Aperto un bando da 320mila euro per assistere i rom in via Barzaghi

C'è tempo fino al 30 settembre per consegnare le offerte, il Comune aprirà le buste il primo ottobre. In palio 320mila euro (per l'esattezza 319.388,16 Iva esclusa) per fornire il servizio di emergenza sociale presso la sede della Protezione civile in via Barzaghi 2. Il primo «villaggio solidale», ribattezzato villaggio rom (anche se potrebbero essere accolte anche altre persone sfrattate o in situazione di disagio), a cui si è aggiunto da un mese e mezzo il centro di accoglienza di via Lombroso, in zona Ortomercato, sarà dato in gestione ad enti che abbiano già esperienza con l'assistenza e reinserimento dei nomadi. Il compito sarà di controllare le presenze nel campo e favorire il reinserimento sociale e lavorativo delle famiglie. Chi soggiorna nella struttura del Comune deve firmare un «contratto», come l'impegno a mandare i figli a scuola e ad attivarsi nella ricerca di un impiego per raggiungere l'autosufficienza economica. Tra le condizioni richieste per partecipare al bando, il possesso di un volume d'affari almeno pari alla cifra messa a bando nel triennio 2009/2011 e aver svolto contratti per enti pubblici per un valore di almeno 160mila euro in servizi di prima accoglienza a bassa soglia o servizi a favore di persone in stato estrema emarginazione».

Commenti

Giorgio5819

Gio, 12/09/2013 - 11:15

Ma quando la finiamo sta farsa? Ogni euro speso per i rom e' una truffa ai danni dei cittadini milanesi. Rubano,scippano,spaccano,sporcano, e dobbiamo continuare a spendere per questa gente? Sono nomadi, facciano i nomadi, 7 giorni la permanenza massima consentita in ogni provincia, se non gli va bene fuori dall'Italia che sarebbe ancora meglio.