Telecom, il vero rischio è la svendita del Brasile

Telefonica prende il controllo con 800 milioni. Per salire al 100% potrebbe mettere in vendita il gioiello Tim in Sudamerica. Sindacati in allarme

«Telecom non diventa spagnola. C'è stato solo un cambio di azionariato in Telco». Lo spiega Franco Bernabè, presidente di Telecom e, per ora, grande sconfitto di questa operazione che ha visto Telefonica aumentare la presa sulla holding di controllo dell'ex monopolista italiano. Oggi il manager è stato convocato in Senato per riferire sull'operazione, ma la vera data-clou sarà il 3 ottobre, giorno del cda di Telecom nel quale Bernabè, oltre a presentare un nuovo progetto industriale, dovrebbe anche chiedere un aumento di capitale dai 3 ai 5 miliardi, soprattutto per evitare il downgrade del rating che porterebbe le emissioni obbligazionarie della società a livello «junk», spazzatura. L'aumento di capitale è chiesto a gran voce anche dai sindacati e dall'associazione dei piccoli azionisti di Telecom, Asati. «Qui si vedranno le reali intenzioni di Telefonica - ha spiegato Michele Azzola della Cgil -. Noi, purtroppo, temiamo che l'idea sia quella di arrivare a una fusione tra le due società. Nel frattempo, per ridurre il debito, Telefonica venderà tutti i pezzi pregiati di Telecom e, dunque, soprattutto il Brasile e l'Argentina dove la società è già presente». E con il Brasile, che da solo vale intorno ai 7 miliardi di euro, Telefonica si ripagherebbe abbondantemente di tutta l'operazione.

«Con 800 milioni si sono presi il controllo di Telecom - dice ancora Azzola - e il governo non ha fatto una piega. Noi abbiamo già chiesto un incontro con il nuovo azionista Telefonica per vedere quali saranno le intenzioni. Siamo molto preoccupati per l'occupazione e non è escluso che già il 3 ottobre organizzeremo presidi davanti alla sede di Telecom in Piazza Affari a Milano dove si svolgerà il consiglio. Aspettiamo risposte dal governo Letta che non ha preso nessuna posizione in questa vicenda così grave». I sindacati sono comunque in buona compagnia. Persino Corrado Passera, già ministro dello Sviluppo e ad di Intesa Sanpaolo, quando venne creata Telco per rilevare Telecom, aveva definito il passaggio delle quote Telco a Telefonica «una scelta sbagliata». Quanto all'operazione, prevista a tappe, nella prima fase Telefonica, che ha il 46% di Telco, sottoscriverà un aumento di capitale nella holding da 324 milioni, passando al 66%. Nel contempo Mediobanca e Intesa passeranno dall'11,6% al 7,34% ciascuna, Generali dal 30,6% al 19,32%. Telco userà i soldi degli spagnoli per rimborsare alle altre banche parte del debito da 1 miliardo in scadenza a novembre mentre il resto verrà rifinanziato per 700 milioni da Mediobanca e Intesa in parti uguali. Il gruppo spagnolo ha rilevato dagli azionisti italiani di Telco anche parte del prestito soci da complessivi 1,7 miliardi salendo dagli 820 milioni attuali a 1,2 miliardi (il 70% del totale). Quest'ultimo verrà pagato con azioni Telefonica, che Generali, Mediobanca e Intesa potranno cedere sul mercato fra 15 giorni.

Poi, quando la società spagnola avrà il via libera dalle Autorità antitrust brasiliane e argentine (Paesi dove è presente con sue attività) sottoscriverà un altro aumento di capitale da 117 milioni alle stesse condizioni del primo, arrivando così al 70%. Avrà poi la facoltà di acquistare in contanti tutte le azioni Telco in mano ai soci per arrivare al 100% a partire dal primo gennaio prossimo. La società si è anche impegnata (obbligo di «standstill») a non acquistare azioni Telecom, tranne nel caso in cui un terzo prenda una quota rilevante nella società, superiore o pari al 10%. Per arrivare al 70% circa di Telco, Telefonica sborserà dunque circa 845 milioni, di cui quasi la metà in azioni Telefonica. Dopodiché, per salire al 100% della holding (che detiene il 22,4% di Telecom), servirà un altro miliardo di euro. Ma come si fa a vendere Telecom a prezzi così bassi? Il problema è nel debito che si è accumulato in anni di passaggi societari errati, pari a 28 miliardi. Poi, dal 2007 in poi, la forte concorrenza sulle tariffe e la crisi hanno fatto il resto, facendo contrarre utile e fatturato. Così gli analisti spagnoli sono scettici sull'operazione. Secondo Ivan San Felix, di Renta 4, «non ha molto senso. Telecom è troppo indebitata e, con l'aumento di partecipazione, Telefonica dovrebbe consolidare il debito di Telecom, evento non auspicabile». Pure Telefonica è molto indebitata (circa 50 miliardi), anche se con un giro d'affari ben superiore a Telecom. Al termine della giornata, comunque, l'unico titolo in vero rialzo era quello di Tim Brasil, quotato a San Paolo (+6%). Telecom, dopo una partenza sprint, ha chiuso a +1,69%, Telefonica a +0,22%. Il premier Enrico Letta non si sbilancia: «Telecom non è stata una privatizzazione di successo. Ora non può che migliorare».

