Violante: "Rispetto il Pd, ma garantiamo al Cav il diritto di difendersi"

Il giurista: "Se ci sono i presupposti, legittimo ricorso alla Consulta". Fioroni: "Sì ad approfondimenti sulla decadenza, il Pd non appaia prevenuto"

Mentre sono stati depositati in Giunta elezioni e immunità del Senato la memoria difensiva di Silvio Berlusconi e sei pareri pro-veritate elaborati da autorevoli costituzionalisti, Luciano Violante torna a difendere la sua posizione sostentendo di non aver mai dato appoggio al Cavaliere, offrendogli una scappatoia per evitare la crisi di governo.

Le sue dichiarazioni, in cui sosteneva la legittimità del ricorso alla Consulta da parte di Silvio Berlusconi, hanno spaccato il Partito democratico. Per il giurista e dirigente Pd l'ex premier ha tutto il "diritto di difendersi" e "se ci fossero i presupposti" sarebbe legittimo il ricorso alla Corte costituzionale o alla Corte di giustizia del Lussemburgo: "La Giunta deciderà se ci sono i presupposti" E a Repubblica.it spiega: "Il Quirinale è interessato alla mia idea? Non so. È una mia opinione personale. Io rispetto la posizione di Epifani". E ha aggiunto: "Il segretario del partito ha detto che Berlusconi ha diritto di difendersi. E se ha diritto di difendersi gli altri hanno il dovere di ascoltare le difese e di decidere dopo aver ascoltato le difese. Certamente la posizione del partito è quella del segretario".

Si allarga all'interno del Pd il fronte aperturista nei confronti del Cavaliere. "L’Italia è uno stato di diritto, dove le leggi si rispettano e le sentenze si applicano ma proprio per evitare al Pd di apparire prevenuto, se il Pdl ha motivi seri e fondati, si approfondisca pure la questione Berlusconi", commenta l'ex ministro ministro Pd, Beppe Fioroni, in una intervista al quotidiano on line Formiche.net. "Non cerco una via di uscita, o un escamotage che evochi l’idea dell’inciucio o della trattativa sottobanco. Faccio invece - sottolinea l’esponente popolare - un ragionamento molto semplice e non sopporto coloro che, di fronte all’ordinaria saggezza, hanno la reazione di chi dice ’questo è un imbrogliò. Io ragiono con ordinaria saggezza. La decadenza non è una persecuzione, nè una volontà di ledere Berlusconi: questo è un dato certo. In Italia le leggi si rispettano, le sentenze si applicano ed è la logica conseguenza di tale convinzione. Dopo di che, proprio perchè siamo forti delle nostre ragioni, dobbiamo evitare di apparire all’esterno come coloro che assumano atteggiamenti pregiudiziali o tantomeno arroganti. Perchè il combinato disposto di un Pd che rifiuti chiarimenti e approfondimenti darebbe l’idea di un partito che, improvvisamente, è diventato arrogante o con un atteggiamento prevenuto nei confronti di Berlusconi". E aggiunge: "Se il Pdl dispone di elementi di chiarimento, seri e che non siano nè sotterfugi nè banali perdite di tempo, allora non cambierebbe molto decidere il 9 settembre o più in là. Per questo valuto le parole di Violante come un’opinione seria a sostegno dell’idea che si possano concedere approfondimenti a chi abbia dubbi, se i dubbi sono reali. D’altra parte questa è una posizione perfettamente compatibile con quella di chi ha, dalla propria parte, la certezza delle singole convinzioni". 

Un parere "ineccepibile", secondo il legale di Berlusconi, Franco Coppi: "La Giunta per le elezioni può sollevare la questione di legittimità della legge Severino davanti alla Corte Costituzionale. In questo caso la Corte potrebbe impiegare dei mesi ad emettere una sentenza". L'avvocato, intervistato da Affaritaliani.it, ha escluso per il momento la grazia presidenziale rivelando che "la domanda non è stata presentata...". E ha aggiunto: "Il 9 settembre, quando si riunirà la Giunta, non sarà il giorno del giudizio".

Intanto il dibattito resta aperto nel Partito Democratico. Stefano Fassina, viceministro all'Economia, prova a gettare acqua sul fuoco: "Chi oggi alimenta il sospetto su presunte trattative per salvare Berlusconi rimarrà deluso. Non spetta a noi salvarlo, a noi spetta applicare la legge ed è quello che faremo", sostiene in un'intervista a L'Unità, "La nostra linea sulla decadenza non cambia: la legge Severino sarà applicata".

