Albero di Natale a fuoco: "È sfida alle istituzioni". Ma Corvetto reagisce

Vandalizzato l'abete dedicato alla legalità. La Zona protesta, sit-in dei cittadini infuriati

Abbattuto e poi dato alle fiamme. L’albero di Natale di Zona 4, in piazzale Ferrara, era stato allestito dal Municipio insieme all’Associazione dei poliziotti ed è stato dedicato alle «vittime del dovere», agenti o magistrati morti nell’espletamento del loro servizio, uccisi dal terrorismo o della mafia. L’altra notte è stato vandalizzato. Lo hanno buttato per terra, le foto delle vittime della criminalità organizzata sono state strappate. Poi hanno tentato di bruciarlo, senza riuscirci. L'albero è ancora lì, malconcio ma rimesso in piedi. Il gesto resta, gravissimo. Non solo un atto vandalico ma una vera e propria sfida alle istituzioni, con un precedente inquietante: l'anno scorso l'albero fu completamente bruciato, sempre in piazza Ferrara, area critica di un quartiere difficile, dove proliferano spaccio, traffici illeciti e microcriminalità.

Il 1° gennaio 2017 il presidente di Zona Paolo Bassi parlò «di un gesto pianificato e inquietante». Oggi, parlando di un «fatto grave», chiama in causa il sindaco Beppe Sala, «al quale - dice - ho più volte rivolto un appello affinché condanni e chieda lo sgombero delle occupazioni abusive dei cosiddetti centri sociali». Bassi scrive che l'albero «è stato vandalizzato da un gruppo di ragazzi che sembrerebbero appartenere a una delle okkupazioni politiche del quartiere». «Qualcuno li ha ripresi - spiega - foto e filmati sono stati acquisiti dal mio assessore Carmine Abagnale che li ha subito trasmessi alla Polizia. Lasciamo a loro fare le indagini e stabilire le responsabilità, come è giusto che sia».

«Comunque - conclude il presidente - possono pure colpire l'oggetto, ma non scalfiscono l'idea. Se a qualcuno dà fastidio che in una piazza difficile come questa vengano messi dei simboli di legalità, si metta il cuore in pace. Continueremo a farlo».

Anche il presidente del Consiglio municipale Oscar Strano guarda a Palazzo Marino: «Sono contento che il sindaco gioisca del bel risultato del capodanno in Duomo, ma altri segnali, quelli delle periferie, sono preoccupanti. Il 2018 si apre con l'auspicio di una maggior attenzione per questi segnali preoccupanti». I residenti intanto sono sempre più preoccupati e arrabbiati, tanto da aver deciso di scendere in piazza per protesta. Nel quartiere, gli episodi preoccupanti si moltiplicano a anche per questo i comitati di quartiere, come il «Mazzini» (composto in gran parte da normalissimi cittadini, per esempio le mamme dei bambini che frequentano le scuole della zona) il 4 gennaio alle 19 manifesteranno proprio in piazzale Ferrara. «Finora il Comune è stato totalmente assente» dice il vice capogruppo comunale di Fi Alessandro De Chirico, che parla di «sfida contro le istituzioni» e attacca: «L'assessore Rozza in passato ha addirittura minimizzato certi gravi fatti, ad esempio quando fu dato alle fiamme il bar dell'esercente cinese. Oggi serve una risposta ferma e decisa. Non solo pretendendo maggiori controlli da parte di Polizia e altre forze dell'ordine. È necessario che con Aler e con il supporto dei comitati di cittadini perbene si aprano presidi di socialità per costruire una forte rete di contrasto ad abusivi e delinquenti. Al primo punto degli obiettivi del 2018 prefetto e questore mettano gli sgomberi, rivedendo il protocollo d'intervento per ripristinare l'ordine nelle periferie milanesi».

Commenti

Gianni000

Mar, 02/01/2018 - 09:31

continuiamo a chiederci perche' i milanesi abbiano votato sala e perche' da anni preferiscono essere gestiti dalla sinistra

rossini

Mar, 02/01/2018 - 09:59

Oh cacchio! Non sono stati i fascisti? Sono stati quelli dei centri sociali? I comunisti che occupano abusivamente gli immobili? Quelli degli espropri proletari? Ma allora forse la cosa non è poi tanto grave!

