Il Veneto proclama la rivolta fiscale

Stasera a Vicenza distribuiranno un prontuario che spiega come evitare di pagare le tasse

Hanno cominciato con il clamoroso referendum indipendentista, poi hanno proclamato la Delegazione dei 10 «per gestire il periodo di transizione verso la presa di sovranità della Repubblica Veneta», ora tocca a una seconda spallata contro la tirannia italiana: la campagna per non pagare più le tasse a Roma. Esenzione fiscale totale, la chiama Gianluca Busato, il leader dei secessionisti. «Solo con la libertà economica e fiscale il Veneto può rafforzare la sua piena indipendenza», scrive Busato su internet. Stasera a Vicenza una manifestazione popolare, che secondo Busato radunerà qualche migliaio di persone, sancirà formalmente l'atto di disobbedienza fiscale. Che significa, detto in soldoni, sfruttare tutte le pieghe dell'infernale burocrazia erariale per evitare di mandare soldi a Roma. Un gruppo di fiscalisti, commercialisti e avvocati è al lavoro da settimane per redigere un prontuario anti-tasse che verrà distribuito questa sera, «uno strumento fenomenale». «È tutto regolare, tutto secondo le pieghe delle leggi italiote, non temiamo contenziosi perché saranno azioni legittime - garantisce Busato - Applichiamo la tattica di Sun Tsu, colpiremo il nemico con le stesse armi con cui vuole ridurci in schiavitù. Tra ravvedimenti operosi, pagamenti differiti, rateizzazioni e altre scorciatoie, esistono vari modi per attuare la nostra esenzione fiscale». I vantaggi maggiori saranno per aziende e imprenditori, meno per i contribuenti normali. «Infatti Piazza dei Signori sarà piena di artigiani, commercianti e piccoli imprenditori martoriati dalla crisi e dalla voracità del burosauro centrale», dice Busato.

Questa campagna starà in piedi grazie a una solida rete organizzativa, non con le iniziative sporadiche dei singoli. Fare massa critica è la strategia dei plebiscitari. «Raccoglieremo le adesioni alla campagna di esenzione fiscale attraverso gli oltre 60 uffici pubblici della Repubblica Veneta già costituiti - aggiunge Busato - Appena raggiunto il 5 per cento dei contribuenti applicheremo il piano di obiezione con iniziative clamorose. La prima scatterà il 16 giugno, termine entro cui presentare la denuncia dei redditi. Se ce la facciamo potremmo partire addirittura il 16 maggio, scadenza di liquidazioni e versamenti Iva». Significa che i contribuenti si terranno in tasca i soldi delle tasse? «Sissignore, quel denaro servirà come forma alternativa alle altre fonti di finanziamento. E poi notificheremo al Fondo monetario internazionale la minore capacità contributiva dello Stato documentando ogni mancato introito dell'erario. Tutti devono sapere che l'Italia avrà un minore gettito fiscale, i signori di Roma dovranno rifare i conti e non potranno barare con i numeri». Ancora non c'è idea di quanto potrà essere sottratto alle fauci dell'Agenzia delle entrate: «Dipende da quanti faranno obiezione, dalla loro capacità contributiva e dalle scadenze fiscali. Se l'adesione sarà veloce, a Roma se la vedranno brutta». Per Busato e la galassia indipendentista veneta si prepara «uno tsunami politico»: «Fermeremo l'insopportabile emorragia fiscale in terra veneta causata dal peggior inferno fiscale del mondo. Vogliamo il controllo totale delle nostre risorse, in primis economiche, oggi rubate e sprecate». Il modello, secondo quanto sostiene l'economista Ludovico Pizzati, docente alla California State University, è quello della Cecoslovacchia: dopo la separazione i due nuovi Stati sono cresciuti con forza, addirittura la Slovacchia a ritmi doppi rispetto alla Repubblica Ceca, con il risultato che entrambe ci hanno guadagnato. Un solo rimpianto per Busato: «Purtroppo stasera non potrà parlare Franco Rocchetta. È ancora recluso in isolamento, una misura assurda e vergognosa».

Commenti

glasnost

Ven, 11/04/2014 - 09:12

Tutto sommato meglio questo che le autobomba della Grecia! Se lo Statoburocratico blocca queste forme di sfogo, incita la ribellione violenta. Chissà se lo capiranno????

