Tg1, ora non c'è più urgenza per il reintegro di Minzolini:lo stop del giudice del lavoro

Il giudice del lavoro di Roma ha rigettato il ricorso d’urgenza presentato dall’ex direttore del Tg1. I legali di Minzolini: aspettiamo le motivazioni per presentare il reclamo

Il giudice del lavoro di Roma ha rigettato il ricorso d’urgenza presentato dall’ex direttore del Tg1 Augusto Minzolini per il reintegro nel posto di lavoro. A renderlo noto sono stati i legali del giornalista, Nicola Petracca e Federico Tedeschini, spiegando che faranno ulteriori valutazioni dopo l’analisi delle motivazioni contenute nell’ordinanza.

Minzolini è stato rimosso dal Tg1 lo scorso dicembre dopo il rinvio a giudizio per peculato in relazione all’utilizzo della carta di credito aziendale. I legali dell'ex direttore sono in attesa di conoscere il contenuto dell’ordinanza del giudice Giovanni Mimmo per presentare l’eventuale reclamo.

Alla direzione del Tg1 resta, quindi, Alberto Maccari. "Dopo il rigetto del ricorso d’urgenza di Minzolini, il Tg1 volti davvero la sua più brutta pagina", scrive in una nota il segretario dell’Usigrai, Carlo Verna aggiungendo che "attendiamo al più presto il piano editoriale di Alberto Maccari per valutarne gli elementi di discontinuità, sperando che ci siano. Discontinuità non solo di linea, ma anche nel segno dell’inclusività: senza il recupero dei colleghi emarginati dalla precedente gestione il sindacato non darà tregua".

Commenti

Totonno58

Lun, 12/03/2012 - 11:59

Questi giudici con il loro accanimento hanno deciso di negarci quel quarto d'ora di cabaret a cui eravamo tanto affezionati!!

roberto.morici

Lun, 12/03/2012 - 12:08

Stai calmino, caro. Non crederai mica di essere un santoro!...

radeno

Lun, 12/03/2012 - 12:17

Non montiamoci la testa dopo l'affare Dell'Utri,la magistratura rimane sempre democratica. Il reintegro è valido solo per i kompagnucci........!!!!!!

Poliparo

Lun, 12/03/2012 - 12:19

Titolo: "adesso non c'è più urgenza per il reintegro.....", domanda spontanea: quand'è che invece c'era questa urgenza e da parte di chi? Da parte del giudice? Sembrerebbe così leggendo il solito articolo fuorviante.....

degrel0

Lun, 12/03/2012 - 12:23

Caro Minzolini,tu non fai parte della cerchia degli amici dei giudici e quindi hai torto a prescindere.Insulta un paio di volte Berlusconi e vedrai che l'urgenza del tuo ricorso sarà accettata.

scipione

Lun, 12/03/2012 - 12:41

Caro grande direttore Minzolini ,era scontato : NON SEI COMUNISTA.

c12c34c

Lun, 12/03/2012 - 12:44

Bravo giudice del lavoro,vuole bene al collettivo e alla Rai.Se Minzolini torna alla Rai nessuno guardira' il Tg 1.

eglanthyne

Lun, 12/03/2012 - 12:44

Le motivazioni arriveranno alle famose KALENDAS GRAECAS ?

michele lascaro

Lun, 12/03/2012 - 12:51

Un giudice che decide in questo modo è chiaro che si sta defilando. Ma chi arriva a quella carica, o meglio chi è stipendiato per fare quel lavoro, non deve dimostrare di aver coraggio, anche nell'affrontare le più difficili decisioni? È vero, come afferma il Manzoni, che se uno non ha coraggio, non se lo può dare, ma, sempre ma, se uno non ha coraggio, perché nella vita vuol fare il giudice?

macchiapam

Lun, 12/03/2012 - 12:52

Ma davvero ci si poteva aspettare qualcosa di diverso? E' più che evidente che l'uso della carta di credito aziendale è stato un pretesto. Le vere motivazioni sono quelle espresse dal segretario dell'Usigrai (una cricca diretta a tutelare non tanto i diritrti sindacali quanto, inammissibilmente nel merito, le posizioni di una certa sinistra). Il prossimo bersaglio è Giuliano Ferrara: vedrete se sbaglio.

