Valanga di tasse occulte in arrivo

Ecco la fregatura: se le coperture previste non saranno raggiunte, arriveranno aumenti su benzina, Ires e Irap

Il ministro dell'Economia Fabrizio Saccomanni con il commissario Carlo Cottarelli

Roma - Si scrive «clausola di salvaguardia», ma si legge «fregatura». Nel decreto che ha cancellato l'acconto Imu sulla prima casa è previsto che se le coperture previste non saranno raggiunte, allora arriveranno aumenti automatici delle accise sulla benzina e degli acconti Ires e Irap. E non stiamo parlando di un evento che potrebbe verificarsi in un futuro lontano: la tagliola fiscale potrebbe scattare a fine novembre, visto che gli acconti sono in scadenza il 2 dicembre.
Ma le clausole di salvaguardia non finiscono qui. La legge di Stabilità prevede che se entro il 30 gennaio non sarà rivisto l'intero sistema delle detrazioni fiscali, scatterà in automatico una riduzione lineare delle detrazioni stesse, dal 19 per cento attuale al 18 per cento (varrà già dalle prossime dichiarazioni dei redditi 2013), e al 17% nel 2014.
In totale, come ha calcolato IlSole24Ore, con questi automatismi il fisco potrebbe prelevare altri 2 miliardi di euro dalle tasche dei contribuenti. Comportandosi, per di più, come il classico Robin Hood alla rovescia. L'aumento delle accise è uguale per tutti, dunque è più sentito dalla fasce a minor reddito; e anche le detrazioni valgono per l'universo dei contribuenti, e dunque ridurre, ad esempio, la detrazione sul mutuo prima casa o sulle spese mediche pesa di più su una famiglia a basso reddito. Il pieno di benzina, a parità di auto, è uguale per tutti. E le detrazioni vengono utilizzate da 19 milioni e mezzo di contribuenti, ricchi e poveri.
In breve, accadrebbe quello che è successo poco tempo fa con l'Iva. L'aumento dell'aliquota ordinaria dal 21 al 22 per cento è scattato il 1° ottobre scorso senza che vi fosse bisogno di un apposito provvedimento da parte del governo. Era previsto dal decreto «salva Italia» di montiana memoria, in alternativa al riordino dei bonus fiscali. Niente riordino? Aumenta l'Iva. Così potrebbe accadere per le accise fra un paio di settimane, e per le detrazioni fiscali alla fine del prossimo gennaio.
Queste tasse «dormienti» stanno diventando la normalità nei provvedimenti economici. Vengono inserite per tranquillizzare l'Europa, che non si fida dei nostri propositi. Il governo promette un'entrata, che invece si rivela fallace, oppure un taglio di spesa che poi non si realizza? Scatta la clausola di salvaguardia, che sostituisce l'entrata tarocca con una certa, a scapito dei contribuenti. Bruxelles, lo abbiamo visto, è molto sospettosa sulla solidità della manovra fiscale 2014 contenuta nella legge di Stabilità, e pretende rassicurazioni concrete.
Una nuova clausola di salvaguardia dovrà, inevitabilmente, essere legata anche al provvedimento (un decreto in arrivo, forse già mercoledì) che taglierà la seconda rata dell'Imu 2013 sulla prima casa. La copertura individuata consiste nall'aumento degli acconti Ires sia per le banche, al 115 per cento, ma anche, in misura minore, per le imprese, al 110 per cento.
Ricordiamo infine che da gennaio aumenteranno anche i bolli sui conti di deposito e le tasse sui rendimenti degli investimenti finanziari, cioè sul risparmio delle famiglie. In questo caso la clausola di salvaguardia non c'entra, ma le tasse crescono lo stesso.
Il peso del fisco è diventato insopportabile, per chi paga. E non risparmia nessuno, neppure i pensionati. Uno studio della Confesercenti conferma che il pensionato italiano paga, in media, 4mila euro all'erario, mentre il suo collega tedesco ne versa soltanto 39. Il prelievo sulle pensioni in Italia è quadruplo rispetto a quanto accade in Francia, doppio nei confronti della Spagna. Il trattamento per i pensionati è «punitivo», perché, diversamente da quanto accade nel resto d'Europa, il carico fiscale sulle pensioni è superiore a quello che grava sulle buste paga di egual valore di un lavoratore dipendente. Non vi è traccia, da noi, di trattamenti agevolati che in Europa sono la normalità. E persino la detrazione d'imposta riconosciuta ai pensionati (1.725 euro sonno i 75 anni e 1.783 euro sopra quella età) è inferiore alla detrazione sul lavoro dipendente (1.840 euro).