Commenti
Ritratto di ferdnando55

ferdnando55

Mer, 28/08/2013 - 13:18

"se ci fossero i presupposti", ma i presupposti non ci sono.

Ritratto di alla.frutta...

alla.frutta...

Mer, 28/08/2013 - 13:21

COMPARUCCI DI MILLE MERENDE, fatti gli uni per gli altri

Ritratto di jasper

jasper

Mer, 28/08/2013 - 13:22

In Italia Togliatti il segretario del vecchio PCI mise in atto il consiglio avuto da Stalin negli anni della sua permanenza in Russia, di sovvenzionare gli studi presso la facoltà di Legge dei giovani comunisti al fine di avere in futuro magistrati (PM e giudici) alliniati sulle posizioni del partito. Lo scopo primario di tale impegno (seguito anche dai partiti eredi di quello storico citato PDS-DS-PD),si sarebbe visto successivamente nel contrasto da attuare verso gli oppositori politici con le misure da prendere di volta in volta come nel caso della eliminazione di partiti politici avversi (operazione Mani Pulite) oppure nella eliminazione dalla vita politica del leader del centro-destra Silvio Berlusconi o di altri leader che dovessero emergere. Va precisato che con questa tattica è stato eroso ed svuotato il famoso principio di Montesqieu relativo alla separazione dei poteri dato che questo principio sta alla base dello stato di diritto. Esso consiste nella individuazione di tre funzioni pubbliche – legislazione, amministrazione e giurisdizione. Ora mentre le due prime funzioni quella legislative ed amministrativa (governo) si basano sulla scelta volute dall’elettorato, dai cittadini con le elezioni politiche, quella giurisdizionale nel nostro paese è attribuita a dei giudici non eletti ma assunti per concorso. E’ del tutto evidente che se il potere giurisdizionale è stato intasato da giudici di carriera provenienti da una ben precisa parte politica, questa parte politica ( nella fattispecie la sinistra, ma potrebbe essere anche l’estrema destra) può sempre mettere sotto scacco i partiti a lei avversi che avessero vinto le elezion. E’ quello che è avvenuto nel caso Berlusconi. Viene da chiedersi a questo punto se l'Italia è una Paese democratico o non sarebbe giunto il momento di scozzare le carte definitivamente.

Nickulow

Mer, 28/08/2013 - 13:23

Quando Grillo parla del PD come PDmenoELLE, si riferisce a porcate come questa...

goffredodibuglione

Mer, 28/08/2013 - 13:26

Lo spirito del comunismo è sempre lo stesso: in pubblico usa parole di democrazia e morale, ma nell'uso quotidiano del potere (attività svolta nei piani alti dove nessuno sente e vede) adopera i peggiori sistemi di una dittatura. Controllo dei media, demonizzazione degli avversari e giudici al servizio loro. Chi è condannato andava prima nei GULAG ( di cui nessuno parla) e oggio viene massacrato economicamente, moralmente, politicamente e messo sotto processo (senza alcuna prova). Vedi Dellutri, Cosentino,Fitto ecc.ecc..Quanto ci vuole a muoverci: vogliamo finire tutti in un gulag ?????

Il giusto

Mer, 28/08/2013 - 13:27

A dire la verità Violante ha detto "se ci fossero i presupposti"!Al solito,girate i discorsi a vostro piacimento!Ma ormai non vi credono piu' nemmeno i boccaloni di silvio!!!

m.nanni

Mer, 28/08/2013 - 13:29

Chiedere la grazia? Ma neppure a parlarne. I servizi sociali? Mandiamoci Esposito. Domiciliari? Questa ve la risparmio. E a Violante dico: va bene la tua apertura intimorita(ti stanno a cuore i voti del Pdl per mandarti al Colle, neh?) per il diritto a Berlusconi di difendersi. Ma noi non diciamo che Berlusconi deve difendersi, ma diciamo che deve attaccare. Il nocciolo della questione è questo: che la sentenza della cassazione dev'essere fatta ingoiare per intero, briciole comprese. Che Esposito venga ricusato e non scusato, che la corte di giustizia europea faccia luce su una sentenza bolscevica, frutto avvelenato di vent'anni di accanimento giudiziario contro Silvio Berlusconi. Accanimento giudiziario dove il "Colle" è stato a guardare inerte.

