Invasione di insetti, chiuso l’ospedale

Sale operatorie bloccate fino al 2 luglio a causa delle zanzare

Michele Perla

Sale operatorie «chiuse per insetti» e interventi chirurgici rinviati ad altra data. Almeno fino a quando la prevista bonifica non verrà effettuata e non saranno ripristinate le condizioni di sicurezza. Succede all’ospedale di Rho, dove il blocco chirurgico rimarrà inattivo per il momento sino al 2 luglio. È accaduto infatti che zanzare e moschini abbiano stabilito la propria dimora al settimo piano del nosocomio, entrando nelle sale operatorie non già dalle finestre, inesistenti, quanto dall’area di bonifica che precede la zona sterile.
A dare l’allarme è stato il personale, che si è accorto che i filtri dei sistemi di aria condizionata erano zeppi dei fastidiosi insetti. Accertata pertanto, dopo un sopralluogo, l’inagibilità della struttura, l’Asl ne ha imposto la disinfestazione.
«L’ingresso delle zanzare pare sia dovuto al caldo degli ultimi giorni – fanno sapere dalla direzione sanitaria -. I filtri erano pieni di insetti, un fatto che non era mai accaduto prima d’ora. Per fortuna ci siamo accorti in tempo del fenomeno e si sono potuti così evitare problemi d’igiene». La bonifica degli ambienti, affidata all’Asl, ha avuto inizio ieri, ma non appare un lavoro molto semplice. Prima di neutralizzare le zanzare occorre infatti spostare tutti i macchinari presenti nelle sette sale dove si effettuano interventi chirurgici.
«Si tratta di un intervento di manutenzione straordinaria dettato dalle avverse condizioni climatiche (...)