Milano, baristi da record 623 caffè in 60 minuti Un'impresa da guinness

Il nuorese Gianni Cocco, 28 anni, e l’ecuadoregno Danilo Torres,
25, sono entrati oggi nel Guinnes dei primati stabilendo per la prima volta questo tipo
di record

Milano - Chissà se fra gli ospiti c'era anche Alex Britti che per la sua amata ne avrebbe bevuto ben 7000 caffè. Per lui sarebbero pochi i 623 preparati in un'ora per una sfida da record lanciata da due barman di Milano. Sono riusciti a fare un caffè ogni circa sei secondi, per un totale di 623 tazzine di espresso in un’ora: con la loro velocità dietro il bancone, il nuorese Gianni Cocco, 28 anni, e l’ecuadoregno Danilo Torres, 25, sono entrati oggi nel Guinnes dei primati stabilendo per la prima volta questo tipo di record.

La gara contro il tempo si è svolta questo pomeriggio a Fieramilano nell’ambito del salone Host. A validare il risultato, un giudice del Guinness World Record. Secondo il regolamento fissato dall’organismo londinese, le tazzine dovevano essere almeno 300 e presentate alla perfezione: 74 infatti, che erano state riempite dai due baristi, sono state escluse dal conteggio finale perchè magari avevano anche una semplice sbavatura o un contenuto inferiore ai 20 millilitri. Per prepararsi alla prova, i due baristi, che lavorano nel centro di Milano, si sono sottoposti a quattro mesi di allenamenti tre volte alla settimana, e hanno effettuato 350 prove tecniche sulle macchine.

Il caffè come si sa è un chiodo fisso degli italiani. La tazzina al bar è uno dei riti più comuni dell'italiano medio. Davanti al caffè si discute, ci si conosce, ci si sfoga. E la bevanda più preziosa per gli italiani dà lavoro nel nostro Paese a in 140 mila bar a 322 mila persone, l’equivalente di una grande multinazionale. Bere un caffè costa davvero poco, per questo la tazzina è ua delle poche cose che mette d'accordo e unisce gli italiani da nord a sud. La media nazionale è di 84 centesimi, ma nelle regioni del nord supera i 90 mentre al sud scende a 70. Ma all'estero una tazzina di caffè italiano arriva a costare anche 2,45 dollari, circa 1,75 euro. Occhio però perchè la spesa non sempre corrisponde a qualità. Il caffè è caffè solo se bevuto e servito in Italia. All'estero solo timide imitazioni ed anche costose.