xgerico

Mer, 28/08/2013 - 13:29

Qualora fosse, mi piacerebbe, visto le prossime riaperture delle scuole, che aiutasse ad attraversare la strada ai bambini.

ilfatto

Mer, 28/08/2013 - 13:29

ahahah per di salvare il c... al pluripregiudicato e vostro datore di lavoro sareste capaci di esaltare anche stalin...ahahaha ps(la dignità questa sconosciuta...che va a braccetto con il senso del ridicolo, altro ignoto...ahahah)

xgerico

Mer, 28/08/2013 - 13:39

@Jasper La prossima puntata falla su GLADIO!

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Mer, 28/08/2013 - 13:40

m.nanni,tu per ora quella sentenza te la ingoi insieme al tuo idolo.Poi inizia a pregare che in giunta ed in senato ne spuntino altri di Violante,perche' diversamente il tuo supereroe ha finito come merita la sua carriera da politico incapace.

Accademico

Mer, 28/08/2013 - 13:40

Tutto quanto ruota attorno alla vicenda umana di Berlusconi si va sempre più tingendo di giallo. Si ricorra con ogni possibile urgenza alla Corte dei Diritti Umani e si attenda con fiducia l'annullamento di una condanna che definire scandalosa è un cortese eufemismo.

mariolino50

Mer, 28/08/2013 - 13:45

jasper Ma davvero credete che in massima parte i magistrati siano di sinistra, per i primi decenni del dopoguerra erano tutti ex fascisti, visto che nessuno li aveva cacciati, per entrare in certe carriere poi andavano a vedere anche i tuoi antenati, se trovavano un comunista non entravi nelle forze armate da sottufficiale, figurati a fare il giudice che ha uno dei poteri più forti che ci siano. Sicuramente dopo un pò di infiltrati ci saranno stati, ma non credo proprio che siano i più, forse si sono fatti vedere perchè hanno infastidito Silvio, ma come militari, poliziotti vari, anche loro mi risulta siano molto pèiù neri che rossi, o al massimo grigietti, o con la maglia della Juve, mezzi bianche e neri. Del vecchio pool di mani pulite ne facevano parte anche di destra dichiarata, o ve li siete scordati, anzi erano i più.

Ritratto di ersola

ersola

Mer, 28/08/2013 - 13:52

il tempo è prezioso per gli italiani e sprecarlo per berlusconi, mentre il paese affonda, è da cretini.

Ritratto di serramana1964

serramana1964

Mer, 28/08/2013 - 13:55

......x il "giusto"(sbagliato)....le si chiedeva di fare a meno di intervenire x dire demenzialità....non ha altro da fare durante il giorno...ci sarebbero i fossati da bonificare

Ritratto di ersola

ersola

Mer, 28/08/2013 - 13:57

appare evidente che se violante sputa su silvio esce fuori su di lui un dossier su questo giornale che non finisce più e quindi lui fa la parte di brava pecorella.

minestrone

Mer, 28/08/2013 - 13:57

pd meno elle giusto per intenderci

giottin

Mer, 28/08/2013 - 13:58

Eh già, per i trinarciuti non dovrebbe nemmeno difendersi, solo massacrato ingiustamente senza nemmeno il diritto di difendersi. Ma andate al diavolo mafiosi!!!!

Libertà75

Mer, 28/08/2013 - 13:58

@Agrippina, il punto che non solleva la sinistra è "qualora SB vincesse uno dei ricorsi e riuscisse ad annullare una sentenza definitiva, come lo ripiglierebbero in Senato?". L'unica soluzione sarebbe il seggio a vita attribuibile solo dal P.d.R. oppure nuove elezioni. Entrambe soluzioni però per unica responsabilità di un partito in assenza di uomini di spessore e lungimiranza (Violante escluso). Comunque come al solito ci rimetterà sempre e solo il PD da queste scelte, perché obbligando a trovare un erede di Silvio, il loro astro nascente inizierà a perdere consensi. Del resto perché meravigliarsi, quando con una minima maggioranza al Senato, l'allora ulivo si sottrasse 2 voti (uno per fare PdR e uno per fare P.d.Senato)?

rino biricchino

Mer, 28/08/2013 - 13:59

Violante chi? Quello che nel 2003 confesso' in Camera che la sinistra (all'epoca DS) non avrebbe mai ostacolato Mediaset e non avrebbe mai posto la questione di risolvere il conflitto di interessi di Berlusconi?? Ah beh...e poi dite pure che i comunisti sono cattivi!