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Ven, 11/04/2014 - 09:15

SI CON IL VENETO PER CESSARE DI PAGARE LE TASSE AL CANCRO CHE DISTRUGGE IL PAESE. L'oncologo Veronesi lancia un appello: "Combattiamo insieme la sfida più grave che l’umanità deve affrontare dall’inizio dei tempi, il cancro". É IL CANCRO DELLO STATO MAFIOSO PAPPONE. MA SONO TANTI I VIGLIACCHI A CUI MANCA IL CORAGGIO DI DICHIARARGLI GUERRA. LA COLPA É DELLA PROPAGANDA DI UNA BECERA INFORMAZIONE CONFORMISTA OTTUSA E IGNORANTE CHE HA MESSO IN GINOCCHIO LA INTELLIGENZA DEL PAESE.

Mechwarrior

Ven, 11/04/2014 - 09:20

Beato chi puo' ribellarsi: noi miseri Fantozzi ormai solo casa e lavoro e non arrivi a fine mese........

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Ven, 11/04/2014 - 09:20

SI CON IL VENETO PER CESSARE DI PAGARE LE TASSE AL CANCRO CHE DISTRUGGE IL PAESE. L'oncologo Veronesi lancia un appello: "Combattiamo insieme la sfida più grave che l’umanità deve affrontare dall’inizio dei tempi, il cancro". É IL CANCRO DELLO STATO MAFIOSO PAPPONE. MA SONO TANTI I VIGLIACCHI A CUI MANCA IL CORAGGIO DI DICHIARARGLI GUERRA. LA COLPA É DELLA PROPAGANDA DI UNA BECERA INFORMAZIONE, CONFORMISTA, OTTUSA E IGNORANTE CHE CENSURA SISTEMATICAMENTE LA INTELLIGENZA DEL PAESE.

buri

Ven, 11/04/2014 - 09:41

Vedremo, se l'iniziativa avrà successo, a Roma tremeranno diverse poltrone

pittariso

Ven, 11/04/2014 - 09:49

Basta pagare!rivolta fiscale e rivoluzione e andiamo a prenderli uno per uno prima che scappino.

Mario-64

Ven, 11/04/2014 - 09:50

Ah ah ah: artigiani e commercianti che decidono di non pagare le tasse? E dove sarebbe la novita'?? Sarebbe strano se decidessero di pagarle...

lomi

Ven, 11/04/2014 - 09:52

Da Veneto DOC posso solo dire che questi secessionisti mi fan proprio vomitare...gli stessi che per mero interesse personale erano vicini alla Lega....ora si accorgono che siamo in miseria...ma andate a ciapar i rat...'gnorantoni e arrivisti...Veneto di Venezia..ma sopratutto ITALIANO

pittariso

Ven, 11/04/2014 - 09:58

Fra poco la rivolta fiscale sarà automatica e totale perchè i veri pagatori (commercianti,autonomi,artigiani e partite IVA in genere) non sono più in grado di andare avanti:in citta non si vede alro che esercizi che chiudono e locali sfitti senza possibilità di essere affittati.Solo i ciechi e gli imbecilli non si accorgono del disastro economico corso.

edo1969

Ven, 11/04/2014 - 10:09

Mi sembra una grossa pagliacciata con rispetto parlando per gli indipendentisti veneti di cui pure condivido alcune idee. Però scusate signori veneti: pensate davvero di ridurre di molto la pressione fiscale attuale, solo lavorando sulle “pieghe delle leggi italiote”? Cioè se uno oggi paga per fare un esempio il 45% di tasse, stasera va a Vicenza, torna a casa e avrà imparato come passare a... quanto? Diciamo il 42, 43? 40 volendo essere ottimisti? E con ciò secondo voi il suo commercio tornerà a fiorire contro la crisi? Ridicolo. Oppure avete dei commercialisti che sono dei veri maghi del diritto fiscale e riducete le tasse, che so, al 30%? Mi sembra impossibile. Allora piuttosto siate coraggiosi e dite chiaro “a Roma noi le tasse non le paghiamo più”, punto. Allora però vedetevela con la Guardia di Finanza, e tanti auguri. Risolvere la crisi e “la voracità del burosauro centrale” con questa stupidaggine? Tutta aria fritta per farsi pubblicità. La crisi si combatte votando e mandando a Roma chi vorrà chiaramente tagliare e di molto le spese pubbliche della politica.

Mechwarrior

Ven, 11/04/2014 - 10:15

Concordo con Mr. Pittariso .....certo che se poi gli stessi italioti affittano i case e locali a prezzi stratosferici.........

gigi0000

Ven, 11/04/2014 - 10:17

EVVIVA, FINALMENTE! Lo predico da mesi: la rivolta fiscale è l'unica maniera per farsi prendere sul serio. Non è una mia invenzione, ma è invece storicamente dimostrata l'efficacia di una simile iniziativa. Qualche mente eccelsa dello stato tenterà di inasprire le pene e la magistratura di merenda tenterà di ravvisare reati gravissimi, ma chissenefrega, non potranno certamente mettere in galera milioni di persone, né sanzionarle tutte, a meno che non vogliano la rivolta armata. Il successo dell'iniziativa è però legato al numero degli aderenti; se fossero pochi, salterebbe tutto. A quando la Lombardia?

