È on-line l’elenco dei reati commessi in ogni strada

Su Chicagocrime.org gli episodi di violenza di ogni angolo della città

da Milano

Nella città che fu di Al Capone oggi i crimini finiscono su internet. Chi digita Chicagocrime.org s’imbatte in un sito privato che localizza grazie alle mappe tutti i crimini, divisi per categoria (rapina, spaccio, omicidi) avvenuti a Chicago negli ultimi 90 giorni: l'idea è quella di fornire ai cittadini e ai turisti notizie circa le zone più sicure. Chicagocrime.org è stato creato dal giornalista Adrian Holovaty, ed è uno dei primi database di questo tipo.
L’estate scorsa Google ha messo a punto il software che rende possibile incrociare i dati ufficiali di qualunque tipo con le mappe che arrivano dal satellite. Migliaia e migliaia di persone hanno cominciato a fare i programmi utili, spesso eleganti, che da una scrivania permettono a chiunque di avere informazioni precise su luoghi molto distanti. Holovaty ha preso gli elenchi delle strade e delle unità immobiliari di Chicago e le ha unite ai dati ufficiali sulla criminalità.
In questo modo, una ragazza che decidesse di visitare Chicago ma avesse paura delle aggressioni sessuali può aprire la pagina del sito Chicagocrime per visualizzare le aree a più alta intensità di aggressioni. I reati vengono divisi per quartiere, strada e isolato. Ma la divisione si può realizzare anche per categoria di reato. In questo modo si può sapere qual è la strada di Chicago con il più alto numero di omicidi, o di rapine, di stupri, di spaccio di droga.
È quello che nel gergo di internet si chiama mash-up, un vero e proprio mix tra siti web di diverso tipo. Il termine è stato preso dal gergo dei rapper americani e indica un nuovo brano che nasce dall'unione di due pezzi distinti. Di fatto, ognuno è ora in grado di costruirsi il proprio portale, in funzione dei bisogni o degli interessi. Non si deve più imbattersi in un lista infinita di siti preferiti da consultare uno alla volta aprendo, chiudendo e spostando finestre, ma si può approdare su un unico e ricco sito che consente di mettere insieme tutte la pagine web che prescelte. Il concetto ricorda quello del portale multiuso, di cui Yahoo! rappresenta l'esempio migliore e di maggior successo, ma stavolta si tratta di qualcosa di diverso. Chi crea questo nuovo sito non è infatti un programmatore informatico, ma l'utente stesso, l'internauta. «La gente sta iniziando a prendere sempre più controllo della rete. Prendono piccoli pezzi da diverse compagnie e li mettono insieme in modo intelligente», spiega Alan Taylor, un programmatore web per Monster, il famoso sito di ricerca e offerta di lavoro. Il sito Chicagocrime negli ultimi mesi è stato preso d’assalto. Molti comuni di metropoli mondiali vorrebbero adattare il concetto alla propria città. La prima a farsi avanti è stata Londra.