Lino1234

Mer, 28/08/2013 - 14:20

Accademico, concordo perfettamente con te. Poi leggo i commenti dei seguenti trinariciuti : Agrippina, ilfatto, ilgiusto e tanti altri che, certamente, posseggono il dono di conoscere le "verità" assolute, a priori ed a prescindere, comunque apprese da Stalin,che ha fatto fuori 100.000.000 di brava gente, Forse, per loro, i trinariciuti, troppo pochi, mi si rivolta lo stomaco. Saluti Lino. W Silvio.

Il giusto

Mer, 28/08/2013 - 14:24

serramana...i fossati li lascio al pregiudicato!Evidentemente la verità fa male!!!

minestrone

Mer, 28/08/2013 - 14:25

SOLDI PUBBLICI Editoria, Libero conti in rosso Perdite ed emorragia di copie. Ora lo Stato nega i contributi. E chiede ad Angelucci di restituire 15,7 mln. Il direttore di Libero, Maurizio Belpietro. Il direttore di Libero, Maurizio Belpietro. Libero, profondo rosso. I conti del giornale diretto da Maurizio Belpietro sono a rischio. Lo conferma il bilancio 2012: il quotidiano ha perso 5 milioni di copie in un anno e gli introiti pubblicitari sono calati di 1,5 milioni di euro. Come se non bastasse, il dipartimento Editoria della presidenza del Consiglio ha tagliato milioni di euro di contributi pubblici. NEL 2012 QUASI 2 MLN DI PERDITE. Una situazione che ha spinto gli amministratori a chiedere ai soci di versare le quote necessarie per rimpinguare il capitale, diminuito di circa un terzo, riportandolo sopra la soglia d'allarme. Il 2012 si è chiuso, infatti, con perdite per 1 milione e 871 mila euro e ricavi in calo del 23%. La responsabilità, come ha ricordato Il Fatto Quotidiano, sarebbe dell'Agcom che per anni ha 'ignorato' il fatto che dietro alla testata Libero e quella (ora chiusa) Il Riformista c'era lo stesso editore: la famiglia Angelucci. Dopo una multa, lo Stato ha così chiesto indietro i finanziamenti e congelato l'erogazione futura. CHIESTA LA RESTITUZIONE DI 15,7 MLN. A spiegarlo è stato il presidente della società Editore Libero srl, Arnaldo Rossi: dopo due sentenze del Consiglio di Stato, il dipartimento non verserà i 18,3 milioni del triennio 2018-2010. Non solo: ha chiesto la restituzione di 15,7 milioni incassati «indebitamente» da Libero tra il 2006 e il 2007. Fermi anche i 4,8 milioni chiesti per il 2011 e non si sa ancora nulla dei 4 milioni riferiti al 2012. Sommando le cifre - i denari non ricevuti, quelli bloccati e quelli da resituire - si arriva a 42 milioni di euro. IN SETTE ANNI RICEVUTI 39 MLN. La testata fondata da Vittorio Feltri nel 2000 - e che ha ricevuto in sette anni la bellezza di 39 milioni di euro di fondi pubblici - rischia così di finire nel baratro. Per ora gli stipendi dei giornalisti (che ammontano a 8,5 milioni di euro) sono garantiti dal gruppo Tosinvest, attivo nel settore sanitario e fondato dal deputato Pdl Tonino Angelucci. Indagato, con Rossi, per falso e truffa aggravata per le indebite erogazioni pubbliche. Mercoledì, 28 Agosto 2013 Cit.Lettera43 http://www.lettera43.it/economia/media/editoria-libero-conti-in-rosso_43675106486.htm

cloroalclero

Mer, 28/08/2013 - 14:25

vedete bananas vi meravigliate che qualcuno prima della politica parli in nome del diritto..capisco che a berlusconi e compagni di merende tutto questo sono strano, ma in uno stato di diritto quello che conta è la legge, non i voti o il denaro..

