Milano cent’anni dopo A confronto palazzi e la spesa per i rifiuti

Milano com’era e Milano da vedere. Libri Scheiwiller ha riprodotto integralmente per l’assessorato comunale al Turismo l’edizione originale del volume «Milano 1906». Cento anni fa si svolse in città la grande Esposizione internazionale indetta per festeggiare il traforo del Sempione. Un’occasione per presentare all’Italia e al mondo intero la città, la sua storia, la sua cultura, le scuole, le università, le industrie. Per questo anniversario viene pubblicato dal Comune un volume di quasi 300 pagine fuori commercio, «Milano 1906», con oltre 220 illustrazioni, una dettagliata descrizione di tutte le attività economiche e culturali firmata da autori di prestigio, dall’architetto Luca Beltrami allo storico Ettore Verga. Il libro contiene immagini dell’epoca e un album con 10 «stampe» in bicromia che riproducono Milano tra il 1904 e il 1910, edifici che in molti casi sono scomparsi. È interessante inoltre, a cento anni di distanza, fare un confronto tra i dati sui parchi, la viabilità, la spesa per la nettezza urbana che nel 1906 ammontava a 375mila lire e nel 2006 a 185 milioni di euro, gli iscritti al Politecnico passati nel corso del secolo da appena 625 a 38mila. «Questa pubblicazione - spiega l’assessore al Turismo, Giovanni Bozzetti - è importante in una logica di riversare un maggior amore per la nostra città, per scoprire la vera identità di Milano, la nostra storia, ma anche per poter fare un confronto con quella che era cent’anni fa».
L’assessorato, in collaborazione con il Centro per lo studio della moda e della produzione culturale dell’Università Cattolica, ha inoltre realizzato «Easy Prime guide», un sintetico vademecum turistico che fornisce informazioni utili e curiose per chi vuole orientarsi in città. L’opuscolo, tradotto in inglese e in italiano, contiene le «dritte» su mezzi pubblici, servizi, luoghi per il divertimento e la cultura e interessanti «itinerari», percorsi a tema come Moda e design, Chiese e cappelle, Giochi d’acqua, Palazzi e portoni, Insegne e botteghe artigiane.