Commenti
Ritratto di Lorenzo1961

Lorenzo1961

Mar, 19/11/2013 - 08:13

Questi due cadaveri ambulanti vorrebbero sollevare le sorti dell'Italia....

Ritratto di fluciano

fluciano

Mar, 19/11/2013 - 08:21

naturalmente con l'approvazione dei nuovi "alfaniani". Che schifo!

Rex-73

Mar, 19/11/2013 - 08:25

Ce le meritiamo tutte le tasse, in altri paesi europei a quest'ora ci sarebbero milioni di persone in piazza a mettere a ferro e fuoco Roma.

Ritratto di mr.cavalcavia

mr.cavalcavia

Mar, 19/11/2013 - 08:28

Volete TAGLIARE la spesa, B E S T I E che non siete altro?

Ritratto di mr.cavalcavia

mr.cavalcavia

Mar, 19/11/2013 - 08:30

Dove è il presunto "presidente" della repubblica? Perchè non muove un dito per difendere le ditte e la gente che non ce la fanno più? Ma non prova VERGOGNA a FREGARSENE? Nemmeno a novant'anni ti viene l'impeto di svestire i panni del politico ULTRAprivilegiato ed ESORTARE a TAGLIARE??? Che schifo!

franz44

Mar, 19/11/2013 - 08:30

Questi signori sono i soliti burocrati delle banche e di Stato che, onestamente di economia non capiscono una banana per salvare l'Italia bisogna fare un piano industriale e potare assolutamente stipendie privilegi della casta altrimenti siamo kaput franz

PL

Mar, 19/11/2013 - 08:36

Il Governo ha assoldato un altro KILLER dei contribuenti quando ormai si è capito benissimo che il nostro problema è l'EURO

Totonno58

Mar, 19/11/2013 - 08:40

Beh, nulla di nuovo sotto il sole...è così dai tempi in cui qualcuno diceva "meno tasse per tutti", "aboliremo l'ici"...qualcuno se lo ricorda?almeno nella prima repubblica avevano il pudore di mettere tasse e tacere...

pallosu

Mar, 19/11/2013 - 08:41

la vera valanga è quella di fango e pioggia che si sta abbattendo in sardegna e voi a parlare di qualcosa di astratto ,ma un minimo di coscienza esiste dalle vostre parti?

MagoGi

Mar, 19/11/2013 - 08:46

Se nessuno vuol tagliare spese per non scontentare questo o quel serbatoio di voti i risultati sono questi. Purtroppo la matematica è implacabile.

Ritratto di farsa italia...

farsa italia...

Mar, 19/11/2013 - 08:47

"clausola di salvaguardia"? qui gli unici salvaguardati sono le caste dei politicanti e dei vari boiardi di stato che continuano a godere di inaccettabili privilegi

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Mar, 19/11/2013 - 08:48

Pagate italiani pagate, IN NOME DELL'UE, UN POPOLO DI FESSACCHIOTTI PIEGATI A 90 GRADI CHE SI IMPOVERISCONO E MORIRANNO DI FAME PER FARE UN DISPETTO A BERLUSCONI, CHE VOTANO QUELLO CHE GLI ORDINANO E CREDONO ALLA FAVOLETTA DELL'EVASORE FISCALE QUANDO IL 70% DEI DIPENDENTI PUBBLICI NOTORIAMENTE COMUNISTI HA UN SECONDO LAVORO IN NERO. PAGATE PAGATE COMUNISTA E' BELLO, L'UNIONE EUROPEA E LA GERMANIA HA BISOGNO DI VOI SIETE UN ENORME BANCOMAT VIVENTE. B A B B E I