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 28/08/2013 - 14:32

Anche in altra parte de Il Giornale leggo che Violante sostiene che Berlusconi “si deve difendere”, così creando scompiglio nel PD. Concordo ovviamente, anche se ho poche speranze che si possa sanare la situazione del Cav, ormai irrimediabile. Mi domando, però, le ragioni che inducono Violante a prendere una tale posizione. Domanda certamente retorica, a cui possono rispondere solo il tempo e i futuri eventi.

Amon

Mer, 28/08/2013 - 14:32

si in effetti dovebbe esserci un 4o grado di giudizio la giustizia e' troppo veloce in italia.

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Mer, 28/08/2013 - 14:38

Liberta'75,intanto questi ricorsi ancora non ci sono.Inoltre come convenivamo un altra discussione il Senato ha il diritto/dovere di procedere secondo l'art.66 della Costituzione.Infine l'Italia come Stato avrebbe la possibilta' di fare ricorso,e le ricordo che il primato giurisdizionale statale e' riconosciuta.Su Violante abbiamo opinioni diverse,il giurista che proclamo' in aula che si era impegnato a non procedere sul conflitto d'interesse e' l'esempio di quella politica di sinistra illiberale e da compromesso non politico,ma affaristico.

BRAMBOREF

Mer, 28/08/2013 - 14:43

Quando sento EPIFANI (un uomo dell'apparato) dire che Berlusconi va radiato penso ai guai che Lui e la CIGL hanno combinato e mi viene di dirgli ma va a ciappal in ........

cloroalclero

Mer, 28/08/2013 - 14:46

ersola: consideri che se affonda silvio sallusti&c non hanno più da mungere, così come santanchè e compagnia cantante..questi se silvio affonda devono tornare a lavorare..lei che farebbe al loro posto?

rossono

Mer, 28/08/2013 - 15:03

cloroalclero e vero questi ritorneranno a lavorare! (questo vuol dire che prima lavoravano) E i falcemartelluti se perdono la poltrona che lavoro vanno a fare? Che non anno mai lavorato? (per il prof. Bruno H.,!v/? h corregga)

bruna.amorosi

Mer, 28/08/2013 - 15:20

poveraccia questa Agrippina è taLmete piena di odio verso un uomo che se mai ha una colpa è quella di aver accettato l'amicizia calcolata di un traditore di nomr FINI comunque vada carissima ignora lei è nata per odiare perciò è ben misera la sua vita dato che sono tante le persone che non hanno seguito il suo idolo TALMENTE LIBERALE DI INCAMERARSI UN APPARTAMENTO NON SUO E SPERGIURARECHE AVREBBE LASCIATO SE SCOPERTO .comunque signora sappia che l'odio consuma chi lo prova . a meno che lei non sia una olgettina ripudiata e allora forse la capirei ma così no.in fondo se il NOSTRO IERI GLORIOSO PARTITO è entrato nel parlamento ITALIANO LO SI DEVE PROPRIO A SILVIO BERLUSCONI che ti piaccia o no .

Rombo.Di.Tuono

Mer, 28/08/2013 - 15:28

Ammettiamo, per un momento e per assurdo (se i compagni si tolgono un momento il paraocchi), che B. abbia RAGIONE, che il reato NON CI SIA, e che sia stato condannato per ragioni politiche. Una volta dimostrato questo, e ci potrebbero volere anni, COME CACCHIO la ristabiliamo la democrazia? E i diritti NEGATI a MILIONI DI ELETTORI? E' così difficile capire il motivo dell'immunità parlamentare, voluta non da Berlusconi, ma da coloro che scrissero la COSTITUZIONE? Se avessi poco da perdere e voglia di fare fuori Letta, pago una tizia che dica di esserci stata a letto per soldi? E tanto basta? (Ovviamente non troverei MAI un giudice o PM che mi desse retta.... strano eh...)

Ritratto di wtrading

wtrading

Mer, 28/08/2013 - 15:29

@MINESTROBE. QUINDI ? CONCLUSIONE ? VUOI DIRE CHE ANCHE LIBERO E' COME L'UNITA' E ALTRI GIORNALI ? SPIEGATI.

