Ultimatum del Pd a Letta: "Serve un cambio o si muore"

Renzi avverte il premier: "Riforme e rimpasto". Ma alla segreteria piddì il rimpasto non basta: "Serve un cambio"

L'assalto alla presidenza del Consiglio è iniziato. Nelle ultime ore Palazzo Chgi è finito sotto il fuoco incrociato delle truppe democratiche. Il pasticciaccio sul decreto "salva-Roma", prima approvato, poi ritirato e infine copiato e incollato nel Milleproroghe, ha minato e non poco la credibilità dell'esecutivo. Se da una parte il capo dello Stato Giorgio Napolitano è disposto a graziare il premier Enrico Letta, il neo segretario piddì Matteo Renzi non è disposto a mollare di un millimetro: non solo vuole vedere approdare in parlamento, nel più breve tempo possibile, le riforme promesse, ma pretende anche un rimpasto di governo. Ma una nuova squadra di ministri che dia il segno del cambiamento non è abbastanza per una buona fetta democrat. "Questo Pd non può permettersi questo governo e i suoi errori - tuona Davide Faraone, responsabile Welfare nella squadra dell'ex rottamatore - non basta un ritocco, un 'rimpasto', o si cambia radicalmente o si muore".

A Palazzo Chgi tira una brutta aria. I vertici del Pd hanno deciso di non lasciare più margine d'azione al premier e al governo. E nell'aria l'ipotesi delle elezioni anticipate sembra farsi via via più concreto. A guidare le fila nell'assalto a Letta c'è Renzi che, da quando ha preso in mano il timone del Partito democratico, ha iniziato a far salire l'intensità del pressing su Palazzo Chgi e Quirinale. "I tre milioni di persone che hanno votato alle primarie mi hanno dato un mandato in nome del cambiamento e dell'efficienza della politica - ha messo in chiaro il segretario piddì - il pasticcio del 'salva Roma' va in un'altra direzione". Proprio per questo nel patto di governo, che sarà siglato entro il 15, dovranno confluire la riforma della legge elettorale, l'abolizione del Senato, il job act e le misure a sostegno della cultura. Ma, secondo una ricostruzione fatta da Repubblica, le riforme non sono sufficienti a tenere in vita l'esecutivo. "Il tema del rimpasto esiste eccome - ha continuato Renzi - solo che non voglio essere io a proporlo". Dalla sua avrebbe anche l'ex premier Mario Monti che, nelle ultime ore, avrebbe chiesto un riequilibrio dei ministri.

Un semplice rimpasto non sembra accontentare tutto il Pd. C'è chi chiede qualcosa di più, un vero e proprio "cambio di rotta". Farone, per esempio è su tutte le furie. Elenca gli errori e le figuracce del governo: "Dal giorno dell’elezione del nuovo segretario ad oggi viene fuori un filotto impressionante: una legge di stabilità di 'galleggiamento', le slot machine, gli affitti d’oro, il provvedimento su Roma capitale". E ancora: "Si nominano nuovi prefetti, portati a 207 quando le prefetture sono la metà, si 'abbonano' 400 milioni a Roma quando tutti i comuni soffrono". E poi i fondi europei parcellizzati per il Sud Italia e per far fronte all'emergenza lavoro senza alcuna strategia, con il solo obiettivo di non perderli. O, infine, le deroghe al patto di stabilità per i Comuni non virtuosi. Insomma, da via del Nazareno il governo Letta-Alfano è un fallimento a 360 gradi.

In caso di un riequilibrio dei ministri, i primi a rischiare sarebbero due ex montiani. "Ci sono due rappresentanti centristi nell'esecutivo, Mauro e D'Alia - è il ragionamento dei renziani - dopo la loro scissione, entrambi stanno con Casini. Non va bene". In realrà le poltrone traballanti sono molte di più. Come ricostruisce Libero, il sindaco di Firenze vuole la testa del ministro del Lavoro Enrico Giovannini e del Guardasigilli Annamaria Cancellieri. All'interno del Pd, invece, c'è chi preme per far saltare i ministri che rispondono ad Angelino Alfano. Il Nuovo centrodestra occupa cinque poltrone di governo. "Sono troppi - mormorano in via del Nazareno - considerata la scissione del Pdl". A gennaio, la resa dei conti.

