Aria «scadente» a Milano, da domenica si rischiano i divieti

Aria «scadente» a Milano (così la definita l'Arpa) per il sesto giorno consecutivo. I livelli del Pm10 registrati ieri dalle centraline saranno certificati solo oggi, ma non ci sono state le condizioni meteo per bloccare il conteggio dei giorni consecutivi con le polveri off limits partito sabato 3. Mercoledì, giorno di Sant'Ambrogio, si sono registrati addirittura valori di 94 microgrammi al metro cubo, quasi il doppio dei 50 massimi consentiti per legge. Se anche oggi le polveri «voleranno» (e si saprà sabato, le misurazioni arrivano sempre il giorno successivo) sarà quindi raggiunto il settimo giorno fissato nel protocollo tra Comune e Regione come la deadline per far scattare da domenica i divieti al traffico: stop dalle 9 alle 17 per le auto diesel private Euro 3 e di quelle commerciali dalle 7.30 alle 9.30, oltre alla richiesta di abbassare a 19 gradi la temperatura media di case e uffici. Se scatteranno le restrizioni, verrà esteso anche al sabato e alla domenica il blocco dei veicoli inquinanti già off limits durante la settimana (dalle 7.30 alle 19.30) dal 15 ottobre al 15 aprile per i divieti antismog imposti dalla Regione. Il Comune tiene a precisare che da «inizio dell'anno in città i giorni di superamento dei limiti europei di PM10 sono stati 53, a fronte di una media di 100 giorni registrati tra il 2000 e il 2010. Quest'anno sarà, per qualità dell'aria, l'anno migliore di sempre da quando si registrano puntualmente i dati tramite le centraline di Arpa Lombardia».

Ma l'Arpa si diceva ha definito «scadente» l'aria su Milano, ma è in buona (o piuttosto cattiva) compagnia visto che il monitoraggio ha registrato mercoledì valori oltre la soglia in tutti i capoluoghi lombardi, con l'eccezione d Mantova (che infatti ha revocato il blocco), Lecco e Sondrio. Sono già stati raggiunti 8 giorni consecutivi di superamento della prima soglia in provincia di Brescia (dove quindi scatteranno i blocchi da sabato), 7 in quella di Cremona (da sabato), 5 (molto probabilmente sei, sommando quello di ieri) a Bergamo, Lodi, Milano, Monza e Brianza, Pavia e Varese, uno in provincia di Como.

Nonostante le concentrazioni di particolato rilevate nel 2016 siano tra le più basse mai registrate negli anni in termini di giorni totali di superamento, Arpa sottolinea in una nota che le condizioni meteorologiche di questi giorni stanno favorendo l'accumulo degli inquinanti per più giorni consecutivi sulle aree pianeggianti della Lombardia.

ChiCa