Ritratto di wtrading

wtrading

Mer, 28/08/2013 - 15:37

@agrippina. Ho l'impressione, la sensazione ( in inglese feeling, ma lei conoscerà senz'altro 5/6 lingue, per cui ...) che anche questa volta il Cavalier Berlusconi riesca a fottervi ( che brutta parola !!.., ma mi è venuta cosi..). Se cosi fosse pagherei un miliardo delle vecchie lire ( più o meno 500,000 euro - lo sapeva vero ?!!..ma si che lo sa !. )per vedere la sua faccia che, a parte il ribrezzo naturale che mi provocherà, mi renderà felice quanto mai l'espressione che esprimerà !!... Attendo con impazienza quel giorno.

roberto78

Mer, 28/08/2013 - 15:43

il diritto di difendersi ok ... ma arriva un momento in cui bisogna avere il coraggio di voltare pagina (e per i delinquenti di buttare la chiave)... ps e vale per tutti, non solo per berlusconi...

Ritratto di wtrading

wtrading

Mer, 28/08/2013 - 15:52

@roberto78. Ma cosa dice mai !! L'unico delinquente in Italia è Berlusconi!! Com'è che non l'ha ancora capito ??!! Suvvia..

pinux3

Mer, 28/08/2013 - 15:58

@jasper...Con Mani pulite è emersa una generazione di magistrati (già manifestatasi poco prima col fenomeno dei "pretori d'assalto") di formazione "sessantottina" per i quali la regola che sta scritta in tutti i tribunali secondo la quale "la legge è uguale per tutti" doveva essere EFFETTIVA (mentre fino ad allora di fatto era prevalsa la regola per la quale "la legge è uguale per tutti ma qualcuno è più "uguale" degli altri...). Tutto questo con Togliatti c'entra come i cavoli a merenda...Che la maggioranza dei magistrati siano di sinistra è una "vulgata" berlusconiana priva di fondamento, tant'è vero che la corrente maggioritaria tra i magistrati è Magistratura Indipendente che è notoriamente di destra (è invece probabilmente vero che la maggioranza di loro non siano berlusconiani, ma, vorrei vedere, dopo tutte le cose che B. ha detto sui magstrati - malati di mente, associazione a delinquere, peggio della mafia...). In NESSUN PAESE UE i magistrati vengono eletti dal popolo (in USA solo i PM e non in tutti gli stati), far eleggere i magistrati dal popolo significherebbe POLITICIZZARE la giustizia (i magistrati finirebbero per essere eletti in liste politiche contrapposte...)

unosolo

Mer, 28/08/2013 - 16:22

giuristi o no " tutti i cittadini hanno ugual diritto di difendersi meno uno " fine dei discorsi per i veterani ed eredi del PCI, oggi è in trincea l'EPIFANI , poverino , avvisatelo che l'orecchino lo portano uomini e donne , al naso , cio non vuol dire che siamo stupidi o ignoranti , noi ascoltiamo destra e sinistra , radio e TV sia RAI che private , ci piace sapere quanto ci costano questi attacchi verso un singolo personaggio , personaggio non a caso LEADER di un GRANDE PARTITO , unico forse ancora rimasto , attualmente , non avendo leader anche piccoli che lo possono contrastare politicamente usano i soliti mezzi collaudati con CRAXI , oltre il PDL sono tutti ex di partito o sindacato ma comunque sfigati.