Ritratto di PELOBICI

PELOBICI

Ven, 11/04/2014 - 10:23

Speriamo funzioni e faccia capire che la gente è arcistufa della pressini fiscale, in Toscana non succederà mai perchè si prendono solo ordini dal partito senza fiatare

Max Devilman

Ven, 11/04/2014 - 10:25

lomi: i secessionisti non ORA si accorgono che siamo in miseria ma da almeno 20 anni, inascoltati, proprio dalla propria gente, gente come lei che se ne è altamente fregata! Venezia non è veneto, se lei fosse veramente veneto lo saprebbe: Venezia è Venezia e i veneziani sono veneziani e non veneti, il veneto è un'altra cosa. Lei è veneto come io sono di Marte. Che lavoro fa? come lo ha ottenuto? sono tutto orecchi.

pittariso

Ven, 11/04/2014 - 10:46

Mechwarrior-in qualche caso è vero che gli affitti sono alti ma ciò dipende anche dalle tasse che gravano sugli immobili( imu e irpef sul reddito).In ogni caso,essendo un costo detraibile ad eccezione dell'irap, non è il problema principale in quanto ciò che rende impossibile andare avanti sono,oltre alla mancanza di lavoro in conseguenza della crisi,le tasse e i contributi che gli autonomi non riescono più a pagare in quanto assorbono quasi tutto l'incasso. Chi non riconosce questo è in mala fede o vive furi dal mondo.Dove pensan di andare a prendere vi soldi per le pensioni,stipendi pubblici,sanità eccc. quando gli autonomi saranno costretti a chiudere:non potranno fare come per la spazzatura che a causa della chiusura di molte attivita (che peraltro pagavano molto)hanno aumentato la quota a carico delle famiglie.Poi vedremo come se la caverà Mario-64, che è evidentemente un pubblico impiegato,quando non potrà più essere pagato i suo stipendio come è stato già paventato da molti amministratori pubblici locali.

Roberto Monaco

Ven, 11/04/2014 - 10:46

Si, e gli unici che continueranno a pagare saranno quelli che non possono scappare perchè hanno la ritenuta alla fonte, e che mantengono stà caterva di parassiti a reddito zero e auto da 80mila euro in garage. In definitiva, cosa cambia dallo stato attuale delle cose?

ex d.c.

Ven, 11/04/2014 - 10:47

SIamo tutti ocn il Veneto. Pubblicate il documento, parteciperemo volentieri allo sciopero fiscale

piantagrassa

Ven, 11/04/2014 - 10:48

edo 1969 - Purtroppo lei è uno dei tanti, troppi italiani pecoroni che appena Roma chiede lei dà, non avete il coraggio di prendere una posizione e far valere le vostre idee. Concordo con Pittariso, è arrivata l'ora della svolta!!!

Ritratto di pravda99

pravda99

Ven, 11/04/2014 - 10:53

Cosa cambia? Quelli le tasse non le hanno mai pagate.

Ritratto di TizianoDaMilano

TizianoDaMilano

Ven, 11/04/2014 - 10:53

Veneto Libaro!

pittariso

Ven, 11/04/2014 - 11:06

pravda99-Se quelli non avessero mai pagato con quali soldi pensa sia stato pagato il suo stipendio.Mi dispiace per i pensionati al minimo ma per certi pubblici dipendenti mi auguro che la rivolta fiscale sia fatta così vedranno e capirnno cosa vuol dire guadagnarsi lo stipendio ammesso che ne siano capaci.

macchiapam

Ven, 11/04/2014 - 11:14

Sono cazzate: la secessione del Veneto è un'assurdità. Molto meglio coalizzarsi per riformare la repubblica Cisalpina (Napoleone aveva visto lungo), coll'aggiunta di Piemonte ed Emilia-Romagna. Il resto al papa.

Mario-64

Ven, 11/04/2014 - 11:15

pittariso ,io pero' non li vedo i dipendenti girare in Cayenne come gli artigiani...che sia perche' pagano le tasse???