Commenti

giottin

Sab, 28/12/2013 - 16:48

Mister Bean vuole un rimpasto, già, una volta che abbia ottenuto qulche cadreghino tutto potrà procedere come prima, idem per marionetta monti. Un branco di delinquenti da cacciare veramente con i forconi !!!!

coccolino

Sab, 28/12/2013 - 16:48

.....ANGELINO, TI SEI ACCORTO CHE HAI FATTO LA FIGURA DEL BABBEO?????

giottin

Sab, 28/12/2013 - 16:52

Che ridere, se togli qualche poltroncina agli alfaniani questi non hanno più alcuna ragione di stare a sostenere un deficiente come lecca lecca e.... allora ne vedremo delle belle. Forza che comincio a divertirmi!

vincenzo

Sab, 28/12/2013 - 17:09

Alfano e' stato ancora piu' allocco di Fini!Il cognato di Tulliani poteva squadroneggiare dal trono della Camera,mentre Alfini poggia sul nulla!Basta uno starnuto di Fonzi...!

dukestir

Sab, 28/12/2013 - 17:12

Matteo unico riformista d'Italia.

Anonimo (non verificato)

Ritratto di sances2

sances2

Sab, 28/12/2013 - 17:17

Il rottamatore dixit: "L'Italia ha bisogno di riforme, ma, in via preliminare, occorre un rimpasto di ministri, vale a dire dovete darmi delle poltrone". Viva il nuovo che avanza! Almeno ai tempi del CAF si era meno ipocriti.

Ritratto di wilegio

wilegio

Sab, 28/12/2013 - 17:19

Per me è tutta una manfrina: fra loro i compagni vanno perfettamente d'accordo e devono solo mettere a punto qualche particolare sul come spartirsi quella grande mangiatoia che è l'Italia, cacciando fuori un po' di "intrusi" alfaniani e montiani a favore dei loro. Elezioni? Ma quando mai? Dopo il fallimento di questo governo con che faccia pensano di andare a richiedere il voto agli Italiani? Meglio (per loro) mantenere il potere assoluto di cui godono adesso, dato che quella specie di ameba di alfano non ha alcun potere all'interno dell'esecutivo e il trio napolitano-letta-renzi può fare ciò che vuole.

cangurino

Sab, 28/12/2013 - 17:20

il ncd incomincia a sudar freddo. Cavoli, non solo alle prossime elezioni avremo i numeri del fini-to, ma le poltrone rischiamo di perderle subito. Per loro fortuna sono la stampella del governo e una poltroncina gliela lasceranno, ma piccola piccola.

unosolo

Sab, 28/12/2013 - 17:23

prosegue l'occupazione mediatica di tutti i vertici , oggi altri 22 prefetti tanto per mantenersi il potere , sono accordi sistematici per la spartizione politica del PCI ormai con altri nomi ma sempre PCI , Letta è solo il braccio che esegue ordini ma non capisce neanche il danno che crea alla produzione ITALIANA , porta la nazione ad indebitarsi oltre l'immaginabile e il RENZI vuole la sua fetta di torta , ormai è il pretendente al trono quindi sarà accontentato in tutte le richieste , alla faccia della spending review, il debito sale ? che importa , lo pagano i lavoratori , noi mangiamo poi in qualche modo si farà.

Ritratto di Alberto43

Alberto43

Sab, 28/12/2013 - 17:26

Per ora spara a salve, ma credo che tra poco qualche pallino verrà caricato nelle cartucce e chi colpiranno per primi se non quei quattro deficienti che continuano a sostenere il castello di carte...lle esattoriali dei giullari del re!

ninoinc

Sab, 28/12/2013 - 17:35

E' tutto "NORMALE", i soliti "BUFFONI" !!!! Poveri noi, in che mani siamo.... Fra poco in casa PD si daranno botte da orbi, e "ANGIOLINO" finirà "SPIATTELLATO". Non c'è nessun ragazzo prodigio MATTEO, o Grillo, o qualsiasi altro che possa fare miracoli in una situazione come questa. Farebbero meglio a "scappare" tutti quanti finchè sono ancora in tempo, tanto qui la Barca Italia ormai sta affondando e non c'è nessuno in grado di riportarla a "GALLA". Dovevano "RUBARE" meno prima, è inutile chiudere la "STALLA" quando i buoi sono scappati in Svizzera o in Sudamerica. Capito mi hai !!??.....

cicero08

Sab, 28/12/2013 - 17:40

Benissimo: mi pare che questo metta d'accordo tutti i commentatori abituali di questo sito, in grandissima parte più che critici verso l'operato del (secondo Bianconi) cazzaro, bugiardo e mentitore. Ora vediamo in che cosa consiste il cambio che vorrebbe Renzi.

