Iva, Tria sbotta con Padoan: ​"Quelle clausole ereditate da voi"

Scontro in commissione Bilancio della Camera. Il ministro sbotta: "Mi avete massacrato per un'ora". Il Pd: "Qui sei ospite"

La manovra eonomica ancora al centro dello scontro politico. Dopo il violentissimo braccio di ferro al Senato, ora il testo approda sui banci della commissione Bilancio della Camera. E lo scontro non è certo più lieve, con le opposizioni che fanno la guerra a una legge tanto importante sulla quale l'esecutivo gialloverde ha deciso di forzare la mano. Che i nervi siano tesi lo si evince dai durissimi botta e risposta di ieri sera. Il ministro dell'Economia, Giovanni Tria, in audizione per spiegare i pilastri della finanziaria, si è trovato più volte messo all'angolo. Finché, come riporta l'agenzia AdnKronos, non ha sbottato: "Mi avete massacrato per un'ora" (guarda il video). Quindi sono partite le proteste da diversi componenti della commissione. "Massacrato a chi? - replica il piddì Enrico Borghi - il governo è ospite del Parlamento".

Tria porta in commissione Bilancio tutti i numeri della manovra economica. "Abbiamo raggiunto il miglior risultato possibile sia dal punto di vista economico-finanziario che politico - assicura - un risultato che conferma gli obiettivi fondamentali di riforma del governo e li conduce dentro un livello di indebitamento netto più contenuto di quello preventivato - continua - ciò ci consentirà di ricondurre lo spread verso livelli più vicini ai fondamentali dell'Italia e soprattutto di ridare fiducia ai consumatori, agli investitori e ai mercati". Quindi passa a illustrare le due misure bandiera della legge: il reddito di cittadinanza e quota 100. Il primo partirà dal primo aprile 2019 ha una dotazione che per il 2019 ammonta a 7,1 miliardi di euro. Tutti i dettagli saranno definiti con un decreto che verrà emanato a inizio del nuovo anno. Tuttavia, ci tiene ad assicurare, resterà "inalterata la platea dei potenziali beneficiari e l'entità massima del sostegno erogato". Anche per quota 100 conferma l'impianto e l'impatto della riforma: si potrà andare in pensione con 62 anni e 38 di contributi senza alcuna riduzione dell'assegno pensionistico. Tutti i dettagli verranno stabiliti con un apposito collegato alla manovra. E anche in questo caso arriverà a inizio del prossimo anno.

"Stiamo cercando di uscire dalla trappola della bassa crescita...". Le tensioni crescono quando Tria affronta lo spinoso tema delle clausole di salvaguardia. Assicura di averle portate per il 2020 a circa 23 miliardi e per il 2021 a poco meno di 28,8 miliardi e confida di poter intervenire per gli anni prossimi, "sperando in una maggiore crescita e sulla capacità di reperire maggior coperture come fatto quest'anno con molta fatica". "Si lavorerà fin da gennaio per fare quello che abbiamo fatto quest'anno: abbiamo eliminato 12,4 miliardi di clausole di salvaguardia", assicura. Poi, però, ammette: "La situazione non è facile, dovremo lavorare a lungo, bisognerà fare un grosso lavoro su questo, dovremo partire subito e non è che non ci preoccupi". In commissione il confronto è durissimo. E presto si polarizza nel botta e risposta con l'ex ministro dell'economia Pier Carlo Padoan. "Il famoso sentiero stretto di cui si parlava in passato è chiaro che c'è anche adesso ma il sentiero stretto non ha portato a niente perchè il problema sta lì", tuona Tria replicando alle critiche che gli vengono mosse dal Pd. "È chiaro che la situazione non è semplice e non ce l'avete lasciata semplice ma non è solo colpa vostra. Anche per le regole fiscali europee che dovremo cambiare e per l'eredità dell'onere del debito che avevamo prima e abbiamo adesso". Volano urla e proteste. Tanto che il presidente della Commissione, il leghista Claudio Borghi, ha deve più volte richiamare all'ordine.

Commenti

rokko

Ven, 28/12/2018 - 08:40

52 miliardi di clausole di salvaguardia... in pratica un suicidio economico. Per cosa poi? Per quota 100 e reddito di cittadinanza, due misure che serviranno solo ad indebitarci di più. A mio parere nemmeno Tria ci crede a quello che dice

Dordolio

Ven, 28/12/2018 - 09:06

Tristissimo questo agitarsi frenetico e scomposto di opposizioni che - resesi conto di essere politicamente alla frutta e prossime alla totale scomparsa elettorale - cercano un'ultima ragione di esistere buttando tutto in caciara. Mi correggo, non è tristissimo, quanto invece patetico e squallido.