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Mar, 19/11/2013 - 09:09

ITALIANI E' GIUNTO IL MOMENTO DI VENDERE L'AUTO E CHIEDERE CITTADINANZA ALTROVE, L'UNIONE EUROPEA STA TRASFORMANDO I POPOLI COME QUELLI DELLA DOMINAZIONE RUSSA PRIMA DELLA CADUTA DEL MURO DI BERLINO.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 19/11/2013 - 09:13

ecco il vostro governo comunista: tasse, tasse, tasse, tasse e ancora tasse! SOLO CON I GOVERNI DI SINISTRA abbiamo avuto SEMPRE E SOLO TASSE!!!!

electric

Mar, 19/11/2013 - 09:15

Ma sti signori non hanno ancora capito che la devono smettere di infilare le loro luride mani nelle nostre tasche? Loro fanno i debiti e loro se li devono pagare! Se non sono capaci di amministrare (e non lo sono), che si tolgano dai piedi, e lascino il posto a persone piu' competenti...

meverix

Mar, 19/11/2013 - 09:16

E non finisce qui. In sede di 730 diminuiranno le detrazioni su medicinali e altro spese, aumenteranno le spese bancarie e via discorrendo. Chissà perchè, però, i privilegi della casta non vengono toccati, a rimetterci siamo sempre noi poveretti che in questo forum continuiamo a scannarci con berlusconismo e antiberlusconismo e questi maledetti che ci governano continuano a mettercelo in quel posto!

Angel59

Mar, 19/11/2013 - 09:22

Popolo italiano idiota hai ciò che meriti quindi paga e zitto!

Ritratto di Soldato di Lucera

Soldato di Lucera

Mar, 19/11/2013 - 09:26

È la sindrome di Versailles, anche se la gente è alla canna del gas, i signori di palazzo non riescono a rinunciare al loro stile di vita. Piuttosto che non avere più privilegi faraonici sono disposti a rischiare la pelle! Cercheranno sempre il modo di mugerci, a costo di spremere sangue anziché latte.

andreum

Mar, 19/11/2013 - 09:27

pagate pagate!

Luigi Farinelli

Mar, 19/11/2013 - 09:30

"Per tranquillizzare l'Europa"? Ma quand'è che chiederemo all'Europa di tranquillizzarci sul fatto che i burocrati di Bruxelles non siano una manica di lestofanti impegnati proprio a distruggere gli stati nazionali togliendo loro gradualmente la sovranità per amalgamarli nel processo di globalizzazione forzata (volenti o nolenti i cittadini europei)? Fate come Nigel Farage e andate a dirglielo in faccia a questi massoni impegnati con le truffe e i raggiri a imporre la "Repubblica - totalitaria - Universale" e l' "Uomo Nuovo" (lo schiavo androgino usato per sostenerla).