smithjosef

Sab, 28/12/2013 - 17:43

Per il bene del paese: VIA LA KYENGE IMMEDIATAMENTE! E' un pericolo per il popolo Italiano a parte essere non all'altezza del ruolo che gli hanno dato! Non scherziamo, non se ne può più! Leggendo il curriculum vitae di questa persona non si riesce a capire come mai sia stata nominata ministro dello Stato Italiano! Questa è un'offesa per il nostro popolo! In uno stato di studiosi, professori di università e così via, il regime non ha trovato un ITALIANO che potesse assolvere il compito della signora ministra ex clandestina? VERGOGNA.

fcf

Sab, 28/12/2013 - 17:49

Ecco il ducetto della sinistra che ci porterà alla salvezza. Quella eterna riservata ai martiri della dabbenaggine.

Ritratto di memeneutro

memeneutro

Sab, 28/12/2013 - 17:50

Povero Alfano comu ti cumbinasti eora- paga.

Romolo48

Sab, 28/12/2013 - 17:53

@ cangurino … sono d'accordo; mi sa che, allo stato delle cose, ncd si acconteterebbe anche di uno strapuntino.

Ritratto di memeneutro

memeneutro

Sab, 28/12/2013 - 17:58

questi signori----non anno capito che per far pagare le tasse agli Italiani gli devono lasciar almeno un po piu soldi da spendere, ESEMPIO Guardate la Germania Lida da una parte e li frega dallaltra ma almeno funziona tutto

scipione

Sab, 28/12/2013 - 18:19

Caro Renzi,ti ho votato alle primarie pur essendo e rimanendo un berlusconiano convinto,nella speranza che tu trasformassi veramente il PD in un partito riformatore ,democratico ed europeo e " rottamassi" veramente i vterocomunisti che infestano il Paese.Forza,vai avanti e sbrigati,altrimenti nel tempo ti rosoleranno come un porcellino allo spiedo.

Tommaso Berretta

Sab, 28/12/2013 - 18:22

E in questa situazione che fine farà l'Angelino nazionale col suo ncd? Provate a indovinare: andrà a fare in c....o. Forza Renzi, mandali tutti a quel paese e via alle elezioni !!!!

smithjosef

Sab, 28/12/2013 - 18:23

@ wilegio - Impeccabile analisi! Non dimentichiamoci che sono esattamente come il popolo in cui vivo! Qui l'unica cosa che sanno fare, e sono dei "professori d'università", è quello di fottere il prossimo con l'inganno, l'ipocrisia, la malafede e (la cosa che da più fastidio)la soddisfazione di averla messa a quel posto alla vittima! In questo caso agli Italiani dell'opinione opposta. (Dimenticavo. Vivo in Africa)

Ritratto di Roberto53

Roberto53

Sab, 28/12/2013 - 18:24

In quanto a brutte figure, Faraone a Palermo ne ha inanellate più d'una..

elio2

Sab, 28/12/2013 - 18:33

Il partitino di alfetta sarà ricordato solamente perché sparirà dalla scena politica senza il bisogno di scomodare gli elettori.

Ritratto di jasper

jasper

Sab, 28/12/2013 - 18:51

Ci sono ancora moltissimi Italiani, anche tra i politici, che non hanno ancora ben capito che aria tira e che essendo l'Italia nella EU è come se fosse già commissariata e non ha più la sovranità come una volta e la libertà di fare ciò vuole uno Stato sovrano come per esempio stampare moneta o svalutare e anche fare debiti come era di moda una volta con tutti I governi Italiani del dopoguerra. Nisbà. L'Italia e tutti i suoi governi (sia di sinistra che di destra non ha importanza!) devono stare alle regole ferree di Bruxelles (Germania!). Non se ne esce. Chi volesse uscirne (come Berlusconi nel Nov.2011), verrebbenne annientato senza tante discussioni. La stessa identica cosa succederebbe a Grillo o a chiunque altro si mettesse di traverso. Piano piano comincerete a capire che stiamo andando verso gli USE (Stati Uniti D'Europa) e che ogni staterello della UE conta praticamente come il Dakota o il Delaware negli USA.E’ per questo che tutta la mandfrina relativa alla Legge elettorale pertanto fa ridere i polli ed è solo un diversivo che non serve assolutamente a nulla. A Bruxelles se la ridono quando qualcuno accenna alla Primarie del PD fatte in Italia e alla Legge elettorale. A chi volete che possa fregare qualcosa a Bruxelles come si vota in Italia ? Alla UE forse? Allora non avete capito proprio un accidente di niente. Anche Renzi non ha capito un tubo, poveretto lui con le sue primarie perditempo!!

