Pelle, quali sono i cibi da evitare

Dallo zucchero al latte, dall'alcool ai crostacei, ecco gli alimenti che, se consumati in elevate quantità nella dieta di tutti i giorni, possono compromettere la salute e la bellezza della pelle

L’alimentazione gioca un ruolo fondamentale nel mantenere la pelle bella e in salute: ecco alcuni dei cibi che sarebbe meglio evitare per rallentare il naturale processo di invecchiamento ed evitare la comparsa dei principali segni del tempo, come le rughe, le linee di espressione e le zampe di gallina.

Secondo numerosi dietologi e nutrizionisti, il sale è il nemico numero 1 per chi vuole avere una pelle giovane e idratata. Se si esagera con questo condimento, il rischio è di ispessire l’epidermide fino a renderla gonfia e ridurre così la sua capacità di autorigenerarsi, ad esempio dopo aver fatto le ore piccole in discoteca.

I crostacei sono un altro cibo da evitare per il benessere della pelle a causa dell’elevato contenuto di iodio di cui sono ricchi, insieme agli spinaci e alle alghe marine. Se questa loro caratteristica può rivelarsi utile nei periodi di carenza di iodio, in alcuni casi può addirittura essere dannosa. Anche se non ci sono ancora evidenze scientifiche in tal senso, è emersa una correlazione fra il consumo di questi alimenti e la maggiore predisposizione all'acne. Nel dubbio, è meglio quindi non esagerare e limitare i crostacei a qualche sporadica occasione per evitare di incappare nei fastidiosi brufoletti.

Allo stesso modo, il latte può contribuire ai problemi cutanei e all'acne. In particolare, il latte scremato contiene una maggiore quantità di ormoni, che non essendo assimilati, finiscono per rimanere in circolo e stimolare le ghiandole sebacee alla produzione di sebo. Per effetto di questo fenomeno, aumenta la predisposizione all'acne della pelle, che assume una consistenza più grassa, unta e oleosa.

Oltre al latte, bisogna fare attenzione ai cibi ad alto contenuto glicemico, come pane, pasta e torte. Limitarne il consumo sarebbe un ottimo consiglio per la linea, ma anche per la bellezza della pelle. È stato infatti dimostrato che chi segue una dieta ipoglicemica hanno minore probabilità di avere l'acne. Lo stesso discorso vale per i zuccheri, che non sono da demonizzare o abolire in toto dall'alimentazione. Se il “languorino” si fa strada, meglio piuttosto coccolarsi con un quadrato di cioccolato fondente.

Concludiamo infine con l’alcool. Se è vero che bere fa bene perché mantiene la pelle idratata, è altrettanto vero che drink e cocktail, molto dei quali peraltro zuccherini, stimolano la diuresi provocando l’effetto opposto. In alcuni casi, con la pelle particolarmente secca e disidratata, possono addirittura verificarsi casi di acne rosacea.