Anche il sesso "non definito" inserito nel sito dalla Regione

Sesso «non definito» come opzione nella piattaforma che la Regione ha dedicato all'innovazione. Il vice capogruppo della Lega Andrea Monti (foto), ha annunciato un'interrogazione su questo caso curioso legato a «Open Innovation» «una piattaforma digitale - spiega Monti - costruita sul modello dei social network, creata da per mettere in contatto le professionalità e favorire la nascita di progetti innovativi, un'idea molto valida - sottolinea - che riesce a cogliere bene lo spirito dei tempi, forse anche un po' troppo». «Non si riesce proprio a comprendere infatti - osserva - come mai, al momento dell'iscrizione del profilo personale, fra i generi selezionabili, oltre a quelli noti, ovvero maschio e femmina, compaia anche la dicitura non definito». «A parte che non si capisce cosa interessi a Open Innovation di sapere se una persona ritenga il proprio sesso non definito oppure definito - prosegue - senza voler offendere la sensibilità di nessuno che naturalmente è libero di fare e pensare ciò che vuole, con buona pace di chi crede che tutto possa diventare relativo, resta il dato inoppugnabile. Il sesso biologico di una persona, salvo operazioni chirurgiche, è assolutamente identificabile da elementi decisamente fisici, direi addirittura oggettivi. A riprova di questo, sui documenti d'identità ufficiali, come ad esempio la tessera sanitaria, non ci sono zone grigie. Ho voluto quindi presentare un'interrogazione per comprendere le ragioni di questa scelta ed eventualmente rivedere questa decisione».

Commenti
Ritratto di Flex

Flex

Sab, 15/06/2019 - 10:51

Che bella pensata, cosi saranno emarginati sia come uomini che come donne.

batteintesta

Sab, 15/06/2019 - 21:25

Dopo X ed Y è caccia al cromosoma "zeta"