Gaetano Immè

Mer, 28/08/2013 - 16:36

Trovo sopraffino ,se paragonato agli sprovveduti che ne restano abbindolati come inebetiti pifferi, degno di un Vishinsky ai tempi bui della DDR e della Stasi e degli inganni delatori, il disegno sostenuto da persone come Violante, come Onida, cioè da persone rispettabili ma pur sempre seguaci del richiamo della foresta del comunismo. La Magistratura, spaventata dal caso Esposito,ha capito che con la sentenza Mediaset potrà anche mettere in carcere Berlusconi, ma non potrà eliminare la sua leadership, né eliminare i dieci milioni di italiani che lo votano. Ha quindi richiamato all'ordine della banda criminale - all'omertà - la sinistra, con la cui complicità ha dal 1992 ad oggi (con sistemi mafiosi, con ricatti, con estorsioni avallati dal silenzio di un Presidente della Camera di nome Giorgio Napolitano su un Parlamento di corrotti e di intimiditi)estorto alla costituzionale sovranità del popolo la supremazia politica, per consegnarla - con la modifica dell'articolo 68 della Carta del 1993 - nelle mani dei P.M. che, compiacenti, l'hanno arrogantemente e sfacciatamente salvata da Mani Pulite. Che la Legge Severino "dovrebbe" passare il vaglio della sua costituzionalità sfugge solo alle intelligenze del foglietto di casa De Benedetti, ormai ridotte ad esperti in forche, ghigliottine e ad eseguire impiccagioni senza processi. I suoi profili di incostituzionalità sono tali e tanti che solo un plotone di esecuzione la può applicare senza se e senza ma, non certo un Senato di una Repubblica che non deve applicare quella Legge "per dovere", ma la deve "votare", cioè assumersene la responsabilità. Ecco quindi la genialata: creare una corrente ( una in più o una in meno!) che sostenga l'esame della Consulta, come un altra corrente ( Repubblica, Il Fatto, parte dello stesso PD con Zanda, ecc)così inganneremo i polli ed i pifferi suonati. Perché, scusate, ma cos'è mai questa Consulta se non una delle casematte gramsciane ormai da tempo okkupata ( 11 a 4, altro che amenità On Violante e Presidente Onida!) dalla sinistra? Insomma: un'altra presa per i fondelli. Ma anche una loro evidente disperazione, perché non sanno più che pesci prendere. Sputtaniamo questa ennesima truffa della sinistra ai danni del popolo , tanto quella sentenza e l'estromissione di Berlusconi andranno combattute con ogni mezzo lecito ( perché le sentenze si discutono, eccome e si oppongono pure!)ma devono essere applicate. Perché voglio proprio vedere chi fra Magistratura e sinistra si assumerà questo rischio di passare per un boia con i nemici politici. Signori della sinistra , l'avete voluta la bicicletta? Beh, ora pedalate! E ci vedremo alle prossime elezioni politiche! Gaetano Immè

minestrone

Mer, 28/08/2013 - 16:54

@wtrading legga legga io riporto ciò che ho letto.Si faccia un opinione e la esponga se vuole, io sono abbastanza schifato da questa situazione, infatti non capisco perché i giornali non vengano trattati alla stregua delle altre imprese, visto che sono organi privati che saziano pance di privati.In sintesi perché li dobbiamo foraggiare noi?

bruna.amorosi

Mer, 28/08/2013 - 16:57

SIG GAETANO IMME' lasci perdere ,tanto ognuno resterà delle proprie idee l'unica cosa certa è che non è più il tempo del CRAXI di ieri oggi non funziona e non funzionerà dovranno imparare a vincere nelle urne non nei tribunali ne di STATO ne di strada . QUESTA VOLTA NON SI PERMETTERA' .

Libertà75

Mer, 28/08/2013 - 17:17

@Agrippina, ricordo su cosa abbiamo convenuto e non cambio idea. Mai direi che SB verrebbe dichiarato decaduto in assenza di norme di diritto che lo permettano, tuttavia è mio diritto continuare a sostenere che tale evento non può antecedere la fine del suo percorso difensivo. Pare che sia in corso di stesura il ricorso a Strasburgo e a parte questo non credo si possa formulare in assenza delle motivazioni ufficiali che non sono ancora state depositate. Detto questo, chi restituirebbe il seggio a SB se vincesse i ricorsi? Lei o Luigipiso? non è che dichiararlo decaduto prima che SB presenti i ricorsi renderebbe i signori onorevoli più innocenti, ma il contrario ossia solo più violenti, antidemocratici e giustizialisti. La vedo come Violante per un semplice fatto di coerenza, poco mi importa se lui non si sia mai adoperato contro il conflitto di interesse. Si ricorda che c'è stato un referendum sulla concentrazione di canali televisivi? il popolo si è espresso e il percorso di Violante, in questo caso, gli ha dato ragione e lustro, capisco che dia fastidio che un tizio che era titolato a ridurre il potere del CAV risulti antipatico, ma quando un popolo sovrano avalla una posizione di mercato dominante vuol dire che ne accetta anche le conseguenze di eventuale composizione parlamentare o per lei la media degli italiani è stupida? Ripeto, se vogliono espellerlo dal Senato hanno gli strumenti per farlo, se lo fanno ora è per una chiara decisione (persecuzione?) politica. Sta bene o non sta bene? Sicuramente l'evento in ogni caso sposterà migliaia di voti e sarà un boomerang per chi l'avrà usato nel modo sbagliato.

