Maltempo, disagi a Roma:la procura apre un'inchiesta

Codacons e Adoc hanno denunciato situazioni di disservizio. Si muove la procura capitolina: aperto un fascicolo per fare luce sui disagi provocati dalla fitta nevicata (<strong><a href="/fotogallery/roma_monumenti_sotto_neve/id=3715-foto=1-slideshow=0" target="_blank">foto</a></strong>)

Mentre la Capitale attende una nuova ondata di maltempo, che i metereologi prevedono arrivare entro il prossimo fine settimana, si muove la procura. Un "modello 45", senza ipotesi di reato e senza indagati. il tribunale capitolino ha aperto un fascicolo per fare luce sui disagi provocati dalla fitta nevicata e sugli esposti presentati dalle associazioni dei consumatori per denunciare numerose situazioni di disservizio. Nel frattempo un'ordinanza del sindaco di Roma ha stabilito che da venerdì mattina a sabato notte sarà obbligatorio circolare con le catene a bordo.

Nei giorni scorsi, il Codacons e l’Adoc avevano presentato gli esposti per sollecitare l’intervento del magistrato sugli interventi del Comune di Roma e della Protezione civile. Interventi che le due associazioni dei consumatori hanno ritenuto inadeguati, soprattutto dopo le polemiche tra il sindaco Gianni Alemanno e il capo dipartimento della Protezione civile Franco Gabrielli. A muoversi sono stati anche i cittadini che stanno valutando la possibilità di lanciare una class action contro Strade dei Parchi, concessionaria dell’autostrada A24, e contro l’Enel per la mancanza di collegamenti alla rete elettrica e all’ingombro provocato dalla nevicata sulle strade. Ingombro che in diversi casi è rimasto tale per mancanza di iniziative destinate a rendere normale la circolazione.

"Mettiamo a disposizione i nostri uffici in favore di quei cittadini che abbiano subito in questi giorni danni da neve", ha spiegato il Codacons a cui ha fatto subito eco l’Adoc accusando il Campidoglio di essere "responsabile degli innumerevoli e gravi disagi subiti dai cittadini in occasione del maltempo". L’associazione ha, infatti, denunciato il Comune per "interruzione dei pubblici servizi di trasporto, viabilità e sicurezza, omissione di atti d’ufficio, falso in atto pubblico, danno all’erario, danneggiamenti e procurato allarme, con l’aggravante della colpa grave, in capo all’amministrazione di Roma Capitale, nella persona del sindaco". In procura è arrivato anche l’esposto del deputato democratico Renzo Carella, che ha presentato anche un’interrogazione parlamentare per capire come "l’Enel abbia effettuato la manutenzione delle linee elettriche sui Monti Lepini e nella Valle del Sacco".

Adesso, però, bisogna guardare al prossimo fine settimana. I metereologi hanno lanciato l'allerta annunciando nuove nevicate. La Regione Lazio ha già messo a punto il piano neve: squadre di taglialegna chiamate dal nord, migliaia di pale in arrivo, punti di coordinamento sul territorio per le unità di intervento.