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Mar, 19/11/2013 - 09:32

Negli ultimi 9 mesi, in Italia, 50.000 imprese dismesse (di cui il 50% imprese con societá di capitale), piú di 10.000 fallimenti. - SI DICA CHIARA LA VERITÁ A TUTTI I LAVORATORI. SI TRACCI UNA LINEA BEN CHIARA PER EMARGINARE LA BASSEZZA, LA SUA MENZOGNA, LA SUA FEROCIA DISTRUTTIVA - Il ragionamento é alla portata della piú modesta intelligenza e non occorre certo essere dei geni per capirlo. Occorre solo Buona Volontá. Se la spesa per mantenere l´apparato parassita statale é costante e se le Imprese e i Lavoratori sottomessi alla oppressione diminuiscono, la oppressione su ogni singola Impresa e su ogni singolo Lavoratore non puó che aumentare, accelerando ogni giorno in piú la distruzione delle capacitá produttive e il numero dei disgraziati nel Paese. --- Cari Italiani che chiedete solo che non vi sia sottratta la dignitá di poter lavorare onestamente pensate che la questione possa interessare minimamente ai porci dell´apparato parassita mafioso che detta "La legge" al Paese? --- É certo che il conto sará piú salato del 2013 --- A meno che, a 24 anni dal fallimento del Muro di Berlino in tutto il mondo (anche nella Cina di Mao), anche in Italia si riesca a derivare e sovvertire il Muro della "menzogna" e della bassezza che detta la legge della ottusitá, della ignoranza e della violenza sopra la pelle dei Lavoratori e del Paese.--- La Veritá é che solo la "menzogna" permette alla "bassezza" di arrivare al potere dello stato e quindi di tutto un Paese (Lenin: "Tutti i mezzi sono leciti per la conquista del potere"), "menzogna" che solo permette e ha permesso (É Storia) "lo sfruttamento organizzato dei Lavoratori da parte di un autoritario apparato burocratico di ignoranti mafiosi e feroci e cinici parassiti". --- Di una bruttissima Italia si aspetta presto il fallimento, quella della unione, nella demenza, della ignoranza e della violenza di stato fascista con la "menzogna" e la "bassezza" dell´apparato parassita mafioso (lo chiamano "pubblico". Quale migliore parola per mascherarsi delle intenzioni piú nobili?) ... sopra la pelle dei Lavoratori, di chi con Intelligenza si inventa una vita onesta, che costa impegno, che produce benessere per se e per gli altri ! ... Una umiliazione ignorante, vile, indecente, unica al mondo, al Cuore, alla Ragione, alla Intelligenza (che si vuole annichilire per legge), alla Vita del Paese. --- A 24 anni dal fallimento del Muro di Berlino in tutto il mondo (anche nella Cina di Mao), in Italia é il Muro della "menzogna" e della "bassezza" che detta "La Legge" della ottusitá, della ignoranza e della violenza... SI TRACCI UNA LINEA BEN CHIARA TRA CHI STA DALLA PARTE DEI LAVORATORI E CHI DALLA PARTE DEGLI APPARATI DELLA MENZOGNA, DELLA OTTUSITÁ E DELLA BASSEZZA ... SE NON PREVARRÁ LA VERITÁ SARÁ L´INFERNO, FORSE LA GUERRA CIVILE.

unosolo

Mar, 19/11/2013 - 09:34

buffoni , era tutto programmato per questo che non sono partite privatizzazione e abolizione delle province , insomma tutto fermo in modo che mancando il 3 % sarebbe scattato tutto il programma degli aumenti automatici della varie tasse , mentre per la casta aumenti e sprechi in automatico , buffoni sono soldi nostri che vi prendete per sistemarvi amici , parenti e collaboratori. Per questa vostra ambizione state distruggendo una nazione .

gianni.g699

Mar, 19/11/2013 - 09:39

Due facce da macellai, servi della ue che stanno letteralmente macellando la nostra economia !!!

a.zoin

Mar, 19/11/2013 - 09:41

Come può avere stabilità, la popolazione, quando questi ELEMENTI,trovano tutti i cavilli per emanare tasse ??? Tutta la gamma di parlamentari,dal dopoguerra in qua non hà fatto altro che ciarlare e ciarlare, promettendo mari e monti. Ora, i mari si alzano, le motagne si sgretolano, gli Italiani si impoveriscono e i parlamentari diventano sempre più pretenziosi e più RICCHI. SAREBBE ORA che le cose cambiassero!!! Se non c`è pane per l`Italiano, perchè non mettono uno STOP all`emigrazione di massa? L`Italiano deve emigrare per aprire le porte a quei poveri disgraziati che arrivano a Lampedusa e cosa fanno i buonisti??? Gli Italiani hanno bisogno di "MENO CHIACCHERE E PIÙ FATTI". Se i parlamentari vogliono un`Europa unita, DEVONO CHIEDERE ALLA POPOLAZIONE DI ADERIRE AI LORO VOLERI NON DI IMPORRE. Secondariamente,Germania,Francia,Inghilterra e il Benelux fanno i propri INTERESSI per il loro paese. Perchè l`Italiano deve sottoporsi ai loro voleri e il governo asseconda a tutto ciò che l`Europa IMPONE ??? L`inno di Mameli, ci dà come SCHIAVI di Roma !!! Ma i GOVERNANTI NON DEVE ABUSARSENE.