Ritratto di wtrading

wtrading

Mer, 28/08/2013 - 17:55

@minestrone. Detta cosi non posso che essere d'accordo con lei.

ilbarzo

Mer, 28/08/2013 - 17:58

Stefano Fassina afferma che la legge Severino sara' applicata.Deve aggiungere pero'"Sermpre che questa legge sia costituzionale"il che non sembrerebbe affatto.Per cui caro Fassina dei miei stivali,nonostante il tuo desiderio di liberarti una volta per sempre di Berrlusconi,credo che non sara' cosi facile come credi,anzi penso che sara' molto difficile liberarsene.Ho la vaga impressione che tutti quanti voi del pd,rincorrete un sono inesistente.

Ritratto di gino5730

gino5730

Mer, 28/08/2013 - 18:21

E' un comunista e come tale un anti berlusconiano,ma avolta ha dimostrato la sua correttezza e non blaterare con il para occhi dell'ideologia,tipo la Bindi,D'Alema,Epifani.Vendola e purtroppo tanti altri.troppi

Gaetano Immè

Mer, 28/08/2013 - 19:06

@Bruna Amorosi. Credo che lei mi abbia scambiato con un individuo sinistro ! Volevo avvisarla che ha sbagliato. Con stima. Gaetano Immè

forbot

Mer, 28/08/2013 - 20:06

Sono, a dir poco, nauseato e schifato da questo continuo sentire e leggere di quanto vanno affermando, taluni soloni della sinistra, che le sentenze vanno rispettate e applicate. Si riempiono la bocca di frasi obsolete a ripetizione: La legge è uguale per tutti e le sentenze vanno applicate. E via dicendo. Brutti falsi ipocriti, riescono a nascondere il viso dietro una maschera, ma il più delle volte, sono i primi a venirne deturpati e sono i primi che dovrebbero temere se le leggi fossero veramente uguale per tutti. Devo portare esempi? Fare nomi? Socchignate? Sarebbe troppo lungo l'elenco, non ho in mente di perdermi questa serata dietro a cose che comunque non cambierebbero nulla. Tanto le conoscete, se siete rimasti informati negli ultimi cinquant'anni. Comunque sappiate che le leggi vanno rispettate e le sentenze applicate qualora è riscontrata chiarissimamente la loro correttezza e inconfutabilità; diversamente rimane un abuso di poteri ai quali bisogna opporsi con ogni mezzo, spece qualora la sentenza viene contestata da ben un terzo del popolo di questa Nazione. Milioni di persone.

fedele50

Mer, 28/08/2013 - 21:38

Parola di compagno,abbiamo fatto una cagata pazzesca , DIETROFRONT COMPAGNI.

Ritratto di martinitt

martinitt

Mer, 28/08/2013 - 23:47

Non vorrei che la Corte di Giustizia del Lussemburgo sarà ostica nei confronti di Berlusconi come ho letto da qualche parte. Così non sarà la Giustizia italiana ma quella europea a condannarlo e magari ingiustamente.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 29/08/2013 - 00:24

Si stanno forse accorgendo del significato della parola "democratico" nella sigla del loro partito? Arriveranno a capire - come l'hanno già fatto milioni di italiani - che non si possono vincere le elezioni mettendo in galera gli avversari politici con accuse PROTRATTE FRAUDOLENTEMENTE PER VENT'ANNI DA UNA MAGISTRATURA IMPAZZITA?

Ritratto di ferdnando55

ferdnando55

Gio, 29/08/2013 - 10:57

ilbarzo, invece tu ti sei appena svegliato dall'incubo.. capisco..

Ritratto di bobirons

bobirons

Gio, 29/08/2013 - 12:28

Inviato ore 09.00 - Solito boccone avvelenato dei sinistri. Permesso per difendersi ???? Ma quando mai deve essere "concesso". Sta scritto nella costituzione e quindi patrimonio di tutti. Piuttosto, vedrei ben un attacco in grande stile, invece delle solite retoriche lamentele, all'infamia di avere alcuni giudici talmente prevenuti per i quali vale solo il concetto di Pancho Villa che diceva ai suoi avversari: "siamo assolutamente legalitari, ora ti arrestiamo, poi ti faremo un regolare processo e domattina ti fuciliamo". Lotta dura senza paura (e chi se ne frega se il motto è stato coniato dai sinistri).

Ritratto di ferdnando55

ferdnando55

Gio, 29/08/2013 - 14:33

@bobirons. intanto ti faccio gli auguri per il compleanno. ti servono.