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 12/03/2012 - 12:57

Certamente Minzolini non è un operaio che ha bisogno del salario per campare. Ma è anche un uomo pubblico le cui vicende ed il clamoroso provvedimento con cui è stato estromesso dall'incarico non interessano solo lui ma il principio di libertà di stampa e di pensiero che non riguarda solo Minzolini ma anche milioni di teleutenti che apprezzavano la sua onestà intellettuale ed a cui egli ora manca, mentre continuano a pagare il canone.

elio strazzabosco

Lun, 12/03/2012 - 13:02

Ritengo Minzolini un ottimo giornalista. Ci manca però una caratteristica: la cattiveria. elio strazzabosco

tommy1950

Lun, 12/03/2012 - 13:11

Questa è la prova che la magistratura emette sentenze politiche. In Italia siamo "in libertà vigilata" . Quando inizierà la "perestroika" anche da noi?Quando inizierà lo SMALTIMENTO del vecchiume politico con tutte le sue putride croste compreso l'apparato di potere consolidato in tanti anni? Penso comunque che Monti potrebbe farcela.

Ritratto di scriba

scriba

Lun, 12/03/2012 - 13:15

TUTELA ROSSA. La tutela dei diritti ha un solo colore, quel rosso sangue che sporca la giustizia, la politica e la vita rendendola incivile. Ormai nemmeno si vergognano più i suoi paladini e il codazzo che li applaude e sbattono pubblicamente sulla faccia della democrazia il lezzo della prepotenza ideologica per la quale se non sei dei loro non hai diritti. E' il più feroce razzismo che l' eterno cavernicolo bipede riesce a praticare ed è ciò che spiega la naturale predisposizione di certa gente allo sterminio dei popoli, in Siberia e nelle foibe, alla carcerazione senza processo e senza prove, e all' omicidio proletario. Solo una tessera può salvare da tutto questo.

scipione

Lun, 12/03/2012 - 13:19

Minzolini carissimo,ce l'hai la tessera del PD? NO? E ALLORA COSA PRETENDI.

Ritratto di gino5730

gino5730

Lun, 12/03/2012 - 13:29

Ma chi si crede di essere Minzolini ? Non vorrà mica paragonarsi con i vari Santoro,Fazio,Dandini e giganti televisivi del genere.Lui è solo un Minzolini,ergo, non ha diritto al reintegro nè risarcimenti miliardari.La sua indegnità a dirigere il TG1 lo ha dimostrata non parlando mai male di Berlusconi,non lo ha insultato ,non gli ha rivolto accuse di tutti i generi,come poteva sperare nel reintegro con queste colpe imperdonabili.

Ritratto di thewall

thewall

Lun, 12/03/2012 - 13:32

Visto che è chiaramente un giornalista di parte, perchè non si sposta a Mediaset? Anche Santoro e la Dandini sono stati estromessi perchè di parte e sono andati in reti televisive diverse... dovrebbe farlo anche Minzolini. La Rai deve essere indipendente e senza fazioni politiche.

Amedeo Nazzari

Lun, 12/03/2012 - 13:32

non c'e' piu urgenza di cosa? che urgenza? finche c'era berulsconi era ai suoi comandi: ha occultato notizie e rimescolato scalette ha buttato fumo negli occhi della gente in tutti i modi. ma il pubblico ha capito questa frode e questo e' il motivo vero perche non e' piu dove non dovrebbe essere mai stato. ci dovrebbe essere urgenza di espellerlo dall'albo dei giornalisti e di iscriverlo in quello dei leccapiedi. senza contare i soldi che ha rubato e reso.