vince50_19

Mar, 19/11/2013 - 09:43

Ue, Bce, massoneria d'oltre atlantico comandano, i loro fedeli servitori governativi si danno da fare per cercare di far fessi gli italiani. Oramai non c'è più verso: se manca la coesione politica al 100% e mandar via questi che, per me, da un punto di vista informatico, equivalgono a dei veri e propri trojan non ne verremo fuori. Altri paesi sforano il tetto del 3% e la Ue tace, se lo facciamo noi fanno subito la voce grossa e i suddetti, capo chino e ventre a terra, eseguono bovinamente e fantozzianamente gli "ordini". Dobbiamo fare di più, dobbiamo fare di più: questo è l'imperativo Ue.. e gli schiavetti obbediscono. Altro che giocare a SB SI - SB NO! Mi spiace ma certa idiozia mentale non ha limiti in casa nostra. Lamentarsi, dopo, a che serve? Intanto guai a toccare la spesa pubblica, l'eliminazione del finanziamento pubblico dei partiti ipso facto, ridurre drasticamente quei 13 miliardi di euro annuali per centomila pensionati d'oro, tenerci oltre 400 enti inutili che succhiano sangue nostro e non producono niente (solo voti pagati inconsapevolmente e cinolpevolmente da noi cittadini), le province che sono sempre lì e altro, tanto altro: il sostegno economico di certe maleodoranti congreghe partitiche non si può toccare.. Sti cazzi!

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Mar, 19/11/2013 - 09:50

Saccomanni, abbandoni la poltrona, se non è capace di far tornare i conti. La ceda al Principe Renato BRUNETTA. Non può restare lì a tutti i costi pur di salvarsi il culo, mandando in rovina il Paese. Che vuol dire -fame- per milioni di Italiani, -miseria- per milioni di Italiani, -sofferenze immani e vergogna esistenziale- per milioni di Italiani. - riproduzione riservata - 09,51 - 19.11.2013

pagano2010

Mar, 19/11/2013 - 09:59

Normale è 20 anni che questo programma va avanti indipendentemente dai governa (infatti CDX e CSX sono esattamente la stessa cosa): solo aumento del debito per mantenere la base elettorale e la differenza, mancando la crescita economica e il relativo gettito, la trovano con le tasse (le dirette sono una specialità del CSX le indirette sono una specialità del CDX).

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Mar, 19/11/2013 - 10:02

SIETE AMMIREVOLI ITALIANI, PREFERITE MORIRE DI FAME E POVERTA' PUR DI SALVARE E SOSTENERE LA NOBILE E LUNGIMIRANTE UNIONE EUROPEA, I POSTERI VI RICORDERANNO COME UN POPOLO INSIEME A QUELLO GRECO PIU' STUPIDO DI TUTTI I TEMPI, SIATENE ORGOGLIOSI E MORITE DI FAME A TESTA ALTA E CON DIGNITA' GLI EROI NON PIANGONO E SI LAMENTANO

m.m.f

Mar, 19/11/2013 - 10:03

valanga di tasse in arrivo ma soprattutto migliaia di persone e aziende che chiudono e se ne vanno. l'unico modo per salvarsi è delocalizzare da qui velocemente e lasciarli con un cerino in mano. vediamo poi dove vanno a prendere i gettiti di soldini che hanno bisogno questa risma di mascalzoni ladri farabutti.

linoalo1

Mar, 19/11/2013 - 10:21

Ossia,sicuramente e senza dubbi, dovremo pagare nuove tasse!Il Condizionale,per i Comunisti,non esiste!Per loro esiste solo l'Imperativo!Mai una volta che dicano:questa volta ,per recuperare i soldi che ci servono,tagliamo qualche spesa dello Stato!E allora?Mandiamoli tutti a casa!Specialmente Alfano,che invece di contrastare l'operato del Governo,lo appoggia senza fiatare!Tradendo spudoratamente noi elettori del Centro-Destra!Lino.