Ritratto di jasper

jasper

Sab, 28/12/2013 - 18:53

Anche Renzi non si rende conto di ciò che bolle in pentola. Roba da matti. Sono die morti che camminano pensando alla legge elettorale e non sanno che ad un Paese non più sovrano la legge elettorale è come il c.... ad una vecchia. Non serve a niente.

Ritratto di jasper

jasper

Sab, 28/12/2013 - 18:54

Ci sono ancora moltissimi Italiani, anche tra i politici, che non hanno ancora ben capito che aria tira e che essendo l'Italia nella EU è come se fosse già commissariata e non ha più la sovranità come una volta e la libertà di fare ciò vuole uno Stato sovrano come per esempio stampare moneta o svalutare e anche fare debiti come era di moda una volta con tutti I governi Italiani del dopoguerra. Nisbà. L'Italia e tutti i suoi governi (sia di sinistra che di destra non ha importanza!) devono stare alle regole ferree di Bruxelles (Germania!). Non se ne esce. Chi volesse uscirne (come Berlusconi nel Nov.2011), verrebbenne annientato senza tante discussioni. La stessa identica cosa succederebbe a Grillo o a chiunque altro si mettesse di traverso. Piano piano comincerete a capire che stiamo andando verso gli USE (Stati Uniti D'Europa) e che ogni staterello della UE conta praticamente come il Dakota o il Delaware negli USA.E’ per questo che tutta la mandfrina relativa alla Legge elettorale pertanto fa ridere i polli ed è solo un diversivo che non serve assolutamente a nulla. A Bruxelles se la ridono quando qualcuno accenna alla Primarie del PD fatte in Italia e alla Legge elettorale. A chi volete che possa fregare qualcosa a Bruxelles come si vota in Italia ? Alla UE forse? Allora non avete capito proprio un accidente di niente. Anche Renzi non ha capito un tubo, poveretto lui con le sue primarie perditempo!!

aredo

Sab, 28/12/2013 - 19:23

Renzi pupazzo di Veltroni vuole un cambio di poltrone e tante nuove balle dirà al popolo italiano tanto scemo da continuare a votare la sinistra nelle sue forme, da Renzi a Grillo a Vendola.

aredo

Sab, 28/12/2013 - 19:25

@scipione: ah,ah,ah! Ed avrai pure votato Grillo... continuate così.. votate i pupazzi che la sinistra vi rifila.. Berlusconiani convinti voi? Persone di destra? Sempre pronti a pugnalare la destra appena la sinistra dice qualsiasi cosa contro... sempre pronti ad ubbidire e giustificare qualsiasi porcata della sinistra.

Duka

Sab, 28/12/2013 - 19:39

Il solo cambio che Letta conosce è quello dei calzini. Le caz... ora non si contano più e sono pari alle mega-palle (d'acciaio) che ci propina ogni giorno. A CASA SUBITO nessun italiano è disposto attendere un mese in più. Altro che voto a Maggio VOTO SUBITO che Napolitano lo voglia o no.

dondomenico

Sab, 28/12/2013 - 20:03

Renzi, hai sentito che cosa ha fatto il tuo amico letta? Ha nominato nuovi prefetti in surplus alle prefetture esistenti...ma non dovevi fare abolire le province? Dai, nuovi prefetti senza cattedra ma con lauti stipendi...FATE SCHIFO

Sise

Sab, 28/12/2013 - 20:17

Ipocrisia allo stato puro. Posso ricordare all'onorevole Faraone & Co che sui provvedimenti-vergogna (ora tanto criticati) i renziani hanno votato la fiducia? Erano forse su Marte in quel momento?

marcoghin

Sab, 28/12/2013 - 22:06

Metteteci almeno un paio di marce in questo cambio.... Questi discorsi del cazzo li inventate voi o ve li scrive qualcuno? Magari precario? E a nero?

palllino.

Sab, 28/12/2013 - 23:09

Grqzia Alf-Ano.. Hai fatto giusto imtempo a farci spennare con le nuove tasse di sinistra!!! E adesso ti silurano.Nella figura di m che ci stai facendo!!!

