Amatrice, ecco il nuovo municipio grazie alle donazioni dei milanesi

Raccolti oltre 162mila euro, più della metà dalla comunità cinese. Rozza: "La nostra si conferma una città altruista"

Inaugurata ieri «alla presenza del sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi e dell'assessore alla Sicurezza del Comune di Milano, Carmela Rozza, la nuova sede del municipio di Amatrice realizzata grazie ai fondi donati dai cittadini milanesi e dal Comune di Milano»: lo comunica in una nota lo stesso Comune in provincia di Rieti duramente colpito dal terremoto.

Il nuovo edificio comunale, di poco superiore ai 170 metri quadrati, è costato circa 162mila euro ed è stato realizzato dopo una gara indetta dal Comune di Milano. Le donazioni sono state raccolte da Palazzo Marino attraverso un conto corrente aperto a favore delle popolazioni colpite dal sisma del 24 agosto 2016 e complessivamente sono state di 123.690 euro. Di questi, 89.140 euro sono arrivati dalla comunità cinese e 34.550 dai dipendenti, dagli amministratori e dalle società partecipate del Comune di Milano. Palazzo Marino ha finanziato la differenza di 38.609 euro. I tecnici del Comune di Milano hanno realizzato lo studio per il progetto di una struttura sicura, durevole e flessibile, che nel futuro, dopo la ricostruzione dell'edificio del municipio, potesse essere adibita anche ad altri servizi. Il nuovo edificio, completo di arredi e realizzato sopra una platea di fondazione armata antisismica, è costituito da cinque uffici, da una sala d'attesa e da un locale che ospita il server. Sono stati realizzati inoltre l'impianto termico e di condizionamento ad alimentazione elettrica e l'impianto elettrico, telefonico, dati e tv. «Inauguriamo una struttura solida e versatile - ha detto l'assessore Rozza - che il Comune di Amatrice potrà utilizzare nel futuro anche per altri scopi. Milano si conferma essere una città altruista. Ringrazio i cittadini di Milano che hanno permesso oggi di dare una nuova casa al municipio di Amatrice, in particolare la comunità cinese che ha fatto uno sforzo eccezionale e si è dimostrata particolarmente generosa».