Duka

Mar, 19/11/2013 - 10:21

Arriveranno altre tasse e balzelli ? E' probabile ma arriveranno anche i forconi e ciò è molto molto più probabile. Mr. letta farebbe bene a spostare l'acciaio di 180°-

tosijoe

Mar, 19/11/2013 - 10:21

tutti i partiti che sono all'opposizione criticano il governo del carico fiscale , ma anche loro non sono disponibili ad intraprendere quelle azioni affinché si possa ridurre la spesa pubblica . Non si vogliono togliere le province , non si vuol determinare un salario adeguato per parlamentari e dirigenti statali ( compreso gli organi giuridici ) , non si vogliono eliminare i benefit della casta , non si vuol ridurre il numero dei parlamentari , non si vuol razionalizzare la spesa pubblica attraverso i costi standard , non esiste un piano adeguato per le dismissioni dei beni non utilizzati dello stato e quindi abbandonati all'incuria del tempo , etc.etc. In altre parole non si vuol fare un tubo e quindi è l'ora di finirla con i proclami e di intraprendere le azioni necessarie altrimenti i " latenti grilli " si prenderanno il potere e sarà così la fine della ns nazione .

Gianca59

Mar, 19/11/2013 - 10:23

Dopo il micragnoso Bondi di cui nessuno si è accorto perché lui è il primo a risparmiare se stesso, tocca a mortimer Cottarelli. Cambierà qualcosa ?

Rossana Rossi

Mar, 19/11/2013 - 10:28

Ha perfettamente ragione Rex_73......

Holmert

Mar, 19/11/2013 - 10:35

Come potrebbe ripartire una economia se il governo non fa altro che sottrarre soldi dalle tasche dei cittadini? Mi sembra una ovvietà pensare che la gente o paga le tasse, oppure consuma e porta avanti la macchina della ripresa. Trentadue miliardi in tre anni, deve rastrellare il governo per stare al passo con il trattato di Maastricht. Ed il governo invece di tagliare la spesa inutile, ripeto inutile in quanto non rende nemmeno ciò che si spende, aggredisce il risparmio ,la proprietà e gli investimenti,il tessuto connettivo della nazione. Pur di continuare a far vivere isole parassitarie di spesa improduttiva, che il governo non ha il coraggio di tagliare perché perderebbe voti. Di questo passo diventeremo tutti poveri, tranne i ricconi che già si sono premuniti ,spostando i propri capitali all'estero e magari seguendoli ,vedi Montecarlo. Non abbiamo uomini all'altezza di guidarci e questo chiamare tecnici contabili ne è la prova provata. Tecnici contabili che si seggono davanti ad una calcolatrice ,fanno delle operazioni a seconda la direzione impartitogli e traggono le conseguenze. Prelievo di qua, prelievo di là, et voila i giochi sono fatti. Tasse, ogni anno nuove tasse, ogni anno un salasso, sino a quando di sangue non ce ne sarà più. Che c@zzo di politica è questa, eh Letta ed Alf-ano? Del cupio dissolvi.