Commenti
Ritratto di Nazario49

Nazario49

Mer, 25/09/2013 - 08:47

L'Italia paga 45 mld al fondo ESM, x salvare le banche spagnole e, poi, la Spagna con quelle banche ci compra Telecom. Folle!

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Mer, 25/09/2013 - 08:48

Fine del carrozzone e tra poco anche Alitalia. Complimenti.

Ritratto di bergat

bergat

Mer, 25/09/2013 - 08:50

Ci ricordiamo tutti la privatizzazione della Telecom fatta da Prodi. 70% delle azioni a prezzi irrisori cedute da Prodi a Colaninno, come buonuscita dall'azienda. E Colaninno preso dalla mania da capitano d'industria, dopo il rifiuto di Agnelli per la cessione di una parte delle azioni Fiat, lo convince a cedergli la Piaggio, che in effetti compra, grazie al regalo di Prodi, svendendo di fatto le azioni Telecom sul mercato a 4,5 euro cad. Grazie Prodi... grazie Colaninno

alfa553

Mer, 25/09/2013 - 10:09

Ecco l'italia che arriva sempre 30 anni dopo. Arriva con colpi di sciocco sciovinismo.Quando si ha da tenere una impresa,non si fa nulla per farlo, quando si e costretti poi a decisioni drastiche ed allora i rossi beceri e ignoranti delle piu semplici regole di aritmetica ed economia spicciola, gridano e sussurrano ancora al vento dello statalismo. La Telecom e' azienda privata, e fa cil che vuole,ma sappiate che e' anche l'azienda o meglio la compagnia piu indebitata al mondo, perche se e' vero che l'APPLE quota in borsa come un paese del G7, la telecom ha i debiti paragonabili l default dell'argentina. Ben venga che arrivi una compagnia stupida come la Telefonica che compra un'altra compagnia ancor piu stupida ,nel fare debiti ed ingrassare quattro imprenditori da strapazzo come quelli che esistono in italia.

Ritratto di barbara.2000

barbara.2000

Mer, 25/09/2013 - 10:12

gente poco male ,stiamo svendendo l'italia fallita da tempo. non prendiamola amale , abbiamo ancora ilpapa , bagnasco , i sindacati e gli extracomunitari che arrivano a barcate . vi lamentate ? ma dai adesso saranno tutti felici . a proposito sulle aziende private non c'è politico che tenga enemmeno i magistrati di lotta continua . ciao

alfa553

Mer, 25/09/2013 - 10:13

E caro BERGAT , pensa che il figlio di Colaninno e nelle file del PD , e parla di economia , sembra una maestra elementare che insegna a scrivere le asticelle.Cosi e' il mondo diceva Toto.

alfa553

Mer, 25/09/2013 - 10:15

Tra l'altro anche il sign. Renzi, parla di economia e dimostra di saperne una sega, ( parola usata anche dalla presidente della regione umbra, ma si sa, nelle amministrazioni rosse, è e' quello che si fa di più)

Ritratto di rapax

rapax

Mer, 25/09/2013 - 10:22

ma questi idioti di politici comprese le alte cariche "istituzionali" ci stanno uccidendo deliberatamente..uccidono con la politica dettata dalla Ue/crucca la nostra economia, bloccano le nostre fabbriche, uccidono gli investimenti, fanno comprare OVV dall'estero!! ma fermiamoli questi ci vogliono VOLONTARIAMENTE FARE LA PELLE CHI LI PAGA!!!!!