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Lun, 12/03/2012 - 13:45

E' la prova di una vera sentenza politica come quella a favore di Dell'Utri

gibuizza

Lun, 12/03/2012 - 13:54

Per #13 tommy1950: quando anche noi avremo il coraggio di scendere in piazza con i forconi!

scipione

Lun, 12/03/2012 - 14:07

thewall," la Rai deve essere indipendente e senza fazioni politiche" ....SI COME RAI3!!!!!!!

Ritratto di alasnairgi

alasnairgi

Lun, 12/03/2012 - 14:07

Chissa' perchè se i defenestrati sono di sinistra vengono subito reintegrati!!! Giudice del Lavoro , mi viene qualche dubbio!!!

cicero08

Lun, 12/03/2012 - 14:09

ma ha ragione amedeo nazzari nel suo post. se non c'è più il suo dante causa urgenze non cìè ne sono davvero...

riderepernonpiangere

Lun, 12/03/2012 - 14:13

Ma i "liberali" di destra non sono tutti contro il reintegro dei dipendenti a prescindere? Il solo motivo per il quale si riesce attualmente a licenziare è chi ruba all'azienda, al posto di ridurre i casi di reintegro volete aggiungere anche questo? Decisione politica (?) o meno resta il fatto che ha ammesso di aver rubato all'azienda e per questo è indagato. Fuori, come tutti i dipendenti non degni di fiducia. Se vi dite liberali, per una volta siate coerenti. Voglio una destra votabile.

egi

Lun, 12/03/2012 - 14:37

La dice lunga questo atteggiamento, se penso a come la giustizia è stata occupata dai sinistri nei posti chiave, mi viene il voltastomaco.

egi

Lun, 12/03/2012 - 14:40

19 luigipiso se non capisce la differenza tra delinquenza e lavoro, abbia la cortesia di stare zitto o scrivere su repubblica.

bruna.amorosi

Lun, 12/03/2012 - 15:59

ma dai che importa tanto i kompagnucci si consolano con la COSTAMAGNA vuoi mettere ? non c'è differeza visto l'ascolti che ha fatto .

giovauriem

Lun, 12/03/2012 - 16:27

Certo: non c'è urgenza,mica si tratta di travaglio e santoro che sono i portavoce e portaordini delle procure politiche antiberlusconiane

ginko

Lun, 12/03/2012 - 16:35

Vorrei rammentare a qualche bananas che si scandalizza al grido di :" come è che quando si tratta di reintegrare quelli di sx il reintegro è assicurato e veloce ?" che il swervo sciocco è stato defenestrato per l'applicazione della legge n. 97/2001 che sancisce l'immediata esclusione dal ruolo per chi viene accusato di peculato. Oltre tutto "l'imputato" è reo confesso ed il fatto di aver restituito la somma di quasi 70.000 euro spesi con la carta di credito pagata dai contribuenti non estingue il reato. Avete mai visto, bananas, un rapinatore di banca che preso in flagrante, abbia preteso di tornarsene a ..casa dopo aver restituito, eventualmente, il malloppo ??

lomi

Lun, 12/03/2012 - 17:01

Ma cavolo..possibile che ancora a discutere di destra o sinistra....i fatti sono chiari: il Sig. Minzolini con la carta aziendale ha speso denaro pubblico per fini meramente personali. Poco importa se, per sua stessa ammissione, ha restituito la somma improvvidamente presa..il reato di peculato è stato consumato, e, come prevedono tutti i contratti di lavoro, è stato allontanato per giusta causa. Punto e stop...tutto il resto è faziosità. Poi vogliamo discutere come questo sig. faceva i telegiornali....bene allora..i dati di ascolto parlano da soli..., ma questa è un' altra storia

Ritratto di noppige

noppige

Lun, 12/03/2012 - 17:01

E' normale rinviare un giudizio di reintegro al TG1 a Minzolin.Lui non appertiene a quella corrente di pensiero che spadroneggia nei corridoi di viale Mazzini.