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Mar, 19/11/2013 - 10:40

OK, giusta la preoccupazione per il possibile aumento delle tasse, tuttavia il Governo sta imboccando una strada diversa. Tutti i giornali riportano la notizia che Cottarelli (dietro anche la spinta delle osservazioni del commissario UE Rehn), che a brevissimo affiancherà Saccomanni, sta prevedendo un taglio della spesa pubblica di ben 32 miliardi di euro in 3 anni, che si tradurranno (soprattutto) in RIDUZIONE DELLE TASSE E RIDUZIONE DEL DEBITO PUBBLICO. Invece di fare uno speciale su tale programma di Cottarelli, si fa un articolo a senso unico sul possibile aumento delle tasse. Mah, va bene che Forza Italia passerà all'opposizione, ma l'informazione dovrebbe essere meno pregiudiziale ...

Ritratto di dbell56

dbell56

Mar, 19/11/2013 - 10:54

Pensate un po'! Ho fatto due conti della massaia e sapete che ho scoperto? Che la riduzione di spesa x la spending review di 32 miliardi di euro in tre anni, andrà a ridurre la spesa complessiva di solo il 4% circa (considerando con approssimazione una spesa corrente complessiva a carico del bilancio statale di 800 miliardi di euro). Ammazza che sforzo! Mamma mia che impresa! Considerando che il tasso di crescita della spesa è all'incirca uguale al 4%, però annuale, stimo che si tratti solo di una bufala tremenda questa revisione della spesa. OSSIA, DI UNA PRESA PER IL C**0 COLOSSALE A CARICO, COME AL SOLITO, DEL POPOLO BUE!!!! Infatti in tre anni la spesa aumenterà del 12% circa a fronte di riduzioni che alla fine si riveleranno assolutamente ridicole. Fra tre anni (ma ciò accadrà prima!) potremo cantare tutti il requiem eterno per il nostro massacrato paese!

ferry1

Mar, 19/11/2013 - 10:58

Che problemi ci sono? Abbiamo le 'sentinelle' a difesa dei cittadini!

fiducioso

Mar, 19/11/2013 - 11:02

Finchè mettono tasse, e il popolino le paga, continueranno a metterne altre, e poi altre ancora e non ci sarà mai una fine, perchè alla casta ne servirà sempre di più. Forse per fargli capire che ci siamo rotto i marroni, bisognerà non pagare più una lira di tasse. Invece di prendere i loro lauti stipendi, a fine mese dovranno dividersi la mobilia che a noi verrà pignorata.

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Mar, 19/11/2013 - 11:10

900 miliardi l´anno la spesa dell´apparato burocratico mafioso parassita sopra la pelle dei Lavoratori. 80 miliardi l´anno l´interesse sul debito di piú di 2000 miliardi ... E poi ci sono anche i cretini che non solo credono alle promesse dell´apparato mafioso ... ma anche che il taglio di 32 miliardi di spesa in 3 anni serva a raddrizzare le sorti del Paese.

ferna

Mar, 19/11/2013 - 11:15

il Quarto Reich avanza, meditate prima che sia troppo tardi, prospettiva Grecia....FUORI DALL'EURO ( ero un fervente europeista ma non di questa Europa). Meglio morte violenta che un lento dissanguamento.......

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Mar, 19/11/2013 - 11:21

900 miliardi l´anno la spesa dell´apparato burocratico mafioso parassita sopra la pelle dei Lavoratori. 80 miliardi l´anno l´interesse sul debito di piú di 2000 miliardi ... E poi ci sono anche i cretini che non solo credono alle promesse dell´apparato mafioso ... ma anche che il taglio di 32 miliardi di spesa in 3 anni possa servire a raddrizzare le sorti del Paese.

Ritratto di dbell56

dbell56

Mar, 19/11/2013 - 11:24

liberopensiero77, non è serio quello che scrivi. Qui si fanno ipotesi della riduzione di spesa ponendo come inamovibile la stessa per i prossimi tre anni. Sai meglio di me che dinamicamente, le spese sono in aumento continuo, per cui nessun articolo a senso unico ma una fedele rappresentazione di ciò che accadrà nel futuro prossimo per colpa del differenziale tra aumento certo della spesa per effetto della dinamica dei prezzi e riduzione prevista ma solo prevista!) da questo governicchio di economisti dilettanti improvvisati. Il differenziale tra aumento certo e riduzione presunta, potrà essere compensato da un aumento di entrate nel breve. Cosa che si può ottenere solo con un aumento di tasse. Spero solo che qui pubblichino un mio intervento fatto prima. A quel punto avrai tutto ciò che ti serve per capire il mio punto di vista. Saluti

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Mar, 19/11/2013 - 11:42

... E poi ci sono anche i cretini che danno la colpa all´euro. Ciechi davanti all´apparato mafioso parassita sopra la pelle dei Lavoratori che sta distruggendo il tessuto produttivo spingendo il Paese alla miseria.