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Dom, 29/12/2013 - 00:15

Il PD è già morto da tempo. Da quando i suoi dirigenti provenienti dalla vecchia DC erano saltati sul carro del vecchio PCI. Per continuare a mangiare alle nostre spalle facendo finta di servire il paese. OGGI STIAMO SUBENDO GLI EFFETTI DI QUESTI PARASSITI CHE CI STANNO SVENANDO DA ORMAI TROPPO TEMPO.

Duka

Dom, 29/12/2013 - 08:19

Per carità il PCI,PDS,DS,Quercia,Ulivo,PD è l'ultimo a dover aprire bocca.Hanno occupato tutte le cariche pubbliche esattamente come avveniva nella ex URSS. In 3 anni hanno distrutto, prima con Monti ora con Letta entrambe governi del presidente, un intero paese. PER FAVORE STATE ALMENO ZITTI. Se ora ci toccherà un Renzi, culturalmente una capra, siamo davvero sistemati per le feste.

linoalo1

Dom, 29/12/2013 - 08:41

Come sempre detto,è il PD che vuole le elezioni anticipate!Altro che Berlusconi!Lino.

terzino

Dom, 29/12/2013 - 09:57

Cambio di passo? Si, immobili. Rimpasto? e chi si manda via? Il fiorentino vuole solo la poltrona di Letta, non può attendere in eterno. Alfano ed i suou, attaccati un giorno si e l'altro pure, cosa aspettano a staccare la spina, al Senato sono determinanti, o credono forse dii continuare a mantenere 5 ministri? Illusi.

apostata

Dom, 29/12/2013 - 10:19

Iam fetet. Letta ha bleffato fino all’ultimo più di qualunque altro, più di fini quando andava combattendo ed era morto. Ha vissuto il suo quarto d’ora grazie ai telecomandi del napolitano, ha creduto nello spirito santo. Era stato investito dall’alto di compiti più grandi di lui, non ha rappresentato il partito, forse neanche se stesso. Non gli giova l’atteggiamento pretesco di chi, cresciuto negli oratori della democrazia cristiana, s’è poi trovato in combutta con comunisti e transfughi. Il sorrisetto falso, la figura né carismatica, né simpatica: è maturo per scomparire nel nulla finiano, montiano, dipietriano, casiniano, sente prossima la stessa rottamazione che è toccata impietosamente alla finocchiaro per via di ikea e banane, si aggrappa a qualsiasi cosa. Si è dato il merito dell’irreversibilità del ricambio generazionale quando il suo mentore è novantenne e il leader del partito d’opposizione ne ha settantotto. Non ha la possibilità di fare, ha solo ancora qualche microfono acceso per aggiungere qualche cazzatina. Il primo ad essere ricambiato sarà lui anche se è neonato, un vero aborto che toccherà anche all’angelino con i suoi bei dentoni da latte. Fino all’ultimo s’è prodotto in vacuità, culminate con la nomina di un centinaio di nuovi prefetti. Renzi non potrà fare di meglio, sarà più sbruffone. I nodi che paralizzano il paese sono nella costituzione e nel potere dei magistrati.

Ritratto di stenos

stenos

Dom, 29/12/2013 - 10:33

La frase avrebbe dovuto essere : siccome i sondaggi mi danno vincente, togliti dalle palle che adesso voglio governare io, tu di danni ne hai fatti abbastanza, hai sfamato le tue clientele, adesso tocca a me.

Giunta Franco

Dom, 29/12/2013 - 11:03

I governi di sinistra cadono tutti per fuoco amico e anche a Letta succederà...

LAMBRO

Dom, 29/12/2013 - 12:42

E' RIMASTO SOLO ANGELINO A FIANCO DI LETTA GIA' SCARICATO ANCHE DAL PD..... E DAL COLLE!! SI SCANNANO ANCHE FRA DI LORO: QUESTA E' LA STABILITA' CHE RIFILANO AGLI ITALIANI.

Ritratto di wilegio

wilegio

Dom, 29/12/2013 - 17:11

@elio2 La prego di non bestemmiare! L'alfetta (ne ho avute due) era una gran macchina! Questo omuncolo è solo un triciclo sbilenco, che non sa dove andare e pensa solo a come mantenere il più a lungo possibile (cioè fino alle prossime elezioni, dopodichè sparirà dalla scena politica come il suo amichetto fini), il culo su una poltrona. Non facciamo confusione!