Elegante, luminoso e moderno: tutte le novità del Terminal 1

Il restyling firmato dall'architetto Gregorio Caccia Dominioni ha rivoluzionato aspetto e funzionalità dell'aerostazione. Sono 21 i nuovi controlli di sicurezza spostati davanti ai check-in. Triplicati i controlli passaporti. Galleria dello shopping: 46 nuovi spazi commerciali. Grandi brand nella Piazza del Lusso, soste gourmet nella Piazza del Gusto. Area bagagli: aggiunti cinque nuovi nastri per la riconsegna

L’aeroporto di Milano Malpensa taglia il nastro d’inaugurazione pochi giorno prima di un altro importante taglio del nastro, quello di Expo Milano 2015 che avverrà il primo maggio. Una taglio del nastro “simbolico” quello dello scalo intercontinentale gestito da Sea, che si lega a quello dell’Esposizione Universale perché è quello della nuova Malpensa che si trasforma e diventa un aeroporto più modermo, funzionale e bello proprio perché è la grande porta d’ingresso dal mondo per l’Expo.

L'aerostazione è stata infatti oggetto di un importante intervento di restyling che ne ha rivoluzionato aspetto e la funzionalità con lavori che sono iniziati nel novembre del 2013 e hanno interessato un’area di 18mila metri quadrati del Terminal 1: dal salone degli arrivi al piano dei check-in, fino all’atrio di accesso all’aeroporto dalla stazione ferroviaria. Lavori che hanno comportato un investimento di 30 milioni di euro. La nuova Milano Malpensa realizzata su progetto architettonico di Gregorio Caccia Dominioni, si presenta come una struttura all’avanguardia, elegante, realizzata in acciaio e vetro al posto delle pareti in pietra color sabbia, pavimenti in marmo di Candoglia, lo stesso marmo con cui è stato realizzato il Duomo di Milano al posto di quelli di graniglia, e rivestimenti esterni in zinco-titanio.

Il Terminal 1 ha una superficie complessiva di 350.000 mq, 90 gates di imbarco e fino a 270 banchi check-in, 41 pontili mobili (i loading bridges) e può accogliere contemporaneamente due Airbus A380, i l “gigante dei cieli”, imbarcando i passeggeri attraverso tre pontili (uno per il ponte superiore e due per il ponte principale), che è una novità per gli aeroporti italiani.

Non solo. Da pochi giorni sono entrati in funzione i nuovi controlli di sicurezza che sono stati spostati al piano check-in con 21 postazioni operative, cinque in più rispetto al vecchio layout. I nuovi controlli consentono a tutti i passeggeri in partenza, sia quelli destinati ai voli Schengen che a quelli non-Schengen, di scendere direttamente nell’area imbarchi attraverso una scala di vetro che li conduce nel nuovo duty free per proseguire verso i loro gate di imbarco. I controlli passaporti sono stati triplicati e sistemati prima dei gate, passando da 8 a 24.

Grande cura è stata posta poi alla realizzazione della galleria dello shopping che è stata rinnovata e si estende su un’area di 13mila metri quadrati che accolgono 46 nuovi spazi commerciali, tra cui un duty free di circa 2.500 metri quadrati, uno dei più grandi d’Europa: l’offerta retail complessiva delle partenze arriva così a 23mila metri quadrati con circa 100 esercizi tra ristoranti, bar e negozi e sottolinea la strategia di Sea che, in linea con le best practices mondiali, sta sviluppando l’offerta retail dei suoi aeroporti.

La galleria commerciale comprende la Piazza del Lusso e la Piazza del Gusto. La prima, con uno spazio di 8.000 metri quadrati si ispira alla Galleria Vittorio Emanuele, il “salotto” milanese per eccellenza, ed è illuminata dalla lighting designer Cinzia Ferrara. Qui si trovano i più importanti brand del lusso internazionale: i negozi di Bulgari, Armani (è la prima apertura in un aeroporto europeo), Ermenegildo Zegna, Etro e Gucci; Hermes, Montblanc, Salvatore Ferragamo, Bottega Veneta, Tod’s, Moncler, Damiani e Hugo Boss, oltre al Davide Oldani Cafè.

La Piazza del Gusto, con 2.200 metri quadrati esalta invece la qualità e le eccellenze italiane: al centro della piazza risalta il punto ristoro "Ferrari Spazio Bollicine” mentre il Caffè Milano con il brand Milano, con la sua livrea bianca e rossa ne caratterizza lo spazio offre relax e buon gusto, con il negozio di Venchi, storico produttore torinese di cioccolato, che offre deliziosi peccati di gola. Di particolare pregio lo spazio “Emozioni”, un’eno-gastronomia di 500 metri quadrati che propone una selezione dei migliori prodotti italiani di food & wine.

Il restyling ha riguardato anche l'area degli arrivi Extra Schengen dove sono stati realizzati i nuovi controlli passaporti con 15 postazioni, sette in più rispetto al passato, con la novità di tre postazioni eGates per il controllo automatizzato dei passaporti. Il progetto degli eGates, realizzato insieme al ministero dell’Interno ed è in fase sperimentale, cofinanziato dalla Comunità Europea: il sistema utilizza la tecnologia Abc (Automated Border Control), ed è stato ideato per favorire una significativa riduzione delle code ai controlli immigrazione.

Anche l'area del ritiro bagagli è stata completamente rinnovata e dotata di 5 nuovi nastri per la riconsegna, di cui uno dedicato ai passeggeri dell’ Airbus A380 ed è lungo 150 metri, quasi il doppio dei normali nastri di riconsegna. Anche il salone degli arrivi B è stato interessato dal restyling ed è più ampio, luminoso e dotato di una balconata di cristallo dove si possono attendere i passeggeri.