Ritratto di Azo

Azo

Ven, 11/04/2014 - 11:21

Questa è la svolta decisiva, per punire, quei parlamentari che con la loro MALA-POLITICA, la CORRUZZIONE e con TUTTI i FAVOREGGIAMENTI, hanno aiutato LE ASSOCIAZIONI MAFIOSE, AD ASSECONDARE I LORO MAL-FATTI.

Mechwarrior

Ven, 11/04/2014 - 11:22

@Mr Pittariso: infatto ho scritto che concordavo. ho solo aggiunto che ci sono anche i soliti "furbetti". Btw a milano ci sono case (normalissim) in affitto a prezzi da paura..........che restano sfitte per anni. Riguardo ai negozi......aprono solo ristoranti cinesi

Charles buk

Ven, 11/04/2014 - 11:33

E già. Abbaiano come matti poco prima delle elezioni. Poi, eletti, scompaiono e si godono la bella vita che il "popolo del nord" oppresso gli gha regalato

Gianca59

Ven, 11/04/2014 - 11:34

Forza Veneto: ribellarsi a questo Stato che si riempie di debiti e per pagarli prosciuga le tasche degli Italiani. L' altro giorno sentivo in TV la Serracchiani che parlava di questa iniziativa Veneta bocciandola, ca va sans dire, dicendo che a meno soldi sarebbero corrisposti meno servizi andando a colpire così i più bisognosi. Patetica ! Nella realtà a meno soldi in entrata, a parità di servizi erogati, corrispondono CIG/chiusure/licenziamenti/mobilità/revisione costi/riorganizzazioni aziendali , altro che ricattino scellerati !

Ritratto di pravda99

pravda99

Ven, 11/04/2014 - 11:36

pittariso - Io non sono dipendente statale, ma pago tute le tasse e piu' del dovuto, per supplire alle carenze degli evasori (vorrei dire come lei o come quelli che lei difende).

Ritratto di autograll

autograll

Ven, 11/04/2014 - 11:37

E’ giusto raggiungere la libertà economica e fiscale ma non è consigliabile la di-sobbedienza fiscale dato che esiste la soluzione pratica e di semplice applicazione senza oltretutto chiedere sacrifici di sorta come fa Roma (tassaiola). Il mio Metodo anti-tasse si trova su www.econ-agan.blogspot.com E’ una sola pagina A4 che evita di pagare le tasse. E scusate se è poco. INVECE DI PROPORRE LA > IL VENETO ( o se vo-lete la Regione Veneto) APPLICHI AUTONOMAMENTE IL MIO METODO PER FARE BELLA FIGURA E POI (se volete) FARE MARAMEO A ROMA ( becera e tassaiola ). Auguri. agan N.B.: Tra non molto inizierò in Lombardia un giro di informazione presso gli uffici istituzionali come ho già fatto presso i capoluogo di Provincia in Puglia. Se interessati potete chiedere la da-ta precisa sin da ora a info@studioagan.it .

edo1969

Ven, 11/04/2014 - 11:47

piantagrassa innanzitutto pecorone è sicuramente lei che sta davanti a una tastiera a scrivere idiozie tipo “è arrivata l'ora della svolta”, frase stupida e vuota. Quale svolta? ci dica. Se invece non è un pecorone ci dica che cosa sta facendo? Ha il “coraggio” (e la stupidità) di fare uno sciopero fiscale vero? Sono sicuro di no, quindi lei è doppiamente pecorone. Inoltre sa, penso che si debba restare seri anche nella protesta e, ripeto e riaffermo: questa di stasera è una protesta non seria, anzi una grossa scemenza. È solo biada data in pasto ai creduloni come lei. Facciamo una scommessa: fra un anno mi racconterà che cosa avrà fatto lei che non è un pecorone e inoltre vedremo anche quali risultati avrà ottenuto questa buffonata “protesta”. Sa che cosa mi ricorda tutto ciò? Le sparate di Bossi: Roma ladrona, sciopero fiscale etc. Idiozie che si conclusero con un figlio ignorante messo alla Regione Lombardia a 9000 euro al mese a farsi rimborsare cellulari etc. coi MIEI soldi.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Ven, 11/04/2014 - 11:58

Mario-64 bello il suo post scommetto che lei è uno che trova bello pagare il 65% di tasse.

edo1969

Ven, 11/04/2014 - 12:40

gianniverde lei paga il 65% di tasse? Io invece il 95%, si figuri. Mi raccomando stasera andiamo a Vicenza e sottoponiamo il nostro caso agli espertoni veneti. Poi ci troviamo al bar e vediamo chi la spara più grossa. Ma fatemi il paicere va.

