Milano, torneo mondiale di calcio per giovanissimi

Parte il week end del 25-26 aprile la 10° edizione della Danone Nations Cup, tradizionale appuntamento sportivo che vede i giovanissimi tra gli 11 e i 12 anni protagonisti di un torneo nazionale, per decretare la squadra che difenderà i colori azzurri nella fase finale che quest'anno si disputerà a San Paolo in Brasile. Un inno ai sogni di piccoli atleti che si ripete con grande successo di adesioni in tutto il mondo e un'occasione per parlare del diritto di ogni bambino alla pratica dell'attività sportiva e di una sana alimentazione per una crescita all'insegna della salute.
Dati preoccupanti, infatti, provengono da un'indagine condotta dal Comitato provinciale di Milano del Coni svolta su un campione di circa 20mila bambini tra i 9 e i 10 anni. Il 52% del campione analizzato ha dimostrato di avere problemi di peso. «Il 41% dei bambini considerati nella nostra indagine sono risultati sovrappeso divisi tra 9% obesi e 32% in semplice sovrappeso. Di questi il 57% di sesso femminile» spiega Ettore Rizzi, docente in scienze sociali e docente Coni - Scuola dello Sport Regione. «Un'altra importante percentuale di ragazzi ha dimostrato di avere il problema opposto: un 11% del campione - a prevalenza femminile - è, infatti, risultata, sottopeso».
E una spiegazione di questi dati viene proprio dalle cattive abitudini alimentari che l'indagine ha evidenziato. «Prima di tutto è emerso come in molti appuntamenti con il cibo, i bambini sono soli o in compagnia di baby sitter poco attente alla salute degli alimenti» conclude Rizzi. «Questo spiega in parte perché, sia a colazione sia a merenda, quasi il 30% del campione si nutre con merendine o patatine».
«Sono indagini come queste che ci stimolano a continuare con impegno il progetto della Danone Nations Cup» commenta Xavier Mitjavila, Presidente ed Amministratore Delegato di Danone spa. «Dal 2000 ad oggi - continua Mitjavila - le edizioni dell'evento sono cresciute in numeri, impegno ed entusiasmo. Siamo passati da un torneo dedicato a 8 nazioni nel 2000 a quest'ultima edizione che abbraccerà 40 Paesi per un totale di oltre 2.200.000 bambini coinvolti».