Ritratto di isacco

isacco

Lun, 12/03/2012 - 17:31

Tenere in sospeso il giudizio di chi non pensa come bovrebbe pensare è diventata una prassi normale.

Ritratto di gattofilippo

gattofilippo

Lun, 12/03/2012 - 18:30

Un consiglio a Minzolini. Si iscriva al PD e constaterà la solerzia di certi giudici.

maurizio.fiorelli

Lun, 12/03/2012 - 19:02

Certo, il signor Minzolini ha sbagliato usando la C.C. senza autorizzazione, ma ho anche l'impressione che se fosse stato solo quello il motivo del suo licenziamento, penso che dopo inchiesta seria ed approfondita, forse in RAI non rimarrebbe più molta gente.

Giande

Lun, 12/03/2012 - 19:21

Incomprensibile che difendiate chi ha usato soldi pubblici con questa leggerezza guardate che sono soldi anche vostri, non gli bastava lo stipendio da nababbo? No doveva anche spendere con la carta di credito aziendale circa 70.000 € in sollazzi vari… destra sinistro centro chi usa male il denaro pubblico non può e non deve essere difeso. un operaio lavora 4 anni e mezzo per guadagnare cio' che lui ha speso in un anno con la carta...

cosiminu

Lun, 12/03/2012 - 19:40

Ecco, leggendo il caso Minzolini potete capire perchè il sindacato si accapiglia affinchè non venga toccato l'art 18. il ragionamento è il seguente: se ci toccano i nostri, i giudici del lavoro in breve tempo provvederanno al reintegro. Se invece toccherà agli altri, i giudici con grande tranquillità provvederanno al reintegro, ma con grande tranquillità!! Certo che l'art 18 è un grande ombrello, peccato che sotto si riparono oltre che quei pochi operai o impiegati onesti e laboriosi, la stragrande maggioranza sono dei grandi lavativi, fancazzisti, assenteisti, malati immaginari. Coraggio Fornero ci liberi dell'art. 18, magari qualcuno tornerà sul tornio a lavorare, ed abbandonerà la spocchia di sindacalista nulla facente. Grazie

Ritratto di miladicodro

miladicodro

Lun, 12/03/2012 - 22:27

Nessuna meraviglia del quanto.Non è santoro,nè si protegge sotto l'ombrello rosso.Se per caso fosse rientegrato,come di suo diritto,si scatenerebbe immediatamente la canèa dei manettari a prescindere.Così va questo paese Chi difende o parla del Berlusca muore.Poi,da qualche tempo c'è un giudice a Berlino,ma con calma.

Amon

Mar, 13/03/2012 - 08:45

siete fantastici ! visto che parlate tanto di Santoro e Travaglio ricordo a tutti gli smemorini che Loro sono su un'altra rete visto che per la rai erano troppo faziosi e ora nessuno puo' piu dire nulla, ma qui stiamo parlando di un REATO mINZOLINI HA RUBATO con la carta aziendale. ora cercate diliberarvi dai preconcetti di destra e sinistra che vi spingono a difendere gli indifendibili e immaginate se quelli pizzicati a rubare in azienda eravate voi.... cosa vi avrebbe fatto l'azienda? una sgridatina e poi reintegro? o licenziamento in tronco con richiesta danni e un futuro incerto nel mondo del lavoro visto che poi la fama di ladri d'aziende vi seguirebbe ovunque. comincio a pensare che chi e' di destra in italia e' solo un difensore di delinquenti. chi sbaglia paga? o no ?

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mer, 14/03/2012 - 01:49

Ripeto che trattandosi di un uomo non schierato a sinistra la magistratura gli fa il regalino di non accettare l'urgenza. Non abbiamo però dimenticato l'immediatezza della procura di Roma nell'archiviare il procedimento che riguardava le responsabilità di Fini per la casa a Montecarlo. In quel periodo Fini era benvisto dalla sinistra perché ogni giorno martellava Berlusconi.