affare, non ci fosse chiesta la tangente, cosa che non mi e' mai accaduta negli USA o in UK o in Germania. Le posso anche dire che esercitare la liberta' e' una cosa molto pericolosa in quei posti. Per quanto riguarda le offese a Feltri, non sono d'accordo. Ho detto semplicemente quello che penso senza offendere nessuno. Dire alla gente che si comporta da leccapiedi mostrando fatti che supportano quell'idea non e' offendere. Poi lei puo' essere d'accordo o meno, e' una questione di opinioni. Certo, poi le opinioni che sono ben fondate hanno piu' possibilita' di successo. Offendere e' invece far riferimento al quoziente d'intelligenza senza sapere niente della persona, senza averla mai conosciuta. E l'offesa e' l'arma tipica delle persone deboli. Poi al signor linus2305 direi che la Russia ha semplicemente reagito all'invasione nazista, ma chi ha condotto la guerra su mille fronti sono stati gli angloamericani. Le ricordo che in particolare il Regno Unito e' entrato in guerra per difendere la liberta' violata alla Francia e non per difendere i propri interessi. Queste sono le vere dimostrazioni di valore nella storia. E non quelle della Russia che approfitto' della situazione per estendere la propria influenza sui paesi dell'est europeo. Io personalmente in Russia non ci vivrei mai perche' la considero una dittatura e a me non piace sottomettermi a nessuno. Ma se a lei piace, si figuri, ci stia quanto vuole. Infine al signor roby55, non si preoccupi, non li legga proprio i miei commenti se non le piacciono. Si figuri se ho l'ardire di credere che alla gente piaccia leggere i miei commenti.

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Gio, 20/03/2014 - 17:40

x Benny Mammocchia 13:39 - Non posso e non voglio perdere troppo tempo per ribattere alle sue convinzioni, che comunque giudico partigiane, parziali e telecomandate. In merito al disinteressato aiuto di USA e UK... beh, solo un cieco, sordo e lobotizzato non vede (tuttora) l'enorme estensione del loro controllo mondiale proprio in seguito all'aver vinto la guerra. Una guerra che a loro è costata tantissimo, specialmente agli USA che hanno visto quadruplicarsi il PIL proprio negli anni di guerra, non hanno avuto un singolo danno all'industria che è stata convertita in 1 secondo nel dopoguerra, e hanno avuto lo stupefacente numero di 170mila morti militari e 8mila civili. Mettendo assieme USA, UK, Francia, Belgio, Olanda, Danimarca, Norvegia, ecc, vediamo la spaventosa cifra di (circa) 1milione di militari e 500mila civili... altro che quei vigliacchi di Russi che hanno solo fatto finta di fare la guerra! Cosa che è dimostrata dal fatto di avere avuto SOLO circa 14milioni di militari e 6milioni di civili morti... Tenendosi a mente chi (unico, fino a oggi, nella storia del mondo dall'apparizione dell'uomo) ha usato l'arma nucleare e vaporizzato due volte un numero immane di civili inermi, faccia il conto di quante basi USA/NATO ci sono nel mondo, in quanti stati fanno e disfano ciò che vogliono, quante guerre, rivoluzioni, invasioni, colpi di stato, vedono la regia (e l'incameramento dei seguenti vantaggi/interessi strategici, economici, finanziari, politici, ecc...) degli USA/UK dal dopoguerra e faccia lo stesso per la Russia fuori dalle aree ex USSR.... e poi abbia il pudore di zittirsi e di andare a chiudersi da qualche parte per nascondere la vegogna!

Ritratto di abj14

abj14

Gio, 20/03/2014 - 18:16

il saturato 17:40 : Complimenti. As simple as that.

Benny Mammocchia

Gio, 20/03/2014 - 18:38

Guardi signor saturato io non ho bisogno di nascondermi da nessuna parte perche' le cose le so e non ho paura di avere opinioni. Lei ha trasformato completamente quello che io ho detto. Qui non si e' mai parlato della politica estera delle potenze mondiali nel ventunesimo secolo. Semplicemente si parlava del fatto se la Russia fosse una democrazia o meno e, senza assolutamente idolatrare gli USA (la cui politica estera spesso non condivido), ho semplicemente detto che tra i 2 paesi io scelgo sempre gli USA perche' assicurano una liberta' che in Russia nemmeno se la sognano. Poi lei misura l'impegno nella seconda guerra mondiale dal numero di morti, un principo che fa ridere. Se lei sapesse davvero la storia (giusto per essere chiari io dopo essermi laureato a Harvard sono venuto in Italia e ho preso una seconda laurea in storia all'universita' di Firenze col professor Collotti) saprebbe che la Russia nel 1939 addirittura si accordo' coi nazisti per spartirsi la Polonia e vari altri territori, salvo poi essere attaccati da quegli stessi con cui avevano firmato il trattato (patto Ribbentrop - Molotov) nel 1941. Come ho gia' detto prima gli unici che sono entrati in guerra per difendere la liberta' sono i britannici che dichiararono guerra alla Germania dopo che questi avevano attaccato la Francia. Sapra' sicuramente poi che il regime sovietico ha sterminato, secondo stime prudenti, 50 milioni di persone, un regime che e' andato avanti fino agli inizi degli anni 90, un regime in cui Putin operava nei servizi segreti. Allora, nessuno e' perfetto, ma questo non vuol dire che siamo tutti uguali. Gli USA e l'UK hanno ceertamente difetti, ma a mio parere non c'e' dubbio che siano mille volte piu' avanzati della Russia quando si parla di democrazia e liberta'. Non si dovrebbe parlare in preda alla rabbia perche' si dicono cose senza senso.