JosefSezzinger

Ven, 28/12/2018 - 09:53

Se la fisognomica ha un senso, si vede che il Ministro Tria è una persona di buon animo ed equilibrata e che è in sofferenza nel doversi confrontare con chi ha un atteggiamento che tende alla sopraffazione verbale. Come dargli torto, al di là delle questioni tecniche; i rapporti lavorativi devono essere sempre rispettosi. Colui che urlava "massacrato a chi ?" aveva un tono talmente arrogante che una persona educata come il Ministro Tria ha avuto un momento di grandissimo scoramento ("potrò esprimermi o no ?">>>min. 1:34) nel vedersi obbligato a confrontarsi in un contesto impregnato di aggressività. Onore a Ministro Tria per la Sua compostezza esemplare.

omaha

Ven, 28/12/2018 - 10:35

E' impressionante la ferocia del PD e la mancanza di obiettività Hanno massacrato il paese per anni e ora danno la colpa alla manovra? Sarà mediocre e concordo, ma il 90% delle colpe sono di questi criminali della sinistra, che stanno creando con l'aiuto dei giornali un clima di terrore e falso buonismo nei confronti degli immigrati

DRAGONI

Ven, 28/12/2018 - 10:38

SONO I SINISTRI PD CHE ANCORA NON HANNO DIGERITO LA BATOSTA ELETTORALE. LA PROSSIMA BATOSTA ALLE EUROPEE GLI FARA' DA DIGESTIVO.

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Ven, 28/12/2018 - 11:30

Se non riformano l'intero impianto fiscale, con una riduzione massiccia del prelievo ed una semplificazione draconiana, dalla trappola della stagnazione-recessione non se ne esce. Basti guardare il settore immobiliare, tartassato all'inverosimile con imposte patrimoniali da confisca rateale. Pur potendo spuntare tassi favorevolissimi, sia nel variabile che nel fisso, la gente non investe, non spende in immobili. Per la semplice ragione che il risparmio immobiliare, quello dei nostri nonni e genitori, è per scelta ideologica punito. Ho sentito ieri un'interviste al presidente Ance che è drammatica. Intanto il governo si balocca con problemi secondari, come la fornero, il reddito di cittadinanza, e altre fregnacce. I soldi vanno lasciati liberi, con poche tasse.

Ritratto di bandog

bandog

Ven, 28/12/2018 - 11:50

HA RAGIONE TRIA A COMINCIARE DALLA SPADA DI DAMOCLE DELL'AUMENTO IVA CONCERTATA DAGLI SGOVERNI PDIOTI CON BRUXELLES E PER CONTINUARE CON LA FATTURA ELETTRONICA LA CUI ANTICIPAZIONE DI ALMENO DUE ANNI E' STATA RICHIESTA DAL BORIOSO FIORENTINO!H

carlottacharlie

Ven, 28/12/2018 - 15:17

Sono 70anni che ad ogni finanziaria si sentono urla belluine che non sono dovute alle, forse, mentecatte misure. Essi hanno smpre urlato per la paura di perdere il "posto" e, quelli attuali urlano ancor di più perchè ormai sono al lumicino; la loro poltrona la reputano sacra e, sapendo di essere invisi alla popolazione, hanno paura di perderla, se ne fregano, come sempre, della popolazione e lo dimostrano gli innumerevoli inganni perpetrati a farci diventar "degradati", genti da spennare, casse da svuotare per loro sollazzo e mai per il paese. Come andrà con questo governo lo vedremo prossimamente, come d'altronde abbiamo sempre fatto da qui a 70anni fa. Le opposizioni te le raccomando- sono bestie meschine fameliche e farabutte che, grazie a loro, siamo scesi all'inferno. Maledetti che si ergono a salvatori senza sapere che tanti di noi hanno memoria, ricordano, conoscono e s'informano. Farabutti e predatori senza intelletto.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Ven, 28/12/2018 - 16:23

Avete visto come si fa a governare nell'ex impero celeste dove hanno imposto il colore rosso sinistro? Chi non è regimato peste lo colga ... e parlano del paradiso dei lavoratori, del sol dell'avvenire, del futuro verso la beatitudine immortale ... ma mi faccia il piacere.

agosvac

Ven, 28/12/2018 - 16:33

Leggo da più parti che il Parlamento si sente esautorato dal Governo ed alcuni dicono che il Governo è ospite della commissione bilancio. Ma chi governa non è il Parlamento ma solo ed esclusivamente il Governo. Il Parlamento se non è contento può solo sfiduciare il Governo se ha i voti necessari, dopo di che o si va alle elezioni oppure si cerca un nuovo Governo con altri attori. Tutte queste caciare depongono a sfavore dell'attuale classe politica che è entrata o che già era in Parlamento.

anna2018

Ven, 28/12/2018 - 17:24

@carlottacharlie: condivido!

Libertà75

Ven, 28/12/2018 - 17:48

@rokko, ma dacci la tua ricetta perfavore, abbiamo visto 7 anni di guida PD e son stati 7 anni di disgrazia... ma raccontaci perfavore, facci capire che capisci qualcosa di economia invece che starnazzare... stupiscici!