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Mer, 25/09/2013 - 10:26

spero in licenziamenti in massa in questo modo i comunisti proveranno di persona cosa vuol dire. Cassa integrazione ovvero pagati dai contribuenti senza lavorare ufficialmente ed arricchirsi con lavori in nero che sfuggono alla GF distratta dagli scontrini a Cortina e Porto Rotondo. PAGATE ITALIANI PAGATE, ALTRI 500 CLANDESTINI OGGI SONO ARRIVATI DA SFAMARE, VESTIRE, CURARE TUTTO A VOSTRE SPESE

scric

Mer, 25/09/2013 - 10:27

Grazie ai governi della sinistra è successo questo io direi che è arrivato il momento che i sigg.ri Prodi e D'alema rispondessero al parlamento e al popolo italiano : 1 Governo Prodi svende Telecom agli Agnelli assieme a Finsiel azienda di informatica 2 Governo D'Alema regala agli amici di Mantova che si pappano Telecomsenza che l'allora ministro del Tesoro Amato usi la golden share (il ministro dell'industria era Enrico letta) Volete sapere come finirà ? Telefonica quando avrà 2014 il 100% di telecom ufficializzerà gli esuberi circa 15.000 del gruppo telecom e con buona pace con i sindacati utilizzerà gli ammortizzatori sociali a spese (INPS) dello Stato Italiano. ricordiamo pure che Prodi ha regalato Alfa Romeo (Gruuppo IRI) agli amici di Torino. MOLTE GRAZIE signori della sinistra incapci incalliti dovreste sparire da questo paese prima che il popolo finalmente si ribella.

Dario40

Mer, 25/09/2013 - 10:43

condivido in pieno le affermazioni di Nazario49 e di Bergat ! Quanto ai Sindacati invece di cianciare e organizzare scioperi dimostrino almeno una volta di voler salvare i posti di lavoro e l'Italianità di un'azienda. Come ? Basterebbe i Sindacati ( che sono pieni di soldi dei lavoratori) unitamente a tutti i dipendenti Telecom acquistassero quel numero di azioni sufficiente per prendersi o riprendersi il controllo della Società.

fedeverità

Mer, 25/09/2013 - 10:56

questo GOVERNO,ma SOPRATTUTTO IL GOVERNO DI PRODI,sarà ricordato per sempre come il GOVERNO TRADITORE E PIù SPORCO DI SEMPRE. MA COME DICO SEMRE...IL CONTO SI PAGA ALL'ULTIMO! CARO PRODI,DOPO AVER PRIVATIZZATO E "PROMESSO" AI TUOI CAPITANI TELECOM ECCO QUA ADESSO IL GIOCO è FATTO!!! DEVONO GUARDARE BENE I FLUSSI DI ENTRATE E USCITE IN QUALUNQUE CONTO GLI SIA VICINO!!QUESTO SI è RICOPERTO D'ORO!!E NN SOLO LUI....ALITALIA è STATA SPOLPATA ANCHE QUELLA !!!

fedeverità

Mer, 25/09/2013 - 11:02

MA LEI LETTA,SCUSI MA NON HA DETTO UNA PAROLA PER TELECOM,MA COSA CI FA LEI!!!!LEI DOVREBBE ESSERE PRIMA UN TUTELATORE DELLA NAZIONE!!!!MA QUI PRATICAMENTE TUTTI PENSANO AD UNA SOLA COSA!!! I SOLDI!!!! IO FOSSI UN POLITICO,MI VERGOGNEREI E NON POCO!!!VA VOI DI COSA VI VERGOGNATE......MA DI NIENTE!!!!FINO AL GIORNO CHE LA GENTE SI ROMPERà E VERRA SOTTO CASA VS A CHIDERE DELLE SPIEGAZIONI!

scric

Mer, 25/09/2013 - 13:53

Nessuno sapeva ? telecom è privata ? ma siete dei pazzi ma i soci italiani escono dall'azionariato e voi non sapete e non vigilate al momento giusto? allora non siete capaci oppure cosa ancora più GRAVE qualcono o di più è CORREO. MASCALZONIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII

cgf

Mer, 25/09/2013 - 20:23

Non solo in Brasile.. Anche Argentina dove... ops ma chi va spesso in Argentina? ---- cmq fuori dalla penisola iberica dove è passata Telefonica, ha sempre succhiato sangue e dato servizi scadentissimi.