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Mar, 19/11/2013 - 14:19

dbell56, francamente non riesco a capire quello che scrivi. Dici che "il tasso di crescita della spesa è all'incirca uguale al 4%", e poi che "in tre anni la spesa aumenterà del 12%". Potrei sapere da dove hai preso questi dati? No, perchè a me risulta che la spesa pubblica in Italia, in rapporto al PIL, nel dopoguerra cresceva (con alti e bassi) mediamente di circa il 2% all'anno, mentre negli ultimi vent'anni è sceso a una crescita di circa lo 0,5% all'anno. Questi i dati, riportati per. es. nell'ottimo rapporto di Piero Giarda su "Dinamica, struttura e governo della spesa pubblica". Comunque, non c'è alcun automatismo nell'aumento della spesa pubblica, che in certi anni è perfino diminuita (e magari sarebbe utile scorporarla per voci di spesa per capirci di più). Se per il futuro il governo decide per una riduzione sostanziale della spesa (32 mld non sono pochi ...), c'è solo da chiedersi se c'è la farà (date le note difficoltà), senza sentirsi presi per i fondelli ... Anche E. Bondi aveva cominciato la spending review, ma poi è caduto il governo ...

MEFEL68

Mar, 19/11/2013 - 16:51

@@@ ferry1 - Perchè te la prendi con la sentinella e non con l'attentatore? Comunque,indipendentemente dalle sentinelle e senza guardare al colore, vorrei che il ministro dell'economia, spieghi al popolo perchè in Italia, nonostante il carico fiscale fra i più alti del mondo, i soldi non bastano mai. Allora, come fanno gli altri Paesi a dare servizi migliori con minori entrate? E' solo questione di onestà o è questione di maggiore capacità? In entrambi i casi, mandiamoli via, sentinelle e attentatori.

Ritratto di romy

romy

Mar, 19/11/2013 - 17:29

L'Europa fa il suo gioco,noi non ce ne rendiamo conto ed alla fine ci sfileranno anche le mutande.Ma è mai possibile che di Europa non si parla mai? o se ne parla troppo poco sui Mass-Media?mentre dovrebbe essere il ritornello continuo,insieme all'euro,con tutto quello che vi ruota intorno,se vogliamo,veramente,salvarci?.Ma è mai possibile che l'odio viscerale di alcuni per Berlusconi,non gli faccia vedere e capire che è l'unico che potrebbe ancora salvare l'Italia?.Vabbè che adesso con la mossa di Alfano,la sinistra è sistemata per il futuro,e con essa,di conseguenza,anche le richieste di Bruscelles,della Troika e di chiunque altro all'Estero,dovranno ridimersionarsi.

leo_polemico

Mar, 19/11/2013 - 19:34

Mi chiedo, purtroppo con molta frequenza se i cittadini italiani abbiano studiato non dico algebra, analisi o trigonometria ma la semplice amtematica. Si parla di trovare 5 miliardi, ovviamente di euro, per garantire la copertur della seconda rata dell'IMU. Bene facciamo due conti. Su un bilancio e una spesa pubblica di più di 800 miliardi ridurre di 5 miliardi con una semplicissima operazione si scopre che equivale ridurre la spesa di 6,25 (sei virgola venticinque) euro ogni mille euro. Chiedete a un pensionato od ad una moglie come fare. Ogni ulteriore commento su questi vergognosi scrocconi patentati è inutile....