Ritratto di hernando45

hernando45

Ven, 28/12/2018 - 19:01

rokkotarokko carissimo 08e40, di quei 52 miliardi di clausole di salvaguardia da te citati, piu della METÀ sono stati ereditati INDOVINA DA CHI!!! AMEN.

Klotz1960

Ven, 28/12/2018 - 19:07

Aaahh.... " Il Governo e' ospite del Parlamento "" vorrei capire cosa concretamente significa

moichiodi

Ven, 28/12/2018 - 19:12

.....ereditate da voi.........E raddoppiate da noi........

maurizio-macold

Ven, 28/12/2018 - 20:44

Signor LIBERTA75, qui nessuno deve stupire ma solamente rispettare il suo mandato. Ed il mandato di Conte & Salvini & Di Maio e' quello di governare BENE il nostro paese. Invece Di Maio regala il reddito di cittadinanza ed il condono edilizio ai meridionali per garantirsi di essere rieletto (si chiama VOTO DI SCAMBIO) , il Salvini regala la "pace fiscale" agli evasori fiscali e regala con la flat tax una diminuzione di tasse a chi guadagna piu' di 655 mila euro (una vergogna), ecosi' via. Ed allora, signor LIBERTA75, non e' forse lei a starnazzare ?

rokko

Ven, 28/12/2018 - 21:37

hernando45, divertiti pure a chiamarmi tarokko, non c'è problema, se serve per farti felice. Hai ragione, metà delle clausole sono ereditate da Gentiloni, che le aveva ereditate da Renzi, che le aveva ereditate da Letta e così via fino al primo, il governo Berlusconi nel 2011, che aveva posto una clausola di 20 miliardi con scadenza settembre 2012. L'unico che ne ha sterilizzate una parte (non tutti) è stato Monti. Fin qui i dati. Veniamo al punto: se ogni volta è colpa del governo precedente, dobbiamo forse ritenere Berlusconi nel 2011 il responsabile unico? Anche se questo governo ha raddoppiato le clausole del governo precedente? Tutta la finanziaria vale 36 miliardi, ed abbiamo già impegnato 52 miliardi delle prossime due? Secondo te non è qualcosa di prossimo alla follia?

killkoms

Ven, 28/12/2018 - 21:49

ottima osservazione!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 28/12/2018 - 21:57

@rokko - i lsolito comunsita che dà sempre colpa agli altri delle nefandezze compiute dai suoi eroi.

FrancoS73

Ven, 28/12/2018 - 22:02

Saggia Osservazione rivolta ad un personaggio ... che almeno doveva TACERE ... ma che non dovrebbe nemmeno stare in Parlamento .. Servitore del sovranismo PD Renzista e della "confraternita Prendista"

rokko

Ven, 28/12/2018 - 23:22

Leonida55 sei un simpaticone ma un po' ripetitivo. Non potresti sforzarti di scrivere qualcosa di diverso dal solito?

Ritratto di hernando45

hernando45

Ven, 28/12/2018 - 23:52

UNO Maurizio carissimo 20e44, la FLAT TAX secondo te regalata ma secondo me giusta (dipende dai punti di vista) e per chi (partita IVA) ha un reddito complessivo di 65 MIla €uro che NON sono 650 MILA!!! Impara a fa i CUNT. Secondo Rokko ecc carissimo, quindi se come scrivi Tu alle 21e37 il debito delle CLAUSOLE ereditate e di MATUSALEMME, a me sembra INGIUSTO addebitarlo TOTALMENTE (come hai fatto nel tuo postato delle 08e40) all'attuale governo, se non altro per COERENZA!!!Forse quella coerenza che ai COCOMERIOTAS come te MANCA!!! Buenas noches.

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Sab, 29/12/2018 - 08:51

vorrei ricordare che la prime "clausole" sono state introdotte da tale Letta!! governo di sx.poi,governi di sx succeduti,idem con patate

rokko

Sab, 29/12/2018 - 13:09

anticalcio errore: la prima clausola, da 20 mld, fu introdotta dal governo Berlusconi, scadenza 20 settembre 2012. Monti ne disinnescò una parte, non tutte, che sono quelle sopravvissute fino ad oggi.

rokko

Sab, 29/12/2018 - 19:38

hernando45, non chiamare flat tax quello che è un regime fiscale speciale per le partite iva sotto i 65mila. La flat tax è un'altra cosa

Libertà75

Lun, 31/12/2018 - 14:18

@maurizio, è proprio uno stampo il vostro, è necessario avere un altissimo livello di frustrazione e ampio analfabetismo funzionale. Il voto di scambio? Lo dici tu grazie ad un'analisi superficiale oppure hai qualche sentenza passata in giudicato che lo afferma? Perché altrimenti pure i contributi per le coop che fanno accoglienza sono voto di scambio. Comunque, sei l'ennesima conferma che una parte di società odia la democrazia e crede che tutti debbano volere quello che vuol il partito dei perdenti. Impara a rispettare la democrazia!