Ritratto di nando49

nando49

Mar, 02/01/2018 - 10:00

La risposta delle istituzioni è stata quella di rimettere i nn libertà tutti i carcerati con meno di quattro anni da scontare? La delinquenza ha vita facile nel nostro paese. Troppe leggi garantiste. Troppi avvocati in Parlamento.

donald2017

Mar, 02/01/2018 - 10:16

ci penserà SALAH , non vipreoccupate bauscia, al posto dell'abete una bella palme con un cammello non vi meritate altro

Ritratto di mina2612

mina2612

Mar, 02/01/2018 - 10:39

La criminalità che proviene da certi ambienti estremisti e dalle bande degli extracomunitari rientra nella normalità per le nostre istituzioni locali sinistroidi, mentre per quelle centralizzate il problema non esiste proprio! Abbiamo sentito un Mattarella che, non avendo alcun argomento da trattare, nel suo favoloso discorso di fine anno ha rivangato la Grande Guerra.. forse perchè non ricordava bene come si fossero svolte le Guerre Puniche.

Ritratto di giovinap

giovinap

Mar, 02/01/2018 - 10:54

dove stanno tutti i patani,che hanno"assaltato"l'albero di natale vandalizzato dagli scugnizzi(delinquenti)di napoli?credo che verranno tutti a commentare...forse no!per che il loro maggior tratto caratteristico è la vigliaccheria!venite a commentare hernando45,cir,manfredog,leonida55,mbferno,do-ut-des.gneo58,tombolo,deborah,rosariofrancalanza(siciliano che si permette di criticare gli altri)franz-tre-vote-'o scemo,zipeppe da caserta,nowhere71(hai il numero giusto della cabala)sibieski,corivorivo,navigatore,simoneferraris,portuense e anticalcio

fabiano199916

Mar, 02/01/2018 - 11:23

è successo pure l'anno scorso? allora potevate organizzarvi almeno impiantando delle telecamere, o delle guardie armate...Costano troppo? Invece gli autovelox sono convenienti? È lo stesso principio in fondo... Uno che va troppo veloce in macchina lo si sanziona immediatamente perché mette a rischio la sua vita e quella di altri...Uno che incendia un albero in una piazza affollata invece non mette a rischio nessuno?

pensionato.stufo

Mar, 02/01/2018 - 11:26

Amico @giovinap ti ricordo potrebbe essere stato tuo cuggggino gennarino emigrato a Malano.

pensionato.stufo

Mar, 02/01/2018 - 11:28

Amico @giovinap ti ricordo che il Corvetto e' infarcito di tuoi conterranei emigrati a Malano per trovare da mangiare.

sparviero51

Mar, 02/01/2018 - 11:45

I RESIDENTI,SE HANNO LE "00", PRENDANO L'ALBERO E NE FACCIANO DELLE BELLA MAZZE CON LE QUALI "EDUCARE" QUEGLI IMBECILLI CHE LO HANNO ABBATTUTO. FIACCOLATE E MANIFESTAZIONI PACIFICHE NON SERVONO A DEBELLARE QUESTA PANTEGANE !!!

il corsaro nero

Mar, 02/01/2018 - 12:37

Ma guarda, sono quelli dei centri sociali!!! Allora è tutto chiaro, non è stato altro che una ragazzata, l'inventarsi qualcosa per ingannare il tempo!!!

Ritratto di Farusman

Farusman

Mar, 02/01/2018 - 13:06

Mi viene da ridere perché quella gente lì è iscritta o figlia /o nipote di iscritti all'ANPI, cresciuti con i valori della "Resistenza, della libertà e della democrazia".

Ritratto di Farusman

Farusman

Mar, 02/01/2018 - 13:12

"Gianni000" si renderà conto anche lei che le sue sono domande retoriche oltre che senza senso. Come se io le domandassi perché i Romani hanno votato la Raggi o i napoletani De Magistris e i palermitani Orlando. Dura lex sed lex.

Ritratto di giovinap

giovinap

Mar, 02/01/2018 - 13:44

"compagno" pensionato stufo, per che tu non sei malaneso, o credi di darla a bere a qualcuno ? la storia dell'italia e della immigrazione ve l'ho fatta , troppe volte, ma voi fate finta di non capirla(avete visto come sono buono; avrei potuto scrivere che voi non siete in grado di capirla)

Ritratto di giovinap

giovinap

Mar, 02/01/2018 - 14:25

non si è "presentato" nessuno; non avevo nessun dubbio, conosco i polli!

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mar, 02/01/2018 - 14:45

mina2612: stavolta le bande di extracomunitari non c'entrano, anzi mi correggo... c'entrano eccome dato che il primo attacco all'albero è stato sventato da alcuni migranti nordafricani che si trovavano nella zona, e che hanno fermato e inseguito gli "eroici" vandali decerebrati. A dimostrazione del fatto che idiozia e, all'opposto, senso civico non hanno colore.

Giorgio5819

Mar, 02/01/2018 - 14:49

Questa è la tipica azione da comunisti...