Raoul Pontalti

Ven, 11/04/2014 - 12:49

Guardia di Finanza, Polizia stradale, Carabinieri, Ispettori del lavoro e i rivoltosi fiscali sono sistemati. Controllare il lavoro in nero nelle loro aziende, controllare i versamenti previdenziali, controllare la sicurezza e gli orari di lavoro dei dipendenti, controllare le bolle d'accompagnamento (rectius: documenti di trasporto) delle merci, etc.; fare insomma quello che in Trentino viene fatto regolarmente e che porta alla lamentela degli artigiani dell'autonoma Provincia di non essere competitivi con il Veneto dove gli oneri connessi con la regolare gestione aziendale sono spesso nominali e non effettivi per mancanza di controlli.

Max Devilman

Ven, 11/04/2014 - 13:04

pravda99: lei del mondo non sa niente! Se pensa che le aziende esistano solo per evadere e diventare ricco NE APRA UNA IN ITALIA. Che era uno statale era evidente solo voi siete così arroganti e ignoranti allo stesso tempo. Oltre al fatto che i suoi commenti e dei suoi compagni non sono mai costruttivi e non date mai una che sia una motivazione per giustificare le vostre opinioni. I veneti fanno bene a volersene andare, dall'italia e da gente come lei che la ha rivinata, schiavi di un sistema che vi rende i loro stupidi soldatini.

Mario-64

Ven, 11/04/2014 - 13:05

gianniverde ,appunto. Se le avessimo pagate tutti le tasse questa percentuale sarebbe sicuramente piu' bassa.

edoardo55

Ven, 11/04/2014 - 13:21

E' un buon inizio; più efficace della rivolta dei forconi. Alle europee spero succeda anche in Italia il fenomeno Marine Le Pen. Ormai per sentire qualcosa di sinistra, in Italia, devi guardare e ascoltare a destra. Destra destra.

timoty martin

Ven, 11/04/2014 - 13:21

Fanno benissimo. Avanti Veneto libero subito. Governo centrale = mangia mangia di soldi pubblici, disorganizzato, incapace ed inefficente. Svuotiamo tutti i ministeri e mandiamo a casa tutti i parasiti.

Ritratto di Falco1952

Falco1952

Ven, 11/04/2014 - 13:48

lomi:?????? ma cosa sta tentando di dire????,io sono veronese e Venezia non è il Veneto è una parte........lei invece da dove viene?

Ritratto di scandalo

scandalo

Ven, 11/04/2014 - 14:02

se non altro è un atto di visto che la terronia è un paradiso fiscale !! sono lustri che in terronia non si paga na mazza , canone rai , imu , 2.000.000 di immobili fantasmi , scontrini fiscali , se richiesto lo scrivono a mano su un pizzino con l'inchiostro simpatico ! infatti se vi leggeste i cognomi della maggioranza dei dipendenti della agenzia delle entrate , dei ,magistrati , carabinieri , guardie di finanza sono tutti di loro . pertanto nel meridione l'impunità regna sovrana !! soltanto UNO mi da speranza tale NAPOLITANO originario di DOMODOSSOLA !!

Max Devilman

Ven, 11/04/2014 - 14:25

Raoul Pontalti: ma di che cosa parli? Il Trentino è a statuto speciale non versa quasi nulla a Roma! Più volte leggo i suoi post che sono DISINFORMAZIONE pura, oppure è solo uno dei tanti statali trentini a 4k al mese e quindi ci marcia.

Ritratto di pravda99

pravda99

Ven, 11/04/2014 - 15:37

Max Devilman - E' proprio vero che quando uno vuol per forza leggere quello che vuole, non c'e' nulla che tenga: rilegga: NON sono un dipendente statale, quindi tutto il suo teorema e' vuoto. Comunque...I veneti che vogliono andaresene sono infantili perche' non sanno di cosa parlano, ne' da un punto di vista economico, ne' sociale, ne' geopolitico, ne' costituzionale, ne' legale, ne' culturale...Loro "sentono delle voci" che li incoraggiano ad andarsene al paese del bengodi, ma dove, perche', come, quando, non lo sanno davvero. E sostenerli da dietro una tastiera e' altrettanto infantile....

Max Devilman

Ven, 11/04/2014 - 16:09

pravda99: e lei invece cosa fa? almeno io argomento le mie tesi e lei? perchè dice " sono infantili perche' non sanno di cosa parlano, ne' da un punto di vista economico, ne' sociale, ne' geopolitico, ne' costituzionale, ne' legale, ne' culturale.." me lo spighi, non sta argomentando nulla, come fa di solito lei e quelli come lei. Ragionate per dogmi. Sentiamo quali sono ad esempio le ragioni economice e culturali, dai che voglio ridere.