Benny Mammocchia

Gio, 20/03/2014 - 18:40

Mi correggo, volevo dire che nel 1939 il Regno Unito e la Francia entrarono in guerra per difendere la Polonia che era stata invasa dai nazisti

Benny Mammocchia

Gio, 20/03/2014 - 19:12

E le diro' di piu', sulla bomba atomica sono d'accordo con lei. Sono convinto che quello fu uno scempio che si poteva evitare.

Silviovimangiatutti

Gio, 20/03/2014 - 20:26

@volpedeldeserto: io sto con lei.

Ritratto di dalton.russel

dalton.russel

Gio, 20/03/2014 - 22:17

Caro Benny, l'essere nato in USA, avere conseguito una laurea in una prestigiosa università, master e accessori vari, non le dannno il passaporto per l'onniscenza e la verità assoluta. Si perchè da come parla, Lei la modestia ed il dubbio, non sa neanche dove sono di casa. Tipica spocchia Americana. Noi siamo un Popolo, se vuole anche di merda, ma che, quando voi avevate ancora problemi di identità, noi al contrario, avevamo civilizzato, già qualche secolo prima, mezzo mondo e l'altra metà era in corso d'opera. E Lei caro il mio Benny, non solo sa poco di comunismo ma anche di democrazia. Poi, se ritiene offensiva la satira sul Suo Q.I, è solo un problema Suo. Mi stia bene. Dalton Russell.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Ven, 21/03/2014 - 00:25

Il grave peccato di Putin è stato quello di andare d'accordo con Berlusconi. Da quel momento in poi la Russia stessa è stata cancellata dalla mente dei trinariciuti. IL LORO CERVELLO ABITUATO AI LAVAGGI È STATO RAPIDAMENTE RESETTATO. Già erano incazzati con la Russia per la fine del comunismo. Poi, dopo aver visto Putin a braccetto con Berlusconi, sono scoppiati.

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Ven, 21/03/2014 - 10:42

Benny Mammocchia, sia magnanimo! Cosa vuole aspettarsi da uno come me che al secondo anno di Ingegneria si è arreso al LAVORO dopo che ha fatto convivere studio e lavoro dai 14anni. Solo qualche chiarimento: sono stato io o lei a parlare del secolo scorso, della 2° guerra mondiale, ecc...? Dall'alto della sua immensa cultura "Boldrini-style" (pascolare per il mondo grazie alla famiglia e diventare un magnifico "radical-shic" mentre quelli che lei sbeffeggia -come Feltri- DOVEVANO lavorare), vedo che dribbla in puro stile rosso (si perché al di là del suo amore per gli USA, lei è evidentemente - mia personale, legittima e libera opinione - rosso fino al midollo) il "problemino" di rispondere con dati al mio invito a informarsi (o negare) sul numero di basi USA/NATO nel mondo, in quanti stati fanno e disfano ciò che vogliono (compresa l'Europa), quante guerre, rivoluzioni, invasioni, colpi di stato, supporti a gruppi integralisti, hanno visto la regia (e l'incameramento dei seguenti vantaggi/interessi strategici, economici, finanziari, politici, ecc...) degli USA/UK dal dopoguerra e faccia lo stesso per la Russia fuori dalle aree ex USSR. Certo, non ringrazieremo mai abbastanza gli USA per il bellissimo regalo della crisi planetaria nel 2006-2009 (tuttora dirompente) partita con la "democraticissima" storia dei sub-prime (ad oggi viene stimato abbia fatto danni per oltre 7mila miliardi di Dollari...); di controllare le "agenzie di rating", che scrivono sulla lavagna i "buoni e i cattivi", democraticamente possedute da chi poi investe nei mercati azionari; di avere impestato il sistema finanziario/bancario mondiale con i tracolli di "Lehman Brothers", "Goldman Sachs", "Morgan Stanley", "Bear Sterns", ecc., ecc.... Come è stato sicuramente democraticissimo istruire/armare i "ribelli"... mi scusi, i "liberatori" libici, egiziani, siriani... dando a questi ultimi anche qualche "bombetta" chimica da spendere democraticamente contro il popolo siriano stesso per tentare di farne incolpare Assad. Ma il massimo della democrazia è stato di aver spiato/intercettato per anni e anni tutto il mondo (e continuare a farlo , naturalmente) dai governanti fino all'ultimo Benny Mannocchia. Eh si, dobbiamo proprio ringraziare Dio ogni giorno che gli USA esistano e che riescano a regalarci anche magnifici e democratici condottieri come Obama bin laden. Ma perché col suo inglesissimo cognome perde tempo per venire qui a latr... mi scusi, a elargirci la sua cosmica conoscenza invece di tenere lezioni a Harvard o all'Università di Firenze? Come dice? Non può confessare quanta "democrazia" le hanno fatto ingoiare per quell'inglesissimo cognome durante gli studi? Ma via, stia sereno; vedrà che la storia regalerà ancora agli USA uno stato da invadere perché di sicuro-forse-magari-beh-fa-niente ha un sacco di arsenali pieni di armi chimiche! Saddam non era certo un angioletto (anzi), ma era l'unico che teneva a bada quei "santi democratici" di iraniani... che presto (non appena una Russia indebolita e accerchiata dai suoi "democratici", dovrà pensare principalmente ai propri problemi) ci regaleranno un disastro planetario. Ma non si preoccupi, anche da quello gli USA trarranno il massimo profitto (democratico ovviamente) come sempre.... Take care of yourself! Have a nice-"democratic" day full of your idea of "freedom"...